Na poexia al jorno

Na poexia al jorno

Messaggioda Sixara » sab mar 22, 2014 8:29 pm

Na poexia al jorno
viewtopic.php?f=28&t=720


Na poexia al jorno, o anca on dì sì e uno nò, se contentemo basta ke le sia bèle :

Pier Paolo Pasolini : La nuova gioventù

Poesie a Casarsa
(1941-43)

Ciant da li ciampanis

Co la sera a si pièrt ta li fontanis
il me país al è colòur smarít.

Jo i soi lontàn, recuardi li so ranis,
la luna, il trist tintinulà dai gris.

A bat Rosari, pai pras al si scunís:
jo i soj muàrt al ciant da li ciampanis.

Forèst, al me dols svualà par il plan,
no ciapà pòura: jo i soj un spirt di amòur

che al so país al torna di lontàn.

Canto delle campane

Quando la sera si perde nelle fontane,
il mio paese è di colore smarrito.

Io sono lontano, ricordo le sue rane,
la luna, il triste tremolare dei grilli.

Suona Rosario, e si sfiata per i prati:
io sono morto al canto delle campane.

Straniero, al mio dolce volo per il piano,
non aver paura: io sono uno spirito d'amore,

che al suo paese torna di lontano.

Il dí da la me muàrt

Ta na sitàt, Trièst o Udin,
ju par un viàl di tèjs,
di vierta, quan' ch'a múdin
il colòur li fuèjs,
i colarài muàrt
sot il soreli ch'al art
biondu e alt
e i sierarài li sèjs,
lassànlu lusi, il sèil.

Sot di un tèj clípid di vert
i colarài tal neri
da la me muàrt ch'a dispièrt
i tèjs e il soreli.
I bièj zuvinús
a coraràn ta chè lus
ch'i ài pena pierdút,
svualànt fòur da li scuelis
cui ris tal sorneli.

Jo i sarài 'ciamò zòvin
cu na blusa clara
e i dols ciavièj ch'a plòvin
tal pòlvar amàr.
Sarài 'ciamò cialt
e un frut curínt pal sfalt
clípit dal viàl
mi pojarà na man
tal grin di cristàl.

Il giorno della mia morte

In una città, Trieste o Udine,
per un viale di tigli,
quando di primavera
le foglie mutano colore,
io cadrò morto
sotto il sole che arde,
biondo e alto,
e chiuderò le ciglia
lasciando il cielo al suo splendore.

Sotto un tiglio tiepido di verde,
cadrò nel nero
della mia morte che disperde
i tigli e il sole.
I bei giovinetti
correranno in quella luce
che ho appena perduto,
volando fuori dalle scuole,
coi ricci sulla fronte.

Io sarò ancora giovane,
con una camicia chiara,
e coi dolci capelli che piovono
sull'amara polvere.
Sarò ancora caldo,
e un fanciullo correndo per l'asfalto
tiepido del viale,
mi poserà una mano
sul grembo di cristallo.
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1759
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: Na poexia al jorno : F. Bandini

Messaggioda Sixara » lun mar 24, 2014 8:19 pm

Fernando Bandini, Santi di Dicembre, Garzanti, Milano 1994

Sta lingua
Sta lingua la xe quela
che doparava me nona stanote
vardandome da dentro la soàsa.
La boca stava sarà, le parole
mi le sentiva ciare.

Me nona
la ga imparà sta lingua da le anguane
che vien zo da le grote
co sona mesanote
caminando rasente le masiere:
e da le róse
dove le lava fódare e nissói
se sente ciof e ciof sora le piere
e te riva un ferume de parole
supià dal vento
che zola par le altane.

Me nona
se ga levà na note co le anguane
par vegnere in sità.
Par paura dei spiriti che va
de sbrindolon tel scuro
la diseva pai trosi la corona.
La xe rivà de matina bonora:
subito dopo un brolo de pomari
ghe iera case e case da ogni banda.

La domandava el nome de na strada,
scoltando na sirena
la xe rivà in filanda.
«Senti sta tosa come che la parla»,
i pensava vardandola tei oci
i botegari e i coci,
«la pare un stelarin che vien dai orti»…

Sta lingua
la so ma no la parlo,
la xe lingua de morti.


No volevo
No volevo scapare,
no volevo molarte,
mondo de corse, mondo
de viole e de pan-cuco.

Magnavo questo e quele:
dolsi le viole, l’altro
un pocheto pì agrin.

Me resta in boca i giorni:
un sole che se insogna de aquiloni,
un vento che fa festa
soto le còtole de le putele.

E l’anema la resta
incateià a la rete de la corte
co la roèia de le campanele.
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1759
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: Na poexia al jorno: E.Sartori

Messaggioda Sixara » mar mar 25, 2014 2:30 pm

Ndemo vanti co le Anguane de Enio Sartori :

LA MORTE DELL’ANGUANA

quadro I
(la presenza)

Nina nana. Nota
d'anguana, canto
che incanta,
divina moina
nenia che ninnola,
vose che stria


Sguissa dal bojo
pì fondo, da sconta
fusina, reina
d'antichi tesori
s'indrissa ne l'aria
in viso de piova
con passo felpà
sagoma e vampa
in dansa imbriaga
par fata de fià

Se sbroca, remonta
e lento s'infiama
el fià de la tera
in lengua d'anguana

E sbianca la lana
scatija el filo de s-ciuma
l'onda scontorna
e spetena l'aqua
in magica forma

Me tegno
sul sejo del grebo

Oh! la voja
el morbin
de vardarla nei oci
de tocarla
almanco na volta
un ninin

Rento a la brentana
ela la passa rente
ela la passa oltra
ela la va de onda
ela slavina in tana.
Fala saltar, fala balar
faghe un giro
ma lassela andar


QUADRO 2
(la morte dell'anguana)

-Omo dal cavalo bianco
dighe a la Tita Tata
che la Tita Tela
xe malà de morte.
-Onde ela 'ndà la tita tata?
-La xe a la fontana
a far la lissia
a strissar la lana.
Riva a la fontana
l'omo dal cavalo bianco
-Curi curi Tita Tata
che la Tita Tela
xe malà de morte.

De boto se desfanta
cussi la Tita Tata
drentro a la fontana
scantona par na sanca
....riva in val de l'anguana
E quasi par incanto
dal ghebo sale un canto
o forse nenia o pianto.

La Tita Tata varda
in fondo a la vale vede.
Nel scuro bojo del grebo
sganassa el cavaliere
a man roersa
l'aqua bastona
omo de malagrassia
e squassa l'onda viva
e sbrega, e sfassa
e strassa e cava el fià

Sganassa el becamorto
omo dal cavalo bianco

Tocà nel so segreto
sbala la Tita Tela
sora el spago tirà
tra la vida e la morte
pian pian se alontana
sora un cavalo bianco
a passo, a passo de morte


Cavalier de mala sorte
verso el buso dea morte
cavalca, cavalca e canta



QUADRO 3
(La sparizione)

Rento se sara la vose
come fiore de note
l'anema se desfa
come supion al vento
dolse ne la pasiensa
sparisse sototera

Sora, l'aqua straca e mola
dindola quatro strasse moje
Rento, l'onda scura e turbia
sguarata ne la mortura:
"amor, sogno, follia"
vose e parola che in gola
s'ingropa e in fiaco
sgnaolamento
smorza l'aqua
e porta via.

Ah peca voda de la mente
ah mormorio del gnente
vento d'assensa ze quelo
che slissa zo par el grebo.

E canto con vose muta.
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1759
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: Na poexia al jorno : B.Marin

Messaggioda Sixara » ven mar 28, 2014 8:26 pm

ANTIFONA

Stele filanti semo
picole scagie che se brusa in svol;
se snoda ‘l fil, cussí se disfa ‘l gemo,
cô ‘l zuogo ha fin, piú ninte in cuor ne duol.

da “Tristessa de la sera”, 1957


PREGHIERA XE CONSENTIMENTO

Preghiera xe consentimento
al fiurî d'un roser,
dâ-'i l'ala ad un pensier
al vento fâsse bastimento.

Preghiera xe tremor
davanti a un viso ciaro
e xe l'amor
per un radicio amaro.

El caminâ lisiero
ne l'aria marsulina
e scoltâ, la mantina,
el canto d'un oselo.

da “El fogo de ponente”, 1959
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1759
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: Na poexia al jorno : E.Tomiolo

Messaggioda Sixara » gio apr 03, 2014 1:01 pm

Cossa me piasaria far 'na poesia
lixiera che restasse su par aria


L'anema sa l'umor de la matina
fresca al 'lustro del primo s-ciarezar,
anca l'acqua che sgiossa ne la sentina
a le me recie la se vol sonar.


Deme ancora a pecar, un fià vu deme,
e ve prometo ancora, po', de obedir,
che del gninte de 'sto me pecar
lassarà 'sto me pìe la strissa in tera
cô i me strassinarà a la promessa.
Mì no so, né vu donca savaré
Se xé proprio zontar dima al mistero.
Forse pecar xé tentar 'na nova.

Eugenio Tomiolo

Da OSEO GEMO
Scheiwiller Editore - Milano, 1984
Prefazione di Franco Loi
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1759
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: Na poexia al jorno : E. Dickinson

Messaggioda Sixara » mar apr 15, 2014 6:42 pm

La strega fu impiccata, nella storia, | ma la storia e io | troviamo le arti magiche | di cui abbiamo bisogno, giorno dopo giorno. (Witchcraft was hung, in History, vv. 1-4; 1992)

1583

Witchcraft was hung, in History,
But History and I
Find all the Witchcraft that we need
Around us, every Day—

Part Five: The Single Hound

X

WITCHCRAFT has not a pedigree,
’T is early as our breath,
And mourners meet it going out
The moment of our death.

La Stregoneria non ha un lignaggio
È remota come il Respiro
E chi ci piange la incontra mentre sta uscendo
Nel momento della nostra morte -


A Word made Flesh is seldom by Emily Dickinson
1651

A Word made Flesh is seldom
And tremblingly partook
Nor then perhaps reported
But have I not mistook
Each one of us has tasted
With ecstasies of stealth
The very food debated
To our specific strength —

A Word that breathes distinctly
Has not the power to die
Cohesive as the Spirit
It may expire if He —
"Made Flesh and dwelt among us"
Could condescension be
Like this consent of Language
This loved Philology.

Una Parola fatta Carne è raramente
E con tremore condivisa
Né allora forse riferita
Ma se non m'inganno
Ciascuno di noi ha gustato
Con estasi furtive
Il giusto cibo attribuito
Alla nostra specifica forza -
Una Parola che respira distintamente
Non ha il potere di morire
Coesiva come lo Spirito
Può spirare se Lui -

"Si fece Carne e dimorò fra noi"
Potesse essere condiscendenza
Come questo consenso del Linguaggio
Questa amata Filologia
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1759
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: Na poexia al jorno: A.Padoan

Messaggioda Sixara » ven apr 18, 2014 6:27 pm

Sixìle

Su la nostra vita,
come farfale de note,
che va in sérca de luxe,
s'à poxà su la testa
la sénare del tenpo.
Vosi e parole ne tormenta,
cofà on sbagiare de cani,
e ne grave su le spale
on pexo che ne oprime.

Ma come fàle le sexìle
a xiolare cussì in alto
lixière e morbinoxe?


No vègno

No stème a ciamare
doman de matina.
No vegno.
Lasséme qua colegao
de soto le stéle,
in riva al mio mare,
a vardare la luna inpissà
che s-ciare le onde d'arxento,
co l'aqua che s-ciante
e me parle a le récie,
darente ai àlbori sechi
che sagome onbre sbaxìe,
ciare e malae,
coverte de fredo.
Giasso e silensio!
Solo el cuore me sgiosse
làgreme frede,
pianeto pianèlo,
senpre pì piàn ...
Nò, nò:
no stème ciamare
doman de matina.
No vègno, no vègno.

Strùssio

Rabioxo ventexare de siròco.
In alto su, nel sièlo,
fra mexo de sto sole mèxo sbiàvo,
spassìse qualche nùolo vagolando...
Tòchi de tenpo,
scanpoli de vita,
onbre e ciaroscuri,
pière postìsse de sta vita grama...


E intanto mi me rànpego a fadiga
sol muro de sto vivare infiachìo
e sento sto mio stare te sta tèra
come s'à fùse on strùsio sensa fine.

A.Padoan-G.Mezzopan, Poesie a do man, Chioggia, 1996.
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1759
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: Na poexia al jorno : A.Merini

Messaggioda Sixara » ven mag 02, 2014 7:30 am

Alda Merini

Amai teneramente dei dolcissimi amanti
senza che essi sapessero mai nulla.
E su questi intessei tele di ragno
e fui preda della mia stessa materia.
In me l’anima c’era della meretrice
della santa della sanguinaria e dell’ipocrita.
Molti diedero al mio modo di vivere un nome
e fui soltanto una isterica.


O mia poesia, salvami

O mia poesia, salvami,
per venire a te
scampo alle invitte braccia del demonio:
nel sogno bugiardo
agguanta la mia gonna la sua fiamma
e io vorrei morire
per i mille patimenti che m’infligge.
Nulla vale la durata di una vita
ma se mi alzo e divoro
con un urlo il mio tempo di respiro,
lo faccio solo pensando alla tua sorte,
mia dolce chiara bella creatura,
mia vita e morte,
mia trionfale e aperta poesia
che mi scagli al profondo
perché ti dia le risonanze nuove.
E se torno dal chiuso dell’inferno
torno perché tu sei la primavera:
perché dunque rifiuti me germoglio,
casto germoglio della vita tua?
(da "Vuoto d'amore")

http://www.aldamerini.it/poesie-di-alda-merini?start=60
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1759
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: Na poexia al jorno : Dixabilità

Messaggioda Sixara » mer mag 14, 2014 10:20 am

Uno sguardo di meraviglia

35 anni
e avevi
lo stupore
dei fanciulli.
Sull'altalena
combattevi pirati;
nell'erba
rincorrevi lucertole.
Espressione
allegra triste
di tua madre.
I bambini
avevano appreso
da sempre
la tua poesia,
che un po'
temevano.
Affascinato
dai colori
in volo
di farfalle.
Ascoltavi ore
il concerto
per onde e bruma
nel vento.
"Deficit cognitivo"
la diagnosi
per la tua
meraviglia.
Solitudine
fra quella umanità,
tu che venivi da
altre stelle.

in: Dino Borcas - Esistenze (50 storie in forma poetica, accompagnate da illustrazioni dell'autore)- Lulu. com Editore, 2011

La vera disabilità è quella dell'anima che non comprende...
Quella dell'occhio che non vede i sentimenti...
Quella dell'orecchio che non sente le richieste d'aiuto...
Solitamente, il vero disabile è colui che, additando gli altri, ignora di esserlo.

dal libro Appoggiati a me di Gladys Rovini
da PensieriParole <http://www.pensieriparole.it/aforismi/solidarieta/frase-104435?f=w:3846>
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1759
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: Na poexia al jorno : la morte no la xe gnente

Messaggioda Sixara » lun giu 30, 2014 10:04 am

La morte non è niente,
io sono solo andato
nella stanza accanto.
Io sono io. Voi siete voi.
Ciò che ero per voi lo sono sempre.
Datemi il nome che mi avete sempre dato.
Parlatemi come mi avete sempre parlato.
Non usate mai un tono diverso.
Non abbiate un’aria solenne o triste.
Continuate a ridere di ciò che ci faceva
ridere insieme.
Sorridete, pensate a me, pregate per me.
Che il mio nome sia pronunciato in casa
come lo è sempre stato.
Senza alcuna enfasi, senza alcuna ombra
di tristezza.
La vita ha il significato di sempre.
Il filo non è spezzato.
Perchè dovrei essere fuori dai vostri pensieri?
Semplicemente perchè sono fuori dalla vostra vista?
Io non sono lontano,
sono solo dall’altro lato del cammino.

Charles Peguy

Nol xe ndà via, Roxa, lè ndà solo ke te kelaltra càmara.
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1759
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Prossimo

Torna a Tradision: fole, canti, poexie, teatro, bàli, mascare

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron