I nomari/numari (numeri)

I nomari/numari (numeri)

Messaggioda Berto » dom lug 27, 2014 7:47 am

I nomari/numari (numeri)
viewtopic.php?f=40&t=1034


on/un
do/du
tri/tre
coatro/cuatro o quatro
çincoe/sinque
sie
sete
oto
nove
diexe/dexe
ondaxe/ondexe
dodaxe/dodexe
tredaxe/tredexe
coatordaxe/quatordexe
coendaxe/quindexe
sedaxe/sedexe
dixsete/dexsete
dixdoto/dexdoto
dixnove/dexnove
vinti/venti
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37392
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: I nomari/numari (numeri)

Messaggioda Berto » dom lug 27, 2014 7:48 am

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37392
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: I nomari/numari (numeri)

Messaggioda Sixara » mar lug 29, 2014 10:22 pm

Ciò Alberto ma l Andrea Boldu, el camerlengo, xelo stà banditto tel 1698 da Vicensa? Parké te l iscritsion rixulta : MDCLXXXXVIII, ke lè na maniera stranba .. no dovarìa èsare : MDCXCVIII :?
( scuxa ò scrito par de cuà ke no lo càto indoe ca te lo ghè méso l Andrea Boldu)
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1764
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: I nomari/numari (numeri)

Messaggioda Sixara » ven ott 03, 2014 4:53 pm

Berto ha scritto:do/du
tri/tre


Flaminio de Poli te on so libretìn intitolà El Toro el dixe na roba intaresante a propoxito de i nùmari ( pa la so variante 'uganea ma forse l è valida anca pa naltri) :
i nùmari 2 e 3 i gà el jènere maskile e l feminile, difati a se dixe :
du òmeni ma do dòne ;
trì mas-ci e trè femene.
No ghevo mai pensà, ma l è vera sta roba cuà. Bravo Flaminio.
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1764
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: I nomari/numari (numeri)

Messaggioda Berto » ven ott 03, 2014 7:43 pm

Sixara ha scritto:
Berto ha scritto:do/du
tri/tre


Flaminio de Poli te on so libretìn intitolà El Toro el dixe na roba intaresante a propoxito de i nùmari ( pa la so variante 'uganea ma forse l è valida anca pa naltri) :
i nùmari 2 e 3 i gà el jènere maskile e l feminile, difati a se dixe :
du òmeni ma do dòne ;
trì mas-ci e trè femene.
No ghevo mai pensà, ma l è vera sta roba cuà. Bravo Flaminio.



Uh, oro!
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37392
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: I nomari/numari (numeri)

Messaggioda Berto » gio mar 12, 2015 5:13 pm

Sixara ha scritto:Ciò Alberto ma l Andrea Boldu, el camerlengo, xelo stà banditto tel 1698 da Vicensa? Parké te l iscritsion rixulta : MDCLXXXXVIII, ke lè na maniera stranba .. no dovarìa èsare : MDCXCVIII :?
( scuxa ò scrito par de cuà ke no lo càto indoe ca te lo ghè méso l Andrea Boldu)


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... o-1698.jpg


No savaria dirte se lè on xbajo o pur na variansa tradisional e consoledà.

Sistema de noumerasion ke no lè roman o lomè roman!

http://it.wikipedia.org/wiki/Sistema_di ... one_romano
Il fatto che la numerazione greco-latina sia derivata dalle tecniche della numerazione per intaglio è indirettamente provato dal fatto che popoli più primitivi dei Romani (?), quali i Dalmati, i Tirolesi od i popoli Germano-Scandinavi, siano pervenuti autonomamente ai principi della numerazione latina (es. il principio sottrattivo era presente pure presso gli Etruschi).

http://it.wikipedia.org/wiki/Discussion ... ta_scritto
Nella voce sta scritto: ... ''Il fatto che la numerazione greco-latina sia derivata dalle tecniche della numerazione per intaglio è indirettamente provato dal fatto che '''popoli più primitivi dei Romani''', quali i Dalmati, i Tirolesi od i popoli Germano-Scandinavi, siano pervenuti autonomamente ai principi della numerazione latina (es. il principio sottrattivo era presente pure presso gli Etruschi)''. ... credo che la frase '''popoli più primitivi dei Romani''' vada eliminata perché non è una verita ma è un'opinione personale etnorazzista e assolutamente non enciclopedica. Inoltre il fatto che questo sistema di numerazione fosse usato indipendentemente anche da altri popoli diversi dai romani fa sì che questo sistema di numerazione non sia "denominabile soltanto come romano". Alberto Pento --~~~~
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37392
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: I nomari/numari (numeri)

Messaggioda Berto » mar apr 14, 2015 1:40 pm

I segni grafeghi o sinbołi dei nomari ke naltri doparemo no łi ne riva da łi arabi e no xe na envension araba:

http://it.wikipedia.org/wiki/Numero

Il sistema adottato in Europa è il sistema di numerazione decimale, detto anche numerazione araba. In realtà proviene dall'India, e molto probabilmente deriva dai numeri corsivi egiziani, i numeri copti. La cifra 1 è molto simile al simbolo romano, 2 e 3 sono varianti dello stesso simbolo che consentono di scrivere i numeri senza alzare la penna e quindi consentono una scrittura rapida, ma conservano l'idea della linea doppia o tripla orizzontale. Col simbolo 4 la corrispondenza si perde.

http://it.wikipedia.org/wiki/Sistema_di ... one_egizio

http://definizionediparole.com/lettera- ... a-geez.php

http://crema.di.unimi.it/~citrini/Tesi/r9/3.html
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37392
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm


Torna a Storia de la łengoa veneta e de łe so varianse

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron