Bàtare Marzho o ciamàr Marso - cao d'ano

Re: Bàtare Marzho o ciamàr Marso - cao d'ano

Messaggioda Sixara » mar mar 29, 2016 9:32 am

Bonàno e Bòna Pascoa zà ca ghe semo :D
ma... Pascueta... parké a lèzo ke " in Veneto, l'Epifania è chiamata Pasqueta". ?? ( A.Pomponio, Il Panevìn, La notte dei fuochi nel Trevigiano e nel Veneziano, Cierre edizioni/Canova, 2002).
Pascueta? 'Sa ghe entra la Pasqueta?
E 'lora, a sen dentro tel discorso sol Panevìn, e sen drio parlare anca de divieti - sa ghe jera coalke divieto o interdi'zion par el jorno o la sìra de el Panevìn - e pare ke ghe fùse el divieto de justare le robe: No se podea, guai!. Le altre sìre ( a i filò) a vegnea i fiòi a justare le robe ( o farsele justare), e podea èsare calsìti roti, par ex., da tacarghe na pèsa, ma kela sìra là : guài.
Gà forse ke fare col filare? El divieto de filare la nòte de l Epifania, ke na dòna de Belùn, finke la jera drio filare la se ga vista davanti la Redodexa col fuxo de fèro... e la se ga ciapà on spaura'zo tanto ke, da kela olta, ne la ga pì volesto laorare te i jorni de le Vève (vigilia) :

" Era una 'olta 'na dona che la laorea senpre de dì e ànca de not. Dixe el proverbi, che la not de Pasqueta no se à de star su tant a laorar. Sta dona invezze la é stada su tant a laorar. Fila, fila e fila, ancora no l'avea finì la so stopa e la parecèa l'asp par far i fis.
Intant la vede 'na dona granda granda co un capelon de paja a vignir entro la porta che la ciapa ela l'asp par far i fis e l'avea in man un fus de fer.
Dopo de quela olta no l'é pì stada su a laorar le vève de festa". (Nardo Cibele, Superstizioni bellunesi e cadorine 1885)

E Coltro el dixe ke, finke i faxea el Panevìn, co l fògo el jera drìo rivarghe so el fantòcio de la Vècia, èco rivare le pascuete, " ragazze con la faccia infruxinà sporca di caligine, o coperta da una maschera, che, al grido di i ronpe le cadene, irrompevano con furia nel gruppo di ragazzi, tentando di portare via un bambino, trascinandolo nel buio oppure facevano il gesto di volerlo buttare nel fuoco o lo trascinavano a saltare i tizzoni ardenti". ( D.Coltro, Mondo contadino, società, lavoro, feste e riti agrari del lunario veneto, vol.II, 1982)
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1764
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: Bàtare Marzho o ciamàr Marso

Messaggioda Sixara » dom mar 01, 2020 12:57 pm

Berto ha scritto:Lòm a Merz: i fuochi magici nelle campagne romagnole
http://www.racine.ra.it/News/Lom-a-Merz ... -romagnole

Da lunedì 27 febbraio a sabato 3 marzo in Romagna tornano i “Lòm a Merz”, antica ed affascinante tradizione popolare contadina: una festa itinerante per l’anima e i sensi
Lom a merz

Per l’uomo e soprattutto per l'agricoltore, la primavera è da sempre vista come un momento propiziatorio. In questo contesto il fuoco otteneva il significato di una presenza necessaria al dialogo con le forze vitali e creative della natura. Forze che dopo i rigori dell'inverno tornavano a far sfoggio di sé riportando alla vita le colture. “I fuochi di marzo” (fuochi, focarine e focaracce ) che si vedevano fino agli anni Trenta nelle campagne e nei piccoli centri della Romagna rappresentavano un importante rito tipico del mondo contadino.

Da qui, e soprattutto dall'associazione “Il Lavoro dei Contadini”, è arrivata la voglia di riprendere questa antica tradizione, attraverso momenti conviviali e magici al tempo stesso, nei comuni e nei territori della Romagna rurale.

Si spazierà da Argenta a Bagnacavallo, passando per Brisighella, Casola Valsenio, Faenza, Imola, Modigliana, Ravenna (Gambellara, San Pietro in Campiano, Sant’Alberto, Savarna), fino ad arrivare a Riolo Terme e Russi: da lunedì 27 febbraio a sabato 3 marzo prenderanno quindi vita i “Lòm a Merz”. all'interno delle aie delle case contadine.



So La Ludla , febbraio 2017, E' Lòm a Mèrz . :)
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1764
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: Bàtare Marzho o ciamàr Marso - cao d'ano

Messaggioda Berto » dom mar 01, 2020 8:49 pm

Bon cao de l'àno!
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34762
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Bàtare Marzho o ciamàr Marso - cao d'ano

Messaggioda Sixara » lun mar 02, 2020 12:36 pm

Bon cào de l'àno anca ti, caro.
E ke 'l sìpia dalbòn on bon àno - ke l'è bixèsto anca - se 'l scumìtsia co Marzo ... ke Febràro mèjo dexmentegarse-lo , va-là :( e speremo el Bèn.
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1764
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Precedente

Torna a Tradision: fole, canti, poexie, teatro, bàli, mascare

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti