Domè, lomè, nomè, nomà

Domè, lomè, nomè, nomà

Messaggioda Berto » sab gen 18, 2014 10:02 pm

Domè, lomè, nomè, nomà

viewtopic.php?f=82&t=418



Domè
Messaggio da leggere da Sixara » sab gen 18, 2014 12:54 pm

Còsa ca vole dire domè? :)
Dal male no pòe vegnere el bèn; dal bèn se pòe verghe on fià manco de male. Dio el (...) parlè veneto anca valtri ca ve fà solo ke del bèn. Ke ve fà solo pì ke del bèn.. ( nò)
Ma 'solo' nol jèra lomè?
Lomè-lonsì .. a continuo a vedarli asieme.
Parlè vèneto ca ve faria solo ke del bèn :D

Scuxa Sixara ma par spostar la to argomansa ente sta sesion kive (pì purpia) a lo go scançelà sensa volerlo.
Me xe capità anca co on me filon (coelo pì longo) de scançelarlo tuto par spostarlo (8 paxene) dapò a go perdesto on fracon de tenpo par reconporlo.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37392
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Domè (da Sixara)

Messaggioda Berto » sab gen 18, 2014 10:04 pm

Lonsi” lè atestà entel vixentin entel 1412.
Lonsi” entel graixan lo cato scrito "lunsi", “lunzi” entel polexan e entel furlan "luonz".

Lomè” lè atestà entel vixentin entel 1560; anca “nomè” e “nomà”.
Lomè” nol gà da confondarse co "lome" nome e co "lome" lume (atestà ognora entel vixentin).

Entel polexan a ghemo anca “lomè”, “somè”, “domè” come solamente, soltanto, seulement ...(dixonaro de li Romagnolo Adrian e Gofredo).
Immagine
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37392
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Domè (da Sixara)

Messaggioda Sixara » sab gen 18, 2014 10:39 pm

Berto ha scritto:Me xe capità anca co on me filon (coelo pì longo) de scançelarlo tuto par spostarlo (8 paxene) dapò a go perdesto on fracon de tenpo par reconporlo.
:D :D
Masì a gò xbalià mi a postarlo indoe ke nol andava, po' la jèra na mexa curioxità ke a lo go capìo ke vole dire 'solamente' ( fin lì ghe rivo..) ma domè no lo ghevo mai sentìo. Se po' te me dixi ke lè dentro al disionario de i Romagnoli a dovarìa anca saverlo mi ca son polexana..
pensavo na roba : se podaria mìa verxare na sezion pa la Bibliografia, raxonà magari. Mi no' me piaxe fare le bibliografie però le serve a ki ca vole savere calcosa de pì sol libro o l autor ke l vièn nominà te on post.
Raxonà, dixevo ke cusì magari uno se fa n idea del contenuto de kel tal libro e magari ghe vien voja de lezarselo par intiero.
Po' varda me serviria anca mì, ke tante olte i libri mi a i togo n prestito n Academia ( finké no' i la sàra ke -lezevo propio sol jornale- el comune dixe ke nol gà skei .. ) e dopo co ghe li porto indrio no' me ricordo pì gnente, l autore, el titolo.. come gnanca i ghese lèti. Me capìta cusì solo co i libri prestà, no' so come ca funziona sta roba, però lè cusì. Elora sicome ke gò sta malatia, magari a li meto drento te la Bibliografia Raxonà e co me serve, vago vedare e cusì no' fào brute figure. :D
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1764
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: Domè (da Sixara)

Messaggioda Berto » mar gen 21, 2014 8:15 am

A ghemo anca:

Immagine

dema = appena/pena, deso, ora, domè (domenti)
demò = appena/pena, solamente; corisponde al latin "de modo": l'è/lè demò pasà.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37392
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Domè (da Sixara)

Messaggioda Berto » mar gen 28, 2014 12:31 am

Domè el ghè osì (aussi), anca ente la lenga furlana:

GLOTOJENESI DAL FURLAN

http://www.arlef.it/la-lenghe-furlane/f ... dal-furlan

...
Come pardut in Italie, il ‘volgâr’ furlan al è restât a dilunc une lenghe cuasi dome orâl; cuant che si veve di meti alc par scrit si doprave il latin o, tacant dal secul XIV, variis messedancis di toscan e di venit. ...
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37392
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm


Torna a Robe o coestion de ła nostra łengoa veneta

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron