Lea, lia, loa, lua, losa/lozza/lutia, letamaio/luamaro, leda

Lea, lia, loa, lua, losa/lozza/lutia, letamaio/luamaro, leda

Messaggioda Berto » dom feb 21, 2016 9:26 am

Lea, lia, loa, lua, losa, lozza, letamaio, luamaro, lutia, leda
viewtopic.php?f=44&t=2226
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31328
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Lea, lia ,loa, lua, losa/lozza/lutia, letamaio/luamaro,

Messaggioda Berto » dom feb 21, 2016 9:27 am

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... -luame.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 4-lodo.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 5-loto.jpg


Luamaro, leamaro e letamaio łe xe voxi fate da :
Lua-, lea-, leta- come fango, paltan, tera, merda de vaca
+
-maro, -maio come mucio/mucchio, marogna, maxiera, massa, mara/marra, ...

???
http://www.etimo.it/?term=letame
Immagine

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... laetus.jpg


Cfr. co Lama = pałù = acadego luhamu

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 5/lama.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31328
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Lea, lia ,loa, lua, losa/lozza/lutia, letamaio/luamaro,

Messaggioda Berto » dom feb 21, 2016 11:07 am

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... ivieri.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... ea-Leo.jpg

Lea/Lee
https://it.wikipedia.org/wiki/Lea_%28fiume%29
Il Lea è un fiume che scorre nel Regno Unito. È il maggior tributario del Tamigi ed è il secondo fiume più importante della capitale.
Il fiume nasce a sud della città di Luton, sulle colline che dominano il nord di Londra. A Hertford riceve diversi affluenti e sbocca in pianura. Dopo una trentina di km giunge a Londra dove restringe notevolmente il suo alveo, quasi pare essere un canale navigabile, prima di confluire nel Tamigi, dopo 68 km di corso e con una portata media di 38 m³/s.

https://en.wikipedia.org/wiki/River_Lea
The name of the River Lea was first recorded in the 9th century, although is believed to be much older. Spellings from the Anglo-Saxon period include Lig(e)an in 880 and Lygan in 895, and in the early medieval period it is usually Luye or Leye. It seems to be derived from a Celtic root lug-meaning 'bright or light' which is also the derivation of a name for a deity, so the meaning may be 'bright river' or 'river dedicated to the god Lugus'.
The spelling Lea predominates west (upstream) of Hertford, but both spellings (Lea and Lee) are used from Hertford to the River Thames. The Lee Navigation was established by Acts of Parliament and only that spelling is used in this context. The Lee Valley Regional Park Authority also uses this spelling for leisure facilities. However, the spelling Lea is used for road names, locations and other infrastructure in the capital, such as Leamouth, Lea Bridge, the Lea Valley Walk and the Lea Valley Railway Lines. This spelling is also used in geology, archaeology, etc. to refer to the Lea Valley. The divergent spellings of the river are also reflected in the place-names of Luton and Leyton: both mean "farmstead on the River Lea".

Lierza (*Liersa/*Lierxa?)
viewtopic.php?f=45&t=1059

Lia (fiumexeło de Oderso)
http://www.comune.oderzo.tv.it/ilcomune ... a-in-piena

Leàl (torenteło de Tolmexo)
https://fur.wikipedia.org/wiki/Toponims_Talian_Furlan_L
http://www.cacciaepesca.tv/pesca/itiner ... ghis-udine
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31328
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Lea, lia ,loa, lua, losa/lozza/lutia, letamaio/luamaro,

Messaggioda Berto » dom feb 21, 2016 11:07 am

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... /lutum.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 97-198.jpg



Cfr. co st'altre voxi:

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... za-248.jpg

???

http://www.etimo.it/?term=lordo
Immagine


Immagine

luridus, a, um, agg.,
1 molto pallido, giallastro, livido, PL. e a.; luridus (esangue) pallor, OV.;
2 che rende pallido, che fa illividire, OV. e a.: lurida mors, SIL.; lurida aconita, OV. Met. 1, 147
[luror + -idus].

luror, oris, m.,
pallore cadaverico, color giallastro, lividore, LUCR. e a.: paene alius lurore, tanto sfigurato per il pallore da sembrare un altro, APUL. Met. 1, 6, 1
[cf. livor, luridus].

luridatus, a, um, agg.,
macchiato, TERT.
[luridus + -atus2].
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31328
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Lea, lia ,loa, lua, losa/lozza/lutia, letamaio/luamaro,

Messaggioda Berto » dom feb 21, 2016 11:54 am

Loss, Loess, Löss

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 4/Loss.jpg


http://it.wikipedia.org/wiki/L%C3%B6ss
Il löss, più frequentemente trascritto come loess (la parola è di origine tedesca) è un tipo di sedimento eolico molto fine (delle dimensioni del limo); alle volte, il termine viene impropriamente utilizzato per indicare i suoli che su di esso si sono sviluppati.
Il löss è un sedimento eolico, che viene cioè originato dal trasporto e dalla deposizione di particelle da parte del vento. Ciò causa la particolare selezione granulometrica che lo caratterizza.
Le aree di origine del sedimento possono essere diverse: in alcuni casi, le particelle provengono da depositi inconsolidati di origine glaciale che sono molto suscettibili di erosione, soprattutto da parte del vento; tuttavia le aree di ablazione dei maggiori depositi lössici come Altopiano del Loess sono costituite dalle ampie aree desertiche del deserto del Gobi.
Dopo la rideposizione, i depositi lössici rimangono spesso instabili e possono essere erosi in tempi relativamente brevi; questo destino si compie generalmente anche in mancanza di azioni perturbatrici di origine antropica.
Le deposizioni di löss si estendono spesso su vaste aree: celeberrimi e molto importanti sono l'Altopiano del Loess, nella Cina centro-settentrionale e i suoli neri di steppa (Chernozem, Mollisol) della Russia europea meridionale, della Siberia sudoccidentale e delle Grandi Pianure nordamericane.
L'Altopiano del Loess, nella Cina centro-settentrionale è uno dei depositi di löss più estesi e più studiati. Questi sedimenti si sono accumulati durante l'ultimo milione di anni con spessori variabili fino a qualche centinaia di metri e sono caratterizzati da una alternanza di strati di löss veri e propri e suoli. I primi si accumulano durante i periodi glaciali, secchi e ventosi; i secondi si sviluppano durante i periodi interglaciali con clima caldo e umido.


http://it.wikipedia.org/wiki/Loess_Hills

Le Loess Hills sono una regione geografica degli Stati Uniti d'America caratterizzata dalla presenza di depositi eolici (loess o Löss) localizzati nella parte occidentale degli stati dell'Iowa e del Missouri lungo le rive del fiume Missouri.
Le Loess Hills sono generalmente situate tra 1 e 24 km a est del letto del fiume Missouri. Queste sono le prime colline presenti al di là delle pianure alluvionali del fiume, che danno forma ad una sorta di "fronte" tra le regioni di Iowa, Missouri e Nebraska adiacenti al corso del Missouri.
Durante l'ultima era glaciale, i ghiacciai in avanzamento frantumarono la roccia sottostante, rendendola in polvere. Con la ritirata dei ghiacciai ingenti quantità di sedimenti fangosi invasero la valle del fiume Missouri.
I venti secchi spostarono il limo con enormi nubi di polvere, depositandolo su ampie aree. Il limo più pesante e grossolao venne depositato nei pressi della pianura alluvionale del Missouri sotto forma di grandi dune, successivamente stabilizzate dalla crescita della vegetazione. L'azione erosiva della natura ha modellato in seguito la regione nella forma attuale.

http://www.geologia.com/area_raga/deserti/deserti3.html
Il loess (termine tedesco) è un'altra tipologia di accumulo eolico; è un materiale molto fine (i granuli hanno un diametro compreso tra 0,001 e 0,05 mm, infatti è scarsa la frazione sabbiosa e quella argillosa, e la loro forma è angolosa) trasportato in sospensione dal vento anche a notevoli distanze e generalmente si depone in ambienti di steppa e prateria poiché le piante erbacee, che crescono in questi ambienti, trattengono le particelle al suolo ed evitano la loro rimobilizazione; oggi i loess coprono circa il 10% delle terre emerse, tipici sono i loess nella Cina che deriverebbero dai deserti dell'Asia centrale ed hanno uno spessore superiore ai 100 metri nel bacino del Huang-Ho (in alcune zone si può considerare un processo tuttora in attuazione). Anche in Europa e in America settentrionale si ritrovano questo genere di depositi con spessori minori, deposti durante le fasi fredde del Pleistocene in aree di steppe e tundra.


Cfr. co Loso de Cador e Loso Atestin

Loso de Cador

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... Cadore.jpg

http://www.lozzodicadore.eu/doc/pannell ... za-150x100)-A3.jpg

http://www.lozzodicadore.org
http://www.lozzodicadore.org/Dinamica/Storia.html
Gli studiosi sono ancora discordi sull'etimologia del nome di Lozzo.
Giuseppe Ciani (Domegge 1793 - Vittorio Veneto 1867) la ritiene dovuta a Lucius, che dice "prenome" d'un romano, o centurione o tribuno di soldati o procuratore del principe, che sul colle sovrastante al moderno villaggio - stabilì la propria dimora". (Idiosia pura!)

A sostegno della sua tesi, lo storico asserisce che al suo tempo si vedevano ancora "su quel colle i ruderi di una torre", e, a provare che vi fossero ancora delle "case abitate intorno al mille" accenna a una scrittura del 1234, in cui si legge: "In praesentia Warnerii de Colle de Lucia et Arduichi de eadem villa...".
V'è chi vede nel nome la stessa radice della parola "luce", alludendo ai segnali luminosi che, in epoche remote, si sarebbero fatti in certi punti della vallata, quali avvisi d'allarme all'apparire degli invasori.
Antonio Ronzon (Vigo 1848 -Lodi 1905) attribuisce al nome di Lozzo la stessa etimologia di Lutetia, l'odierna Parigi, dicendo che deriva da "luteum", luogo paludoso.

E non è esclusa una quarta possibilità che il nome derivi da "lucus", bosco.
Sull'entità e importanza dei rinvenimenti avvenuti a Lozzo nella seconda metà del secolo scorso, il professore Giovan Battista Pellegrini dell'Università di Padova così si esprime in un articolo intitolato "Il Cadore nel periodo preromano e romano", apparso nella, rivista "Dolomiti" del giugno 1980: "Uno dei centri I "protostorici più importanti è costituito da Lozzo, ove fin dal 1852, nel podere Baldovin, in Cima alla Riva de Brodevin, vennero alla luce vari reperti di tombe e di ossari contenenti ossa combuste, elmi di ferro, spade, fibule e monete romane; assai antichi sono pure i ritrovamenti del 1871 e del 1881 quando, a N-E del capoluogo si individuarono numerose tombe a strati sovrapposti, preromano quello inferiore, romano il superiore, e vari oggetti di bronzo e di ferro oltre al pezzo più prezioso, e cioè un cippo funerario di ardesia, analogo a quello di Pozzale (pure disperso) con iscrizione venetica integra su due righe e con l'indicazione del nome individuale, del patronimico e di un probabile elemento lessicale del formulario in abbreviazione...

Altri oggetti preromani sono stati rinvenuti a Lozzo nel 1881, a Piazza della Croce e sul Colle di Tamber, unitamente ad un denaro della famiglia Baebia (Il sec. a. C.) e a mura di una probabile torre romana". Qualunque sia l'origine del suo nome, Lozzo è paese antico e tale è ritenuto.
Dette scoperte fanno pensare all'importanza militare delle locali vie di comunicazione e all'esistenza di un popolo, assai prima che un qualunque presidio vi fosse stabilito a difesa.
Il clima, meno rigido qui che altrove, la fertilità del terreno e la bontà e ricchezza delle acque devono avere insieme contribuito a far sì che i primi abitanti preferissero questo ad altri luoghi del Cadore.

http://www.lozzodicadore.org/Dinamica/Mulini.html
http://www.ladinia.org/blog/2009/02/23/ ... zzo-online


Loso Atestin
http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Monte_lozzo.JPG

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... tino-c.jpg

http://www.comune.lozzoatestino.pd.it/h ... cc=1&jvs=1
http://www.comune.lozzoatestino.pd.it/o ... =E2&node=0
Il nome
Il nome Lozzo ha un'etimologia propria che dà adito a diverse interpretazioni. Oltre a "lutum" (fango, terra fertile, torbosa) e "luxos" (obliquo, pendente), l'ipotesi più appropriata e che meglio si adatterebbe alla situazione del territorio originario è "lucus" (bosco sacro); infatti, il monte anticamente era coperto da un immenso bosco, come testimoniano alcuni toponimi quali Rovere e Ronchi. ???
Nel 1867 venne aggiunto l'aggettivo Atestino in quanto situato nella zona di Este (Atheste).


Un pò di storia
I primi insediamenti umani, favoriti dal clima, dalla posizione dei luogo e dall'abbondanza di boschi e selvaggina, erano situati sul monte di Lozzo, in località Pegorile e Misereo e risalgono alla Preistoria, come testimoniano i ritrovamenti dei grandi focolari con gli scavi del 1904. Importanti reperti, come oggetti fittili, di selce e di bronzo, sono stati rinvenuti anche in località Malandrina e Val Calaona. Tutti gli oggetti ed i manufatti sono raccolti presso il Museo Atestino di Este. I primi abitatori di Lozzo erano tribù seminomadi, assorbite poi dagli Euganei. Sei o sette secoli dopo l'insediamento di questi, giunsero nella zona i Paleoveneti, che introdussero la cultura dei ferro. L'arte paleoveneta presenta un aspetto un po' artigianale, ma di buona tecnica. I reperti di ceramica presentano vari tipi di decorazione che dimostrano un notevole gusto e senso artistico, così come i reperti di bronzo: ha inizio e si sviluppa la civiltà atestina. In epoca romana Lozzo faceva parte dell'agro romano atestino; si svilupparono le attività agricole e il commercio e furono costruite opere di difesa delle terre dalle acque.

http://www.padovanavigazione.it/it/itinerari6.htm
http://www.euganeo.com/progetto_zoom.php?id=393
http://www.mondimedievali.net/Castelli/ ... /lozzo.htm
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31328
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Lea, lia ,loa, lua, losa/lozza/lutia, letamaio/luamaro,

Messaggioda Berto » dom feb 21, 2016 12:05 pm

Cfr. co:

Lusaan/Luxiana (Lusiana), Luxerna (Luserna), Lucerna, Luxon, Luxia
viewtopic.php?f=45&t=1515

Luxenso (Lusenzo) e Luxia (Lusia
viewtopic.php?f=45&t=1262

Lea, lia ,loa, lua, losa, lozza, letamaio, luamaro, lutia, leda
viewtopic.php?f=44&t=2226

Lutrano, Luton, Lutezia, Luxasia/Lusatia, Luxia, Lusitania
viewtopic.php?f=45&t=2228

Olt, Aluta, .... Lea, Lua, Luamaro, Leida, Leira, Loira ..., Limena, Emona, Limone, ..., Lyon, Lutetia, Luxasia, ..., Melegnan, Lignan, Legnago, ..., Lugan, Lugo, Palugana Palù, ..., Mel, Melma, Mala, Mara, Mos, Morsa, ...
viewtopic.php?f=45&t=497

https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... BXNGs/edit
Immagine
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31328
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Lea, lia ,loa, lua, losa/lozza/lutia, letamaio/luamaro,

Messaggioda Berto » dom feb 21, 2016 1:02 pm

Cfr. co:
Mòta, móta e mota (?)
viewtopic.php?f=44&t=240

1) Mota come moja, moite, molta, malta, paltan (pałueghe, pałù, aree o xone paludoxe)
2) Mota come motta, monte, montagna
3) Mota come molta, mucio, mucchio (na mota/montagna de roba)



http://www.etimo.it/?term=fango
Immagine

Raixe dei moti de ła łengoa veneta
viewtopic.php?f=40&t=1787


dixonaro "fango" # tradur "fango"
http://xref.w3dictionary.org/index.php?fl=it&id=32013

afrikaans modder
danese mudder
olandese modder

norvegese gytje

bielorusso бруд

bulgaro кал
macedone кал

catalano fang
italiano fango melma poltiglia

gallese mwd
tedesco Schlamm Matsch Schmuddel Sumpf Modder Patsche Schmiere Schlick Mansch Dreck Schmutz

greco λάσπη

estone muda
finlandese muta

francese boue

irlandese láibe

galiziano Lama
portoghese lama

albanese baltë
polacco błoto
croato blato
slovacco bahno
ceco bahno

russo грязи
serbo блато
ucraino бруду

ungherese sár

islandese drulla

lituano purvas

lettone dubļi

maltese tat-tajn

rumeno noroi

svedese lera

swahili matope

malese lumpur
indonesiano lumpur

turco çamur

ebraico בוץ
yiddish בלאָטע
arabo الطين
persiano گل

filippino putik

cinese (cina) 泥
cinese (taiwan) 泥

giapponese 泥
coreano 진흙

vietnamita bùn

thai โคลน
hindi कीचड़



wörterbuch "Schlamm" # übersetzen "Schlamm"
http://xref.w3dictionary.org/index.php?fl=de&id=47204

afrikaans slib
niederländisch slib

dänisch slam
deutsch Schlamm Matsch Brühe
norwegisch slam
schwedisch slam

galizisch lamas
maltesisch ħama
portugiesisch lamas
albanisch llum

ukrainisch шлам
weißrussisch шлам
russisch шлам
serbisch муљ

mazedonisch талог

rumänisch nămoluri

bulgarisch утайка

katalanisch fangs
italienisch fanghi

tschechisch kal

kymrisch llaid
griechisch λάσπη

englisch sludge
spanisch lodos
irisch sloda

estnisch muda
finnisch lietemäiset lieju muta liete sohjo

französisch boues

ungarisch iszapszerű salak

indonesisch lumpur
malaiisch lumpur

litauisch dumblas
lettisch dūņas

polnisch osadów

türkisch çamur

slowakisch kal usadená špina bahno blato nečistota špinavý olej špinavá mastnota
slowenisch blato
kroatisch mulja blato

jiddisch סלאַדזש
hebräisch רפש

chinesisch (taiwan) 污泥
chinesisch (china) 污泥
vietnamesisch bùn
thai โคลน
filipino putik
japanisch 汚泥
koreanisch 슬러지
hindi कीचड़
persisch لجن
arabisch حمأة
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31328
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Lea, lia ,loa, lua, losa/lozza/lutia, letamaio/luamaro,

Messaggioda Berto » dom feb 21, 2016 1:05 pm

Cfr. co:

Pałù (pałua, palude, paduła)
viewtopic.php?f=44&t=2220

dixonaro "pałù" # tradur "palude"

http://xref.w3dictionary.org/index.php?fl=it&id=29706

afrikaans moeras
olandese moeras broek moer drasland

irlandese riasc
svedese marsh MORAS SUMPMARK SUMP TRÄSK

tedesco Marsh Sumpf
yiddish זומפּ zump

inglese marsh
estone Marsh soo lodu
indonesiano marsh
vietnamita Marsh
finlandese marsh marskimaa suomaa
norvegese myr
portoghese marsh brejo paul pântano charco
rumeno Marsh ţinut mlăştinos pământ mlăştinos mlaştină mocirlă
francese marais
catalano maresmes
spagnolo marismas ñanga pantano ciénaga

gallese gors

turco bataklık

ceco bažina (cfr. co bacino)
maltese bassasa (cfr. co ła basa/bassa)

greco βάλτος

bielorusso балота
bulgaro блато
russo болотный
ucraino болотний

lituano Pelkė raistas bala liūnas
polacco bagno błoto moczary

lettone purvs slīksnājs

italiano palude acquitrino
malese paya

macedone мочуриште
croato močvaran
ungherese mocsár
slovacco bažina močiar trasovisko močarina blato barina
sloveno Močvirja
albanese kënetë moçal
serbo мочваран
polacco bagno błoto moczary

ebraico בצה
arabo الأهوار

coreano 늪
giapponese 湿地
hindi मार्श
persiano مرداب

thai กระพัง

filippino bana

cinese (cina) 沼泽
cinese (taiwan) 沼澤
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31328
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Lea, lia ,loa, lua, losa/lozza/lutia, letamaio/luamaro,

Messaggioda Berto » dom feb 21, 2016 8:33 pm

dixonaro "letame" # tradur "letame"

http://xref.w3dictionary.org/index.php?fl=it&id=29534

afrikaans mis
lituano mėšlas
lettone mēsli
olandese mest

bielorusso гной
slovacco hnoj
sloveno gnoj
ucraino гній
ceco hnůj

polacco obornika

russo навоз
serbo нађубрити
croato nađubriti

macedone Тор
bulgaro тор

catalano fems
francese fumier

gallese tail
irlandese aoiligh

danese gylle
tedesco Gülle
turco gübre

greco κόπρου

inglese manure

spagnolo estiércol

estone sõnnik

finlandese lanta

ungherese trágya
rumeno gunoiul de grajd

italiano letame
maltese demel
portoghese estrume
galiziano estrume

norvegese gjødsle
svedese gödsel

albanese pleh organik

swahili mbolea

yiddish מיסט
ebraico לדשן

malese pupuk
indonesiano pupuk

cinese (cina) 粪肥
cinese (taiwan) 糞肥
hindi खाद
thai ปุ๋ยคอก
vietnamita phân
filippino pataba
giapponese 肥料
coreano 거름
persiano کود کشاورزی
araboسماد



dictionary "dung" # translate "dung"

http://xref.w3dictionary.org/index.php?fl=en&id=14207

lithuanian Mėšlavabaliai tręšti mėšlu
latvian mēslot

afrikaans mis
german Mist
yiddish מיסט mist
hebrew צפיע

icelandic Mykja

belarusian гной
bulgarian изверженията

macedonian измет
russian навоз

polish gnój
slovak hnoj
czech hnůj
ukrainian гній

serbian балега
slovenian Balega
croatian balega

welsh dom
maltese demel

greek κοπριά

spanish estiércol

estonian Sõnniku
finnish lanta sonta

french excréments

catalan fems

italian sterco letame concime meta

hungarian dung
dutch dung
swedish dynga
portuguese dung
vietnamese dung
english dung

romanian scârnă

albanian plehëroj

turkish gübre

swahili mavi

indonesian kotoran
malay kotoran
chinese (china) 牛粪
chinese (taiwan) 牛糞
thai มูลสัตว์
hindi गोबर
persian پشکل
arabic الروث

japanese 糞
korean 배설물
filipino tae ng hayop
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31328
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Lea, lia ,loa, lua, losa/lozza/lutia, letamaio/luamaro,

Messaggioda Berto » lun feb 22, 2016 8:29 am

Sterco

http://www.etimo.it/?term=sterco
Immagine
Immagine


Immagine

stercus, oris, n.,
sterco; letame, CAT. e a.; come ingiuria, CIC. de orat. 3, 164.

sterculinum (-ium, sterci-, sterqui-), i, n.,
letamaio, immondezzaio, CAT.; come termine ingiurioso, PL., TER.
[cf. stercus].

stercorosus, a, um, agg., sup. stercorosissimus
(CAT.), ben concimato, COL.; fangoso, sporco: stercorosa aqua, COL.; omne immundum stercorosumque, ogni immondizia e ogni rifiuto, SEN. Nat. 3, 26, 7
[stercus + -osus].

stercoro (stercero), as, avi, atum, are, 1 tr.,
1 concimare, VARR., CIC. e a.;
2 vuotare, purgare (latrine ecc.), Dig.
[stercus + -o3].

stercoreus, a, um, agg.,
stercoreo; fig. come ingiuria, immondo, fetente, PL. Mil. 90
[stercus + -eus].

stercoratio (stercer-), onis, f.,
concimazione, VARR. e a.
[stercoro + -tio].

sterceia, ae, f.,
serva incaricata di pulire i bambini, TERT. Valent. 8
[cf. stercus].

Stercutus, i (Sterculius, TERT.), m.,
Stercuzio, epiteto di Saturno (o di Picumno) come dio della concimazione, PLIN., MACR.

https://en.wikipedia.org/wiki/Sterquilinus
In Roman mythology, Sterquilinus ("manure"; also Stercutus or Sterculius) was a god of fertilization. He may have been equivalent to Picumnus. The Larousse Encyclopaedia of Mythology gives the name as Stercutius, a pseudonym of Saturn, under which the latter used to supervise the manuring of the fields.
The name Sterquilinus comes from the Latin "stercus" meaning "fetilizer" or "manure". His name was altered to avoid confusion.
Early Romans were an agrarian civilization and, functionally, most of their original pantheon of gods (not the later ones they adapted to Greek stereotypes) were of a rural nature with figures such as Pomona, Ceres, Flora, Dea Dia; so it was only apt for them to have a god supervising the basics of organic fertilization. Sterquilinus essentially taught the use of manure in agricultural processes. He was not the sole deity of manure on its own; as in, sewage.


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... us-575.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31328
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Prossimo

Torna a Etimoloja de moti o parole venete e no

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite