Veneti endependentisti ? ke łi prefarise ła łengoa tałiana

Re: Veneti endependentisti ke łi prefarise ła łengoa tałiana

Messaggioda Berto » ven mag 01, 2015 6:23 am

Anca Franco Roketa lè ono de coełi ke łi dopara el tałian par parlar de ła łengoa veneta e po' co sta anda, da ła so paxena de facebook ke déso nol me łàsa pì vedar dopo ke ghe go scrito ste parołe:

Roketa lè coel kel ghe tien sora ła bandera veneta al fanfaron de Buxato, come se ła fuse na stràsa parasol:
Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... /wsm71.jpg


Roketa el ga scrito:

Tutti i popoli tentano di mantenere ricca,
e coerente
e in forze
e risplendente
la propria lingua.

Tra alcuni gruppi di Veneti,
invece
da qualche tempo si sta assistendo ad una gara masochistica
all'impoverimento
all'appiattimento
all'automutilazione della lingua veneta
al suo immiserimento,
al soffocamento,
al disconoscimento ed alla dispersione dei suoi ricchi tesori.



Mi ke no ło ga mai sentesto far on longo descorso, na longa rengaura en o co ła łengoa veneta o łeto dei so scriti en łengoa pì longhi de na fraxe de poke poarołe a ghe go scrito:

Mi pare giusto, il dialetto veneto è un parlare da ignorantoni, socialmente inferiore.
Anche il sommo Dante diceva che era sgradevole ascoltarlo, difatti anche tu Rocchetta che sei un nobile intellettuale di buona levatura giustamente lo disprezzi e avvii il dibatto su questo vernacolo o idioma da schiavi, adoperando la bella e nobile lingua italiana.
Il dialetto veneto è proprio un dioma da servi, un eloquio da stalla e da bovari, un verbo da ubriaconi, un sermo da gente senza cultura, senza diploma, senza laurea, con poche conoscenze di tutto.
È uno dei peggiori dialetti italiani e un veneto di città, un veneto studiato non può che provare disprezzo e vergogna verso questo parlare miserabile da contadini e da montanari.
Credo che sia giusto che i veneti di cultura rigettino questo blaterare veneto adatto più alle scimmie che agli esseri umani.
E c'è anche qualche scriteriato che vorrebbe addirittura adoperare questa parlata da bestemmiatori nelle sante chiese per la Santa Messa, al posto del nobilissimo e divino latino, ma è inconcebibile, tremendo, un delitto, un sacrilegio che andrebbe punito con il taglio della lingua.
Questi veneti senza educazione andrebbero tutti internati, frullati e rieducati come si deve alla lingua italiana che è la più bella del mondo.
Difatti mi è parso di sentire che persino Cristo vorrebbe rinascere in Italia per parlare la nobilissima lingua italiana che è una perfetta mescola di latino e di greco, al posto dell'aramaico che al pari del veneto è un dialettaccio orrendo.


???
http://it.wikipedia.org/wiki/Franco_Rocchetta
Alla metà degli anni settanta Franco Rocchetta è il più noto sostenitore[senza fonte] della necessità di riforma in senso federale dello Stato Italiano, e, in parallelo, dell'inevitabilità del riorganizzarsi di un equilibrato e pacifico Stato Veneto in Europa. In quel periodo conduce la trasmissione "Spathio Veneto" attraverso più radio libere, da Radio Jesolo a Radio teleArena, da Radio Attiva a Radio Venezia International, da Radio Cortina a Radio Padova e Radio TeleAltoVeneto. Nel 1978 fonda con altri giovani la Società Filologica Veneta, della quale viene eletto Presidente, ed è eletto a Barcellona componente del Consiglio Federale Mondiale dell'Associazione Internazionale per la Difesa delle Lingue e delle Culture Minacciate, AIDLCM. Lo stesso anno organizza il Primo Corso di Storia ed Istituzioni, Civiltà, Economia e Lingua Veneta. Un corso di respiro universitario ed internazionale[senza fonte], tenuto dapprima a Padova, presso il Centro Bertrand Russell, gestito dai fratelli Gardin, poi in varie altre città. Su invito di Bruno Salvadori guida la delegazione della Łiga Veneta al primo Congresso Nazionale dell’Union Valdôtaine.



Mi ło so kel me odia, łi xe en tanti ke łi me odia, ma cogna ke i ghe ła moła co sta finsion da buxe de calçina, de epocreti, de bronse cuerte de farse paładini e canpioni de ła łengoa veneta doprando coeła tałiana e de spresàr ki ke çerca a ła so manera de farla vivar doparandoła come ca łè bon.
No łi soporto pì sti fanfaroni, sti falbati.


Ke ga dirito de parlar so ła lengoa veneta xe lomè ki ke ła dopara dal bon e no coełi ke łi ła sprèsa e ke ghe prefarise el tałian, sti kì łi ga lomè da tàxar o taxèr.

Intervista a Franco Rocchetta – Corriere del Ticino, 7 Aprile 2012
http://vocidelnord.ch/?p=1318
Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... Bossi2.jpg
Sti kì en ventiçincoe ani no łi ga fato gnente par naltri!

Li fanfaroni: Bosi (Bossi Umberto), Fojato (Mariangelo Foggiato), Comencini, Roketa (Rocchetta Franco)... tuti contro łi Serenisimi
https://www.youtube.com/watch?v=QSyGmmNMf2s
viewtopic.php?f=153&t=803

E a Roketa a ghe digo: odiame pur ma ghe vol coerensa; scuminsia a doparar ła łengoa veneta par parlar e tratar de łengoa veneta e làsa star el tałian ke te ło ghè senpre en boca come na cica meregana e no sta doparar el veneto lomè co te scapari.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37710
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Veneti endependentisti ? ke łi prefarise ła łengoa tałiana

Messaggioda Berto » ven mag 01, 2015 6:30 pm

Anca sti veneti kive łi prefarise la łengoa tałiana a coeła veneta:
http://www.serenissimogoverno.eu

Immagine

e łi parla de ła łengoa veneta doprarando coeła tałiana:
http://www.serenissimogoverno.eu/index. ... Itemid=110
https://www.facebook.com/groups/38826423725
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37710
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Veneti endependentisti ? ke łi prefarise ła łengoa tałiana

Messaggioda Berto » lun mag 04, 2015 9:20 pm

L'arestograsia venesiana par ke ła sipia resorxesta dal paltan dai rii de Venesia parlando en tałian e spresando ła łengoa veneta ke łori, nobiłi, łi ła ciama ancora diałeto:

El Presidente venesian del "Parlamento Veneto", dal cognome françoxo (Albert Gardin) el ga dito:

Alessandro non confondiamo la Repubblica Veneta con la Liga Veneta.
Trovami un documento, un editto della RV scritto in forma "dialettale".
Per "Repubblica", i documenti ufficiali riportano sempre la forma "italiana", quella peraltro suggerita dai veneziani agli altri Stati italiani (Pietro Bembo). Uguale per "Venezia"!
Noi non vogliamo inventarci nulla, ma dare continuità con la storia veneziana, quella che tutti apprezziamo senza se e senza ma.
Stesso vale per l'uso del latino, lingua universale.


Alberto Pento

La Repiovega Veneta Venesiana lè morta e no ła podarà pi regnasar. La storia ła ga demostrà de no apresar pì ła Repiovega Veneta Venesiana e łi stesi venesiani łi ghe ga verto łe porte a Napoleon e łi ghe ga consegnà la Repiovega ente łe so man. El latin no lè ła łengoa ogniversal, lè ona de łe tante łengoe de łi omani. E no lè gnanca ła łengoa de Cristo e de Dio. L'era ła łengoa dei romani e ła łengoa franca del so enpero ke ła storia ła ga scançelà; romani ke łi xe stà łi sasini de l'ebreo Cristo e ke no se non scanbie San Marco par Jexù Cristo. Mi sogno na Repiovega Veneta dei Veneti e no dei Venesiani, na Nova Repiovega demogratega come ła Xvisara e no arestogratega cofà coeła venesiana. Mi sti skei coà vostri no łi tegnarò mai en scarçeła par mi łi bruxa e łi scota come on gran pecà contro ła purpia jente!
Co ghe jera ła Repiovega Veneta a domegnansa venesiana, no ghe jera el stado tałian e ła łengoa tałiana ła jera devegnesta ła łengoa franca de ł'ara tałega al posto del latin, par coeło no ghe fava difeto dopararla, ma ancó ghe el stato tałian kel ga cofà so łengoa coeła tałiana, prasiò portarse co sta łengoa tałiana vol dir sostegner l'opresion tałiana e negar coeła veneta vol dir farçe conpleghi de l'etno-soço rasixmo tałian contro łe jenti venete.
Mi no so co valtri e ła vostra repiovega no łè mia.

El Veneto no łè Venesia!
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37710
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Veneti endependentisti ? ke łi prefarise ła łengoa tałiana

Messaggioda Berto » mar mag 05, 2015 6:36 am

Eco kì coel kel scrive el "novo doxe arestogratego venesian Albertus Gardin" xa (ex) radical e xa (ex) presidente dei radicałi de Paneła, xa (ex) ateo e xa (ex) magnapreti, kel se gapie convertio ?:

Interessante e importante il discorso dell'amico Alberto Pento che esprime il pensiero "venetista" corrente. Il "venetismo" è però incoerente perché, pur ripudiano come i giacobini la Repubblica Veneta, se ne serve per i propri condimenti politici. Ad esempio, tutte le liste venetisti alle prossime elezioni regionali riportano il leone marciano come emblema identitaria. Il venetismo non ha una politica coerente con la storia veneziana, d'altronde il fenomeno è ancora più grave a Venezia dove il ripudio della Serenissima è, per altre ragioni, ancora più forte.

Noi percorriamo una strada coerente con la storia. Il leone di San Marco resta il simbolo dell'antica Repubblica, mai cessata. La nostra forza sta nel dare continuità giuridica alla RV. Non inventiamo niente, non chiediamo riconoscimenti ma pretendiamo il rispetto dei nostri diritti calpestati. Il "Veneto" è una creazione italiana sulle ceneri venete. Non facciamo riferimento al "Veneto" ma alla "Venezia", la Nazione di tutti i cittadini dello Stato Veneto.

I "dialetti" veneti non sono mai stati una "lingua", perché lo diventino, si dovrebbe "codificare", "normare" una nuova lingua veneta. Il veneziano, invece, ha tutte le caratteristiche di una lingua, basata su una letteratura che ne traccia la via. Ma i veneziani, per ragioni di politica internazionale, hanno optato - piaccia o meno - per il "toscano" come lingua ufficiale. Questo non ha impedito al popolo veneziano di coltivare nelle sue relazioni sociali, famigliari e locali, una importante letteratura locale o dialettale. A Corfù la gente parlava sicuramente greco, a Bergamo e Brescia il lombardo, in Friuli il furlan. Bergamasco, Bresciani, Friulani, Istriani, Dalmati, Albanesi e Greci non erano anch'essi veneti della Serenissima, cittadini a pieno diritto della Repubblica Veneta?



Eco coel k'a la scrive ła poreta e rogante venesiana Viviana Dale Roxe Catani (ke ła sipia anca nobełe? come boca, anemo e pensier no me par):

Alberto Pento mòeghea, e va inpetolàrte i sarvéi in Stampàlia o in Marciàna, come ke fa Albert Gardin o Micél Broca. E INPARA EL VENESIÀN DA CASANOVA!

Veneti ghio capio co ki k'a ghemo a ke far, co ke gnoransa, co ke rogansa, co ke xente sensa creansa par naltri veneti ke no semo venesiani e par ła nostra variansa de łengoa veneta ke no lè coeła venesiana ke a mi gnanca ła me piaxe parké ła me par coaxi on tałian.

Entel 2013 Albert Gardin el scriveva:

BENE A SAPERSI
Un destino legato alla causa veneta.
Avevo 15 anni quando, passeggiando solitario, mi sono chiesto in quale modo era sparita la Repubblica Veneta, una domanda alla quale non troverò mai una risposte plausibile.
Nel 1977 a Padova dò inizio, con la collaborazione di Franco Rocchetta, al primo corso di lingua veneta, attorno al quale si costituisce, con la mia collaborazione, la Liga Veneta.
Come editore pubblico numerose opere di storia veneta e di letteratura in lingua veneta.
Nel gennaio 1997 presento a New York, in prima mondiale, l'"Iliade di Omero in veneziano", scritta in ottava rima da Giacomo Casanova, opera rimasta inedita.
In maggio 1997 divento il portavoce "ufficiale" dei Serenissimi, arrestati per la presa del Campanile dell'8/9 maggio.
Con Bepin Segato, Viviana delle Rose e Luciano Franceschi fondo nel 1997 l'Anagrafe Veneta e il Congresso Veneto.
Nel 2010, su proposta di Luciano Franceschi, succedo a Daniele Quaglia alla presidenza del Governo Veneto.
Nel 2013 propongo di inaugurare pubblicamente e ufficialmente la sede delle istituzioni venete che costituiscono l'embrione della ricostituenda Repubblica Veneta, il punto di ripartenza istituzionale della Repubblica Veneta.
Il 18 gennaio resterà dunque una data fondamentale nella storia nazionale veneta: la Repubblica Veneta torna ad essere e ad operare!
La ricostituzione della Repubblica Veneta è il mio destino!
Venezia 30 dicembre 2013
Albert Gardin


Kisà se col parla de Lengoa Veneta el se referisa lomè a ła variansa venesiana o a tute łe varianse venete, parké se par lù ła Lengoa Veneta łè lomè ła variansa venesiana e tute staltre, par lù no łe saria łengoe ma diałeti, a stemo freski a sarisimo pasà da ła farsora tałiana a ła bronsa cuerta venesiana.

Sti kìve łi xe pexo de łi tałiani.


Cogna ke i venesiani łi capisa ke ła pì parte dei veneti no łi xe cofà luri e ke łi ga ła so storia, naltra storia, par tante robe difarente de coeła venesiana;
cogna ke ła pì parte dei veneti ke no łi xe venesiani łi ciàpe cosiensa ke łi xe veneti de tera e no venesiani de mar e ke ła so storia no lè dal tuto conpagna de coeła dei venesiani, ke par tante robe lè difarente e ke ła ga ła mema degnetà de coeła venesiana.
Cogna ke i venesiani łi ghe ła mołe de sentirse sora come l'oio e ła merda, e de voler comandar come na olta, łi ga da metarseła via, xe pasà Napołeon e łori łi se ga calà łe braghe e naltri no semo pì desposti de farghe da suditi. W na Repiovega Demogratega come coeła Xvisara e ₩ na Repiovega Arestogratega come coeła venesiana
.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37710
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Veneti endependentisti ? ke łi prefarise ła łengoa tałiana

Messaggioda Sixara » mar mag 05, 2015 9:02 am

Berto ha scritto:Alberto Pento mòeghea, e va inpetolàrte i sarvéi in Stampàlia o in Marciàna, come ke fa Albert Gardin o Micél Broca. E INPARA EL VENESIÀN DA CASANOVA!

Bè propio el Caxanova el ga gnente da insegnare sol vene'zian... ke l ga senpre doparà l italiàn pa scrivare le so robete, ma l Histoire de ma Vie, el la ga scrìta n francexe, a punto, ke l sperava de verghe pì letori ca ghe cronpava le so memorie da petegolo, ke cusì el la finìva na bòna olta de farse mantegnere da tute le femene ca ghe capitava a tiro, kel pelandron edonista, buxiaro e spion... :lol:
Se propio i podea mandarte a la Marciana a lèzare le Croniche de l epoca medievale (scrite n latìn) o i Diari de M.Sanudo ( scriti te na lengoa ke lè on misto infra italiàn e vene'zian) o ... ca sàpia mi, el Goldoni ... ma propio el Caxanòva nò :D
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1764
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Veneti endependentisti ? ke łi prefarise ła łengoa tałiana

Messaggioda Berto » mar mag 05, 2015 5:50 pm

Caro Albertus Gardin a te te xbaj co te scrivi:

1) I "dialetti" veneti non sono mai stati una "lingua", perché lo diventino, si dovrebbe "codificare", "normare" una nuova lingua veneta. Il veneziano, invece, ha tutte le caratteristiche di una lingua, basata su una letteratura che ne traccia la via.

Tuti i parlari de l'omo łi xe łengoe ke łi sipia scriti o no, enteifati el parlar el se fa co ła łengoa e no co i pie o łe man.
Dapò per via de scritura lexi coà endoe ke łe testemognanse scrite de ła łengoa dei veneti de tera łe xe pì vece de coeł dei veneti venesiani:

Lengoa veneta, varianse scrite longo i secołi, paxene de autori vari a confronto
viewtopic.php?f=40&t=1579


3) A Corfù la gente parlava sicuramente greco, a Bergamo e Brescia il lombardo, in Friuli il furlan. Bergamasco, Bresciani, Friulani, Istriani, Dalmati, Albanesi e Greci non erano anch'essi veneti della Serenissima, cittadini a pieno diritto della Repubblica Veneta.

Me despiaxe par ti ma ła pì parte de łe jenti dei domegni venesiani no łi jera çitadini de ła Repiovega Arestgratega Venesiana ma suditi e ła stragran parte dei çitadini no łi gheva gnanca el dirito de voto.

2) Ma i veneziani, per ragioni di politica internazionale, hanno optato - piaccia o meno - per il "toscano" come lingua ufficiale. Questo non ha impedito al popolo veneziano di coltivare nelle sue relazioni sociali, famigliari e locali, una importante letteratura locale o dialettale.
Trovami un documento, un editto della RV scritto in forma "dialettale". Per "Repubblica", i documenti ufficiali riportano sempre la forma "italiana", quella peraltro suggerita dai veneziani agli altri Stati italiani (Pietro Bembo). Uguale per "Venezia"!


Lexi coà Albertus:

Node so ła storia de ła łengoa veneto-venesiana e veneta
http://www.europaveneta.org/areadialogo ... eneta.html

Perchè la lingua veneta
Hanno fatto scalpore le proposte di sottoporre gli insegnanti ad un esame di Lingua e Cultura venete, critiche e lodi si sono sprecate, polemiche politiche a non finire ma spiegazioni chiare e documentate poche e ancor meno "visibili". Lasciamo da parte la politica per un momento e vediamo di fare il quadro della situazione basandoci su fatti certi e documentati.

Ormai è risaputo a livello mondiale che lo Stato italiano è sorto come espansione armata e violenta del piccolo regno monarchico savoiardo, supportato dai massoni francesi ed inglesi per i loro interessi economici, fatto contro la volontà dei Popoli conquistati (Siciliani, Napoletani, Veneti, ecc)... ebbene, la scuola italiana si è ben guardata da insegnarci questo, anzi, ha censurato, falsificato, mistificato la Storia per farci credere che fu una "festa" invece di una conquista militare ed un dramma sociale, culturale, economico per le popolazioni invase (es. il "banditismo" al sud e l'emigrazione di massa nelle Venezie). In tale contesto riusciamo a comprendere bene perchè la scuola italiana si è ben guardata da insegnarci che la differenza linguistica tra Lingua e Dialetto è solo POLITICA: tutti e due sono sistemi linguistici dotati di proprie regole, sintassi, grammatiche, pronunce e DIGNITA' (confronta tutti i maggiori glottologi stranieri e "nostrani" come l'Ascoli, il Devoto, G.B. Pellegrini, M. Cortellazzo, etc.) ...va da sé che questo è servito/serve per tenerci in soggezione culturale ed ideologica e, conseguentemente, politico-amministrativa.

Ebbene, quando l'italiano non esisteva, il veneto, variante veneziana, è stata lingua cancelleresca, di Stato e diplomatica, scritta per oltre due secoli (XI-XII sec.) per poi tornare al latino e, più tardi, al franco-provenzale toscano per le forme di comunicazioni ufficiali ma senza mai cedere il primato di lingua di cultura (usata da poeti, artisti, musicisti, nobili e, soprattutto come lingua commerciale INTERNAZIONALE (dal Baltico al Mar Nero e Medioriente). Palladio, Canova, Giorgione, Brustolon, Vivaldi, Albinoni, Salieri, Luigi Nono, Bellini, Tiziano, Canaletto, Vecellio, Tintoretto, Tiepolo, Veronese, Cima, Carpaccio, Mantegna, Ruzante, Boito, Calmo, Magagnò, Goldoni, Marco Polo, Giacomo Casanova, Antonio Pigafetta e tutti gli altri personaggi veneti di fama mondiale dell'epoca parlarono e scrissero in veneto.

Perduta l'indipendenza a causa del massone Bonaparte (1797) il Veneto restò lingua di comunicazione interna ed internazionale cedendo solo in minima parte al francese. Neanche il passaggio forzoso all'impero austroungarico (1815) eliminò la lingua veneta dagli usi pubblici, anzi, perfino la "Kaiserliche Österreichische-Venezianische Kriegsmarine" l'Imperiale Marina Veneziano-Austriaca fu costretta ad adottarla in quanto usata non solo da equipaggi ed ufficiali veneti ma anche da altre marinerie nell'Adriatico e nel Mar Nero.
Neppure la svendita della Venezia al Regno d'Italia dei Savoia (1866) fece scomparire completamente l'uso della lingua veneta in ambiti ufficiali locali, questo nonostante fosse nei fatti PROIBITO.... così come durante il fascismo, pregiudizialmente contrario alle Culture locali al fine di esaltare un'inesistente "razza italiana". Tanto per essere più chiari, fatta l'unità, l'italiano era parlato da poco più il 2% (duepercento) della Popolazione... neppure i conquistatori parlavano l'italiano, i piemontesi stessi preferivano il francese assieme al loro idioma, cosi come gli ex sudditi del regno di Napoli e Sicilia.

L'italiano standard è arrivato nei consessi pubblici locali, nonostante il suo insegnamento OBBLIGATORIO (ed il DIVIETO del veneto) molto più tardi....con la televisione e le conseguenti "nazionali" di pallone. Il resto è cronaca attuale. Al giorno d'oggi, sia per la naturale riscoperta delle nostre radici che per la conoscenza delle motivazioni storiche e politiche ed i relativi sfruttamento, malgoverno e malfunzionamento dello Stato, si è imposto con forza il desiderio di avere accesso alle verità censurate e di riottenere i diritti naturali negati. Da qui la necessità del riconoscimento culturale, economico e politico dei Popoli che compongono questo Stato, passando anche per la questione linguistica. La Lingua veneta è riconosciuta dall'UNESCO ed ha il riconoscimento legislativo della Regione Veneto.

La lingua veneta è parlata dal 75% della nostra Popolazione, se non in ambito pubblico, almeno in quello familiare ed è scritta in numerose pubblicazioni locali, cosi come in internet. Quale Lingua Veneta?... quella che si parla a Montebeluna, Feltre, San Donà dea Piave, Sitadea, Schio, Adria, Legnago e nelle altre città venete, l'inter-comprensione è assicurata. Non è necessario, al momento, avere una Lingua normalizzata (unificata), per secoli sono state usate le nostre belle parlate e possiamo farlo ancor oggi, l'importante, però è tendere ad una scrittura comune ed anche su questo tema sia la Società Filologica Veneta negli anni '80 che la Regione Veneto oggi hanno dato indicazioni precise su come affrontare il tema della scrittura (a cui è collegato il tema dell'insegnamento). Il suo insegnamento è necessario non solo per rispetto storico ma anche per giustizia, dignità e... serietà. Chi si sposta per lavoro, a partire da quello pubblico, non potrà più arrivare come colonizzatore arrogante imposto dall'alto ed inviso bensì come ospite benvenuto rispettoso di Storia, Cultura, Religione, Tradizioni e Lingua locale (o Dialetto che dir si voglia). Questo è previsto dalla Carta dei Diritti dell'Uomo e sancito dall'Assemblea delle Nazioni Unite. Non fare questo significa avvallare la continua invasione di Genti e Popoli stranieri allo scopo di creare una "nuova Società multinazionale monoculturale'', in altre parole significa avvallare un nuovo Ordine centralista e antidemocratico governato dalle multinazionali finanziarie e commerciali, avente lo scopo di creare un governo mondiale eliminatore delle diversità culturali con lo scopo, neppure tanto nascosto, di creare un "mercato unico con prodotti e consumatori standard", forse ricco di gadgets elettronici ma sicuramente più povero e meno libero.



Saj del Tomaxin so ła łengoa cançełeresca venesiana:
http://www.rm.unina.it/rivista/dwnl/x_o ... n_08_1.pdf

ano 1309

Hoc est exemplum cuiusdam litere misse a consulo Verone illustri domino Duci Venetiarum.

Al so signor meser lo dosse de Venexia Pero Nani per vostro comandamento consolo in Verona ala <...> vostra Signoria semper se recomanda. Aldando e sapiando la condicion et la carestia del fromento ch’è in Venesia per onor de vui et per lo meio delo povolo nostro sì ai rasonadho cum li nobeli homeni miser Alberto et miser Bartholamio dala Scala Capitani general de Verona per caxon ch’eli à grande quantità de blava in Verona
et in Veronese per le soe vile, sì ai trovao bontadhe et cortesia (. . .) sì dise che li vendarà circa CCC chara e lo caro sì è XXIIIJ minali veronesi, li qual XXIIIJ minali serà circa XIJ stera de Venexia.
E sì ve la vol dar a Lignago, et da lende in çó alo nostro perigolo et a nostre spese, ma no me’s vol dir quanto che li de vol del minal, ma sì me à dito così: Pero, s’elo te par de mandarlo a dir a miser lo Doxe, sì lo pos far, e s’elo manda persona per ço qua, nui li daremo lo presio, et s’elo li parerà a far marchao cum nui, sì lo farà, che nostro entendimento è de servir et donar miser lo Dose et lo comun de Venexia semper.
Eo sì co [o]mo che varda alo onor et ben de vui sì ve lo scrivo et sì ve mando questo meso per ço, et eo sum sempre presto ali vostri comandamenti. Eo credo che se vui d’avese mandadho vostri ambaxadhori ala prima, che vu d’avese habudo da Verona in bona quantità de blava.
Data çobia VIIIJ die marcij.



Ecco per esempio una parte approvata in Maggior consiglio nel luglio del 1401, e relativa a questioni annonarie - scrita ente na łengoa mexa veneta e mexa tałiana:

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... n-1401.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37710
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Veneti endependentisti ? ke łi prefarise ła łengoa tałiana

Messaggioda Berto » gio lug 23, 2015 7:32 pm

Millo Bozzolan
https://venetostoria.wordpress.com/category/generale
Anca sto veneto kì el pèrefarise ła łengoa tałiana a coeła veneta e dapò łi se dixe estimadori e defensori de ła łengoa veneta, semo pieni de fanfaroni:

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... zzolan.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37710
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Veneti endependentisti ? ke łi prefarise ła łengoa tałiana

Messaggioda Berto » mer ago 05, 2015 7:55 am

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 11/ILV.jpg

https://www.facebook.com/istitutolinguaveneta

Anca sta toxata ła prefarise el tałian al veneto e ła gà parfina el corajo de far ste çitasion, ke pecà ke łi me fa sti pori toxi veneti ke łi sprèsa e renega o xnega ła so łengoa e gnanca łi s'inacorxe.

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... oranso.jpg

Aurora Soranzo
https://www.facebook.com/aurora.soranzo.5?fref=ts

Dario Soranzo (so popà)
http://www.casalserugoedintorni.it/dario_soranzo
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37710
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Veneti endependentisti ? ke łi prefarise ła łengoa tałiana

Messaggioda Berto » lun ago 17, 2015 2:11 pm

Ke oror

http://venetostoria.com/2015/07/02/la-s ... one-veneta

LA SCELTA DELLA LINGUA, PER LA NAZIONE VENETA.
2 luglio 2015
Di Milo Boz

Scrivo questo intervento in italiano, per l’evidente motivo che voglio essere capito da tutti i veneti e anche da qualche veneto lombardo che mi legge. Questa mia affermazione di intenti, non esclude che la lingua veneta esista, e non goda di discreta salute. Già nel IV secolo d. C. noi veneti si parlava in veneto, che non era più da diverso tempo il venetico degli antenati, ma un latino corrotto, filtrato da questa antichissima lingua. ??? Latino corrotto? Ke gnoransa! Che a sua volta, doveva comunque avere delle variazioni locali, attestate anche dalla diversa maniera di scrivere certe lettere dell’alfabeto tra le varie città della Nazione. Ad Aquileia esiste una lapide, datata appunto IV sec. d. C. in cui la pietà di una donna, vedova del defunto, fece incidere: “CO VOL DEONI”, ??? e cioé “quando vuole Dio (bisogna andare)”, e oggi un veneto di Grado direbbe la stessa cosa nella stessa maniera.

La lingua veneta, come tutte le lingue parlate (a parte la variante veneziana, già considerata lingua per il suo valore storico letterario dal fascismo, insieme al napoletano e al siciliano), ha una infinità di declinazioni, da città a paese, da valle in valle, se in montagna. Proprio questa constatazione, spinse i Padri Veneti, ovvero i governanti illuminati della Repubblica di Venezia, a non imporre, come del resto facevano tutte le Nazioni antiche, l’uso di una lingua uniforme e valida per tutti, che avrebbe comunque dovuto essere creata dal nulla. Ai loro occhi questo appariva come una limitazione delle libertà delle Nazioni che formavano il suo Commonwealth: uno stato che ti impone di parlare in un determinato modo, è sempre uno stato tirannico, come lo fu l’Italia che impose di cambiare persino i cognomi sloveni o tedeschi alle minoranze presenti in certe zone e vieta ancor oggi l’uso dei “dialetti” in certi luoghi. E badate bene che allora per Nazione, intendevano anche una sola città, che viveva mantenendo i propri statuti secolari.

Quindi la prassi, nata dalla consuetudine, era che la Repubblica scrivesse leggi e bandi in un buon “toscano”(subentrato al latino), la lingua letteraria comune alla penisola, con grande tradizione alle spalle, e se venivano pubblicate ad uso di altre etnie oltremarine, si stampavano con le traduzioni. Non potendo farlo per ogni paese e città dell’entroterra, si conveniva che la lingua toscana fosse un buon veicolo per passare le informazioni di carattere generale. Tuttavia, nei tribunali, i testi deponevano nella loro parlata locale e in genere così le deposizioni venivano trascritte. Così si andò avanti con pace e concordia di tutti, veneti, lombardi, greci e “illirici” fino al nefasto arrivo della idea di nazione portata dalle armate francesi. Il concetto di “eguaglianza” sottintende anche l’idea di uniformità del “cittadino”, non più accettato per come la tradizione e la storia lo aveva formato, ma idealmente “intercambiabile” l’uno con l’altro. Via le leggi locali, via le lingue locali, considerate ora “dialetti” a favore di una lingua ufficiale che doveva essere insegnata d’obbligo e parlata da tutti. L’insistere a voler parlare il proprio idioma minoritario, ora viene considerato un “attentato” alla integrità della Nazione e chi legge, non faticherà a capire che l’Italia unitaria di oggi è nata dallo sciagurato nazionalismo liberticida di impronta giacobina.
Purtroppo ne siamo permeati tutti noi, di queste idee contrarie al vero spirito della Patria antica dei nostri Padri, quando reagiamo con fastidio, ad esempio, nel leggere che in Tirolo pretendono di riappropriarsi dei nomi originali delle località, italianizzati a forza all’inizio del ‘900. O proviamo imbarazzo nell’esprimerci in certi posti, con la lingua veneta per tema di passare per gente poco acculturata. Mi no!

O quando, noi veneti indipendentisti, pensiamo seriamente di far nascere una lingua artificiale che altro non è che un orribile “veneto di campagna” storpiato, comprensibile alla fine solo tra gli abitanti di pianura ma del tutto ostico da Feltre in su. Lingoa artificiale la nostra lengoa parlà e fata cresar la saria na lengoa artefata? Ke demensa, ke ensemensa, ke gnoransa!

Impariamo dalla storia, continuiamo a seguire le orme dei nostri Padri antichi e non ci faremo mai del male. altra cosa è batterci con forza, perché anche la lingua veneta locale sia permessa, come il sardo o il friulano, nei luoghi e assembee pubbliche e a scuola: dato che fa parte del nostro essere Veneti, dobbiamo tutelarlo al pari delle altre lingue storiche italiane. Sto ki, soto soto le purpio on talian!


Mi no go pì gnente da spartir co sta xente
I venesiani no li xe i me pari!
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37710
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Veneti endependentisti ? ke łi prefarise ła łengoa tałiana

Messaggioda Sixara » lun ago 17, 2015 2:39 pm

Berto ha scritto:O quando, noi veneti indipendentisti, pensiamo seriamente di far nascere una lingua artificiale che altro non è che un orribile “veneto di campagna” storpiato, comprensibile alla fine solo tra gli abitanti di pianura ma del tutto ostico da Feltre in su. Lingoa artificiale la nostra lengoa parlà e fata cresar la saria na lengoa artefata? Ke demensa, ke ensemensa, ke gnoransa!

Ma còsa tiènlo dito? Parké secondo lù da Feltre n sù i parlarìa o capirìa el vene'zian? Ma si n ài incorti ke fòra da Venè'zia el vene'zian no i lo parla nisùn?
Orribile veneto di campagna storpiato... :?

Ma solserio CO VOL DEONI a vòe dire CO DEO VOL ? E kel NI cosèlo? NDARE---- :lol:
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1764
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

PrecedenteProssimo

Torna a Storia de la łengoa veneta e de łe so varianse

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron