Albio-labio-alveo, Albenga, Albione, Albignasego, Albalonga

Albio-labio-alveo, Albenga, Albione, Albignasego, Albalonga

Messaggioda Berto » dom dic 08, 2013 5:25 am

Albio-labio-alveo, Albenga, Albione, Albignasego, Albalonga, ... Albani, Albania
viewtopic.php?f=45&t=98

https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... g3UDg/edit
Immagine
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31085
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Albio, labio, Alba, Albia, Albione, Alpi, alpago, alveo

Messaggioda Berto » mar lug 21, 2015 7:32 am

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31085
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Albio, labio, Alba, Albia, Albione, Alpi, alpago, alveo

Messaggioda Berto » mar lug 21, 2015 7:33 am

Albignasego e Albi


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... naxego.jpg

https://it.wikipedia.org/wiki/Albignasego
Albignasego (Bignàsego in veneto) è un comune italiano di 24.243 abitanti della provincia di Padova, in Veneto.
???
Il toponimo "Albignasego" deriva dal nome latino di persona Albinius (Albino in italiano), che molto probabilmente fu proprietario terriero di queste terre, ed all'accostamento ad esso del suffisso - aticus che significa appartenenza, perciò il nome della cittadina significherebbe "appartenenza di Albino".

https://it.wikipedia.org/wiki/Discussio ... Etimologia
L'etimologia dal nome Albino, non è attestata da nessuna parte è una pura paretimologia "dotta", non esiste alcun documento che attesti di un proprietario romano-latino di nome Albino. Il toponimo Albignasego è da mettere in relazione con Albi in Francia, con i toponimi Albenga, Albalonga, Albano (lago), ... con le voci di lingue locali com albio e labio e l'italiana alveo ... . Alberto Pento --79.38.249.59 (msg) 07:25, 21 lug 2015 (CEST)


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 7/Albi.jpg

https://it.wikipedia.org/wiki/Albi_%28Francia%29
Albi è un comune francese di 51.064 abitanti, capoluogo del dipartimento del Tarn nella regione del Midi-Pirenei. È situato sul fiume Tarn.

https://fr.wikipedia.org/wiki/Albi
Albi s'écrit de la même manière Albi en occitan, mais se prononce accentué sur la première syllabe. Son nom latin tardif est Albiga (Grégoire de Tours, VIe siècle). On note l'orthographe (vieillie) d'Alby (francisation d'Albi, le « y » n'existant pas en occitan).
Trois hypothèses étymologiques ont été développées:
L'une l'apparente à la racine pré-indo-européenne alp qui désigne un lieu escarpé.
Une autre viendrait d'Albius, notable gallo-romain qui aurait vécu à Albi à l'époque romaine10,27.
Une autre hypothèse relie le sens au latin, le nom à alba (blanc) en raison des falaises calcaires qui entourent la ville.



Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... Albine.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31085
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Albio, labio, Alba, Albia, Albione, Alpi, alpago, alveo

Messaggioda Berto » mar lug 21, 2015 7:42 am

Albenga, Albano, Albalonga, Albula, Albione, Albegna, Albinia, Albis


Albenga
https://it.wikipedia.org/wiki/Albenga
Il nome attuale arriva dal latino Albíngaunum ??? che è identico ad Albium Ingaunum, cioè città capoluogo + genitivo plurale ligure in -um. L'etnonimo Ingauni è formato da ing, di origine indoeuropea, e auno, comune alla zona gallo-ligure. Quanto ad Albium deriverebbe da alb/alp un'antica radice preindoeuropea (roccia, altura) ???, spesso associata erroneamente all'"albium" latino che significa bianco o chiaro ???. Il primo nome fu Albium Ingaunum, ma quando venne conquistata dai romani il nome divenne Albingaunum, subito dopo la caduta di Roma divenne Albingauno ed intorno all'anno mille il nome diventa Albingano.

Alba Longa
https://it.wikipedia.org/wiki/Alba_Longa
Alba Longa (o Albalonga) fu una città del Latium vetus, a capo della confederazione dei popoli latini (populi albenses). Fu distrutta da Roma sotto il re Tullo Ostilio, dopo l'anno 673 a.C.

« Anche il nome di Alba s'incontra spesso in Liguria. Un luogo di questo nome trovasi a occidente del Rodano nel territorio degli Elvii. A settentrione di Massalia (Marsiglia) conosciamo una popolazione montana ligure degli "Aλβιείς", Albienses o Albiei, e nel suo territorio Alba Augusta. Seguono in direzione orientale sulle coste italiane Albium Intemelium, Albium Ingaunum, Alba Decitia. Non lontana dal versante settentrionale degli Appennini trovasi sul Tanaro Alba Pompeia. Da ciò viene il quesito, se non sia la stessa voce ligure contenuta nel nome di Alba Longa. Al tentativo di spiegare questo nome con l'aggettivo latino "albus" contraddice non solo che da qualche attributo non siasi giammai formato un nome di luogo, ma anche la considerazione che l'aspetto di Alba Longa debba destare una impressione opposta all'aggettivo latino. Questo luogo è collocato sopra materiali vulcanici dei monti Albani, e il colore fondamentale della regione è grigioscuro. »
(W. Helbig, Die Italiker in Der Poebene, 1879)

Giuseppe Sergi, facendo riferimento alle affermazioni di Helbig sulla strana natura del nome "Alba Longa", conviene che «il colore dei monti Albani è scuro, bluastro quasi, e va al nero in alcune ore del giorno.» Quindi Alba Longa non poteva apparire molto "alba". Ma oltre Alba Longa si hanno nomi derivati da Alba come i monti Albani, il lago Albano, e, più importante di tutti, il nome di Albula, già nome del Tevere. Sergi si chiede quindi se Alba Longa non sia stato un abitato ligure.

La fondazione di Alba, secondo la tradizione che vuol essere storia, così è descritta da Dionigi di Alicarnasso:
« Nel trentesimo anno dopo fondata Lavinio, Ascanio, figlio di Enea, fondò un'altra città; e dai Laurentini e da altri Latini e da quanti altri desideravano una sede migliore, trasportò gente nella città recentemente costrutta, cui aveva posto nome "Alba", la quale in lingua greca vuol dire λευκή ["bianca" in italiano], ma per distinguerla da altra città che aveva lo stesso nome, vi aggiunse una parola, che con la prima forma un insieme, "Alba Longa", cioè, Λευκή μακρά »
(Dionigi di Alicarnasso, I, 66)

Quale fosse quest'altra "Alba", e dove, Dionigi non lo dice, né adduce il motivo per il quale la nuova sia detta "Longa" (μακρά).

Livio, invece, scrive:
« is Ascanius, ubicumque et quacumque matre genitus - certe natum Aenea constat - abundante Lavini multitudine florentem iam, ut tum res erant, atque opulentam urbem matri seu novercae relinquit, novam ipse aliam sub Albano monte condidit, quae ab situ porrectae in dorso urbis Longa Alba appellata est »
(livio, I, 3)

Qui c'è da osservare che la città si fondava sub monte Albano, vuol dire che già questo monte aveva un nome, che, potrebbe secondo Sergi essere ligure-siculo in quanto non potrebbe significare bianco, come sarebbe in lingua latina, per via della palese colorazione scura-bluastra tendente al nero dei monti Albani. Dionigi, che aveva accolto la tradizione dagli autori della tradizione romana, traduce infatti Alba per Λευκή, Bianca.
Sergi dopo aver esaminato il nome "Alba Longa" passa ad osservare i suoi derivati e si sofferma su "Albula", antico e primitivo nome del Tevere, come Livio, Plinio, Virgilio (Albula nomen) scrissero. Si conclude che il nome non può aver a che fare con la colorazione in quanto Virgilio stesso chiama flavus il Tevere perché trasporta sabbia, poi ancora lo chiama "caeruleus", "ceruleo", e anche Orazio lo chiama flavum.
Esiste un altro fiume Albula nel Piceno, ricordato da Plinio il Vecchio nell'enumerare abitati e fiumi della quinta regione italica, il Piceno; e nomina anche fra altre città "Numana", a Siculis condita. Ciò significa che la regione era occupata dai Siculi, i quali diedero i nomi dei fiumi e degli abitati secondo il loro linguaggio.
Ancora altro fiume di nome Albinia si trova nel territorio che fu etrusco, ora Albenga, e non perché fosse bianco o albus.
Poi abbiamo ancora una città Alba vicina al Fucino, un monte Alburnus in Lucania, un fiume Alba in Sicilia, ricordato da Diodoro Siculo; e nella Liguria Alba Pompeia, Alba Decitia, e Albium o Album o Alba Intemelium e Ingaunum; Albiei e Alba nella Provenza; Alba nella Baetica, e Alba fiume a nord-est della Spagna.
Ancor più sorprendente il ricordo di Strabone, che le Alpi prima avevano il nome di Albia, e albius mons era detta la sommita delle Alpi ora Giulie.


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... ni-540.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... merano.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... nos-37.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 1-elba.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... /07/59.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... Albion.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... /Ambra.jpg

https://it.wikipedia.org/wiki/Albione
Albione è l'antico nome della Gran Bretagna. Oggi viene usato poeticamente per riferirsi a tutto il Regno Unito o solo all'Inghilterra.
È anche la base del nome gaelico della Scozia, Alba.

Il termine gallo-latino Al-biōn (medio irlandese Albbu, protoceltico *Alb-i̯en-), insieme ad altri toponimi europei e mediterranei, come Alpe e Albania, ha due possibili etimologie, entrambe plausibili: *al-bo, protoindoeuropeo oppure *alb-, protoalbanese. Ma molto più probabilmente deriva dal gaelico al-bio, la Scozia era chiamata Alba (e talvolta anche l’Irlanda), mentre il Galles era anche nominato Yr Alban.
Attestazioni nella letteratura

L'antico e anonimo scrittore del VI secolo a.C., il cui periplo delle isole britanniche fu tradotto nel IV secolo d.C. da Postumio Rufio Festo Avienio (vedi Periplo massaliota) non usa il nome di Britannia, ma parla dell'"Isola degli Ierni e degli Albioni". Allo stesso modo Pitea di Marsiglia (circa 320 a.C.) parla di "Albioni e Ierni". Tuttavia, la sua definizione di arcipelago britannico non è chiara e sembra includere qualunque isola occidentale, compresa Thule. Tuttavia, nel I secolo d.C. questo nome si riferiva ormai inequivocabilmente all'odierna Gran Bretagna. Il testo pseudo-aristotelico noto come De Mundo (393b) afferma che "Albioni e Ierni raggiunsero le due isole più ampie, dette britanniche". Plinio il Vecchio nel suo Naturalis historia, però, usa il termine "Alba" per riferirsi proprio a tutta l'isola britannica.

Albegna
https://it.wikipedia.org/wiki/Albegna
L'Albegna è un fiume della provincia di Grosseto, nella Toscana meridionale.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31085
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Albio-labio-alveo, Albenga, Albione, Albignasego, Albal

Messaggioda Berto » mar lug 21, 2015 8:22 pm

???

https://it.wikipedia.org/wiki/Alba_Iulia
Alba Iulia (in ungherese Gyulafehérvár, in latino: Apulum, in tedesco Karlsburg) è un municipio della Romania, capoluogo del distretto di Alba, in Transilvania.

https://it.wikipedia.org/wiki/Distretto_di_Alba
Il distretto di Alba (in rumeno Judeţul Alba) è uno dei 41 distretti della Romania situato nella regione storica della Transilvania. Confina a nord con il distretto di Cluj e quello di Mureş, a est con il distretto di Sibiu, a sud-ovest con il distretto di Hunedoara e a nord-est con quelli di Arad e Bihor.

https://it.wikipedia.org/wiki/Albac
Albac (in ungherese Fehérvölgy, in tedesco Klein-Goldenbach) è un comune della Romania di 2.168 abitanti, ubicato nel distretto di Alba, nella regione storica della Transilvania.
Il comune è formato da un insieme di 16 villaggi: Albac, Bărăşti, Budăieşti, Cioneşti, Costeşti, Dealu Lămăşoi, Deve, După Pleşe, Faţa, Pleşeşti, Potionci, Rogoz, Roşeşti, Ruseşti, Sohodol, Tamboreşti.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31085
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Albio-labio-alveo, Albenga, Albione, Albignasego, Albal

Messaggioda Berto » mar lug 21, 2015 8:25 pm

L’origine di Milano
1 January 2000 (20:30) | Autore: Associazione Celtegh Medhelan


Prendiamo come esempio le interessanti prime pagine dell’Antologia dialettale del prof. Beretta, riguardo appunto l’etimologia del nome. Innanzitutto bisogna dire che la Milano antica comprendeva un territorio che partiva da piazza Duomo, fino ad arrivare a p.zza della Scala, p.zza Cordusio e p.zza Missori.

Bonvesin de la Riva nel suo De Magnalibus Mediolani cita un autore sconosciuto che ci descrive la Milano antica chiamata Alba, e già presente prima del VII° sec. a.C.
In questo secolo la città aveva come fiumi importanti l’Olona, il Lambro (da cui presero probabilmente il nome gli Insubri lambriani) ed il Seveso.

Perché sono così importanti questi fiumi? Proprio per delimitare l’area cittadina che in quell’epoca già esisteva ed aveva una sua importanza. Plutarco ce lo conferma: “I Galli Cisalpini considerano Milano loro capitale”. Ora si sappia che il simbolo di Milano è una scrofa semilanuta, che si diceva essere stata bianca.
Alba ha il significato di “chiara” “bianca”. ??? Scrofa associata alla divinità femminile per eccellenza che è Belisama, identificata successivamente dai romani con Venere.

Non a caso gli stessi romani una volta conquistata la città attorno al 222 a.C., trovarono nell’area oggi occupata dal Duomo, un tempio “pagano” dedicato ad Atena, afferma Polibio, ossia presso i Celti a Belisama. In questo tempio vi erano custodite delle insegne auree, definite dai Celti inamovibili.

...


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... nos-37.jpg


albos-albios-albanos


cfr. co

Abano
viewtopic.php?f=43&t=97
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31085
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Albio-labio-alveo, Albenga, Albione, Albignasego, Albal

Messaggioda Berto » gio lug 30, 2015 8:43 am

Cfr. co

Abay o Abbai o Abai

https://it.wikipedia.org/wiki/Nilo_Azzurro
Il Nilo Azzurro (amarico: ዓባይ; traslitterato: abay; arabo: النيل الأزرق; traslitterato: an-Nīl al-Āzraq) è un fiume (1.610 km, bacino 178.700 km²) dell'Africa, chiamato anche Abbai o Abai.
Il fiume ha origine dall'Altopiano Etiopico, presso il lago Tana. Dopo aver attraversato l'Etiopia verso sud, il fiume piega verso nord-ovest attraverso il Sudan, dove prende il nome di Bahr al Azraq, e sfocia nel Nilo.
Giunto a Karthoum si unisce al Nilo Bianco, formando il Nilo.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31085
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Albio-labio-alveo, Albenga, Albione, Albignasego, Albal

Messaggioda Berto » sab feb 06, 2016 12:17 pm

Liguri
viewtopic.php?f=134&t=735
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... 5CdlU/edit
Immagine


https://it.wikipedia.org/wiki/Albenga

Il nome attuale arriva dal latino Albíngaunum che è identico ad Albium Ingaunum, cioè città capoluogo + genitivo plurale ligure in -um. L'etnonimo Ingauni è formato da ing, di origine indoeuropea, e auno, comune alla zona gallo-ligure. Quanto ad Albium deriverebbe da alb/alp un'antica radice preindoeuropea (roccia, altura), spesso associata erroneamente all'"albium" latino che significa bianco o chiaro. Il primo nome fu Albium Ingaunum, ma quando venne conquistata dai romani il nome divenne Albingaunum, subito dopo la caduta di Roma divenne Albingauno ed intorno all'anno mille il nome diventa Albingano.


Euganei/ Eugani/ Ougagni/Ogagni
viewtopic.php?f=134&t=515


Euganei/ Eugani/ Ougagni/Ogagni 1
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... 5wSzg/edit
Immagine
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31085
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Albio-labio-alveo, Albenga, Albione, Albignasego, Albal

Messaggioda Berto » gio mar 03, 2016 8:40 am

Albania
https://it.wikipedia.org/wiki/Albania

L'Albania è chiamata dai suoi abitanti Shqipëri. Sami Frashëri nella sua opera "Shqipëria ç'ka qënë, ç'është e ç'do të bëhet" (1899), dice che gli antenati degli albanesi si facevano chiamare arbën, parola questa documentata almeno dal II secolo d.C. che però subisce un cambiamento: da arbën in arbër per via dell'abitudine che hanno i toschi (abitanti del sud dell'Albania) di cambiare la lettera "n" in "r". Arbër o Arbën cioè coloro che lavorano la terra, da "Ar" che vuol dire terra, campo e "bër" o "bën" che si traduce con “fare lavorare”.

Sami Frashëri collega la parola Shqipëri al nome dell'“uccello benedetto”, cioè l'aquila (shqipe, shqiponja nella lingua albanese). Frashëri considera l'aquila una vera divinità e scrive che gli antenati degli albanesi l'adoravano come se effettivamente lo fosse e, un tempo, l'animale era raffigurato anche sulla loro bandiera (all'epoca della pubblicazione del libro, l'Albania era una provincia dell'impero ottomano e non aveva una bandiera propria). Tuttavia, lo studioso conclude che la parola shqipëri sembra non essere molto antica, perché gli albanesi che si trasferirono in Italia e in Grecia non la conoscevano affatto e per questo utilizzavano la parola Arbër. Il nome Albania deriverebbe dalla città illirica di "Albanopolis", dal nome di una tribù illirica; da lì è derivato il nome Albania utilizzato dagli stranieri europei per indicare i territori dell'Albania. Fino al XV secolo era chiamata dagli albanesi Arberia, e tutti gli albanesi si identificavano con il nome di arbëreshë. In greco bizantino, il nome del paese è Albania, con le sue varianti Albaētia, Arbanētia.[10]

Il termine "Albania", così come altri toponimi europei e mediterranei, ad esempio Alpi e Albione, può avere due possibili etimologie, entrambe plausibili: dalla radice protoindoeuropea *albho-, che indicava il "bianco"[11], oppure dalla radice, sempre protoindoeuropea, *alb-, ovvero "collina". Nel II secolo a.C., Polibio nelle sue Storie menziona una tribù di nome Arbon nelle zone centrali dell'odierna Albania. Gli abitanti di quelle zone venivano chiamati Albanoí e Arbanitai.[12]

Un'altra ipotesi suggerisce che il toponimo derivi dalla tribù Illirica degli Albani registrata da Tolomeo, che disegnò una mappa nel 150[13] molto significativa per la storia dell'Illiria. Questa mappa mostra la città di Albanopolis[14] (situata a nordest di Durazzo), che fu in seguito chiamata Albanon e Arbanon, benché non sia sicuro che si tratti della stessa città.[15] Un'ulteriore ipotesi è quella che considera il toponimo come derivato dalla Albania caucasica nella vecchia Armenia, all'incirca corrispondente con il territorio dell'Azerbaigian e Daghestan meridionale.[16]

Nelle sue Storie scritte nel 1079-1080, lo storico bizantino Michele Attaliate fu il primo a riferirsi agli Albanoi per aver preso parte ad una rivolta contro Costantinopoli nel 1043, e agli Arbanitai, come popoli assoggettati dal duca di Durazzo.[17]


Albanopolis
https://it.wikipedia.org/wiki/Albanopolis
Albanopolis (in albanese Albanopoli, in greco antico: Ἀλβανόπολις, Albanòpolis) era una città dell'antica Illiria specificatamente nella odierna Albania, la città degli Albani, una tribù illirica.
Le rovine della città antica localizzano Albanopolis nell'odierno villaggio di Zgërdhesh, vicino Croia, Albania.[2] Non è certo che l'antica città corrisponda con le successive sue menzioni. La città appare nel 150, circa 300 anni dopo la conquista romana della regione.

Albani/Albanoi
https://it.wikipedia.org/wiki/Lista_del ... _illiriche


L'Albania caucasica era uno Stato dell'antichità, situato approssimativamente nella regione del Caucaso attualmente occupata dall'Azerbaigian.
https://it.wikipedia.org/wiki/Albania_caucasica

Col toponimo "Albània" si indicavano, nella tradizione classica greca e latina, le regioni della Transcaucasia orientale (in arabo: ﺍﺭﺍﻥ‎, Arrān), collocate a occidente del Mar Caspio e a est dell'Iberia (pressoché l'odierna Georgia). Questa area corrisponde approssimativamente alla parte più meridionale della repubblica russa del Daghestan e gran parte dell'attuale repubblica dell'Azerbaigian.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31085
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Albio-labio-alveo, Albenga, Albione, Albignasego, Albal

Messaggioda Berto » mer feb 08, 2017 10:26 pm

Poso, posa, pocia, posangara, Posolengo, Posagno, Pozzuoli...
viewtopic.php?f=45&t=2234

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... Zulino.jpg


dixonario "poso artexian" # tradurre "pozzo artesiano"
http://xref.w3dictionary.org/index.php?fl=it&id=2332

lettone artēzisks labi

catalano pou artesiano
spagnolo pozo artesiano
galiziano poço artesiano

gallese artesian dda

danese artesisk brønd
tedesco Artesische brunnen

greco αρτεσιανό καλά
estone arteesia kaev

inglese artesian well
svedese ARTESISK väl
islandese Artesian vel

finlandese Artesian hyvin

irlandese artesian maith

ungherese artézi kút
turco artezyen kuyusu

italiano pozzo artesiano
portoghese poço artesiano
francese puits artésien

lituano Artezinis gręžinys


maltese artesjan ukoll

olandese artesische goed
norvegese Artesian godt
afrikaans artesisch goed

rumeno artezian bine

yiddish אַרטיזשאַן געזונט
ebraico באר ארטזית

russo артезианская скважина
ucraino артезіанська свердловина
bielorusso артезианская свідравіна

bulgaro артезиански добре
macedone Artesian добро

polacco artezyjskie dobrze
slovacco artézská dobre
sloveno Arteški dobro
serbo Артешки добро
croato Arteški dobro
ceco artézská dobře

albanese artesian mirë

swahili artesian vizuri

malese sumur bor
indonesiano sumur bor

persiano چاه ارتزین
arabo بئر ارتوازية

hindi artesian अच्छी तरह से
thai บ่อบาดาล
filippino artisyano ng mabuti
vietnamita artesian cũng
cinese (cina) 自流井
cinese (taiwan) 自流井
giapponese 掘り抜き井戸
coreano 지하수 잘
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31085
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm


Torna a Toponomastega o kinomastega

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti