Gonxo, Gonzo, Gonzato, Gonzaga, Gonzi, Gusso, Guzzo

Re: Gonxo, Gonzo, Gonzato, Gonzaga, Gonzi, Gusso, Guzzo

Messaggioda Berto » mer ago 31, 2016 9:22 pm

Cfr. co:

Godego, Godega, Goito, Goido, Godo e Gottolengo
viewtopic.php?f=45&t=976

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... alpina.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30209
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Gonxo, Gonzo, Gonzato, Gonzaga, Gonzi, Gusso, Guzzo

Messaggioda Berto » mer ago 31, 2016 9:26 pm

Cfr. co:

Gui, Guio, De Guio, Guioto, Guida, Guidi, Guido, Guidone
viewtopic.php?f=41&t=1917


Guidolin, Guidolini, Guidolino, Guidotti, Guidotto e altri
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30209
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Gonxo, Gonzo, Gonzato, Gonzaga, Gonzi, Gusso, Guzzo

Messaggioda Berto » mer ago 31, 2016 9:42 pm

Cfr. co:

Corà, Corrado, Coradin, Corradini, Conrad


http://www.cognomiitaliani.org/cognomi/ ... 003cor.htm

CORA' CORRA'

Corà è tipico del vicentino, di Vicenza, Lendinara, Sovizzo, Valdagno, Schio e Asiago, Corrà è molto più diffuso non solo nel vicentino, ma anche nel veronese e nel trentino, si dovrebbe trattare di forme dialettali dell'apocope del nome Corrado, dove l'accento sulla a finale sostituisce la terminazione in -ado.


CORAIN
Tipico del veronese è molto raro, probabilmente deriva da una modificazione dialettale del nome Corradino.

CORAI
Tipico di Pordenone potrebbe derivare da un soprannome dialettale legato al vocabolo coraggio, ma più probabilmente deriva da una modificazione dialettale del nome Corrado.


CORATELLI
Coratelli sembrerebbe di origine barese, dovrebbe derivare da un soprannome originato dal toponimo Corato (BA).

CORATO
Corato è tipico del vicentino, di Vicenza, Monteviale, Arzignano, Creazzo e Nogarole Vicentino, si dovrebbe trattare di una forma patronimica tipica veneta in -ato stante ad indicare famiglia dei figli di un Corà o Corrado (vedi CORA').
integrazioni fornite da Giovanni Vezzelli
Per la sparuta presenza meridionale del cognome Corato, si può ipotizzare un'origine locale dal toponimo pugliese Corato, in provincia di Bari.


CORRADA CORRADAZZI CORRADAZZO CORRADELLI CORRADENGO CORRADETTI CORRADI
CORRADIN CORRADINA CORRADINI CORRADINO CORRADO CORRADONE CORRADONI CORRADOSSI CORRADUCCI CURRADI CURRADINI CURRADO GURRADO

Corrada è specifico delle provincie di Milano e Lodi, sia Corradazzi che Corradazzo estremamente rari, sono del nord Italia, Corradelli, molto molto raro, è tipico di San Benedetto Po nel mantovano, Corradengo, rarissimo sembrerebbe avere oltre al ceppo piemontese anche uno palermitano, Corradetti è tipico della fascia centrale che comprende il maceratese, il Piceno, il teramano, il reatino ed il romano, Corradi è proprio dell'area occidentale del Veneto, Lombardia centro orientale,Emilia e Liguria, Corradin è molto diffuso in tutto il Veneto, in particolare nel vicentino e padovano, Corradina, assolutamente rarissimo, sembrerebbe friulano, Corradini è di tutto il centro nord, Corradino ha un ceppo nel novarese, uno nel genovese, uno a Roma, uno nel salernitano, uno nel barese ed uno nel palermitano,Corrado è panitaliano, Corradone e Corradoni sono estremamente rari, Corradossi è tipicamente toscano, del fiorentino, di Firenze, Pontassieve, Rufina e Pelago, Corraducci, molto molto raro, è di Pesaro e del pesarese, Curradi è fiorentino, Curradini, assolutamente rarissimo, sembrerebbe del lombardoveneto, Currado parrebbe avere un ceppo tra cuneese ed alessandrino ed uno calabrese a Curinga (CZ), Gurrado è tipico dell'area che comprende il barese, il tarentino e soprattutto il materano. Questi cognomi dovrebbero tutti derivare, direttamente o tramite varie forme ipocoristiche, accrescitive o patronimiche cumulative, dal nome medioevale Curradus molto diffuso nel tardo medioevo, nome che si è poi modificato in Corrado . Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo nel 1200 nel cuneese dove i Corradenghi esercitano potestà feudale suil territorio di Monforte d'Alba (CN) e a Reggio Emilia nel 1500 con un certo Sebastiano Corrado, precettore di lettere greche e latine.
integrazioni fornite da Giovanni Vezzelli
Corradi viene dal personale germanico Konrad/Conrad composto da althochdeutsch kuoni = ardito (ted. kühn) + althochdeutsch rat = consiglio (ted. Rat), latinizzatosi in Conradus, Corradus, nome tra i preferiti nel medioevo con il significato di ardito consigliere. Cfr. Giovanni Vezzelli:
Cognomi romagnoli di origine barbarico (???) - germanica, Il Sodalizio, Rimini, 1988


https://it.wikipedia.org/wiki/Corrado
???
Documentato dal X secolo nelle forme latine Conradus e Corradus, è un nome di origine germanica, di tradizione francone e poi tedesca. È composto dagli elementi chun (o kuoni, kuon, konja, "audace") e rad (o rat, raet, "consiglio", sia nel senso di "giudizio", "suggerimento" che di "assemblea"), e può essere interpretato come "consiglio dell'audace", "dall'audace consiglio" o "audace nel consiglio" o "audace nel deliberare".

In Italia la forma base è diffusa ampiamente in tutta la penisola e maggiormente accentrata in Sicilia ed Emilia-Romagna, mentre le forme femminili Corrada e Corradina sono concentrate in Sicilia, dove riflettono il culto per san Corrado Confalonieri, patrono di Noto. Per quanto riguardo l'Inghilterra, si registra un suo occasionale uso (nella forma Conrad) già nel Medioevo, ma acquisisce una certa diffusione solo nel XIX secolo, reintrodotto dalla Germania.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30209
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Precedente

Torna a Cognomi dei veneti

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron