Markexane, Marexane, Maredane, Markesante

Markexane, Marexane, Maredane, Markesante

Messaggioda Berto » dom dic 08, 2013 5:43 am

Marexane/Maresane, Marezzane, Marchesane/Markexane (?), Marchesante (Fara V.no), Maredane, Maranzana, Resana (?), Marçexine,....Marzio/Marso (canpo/campo), ...
viewtopic.php?f=45&t=117
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... ZPVlk/edit

Immagine
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30339
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Markexane, Marexane, Maredane, Markesante

Messaggioda Berto » dom mag 17, 2015 8:16 am

Marso, Marzio, Marsan, Marexane, Marta, Maroła
viewtopic.php?f=45&t=118
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30339
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Markexane, Marexane, Maredane, Markesante

Messaggioda Berto » gio giu 04, 2015 4:24 pm

Mar-, mal-, mer-, mel-
Mar, Mare, Mara, Maran, Mareno, Marola, Marexane, Marta, Marsia, Marsi, Marsan, Marso (marcio), Mala, Mer, Merano, Morena, Moira, Mira, Mel, Melo, Melma, molo, mojo ...


https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... Q5eFU/edit

Immagine
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30339
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Markexane, Marexane, Maredane, Markesante

Messaggioda Berto » gio giu 04, 2015 4:25 pm

Mota (Motta)
(come Monte, Montagna, Moton, Monton, Motaron, Montà, ...)
viewtopic.php?f=45&t=942
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... hTQk0/edit

Immagine
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30339
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Markexane, Marexane, Maredane, Markesante

Messaggioda Berto » sab dic 30, 2017 8:13 am

Da Sixara

CANTE D'ADESE E PO e BI-BA-RI-BO
Tra l'Adese e 'l Po:
VI

O nostra vecia Luna polesana
in tra l'Adese e 'l Po nostra lanterna,
signora d'ogni froldo e maresana,
remenga che ne imaga e ne governa:

impissa el ciaro da le Boche ai scoli,
dai montesei de sabia ai canevari,
ai gorghi indormensà dai rosignoli,
ai campi arà tra pomi e persegari:

el più bel ciaro impissa, o Luna nostra,
per le speranze che no l'è finie,
lume ch'el slusa in mezo de sta giostra
de sogni, de ricordi e fantasie:

e che ne s'ciara - qualche note almanco -
i fossi coi fantasmi dei negà,
i boschi che se sporze in Canalbianco
e tore e copi e ponti de çità:

e sàlesi, olmi, onàri, pioparèle,
opii, róvari, frassini e nogare,
ombre desperse, noturne sentinele
de sta pianura tra do fiumi e 'l mare:

e le fantaseme che fa paura
- quando luna te monti in galesana -
e tra na svolta ciara e n'altra scura,
le bala co le strighe la furlana.

O Luna che col ladro Salvanelo
te giri el mondo e co' la so fassina,
da po' che l'è vignù catarte in çielo
per fare el scuro su la so rapina:

quando l'Adese e 'l Po xe in tuta piena,
quando che i pessi in vale i va a vajon,
fa on salto in acqua e dame a mi la vena
de dirte brava co na gran canson.

In nota el poeta l intitola la sezion VI come Visione notturna del Polesine dall'Adige al Po e l mete coalke spiegazion so le parole cofà:
froldo ke l sarìa indoe ke l acoa la bàte so l àrzare, e batendo la lo fròla come, e 'lora l è mejo farghene nàltro pìn là , ke l vien dito el ritiro; marezana l è inveze kei s-ciàpi de tèra suta - diti renai - le golene, indoe ca crése i àlbori, a se pòe anca coltivarle e ndarghe stare, savendo però ke i è sojète a xlargarse o alzarse, anca xbasarse, fondàrse, spicolirse e sconparire: dipende dal Po.
Le marezane le core senpre el ris-cio de deventare froldi e viceversa; la golena - el dixe el poeta - l è " tratto più modesto della marezzana ".
El dixe ke in galesana - de la luna - a vòe dire " in pecorelle, le lievi nuvolette a strie che se la contendono, onde una luce velata che avvolge in pallidi chiarori ed ombre il paesaggio [...] " e anca mi me pare de 'verla zà sentìa sta espresion cuà, però no savarìa se n riferimento la luna; podòpo el dixe del Salvanèlo ladro- polexàn ke, sicome ke l volea ndare robare te na nòte de luna pièna el se ghea ranpegà fin desora co na fasìna pa scondarghe tuto el splendore de la luna e difàti ke i so conpari cuà zo a ga riesesto de robare e tuto, ma Salvanèlo l è restà là desora, fasìna e tuto... zèrte olte, s a se varda bèn, la se vede la sagoma del Salvanèlo co la so fasìna n spàla.
E podòpo el parla di negà: " Nei tristi tempi della pellagra, le acque erano spesso la fine e la tomba dei pellagrosi ".

Pièn de àcoe el Polexene, indoe ndare negarse.


Na poexia al jorno
viewtopic.php?f=28&t=720
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30339
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm


Torna a Toponomastega o kinomastega

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron