Devènto: èsare fìn devènto

Devènto: èsare fìn devènto

Messaggioda Sixara » mar apr 11, 2017 7:40 pm

Deventàre e Devènto Risp. Diventare, Divenire e Diventato.
Ma devènto no l è pròpio el part.pasà de l verbo deventàre ke - a règola - el dovarìa fare deventà, o anca, se l verbo el fùse devegnere el dovarìa fare devegnesto.
E lora, cos èlo kel devènto de na espresion come " Toni/la Maria l è fìn devènto/a... ", parké ghe piaxe porasè na roba (da magnare, de sòito), te na manièra cusì esagerata ke l è infìn devènto/a, a punto.
I Romagnolo i dixe ke a doparémo na perifrasi de sto tipo "per la ripugnanza del dialetto per i superlativi assoluti "; no savarìa se solo de l polexan o n jenere de tute le varianti de l vèneto.
E l è vero ke na costru'zion de l tipo "Toni/Maria è golosissimo/a di..." no la ga sènso a tradurla come n italiàn col sufìso n -ìsimo/a, la farìa pròpio skìo, dixemolo, e pò gnanca ke la lo tradùxe el senso de èsare fìn devènto. Ke no l è el sènplice "ghe piaxe asè/porasè": l è on grado depì de l superlativo assoluto; ghe rièse de ndare par de là de l "assoluto". :D

Dògnimodo, i Romagnolo i prova spiegarlo cusì kel devènto:
" Facciamo alcuni esempi. Tizio era arrabbiatissimo; Tizio, dunque, el jera infìn deventà roso da la rabia. Caio era stanchissimo e Caio el jera deventà fin 'na straza da la strachìsia; Sempronio era rosso invasato, Sempronio el jera infìn sfogonà. Questo deventà infìn ... è frase così usuale, il participio passato così spontaneo e così consacrato nella costruzione di una frase superlativa che talora funge esso stesso da superlativo, mutando il deventà in devènto. Ma devènto significa, a sua volta, tutto quello che si vuole (diventato verde, uno straccio, rosso invasato o genericamente irriconoscibile e tale da non parere più se stesso)."
E lora Tizio ke l jèra arrabbiatissimo or de la fine l è fin devènto (da la rabia) e cusì Caio pa la strakìxia e Senprònio par... parké l à corso, el se ga emo'zionà, el se ga inrabià anca lu... l è deventà roso sfogonà = infin devènto, punto.
Parkè se pòe dire anca sen'za on motivo precixo, cofà n Vàrda sto fiòlo! da ignonde dà-lo su ke l è infìn devènto.

Boh.
A ne so mìa pròpio convinta ke la spiega'zion la sia cusì sènplice.
Dògnimodo, devènto a se podarìa tradurlo n italian co esaltato, accanito, fanatico, fissato, ossessivo, fuori di sé... no l è na bèla cualità cuéa de l èsare fin devènto... devènto... de-vegnere... podarìselo èsare on andare/vegnere fòra da se stési... :?
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1762
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Torna a Etimoloja de moti o parole venete e no

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite