Małegrasie a ła łengoa veneta

Małegrasie a ła łengoa veneta

Messaggioda Berto » ven feb 21, 2014 8:29 am

Ke oror de łengoa veneta

http://www.lindipendenza.com/limena-pd- ... gua-veneta

Limena (Pd), presentazione dell’Istituto di lingua veneta

Cara çitadina / Caro çitadin, Co ła prexente Ła invitemo parteçipare ała prima prexentasion del Istituto Lengua Veneta (ILV), ente de reçente fondasion che mira esare l’istitusion de riferimento a liveło internasionale pałe dinamiche cołegàe al studio e l’utilixo deła lengua veneta e dełe varianti che ła conpone, nonché favorìrghene e promòvarghene la valorixasion e la difuxion pasando par un proceso de normalixasion lenguistega e conseguente politega lenguistega in adeguamento ałe Convension internasionałi soi diriti çiviłi, połiteghi, sociałi e culturali dei popołi e dełe minoranse.

Ła prexentasion sarà el prosimo

venare 21 febraro 2014 ale ore 20.30 preso la Barchesa del Comun de Limena (PD).

Durante ła serata vegnarà spiegà ła fondasion e i scopi del ILV, vegnarà nominà formalmente el primo presidente e vegnarà comunicà i primi projeti e inisiative.

I relatori sarà:

Palmerini Loris (riçercadore, menbro fondatore ILV)
Corso Michele (asesore al’Identità Veneta del Comun de Limena, promotore lexe sol biłinguixmo)
Montagner Alberto (presidente asociasion Raixe Venete)
Lunardon Andrea (dełegà asociasion Costumanze Venete)
Cavallin Gianfranco (scritore, primo presidente ILV)
Al termine deła scałeta sarà posibile intervegnere dal publico, par finire co un brindixi in conpagnìa.


Per rendare pi façiłe invitare i amighi, eco l’evento anca so Facebook: https://www.facebook.com/events/688737074510849/



Nela speransa che Ghe gabie fato piaçere riçevare el prexente comunicato, Ła invitemo esare prexente e invitare i So amisi e conosenti, Ła ringrasiemo par l’atension e ła disponibiłità e Ghe inviemo
Cordiali Sałudi

Ła lengua xe ła forma d’arte pi’ inponente e pi’ agregante che conosemo, l’opera imensa e anonima de jenerasion inconsapevołi. (Edward Sapir, 1884-1939, antropołogo e łenguista)



I menbri del Comitato Diretivo del Istituto Lengua Veneta

Corso Michele, Lunardon Andrea, Montagner Alberto, Palmerini Loris - Par ulteriori info: http://www.istitutolinguaveneta.org

————————————————–

VERSIONE IN LINGUA ITALIANA

Cara cittadina / Caro cittadino,

Con la presente La invitiamo a partecipare alla prima presentazione dell’Istituto Lingua Veneta (ILV), ente di recente fondazione che mira ad essere l’istituzione di riferimento a livello internazionale per le dinamiche relative allo studio e all’utilizzo della lingua veneta e delle varianti che la compongono, nonché favorirne e promuoverne la valorizzazione e la diffusione attraverso un processo di normalizzazione linguistica e conseguente politica linguistica in adeguamento ai Trattati internazionali sui diritti civili, politici, sociali e culturali dei popoli e delle minoranze.

La presentazione si terrà il prossimo

venerdì 21 febbraio 2014 alle ore 20.30 presso la Barchessa del Comune di Limena (PD).

Nel corso della serata verranno spiegate la fondazione e gli scopi dell’ILV, verrà nominato formalmente il primo presidente e verranno comunicati i primi progetti ed iniziative.

I relatori saranno:

Palmerini Loris (ricercatore, membro fondatore ILV)
Corso Michele (assessore all’Identità Veneta del Comune di Limena, promotore legge sul bilinguismo)
Montagner Alberto (presidente associazione culturale Raixe Venete)
Lunardon Andrea (delegato associazione Costumanze Venete)
Cavallin Gianfranco (scrittore, primo presidente ILV)
Al termine della scaletta sarà possibile intervenire dal pubblico, per finire con un brindisi in compagnia.

Per rendere più semplice invitare gli amici, ecco l’evento anche su Facebook: https://www.facebook.com/events/688737074510849/

Nella speranza che Le abbia fatto piacere ricevere il presente comunicato, La invitiamo a essere presente e ad invitare i Suoi amici e conoscenti, La ringraziamo per l’attenzione e la disponibilità e Le porgiamo

Cordiali Saluti

======================================================================================================================================

Se capise benon ke el testo lè sta scrito par prima en łengoa tałiana e dapò “tradoto en veneto” lomè co n’adatamento sonego/fonetego, coel ke vien fora lè n’oror on pastrocio tałian-veneto.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37392
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Małegrasie a ła łengoa veneta

Messaggioda Berto » ven feb 21, 2014 8:57 am

Naltri kive a ghemo fato sto fiłò de fiłarveneto endoe ca çerkemo de far sensa tante fanfarade, drento na stała e staltri łi fa l’Istituto Lengua Veneta (co anbision enternasionałi) però łi scuminsia doparando na “łengoa veneta” ke ła xe tuto fora ke ła nostra łengoa e se come ke sarà el xorno a te pol ociarlo dal matin a mi e par ke par ła łengoa veneta no ghe sarà on gran diman.

??? http://istitutolinguaveneta.org ???

Comitati e presidenti ... li scuminsia ben, pora ła nostra łengoa veneta!
Endoe ca ghè on palco e coalke scragno a te łi cati tuti e kisà ke łengoa ke łi dopararà a sta adunansa de prexentasion?
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37392
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Małegrasie a ła łengoa veneta

Messaggioda Sixara » ven feb 21, 2014 2:40 pm

Berto ha scritto:drento na stała

Come na stàla, ciò? ;) Ah te dixi par via de la foto ca te ghè meso..
Parké te dixi ca se capìse bèn ke i gà scrito prima n italian e dopo i ga tradoto n lengoa? A mi nol me pare cusì scrito màe - o almanco l è acetabile.
Eco, vedito secondo mi kel acetabile ke mi gò doparà l è propio na 'traduzion' de l it. 'accettabile'. Avarìa dovesto scrivare n altro modo.. e come? Avarìa dovesto canbiar tuta la fraxe forse.. màsa fadiga. Elora dài, pòe starghe anca xmisiòti de vèneto-taliàn ( ke l è po' el rexultà de tuti sti àni ke i xe pasà da i tenpi de le stàle a cuei de i Istituti .

Elora vedemo on fià :
Cara çitadina / Caro çitadin, Co ła prexente Ła invitemo parteçipare ała prima prexentasion del Istituto Lengua Veneta (ILV), ente de reçente fondasion che mira esare l’istitusion de riferimento a liveło internasionale pałe dinamiche cołegàe al studio e l’utilixo deła lengua veneta e dełe varianti che ła conpone, nonché favorìrghene e promòvarghene la valorixasion e la difuxion pasando par un proceso de normalixasion lenguistega e conseguente politega lenguistega in adeguamento ałe Convension internasionałi soi diriti çiviłi, połiteghi, sociałi e culturali dei popołi e dełe minoranse.

Ła prexentasion sarà el prosimo

venare 21 febraro 2014 ale ore 20.30 preso la Barchesa del Comun de Limena (PD).

Durante ła serata vegnarà spiegà ła fondasion e i scopi del ILV, vegnarà nominà formalmente el primo presidente e vegnarà comunicà i primi projeti e inisiative.

I relatori sarà:

Palmerini Loris (riçercadore, menbro fondatore ILV)
Corso Michele (asesore al’Identità Veneta del Comun de Limena, promotore lexe sol biłinguixmo)
Montagner Alberto (presidente asociasion Raixe Venete)
Lunardon Andrea (dełegà asociasion Costumanze Venete)
Cavallin Gianfranco (scritore, primo presidente ILV)
Al termine deła scałeta sarà posibile intervegnere dal publico, par finire co un brindixi in conpagnìa.


Per rendare pi façiłe invitare i amighi, eco l’evento anca so Facebook: https://www.facebook.com/events/688737074510849/



Nela speransa che Ghe gabie fato piaçere riçevare el prexente comunicato, Ła invitemo esare prexente e invitare i So amisi e conosenti, Ła ringrasiemo par l’atension e ła disponibiłità e Ghe inviemo
Cordiali Sałudi

Ła lengua xe ła forma d’arte pi’ inponente e pi’ agregante che conosemo, l’opera imensa e anonima de jenerasion inconsapevołi. (Edward Sapir, 1884-1939, antropołogo e łenguista)


Sì a te ghè raxon: i gà propio fato na traduzion. :mrgreen:

( mi la fraxe de Sapir l avarìa lasà n te la so lengoa orijnale, a so sicura ke tuti lì i prexenti invitati e convenuti no i avarìa nisùn, ma propio nisùn problema a capirghene l contenuto.. l è propio kela traduzion fata sù e sù ke la ghe fa perdare el senso.. :? )
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1764
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: Małegrasie a ła łengoa veneta

Messaggioda Sixara » ven feb 21, 2014 3:25 pm

:idea: Stasìra i podarìa - prima de scumisiare la prexentazion - lì tuti kei relatori ( riçercadori, asesori, presidenti, delegà, scritori) de l ILV, dire el Secoèri pa catare le Robe Perse .. la Lengoa Persa.
Sì, el Secoèri pa catàre la Lengoa Vèneta. Die gerettete Zunge. La Lingua salvata. :D
( mejo sarìa : on secoèri a scumizio e uno a la fine, ke l grando lè mai ndà n prèsto del picolo)
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1764
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: Małegrasie a ła łengoa veneta

Messaggioda Berto » ven feb 21, 2014 11:36 pm

http://lnx.raixevenete.com/grazie-limena

La giunta comunale del comune di Limena in data 02 Dicembre 2013, ha approvato una mozione a favore del bilinguismo in Veneto, evento di fondamentale importanza che dovrebbe essere d’esempio per tutti i comuni Veneti.

Ma più in generale la mozione è importante perché chiede alla regione Veneto, secondo le sue competenze, di far rispettare tutti quei diritti speciali che acquisisce una minoranza, stabiliti appunto dall’accordo quadro sulle minoranze nazionali dall’unione europea.

Con il riconoscimento del Veneto come minoranza Nazionale si aprirebbero le porte non solo del bilinguismo effettivo, come già accade in Friuli Venezia Giulia o nel sud Tirolo, ma ad una serie di più ampli interventi che potranno ridare la giusta importanza alla storia ma soprattutto alla cultura Veneta, intesa come principio fondante e caratterizzante del popolo Veneto.

Questo è un altro esempio di come noi Veneti usando le leggi messe a nostra disposizione sia dallo Stato Italiano che dalla Comunità Europea possiamo, anzi dobbiamo usarle a nostro vantaggio per poter promuovere la nostra storia, cultura e lingua veneta.

Quindi la questione si sposta su un altro livello, cioè non più quello che porta molti veneti a dire non si può fare o non ce lo lasceranno fare, ma bensì sul livello della volontà e capacità dei veneti di organizzarsi ed imporsi, per vedere rispettato ciò che nella realtà di uno stato civile ci spetterebbe di diritto, cioè la valorizzazione della nostra cultura, lingua e storia come caratteristiche fondanti del nostro essere popolo.

Inoltre sorge spontanea una domanda da porre alla Regione Veneto, teniamo tanto alla parte dello statuto della regione in cui si parla di popolo Veneto, ma l’istituzione regionale cosa fa concretamente per mantenere vive e salde quelle radici che ci fanno chiamare popolo?

Quindi grazie Limena e soprattutto un ringraziamento particolare va all’assessore Michele Corso che ha sostenuto e portato avanti la mozione per incentivare la regione a prendersi finalmente cura dell’anima del popolo veneto fatta dalle sue radici storiche, linguistiche e culturali.

Immagine
https://scontent-b-mxp.xx.fbcdn.net/hph ... 7747_n.jpg

Kì de lengoa veneta gnanca na parola!

Comento===============================================================================================================================

ALBERTO PENTO
21 febbraio 2014 alle 22:35
Al comune de Limena doparałi ła łengoa veneta?
Co se aduna/raduna el consejo la doparałi ła łengoa nostra; el sinico fało coalke entervento en łengoa?
A łi sportełi comounałi gałi cartełi anca en łengoa veneta?
I dipendenti comounałi a łi sportełi e ente łi ofiçi gałi l’ordene de doparar anca ła łengoa veneta o lomè kel tałian?
I vijili orbani o ła połisia local o comounal gałi l’ordene de parlar anca ła łengoa veneta?
A ła scoła materna el comune gało dà el consejo de doparar anca ła łengoa veneta?
En volta par el comoun de Limena se cata cartełi de segnałetega dołengoe ?
El comoune de Limena ente łi so spasi de soranetà gało promoso, de fato (doparandola), ła łengoa veneta.
Saven ben tuti ke par far vivar ła nostra łengoa cogna dopararla e no parlarghe sora en tałian.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37392
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm


Torna a Robe o coestion de ła nostra łengoa veneta

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron