Valdobiadene, Biadene e ? (Piadena, Padena, Biedenkopf... )

Valdobiadene, Biadene e ? (Piadena, Padena, Biedenkopf... )

Messaggioda Berto » ven dic 26, 2014 9:49 am

Valdobiadene, Biadene e ? (Piadena, Padena, Biedenkopf... )
viewtopic.php?f=45&t=1291


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... iadene.jpg

Valdobiadene (Val do biadene)
http://it.wikipedia.org/wiki/Valdobbiadene
Valdobbiàdene (Valdobiàdene in veneto) è un comune italiano di 11.223 abitanti della provincia di Treviso, in Veneto.
Origine del toponimo e primo periodo
Paolo Diacono, nella sua Historia Langobardorum accenna al paese natale di San Venanzio Fortunato chiamandolo Duplavilis. Da questo (che indicava, probabilmente, due ramificazioni del Piave-Plavis) dovrebbe essere derivato l'attuale toponimo che, in passato detto Val di Dobiadene, indicava un po' tutta la regione limitrofa ???. I primi reperti risalgono all'età preistorica e all'epoca romana. Nonostante la loro scarsità, appare abbastanza sicuro che questa zona fosse civilizzata, cosa favorita dalla presenza di importanti città quali Asolo, Feltre e Belluno. Altre testimonianze al riguardo possono essere ricavate persino dagli stessi toponimi.
Bisognerà aspettare però il 7 maggio 1116 per avere un documento scritto che citi Valdobbiadene. In questo l'imperatore Enrico V stabiliva i confini delle varie comunità della regione.

Biadene
http://it.wikipedia.org/wiki/Montebelluna
Montebelluna (Montebełuna in veneto) è un comune italiano di 30 845 abitanti della provincia di Treviso, in Veneto. Si tratta di un comune sparso in quanto sede comunale è la frazione La Pieve.
L'esistenza documentaria della pieve di Montebelluna coincide con l'esistenza, abbondantemente documentata a partire dal 1100, del castello medioevale, attraverso la concessione imperiale di Ottone III a Rambaldo II, conte di Treviso e poi divenuto feudo vescovile allorché, nel 1047 e nel 1065, Enrico III e Enrico IV lo confermeranno rispettivamente ai vescovi Rotario e Volframmo.

Del castello, un presidio, affidato, come prescrivevano gli Statuti cittadini, a due capitani in carica per sei mesi e adeguatamente stipendiati, e a sei custodi equipaggiati e armati più o meno sino ai denti, sul finire del Cinquecento, rimaneva solo la celebre descrizione del Bonifacio che val la pena di riportare:

La Rocca s'innalzava nel mezzo del Castello di Montebelluna grande e popolato assai; indi, poco discosto, erano due Gironi, l'un detto della Cisterna, e l'altro del Capitano; perché quello ad una bella cisterna era vicino, e in quest'altro il capitano del luogo dimorava: di dentro s'aggirava una spaziosa strada vicina alla muraglia, che con alcune torri era stata assai alta fabbricata: di fuori era un'ampia fossa che abbracciava il Castello, attorno al quale era una lunga strada; poi circondavano per buon spazio le Cerchie, che da un'altra fossa erano attorniate: e avea questo Castello tre porte: l'una dalla Chiesa a questo Santo consacrata, di S.Cristoforo si chiamava; l'altra era detta di sotto dal Girone; e la terza Bagnalasino. (G. Bonifacio, Istoria di Trevigi, p. 187)

http://www.biadene.it
http://www.comitatobiadenepederiva.com

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... dene-1.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30880
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Valdobiadene, Biadene e ?(Piadena, Padena, Biedenkopf...)

Messaggioda Berto » ven dic 26, 2014 10:25 am

Valdobiadene (Val do biadene)
http://it.wikipedia.org/wiki/Valdobbiadene
Origine del toponimo e primo periodo
Paolo Diacono, nella sua Historia Langobardorum accenna al paese natale di San Venanzio Fortunato chiamandolo Duplavilis. Da questo (che indicava, probabilmente, due ramificazioni del Piave-Plavis) dovrebbe essere derivato l'attuale toponimo che, in passato detto Val di Dobiadene, indicava un po' tutta la regione limitrofa ???.


Fortunato Venanzio
http://it.wikipedia.org/wiki/Venanzio_Fortunato
Venanzio Onorio Clemenziano Fortunato (Duplavilis, odierna Valdobbiadene, 530 – 607 ???) è stato uno scrittore latino, tra gli ultimi rappresentanti della poesia latina.

http://daten.digitale-sammlungen.de/~db ... ml?seite=3
http://www.venanziofortunato.org/01_area/area1.html
http://mondodomani.org/ftvold/a-cristiani01.htm
http://www.santiebeati.it/search/jump.cgi?ID=81350

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... tunato.jpg

Duplavis nol ghe çentra purpio gnente co Valdobiadene, ƚi xe do paexi difarenti.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30880
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Valdobiadene, Biadene e ?(Piadena, Padena, Biedenkopf...

Messaggioda Berto » ven dic 26, 2014 10:33 am

???

Cfr. co:

Piadena, Padena, Biedenkopf

Piadena
Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... iadena.jpg

Padena
http://it.wikipedia.org/wiki/Padena
Padena (Padna in sloveno) è un paese situato nell’entroterra di Pirano, nel cui comune si trova, nella parte dell'Istria slovena.

Biedenkopf
http://it.wikipedia.org/wiki/Biedenkopf
Biedenkopf è un comune tedesco di 13.599 abitanti, situato nel land dell'Assia.
http://de.wikipedia.org/wiki/Biedenkopf
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/c ... kopf_1.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30880
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Valdobiadene, Biadene e ?(Piadena, Padena, Biedenkopf...

Messaggioda Berto » ven dic 26, 2014 10:34 am

Forse l’etimoƚoja lè n’altra e ƚa ga ke far co ƚa pastorisia e ƚi pascoƚi:

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... iexe-2.jpg


Çinbro: boade (pascolo); boaden (pascolare) [tedesco Waiden]


Biada
http://www.treccani.it/vocabolario/biada
biada s. f. [lat. mediev. blada, plur. collettivo di bladum «prodotto dei campi», voce di origine franca]. –
1. Nome generico dei cereali usati come foraggio per le bestie: particolarmente, in Toscana e nelle regioni subalpine, l’avena coltivata (mentre col nome di b. selvatica viene indicato il forasacco): dare la b. ai cavalli. Fig., region., dare la b. a qualcuno, sconfiggerlo clamorosamente, o essere in grado di farlo, essergli di molto superiore.
2. Nell’uso ant. e letter. (soprattutto al plur.), messi, frumenti, cereali: Madre di biade e viti (Carducci), l’Italia.

http://www.etimo.it/?term=biada
Immagine

http://it.wikipedia.org/wiki/Biada
La biada è ogni sorta di composto di cereali (avena, segale, orzo, farro) e legumi (fava, veccia) che si dà come nutrimento per il bestiame (asini, cavalli, mucche). In alcune zone "la biada" è sinonimo del seme dell'avena (avena sativa) in purezza.


Immagine

Weide (1) <-, -n> f
agr pascolo m, pastura f: die grünen Weiden der Alpen, i verdi pascoli delle Alpi; (Wiese) prato m, campo m; eine fette/magere Weide, un pascolo grasso/magro; die Kühe auf die Weide treiben, condurre/portare le mucche ‹al pascolo›/[alla pastura]/[a pascere]; die Pferde grasten friedlich auf der Weide, i cavalli brucavano tranquillamente sul prato.

Weideland n terreno m da pascolo, pascoli m pl.


weiden A itr
agr {KÜHE, PFERDE, SCHAFE} pascolare, pascere
B tr
agr etw weiden {KÜHE, PFERDE, SCHAFE} pascolare qc, pasturare qc
C rfl geh
1 (sich ergötzen) sich an etw (dat) weiden {AN DER NATUR} godere di qc; {AN EINEM ANBLICK} auch pascersi di qc geh, deliziarsi di qc; {AUGEN} pascersi di qc, deliziarsi di qc
2 pej (genießen) sich an etw (dat) weiden {AN JDS ANGST, QUALEN} godere di qc.

Weideplatz m agr (terreno m da) pascolo m.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30880
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Valdobiadene, Biadene e ? (Piadena, Padena, Biedenkopf..

Messaggioda Berto » sab gen 03, 2015 4:44 pm

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30880
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Valdobiadene, Biadene e ?(Piadena, Padena, Biedenkopf...)

Messaggioda Berto » dom ott 28, 2018 9:10 pm

Cfr. co


Baden Baden
https://it.wikipedia.org/wiki/Baden-Baden

https://it.wikipedia.org/wiki/Margraviato_di_Baden

https://it.wikipedia.org/wiki/Margravia ... en-Durlach

https://it.wikipedia.org/wiki/Margraviato_di_Baden


https://de.wikipedia.org/wiki/Baden-Baden

Die römische Siedlung wurde, wie viele Städte mit Heilquellen, Aquae genannt, das lateinische Wort für Quelle oder Bad. Während für den Ort selbst kein Beiname bekannt ist, trug der ihn umgebende Verwaltungsbezirk im 3. Jahrhundert den Ehrentitel Civitas Aurelia Aquensis. Dies wurde von vielen Autoren mit Kaiser Caracalla (‚Marcus Aurelius Severus Antoninus‘) in Verbindung gebracht, der die Bäder ausbauen ließ.[3] Laut einer neueren Theorie war Kaiser Elagabal (‚Marcus Aurelius Antoninus‘) der Namensgeber.[4]

https://de.wikipedia.org/wiki/Badekultur





Wiesbaden
https://it.wikipedia.org/wiki/Wiesbaden

Wiesbaden è una Città extracircondariale della Germania centro-occidentale, capitale del Land Assia dal 1945 e precedentemente del Granducato di Nassau dal 1806 al 1866.
Nota come "La Città Del Matrimonio", è una delle più antiche città termali d'Europa, con 26 sorgenti termali calde ed una fredda, e rappresenta, dopo Francoforte sul Meno, secondo centro del Land per popolazione.

Wiesbaden, la più grande città del Rheingau, sorge sulla sponda destra del fiume Reno, di fronte a Magonza, che si trova sulla riva opposta. La città è collocata in corrispondenza dell'avvallamento tra il fiume Meno e la catena montuosa del Taunus, in una zona delimitata a nord dal Neroberg (montagna di Nerone), a est dalla Bierstadter Warte, a ovest dal bosco di Biebrich e a sud-est dal monte Hainer.


Baden
https://it.wikipedia.org/wiki/Baden_(Svizzera)
Baden (toponimo tedesco) è un comune svizzero di 19 168 abitanti del Canton Argovia, nel distretto di Baden del quale è capoluogo; ha lo status di città.
Sorge sulla riva sinistra del fiume Limmat, a circa 25 km dalla città di Zurigo; è conosciuta come centro termale sin dell'epoca romana e come città sede dell'industria elettromeccanica Brown, Boveri & Cie (BBC) divenuta poi ABB.



Bad/bat = bagno, battigia (Battaglia Terme)

Bad-, bat-, bal-, bagno, baia, badia, battigia
viewtopic.php?f=45&t=1266
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30880
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Valdobiadene, Biadene e ?(Piadena, Padena, Biedenkopf...)

Messaggioda Berto » dom ott 28, 2018 9:23 pm

Cfr. co:


Lago Van

https://it.wikipedia.org/wiki/Lago_di_Van
Il lago di Van (in Turco Van Gölü, curdo: Behra Wanê[2][3][4], armeno: Վանա լիճ) è il più grande lago della Turchia (seguito dal Lago Salato) e si trova nella parte più orientale del paese. Sulla sponda orientale del lago si trova la città di Van.

https://it.wikipedia.org/wiki/Urartu
Il nome Urartu venne dato al regno dai suoi più acerrimi nemici stanziati a sud, gli Assiri; proviene dalla fonti assire (dialetto dell'accadico), e sta per "paese di montagna". Il nome autoctono era Biainili, ovvero il nome originario del lago di Van.



dizionario "bagno" # tradurre "bagno"
http://xref.w3dictionary.org/index.php?fl=it&id=3637

lituan vonia
estone vann
letone vanna
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30880
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm


Torna a Toponomastega o kinomastega

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti