Veneto e Serenisima, coençedense e difarense

Re: Veneto e Serenisima, coençedense e difarense

Messaggioda Berto » lun mag 15, 2017 9:34 am

El Veneto no lè "La granda Venesia", a xe Venesia ke ła fa parte del Veneto
viewtopic.php?f=126&t=1587

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... -Justo.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30707
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Veneto e Serenisima, coençedense e difarense

Messaggioda Berto » mar mag 16, 2017 7:33 am

I veneti del Veneto xełi on popoło e na megnoransa nasional?
viewtopic.php?f=183&t=1731

???

Senza limiti, l'arroganza, la superbia, la violenza e anche l'ignoranza con la quale lo Stato Italiano rappresentato dall'Avv. Gian Paolo Polizzi si rivolge ai veneti.

https://www.facebook.com/35331084153897 ... 9420570450

"QUELLO CHE NOI CONTESTIAMO ASSOLUTAMENTE E' CHE ESISTA UN POPOLO VENETO, PERCHE' DOPO L' ANNESSIONE AVVENUTA NEL 1865 IL POPOLO VENETO E' DIVENTATO POPOLO ITALIANO"

Cominciamo col dire che l'annessione è avvenuta nell'ottobre del 1866, tanto per giustificare l'uso dell'aggettivo "ignorante". Poi se andiamo a cercare il significato di popolo in qualuque scritto di pertinenza vediamo come sia assurdamente impossibile e quindi falso ciò che asserisce l'avvocatura dello Stato. perdiamo ad esempio il vocabolario Treccani.
POPOLO:
a. Il complesso degli individui di uno stesso paese che, avendo origine, lingua, tradizioni religiose e culturali, istituti, leggi e ordinamenti comuni, sono costituiti in collettività etnica e nazionale, o formano comunque una nazione (indipendentemente dal fatto che l’unità e l’indipendenza politica siano state realizzate).

E guarda caso specifica pure:

b. Con senso più ristretto, gli abitanti di una città, di un territorio, considerati unitariamente: il p. di Genova, di Venezia, di Napoli (o genovese, veneziano, napoletano).

A voi risulta che l'annessione forzata del Veneto all'Italia abbia annullato o cancellato le nostre origini, vecchie di millenni a confronto delle incosistenti origini italiane?
A voi risulta che sia scomparsa la lingua veneta, parlata per secoli in tutto il Mediterraneo, prima ancora che si iniziasse a parlare l'italiano e tutt'ora più viva che mai, non solo in Veneto ma anche in Istria e in Brasile, ora che a dispetto dello Stato italiano l'ONU ha riconosciuto ufficialmente la lingua veneta?
A voi risulta che la cultura e le tradizioni venete, testimoni per millenni fino ad oggi dell'immensa civiltà veneta siano scomparse a causa della, comunque disgraziata, contaminazione italiana, che di ricchezza culturale ha portato in Veneto solo corruzione, malgoverno, carestie e guerre?

Può un stato senza nazione, che è un mero apparato burocratico, dire ad un popolo che è nazione : "tu non esisti"?



Alberto Pento

Vero, non è mai esistito un Veneto indipendente in un'ottica e in un senso storico "moderno",
ma è altrettanto vero che è esistito un Veneto che ha fatto parte di un dominio veneziano che si chiamava Repubblica Veneta, della quale i veneti del Veneto erano stati i fondatori;
stato veneto non propriamente federale perché a dominio veneziano, dove i veneti non veneziani del Veneto non veneziano ed altri popoli padani e mediterranei hanno fatto parte come domini e sudditi però con le loro piene autonomie amministrative per diversi secoli.

Un territorio quello Veneto che ha fatto parte in epoche protostoriche:

dell'area palafitticolo alpina,
delle terremare fluviali, dei castellieri,
delle culture di Este, di Hallstatt e di La Tene, con le loro sovranità e le loro alleanze politiche;

della X Regio che poi divenne la Venetia et Histria in epoca del dominio romano;

poi dei regni italici goti e longobardi con i suoi ducati,
poi ancora dell'impero franco carolingio e del sacro romano impero germanico con la Marca Trevixana;

poi dei secoli delle autonomie/sovrane comunali prima di darsi alla dominante veneziana.

Un Veneto quindi che nella sua specificità, varietà e complessità storica con i suoi millenari legami continentali non è riducibile, restringibile e contenibile alla e nella italicità e italianità che risultano essere più una camicia di forza e una prigione che condizioni ideali di benessere e di sviluppo e di piena e libera realizzazione umana.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30707
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Veneto e Serenisima, coençedense e difarense

Messaggioda Berto » mar mag 16, 2017 7:33 am

Cusì a se dovaria studiar ła storia e ła łengoa dei veneti
viewtopic.php?f=148&t=2272

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... venete.jpg



Par esar veneti ocor esar venesiani ?
No !

Par esar veri veneti co raixe venete fonde ocor esar venesiani ?
No !

Par esar pàreoti veneti ocor esar venesiani ?
No !

Par esar boni veneti e boni pàreoti veneti se ga da esar par forsa cristiani ?
No !

Par esar pàreoti veneti se ga da vołer el torno de ła Serenisima ?
No !

La storia del Veneto xeła ła storia de Venesia e de ła Serenisima ?
No, ła xe ła storia de tuti i veneti e de tute łe çità venete tra cu a ghè anca coeła de Venesia e de ła Serenisima, ma scanviar ła storia de Venesia e dei venesiani par coeła del Veneto e dei veneti łè on xbajo, na falbetà.

I venesiani jerełi pì cristiani de st'altri cristiani veneti e de st'altri cristiani ouropei ?
No !

L'arestograsia venesiana jereła pì cristiana de łe altre nobeltà venete e ouropee ?
No !

Se pol paragonar l'arestograsia venesiana a łi apostołi ?
No !

San Marco jereło on santo pì santo de łi altri santi ?
No !

I venesiani jerełi veneti mejo dei veronexi, dei trevixani, dei pavani, dei vixentini, dei belumat e dei ruigoti?
No !

I venesiani gałi enventà el comoun, łe lebertà comunałi e łi istitudi comunałi come l'arengo, ła concio, el major consejo e tuto el resto?
No !

I venesiani gałi enventà ła Repiovega, łe so lebertà e łe so istitusion ?
No !

I venesiani gałi enventà l'istitudo del Doxe ?
No !

I venesiani gałi fato sù on Stado Federal ?
No!

La Serenisima jereła on stado repiovegan ?
Sì ma arestogratego e castual !

La Serenisima jereła ła Repiovega de tuti i veneti?
No, ła jera ła Repiovega de l'arestograsia venesiana, łi altri veneti łi fea parte del domegno venesian e łi jera suditi !

I venesiani gałi enventà l'ogneversedà de Pava ?
No !

La łengoa veneta dei venesiani gała da deventar ła łengoa veneta de tuti i veneti ?
No !

La grafia doparà dai venesiani par scrivar ła so łengoa venesiana gała da devegner ła grafia de tuti i veneti ?
No !

I venesiani gałi costruio na Nasion Veneta ?
No !

L'endependensa dei veneti del Veneto gała da ver come orixonte, o da pasar traverso el torno de ła Repiovega Serenisima ?
No !

La Pàrea Veneta xeła fata da łe tere venete e no venete ke na 'olta łe jera domegno de Venesia ?
No !

El culto del Mito de ła Venesia Serenisima e de San Marco serveło a ognefegar tuti i veneti ?
No !

El culto del Mito de ła Venesia Serenisima xeło na bona roba e on bon edeal par i xovani e on bon modeło pal Veneto del diman ?
No !


Cosa xeło el venesianixmo ?
Lè el culto fanatego del mito venesian, de Venesia e de ła so Serenisima! Conpagnà dal sprèso e da ła negasion
par i veneti de tera e par ła so storia ke no ła xe venesiana ma veronexe, pavana. ruigota, trevixana, vixentina, belumat.
Sta mitomania ła ghe someja a coeła tałiana par Roma e i romani so cu a xe stà tirà sù l'edentetà edeołojega onedara tałiana; na falbetà orenda a spexe de l'edentetà tałeghe, veneta e de łe nostre raixe oruropee.


Xe justo cognosar ła purpia storia e coeła de tuti i veneti ?
Sì ! Ma no xe justo scanviar ła storia de Venesia e dei venesiani par coela de tuti staltri veneti ke no łi xe venesiani!

I venesianisti xełi i veri Pàreoti Veneti ?
No !

La Repiovega Serenisima jereła on Paradixo, on stado edeal?
No ! Se ła ło fuse stà, tuti i veneti, venesiani e non venesiani łi ła garia defendesta co łe onje e co i denti, anvençe, par primi i venesiani e ła so arestograsia łi ga prefaresto mołar el domegno de ła Repiovega pitosto ke conbatar par defenderla, consegnadogheła a Napołeon.

Parké i venesiani o mejo l'arestograsia venesiana no ła ga ognefegà tuti i veneti e trato sù na Repiovega Federal a soranedà de tuti i veneti enpiantando cusì na vera e fraderna Nasion Venetà?
Parké no łi se sentiva dal tuto veneti, spartii come ke łi jera tra i domegni de tera e de mar; parké no łi gheva on gran amor fraderno par i veneti del Veneto, par i lonbardi e i furlani dei so domegni; parké no łi vołea perdar łi so priviłej de casta arestogratega dominante e parké no łi ga savesto ajornarse ai tenpi e vałutar par ben e de bonora ła realtà de ła storia ke canbiava.

E i Serenisimi?
I Serenismi łi se gheva fato ciapar dal mito de Venesia e da coeło dei Serenisimi e ancora ancó no łi xe boni de vegnerghene fora e łi xe restà entrapołà drento sti do miti;
mi ghe so sta amigo e ło so ancora, ma a defarensa de lori go vesto el cogno e ła fortuna de profondir anca ła storia de mi e de tuti i veneti e no solké coeła dei venesiani e de Venesia.
Venesia no ła xe stà na bona mama e na bona marègna, co xe rivà el momento ła ne ga xbandonà tuti, fioli e fiłiastri.
Lo so ka par bruto dirlo e ca xe tristo recognosarlo ma lè on pàso ca ghemo tuti da far sa vołemo cresar e mejorar łe robe.
I Serenisimi łi ga scanvià Venesia e ła so Repiovega Arestogratega ca no ghè pì, par ła Pàrea Veneta; ła Pàrea Veneta lè el Veneto e no Venesia ke lè lomè ona de łe çita venete e ła Repiovega Serenisima ła jera na organixasion połedega a domegnansa venesiana ke no ła ghè pì daromai da 220 ani e no ła jera ła Repiovega de tuti i veneti endoe ke tuti i veneti łi jera sorani.

Venesianisti: na bona parte łi xe połedeganti, caregari, fanfaroni, fiłoleghisti,
...

Ma i veneti xełi on popoło ?
La xe na dimanda a cu se ndaria mejo a respondar par somexansa anałojega e par scartamento, ... ke par definision standare e stereotipà:
dixen ke i veneti łi ga tanti tràti ke łi portaria a dirli/ciamarli on popoło, a scuminsiar da ła pristoria, però se stemo ai fati połedeghi e a ła storia de sti oltemi 6 secołi, a vien pì de coalke pensiero da scorlar ła cràpa. Soto ła Repiovega Serenisima ła pì parte dei veneti łi jera suditi del domegno de Venesia e Venesia no ła ga fato gnente par trar sù na Nasion Veneta co on so Popoło Veneto ognio e soran; dapò a xe rivà Napoleon, l'Aostria e ła Tałia e kel poco ca ghe jera el se ga descołà ancora de pì. Se vardemo ła realtà de ancó, da suditi del stado tałian e pieni de veneti ke łi serca de ciavarse łe scarpe tra de łori e de montarghe so ła skena de łi altri par farse portar, co na majoransa ke ła sente pì tałiana ke veneta a se fa fadiga pexar coanto Popoło Veneto ke łi xe e ke łi se sente i veneti.

El cristianixmo xeło on descremene o na scremadura ke ła caraterixa łe xenti venete e ła difarensia i veneti da łi altri òmani ouropei e tałeghi da farli aparir al mondo come on popoło par lù?
No, parké tute łe xenti ouropee łe xe parlopì cristiane. Caxo mai i veneti łi apartien a ł'ara cristian catołego-romana pì ke a coeła protestante. Prasiò no xe el cristianixmo ke fa dei veneti on popoło come ka xe l'ebraixmo par łi ebrei.

Ke fa dei veneti on popoło a xe al scuminsio l'apartenensa a ła tera veneta e dapò tute łe stratefeganse ca se ga xontà e xmisià longo i miłegni. E l'ognoła tera veneta ke ła se pol ciàmar cusì łe el Veneto e no altro come i teritori sojeti al domegno de Venesia o coełi ke entel domegno roman łi jera ciamà X Rejo e dapò Venesia e Istria.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30707
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Veneto e Serenisima, coençedense e difarense

Messaggioda Berto » mar mag 16, 2017 7:57 am

Certo è che i miti della Serenissima, di Venezia e di San Marco con i loro vincoli ai miti di Roma Imperiale e di Roma Cattolica e il disprezzo per le radici non romanee non italiche, per religiosità cristiane ma non cattoliche e per spiritualità, religiosità e pensieri non religiosi diversi sia pur minoritari ma pur sempre presenti in Veneto, non giovano a costruire un senso di comunanza e di fratellanza rispettoso dei valori, dei doveri e dei diritti umani universali tra cui la libertà, l'autodeterminazione e l'indipendenza politica delle comunità e dei singoli cittadini dell'area veneta.


Anche l'esaltazione acritica di Venezia e dei veneziani, di ciò che fu la Serenissima e l'aristocrazia veneziana con la loro storia (omettendo e trascurando i loro limiti e le loro responsabilità), unitamente allo sprezzo per le altre città venete, con le loro altre storie diverse da quella di Venezia, ma non per questo meno degne, significative e valorose, con le loro radici preistoriche anche celtiche e storico germaniche, non giovano di sicuro alla costruzione di un senso di comunanza e di fratellanza degli abitanti e delle popolazioni del Veneto; spirito che sia rispettoso dei valori, dei doveri e dei diritti umani universali tra cui la libertà, l'autodeterminazione e l'indipendenza politica delle singole comunità con le loro specifiche radici e storie, e di tutti i singoli cittadini dell'area veneta magari di origine non veneta, non italica, ma europea o di altri continenti del mondo.


El mito de Venesia lè n'entrigo par l'endependensa veneta
viewtopic.php?f=183&t=1816

El sogno mito dei Serenisimi - Venesia e i so limiti
viewtopic.php?f=134&t=1571

Veneti ke łi sogna na nova Repiovega Arestogratega
viewtopic.php?f=167&t=885

Ła Serenisima no ƚa pol tornar parké lè na espariensa pasà
viewtopic.php?f=168&t=885

El Parlamento Arestogratego Venesian
viewtopic.php?f=138&t=1405

Ła Repiovega Veneto Venesiana lè termenà ente 1797 el 12 de majo:
viewforum.php?f=160

Ƚe colpe, ƚe responsabeƚetà e ‘l tradimento dei venesiani
viewtopic.php?f=167&t=1277

El stado veneto a domegnansa venesiana
viewtopic.php?f=184&t=1416

El Comoun Venesian e ła Concio
viewtopic.php?f=137&t=1835

I Duki o Doxi de ła tera veneta:
viewtopic.php?f=179&t=1318
I Duki o Doxi e łe grandi fameje venet-xermagne:
viewforum.php?f=179

Mexoevo - ognefegansa połedega de l'ara veneta:
viewforum.php?f=184

Cosa tor da l'espariensa pasà de ła tera veneta:
viewtopic.php?f=183&t=1408

Veneti ke łi sogna na nova Repiovega Arestogratega
viewforum.php?f=167

No, mi so' veneto vixentin, no' son venesian e gnanca markesco
viewtopic.php?f=167&t=1786

On novo Veneto
viewforum.php?f=183

I veneti ke nega e falba ła storia veneta
viewtopic.php?f=148&t=1831

La fede en Cristo Dio e San Marco no te porta l'endependensa
viewtopic.php?f=167&t=1901

Cusì a se dovaria studiar ła storia e ła łengoa dei veneti
viewtopic.php?f=148&t=2272

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... venete.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30707
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Veneto e Serenisima, coençedense e difarense

Messaggioda Berto » mar mag 16, 2017 8:55 pm

El Parlamento Arestogratego Venesian (e nò de tuti i veneti)
viewtopic.php?f=138&t=1405

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... nesian.jpg



L'aristocrazia veneziana ed il suo senato o maggior consiglio non erano l'aristocrazia ed il senato di tutti i veneti, ma soltanto dei veneziani e di Venezia.
I veneti non veneziani non possono considerarli la loro aristocrazia, il loro senato e i loro padri: prima perché erano solo veneziani e di Venezia (a parte qualche famiglia non veneziana cooptata nei secoli) e poi sopratutto perché non hanno mai promosso uno Stato Veneto a sovranità di tutti i veneti, prima aristocratico e poi democratico; terzo perché con il loro egoismo non fraterno egemonico e suprematista, e la loro viltà sono stati la causa principale della sudditanza dei veneti prima a Napoleone e poi all'Italia.
Se avessero promosso uno stato veneto di tutti veneti avrebbero costruito una vera nazione veneta e insieme, uniti i veneti tutti avrebbero potuto difendere con la propria vita, la loro terra, la loro dignità e la loro libertà, ma la sprezzante Venezia li ha privati anche di questo. I veneziani ci hanno trattato sempre da sudditi e anpora oggi lo fanno.
Ed è perciò che io non considero gli aristocratici veneziani di un tempo come padri della mia Patria Veneta.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30707
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Veneto e Serenisima, coençedense e difarense

Messaggioda Berto » sab ott 13, 2018 8:10 am

El Veneto no lè "La granda Venesia"
viewtopic.php?f=126&t=1587


Il ducato della Venezia Marittima, Rivoalto-Venezia, l'impero della Serenissima e Bisanzio
viewtopic.php?f=49&t=2803

Da ła Venesia de mar bixantina a ła Repiovega Veneta venesiana
viewtopic.php?f=137&t=1783
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30707
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Precedente

Torna a Storia Veneta da ła storia dita pristoria a ancó - xenerego

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron