O e U - co, com/kom cum/kum, kam

O e U - co, com/kom cum/kum, kam

Messaggioda Berto » sab feb 01, 2014 8:46 am

O e U - co, com/kom cum/kum, kam
viewtopic.php?f=82&t=488



Ente l'ara veneta a ghemo posti endoe ke se dopara la O e posti endoe ke se dopara ła U e ghemo anca caxi endoe ke łi se xmisia su e on colpo łi dopara ła O e n'altro i dopara la U a seconda de l''enfloensa łengoestega del momento:
de altri ke parla,
de endoe ke se se cata,
de naltra łengoa ke se xe drio dopara en paralel,
de ... .



Li caxi de:

-coel/quel - coeło/queło o cueło
-coesto/questo (o kisto/kesto/sto kì)
-coxi,così/cusi (o cussi)
-łengoa e łengua e łingoa
-acoa e acua/aqua/acqua
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37392
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: O e U

Messaggioda Berto » sab feb 01, 2014 8:54 am

Ghe xe veneti ke li dixe O ma co łi scrive łi dopara ła U parké łi xe cusì condisionà dal scrivar en tałian ke ghe par stranio scrivar CO e l'ora łi scrive QU (o cu/ku).

Ghe xe veneti ke dixe anseme o en paralel o al contenpo CO (coando) co digo (o "co te vien") e QUANDO quando che digo (ma par coerensa li dovaria dir e scrivar coando ke digo o couando ...).
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37392
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: O e U

Messaggioda Berto » sab feb 01, 2014 8:57 am

En veneto se dixe:

ancó e ancuo, oncó e oncuo
coerto/coverto e cuerto

*couerto (coverto) ?
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37392
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: O e U

Messaggioda Berto » sab feb 01, 2014 1:13 pm

Eco coel ke ła scrive ła Markà so CO-QUANDO e KE/CHE
dixen ke ła so vista o ocià o prospetiva ła xe falbà o sfalsà dal dogma romanso “par el ke o par cu (per cui, per il quale)” łi moti o parołe venete, taliane e diałetałi łe riva tute dal latin (...? ma par star entel ver no xe purpio cusì !)


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... co-444.jpg


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... he-445.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37392
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: O e U

Messaggioda Berto » sab feb 01, 2014 1:15 pm

Da Luca Seriani sol tałian CON-

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... i-Luca.jpg

Prefissi nominali e aggettivali di tipo spazio temporale (p. 656)

83. Con- (cfr, latino Cŭm “insieme, con”), sin (cfr. greco sýn “con”). Indicano unione, compagnia, collegamento; in con la n si assimila in tutto o in parte alla consonante iniziale della base, diventando m davanti a b, p, m (comprova), l o r rispettivamente davanti a un’altra l o a un’altra r collaterale, correo) e si riduce a co- davanti a vocale (coautore: su modello inglese co- si è esteso, in neologismi, anche nella posizione preconsonantica: cobelligerante, cogestione, coproduzione, ecc. cfr. Cortellazzo-Zolli 1979: I 247. sin- (varianti fonetiche: sim-, sil-, sir-, sis-) è caratteristico anche se non esclusivo di parole tecniche e scientifiche: sinartrosi, simpetalo, sillogismo.



A dir el vero vanti del latin Cŭm a ghe jera ła variansa Com come ente l’osco com e entel gałego e vecio irlandexe com- (no xe ke la O ke ła se cata ente łe xvare łengoe tałego-ouropee de ancó ła sipia na trasformasion de la U latina, ła O ła ghe jera xà ente łe varianse łengoesteghe tałego-ouropee vanti el latin, en parałel al latin e dapò el latin):

Dal fiłołogo Zuane Semeran:

etimołoja de CON/CUM

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... merano.jpg


Anca ente ła łengoa venetega se cata KOM-

Iscrision venetega:
http://www.centrostudilaruna.it/forum/v ... .php?t=253


(Cador 6)
-].i.iion.ko.s.tona.s./tosa.i.nat.trumus.iiat.per.vo/.l.te.r.kon.vo.n.ta.r
ionkos tonasto sainat(ei-in) trumusiat(ei-in) per volterkom vontar

Immagine

viewtopic.php?f=84&t=152

(Este)
La pì longa iescrision en lengua venetega:
viewtopic.php?f=84&t=137

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... rision.jpg

Se non mi sbaglio, questa dovrebbe essere la più lunga iscrizione in lingua venetica, trovata alcuni anni or sono a Este (PD), ed esposta nel locale Museo Archeologico, oggetto di studio e su cui mi pare non siano ancora uscite anticipazioni su possibili interpretazioni, da parte degli esperti.

1) |om kude diaritores vagsont-|--(--)/----------------------------(-----)/---(--)|imois doti-|--(--)|e : neibar o-|
2) |-oregnos ekvo|i|bos moltevebos eivido : X : verdeos diaritorbos danei v|-|-at ta plana m|
3) |etai(i)on valgam to om(m)ni opedon: elokvillos doukai perikon vonin komproivos|
4) |imer kedat—(-)|-|-utei dekomei diei kvan venev|?|is pai verokenon/
5) |preker eś d|----(--)| moltevebos eipoi krivinea: | : dia|
6) |s doti ke lud|----(-)|/-(-)nita|/--(-)|ok—kermen ośon mol|
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37392
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: O e U

Messaggioda Berto » sab feb 01, 2014 1:39 pm

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37392
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: O e U

Messaggioda Berto » sab feb 01, 2014 2:00 pm

Vocałi o bocałi

http://www.treccani.it/enciclopedia/voc ... a-Italiana)


VOCALI. –

Tra i fonemi che concorrono a formare la parola, sono detti vocali quelli originati dalla corrente d'aria che fa vibrare le corde vocali, e che assumono timbro differente secondo la varia conformazione della cavità orale (v. fonetica).

Le vocali sono di timbro aperto, chiuso e indifferente.

Si distinguono in tre sezioni principali:
palatali (i, e), oscure (o, u) e di riposo (a); ma tra l'una e l'altra sezione vi sono serie di vocali turbate o miste.

La loro lunghezza o brevità è, nel linguaggio parlato, in intimo rapporto con le consonanti della sillaba.
In linguistica, la vocale è considerata a sé, per astrazione.

Nell'uso corrente sono poi chiamate semivocali le vocali i e u quando sono elementi di dittongo, cioè quando, precedendo o seguendo altre vocali, non hanno l'accento; secondo molti fonetisti si tratta di vere e proprie consonanti, ma comunemente sono considerate come vocali, tanto che è permessa l'elisione dell'articolo quando sono in principio di parola.

=======================================================================================================================================

Sto tourbamento de łe vocałi (e ła scanviabełetà: co e cu coando o cuando/quando e de coeło e cueło/queło) a cosa xeło dovesto, coała xeła ła caouxa, coałe forse xe ke łe ghe xuga sora, fora e drento?

Par mi ła cauxa ła xe senpre o “oliale” na enterferensa łengoestega, pì łengoe parałełe ke łe se entersega e xmisia.

http://en.wikipedia.org/wiki/Language_transfer
http://it.wikipedia.org/wiki/Interferenza_linguistica
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37392
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: O e U

Messaggioda Berto » sab feb 01, 2014 2:11 pm

Enterferense/entraferense/rentoferense łengoesteghe ente l’ara furlana

Immagine
1
Immagine

Ki se cata el resto de le pajne; el laoro de la Vaneli lè visià da la Teoria Romansa;

Studi de łengoestega furlana
http://picasaweb.google.it/pilpotis/Stu ... caFriulana
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37392
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: O e U

Messaggioda Berto » sab feb 01, 2014 3:54 pm

« Albero» e «onda» o evoluzione genetica e diffusione geografica nel mutamento linguistico

https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... Iwcjg/edit


4.6. Dialetti viventi più arcaici del Latino

Che la concezione stadiale tradizionale sia errata è dimostrato da un altro fatto.

In certi casi, i dialetti viventi preservano stadi più arcaici dei presunti stadi antichi.
Nel caso dell'area “neolatina”, per esempio, certi aspetti dei dialetti sono più antichi del Latino stesso.

È uno degli aspetti più interessanti della linguistica storica romanza, ben noto alla romanistica tradizionale, che però non ne ha tratto tutte le possibili implicazioni.
Questo tema sarà oggetto di uno dei capitoli più importanti del secondo volume.
Per ora, mi limito a due esempi storico fonetici e ad alcuni lessicali.

4.6.1. Esempi storico-fonetici

Vediamo il primo esempio.
Sia la seguente sequenza ordinata:

(8) lat. -u- tonica breve > it. centr. -o- tonica chiusa

In termini tradizionali, questa sequenza è quella che spiega il rapporto fra lat. class. buccam > lat. volg. *bocca, da cui it. bocca e fr. bouche, lat. nucem > *noce da cui noce e noix, lat, curro > *corro da cui it. corro e fr. cours, lat, turrem > *torre da cui it. torre e fr. tour, lat. tussem > *tosse da cui it. tosse e fr. toux ecc.

Alla luce di quanto ho detto, la sequenza (8) implica la coesistenza di due norme, di cui una ibridata e l'altra ibridatrice. Mentre nella teoria tradizionale si parla di «passaggio» o «sviluppo», ciò che può dare l'idea della scomparsa magica del primo termine e della nascita altrettanto magica del secondo, si tratta invece della prevalenza di uno dei due tipi, per il suo maggior peso (sociale, economico, demografico, culturale, politico ecc.) rispetto all'altro.
Ci doveva essere, già in epoca latina, un rapporto di coesistenza fra geo- e sociovarianti, presumibilmente preesistenti alla formazione del Latino come norma scritta del ceto dominante.

Se questa tesi è corretta, e non può non esserlo, dovremmo trovarne le prove nel Latino stesso.
Una di queste prove potrebbe essere nello stesso nome di Roma.

Il nome di Roma si collega, nell'ipotesi a mio avviso più probabile - quella di bruno Migliorini -, a ruma o rumis «mammella» [Gasca Queirazza et al. 1990, s.v. Roma). Sarebbe il nome dato all'aspetto più caratteristico e famoso del paesaggio di Roma, i suoi colli. In molti dialetti, anche neolatini, il colle si chiama infatti «mammella» [REW 5276, FEW, s.v. mamilla] : per esempio sp. mamella «tumulo, colle», port. mamelão «idem», fr. mamelon «petite élévation de terrain de forme arrondié, sommet arrondi d'une colline» ecc.
Ora, se si accetta questa etimologia, il passaggio da ruma a Roma è lo stesso che caratterizza il rapporto fra Latino classico e Latino volgare, e documenterebbe la presenza del tratto già in epoca preromana, nel nome stesso attribuito ai primi insediamenti di Roma. In casi simili, la linguistica tradizionale utilizza la formula del «dialettalismo», che è un modo di dire meno esplicito che certi tratti dialettali poi affermati come generali preesistevano al Latino classico.
Teorizzata più attentamente, la corrispondenza ruma = Roma esemplifica la regola di corrispondenza fra -u- tonica breve latina e -o- tonica chiusa, considerata volgare e romanza.

In altre parole, la regola di mutamento romanza, ben lungi dall'essere «romanza», rappresenta una regola di corrispondenza «preistorica», già esistente in epoca latina.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37392
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: O e U

Messaggioda Berto » sab feb 01, 2014 7:09 pm

Voxi de ara gàło-çelta

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... -co121.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... os-121.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... os-122.jpg


A ste voxi galeghe se podaria ligarghe drio anca le voxi conte e comitato co le so corispondense latine comes, -itis e comis, -e ... ? da verefegar par ben.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37392
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Prossimo

Torna a Robe o coestion de ła nostra łengoa veneta

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron