Gaja - Gajòfa

Gaja - Gajòfa

Messaggioda Sixara » lun giu 19, 2017 12:51 pm

Gaja - Gajòfa
viewtopic.php?f=44&t=2653


Cosèla la Gaia?

El dixe Meneghello ke Gaia l è
" [...] una delle poche parole di cui non solo non sapevamo l'origine, ma sapevamo di non saperla. Gaia ('grembo', le ginocchia materne, il riparo e l'ospizio costruito da " l'incavo che si forma tra il ventre e le ginocchia di una persona seduta ", soprattutto donna, e materna): si resta confusi a sentire che deriverebbe da un longobardo gaida che voleva dire (dicono) 'punta della freccia', poi passato a dire 'punta, pezzo di vestito'.
Punta della freccia? La gaia? Bèn-cari! ". (Meneghello, Maredè, maredè... , p.54)

E la Gajòfa, cosèla?
Romagnolo (a la voxe, pp. 269-70) el dixe ke l è : " Tasca ampia. Sacca di tela; in part. Bisaccia dei frati e dei pellegrini ", ma anca " Sacca. Piega falsa. Rigonfiamento per la cattiva confezione dell'abito "
La voxe la se cata anca (e soradetuto) tel lonbardo: par ex. tel bustocco gaiòfa " piccola bisaccia che le donne povere portavano sotto il grembiule ".

Le dòne- poaréte le portava na gajòfa sota la travèrsa... e còsa sìn faxévele? le jèra sènpre n vòlta, n 'zerca de calcòsa da portar caxa... èrbe, frùta, panòce, noxe, fighi... tuto cuéo ke le jèra bòne da catàre le lo sunàva-su (de le olte anca sènza dimandarghelo al paron); le jèra on fià come le gàze o gaje, cueo ke le vedeva le se lo toéva . :)

L etimologia l è inc.: " Pare che sia dallo Sp. Gallofa, pane dato in elemosina ai pellegrini diretti al santuario di Compostela. Questi pellegrini erano in prevalenza francesi e la voce si è venuta così articolando dall'espressione latina 'Galli offa' ( alla lettera: boccone del Gallo o francese ). E' facile capire perciò il traslato, prima in bisaccia del pellegrino e del frate e poi di tasca o sacca di tela ".

(dire el vero, ghe ne sarìa anca nàltro de significà trasl., ke l è pò cueo de " sesso femminile " ma no l è so-màre, ke sémo drìo 'zercare el significà de 'grembo' materno cofà 'riparo', nò paraltro: l imajne l è cuea de l putìn/putìna ke la core da so-màma - sentà cuxìre par ex. - a scondarse co la testa te la gaja e, stéso mòdo, el ghe mete i bràzi tornovia )

Duncue: gaja gajòfa parfìn tel Balkan-Archiv :D
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1755
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: Gaja - Gajòfa

Messaggioda Berto » lun giu 19, 2017 8:57 pm

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30039
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Gaja - Gajòfa

Messaggioda Sixara » mar giu 20, 2017 10:04 am

Sì, l etimoloja de Otorìno la va bèn pa la gajòfa polexana, ma ne so mìa tanto sicura pa la gaja vixentina... ke no l è la stésa ròba, e me spiègo:
gaja a vòe dire anca gabbia, pa i polàstri, dixen, o i polastrìni o i oxelìni.
Pòdopo, le dòne-siore le se metea la crinolina sota le còtola, ke l è na gaja, a bèn vardare.

Le dòne povarete le ghea la gajòfa, sconta sota el grunbiale; le dòne siore le portava la gaja. Ghe ne jèra de siore a Vicenza? mi penso de sì, depì ke no n Polexine. Ga da èsare cusì. :)
A la conoséa mi na vecéta-gajòfa, ke la jèra sènpre n vòlta pa le canpagne a ingajofarse de tuto; e de nòte, pèzo oncora, ke no la dormiva o ghe bastava pòco e l andaxea sunar-su de tuto. Cuea, de sicuro ke la 'a ghea na gajòfa sota le còtole.
Dògnimodo, siore-poaréte no vol dire gnente: la gaja vixentina la pòe anca èsare solo ke na còrba, na corbéta, indoe ke te ghe metevi i polastrini o anca la ciòca a coo. E 'lora, el putìn-polexìn co l core da so màma-ciòca a scondarse inte la gaja (parké l à ciapà paura, parké a ghè on foresto...) altro nol fà ke tornare drento te la gabia, ke lì el staxea bèn, caldo e sicuro e fòra dai perìcoli :D
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1755
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm


Torna a Etimoloja de moti o parole venete e no

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron