LIS : la lengoa de i segni

LIS : la lengoa de i segni

Messaggioda Sixara » lun feb 24, 2014 8:17 pm

Mi co vedo do persone sorde ca comunica fra de lore a jesti ( o sèsti) a me so' senpre domandà : ma còs è ke i è drio dirse? e se dixeli cualsiasi roba, cualsiasi argomento? e indoè ke i la gà inparà sta lengoa cusì stranba?
E soradetuto : ma la LIS xela internazionale? vojo dire on american sordo rièselo a comunicare co n italian o n francexe o n tedesco?

Noè ke n Italia i studi so la LIS i sia tanti, almanco a confronto de America o GranBretagna, par ex. Uno inportante , senpre cuéo de l '87 ri-publicà tel 2004 : La lingua dei segni italiana. La comunicazione visivo-gestuale dei sordi, a cura di Virginia Volterra, Il Mulino, Bologna.
La pare no' intaresarghe la LIS ai linguisti, almanco a cuei italiani. Forse parké i continua pensare ke NO la xe na lengoa, ma solo on jesticolare, na speçe de mimica o pantomima e inveze :
" ... è una vera lingua, una lingua dei segni, con caratteristiche molto complesse ... ( anche se) nella maggior parte dei casi il mondo degli udenti ha ignorato questo sistema di comunicazione ... oppure, in alcuni periodi o situazioni, l'ha aspramente combattuto, sottovalutandone i pregi e giudicandolo incompatibile con una buona acquisizione della lingua parlata."
Tò varda, me pare de verle zà sentìe ste storie so còsa ca xe lengoa e còsa nò.. ;)

Fare na storiografia de la Lengoa de i Segni l è na imprexa inposibile - le dixe le autrici - parké no' l è mai stà considerà na lengoa, sibèn ke i sordi i la gà senpre doparà pa spiegarse fra de lori. El primo ke l la studia l è l Abbé de l'Epée ke a metà del 700 el s incorxe ke i so studenti sordi i doparava fra de lori sta langue de signes naturels e l se la inpara par insegnarghe mejo la lengoa parlà e scrita. Cuea françexe l è na bòna scola de studi so la LSF ( la lengoa de i segni francexe) ke la continua co Sicard, dopo l Abbé e la se sposta anca n America te l '800 fondando scòle e istituti indoe ke la lengoa de i segni americana (ASL) la vien studià e insegnà.
In Italia la ghe sarà anca stà la lengoa de i segni e calcosìna vien fòra da memorie de educatori de metà 800 ke i la doparava co i sordi MA
" la svolta rigidamente oralista affermatasi dopo il Congresso di Milano nel 1880 impedì che questa forma di comunicazione avesse in Italia più ampia diffusione in ambito educativo".

No xe ke le robe le ndése tanto mejo anca te i altri Paexi ( l idea de fondo la jèra pur senpre cuea de insegnarghe a parlare)ma finalmente, te i àni 60 vièn fòra i studi de William Stokoe so la ASL :
" Stokoe rintraccia nell'ASL una struttura per molti versi simile a quella delle lingue vocali: come nella combinazione di un numero ristretto di suoni senza significato ( i fonemi) si crea un vastissimo numero di unità dotate di significato ( le parole), così nella combinazione di un numero ristretto di unità minime ( i cheremi) si può produrre un amplissimo numero di unità dotate di significato ( i segni)."

Secondo Stokoe on segno el se pòe intendare n riferimento a tre parametri :
il luogo nello spazio dove le mani eseguono il segno ( TAB dal latino tabula)
la configurazione delle mani nell'eseguire il segno (DEZ dall'inglese designator)
il movimento nell'eseguire il segno ( SIG dall'inglese signation).

TAB-DEZ-SIG.. el posto par ex. : la testa, le spàle, el tronco.. el davanti, mai el dedrio, el desora de la testa ma de poco.. el tronco, el fianco, l anca ma senpre desora de i xenòci par dire.. :?

" Per l'ASL sono stati identificati 19 configurazioni, 12 luoghi e 24 movimenti dalla cui combinazione si hanno tutti i segni possibili. Ad esempio due segni distinti possono presentare la stessa configurazione, lo stesso movimento, ma vengono eseguiti in luoghi diversi o viceversa avere lo stesso movimento, lo stesso luogo, ma presentare una diversa configurazione e così via."

In pratica la lengoa de i segni la ga na organixazion lesicale come le lengoe vocali: a ghè le coppie minime par ex.o i cheremi minimi
" Inoltre è stato appurato che l'ASL possiede una serie di regole precise di tipo grammaticale : sottilissime variazioni nell'esecuzione dei segni, quasi impercettibili agli occhi degli udenti non abituati a questa lingua, possono apportare mutamenti a livello morfologico e sintattico."

Però mi no' sò come ke i fàga davero a capirse : a ghe manca i articoli, le prepoxizion, no i fa distinzion fra nome e verbo, i elementi te la fraxe no' i gà on ordine, no ghe xe sistema flessionale ...
e pure
" ci si è accorti di una serie di meccanismi che permettono di codificare tutte quelle informazioni che vengono espresse da alcune lingue vocali tramite gli articoli, le preposizioni, il sistema flessionale o l'ordine delle parole nelle frasi. Questi meccanismi sono fondamentalmente :
- l'uso particolare dello spazio
- la modificazione sistematica nel movimento con cui viene prodotto il segno
- la produzione di movimenti non manuali del capo e degli occhi, le espressioni facciali, l'orientamento e la postura di tutto il corpo."

Naltro parametro ca se ghe zonta a cuei zà individuà da Stokoe l è cueo de l orientamento del palmo de le màn, ke tserti segni i gà el stéso posto, movimento e configurazion ma on difarente orientamento de l palmo.
Conplicà, asè conplicà. Po' se ghe zonta, cofà n tute kele altre lengoe vocali, anca i lapsus, i erori personali.., le varianti de la comunità : no xe dito par ex. ke la comunità de Trieste la dòpara i stesi segni de cuea de Roma.
Na difarenza granda l è so la modalità d espresion de la lengoa :
" Nelle lingue vocali gli elementi che formano una parola occorrono sequenzialmente in ordine lineare, mentre gli elementi che formano un segno occorrono simultaneamente o perlomeno si sovrappongono e quindi spesso non possono essere utilizzati in sequenze temporali, ma piuttosto in termini di unità spaziali e di movimenti che coesistono all'interno di una unità di tempo."

Infine kela domanda injenua ca se fémo so la universalità de la lengoa de i segni :
" Va tenuto ... presente che il linguaggio dei segni non è affatto universale come si potrebbe pensare, ma vi sono tante lingue dei segni quante sono le varie comunità dei sordi."
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1759
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: LIS : la lengoa de i segni

Messaggioda Sixara » mar feb 25, 2014 1:50 pm

Pensa ti ke gnanca el la riconose el stato italian la Lengoa de i Segni:
http://www.change.org/it/petizioni/io-segno-la-lis-ma-lo-stato-italiano-non-riconosce-la-mia-lingua-iosegno

cusì come ke nol riconose le lingue minoritarie e difati ke
" si ripropone nei segni il problema dei dialetti cioè di lingue o varietà di una lingua che vengono usate in piccole comunità e per un ambito ristretto di scopi comunicativi".
Ma còsa ga-la da verghe na lengoa pa' vegnere riconosesta?
" Se intendiamo con il termine lingua un sistema di simboli relativamente arbitrari e di regole grammaticali che mutano nel tempo e che i membri di una comunità condividono e usano per scopi diversi per interagire gli uni con gli altri, comunicare le loro idee, emozioni e sentimenti e per trasmettere la loro cultura di generazione in generazione, non c'è dubbio che la comunicazione usata dai sordi è una lingua."
In Italia la LIS no la se dovarìa gnanca ciamare cusì - Lingua Italiana dei Segni - parké no la ghe xe na lengoa 'italiana' " unica e diffusa in tutto il paese" le dixe le autrici. A pare ke ogni cità, ogni comunità de sordi la ga la soa e l è mìa senplice de metarle tute asieme e gnàn ke na variante la se ga podesto inpore so le altre cofà lengoa standard o 'ufficiale'..

On bel problema.
" D'altra parte un movimento di unificazione nella lingua può essere il prodotto solo di un complesso insieme di fattori socio-politico-culturali. Come abbiamo già detto ciascuna comunità di sordi crea e sviluppa una sua lingua dei segni sulla base dei bisogni comunicativi che la lingua deve assolvere."
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1759
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: LIS : la lengoa de i segni

Messaggioda Berto » mar feb 25, 2014 8:19 pm

Prima kel se desfa sto stato kive mejo a xe par tuti.

Co jero xovaneto a ghevo n’amiga veronexe spoxà a on meregan, co 7 fiołi, de cu ono nato sordo nomà Robert. So mama, na dona marevejoxa, ła ghe gà ensegnà a łexar łi łavari e a parlar e sto so fiło el se ga laoreà a New York, endoe el ghe ga vivesto par 30 ani e deso lè tornà da pensionà co so mama restà vedova. Nol ga catà da maridarse.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30345
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: LIS : la lengoa de i segni

Messaggioda Sixara » mer feb 26, 2014 1:12 pm

Berto ha scritto:Nol ga catà da maridarse.

Me despiaxe.
La lengoa ke ghe gà insegnà somàma l è la letura labiale e i sordi i la dòpara anca, cusì come kel alfabeto ke tuti naltri a conosemo e ca doparavimo a scòla pa comunicarse i conpiti senza ke l profesore el ne vedese.. ma la LS l è naltra roba, l è propio na lengoa. Silenzioxa ma na lengoa. E ki sà coanto vècia ke lè, da ke remote distanze ke la vièn.
Tanti sèsti i è anca de l 'nostro' modo de fare, i gà da èsare propio 'universali' de l òmo ( cofà i universali de la lengoa).
Ve ne digo uno sinpatico : do déi ca struca ( na parte de)la fronte a vòle dire : maldetesta
MA anca : governo.
El goèrno el me fa vegnere el mal de testa :mrgreen:
( ma forse i è lejermente spostà ke a basta na variazion minima .. d ognimodo : mal de testa e governo i è 2 copie minime)
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1759
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: LIS : la lengoa de i segni

Messaggioda Berto » mer feb 26, 2014 10:51 pm

Na 'olta i sordi, i muti e i sordmuti łi xera considerà farloki, ebeti, toti, stupidi, semi, tonti, endrioti;
ente łe łengoe xermane: DUMM, DUMB, DEAF, TAUB voxi ke łe dixe e muto ke tote.

viewtopic.php?f=44&t=57
Immagine
http://img827.imageshack.us/img827/187/ ... oebota.jpg


Łexar łi łavari e łe espresion del vixo o muxo o faça:
Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... tasion.jpg


I sesti:
Co jero pì xovane, a go fato na espariensa de aproço a l’arte de l’ator (par enparar a comounicar ben) e ente on caxo go vivesto na setimana co on sciapo de parsone ente na caxa sora on monte de Roveredo e lì semo stasti senpre en siłensio par enparar a cognosar e a xviłupar l’espresivetà sensa paroła (łengoajo no verbal) e łe potense espresive dei sesti.
Coaxi tuti łi parteçipanti łi xe entrà en crixi e se ga verto on mondo de sensibiłità ke gnanca me somexavo: bastava on gnente, on sesto ceo come el movar n’ocio, na soraçeja par esprimar coalcoxa ke staltri łi capiva drioman come ca gnente fuse.

Łe jera tute esperiense, prateghe, teneghe de Grotowski e de Stanislavskij kel se gheva ispirà anca a ła scoła de li shamani siberiani.
http://it.wikipedia.org/wiki/Jerzy_Grotowski
http://it.wikipedia.org/wiki/Metodo_Stanislavskij
http://it.wikipedia.org/wiki/Il_lavoro_ ... _se_stesso
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30345
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: LIS : la lengoa de i segni

Messaggioda Sixara » gio feb 27, 2014 7:45 pm

Berto ha scritto: lì semo stasti senpre en siłensio par enparar a cognosar e a xviłupar l’espresivetà sensa paroła (łengoajo no verbal) e łe potense espresive dei sesti.


Bello. Sèto cuante posibilità de comunicare ke avarìsimo oltre ke la parola.. e no lo fémo sibèn ke - gràsieadio - a semo nati co tute le robe a posto ( o scuaxi).. pensa a le persone malà, a forme de autismo o paralisi facciale ke no i xe bòni de comunicare co i altri co l espresion de la facia. No i pòle mostrare a i altri le so emozion. ( e tel caxo de l autismo no i xe bòni de capire le emozion de i altri).
A gò leto ke - prima de la parola - a xe vegnù l espresion de l vixo; o anca forse tute 2 asieme. Le se gà condizionà come dire, le espresion le gà n calke modo méso n movimento i organi, la muscolatura de l emision del suono. Senza le espresion no avarìsimo scumizià parlare.
Me piaxaria inpararla la LS . Magari a ghè anca na LVS .. na lengoa vèneta de i segni :)
Intanto me aleno col silenzio, ma xe bèn ke inutile ke mi stago sìta e tuti MA propio tuti intorno de mi i fa caxìn.
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1759
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: La lengoa de i segni : Luoghi

Messaggioda Sixara » sab mar 01, 2014 8:10 pm

I segni i va fati te on spazio, anzi n punti preçixi - posti - del spazio.
In teoria naltri podarìsimo movare le màn ( e segnare) difarenti posti sol corpo e tel spazio intornovia ma, in pratica,
" l'area in cui vengono prodotti i segni è relativamente circoscritta, per facilitare la produzione, ma soprattutto la percezione dei segni. Quest'area, definita come lo spazio segnico, si estende dall'estremità del capo alla vita e da una spalla all'altra."

La testa, el còlo, le spàle : lì se cata la pì parte de i segni considerà come 'coppie minime' vale a dire segni co difarenze minime ( de movimento, configurazion e posto) ma co difarente significato.
Paragonando la ASL ( americana), la BSL ( inglexe) co la LIS (italiana) a se vede come ke ste lengoe le gà de i elementi n comune :
la tabela de Stokoe pa la ASl la ghe ne elenca 12
1. spazio neutro dove le mani si muovono in contrasto con gli altri luoghi qui di seguito
2. faccia o tutta la testa
3. fronte e sopracciglia, zona superiore della faccia
4. zona centrale della faccia, occhio e naso
5. mento, zona inferiore della faccia
6. guancia, tempia e orecchio; zona laterale della faccia
7. collo
8. tronco, corpo dalle spalle ai fianchi
9. braccio superiore
10. gomito, avambraccio
11. polso, braccio in posizione supina
12. polso, braccio in posizione prona

La tabela de Brennan pa la BSL inveze la ghe nà 23
1. spazio neutro
2. faccia
3. estremità della testa
4. fronte
5. occhio
6. naso
7. mento
8. sotto mento
9. bocca e labbra
10. guancia
11. orecchio
12. collo
13. petto
14. tronco superiore
15. tronco inferiore
16. braccio sup.
17. braccio inf.
18. gomito
19. polso prono
20. polso supino
21. anca
22. gamba superiore
23. gamba inferiore

Te la LIS i ghe nà individuà cuindaxe :
n.1. Spazio neutro
el sarìa el spazio pardavanti del corpo del segnante, indoe ca se move le màn liberamente. No la xe n area preçixa, ben definia.. le man le se move naturalmente, on fià pì n alto, pì n bàso, de cuà-de là, n mèxo.. le copie minime le ghe xe ma " tra lo spazio neutro e i diversi luoghi del corpo", nò dentro el 'spazio neutro'.

2. Faccia
I segni fati so tuta la faça i è bastanza rari parké no xe utile de scondare la faça e de conseguenza l espresion façale.
Na copia minima l è fra : Africa ( indoe ca se fa co la màn vèrta on segno circolare pardavanti la faça e soddisfazione, indoe ke l steso segno el vièn fato sol pèto.

3. Parte superiore e lato del capo, tempia e fronte
Te sta area cuà ghe xe segni cofà : vescovo, indiano, capo, diavolo ( co i corni pardesora de la fronte), principe, difficile, sognare, somaro, pensare, capire, fatica..

4. Occhio
5. Naso
Te sta area cuà a ghè almanco na copia minima : el steso segno ( el déo indice pasà vanti -ndrio ) soto i òci l indica : vedere e soto el naxo : cattivo odore.

5. Guancia
Sta area cuà la gà on muço de segni : uomo, donna, bambino, papà, mamma .. innocente, cresima, sordità, vergogna.. la copia minima te sto caxo l è : crexema e sordità ( 2 déi picià so la masela .. el segno ca te fà el vescoo col te crexema.. ).
La maséla la vièn doparà n LIS pa segnare : MAMMA, DONNA,FEMMINA e anca PAPA' UOMO MASCHIO però - vardè ke robe - in ASL la segna solo ke le femene ke pa i mas-ci l area lè la fronte. :?

7. Orecchio
copia minima : sentire-capire ( ma anca : crexema e sordità : steso segno ma posti difarenti : la masèla e la reça)

8. Bocca
copia minima : rosso e goloso ( ke roba stranba : steso segno ma da la boca a la scafa vòe dire roso e da la scafa al còlo vòe dire goloso-ingordo)
Lè interesante notare ke " altre attività comunicative e linguistiche, non necessariamente vocali ... non utilizzano questo luogo. Così mentre DIRE, PARLARE, RISPONDERE muovono dalla bocca COMUNICARE, CHIACCHIERARE, RIMPROVERARE vengono eseguiti nello spazio neutro."

9. Mento e sottomento
CHI? Bello

10. Collo ( tra il mento e le spalle)
Colletto. Costretto : preso per il collo. Steso segno ca femo naltri te la lengoa vocale.

11. Spalla e tronco superiore
spàla dx : avvertimi
spàla sx: responsabile
a l alteza de le spàle a pàsa la linea del tempo : " i segni rivolti verso il retro delle spalle fanno riferimento al passato ( IERI,L'ALTRO IERI, UNA SETTIMANA FA, TANTO TEMPO FA), quelli rivolti in avanti al futuro ( DOMANI, DOPODOMANI,ANNO PROSSIMO)".

12. Petto (zona centrale del tronco)
rimorso, fiducia ( a due mani), piace, dispiace.
Tanti segni i fa riferimento al còre ( e de reflèso a tuta na serie de sentimenti : RIMORSO, AFFETTO, DOLORE,GELOSIA,SACRIFICIO).

13. Tronco inferiore e anca
Figlio, fame, cane. " Al di sotto dell'anca praticamente non esistono segni, i pochissimi segni eseguiti all'altezza delle gambe fanno riferimento diretto a questa zona del corpo : MINIGONNA".

14. Braccio superiore, inferiore e gomito
sul braccio superiore : ebreo
sul braccio inferiore : povero
( el segno pa poaréto lè come se l se dese na gratadina co na màn sol bràso.. :? e cueo pa ebreo el segna co 2 dei a corni pena zo da la spala sol bràso sx.. :? )

15. Polso
co na màn : malà; co 2 màn : prixoniero
Te la LIS no la ghe xe la distinzion fra 'prono' e 'supino' de l polso, ke tuti i movimenti i se fa col polso prono.
Co l polso se fa anca : fidanzato, bracciale, sordomuto.
Serti segni movendose te l spazio i canbia de posto: jeneralmente da on posto pì n alto a uno pì n bàso e da drìta a tsanca.
In tanti segni a 2 màn la màn dominante ( la dx se uno l è destro e la sx se uno l è sànco) la se move verso la màn nò-dominante : te sta maniera cuà la deventa na speçe de 'posto', de piano de l execuzion del segno. On folio indoe scrivare. :)
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1759
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: La lengoa de i segni: Configurazioni e movimenti

Messaggioda Sixara » dom mar 02, 2014 10:20 am

Da on p.de.v. motorio le màn le podarìa ciapàre on muço de configurazion ma nò tute le vien doparà pa la lengoa de i segni. Stokoe pa la ASL el ghe nà catà 19 de configurazioni o cheremi distintivi e tuta na serie de varianti ke i vien ciamà allocheri de l stéso cherema ( cusì come ke pa le lengoe vocali se parla de allofoni pal stéso fonema).
Te la BSL i keremi i xe 31 e 19 alokeri. La ASL e la BSL le se someja bastanza ma l inglexe el fa pì distinzion come ca ghemo visto anca pa i posti.
Te la LIS i ghe nà individuà 38 " di cui 6 sembrano avere un'utilizzazione estremamente ristretta ( esclusivamente come classificatori o come lettere dell'alfabeto), delle restanti 32 solo 25 possono considerarsi realmente configurazioni distinte, mentre le altre 7 sembrano potersi considerare varianti obbligatorie in alcuni segni, ma non in tutti." :?

( no ve ne meto gnanca una parké i è tute dixegnà e po' no ghe ne capìso gnente.. ma cuea del maldetesta sI, dai :
"n.25 : configurazione F : l'indice e il pollice sono piegati fino a formare una semicirconferenza mentre le altre 3 dita sono stese e distanziate. Compare nella LIS in un numero ristretto di segni, tutti a una mano e che richiedono contatto con qualche parte del corpo. Per alcuni segni risulta evidente l'idea di qualcosa di tondo, ad es. BRACCIALE, PRESSIONE,MALE ALLA TESTA, ...GOVERNO,FISSATO ...". Da i dixegni se capìse ke l segno pa bracialeto el vien fato intornovia de l polso MA maldetesta e governo .. ò.. a mi i me pare conpagni).

Movimenti e orientamenti
" Il sistema visivo presenta maggiore attenzione al movimento degli oggetti che alla loro posizione statica, ne consegue che maggiori possono essere le differenze di significato fra due movimenti diversi di quanto lo possano essere tra 2 diverse posizioni o disposizioni delle mani."
Tel movimento a catemo la pì parte de le copie minime, ke no ve stào a dire ma pararìa ke l parametro pì inportante lè propio la poxitsion de la màn o le màn ( orientamento).
Elora el pòe èsare : del palmo e direzion del metacarpo ( in alto, in basso, verso sx. verso dx, verso il segnante, verso l'avanti);
poxitsion de na man o 2 co contato de i déi o de tuta la màn;
poxitsion te l spazio co segni a 2 man ( na man desora kelaltra, incroxà, una distante da kelaltra, man dx desora man sx e viceversa..)
polso piegà..
movimento neutro, ripetuto, lento, veloce, teso, frenato, delicato, esteso..
andamento ondulatorio, di tamburellamento, sbriciolamento, alternato..

Po' a ghe xe anca i movimenti de la faça, de la testa e de le spàle ke i vièn ciamà 'componenti non manuali' e i vien tratà a parte. E l espresion de i òci e de tuto el vixo. :? De tuto el corpo se pòe dire. Maariavè.. bixognaria pensarghe co discoremo ( de le volte pargnente) a tuta la fadiga ca se gà da fare pa comunicare... ;)
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1759
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: LIS : la lengoa de i segni

Messaggioda Berto » gio ott 16, 2014 7:42 am

Proclamazione dello stato di agitazione e iniziative di protesta in tutta Italia per il mancato riconoscimento della Lingua dei Segni Italiana

http://www.ens.it/canali-tematici/primo ... i-italiana
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30345
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm


Torna a Falbi miti e falbe coulture

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron