More veneto = manera, modo, mexoura, uxo, costumansa veneta

More veneto = manera, modo, mexoura, uxo, costumansa veneta

Messaggioda Berto » mar gen 06, 2015 9:53 pm

More veneto = manera, modo, mexoura, uxo, costumansa veneta

viewtopic.php?f=44&t=1308


Ła xe na voxe vecia ke ła se cata anca entel latin (ma ke no ła xe na envension latina o romana) e ła fa parte de na gran fameja de voxi pristoreghe de cu ła variansa latina lè lomè n’atestasion; mai dexmentegarse ke ła łengoa omana e łe łengoe de l’ara tałega no łe ga enventà i latini o i romani:



Immagine


mos, moris, m.,
1 maniera di comportarsi, modo d'agire, costume, usanza, abitudine, tradizione: mos (o moris) est ut, c'è l'usanza di, CIC.; more meo, secondo la mia abitudine, CIC.; sicut meus est mos, come è mia abitudine, HOR. Sat. 1, 9, 1; mos est rogandi, c'è l'abitudine di chiedere, CIC.; mos erat patrius adversari, era usanza tradizionale di contraddire, CIC.; quem... illi adstare moris fuit, che era usanza gli fosse sempre a fianco, VELL. 2, 40, 3; abeunti si quid poposcerit concedere moris, c'è l'usanza di concedere a chi parta qualunque cosa richieda, TAC. Germ. 21, 2; ut moris est, com'è usanza, TAC.; habebat hoc moris, aveva questa abitudine, PLIN. Ep.; quae more agentur institutisque civilibus, quel che si farà obbedendo alle consuetudini e alle istituzioni cittadine, CIC. Off. 1, 148; more maiorum, secondo le tradizioni degli avi, CIC.; compti de more capilli, i capelli acconciati secondo le usanze, VERG.; ex more, secondo l'uso, HOR. (anche: in morem, VERG.); nullo more, senza esempio, FLOR.; mutare veterem morem, mutare l'antico costume, IUST.; mos vestis, moda, foggia di veste, IUST.;
2 buoni costumi, moralità: res civibus moribus agris aucta, lo Stato accresciuto per numero di cittadini, migliorato per moralità, ingrandito per territorio, SALL. Cat. 6, 3; quis neque mos neque cultus erat, che non avevano moralità né civiltà, VERG. Aen. 8, 316; homo iustus et morum, uomo giusto e costumato, APUL. Apol. 75;
3 malcostume, corruzione, CIC. e a.;
4 carattere: in moribus est culpa, non in aetate, la colpa è del carattere, non dell'età, CIC.; imitari avi mores disciplinamque, imitare tuo nonno quanto al carattere e ai principi, CIC.; omnis mos Lacedaemoniorum inflammatus est cupiditate vincendi, il carattere degli Spartani è tutto ardente di desiderio di vincere, CIC.; diutius durant exempla quam mores, l'esempio ha maggior efficacia delle qualità morali, TAC. Hist. 4, 42, 6;
5 volontà, desiderio, capriccio, arbitrio: alieno more vivere, vivere secondo i desideri d'un altro, TER.; oboedire mori alicuius, obbedire ai desideri di uno, PL.; morem gerere alicui, far piacere, compiacere a qualcuno: geram tibi morem, farò come vuoi tu, CIC.; sine me gerere mihi morem, lasciami fare a modo mio, TER.; more ingenii sui, secondo il proprio capriccio, IUST.;
6 legge, regola, norma: more belli, secondo le regole della guerra, CIC.; varius caeli mos, le leggi dei mutamenti di temperatura, VERG. Georg. 1, 51; mores et moenia ponere, dar leggi e stabili sedi, VERG.; paci imponere morem, dettare le leggi della pace, VERG. Aen. 6, 852; sine more, contro ogni buon diritto, VERG. Aen. 8, 635 (ma: senza freni, smodatamente, ibid. 5, 694 e 7, 377).

modus, i, m.,
1 unità di misura, VARR.;
2 misura, estensione: voluisti magnum agri modum censeri, hai voluto esser censito per una vasta estensione di terreni, CIC. Flacc. 80; lex de modo agrorum, legge sulla quantità di agro pubblico, LIV.; modus agri non ita magnus, un campo non tanto grande, HOR. Sat. 2, 6, 1; vestis ingens modus (quantità), CURT. 5, 6, 3;
3 misura ritmica, ritmo: pressi et flebiles modi, ritmo lento e lamentoso, CIC. Tusc. 1, 106; extra modum, senza ritmo, CIC.; ad tibicinis modos saltare, ballare al ritmo del flauto, LIV.; Aeolium carmen ad Italos deducere modos, portare la poesia eolica in ritmi latini, HOR.; fig. vertere modum, cambiar sonata, HOR.;
4 misura, moderazione, limite, regola, norma: suus cuique modus est, ogni cosa ha un suo limite, CIC. Or. 73 (anche est modus in rebus, HOR. Sat. 1, 1, 106); ulciscendi et puniendi modus, limite alla vendetta e alla punizione, CIC.; modum transire, passare il limite, eccedere, CIC.; nunquam terminat nec magnitudinis nec diuturnitatis modum, non determina mai il limite dell'intensità e della durata, CIC. Tusc. 2, 45; modum statuere, fissare una regola, CIC.; ultra privatum pecuniae modum (limite), SEN.; modum hominis excedere, passare i limiti dell'umanità, CURT. 6, 9, 18; facere modum, porre un limite, LIV.; ad quendam modum, fino a un certo punto, SEN.;
5 modo, maniera, genere, tipo: tres modi rerum publicarum, tre tipi di governi, CIC. Rep. 1, 69; oratoris modo, come oratore, CAES.; cuiusque modi voluptates, piaceri d'ogni genere, CIC.; quoquo modo hoc accipietur, in qualunque modo si intendano queste parole, CIC.; omni modo, in ogni modo, CIC.; miris modis, straordinariamente, PL., LIV.; vaticinantis in modum, a mo' di indovino, LIV.; in servilem modum, come si fa con gli schiavi, CAES. B. G. 6, 19, 3; ad hunc modum, a questo modo, CAES.;
6 forma, modo, term. gramm.: patiendi, faciendi modus, il passivo, l'attivo, QUINT.
[cf. medeor; cf. gr. médomai].
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30215
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: More veneto = manera, modo, mexoura, costumansa veneta

Messaggioda Berto » mar gen 06, 2015 9:53 pm

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30215
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: More veneto = manera, modo, mexoura, costumansa veneta

Messaggioda Berto » mar gen 06, 2015 10:04 pm

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30215
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: More veneto = manera, modo, mexoura, costumansa veneta

Messaggioda Berto » mer gen 07, 2015 8:23 am

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30215
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

More veneto = manera, modo, mexoura, uxo, costumansa veneta

Messaggioda Sixara » mer gen 07, 2015 1:35 pm

Ke maraveja de parola e de significati...
Meddu-gnatus 'Né du jugement' o mejo 'Qui s'y connait en jugements'

*med- moderare, prendere le misure appropriate; stimare, giudicare, governare; esercitare il potere;
bilancia(re); pesare; misurare; ( sanare-guarire);
med-itare; riflettere; giudicare ( dopo riflessione) con misura.
Ke spetacolo! :D
( ghe pensemo so la traduzhion ke dèso no la me vièn propio.. i è parole cusì inportanti, cusì 'dense'..)
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1757
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

More veneto = manera, modo, mexoura, uxo, costumansa veneta

Messaggioda Berto » gio gen 08, 2015 9:02 am

Anca naltri veneti a poden ben doparar sto moto "more"; el fato ke sta voxe la sipia atestà ausì en latin no vol dire ke la sipia na parola enventà dai latini o dai romani: la ghè e se pol dopararla. Par mi ke on moto el ghe sipia en latin no me da on vanto, me xe endefarente e gnanca lo descremeno e scançelo parké el se cata pur ente sta lengoa ke par mi lè na lengoa cofà tante altre, na variansa lengoestega talega, ke no la ga gnente de soran a tute staltre anca se o siben pal pasà e par secoli li gapie scrito on mucio de livri co sta lengoa.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30215
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm


Torna a Etimoloja de moti o parole venete e no

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti