El creistianexemo e Cristo l'ebreo raxiante (eretego)

El creistianexemo e Cristo l'ebreo raxiante (eretego)

Messaggioda Berto » dom dic 01, 2013 7:27 am

El creistianexemo e Cristo l'ebreo raxiante (eretego)
viewtopic.php?f=24&t=38


Marco (etimoloja)
on santo cristian de łi veneti de mar ma anca de coełi de tera
HTUhttps://docs.google.com/file/d/0B_Vo ... UU/editUTH
Immagine
http://www.filarveneto.eu/moti-o-parole ... -etimoloja

=============================================================================================================================

Citasion (on scrito de altri ?)

34 -
"Prima veneziani e po cristiani!" - overossia la vera storia de l'Interdito che gavemo patìo el 17 de avril de l'ano 1606

Cara la me carissima Venezia!
Cristianissima in t'una maniera de un suismo, cussì completo e genuin che tanto el deve essarghe piasso a'l bon Dio, siben (come se vedarà in sto fato che stago per contarve e che'l ga le so raise ne la storia documentada) no'l ghe piase gnentafato a i Vicari de so Fio in tera.

Andé pur a notiziarve su l'antiga "Cronaca Veneta", opur su la storia de Venezia de Cesare Cantù e vedaré co i vostri oci che sta frase "Prima Veneziani e po Cristiani" la xe stada dita a sacrosanta nostra rason, in t'un momento che la serenissima e el Papato s'à messo a sbarufar tal qual Nicoloti e Castelani, par via de certe question terene che el popolo ne tramanda in sta maniera s'ceta, senza vèli de coretezza diplomatica in te'l frasario, come desso ve contarò.

Ciò, no xe da farse de maravegia, perché quelo antigo gera el tempo in te'l qual i Papi fava i Re de corona, i se tegniva in bon de figurar galanti ne l'aspéto; ghe piaseva de dar)n te l'ocio de'l publico co l'esercizio pomposo de la so sovranità, propio come, metemo, un ambizioso Re de Franza o de Inghiltera.
Gera anca el tempo che'l Capo de la Religion el voleva esser tegnuo in conto de "Re de i Re" e parfin agiutà senza proteste da tute le Nazion Cristiane, quando che'l se sentiva ispirà a far guera a chi che ghe pareva a lù, secondo el so interesse che po ben de spesso el fava passar per interesse de la Cesa Catolica. La usanza antiga la portava a credar che i Papi trasmetesse diretamente el voler de Dio, e xe per questo, gnente per altro, che i gera respetai, temùi e ubidìi.
Cussì xe 'ndà a finir che anca a Venezia, quando el Papa s'à messo a sigar "Dio lo vuole.!", insieme a altri popoli europei de fede catolica, la s'à trovà ne l'intrigo de le "Sante Crociate" che per ani e ani le ga portà spini e triboli a tuta la cristianità. Ciò, cossa gogio da far se el popolo la intende in sta maniera?
No xe per tirarla in longo scomenzando da Adamo, ma toca per forza menzionar le Crociate per farve capir come mai na Republica come la nostra, che gaveva cussì cara la indipendenza, la gera moralmente obligada (o la gavarìa dovesto essarlo) a sotostàr, per çerte robe a l'autorità de i Papi. Usanza de quei tempi, ve replico.
Cossa gerele po mai ste famose Crociate? Ben, ve dirò, che da quel che ga capìo i nostri popolani, pararìa che a un çerto momento i Papi gabia trovà giusto de spenzar cristiani de tute le razze a deliberar da man infedeli, quel sepolcro vodo che Cristo, dato che no'l ghe serviva altro, el gaveva sbandonà lazò in Palestina tra i so copaesani ebrei. Altri dise che la vera rason de le Crociate la gera tuta difarente e manco confessabile da la Sacra Romana Chiesa.
Sia come la sia, fatostà che anca Venezia, come zà dito, per onor de firma, ma tanto mal volenti era che mai, ga mandà a la Prima Crociata un pocheti de i so omeni e un campion de le so galeazze a rinforzar l'esercito papalin che, a quei tempi, el gera armà più de simitare e de cortelazzi copa-omeni che de libri de orazion e de amor fraterno per i so nemiçi.
Certo che Venezia a'l so primo intro in sto miscugio de soldai de difarenti stati la deve essarse dita: "A remengo anca la Crociata!" Ma ciò, èo'l passar de'l tempo, quando che la ga visto tornar indrio da la "espugnata Gerusalemè" i genovesi e i pisani carghi come mussi de ori, arzenti e strepitose richezze de ogni sorte, bisogna dir che ... la ga subito voltà la brasiola' e no la xe stada più cussì descontenta de parteçipar a sta meravegiosa aventura sepolcral tanto renditizia. Anzi, delongo la se ga sentì o infogàr de amor ardente per la tomba de Nostro Signor, calcolando che, ciò, per mal che l'andasse, dopotuto ste Crociate le gera na bona ocasion che ghe cascava a balìn per ingrandir i comerçi levantini che Venezia praticava zà da un toco per conto suo, co piena sodisfazion da na parte e da st'altra.
Ste robe le andava dite come sfondo per capìr el quadro che desso ve presento e che'l xe la vera storia de quel famoso "Interdito" che Roma, dando segno de ignoranza granda, ga gomità5 sora Venezia, ma senza nissun costruto, come vedaré in seguito.
Dunque, pàssa ani, continua le "Sante Crociate" co relativo descargo in Patria de tesori palestinesi e moreschi (vizieto questo che i nostri veci marcanti, naveganti e soldai veneziani i gaveva ciapà in cuna, mantegnindoselo caro infin a la cascada de la Serenissima) e tuto pareva 'ndar lisso come l'ogio. Ma dopo tante vitorie de le armi cristiane, sucede che, per na volta, anca i soldai musulmani xe rivai a dar na tremenda mastruzzada a la flota papalina.
Tera verzite! Imbilà da no dirse per sto fato fora de l'ordenario, el Papa Clemente ve ga zurà de vendicarse. Delongo el ga sbragià a tuti i popoli européi cristiani che nissun de lori, per nissunissima rason a'l mondo, el doveva mai più far trafeghi, comerçi o aver contati de afari co quei fioidecani de zentagia infedel, e guai se qualchidun de credente in Dio se fusse azardà de disubidir a sto ordene che'l gera detà da na giustizia che lù ciamava umana.
Quà semo finalmente rivai a'l punto indove sucede un patatrache intra el Lion de San Marco e la cussì dita "Catedra de San Piero", per na rason de nostri interessi veneziani che ben se poi capìr e giustificar.
Va subito dito che, co sto ordene, più pezo malora no podeva capitar a la nostra Dominante che la viveva de'l comerçio co l'Oriente e che da sempre la gaveva vua usanza (Crosade a parte) de praticar cortesemente co sti infedeli, doparando co lori tute le regole de la bona creanza comerçial e civil. Figureve che parfin la li façeva, sti infedeli, intrar ne la nostra çità per scambio mercanzie, senza 'ndar a savariar se i gera ebrei, turchi, armeni e de fede antipapista.
Venezia gera cussì zentil co i so boni clienti, da lassar anca che sta zente praticasse in libertà anca le so difarenti religion e la pareciava "Fondeghi" (magazen, casa, botega) apositamente per logar sti foresti ben spartii per paese de provenienza. Defati esiste ancora, desso destinai a altri usi, el Fondego de i Turchi, quelo de i Todeschi, el gheto de i ebrei ecc. Insoma, tuti i stranieri gaveva un tratamento come megio no podaria far un moderno Ente Provinçial de'l Turismo.
Per sorazonta, sto arivo de marcanti foresti nò solo el gera per Venezia fonte de gran guadagno, ma anca, semo giusti, un luminoso esempio de çivil toleranza, qualità questa che de quei tempi no la gera ancora conossua da le altre Corti italiane e manco che manco, roba questa che dovaria far gran meravegia, da'l Stato Pontificio.
Parcossa mai Venezia gavaressela dovesto farghe de colpo in bòta cativa çiera a chi che ghe portava in casa drapi de oro, veludi, sede e quele benedete "spezie" che po i nostri mél;rcanti rivendeva a prezzi sora la broca? Figureve dunque, creature, el gran sconquasso che ga portà a Venezia sto ordene papalin. In su le prime tuti xe restai insemenìì da la sorpresa.
Po el Dose xe corso a conçertarse co i nobili de la Signoria, per deçider su'l da farse. Intanto che el popolo e i marcanti i tirava saràche in tuti i cantoni de la çità a'l preciso indirizzo de Clemente ve e de la intiera preteria mondial, le povare donete veneziane, sentindo ruzàr tempesta su Venezia, le se portava de presenza in Cesa indove, tociando i deolini in te la piléla de l'acqua santa, fandose un desìo de segni de crose le pregava Dio de sfantar l'ira papal che menazzava de destruzer la çità se no la gavesse ubidìo a i so ordeni.
Passada la prima scossa de sorpresa, el Lion de San Marco (ossia Venezia tuta co Dose, Signoria, nobili, marcanti, femene, putei, tuti ingrumai insieme) co tuta la energia che ghe permeteva la creanza, de çerto magari co forma un pochetin più diplomatica, ma in sostanza precisamente come ne lo ga tramandà i nostri veci, cussì el ga ragià contro el Roman Pontefice:
- "Ciò, vecio, scherzemio dasseno? Te averto che quà semo e sempre saremo "prima venexiani e po cristiani!"
Dopo, come se gnente fusse sucesso, Venezia ga continuà a trafegar co l'Oriente. Ossia xe stà un, come sol dirse, lassar andar le cosse fin che le andava, ma ne'l contempo la se tegniva pronta co le armi, caso mai ghe fusse stada na qualche reazion romana a la so risposta.
Ve podé ben imaginar se dopo un smàco de sto genere el Vicario de Cristo, poco usà a riçever ste rispostasse, no'l s'à ciapà na imbilàda co i fiochi e franze! Core el dito che parfin el sia morto de rabia, ma de questo no se ga mai vua prova. Senoché sta el fato che a ritacar discorso co Venezia poco dopo, xe stà el so sucessor Benedeto XII, la qual cossa ne lassa ben sperar che la notizia fusse vera.
Sto benedeto XII, un fià manco sproto de'l so predecessor, quando che'l ga visto l'andamento de la question, el s'à pensà na stratagema per refarse de quela buzarada data da i veneziani a la Sacra Santità papal cussì el ga mandà a dir a'l Mazor Consegio de i X:
- "Sentime ben, tosi, per conto mio de mì sò anca ben disposto a serar un ocio su i vostri trafeghi co l'Oriente, ma, per dover de la carica, bisogna per forza che a cospeto de la Cristianità mi resta solidal co me compare Clemente ve testé defunto. Alora, metemola in sti termini che desso ve digo: Mì fenzarò de no vedar la vostra desubidienza e vualtri (senza fenzar, sinò ve fulmino!) mandaré anualmente ne le casse de la mia Santità a Roma quel mucio de bezzeti, in contanti, che ve precisarà el mio imbassador. Intanto che speto la vostra risposta, finirò de dir suso quele orazion che nomadesso scominçio perché Dio ve ispira a mandarme la risposta giusta che vogio mì, sinò ve garantisso ... "
Da là un poco torna a Roma l'imbassador co la risposta de i veneziani:
- "Va ben, nualtri faremo anualmente ed desborso esoso de i bezzi patuì; ma nel contempo, se la Vostra Santità no ghe incresse (e se ghe incresse a nualtri no ne importa un figo marzo) metaremo na tasseta su le possession private de'l clero che quà, ostrega, el ga el bruto vizio de viver a màca e sarìa de bon esempio che'l pagasseel so tantunque come fa tuti i boni cristiani. Po, ghe daremo na repassadina de tasse anca a quei monteseli sostanziosi de richezze terestri che i siori Cardinai de la Vostra Santità, no parendo, se inmucia ne la nostra béla tera veneta. Se questo no bastasse a rimborsarne le spese "Crociate" che sostignemo per difender Candia, a l'ocorenza faremo na lege che abolisse el mantegnimento de i preti co i bezzi de la Republica. Po, vedaremo quale altre ispirazion ne passarà per la testa. per desso sempre per respeto de Nostro Signor Gesù Cristo, e gnente per altro, ve basa co riverenza la papuzza la vostra sempre poco afezionada- Venezia.
A sentir sta nova resistenza insolente, a'l Papa ghe bàte el cuor, ghe tremola i zenoci, el se sente la testa in rebalton e, metendose a osar pezo de un màto el ga dito a i so ministri: - "Ah, cussì la xe? Alora spéta mi che desso ghe scrivo a quei malnati un qualcosseta co'l mio nome sù!"
Defati, subito el te combina na BoIa Papal e precisamente quela che se ciama "In Coena Domini" indove che se parla de antighi privilegi clericali che la Serenissima no poi cambiar senza far sacrilegio ... Che guai farghe malegrazie a i preti drento i confini de la Republica ... Che le propietà terestri de i Cardinai le xe sacre ecc. ecc. Insoma, tuta na lagna de sto genere in difesa de le intocabili richezze de i Ministri de Dio.
E Venezia? Gnente paura mii amati conçitadini! EI cristianissimo Mazor Consegio el ga léta la "Bolla" scoconandose da'I rider, ben savendo zà da prima che menazzando i preti de mandarghe a domicilio l'impiegato de le tasse ... tuto el Clero se sarìa messo a far più cocodessi de na còca6• Po, senza scomporse, el ga proibia la difusion de la Boia papal su tuto el teritorio veneto. A quei pochi cristiani che la ghe fusse rivada de foravia (la furbità de çerti preti no la ga limiti) se consegiava de tegnirla in conto de gnente, perché Venezia no tolerava intromission de eclesiastici ne'I Governo de la Republica.
Cussì, fioi cari, xe propio stà come se la Boia no la fusse esistia.
Ciò, co le robe portae a sto punto, co sto continuo darse indrioman bòta per zocolada, le cosse se ga messo maleto dasseno e na guera 'sorda la ga scomenzà a circolar intra preti e veneziani.
Gera propio un tirarse a çimento uno co st'altro, tal qual, come zà dito, intra Castel ani e Nicoloti.
Quà bisogna dir s'ceto che in sta barafùsola el bon Dio no ghe pativa per gnente: Venezia no gera in lota co la religion ma solamente co i preti intrigabisi, e questo xe tuto un altro pàro de maneghe che ga la so importanza de ben specificar.
Per megio farve un quadro de quela che gera la situazion, ve darò un tipico esempio: Vignui a saver che in casa de un çerto Nunzio Apostolico se façeva, de scondon, discorsi contrari a l'autorità de'l Dose, i nostri inquisidori i ga fato saver a sto prelato che tuti i eclesiastici che andava ne la so casa i saria stai tegnui de ocio e che se no i ghe molàva de slenguazzar contro el Governo, i gavaria vuo el castigo merità, compreso quelo famoso de "La Cheba" che'l gera stà inventà aposta per punir i preti che se comportava malamente co la Republica. Po, tanto per scominçiar na musica dimostrativa, i ga ciapà un frate maldisente, sgnacandolo in preson drito de filato. Adiritura xe stà fato giustiziar tra Marco e Todaro un prete marchigian per le so nefandezze spionistiche e condanà a'l romitorio perpetuo un moscardin de Monsignor napolitan che l'onorava de ociae impertinenti, co massa frequenza, un bel toco de popolana canaregiota, onesta e timorata de Dio.
Per farvela curta, gera da credar che se le cosse le fusse seguitae in sta maniera, preti e veneziani i gavarìa fata pase soltanto quando el turco basarà la Crose, come sol dirse.
Per sorazonta, tuta la popolazion marciava lassandose drio le recie, ossia çercando de sentir i discorsi de quei che ghe stava a le spàle (anca questa la xe na espression tuta nostra) caso mai ghe fusse da rancurar, cussi no parendo, parolete dite de sbrisso, che le podesse portar a la descoverta de un secretissimo comploto clerical. Gera insoma na vita da no credar: ogni çitadin se trasformava volontariamente in sbiro e ogni sbiro no destacava mai l'ocio da le cèreghe de i preti.
El fatidico sigo: "Prima i Veneziani e po i Cristiani!" come un rabioso refolo de vento, sconvolzeva Campi, Cali, Salizade, fermando per ultimo la so corsa in Piazza, per zogatolar, co na tenerezza cocolona, intra le grespe de i stendardi de San Marco, dadrio de i quali la splendida religion de'I popolo venezian, in ogni tempo respetosa de Dio e de i Santi, gaveva custodio, bocon a bocon el più magnifico tempio de tuta la cristianità. Altro che' 'Bolle papali"! Venezia gaveva in oror ste piavolàe.
No ocore dir che sta maniera superbiosa de rebaltarse, sempre più la instizzava el papato, tantoché Paolo ve, sucesso intanto a Benedeto XII, visto che no andava a segno le menazze verbali e le "Bolle" intimidatorie , el ga volesto far un ato de forza e de autorità.
Ciò, el ga lanzà su la Serenissima gnente de manco che na furibonda scomunica, dita anca "Interdito", proibindo a i preti catolici de dir Messa e de soministrar i Sacramenti a quei nati decani de zentagia lagunar (che saressimo nualtri, a sentir lù!) che cresseva senza creanza e senza respéto per il Vicario de Cristo in tera.
Anca el privava in bòta, Dose e Senato, qualsiasi privilegio che ghe fusse rivà per condiscendenza papal prima de alora! Ma varda ti se questi no i xe sesti propio da mato! In sto momento gerimo a'l disiséte de avril 1606.
Ma tornaré a dimandar: E Venezia, cossa gàla fato?
Rispondo: Venezia, benedeti, da quela gran Regina che la gera, restando pacificamente sentada su'l so trono de secoli, co l'ocio che ghe rideva ancora berechin e fresco intra le rughe tanto vecie, la ga subito risposto cussi a Paolo V°:
- "Me incresse per la Vostra Santità, ma avendo el mio Governo provedùo aciò che l'Interdeto papal no'l riva gnanca a conossenza de'l mio popolo, i preti veneziani continuarà a dir Messa come sempre in tuto el teritorio veneto, co laso la permission de Dio Nostro Signor e de'I mio Dose Prinçipe regnante.
In quanto a i reverendi foresti, suditi de vostra Santità,
"se no ghe comoda el mio dir,
la porta la xe verta per partir!"
propio come che se esprime ciaramente un nostro dito popolar."
Per la verità, ciò, se capisse che le parole le gera magari un pocheto difarenti, a l'uso diplomatico, ma in struco, cari mii, se garantisse che la riposta gera questa.
Savemo da le "Cronache" che in sta barufa storica solamente i Gesuiti a'l gran completo e qualche Capuçin senza importanza i s'à messo da la parte de'I Papa. Alora el Dose ga scazzà sto ordene da Venezia, despropriandolo de le so enormi richezze e de i so conventi che i gera deventai tane de congiurati. Tuto el nostro Clero, co Paolo Sarpi in testa, fedelissimo a la Republica, ga continuà a far el so dover assistendo moralmente tuto el Veneto. Speremo che Dio ghe renda el merito.
Dopo sta ultima s'ciafa malignosa, Paolo V° el voleva a tuti i costi far guera a San Marco, ma propio na guera vera, co relativo armamento mortifero, per desterminarne tuti quanti, gnanca che fussimo pantegane schifose da negar in Canalazzo, e nò i fioi de Santa Romana Chiesa anca nualtri!
Ma subito el bon senso de le Nazion Catoliche ga sotoposto a la considerazion papal el fato che in quel momento la Serenissima la gera forte e più potente che mai, anca capaçe de darghe a l'eserçito papalin na mastruzzada da ogi santi.
Alora Paolo ve, fatose prudente, s'à chietà de colpo. Drio le bone parole de le stesse Potenze che se ga oferto de stramezar i barufanti, la pase intra i veneziani e el Papa xe stada fata: Roma ga ritirà la inutile scomunica e el Dose Leonardo Donato (novantesimo Prinçipe de Venezia) ga delibarà quel s'ciapo de preti e de frati intriganti che co tanto gusto che mai tegnivimo serai sù in preson. Ma no'l ga permesso el ritorno in çità de i Gesuiti, conossui da tuti come massa pevarini e intriganti.
Ecove infin contada, co tanta pressa purtropo (perché ghe saria tanti episodi gustosi che vorìa farve saver) la storia vera de l'antigo "Interdito" lanzà su Venezia per la rason che ve go dito e che, a i so tempi ga fato un ciasso malignaso.
Desso che xe oramai trascorsi tanti ani da quellontan 1606, el modo de pensar de i Vicari de Cristo el xe cambià e i interessi de'l Vaticano anca. Ancuo ne vien parfin da ridar pensando a'l vedo Paolo V° che, tuto ingalbanà da la rabia scomunica Venezia per el gran delito de tratar co çiviltà i ... fradéi separati!
In te sti tempi ecumenici, desso xe i catolici che se ingalbana de maravegia in te'l vedar i Papi ciapar a brazzacòlo tute le qualità de infedeli che i riçeve in Vaticano
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30707
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Creistianexemo

Messaggioda Berto » mar dic 17, 2013 9:50 pm

PAOLO VESCOVO, SERVO DEI SERVI DI DIO, UNITAMENTE AI PADRI DEL SACRO CONCILIO, A PERPETUA MEMORIA, DICHIARAZIONE SULLE RELAZIONI DELLA CHIESA, CON LE RELIGIONI NON CRISTIANE, NOSTRA AETATE

http://www.vatican.va/archive/hist_coun ... te_it.html

Introduzione

1. Nel nostro tempo in cui il genere umano si unifica di giorno in giorno più strettamente e cresce l'interdipendenza tra i vari popoli, la Chiesa esamina con maggiore attenzione la natura delle sue relazioni con le religioni non-cristiane. Nel suo dovere di promuovere l'unità e la carità tra gli uomini, ed anzi tra i popoli, essa in primo luogo esamina qui tutto ciò che gli uomini hanno in comune e che li spinge a vivere insieme il loro comune destino.

I vari popoli costituiscono infatti una sola comunità. Essi hanno una sola origine, poiché Dio ha fatto abitare l'intero genere umano su tutta la faccia della terra (1) hanno anche un solo fine ultimo, Dio, la cui Provvidenza, le cui testimonianze di bontà e il disegno di salvezza si estendono a tutti (2) finché gli eletti saranno riuniti nella città santa, che la gloria di Dio illuminerà e dove le genti cammineranno nella sua luce (3).

Gli uomini attendono dalle varie religioni la risposta ai reconditi enigmi della condizione umana, che ieri come oggi turbano profondamente il cuore dell'uomo: la natura dell'uomo, il senso e il fine della nostra vita, il bene e il peccato, l'origine e lo scopo del dolore, la via per raggiungere la vera felicità, la morte, il giudizio e la sanzione dopo la morte, infine l'ultimo e ineffabile mistero che circonda la nostra esistenza, donde noi traiamo la nostra origine e verso cui tendiamo.

Le diverse religioni

2. Dai tempi più antichi fino ad oggi presso i vari popoli si trova una certa sensibilità a quella forza arcana che è presente al corso delle cose e agli avvenimenti della vita umana, ed anzi talvolta vi riconosce la Divinità suprema o il Padre. Questa sensibilità e questa conoscenza compenetrano la vita in un intimo senso religioso.

Quanto alle religioni legate al progresso della cultura, esse si sforzano di rispondere alle stesse questioni con nozioni più raffinate e con un linguaggio più elaborato.
Così,
nell'induismo gli uomini scrutano il mistero divino e lo esprimono con la inesauribile fecondità dei miti e con i penetranti tentativi della filosofia; cercano la liberazione dalle angosce della nostra condizione sia attraverso forme di vita ascetica, sia nella meditazione profonda, sia nel rifugio in Dio con amore e confidenza.
Nel buddismo, secondo le sue varie scuole, viene riconosciuta la radicale insufficienza di questo mondo mutevole e si insegna una via per la quale gli uomini, con cuore devoto e confidente, siano capaci di acquistare lo stato di liberazione perfetta o di pervenire allo stato di illuminazione suprema per mezzo dei propri sforzi o con l'aiuto venuto dall'alto.
Ugualmente anche le altre religioni che si trovano nel mondo intero si sforzano di superare, in vari modi, l'inquietudine del cuore umano proponendo delle vie, cioè dottrine, precetti di vita e riti sacri.

La Chiesa cattolica nulla rigetta di quanto è vero e santo in queste religioni.
Essa considera con sincero rispetto quei modi di agire e di vivere, quei precetti e quelle dottrine che, quantunque in molti punti differiscano da quanto essa stessa crede e propone, tuttavia non raramente riflettono un raggio di quella verità che illumina tutti gli uomini.

Tuttavia essa annuncia, ed è tenuta ad annunciare, il Cristo che è « via, verità e vita » (Gv 14,6), in cui gli uomini devono trovare la pienezza della vita religiosa e in cui Dio ha riconciliato con se stesso tutte le cose (4).

Essa perciò esorta i suoi figli affinché, con prudenza e carità, per mezzo del dialogo e della collaborazione con i seguaci delle altre religioni, sempre rendendo testimonianza alla fede e alla vita cristiana, riconoscano, conservino e facciano progredire i valori spirituali, morali e socio-culturali che si trovano in essi.


La religione musulmana

3. La Chiesa guarda anche con stima i musulmani che adorano l'unico Dio, vivente e sussistente, misericordioso e onnipotente, creatore del cielo e della terra (5), che ha parlato agli uomini. Essi cercano di sottomettersi con tutto il cuore ai decreti di Dio anche nascosti, come vi si è sottomesso anche Abramo, a cui la fede islamica volentieri si riferisce. Benché essi non riconoscano Gesù come Dio, lo venerano tuttavia come profeta; onorano la sua madre vergine, Maria, e talvolta pure la invocano con devozione. Inoltre attendono il giorno del giudizio, quando Dio retribuirà tutti gli uomini risuscitati. Così pure hanno in stima la vita morale e rendono culto a Dio, soprattutto con la preghiera, le elemosine e il digiuno.

Se, nel corso dei secoli, non pochi dissensi e inimicizie sono sorte tra cristiani e musulmani, il sacro Concilio esorta tutti a dimenticare il passato e a esercitare sinceramente la mutua comprensione, nonché a difendere e promuovere insieme per tutti gli uomini la giustizia sociale, i valori morali, la pace e la libertà.


La religione ebraica

4. Scrutando il mistero della Chiesa, il sacro Concilio ricorda il vincolo con cui il popolo del Nuovo Testamento è spiritualmente legato con la stirpe di Abramo.

La Chiesa di Cristo infatti riconosce che gli inizi della sua fede e della sua elezione si trovano già, secondo il mistero divino della salvezza, nei patriarchi, in Mosè e nei profeti.

Essa confessa che tutti i fedeli di Cristo, figli di Abramo secondo la fede (6), sono inclusi nella vocazione di questo patriarca e che la salvezza ecclesiale è misteriosamente prefigurata nell'esodo del popolo eletto dalla terra di schiavitù. Per questo non può dimenticare che ha ricevuto la rivelazione dell'Antico Testamento per mezzo di quel popolo con cui Dio, nella sua ineffabile misericordia, si è degnato di stringere l'Antica Alleanza, e che essa stessa si nutre dalla radice dell'ulivo buono su cui sono stati innestati i rami dell'ulivo selvatico che sono i gentili (7). La Chiesa crede, infatti, che Cristo, nostra pace, ha riconciliato gli Ebrei e i gentili per mezzo della sua croce e dei due ha fatto una sola cosa in se stesso (8). Inoltre la Chiesa ha sempre davanti agli occhi le parole dell'apostolo Paolo riguardo agli uomini della sua stirpe: « ai quali appartiene l'adozione a figli e la gloria e i patti di alleanza e la legge e il culto e le promesse, ai quali appartengono i Padri e dai quali è nato Cristo secondo la carne» (Rm 9,4-5), figlio di Maria vergine.

Essa ricorda anche che dal popolo ebraico sono nati gli apostoli, fondamenta e colonne della Chiesa, e così quei moltissimi primi discepoli che hanno annunciato al mondo il Vangelo di Cristo.

Come attesta la sacra Scrittura, Gerusalemme non ha conosciuto il tempo in cui è stata visitata (9); gli Ebrei in gran parte non hanno accettato il Vangelo, ed anzi non pochi si sono opposti alla sua diffusione (10). Tuttavia secondo l'Apostolo, gli Ebrei, in grazia dei padri, rimangono ancora carissimi a Dio, i cui doni e la cui vocazione sono senza pentimento (11). Con i profeti e con lo stesso Apostolo, la Chiesa attende il giorno, che solo Dio conosce, in cui tutti i popoli acclameranno il Signore con una sola voce e « lo serviranno sotto uno stesso giogo » (Sof 3,9) (12).

Essendo perciò tanto grande il patrimonio spirituale comune a cristiani e ad ebrei, questo sacro Concilio vuole promuovere e raccomandare tra loro la mutua conoscenza e stima, che si ottengono soprattutto con gli studi biblici e teologici e con un fraterno dialogo.

E se autorità ebraiche con i propri seguaci si sono adoperate per la morte di Cristo (13), tuttavia quanto è stato commesso durante la sua passione, non può essere imputato né indistintamente a tutti gli Ebrei allora viventi, né agli Ebrei del nostro tempo.

E se è vero che la Chiesa è il nuovo popolo di Dio, gli Ebrei tuttavia non devono essere presentati come rigettati da Dio, né come maledetti, quasi che ciò scaturisse dalla sacra Scrittura.
Curino pertanto tutti che nella catechesi e nella predicazione della parola di Dio non si insegni alcunché che non sia conforme alla verità del Vangelo e dello Spirito di Cristo (cogna contar ke a copar Cristo xe stasti li romani).

La Chiesa inoltre, che esecra tutte le persecuzioni contro qualsiasi uomo, memore del patrimonio che essa ha in comune con gli Ebrei, e spinta non da motivi politici, ma da religiosa carità evangelica, deplora gli odi, le persecuzioni e tutte le manifestazioni dell'antisemitismo dirette contro gli Ebrei in ogni tempo e da chiunque. In realtà il Cristo, come la Chiesa ha sempre sostenuto e sostiene, in virtù del suo immenso amore, si è volontariamente sottomesso alla sua passione e morte a causa dei peccati di tutti gli uomini e affinché tutti gli uomini conseguano la salvezza. Il dovere della Chiesa, nella sua predicazione, è dunque di annunciare la croce di Cristo come segno dell'amore universale di Dio e come fonte di ogni grazia.


Fraternità universale

5. Non possiamo invocare Dio come Padre di tutti gli uomini, se ci rifiutiamo di comportarci da fratelli verso alcuni tra gli uomini che sono creati ad immagine di Dio. L'atteggiamento dell'uomo verso Dio Padre e quello dell'uomo verso gli altri uomini suoi fratelli sono talmente connessi che la Scrittura dice: « Chi non ama, non conosce Dio » (1 Gv 4,8).

Viene dunque tolto il fondamento a ogni teoria o prassi che introduca tra uomo e uomo, tra popolo e popolo, discriminazioni in ciò che riguarda la dignità umana e i diritti che ne promanano.

In conseguenza la Chiesa esecra, come contraria alla volontà di Cristo, qualsiasi discriminazione tra gli uomini e persecuzione perpetrata per motivi di razza e di colore, di condizione sociale o di religione. E quindi il sacro Concilio, seguendo le tracce dei santi apostoli Pietro e Paolo, ardentemente scongiura i cristiani che, « mantenendo tra le genti una condotta impeccabile » (1 Pt 2,12), se è possibile, per quanto da loro dipende, stiano in pace con tutti gli uomini (14), affinché siano realmente figli del Padre che è nei cieli (15).

Tutte e singole le cose stabilite in questo Decreto, sono piaciute ai Padri del Sacro Concilio. E Noi, in virtù della potestà Apostolica conferitaci da Cristo, unitamente ai Venerabili Padri, nello Spirito Santo le approviamo, le decretiamo e le stabiliamo; e quanto stato così sinodalmente deciso, comandiamo che sia promulgato a gloria di Dio.

Roma, presso San Pietro, 28 ottobre 1965.

Io PAOLO Vescovo della Chiesa Cattolica.

Seguono le firme dei Padri.

SOSPENSIONE DELLA LEGGE PER I DECRETI PROMULGATI NELLA SESSIONE VII

Il Beatissimo Padre ha stabilito la dilazione della legge, quanto alle nuove leggi che sono contenute nei decreti ora promulgati, fino al 29 giugno 1966, cio fino alla festa dei Ss. Apostoli Pietro e Paolo dell’anno prossimo.

Nel frattempo il Sommo Pontefice emaner le norme per l’applicazione di dette leggi.

† PERICLES FELICI

Arcivescovo tit. di Samosata
Segretario Generale del SS. Concilio

Firme dei Padri

Io PAOLO Vescovo della Chiesa Cattolica

† Ego ANTONIUS titulo S. Laurentii in Panisperna Presbyter Cardinalis GAGGIANO, Archiepiscopus Bonaërensis.

Ego PETRUS titulo S. Laurentii in Lucina Presbyter Cardinalis CIRIACI.

† Ego IOSEPHUS titulo S. Mariae de Victoria Presbyter Cardinalis SIRI, Archiepiscopus Ianuensis.

† Ego IACOBUS titulo S. Mariae in Transpontina Presbyter Cardinalis LERCARO, Archiepiscopus Bononiensis.

† Ego STEPHANUS titulo S. Mariae Trans Tiberim Presbyter Cardinalis WYSZYNSKI, Archiepiscopus Gnesnensis et Varsaviensis, Primas Poloniae.

† Ego BENIAMINUS titulo S. Vitalis Presbyter Cardinalis DE ARRIBA Y CASTRO, Archiepiscopus Tarraconensis.

† Ego FERDINANDUS titulo S. Augustini Presbyter Cardinalis QUIROGA Y PALACIOS, Archiepiscopus Compostellanus.

† Ego PAULUS AEMILIUS titulo S. Mariae Angelorum in Thermis Presbyter Cardinalis LEGER, Archiepiscopus Marianopolitanus.

† Ego VALERIANUS titulo S. Mariae in Via Lata Presbyter Cardinalis GRACIAS, Archiepiscopus Bombayensis.

† Ego IOANNES titulo S. Marci Presbyter Cardinalis URBANI, Patriarcha Venetiarum.

Ego PAULUS titulo S. Mariae in Vallicella Presbyter Cardinalis GIOBBE, S. R. E. Datarius.

† Ego IOSEPHUS titulo S. Honuphrii in Ianiculo Presbyter Cardinalis GARIBI Y RIVERA, Archiepiscopus Guadalajarensis.

† Ego ANTONIUS MARIA titulo S Chrysogoni Presbyter Cardinalis BARBIERI, Archiepiscopus Montisvidei.

Ego CAROLUS titulo S. Agnetis extra moenia Presbyter Cardinalis CONFALONIERI.

† Ego PAULUS titulo Ss. Quirici et Iulittae Presbyter Cardinalis RICHAUD, Archiepiscopus Burdigalensis.

† Ego IOSEPHUS M. titulo Ss. Viti, Modesti et Crescentiae Presbyter Cardinalis BUENO Y MONREAL, Archiepiscopus Hispalensis.

† Ego FRANCISCUS titulo S. Eusebii Presbyter Cardinalis KÖNIG, Archiepiscopus Vindobonensis.

† Ego IOSEPHUS titulo S. Athanasii Presbyter Cardinalis SLIPYI, Archiepiscopus Maior Ucrainorum.

† Ego LAURENTIUS titulo S. Leonis I Presbyter Cardinalis JAEGER, Archiepiscopus Paderbornensis.

† Ego IOSEPHUS titulo S. Crucis in via Flaminia Presbyter Cardinalis BERAN, Archiepiscopus Pragensis.

† Ego MAURITIUS titulo D.nae N.ae de SS. Sacramento et Martyrum Canadensium Presbyter Cardinalis ROY, Archiepiscopus Quebecensis, Primas Canadiae.

† Ego IOSEPHUS titulo S. Teresiae Presbyter Cardinalis MARTIN, Archiepiscopus Rothomagensis.

† Ego AUDOËNUS titulo S. Praxedis Presbyter Cardinalis MCCANN, Archiepiscopus Civitatis Capitis.

† Ego LEO STEPHANUS titulo S. Balbinae Presbyter Cardinalis DUVAL, Archiepiscopus Algeriensis.

† Ego ERMENEGILDUS titulo Reginae Apostolorum Presbyter Cardinalis FLORIT, Archiepiscopus Florentinus.

† Ego FRANCISCUS titulo Ss. Petri et Pauli in Via Ostiensi Presbyter Cardinalis ŠEPER, Archiepiscopus Zagrabiensis.

† Ego IOANNES titulo S. Silvestri in Capite Presbyter Cardinalis HEENAN, Archiepiscopus Vestmonasteriensis, Primas Angliae.

† Ego IOANNES titulo Ssmae Trinitatis in Monte Pincio Presbyter Cardinalis VILLOT, Archiepiscopus Lugdunensis et Viennensis, Primas Galliae.

† Ego PAULUS titulo S. Camilli de Lellis ad Hortos Sallustianos Presbyter Cardinalis ZOUNGRANA, Archiepiscopus Uagaduguensis.

† Ego LAURENTIUS I. titulo S. Clementis Presbyter Cardinalis SHEHAN, Archiepiscopus Baltimorensis.

† Ego HENRICUS titulo S. Agathae in Urbe Presbyter Cardinalis DANTE.

Ego CAESAR titulo D.nae N.ae a Sacro Corde in Circo Agonali Presbyter Cardinalis ZERBA.

† Ego AGNELLUS titulo Praecelsae Dei Matris Presbyter Cardinalis ROSSI, Archiepiscopus S. Pauli in Brasilia.

† Ego IOANNES titulo S. Martini in Montibus Presbyter Cardinalis COLOMBO, Archiepiscopus Mediolanensis.

† Ego GUILLELMUS titulo S. Patricii ad Villam Ludovisi Presbyter Cardinalis CONWAY, Archiepiscopus Armachanus, totius Hiberniae Primas.

† Ego MICHAEL DARIUS MIRANDA, Archiepiscopus Mexicanus, Primas Mexici.

† Ego FRANCISCUS MARIA DA SILVA, Archiepiscopus Bracharensis, Primas Hispaniarum.

† Ego PAULUS GOUYON, Archiepiscopus Rhedonensis, Primas Britanniae.

† Ego HUMBERTUS MALCHIODI, Archiepiscopus Episcopus Placentinus.

Sequuntur ceterae subsignationes.

Ita est.

† Ego PERICLES FELICI
Archiepiscopus tit. Samosatensis
Ss. Concilii Secretarius Generalis
† Ego IOSEPHUS ROSSI
Episcopus tit. Palmyrenus
Ss. Concilii Notarius
† Ego FRANCISCUS HANNIBAL FERRETTI
Ss. Concilii Notarius

NOTE

(1) Cf. At 17,26.

(2) Cf. Sap 8,1; At 14,17; Rm 2,6-7; 1 Tm 2,4.

(3) Cf. Ap 21,23-24.

(4) Cf. 2 Cor 5,18-19.

(5) Cf. S. GREGORIO VII, Epist., III, 21, ad Anazir (Al-Nãþir), regem Mauritaniae, ed. E. CASPAR in MGH, Ep. sel. II, 1920, I, p. 288, 11-15; PL 148, 451A.

(6) Cf. Gal 3,7.

(7) Cf. Rm 11,17-24.

(8) Cf. Ef 2,14-16.

(9) Cf. Lc 19,44.

(10) Cf. Rm 11,28.

(11) Cf. Rm 11,28-29; CONC. VAT. II, Cost. dogm. sulla Chiesa Lumen Gentium: AAS 57 (1965), p. 20 [pag. 151ss].

(12) Cf. Is 66,23; Sal 64,4; Rm 11,11-32.

(13) Cf. Gv 19,6.

(14) Cf. Rm 12,18.

(15) Cf. Mt 5,45.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30707
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Creistianexemo

Messaggioda Sixara » mer dic 18, 2013 1:33 pm

filarven ha scritto:La Chiesa di Cristo infatti riconosce che gli inizi della sua fede e della sua elezione si trovano già, secondo il mistero divino della salvezza, nei patriarchi, in Mosè e nei profeti.

Essa confessa che tutti i fedeli di Cristo, figli di Abramo secondo la fede (6), sono inclusi nella vocazione di questo patriarca e che la salvezza ecclesiale è misteriosamente prefigurata nell'esodo del popolo eletto dalla terra di schiavitù. Per questo non può dimenticare che ha ricevuto la rivelazione dell'Antico Testamento per mezzo di quel popolo con cui Dio, nella sua ineffabile misericordia, si è degnato di stringere l'Antica Alleanza, e che essa stessa si nutre dalla radice dell'ulivo buono su cui sono stati innestati i rami dell'ulivo selvatico che sono i gentili (7). La Chiesa crede, infatti, che Cristo, nostra pace, ha riconciliato gli Ebrei e i gentili per mezzo della sua croce e dei due ha fatto una sola cosa in se stesso (8). Inoltre la Chiesa ha sempre davanti agli occhi le parole dell'apostolo Paolo riguardo agli uomini della sua stirpe: « ai quali appartiene l'adozione a figli e la gloria e i patti di alleanza e la legge e il culto e le promesse, ai quali appartengono i Padri e dai quali è nato Cristo secondo la carne» (Rm 9,4-5), figlio di Maria vergine.


A ghè dentro a sto discorso de le 'forzature', a se sente ( secondo mi) ke vièn dite de le robe ke 'in teoria' le avaria dovesto ndare cusì ma ke 'in pratica' i è ndà come ca savemo. Còsa jèra .. otobre 1965, màsa presto ncora - secondo i tenpi de la Cèxa - jèra da poco ke i lo ghea tirà via el riferimento a i 'perfidi Giudei' ma se par secoli e secoli se gà predicà te on modo noè ca basta la NOSTRA AETATE par scancelare el prejudizio popolare ke lori par primi i ghea alimentà. Però insoma, pian pianeto.. a semo rivà a l papa Woitila ke lù el la conpleta sta opera de remision del peccato cattolico contro i 'fratelli maggiori'. Gà volesto altri trintàni e pàsa.
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1759
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: Creistianexemo

Messaggioda Berto » sab dic 28, 2013 8:04 am

Cristiani perseguitati nel mondo: a Kyenge e Boldrini non interessa

http://www.lindipendenza.com/cristiani- ... -interessa

di CARLO CAGLIANI

La Kienge e la Boldrini preferiscono non parlare di quel che accade altrove a chi è perseguitato, insistono sempre sugli immigrati (perlopiù irregolari) di casa nostra.
Immagine

Andrebbe sempre ricordato loro che i cristiani sono perseguitati in alcuni paesi dell’Africa come la Nigeria (ma episodi di violenza si sono verificati anche in Egitto) e in Asia, in particolare in Iran, Cina, Terra Santa.
“L’elenco – scrive il settimanale Tempi – e’ sicuramente incompleto”, ci sono infatti regioni dove “ogni chiesa e celebrazione eucaristica un obiettivo per bande di terroristi islamici che hanno come scopo quello di seminare il panico tra i cristiani e, attraverso di loro, colpire l’Occidente”.
Ne’ si puo’ dimenticare quanto accaduto negli anni scorsi in Orissa, lo stato indiano piu’ integralista. In Nigeria a colpire sono i Boko Haram, che significa “L’educazione occidentale e’ peccato”, un’organizzazione che ha come obiettivo quello di cacciare tutti i cristiani “infedeli” dal nord del paese e di instaurare uno Stato islamico con la sharia. In Pakistan, sottolinea Tempi, dopo l’attentato del 22 settembre davanti alla chiesa di Tutti i santi di Peshawar, che ha causato la morte di 96 persone, i talebani hanno promesso di colpire ancora, i cristiani saranno costretti a fare piu’ attenzione.Lo stillicidio di cristiani in Iraq e’ continuo e dura tutto l’anno. Ma nessuno ha dimenticato l’attentato del 2010 alla cattedrale siro-cattolica di Baghdad, dove un commando legato ad Al Qaeda ha sterminato 48 fedeli e due giovani preti, distruggendo la chiesa. Nel 2012 la cattedrale e’ stata ristrutturata e riaperta al culto ma resta la paura e non e’ un caso se nel 2003 c’erano 1,5 milioni di cristiani in Iraq e oggi solo 200 mila, 300 mila al massimo. Per non rischiare attentati, la Chiesa ha cancellato le messe di mezzanotte del 24 e 31 dicembre.

“Non c’e’ pace e sicurezza, ecco perche’ abbiamo fatto questa scelta”, spiega il vescovo ausiliare del patriarcato di Babilonia Shlemon Warduni. Anche in Indonesia la situazione, nonostante i tentativi di mettere al sicuro i luoghi di culto, e’ tesa: il presidente Yudhoyono ha pubblicamente annunciato che si temono attacchi e i recenti segnali di intolleranza contro le chiese (demolite o chiuse da bande di estremisti) e contro i cristiani (gli ulema a Banda Aceh hanno vietato gli “auguri di Natale”) non contribuiscono a creare un clima sereno.

I cristiani del Centrafrica, che non hanno mai avuto motivo negli anni scorsi di temere le celebrazioni di Natale,quest’anno, dopo il colpo di Stato del 24 marzo e le violenze sanguinarie dei ribelli islamisti Seleka, hanno paura. Decine di migliaia di fedeli si sono rifugiati nelle concessioni delle Cattedrali in diverse citta’ del paese e hanno trascorso li’ il Natale, temendo di tornare alle loro case nonostante l’intervento per pacificare lo Stato dell’esercito francese.

In Siria i terroristi islamici legati ad Al Qaeda danno la caccia ai cristiani, perche’ “infedeli”, le cattedrali ortodossa e siriaca di Aleppo saranno prive dei vescovi, Yazigi e Mar Gregorios, rapiti il 22 marzo scorso. A Maloula non c’e’ quasi piu’ nessuno e anche le suore del monastero di Santa Tecla sono state rapite dagli islamisti.

Che dire? Nulla, Kyenge e Boldrini preferiscono menarla con il Cie di Lampedusa. E non dite loro che anche in Congo non sono poi così benevoli, visto quel che accaduto alle coppie andate là per adottare qualche “figlio della miseria” delle politiche di quel paese.

Immagine
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30707
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El creistianexemo e Cristo l'ebreo

Messaggioda Berto » sab gen 11, 2014 9:40 am

Cristo so la croxe, vanti de morir, de spirar, el ga dixesto:

Eloì, Eloì, lema sabactàni!
Dio mio, Dio mio (o mon Deo, mon Deo) parké a te me ghè xbandonà?

Eloì łè ła forma aramaega de Elahî, trascrita Elôì, forse par enflouso de Elohim.


Enuma Elish, Elixi/Elisi, Eleusi/Eleuxini, Elohim, Allah, Elio, Helios
viewtopic.php?f=24&t=346

Enuma Elish
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... VvazQ/edit
Immagine
Immagine
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30707
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El creistianexemo e Cristo l'ebreo

Messaggioda Sixara » sab gen 11, 2014 12:12 pm

Berto ha scritto:Eloì, Eloì, lema sabactàni!
Dio mio, Dio mio (o mon Deo, mon Deo) parké a te me ghè xbandonà?


E se l intendeva dire : me dii parké a me ghì xbandonà?
In fondo de còsa e come ke i è ndà le robe prima e dopo la croxe a savemo solo ke le version riportà te i vanjeli.
Vojo dire : còsa exatamente voleva dire la mésa n croxe pa erexia pa i sacerdoti ebrei? Parké i lo gà condanà par erexia? :?
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1759
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: El creistianexemo e Cristo l'ebreo

Messaggioda Berto » sab gen 11, 2014 7:47 pm

No xe stà li ebrei a condanarlo par erexia (bastiema), ma xe sta el el roman pilato acondanarlo par lexa maestà de l'enperador roman.
Li ebrei ortodosi li lo gheva encolpà de erexia come ke dapò li ga encolpà Paolo de Tarso e Stefano.

http://it.wikipedia.org/wiki/Ges%C3%B9
...
Il racconto degli eventi che portarono alla morte di Gesù è riportato parallelamente dai quattro vangeli, seppure con alcune differenze ed aggiunte proprie. Dopo l'Ultima Cena, tenuta in città, Gesù si recò nel podere chiamato Getsemani – sul monte degli Ulivi, poco fuori Gerusalemme –, dove sostò in preghiera. Qui un gruppo di guardie del tempio (soldati ebrei agli ordini delle autorità sadducee), guidato dall'apostolo traditore Giuda Iscariota, procedette al suo arresto. In seguito, Gesù fu condotto da Anna, ex sommo sacerdote e suocero del sacerdote in carica Caifa, poi da Caifa, quindi al Sinedrio – che ne stabilì la condanna a morte per bestemmia, essendosi equiparato a Dio.

Al mattino presto avvenne un nuovo incontro col Sinedrio, poi Gesù fu condotto dal prefetto romano Pilato per richiederne l'esecuzione; questi lo interrogò ma non lo trovò colpevole. Pilato lo inviò dunque a Erode Antipa, re della Galilea – che, dopo averlo schernito, ma non condannato – lo rispedì a Pilato. Questi, nel tentativo di salvarlo, propose al popolo di liberarlo (era infatti uso da parte delle autorità romane rilasciare un prigioniero all'anno, per Pasqua), ma la folla gli preferì il ribelle/assassino (pareota/patriota) Barabba, mentre invocò la crocifissione per Gesù. Per paura di un tumulto Pilato si lavò le mani, dichiarandosi innocente per l'ingiusta condanna, e acconsentì alla richiesta della folla, condannando formalmente a morte Gesù per il reato di lesa maestà, essendosi dichiarato «Re dei Giudei». Quindi Gesù fu flagellato; venne poi schernito dai soldati romani, che lo coronarono di spine e lo condussero, assieme ad altri due condannati (tra cui il "buon ladrone"), verso il luogo della condanna, una piccola collina appena fuori le mura, chiamata Golgota-Calvario. Lungo la salita, Gesù fu aiutato a portare la croce da un certo Simone di Cirene.
...
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30707
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El creistianexemo e Cristo l'ebreo

Messaggioda Sixara » sab gen 11, 2014 9:05 pm

No' sò.. a ghè calcosa ke no cuadra te sta storia cuà de l erexia, de la bestemmia contra i dogmi de l Judaixmo. Parké propio Jexù? A ghe ne jèra ogni canton prima dopo de lù ca ghea vixion, ca faxea 'miracoli' ca dixea e faxea erexie..
no lo so: a so' bastanza ignorante so ste robe cuà ma a naxo, me vegnarìa da dire ke la vera storia no i te la conta nò i vanjelisti ( co tuto el rispeto par cuei ca ghe crede a le fòle e mi so propio una de cuele).
El sarà stà, mi credo, na persona normale come tuti : l avarà vù dei jenitori, l avarà laorà co so pàre, l avarà vù na fameja anca lù.. de i fradeli dee sorele, na mojère, dei fioli.. parké avilire la so figura dixendo ke l jèra on òmo da lù solo, senza na fameja par exenpio ca lo sostegneva.. no' sò, no i gà volesto bèn, ki ke ga scrito de lù e de la so vita, lori par primi. No' i ga contà la verità umana de sto òmo o nò tuta.

I conta de le bàle sicuramente : pa i ebrei uno dei tabù asoluti l è cueo sol sangoe e te l OltimaCena lù l avarìa dito : prendete e mangiate.. prendete e bevete questo è il mio sangue.. i sarìa scapà tuti a rendar fòra. Se i jèra ncora ebrei. Se i jèra zà cristiani, naltra roba. Ma cristiani i ghe deventa dopo, co i ghe scrive desora so la so vita : anca 80àni dopo e do evanjelisti no i lo ghea mai conosesto. mai visto. Solo ke sentìo parlare da altri.
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1759
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: El creistianexemo e Cristo l'ebreo

Messaggioda Berto » mar gen 14, 2014 7:26 am

Sixara ha scritto:No' sò.. a ghè calcosa ke no cuadra te sta storia cuà de l erexia, de la bestemmia contra i dogmi de l Judaixmo. Parké propio Jexù? A ghe ne jèra ogni canton prima dopo de lù ca ghea vixion, ca faxea 'miracoli' ca dixea e faxea erexie..
no lo so: a so' bastanza ignorante so ste robe cuà ma a naxo, me vegnarìa da dire ke la vera storia no i te la conta nò i vanjelisti ( co tuto el rispeto par cuei ca ghe crede a le fòle e mi so propio una de cuele).
El sarà stà, mi credo, na persona normale come tuti : l avarà vù dei jenitori, l avarà laorà co so pàre, l avarà vù na fameja anca lù.. de i fradeli dee sorele, na mojère, dei fioli.. parké avilire la so figura dixendo ke l jèra on òmo da lù solo, senza na fameja par exenpio ca lo sostegneva.. no' sò, no i gà volesto bèn, ki ke ga scrito de lù e de la so vita, lori par primi. No' i ga contà la verità umana de sto òmo o nò tuta.

I conta de le bàle sicuramente : pa i ebrei uno dei tabù asoluti l è cueo sol sangoe e te l OltimaCena lù l avarìa dito : prendete e mangiate.. prendete e bevete questo è il mio sangue.. i sarìa scapà tuti a rendar fòra. Se i jèra ncora ebrei. Se i jèra zà cristiani, naltra roba. Ma cristiani i ghe deventa dopo, co i ghe scrive desora so la so vita : anca 80àni dopo e do evanjelisti no i lo ghea mai conosesto. mai visto. Solo ke sentìo parlare da altri.



Jexù Cristo

http://it.wikipedia.org/wiki/Ges%C3%B9

Ebraismo

L'Ebraismo non riconosce Gesù come il Messia atteso, né tantomeno gli attribuisce natura divina, caratteristiche non sono state considerate estranee alla tradizione ed alla religione monoteistica ebraica.[142] Mosè Maimonide, rabbino del XII secolo e fondamentale teologo ebraico, lo chiama «Gesù il Nazareno», e lo considera alla stregua di un rabbì itinerante – al quale la successiva tradizione cristiana, mentendo, ha attribuito miracoli, e del quale ha falsamente proclamato la resurrezione[143].
Circa il processo di Gesù che ne decretò la morte, secondo la Jewish Encyclopedia (1901-1906)[144] la responsabilità fu della "arrogante" gerarchia sadducea. Questa ne decretò la morte consegnandolo a Pilato (ke fome warnador roman el ga dito l'oltema parola e el gà condanà Cristo par lexa maestà e no par le acouxe de li ebrei), ma non istituì un vero e proprio processo sinedrita (che avrebbe coinvolto anche l'ebraismo farisaico, sul quale si basa l'ebraismo contemporaneo).
Il principale motivo della condanna non derivò da questioni teologiche relative alla divinità o messianicità di Gesù ma dalla reazione all'episodio della cosiddetta Purificazione del Tempio da lui compiuto.
Gli aderenti al Giudaismo messianico, una corrente minoritaria particolarmente diffusa negli Stati Uniti e considerata eterodossa dal resto dell'Ebraismo, riconoscono la natura messianica di Gesù, i suoi miracoli e la sua risurrezione, pur non attribuendogli natura divina.

http://it.wikipedia.org/wiki/Purificazione_del_Tempio
Immagine

Anca el Papa Françesco a Roma lè drio parar fora li marcanti dal tenpio.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30707
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El creistianexemo e Cristo l'ebreo

Messaggioda Berto » mer feb 26, 2014 8:32 am

Se pol dir kel creistianeiximo lè na seta de l’ebraixmo?

Si se pol dir.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30707
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Prossimo

Torna a Cristianixmo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti