I veneti venesianisti ke łi nega e falba ła storia veneta

I veneti venesianisti ke łi nega e falba ła storia veneta

Messaggioda Berto » ven dic 11, 2015 10:29 am

Màsa eideołoja e màsa finsion ???


IDENTITA’ VENETA, COME E’ STATA COSTRUITA NEI MILLENNI.
14 novembre 2015 di Millo Bozzolan

http://venetostoria.com/2015/11/14/iden ... i-millenni

Di cosa è fatta l’identità di un popolo? di molte cose, che si riassumono in una visione comune del mondo, con questa visione si affrontano i problemi del vivere, e si progetta il futuro, guardando sempre di non tradire il passato. E noi Veneti, di passato ne abbiamo tanto, da far impallidire persino la lunga storia di Nazioni molto importanti e grandi, quali la Francia e l’Inghilterra, ad esempio. Non è una vanteria sciocca, la nostra. Di Veneti si parlava più di tremila anni orsono, dei Veneti del nord est dell’Italia, almeno, perché bisognerebbe considerare anche i Veneti di varie parti dell’Europa egli ‘Eneti’ del Medio Oriente che allevavano ‘bianche mule selvagge’, descritti da Omero come alleati valorosi dei troiani.
Ai Veneti antichi non piaceva la guerra: non guerreggiavano come i Celti, per vivere di saccheggio e di bottini. Ai Veneti piaceva la pace, ma si difendevano valorosamente se attaccati. ???

Sconfissero pure i temibili spartani, che risalitono la Brenta con delle navi i cui rostri ancora si vedevano esposti, ci racconta Tito Livio, nel tempio di Giunone (in epoca romana, probabilmente prima era dedicato allaDea Reitia) a Padpva, come prede di guerra. Gente pacifica, ma determinata a difendere la libertà. Salvarono addiritura la Roma dei re, quando Brenno, re dei Galli (Celti) la invase, invadendo a loro volta i teritori celti e costringendoli a una precipitosa retromarcia dal Lazio.
Di loro, e delle loro misteriose origini ne parlano gli storici romani e greci: e ne delineano delle caratteristiche che ancor oggi troviamo ben vive. Gente valorosa in guerra (pensimo ai nostri alpini nelle due grandi guerre) ???, con uno spiccato senso religioso, (non dimentichiamo che questa terra era definita, fino a pochi decenni or sono, laVandea italiana) ???, e infatti i culti degli dei del tempo erano molto praticati e sentiti come identitari: laboriosa, perché secondo Polibio, solo da Padova, specializzata nel tessile, partivano carovane enormi cariche di stoffe dirette al mercato di Roma lavorate dai nostri avi. Con una società priva di re, ma governata, probabilmente da assembee popolari (???), divise nelle classi sociali di allora. Insomma, tutta questa eredità non sparì con la romanizzazione, ma proprio grazie ad essa, poichè godevamo di ampia autonomia municipalein quanto antichi alleati, attraversò i secoli fino a essere raccolta dalla Repubblica di Venezia che riunificò quello che ancora era considerato un territorio con una identità comune e forte: la X Regio Venetia et Histria ???.

Venezia e il suo stato non nacquero dal nulla, riprendevano il cammino comune ai Veneti, ma nello stesso tempo, Venezia diventava un simbolo di valori universali, che potevano essere condivisi da altre Nazioni. In questa universalità condivisa, basata su principi cristiani (allora era così, piaccia o meno) ogni popolo, veneto vero e proprio o di altra etnia, era “veneto” nel senso più alto del termine. Dominuim Venetum conservat Republica, Religione, Lege, Iustitia, Subditos, Charitate, Amore, Pietate. Cosa significa, questo “latinorum” astruso? semplicemente che la Repubblica conserva il suo stato (Dominium) attraverso la Legge (non quindi l’arbitrio del Despota), la Religione che garantiva la giustezza delle leggi ispirate a principi naturali, e la Giustizia, che era tenuta ad applicare le leggi di derivazione cristiana, mentre i suoi cittadini erano ‘conservati’ dalla Carità, dall’Amore, dalla Pietà.Tutte virtù del Buon Governo come lo si intendeva allora, e come non lo si intende più oggi. Pare che l’amore, la pietà e la carità dello stato verso i cittadini, sia una anacronismo. Esistono solo ‘diritti’ e carte costituzionali, ma manca l’amore di fondo, in una civiltà basata sull’egoismo ???.

E’ a questa universalità di valori, a parer mio, a cui il movimento indipendentista dovrebbe far riferimento, non all’identità artificiosa su cui invece da Napoleone in poi, si sono fondati gli stati moderni. Non una Patria monoblocco, dunque, ma una rinata Patria Veneta che comprenda tante piccole Patrie, con tante storie diverse, unite dal passato percorso comune, sotto il segno universale del Leone marciano che difendeva le diversità, fino a rinunciare ad imporre una lingua unica. Così ogni città diventava una piccola Nazione a sè bastante, non omologata a forza, gelosa delle sue peculiarità e pronta a morire, come accadde in tanti secoli, fini a quel tragico 1797, per difendere “San Marco benedetto” che garantiva le libertà di tutti ???.


Me despiaxe ma Venesia no ła jera cusì; ła Repiovega Veneta no ła jera ła Repiovega de tuti veneti, ma la jera on domegno venesian e staltri veneti de tera łi jera lomè suditi e no sorani.
I veneti no łi jera fradełi!
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34231
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

I veneti venesianisti ke łi nega e falba ła storia veneta

Messaggioda Berto » lun feb 15, 2016 12:52 pm

Rialto ke entel XII° secoło łi ła/ło ga ciamà Venesia
viewtopic.php?f=151&t=2215

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... Rialto.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34231
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

I veneti venesianisti ke łi nega e falba ła storia veneta

Messaggioda Berto » mar mar 15, 2016 11:25 pm

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... venete.jpg

Me despiaxe ma i xe dati xbajà, a se fa màsa confuxion tra Venesia e Veneto:
1) ła bandera ła jera coeła de Venesia ke lomè entel 1400 lè devegnesta anca coeła dei veneti de tera;
2) el parlamento del 1172 el jera coeło venesian e no coeło de tuti i veneti, ogni çità veneta ła gheva el suo e no se ga da confondar coeło de Venesia co coeło de łe altre çità; lomè entel 1400 el parlamento arestogratego venesian lè devegnesto el parlamento arestogratego dei veneti endoe ke i veneti de tera però no łi gheva raprexentansa, prasiò nol jera on parlamento de tuti i veneti;
3) entel 697 no ghe jera el presidente dei veneti ma on duca/doxe de łe xenti lagounari nomenà da Bixansio, on funsionaro de Bixansio ke nol stava a Venesia ke gnancora la ghe jera e gnanca el stava a Rivoalto ke dapò lè devegnesto Venesia. Màsa bàle a se conta. No se fa cusì ła storia. Sti venetisti venesianisti marcianisti no łi xe pareoti veneti, de tuti i veneti, łi xe lomè de łi gran conta bàłe.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34231
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

I veneti venesianisti ke łi nega e falba ła storia veneta

Messaggioda Berto » mar mag 17, 2016 7:50 am

L'arestograsia venesiana ente ła mitomania dei venetisti venesianisti ła jera na casta rełijoxa de elesion divina a cu ghe spetava el dirito de governar el popoło veneto e tute staltre xenti ke łe ghe jera sojete.

Eh sì! ła jera cusì cristiana piena de rełijoxetà, de pietà, de caretà, ła gheva cusì el senso de ła justisia soçałe e połedega ke ła se gheva dexmentegà de darghe a tuti staltri veneti so sotani, ła soranedà repiovegana, forse parké sta arestograsia o patrisià, prexountuoxa e rogante ła se credeva ełeta, on patrisià desendente diretamente dai apostołi e da łi evanxełisti cristiani, na casta rełijoxa de elesion divina a cu ghe spetava el dirito de governar el popoło veneto e tute staltre xenti ke łe ghe jera sojete.

Cusì el segnor el ła ga punia e el ga punio anca tuti naltri veneti par no verla cavà xo dal so caregoto de presxounsion, rogansa e soransa.



L'arestocrasia venesiana jereła na casta veneta? Sì!
viewtopic.php?f=137&t=36

El Parlamento Arestogratego Venesian
viewtopic.php?f=138&t=1405

La Repiovega Serenisima come modeło istitusional ?
viewtopic.php?f=137&t=1891

La Repiovega Veneta a domegno venesian no ła jera federal
viewtopic.php?f=167&t=1602

El mito de Venesia lè n'entrigo par l'endependensa veneta
viewtopic.php?f=183&t=1816
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34231
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

I veneti venesianisti ke łi nega e falba ła storia veneta

Messaggioda Berto » ven mag 20, 2016 9:29 pm

Edentetà venetà: dimande e resposte
https://www.facebook.com/groups/5527425 ... 1528034761


Par esar veneti ocor esar venesiani ?
No !

Par esar veri veneti co raixe venete fonde ocor esar venesiani ?
No !

Par esar pàreoti veneti ocor esar venesiani ?
No !

Par esar boni veneti e boni pàreoti veneti se ga da esar par forsa cristiani ?
No !

Par esar pàreoti veneti se ga da vołer el torno de ła Serenisima ?
No !

La storia del Veneto xeła ła storia de Venesia e de ła Serenisima ?
No, ła xe ła storia de tuti i veneti e de tute łe çità venete tra cu a ghè anca coeła de Venesia e de ła Serenisima, ma scanviar ła storia de Venesia e dei venesiani par coeła del Veneto e dei veneti łè on xbajo, na falbetà.

I venesiani jerełi pì cristiani de st'altri cristiani veneti e de st'altri cristiani ouropei ?
No !

L'arestograsia venesiana jereła pì cristiana de łe altre nobeltà venete e ouropee ?
No !

Se pol paragonar l'arestograsia venesiana a łi apostołi ?
No !

San Marco jereło on santo pì santo de łi altri santi ?
No !

I venesiani jerełi veneti mejo dei veronexi, dei trevixani, dei pavani, dei vixentini, dei belumat e dei ruigoti?
No !

I venesiani gałi enventà el comoun, łe lebertà comunałi e łi istitudi comunałi come l'arengo, ła concio, el major consejo e tuto el resto?
No !

I venesiani gałi enventà ła Repiovega, łe so lebertà e łe so istitusion ?
No !

I venesiani gałi enventà l'istitudo del Doxe ?
No !

I venesiani gałi fato sù on Stado Federal ?
No!

La Serenisima jereła on stado repiovegan ?
Sì ma arestogratego e castual !

La Serenisima jereła ła Repiovega de tuti i veneti?
No, ła jera ła Repiovega de l'arestograsia venesiana, łi altri veneti łi fea parte del domegno venesian e łi jera suditi !

I venesiani gałi enventà l'ogneversedà de Pava ?
No !

La łengoa veneta dei venesiani gała da deventar ła łengoa veneta de tuti i veneti ?
No !

La grafia doparà dai venesiani par scrivar ła so łengoa venesiana gała da devegner ła grafia de tuti i veneti ?
No !

I venesiani gałi costruio na Nasion Veneta ?
No !

L'endependensa dei veneti del Veneto gała da ver come orixonte, o da pasar traverso el torno de ła Repiovega Serenisima ?
No !

La Pàrea Veneta xeła fata da łe tere venete e no venete ke na 'olta łe jera domegno de Venesia ?
No !

El culto del Mito de ła Venesia Serenisima e de San Marco serveło a ognefegar tuti i veneti ?
No !

El culto del Mito de ła Venesia Serenisima xeło na bona roba e on bon edeal par i xovani e on bon modeło pal Veneto del diman ?
No !


Cosa xeło el venesianixmo ?
Lè el culto fanatego del mito venesian, de Venesia e de ła so Serenisima! Conpagnà dal sprèso e da ła negasion
par i veneti de tera e par ła so storia ke no ła xe venesiana ma veronexe, pavana. ruigota, trevixana, vixentina, belumat.
Sta mitomania ła ghe someja a coeła tałiana par Roma e i romani so cu a xe stà tirà sù l'edentetà edeołojega onedara tałiana; na falbetà orenda a spexe de l'edentetà tałeghe, veneta e de łe nostre raixe oruropee.


Xe justo cognosar ła purpia storia e coeła de tuti i veneti ?
Sì ! Ma no xe justo scanviar ła storia de Venesia e dei venesiani par coela de tuti staltri veneti ke no łi xe venesiani! Tanto manco spresàr, negar o falbar ła storia dei veneti ke no łi xe venesiani.

I venesianisti xełi i veri Pàreoti Veneti ?
No !

La Repiovega Serenisima jereła on Paradixo, on stado edeal?
No ! Se ła ło fuse stà, tuti i veneti, venesiani e non venesiani łi ła garia defendesta co łe onje e co i denti, anvençe, par primi i venesiani e ła so arestograsia łi ga prefaresto mołar el domegno de ła Repiovega pitosto ke conbatar par defenderla, consegnadogheła a Napołeon.

Parké i venesiani o mejo l'arestograsia venesiana no ła ga ognefegà tuti i veneti e trato sù na Repiovega Federal a soranedà de tuti i veneti enpiantando cusì na vera e fraderna Nasion Venetà?
Parké no łi se sentiva dal tuto veneti, spartii come ke łi jera tra i domegni de tera e de mar; parké no łi gheva on gran amor fraderno par i veneti del Veneto, par i lonbardi e i furlani dei so domegni; parké no łi vołea perdar łi so priviłej de casta arestogratega dominante e parké no łi ga savesto ajornarse ai tenpi e vałutar par ben e de bonora ła realtà de ła storia ke canbiava.

E i Serenisimi?
I Serenismi łi se gheva fato ciapar dal mito de Venesia e da coeło dei Serenisimi e ancora ancó no łi xe boni de vegnerghene fora e łi xe restà entrapołà drento sti do miti;
mi ghe so sta amigo e ło so ancora, ma a defarensa de lori go vesto el cogno e ła fortuna de profondir anca ła storia de mi e de tuti i veneti e no solké coeła dei venesiani e de Venesia.
Venesia no ła xe stà na bona mama e na bona marègna, co xe rivà el momento ła ne ga xbandonà tuti, fioli e fiłiastri.
Lo so ka par bruto dirlo e ca xe tristo recognosarlo ma lè on pàso ca ghemo tuti da far sa vołemo cresar e mejorar łe robe.
I Serenisimi łi ga scanvià Venesia e ła so Repiovega Arestogratega ca no ghè pì, par ła Pàrea Veneta; ła Pàrea Veneta lè el Veneto e no Venesia ke lè lomè ona de łe çita venete e ła Repiovega Serenisima ła jera na organixasion połedega a domegnansa venesiana ke no ła ghè pì daromai da 220 ani e no ła jera ła Repiovega de tuti i veneti endoe ke tuti i veneti łi jera sorani.



Venesianisti: na bona parte łi xe połedeganti, caregari, fanfaroni, fiłoleghisti,
...

Ma i veneti xełi on popoło ?
La xe na dimanda a cu se ndaria mejo a respondar par somexansa anałojega e par scartamento, ... ke par definision standare e stereotipà:
dixen ke i veneti łi ga tanti tràti ke łi portaria a dirli/ciamarli on popoło, a scuminsiar da ła pristoria, però se stemo ai fati połedeghi e a ła storia de sti oltemi 6 secołi, a vien pì de coalke pensiero da scorlar ła cràpa. Soto ła Repiovega Serenisima ła pì parte dei veneti łi jera suditi del domegno de Venesia e Venesia no ła ga fato gnente par trar sù na Nasion Veneta co on so Popoło Veneto ognio e soran; dapò a xe rivà Napoleon, l'Aostria e ła Tałia e kel poco ca ghe jera el se ga descołà ancora de pì. Se vardemo ła realtà de ancó, da suditi del stado tałian e pieni de veneti ke łi serca de ciavarse łe scarpe tra de łori e de montarghe so ła skena de łi altri par farse portar, co na majoransa ke ła sente pì tałiana ke veneta a se fa fadiga pexar coanto Popoło Veneto ke łi xe e ke łi se sente i veneti.


El cristianixmo xeło on descremene o na scremadura ke ła caraterixa łe xenti venete e ła difarensia i veneti da łi altri òmani ouropei e tałeghi da farli aparir al mondo come on popoło par lù?
No, parké tute łe xenti ouropee łe xe parlopì cristiane. Caxo mai i veneti łi apartien a ł'ara cristian catołego-romana pì ke a coeła protestante. Prasiò no xe el cristianixmo ke fa dei veneti on popoło come ka xe l'ebraixmo par łi ebrei.

Ke fa dei veneti on popoło a xe al scuminsio l'apartenensa a ła tera veneta e dapò tute łe stratefeganse ca se ga
xontà e xmisià longo i miłegni. E l'ognoła tera veneta ke ła se pol ciàmar cusì łe el Veneto e no altro come i teritori sojeti al domegno de Venesia o coełi ke entel domegno roman łi jera ciamà X Rejo e dapò Venesia e Istria.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34231
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

I veneti venesianisti ke łi nega e falba ła storia veneta

Messaggioda Berto » gio mag 26, 2016 8:21 pm

On caxo de fantastoria pì ke de storia, co ste fantastorie piene de falbarie, no se va da gnaona parte, cogna contar ła storia justa.

L’identità delle Venezie de Edoardo Rubini

http://www.raixevenete.com/non-possiamo ... le-venezie

Ha ragione chi afferma che senza ancorarsi alle radici solide del nostro passato non si va da nessuna parte. La Repubblica, però, era dei Veneti intesi come genti affini etnicamente nell’area alpino-adriatica (attuali Veneto, Lombardia Orientale, Friuli Venezia Giulia, Istria), che condividevano praticamente tutto: origini, affinità linguistica, tradizioni, orientamento religioso, ecc.

A questo contesto assai omogeneo, si accostavano altre etnie, che si riconoscevano nello Stato Veneto per ideali altissimi, cioè i valori spirituali ed il senso di Giustizia, in una parola la Civiltà Veneta. Faccio riferimento alle genti della Costa Dalmatica, all’area greca, ad altri possedimenti meno duraturi come quelli in Puglia, ecc. Si è tante volte paragonata Venezia con Roma, specie nel Ventennio, ma senza convincere.

Si è parlato di “Città Stato”, ma bisogna intendersi. Nell’antichità tutto il potere politico, con le inevitabili varianti, era organizzato in base ad un legame Città-Terra circostante (in altri luoghi c’erano p.e. i feudi, foma diversa per concezione dalle Terre di San Marco, ma dalle medesime dimensioni). In pratica, dicevo, specie nel Medioevo Cristiano l’autonomia locale era una regola.

La Veneta Serenissima Repubblica era nonostante questo uno Stato Territoriale, pur essendo a base federale. Non era una Città-Stato. Roma fu un Impero, almeno negli ultimi secoli, perché aveva conquistato con la forza altri territori. Venezia si mosse sempre in modo diverso, annetteva ciò che le interesseva, ma attraverso il consenso e la trattativa. Le nuove comunità chiedevano in determinate circostanze la “dedizione” ritenendo che ciò convenisse ai loro interessi. A tal fine inviavano i loro ambasciatori a Venezia portando gli Statuti locali, la Repubblica li approvava talvolta con lievi modifiche, si accordava su tasse, privilegi, leva militare, poi affermava la prorpia sovranità con terre che nella forma erano Dominii, ma nella pratica erano soci.

Come ho scritto in precedenza, Venetia vuol dire terra dei Veneti (anticamente la Urbs Venetorum si chiamava Rivoalto). L’idea che fosse una città-stato si è sviluppata nell’800, quando il Regno d’Italia voleva presentarsi come stato solido e matvenetiaHistriauro, mentre Venezia era dipinta come la dominatrice furba e opportunista. Le cose stanno altrimenti: lo Stato italiano si è affermato con mere annesioni imponendo ogni trasformazione sociale e ogni scelta politica, mentre Venezia ha sempre rispettato la Tradizione, propria e altrui.

Sul piano etnico, poi, va detto che i Veneti nell’Antichità furono un popolo importante, esteso su vaste aree d’Europa. Il Dogado Veneto nasce come sulla base di una precedente confederazione costituita nel 466 sulla fascia costiera adriatica da Grado a Cavarzere, che sempre si mantenne indipendente dalla caduta dell’Impero Romano in avanti, resistendo a tutti, Longobardi, Franchi, Arabi, Normanni, Turchi, ecc. Solo in periodo gotico furono associati a quel Regno (ma governandosi da sé, come mostra la famosa lettera di Cassiodoro ai Tribuni marittimi, anno 537 circa) e poi ponendosi nell’area d’influenza bizantina, che però in nessun modo intaccò la Veneta Sovranità.

Tra il VI ed il XIII (quando Bisanzio cadde) la Venetia Maritima non era intesa come un ambito urbano, ma come un ambito lagunare, un’unione di 12 centri da Grado a Cavarzere (cfr. Giovanni Diacono). Questa Civiltà non era di origine romana, ma era la continuità della Civiltà precedente, generatasi nell’Età del Bronzo. Si può concludere che la nascita di nuova Repubblica Veneta in tutto e per tutto rappresenterebbe la ripresa della legittima sovranità della precedente Repubblica Veneta (nei documenti la Repubblica prediligeva proprio il termine “Veneto”, in senso di Nazione). Il dimensionamento della Repubblica come “marinara” o “città stato” è un artifico retorico inventato dal nazionalismo italiano per intuibili ragioni.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34231
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

I veneti venesianisti ke łi nega e falba ła storia veneta

Messaggioda Berto » ven giu 10, 2016 7:47 am

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34231
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

I veneti venesianisti ke łi nega e falba ła storia veneta

Messaggioda Berto » lun ott 10, 2016 6:52 am

???

Lettera agli italiani da un veneto: vogliamo tornare a governare casa nostra
9 Oct 2016
di NICOLA BUSIN

http://www.lindipendenzanuova.com/lette ... asa-nostra

Il rapporto tra i Veneti e gli Italiani è sempre stato complesso. Entrato parzialmente nel regno dei Savoia nel 1866, il popolo Veneto ha visto la sua completa unificazione sotto il governo italiano solo nel 1918 dopo la fine della grande guerra. Da dire che questa prima annessione avvenne con un referendum, voluto dall’impero austro ungarico anche per rispetto della storia della Serenissima, i cui contorni truffaldini solo ora vedono una corretta definizione. I vari stati presenti nella penisola già prima dell’unificazione interagivano tra loro in modo sempre più esteso, accomunati da condizioni economiche e culturali che travalicavano gli aspetti politici. In ogni caso tutti questi stati italiani erano dominati dai vari re, principi e papi; altra questione quella Veneta dove da più di mille anni il governo era nelle mani di una Repubblica.

Come ha scritto anche Indro Montanelli la civiltà Veneta non fu mai italiana ma europea e cristiana. Difatti a differenza dei vari regnanti italici Venezia non fu mai interessata ad espandere i propri domini nella penisola, considerando solo i territori verso est, al fine di permettere il grande sviluppo commerciale con l’oriente a cui però mai si assimilò, anzi fu il baluardo della civiltà occidentale contro l’islam. La civiltà Veneta quindi ben distinta da quella italiana nel reciproco rispetto anche se l’interazione culturale è sempre stata ampia e ricca di occasioni di crescita comune. Se c’è un aspetto da sfatare dei Veneti è quello di un popolo razzista o chiuso in se stesso. Al contrario ha saputo per primo al mondo proibire la tratta degli schivi nel 960 con la “Promissione” del Doge Pietro IV Candiano, ha accolto gli Armeni donando loro un’isola della laguna, ha accolto gli Ebrei donando loro, primi in Europa, un intero quartiere della città e molti altri episodi simili.

Altra questione che merita un approfondimento è quella legata alla politica, il Veneto bacino di voti della Lega Nord quando in realtà ormai i vertici italiano – milanesi non hanno alcun interesse a tutelare l’identità Veneta. E’ stato eletto un Governatore Veneto che probabilmente sta subendo questa imposizione centralista, un uomo che attualmente potrebbe decidere con una scelta coraggiosa di staccare la Liga Veneta dalla Lega Nord e probabilmente troverebbe la base pronta a seguirlo. Perchè in realtà il triste abbraccio avvenuto negli anni novanta tra Bossi e i vertici Veneti di allora ha prodotto un movimento politico che non ha mai corrisposto con la storia della penisola, una forzatura quella della Padania Bossiana come una forzatura fu quella del Risorgimento di unificazione italiana.

La civiltà Veneta ha sempre avuto le proprie peculiarità. Si può affermare che non potrebbe esistere un’Italia priva di Milano che è il centro economico e finanziario della penisola, mentre potrebbe esistere e anzi dovrà ritornare ad esistere una Venezia libera e con un proprio governo. Un Veneto staccato da Roma e, a questo punto, da una cultura sociale ed economica che non gli appartiene e che sente solo come occasione di sopraffazione, di sfruttamento e di dileggio. Cari italiani questo dovete capire, che i Veneti desiderano solo ritornare a governarsi da soli perchè i 150 anni di esperienza vissuta hanno solo significato lacrime e sangue, tentativi di normalizzazione culturale non riconoscendo ancor oggi la nostra meravigliosa lingua come lingua ufficiale e anzi tentando di sopprimerla.

150 anni che ci hanno visto sottrarre immense ricchezze da parte di uno stato predone che con quei soldi alimenta un apparato repressivo che non ha pari in un mondo civilizzato. 150 anni che hanno visto una moltitudine di Veneti abbandonare le proprie terre soprattutto a causa delle gabelle insopportabili imposte da un avulso potere centrale. 150 anni in cui il popolo Veneto è riuscito a risorgere e a creare ricchezza e una organizzazione produttiva a tutti i livelli che non ha pari in Europa, ma non grazie, nonostante Roma. Pertanto cari italiani, amici fraterni, non pensate in modo egoistico a noi Veneti come a quelli da sfruttare. Chiediamo solo rispetto, chiediamo di ritornare liberi, chiediamo di esistere contro chi solo per profonda ignoranza e interesse personale si fa beffa delle nostre sacrosante aspettative.

1.100 anni di storia, 1.100 anni di ricchezza, 1.100 anni di Repubblica, 1.100 anni di libertà e di benessere confrontati a 150 anni di lacrime e sangue, di guerre, di sopraffazione, di diaspora, di dileggio. Non chiediamo nulla a tutti voi, chiediamo solo di esistere perchè assieme, noi Veneti e voi Italiani, potremo fare grandi cose, ma se non capite non potremo mai crescere. Abbiate quindi fiducia delle nostre potenzialità che ben conoscete e riconoscete i nostri diritti. Siate fieri e condividete la nostra passione per San Marco e quando passando per le nostre terre vedrete sventolare tante bandiere con il leone ricordate che su quella bandiera, unica al mondo, è scritto pace.
Non vogliamo che una multicultura sperimentale frutto di errati convincimenti ideologici ci sia imposta, sappiamo che questi esperimenti avranno ripercussioni tremende sulla nostra pelle. Desideriamo che la nostra cultura Veneta continui ad esistere e sia un faro per tutti gli altri.

Per gentile accordo con l’autore http://www.dirittodivoto.org
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34231
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: I veneti venesianisti ke łi nega e falba ła storia venet

Messaggioda Berto » sab giu 17, 2017 7:58 am

???

L'IDENTITA' DEI VENETI, UN PERCORSO LUNGO TRE MILLENNI
venerdì 16 giugno 2017

https://dalvenetoalmondoblog.blogspot.i ... lungo.html

Di cosa è fatta l’identità di un popolo? di molte cose, che si riassumono in una visione comune del mondo, con questa visione si affrontano i problemi del vivere, e si progetta il futuro, guardando sempre di non tradire il passato. E noi Veneti, di passato ne abbiamo tanto, da far impallidire persino la lunga storia di Nazioni molto importanti e grandi, quali la Francia e l’Inghilterra, ad esempio.

Non è una vanteria sciocca, la nostra. Di Veneti si parlava più di tremila anni orsono, dei Veneti del nord est dell’Italia, almeno, perché bisognerebbe considerare anche i Veneti di varie parti dell’Europa e gli ‘Eneti’ del Medio Oriente che allevavano ‘bianche mule selvagge’, descritti da Omero come alleati valorosi dei troiani.

Ai Veneti antichi non piaceva la guerra: non guerreggiavano come i Celti, per vivere di saccheggio e di bottini. Ai Veneti piaceva la pace, ma si difendevano valorosamente se attaccati. Sconfissero pure i temibili spartani, che risalirono la Brenta con delle navi i cui rostri ancora si vedevano esposti, ci racconta Tito Livio, nel tempio di Giunone (in epoca romana, probabilmente prima era dedicato alla Dea Reitia) a Padova, come prede di guerra. Gente pacifica, ma determinata a difendere la libertà. Salvarono addirittura la Roma dei re, quando Brenno, re dei Galli (Celti) la invase, invadendo a loro volta il territorio dei celti e costringendoli a una precipitosa retromarcia dal Lazio.

Di loro, e delle loro misteriose origini ne parlano gli storici romani e greci: e ne delineano delle caratteristiche che ancor oggi troviamo ben vive.
Gente valorosa in guerra (penso ai nostri alpini nei due grandi conflitti), con uno spiccato senso religioso, (non dimentichiamo che questa terra era definita, fino a pochi decenni or sono, la Vandea italiana), e infatti i culti degli dei del tempo erano molto praticati.
Gente laboriosa, perché secondo Polibio, solo da Padova, specializzata nel tessile, partivano carovane enormi cariche di stoffe dirette al mercato di Roma lavorate dai nostri avi. Era una società priva di re, ma governata da principi che presiedevano assemblee popolari sotto l'ombra del tiglio sacro, divise nelle classi sociali di allora. Tutta questa eredità non sparì con la romanizzazione, come ci vuol far credere la premiata ditta Angela, ma proprio grazie ad essa, poiché godevamo di ampia autonomia municipale in quanto antichi alleati, attraversò i secoli fino a essere raccolta dalla Repubblica di Venezia che riunificò quello che ancora era considerato un territorio con una identità comune e forte: la X Regio Venetia et Histria.
Palazzo della Ragione, Vicenza
Quindi, Venezia e il suo stato non nacquero dal nulla, riprendevano il cammino comune ai Veneti, ma nello stesso tempo, Venezia diventava un simbolo di valori universali, che potevano essere condivisi da altre Nazioni. In questa universalità condivisa, basata su principi cristiani (allora era così, piaccia o meno) ogni popolo, (veneto vero e proprio o di altra etnia) era “veneto” nel senso più alto del termine.
Dominium Venetum conservat Republica, Religione, Lege, Iustitia, Subditos, Charitate, Amore, Pietate. Cosa significa, questo “latinorum” astruso? semplicemente che la Repubblica conserva il suo stato (Dominium) attraverso la Legge (non quindi l’arbitrio del Despota), la Religione, che garantiva la giustezza delle leggi ispirate a principi naturali, e la Giustizia, che era tenuta ad applicare le leggi di derivazione cristiana, mentre i suoi cittadini erano ‘conservati’ con Carità, Amore, Pietà.
Tutte virtù del Buon Governo come lo si intendeva allora, e come non lo si intende più oggi. Pare che l’amore, la pietà e la carità dello stato verso i cittadini, sia una anacronismo. Esistono solo ‘diritti’ TEORICI e carte costituzionali, ma manca l’amore di fondo, in una civiltà basata sull’egoismo.

È a questa universalità di valori, a parer mio, a cui il movimento indipendentista dovrebbe far riferimento, non all’identità artificiosa su cui invece da Napoleone in poi, si sono fondati gli stati moderni. Non una Patria monoblocco, dunque, ma una rinata Patria Veneta che comprenda tante piccole Patrie, con tante storie diverse, unite dal passato percorso comune, sotto il segno universale del Leone marciano che difendeva le diversità, fino a rinunciare ad imporre una lingua unica. Così ogni città diventava una piccola Nazione a sè bastante, non omologata a forza, gelosa delle sue peculiarità ma pronta a morire, come accadde in tanti secoli, fini a quel tragico 1797, per difendere “San Marco benedetto” che garantiva le libertà di tutti.


Alberto Pento

... Ai Veneti antichi non piaceva la guerra: non guerreggiavano come i Celti, per vivere di saccheggio e di bottini. ...

Affermazione falsa e assurda poiché le genti venete praticavano le armi e la guerra e tra le genti venete vi sono anche i celti: cadubrini del Cadore, cenomani del veronese e del vicentino, carni del Friuli e altri ben attestati nella onomastica delle iscrizioni venetiche. Questo modo di raccontare la storia è insulso e pieno di falsità e di pregiudizi come quello nei confronti dei celti che non erano affatto predoni e ladri e rapinatori ma grandi artigiani, cavalieri, agricoltori, commercianti e soldati. Si pensi ai predoni romani e al loro impero predatorio ai cui hanno fornito soldati anche le genti venete per secoli.


... peculiarità ma pronta a morire, come accadde in tanti secoli, fini a quel tragico 1797, per difendere “San Marco benedetto” che garantiva le libertà di tutti. ...

Niente di più falso: Venezia con il suo Leone marciano non ha mai promosso la realizzazione di uno Stato Veneto a sovranità di tutti i veneti e quando è giunta l'ora fatidica, per vigliaccheria ha rinunciato a difendere i veneti suoi sudditi (i veneti non erano liberi ma erano sudditi di Venezia) e li ha consegnati a Napoleone assieme a se stessa.

Coel parlamento veneto de tuti i veneti mai nato
viewtopic.php?f=183&t=2597



Venezia aristocratica e arrogante, ha dimostrato di essere molto poco cristiana e fraternamente veneta, impedendo l'estensione della sovranità della Repubblica Veneta a tutti i veneti e ostacolando la democrazia e per questo la storia l'ha punita.

Democrazia, cittadinanza, diritti e doveri umani
https://www.facebook.com/alberto.pento/ ... 9367460016


Quella del tiglio sacro è una storiella non attestata nella preistoria delle genti venete, è solo un'ipotesi per analogia con l'area slava.
http://www.lintver.it/cultura-tradizion ... adici.html


Edentetà venetà: dimande e resposte
https://www.facebook.com/groups/5527425 ... 1528034761
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34231
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

I veneti venesianisti ke łi nega e falba ła storia veneta

Messaggioda Berto » lun dic 24, 2018 8:38 am

Tentativi di raccontare la storia dei veneti (delle genti venete dell'area veneta) molto approssimativi, in parte forzati, in parte falsificati, in parte inventati.

Gianfranco Cavallin e Renzo Fogliata a TV7 Triveneta il 17 giugno 2014

https://www.youtube.com/watch?v=Ar_3xXZQbk0

Popolo veneto da sempre indipendente, caso mai federato, Veneto e Venezia sono la stessa cosa, la pellagra e l'emigrazione dei veneti sono il frutto dell'annessione all'Italia.


Alberto Pento

Tentativi di raccontare la storia dei veneti (delle genti venete dell'area veneta) molto approssimativi, in parte forzati, in parte falsificati, in parte inventati e che stanno in piedi solo per l'ignoranza, la buona fede e la credulità fideista dei veneti, di certi veneti che la portano in giro come se fosse la storia vera.

La Repubblica aristocratica veneziana non fu federale; Veneto e Venezia non sono la stessa cosa come non lo sono i veneti e i veneziani; la storia dei veneti e del Veneto è molto altro dalla storia dei veneziani e di Venezia;
che i veneti siano sempre stati indipendenti è una balla;
l'area lagunare veneta da cui emerse Venezia fu per secoli dominio dell'impero bizantino e per secoli i duchi dell'area furono funzionari dell'impero romano d'oriente.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34231
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Precedente

Torna a Ła storia dei veneti, del Veneto o de łe Venesie contà da: ...

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron