Colori e tinte

Colori e tinte

Messaggioda Berto » dom lug 27, 2014 7:12 am

Colori e tinte
viewtopic.php?f=40&t=1033


http://evenesie.prophpbb.com/topic105.html

Rajonavo st'altro dì so ła sołita cuestion del "axuro" venetego e so'l fato che in verità el termine "axuro" in lengua no'l ghe sia... e pensandoghe ben go slargà el discorso a chealtri cołori e go da dir che'l xe pròpio un bel caxin...

Ełora, femo un fià de ordene partindo dal Boerio...

Biadèto: tradoto cofà cilestro, che vegno saver dai disionari itałiani èsar un sełeste ciaro
Bianchiso: albiccio, un bianco smorto
Biondo: (de cavełi e pełi) tra el xało e 'l bianco
Brun: tendente al moro
Sełeste: celeste
Latexin: el sełeste pì scureto
Senerin: el cołor de ła senare
Cremese: cremisi
D'Aria: aerino, verdazzurro
De carne: carnicino, el cołor infrà el roso e 'l bianco che ga ła carne dei osidentałi, lexo dai disionari 'tałiani che "carnicino" no se pol doparar par ła carne vera e pròpia ma sol che par łe ròbe che ga el cołor de ła carne
De cedro: citrino, cuindi xało ciaro
De cardenal: el roso cardenal
De late: el cołor de ła łate
De pignata bruxada: bronzino
Grisdefèr: grigio ferro
Grixo: cuà el Boerio el mete na nota dixendo che'l se dopara pì che altro par pełi e pene, donca par i cołori de łe bestie
Incarnà: smisioto de bianco e roso, el cołor de ła roxa dixe el Boerio
De Ixabeła: falbo, tipo de cołor dei cavałi
Lila o grixełin: lilla
De maron: tanè, che sarìa un maron scuro
De narança: aranciato, el normałe naranson
De noghera: monachino, che saria un maron scuro tendente al roso (el sajo dei moneghi, par capirse)... che però no capiso cosa che'l sentre co ła nogara...
Patriarca: cołor tendente al vioła, penso che se riferisa al cołor de ła veste del patriarca...
Sorxin: el cołor dei sorxi
D'oro: dorà
Ołivastro: el cołor de łe ołive
Pionbin: el cołor del pionbo
Roso: cuà el xonta che "roson" saria el vermiglio
Scuro: perso, un negro tendente al vioła
Testa de moro: un maron scuro
Turchin: tipo de blò, ghe xe el turchin ciaro (mavì) e cueło pì scuro che se visina al biadèto
Verde mar: un verdo blò, po ghe xe el "verde ciaro" (festichino) e 'l "verdeporo" (prasino) che sarìa el cołor de łe foje de l'ajoporo
Del vero: ialino, el cołore del vero
De vin: avvinato
De vioła o viołeto: el cołor de łe viołe
Xałeto: un tipo de xało
Xafaran: giuggiolino, che sarìa el cołore tra el xało e 'l roso che ga łe xìxołe (giuggiole), a Venèsia però el nòme del cołor el vien dal xafaran/xafran, però no da ła polvare che savemo èsar pì xała, ma dal toco de ła pianta che vien doparà in cuxina

ps: serto che anca el Boerio el ga doparà de chei termini par far ła tradusion in itałian... a go dovesto vardar i signifegai de pì de metà de łe paròłe che go meso in corsivo...


Faxendo un fià de ordene a cuanto scrito sora. Ghemo:

Bianchi: bianco, bianchiso e late
Negri: negro, scuro
Grixi: senerin, grisdefèr, grixo, sorxin, pionbin
Blò: biadèto, sełeste, latexin, turchin, blò
Rosi: cremese, cardenal, naranson, roso, roson, xafaran
Roxa: de carne, incarnà
Maron: brun, maron, de noghera, testa de moro
Verdi: ołivastro, verde mar, verde ciaro e verdeporo
Vioła: lila, grixełin, patriarca, vin, viołeto
Xałi: biondo, cedro, de Ixabeła, d'oro, xało, xałeto
Paolo Pero
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37392
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Colori e tinte

Messaggioda Berto » dom lug 27, 2014 7:14 am

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37392
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Colori e tinte

Messaggioda Berto » dom lug 27, 2014 7:20 am

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37392
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Colori e tinte

Messaggioda Berto » gio set 04, 2014 1:53 pm

Caro fradeło bianco,
co so’ nasesto a jero moro,
cresesto no so canvià senpre moro,
e co sto al sol a resto ancora moro,
e da malà senpre moro a so,
e co morarò a sarò ancora moro.

Ma ti, omo bianco,
co te si nasesto a te jeri roxa,
cresesto a te si devegnesto bianco,
co te ciapi el sol, a te te fe roso,
co te ghè fredo a te vien blù,
co te ghè el spagheto a te te fe verde,
co te si małà a te vien xało,
e co te morarè a te sarave grixo.

Ma se łe robe łe sta cusì,
ki xeło de naltri do l’omo de color?

Par ‘l me fradeło bianco (Léopold Sédar Senghor)
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37392
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Colori e tinte

Messaggioda Berto » sab set 13, 2014 6:10 pm

Arcobalen, baleno, barlume, barbajo, lume, luxe, bianco
viewtopic.php?f=44&t=853
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37392
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Colori e tinte: Gnente blè te l arcansièlo

Messaggioda Sixara » mar set 16, 2014 10:45 am

Niente blu nell'arcobaleno ? l è el titolo de on capitolo ke M.Pastoureau el ghe dedica a la costion de l arcobaleno tel so sàjo storico BLU, Storia di un colore, 2008, Salani ed., Milano.
El dixe ke so la costion de l arcobaleno, pa la sientsa antica

" Tre grandi correnti si sovrappongono. La prima, esposta da Pitagora sei secoli prima di Cristo ipotizza che dei raggi escano dall'occhio e vadano a cercare la sostanza e le 'qualità' degli oggetti visti; fra tali 'qualità' figura naturalmente il colore. La seconda, proposta fra gli altri, da Epicuro sostiene invece che siano i corpi stessi a emettere raggi o particelle che si dirigono verso l'occhio. la terza, più recente e più diffusa ... considera, sulla scia di Platone che la visione dei colori proviene dall'incontro di un 'fuoco' visivo uscito dall'occhio e di raggi emessi dai corpi percepiti; a seconda che le particelle ( componenti il fuoco visivo) siano più grandi o più piccole di quelle che compongono i raggi emessi dai corpi, l'occhio percepisce questo o quel colore."

L è sta teoria mista de la vixion ( estromissione/intromissione)
"ereditata da Platone e dagli studiosi greci dell'epoca ellenistica che perdurerà in Occidente fino agli albori dei tempi moderni".
Co cualke zonta de Aristotele sta cuà la xe la teoria so la vixion dei colori, on andare/vegnere de particelle de luxe :
" perché il 'fenomeno colore' possa verificarsi, sono indispensabili tre elementi : una luce, un oggetto su cui cade tale luce e uno sguardo che agisce sia da emettitore, sia da recettore.
Tutti gli autori sembrano concordare sul fatto che un colore che nessuno vede non esiste".

Elora sto blù lo vedeveli sì o nò? :D

" Se i testi greci e romani riguardanti la natura e la visione dei colori sono poco numerosi, in compenso quelli che speculano sull'arcobaleno abbondano ... Tali testi non sono soltanto descrittivi, poetici o simbolici; sono anche, come i Meteorologica di Aristotele, veramente scientifici. Considerano infatti la curvatura dell'arcobaleno, la sua posizione rispetto al sole,la natura delle nuvole e, soprattutto, i fenomeni di riflessione e di rifrazione dei raggi luminosi".

I autori no i xe tanto d acordo sol come e parké ma na roba i la fà tuti: tsercare de
"determinare il numero dei colori visibili nell'arco e, isolandoli e nominandoli, di definire la sequenza che questi formano."
Lè mìa fàsie de catarghe el drìto : pa la major parte i ghe vede 3-4-5 colori. Uno solo, Ammiano Marcellino, el rìva fin siè.
Elora, i romani i ghe vede: el roso, el zàlo e l viola;
Aristotele e i so disèpoli i ghe vede : el roso, el verde, el zàlo e l viola;
Ammiano Marcellino el ghe vede : el porpora, el viola, el verde, l arancio, el xàlo e l roso.

Ste indajni ke i fà le pàsa a la sièntsa araba e po' medievale: studioxi grandi cofà Roberto Grossatesta, John Pecham, Roger Bacon, Thierry de Freiberg, Witelo i ghe fa anca lori le so 'speculazioni' desora de l arcobaleno e i porta el so contributo a la costion de la vixion dei colori MA

" nessuno descriverà l'arcobaleno come lo vediamo noi oggi, né soprattutto, vi noterà la minima traccia di BLU".
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1764
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm


Torna a Storia de la łengoa veneta e de łe so varianse

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron