Io sto con Ermes Mattielli e con quelli che si difendono!

Io sto con Ermes Mattielli e con quelli che si difendono!

Messaggioda Berto » ven ott 23, 2015 8:33 pm

Da: viewtopic.php?f=141&t=1919&start=20

Sixara ha scritto:Nisùn ga da tocare caino...
l è n asocia'zion contro la pena de morte e contro i paexi tel mondo indoe ke la vien aplicà... me spieghito còsa ke i ghe entra col pensionato :?
ke nol ris-cia propio on bel gnente, gnanca el procèso forse e sinò n 4e4 òto lè bèo ke fòra da le rogne, parké el jera te la so propietà, parké el pensava ke la torcia la fùse n arma, parké sì el ga contà ke l jera zà dentro n caxa, però insoma, dentro o fòra a fà istéso, i è senpre le pertinen'ze de caxa-soa...
indo xelo el problema? No ghè bixogno de scomodare la Jènexi e la storia de Caino e Abele, ke le conta el contrario, se propio.
A ghè Caino ca còpa so fradèo: cusì, co l ingano, sen'za motivo, solo pa la so ràbia e invidia de Abele ke Dio el ghe lo preferiva. El se meritarìa de èsare copà anca lù, nò? E pure ke Dio el dixe nò. Nò, el dixe Dio : no se pòe coparlo Caino, anca se lè on skifoxo ke nol se merita altro... e parké, secondo ti?
Parké decidare de la vita de naltro èsare omàno ghe spèta solo ke a Dio. Nò i pensionati ( o i ladri sasìni).
E, naturalmente, gnanca i governi de tuti kei paexi tel mondo indoe ca se aplica la pena de morte.

Varda ke Ixraèl, par exenpio, i la ga aplicà on unica volta, co Eichmann, ke lori i sà de còsa ca sen drìo parlare. Se ti te còpi naltro èsare omàno a te vè contro la lèje divina ke lè cusì mixericordioxa da sparagnarghe la vita anca a Caino, ke lè stà, storicamente, el primo a scumi'ziare sta cadena de omicidi sen'za fine.
In sostan'za : Dio el dixe de sparagnarghe la vita anca i sasìni ma nol dixe de sasinàre la zènte.



A te spiego, te spiego, se no te ghe ła fe a capir da ti ti soła!

I radicałi łi ga fato l'asoçansa "Nessuno tocchi Caino" e mi a go proposto l'asoçansa "Gnaon el toke ki ke se defende copando" e no parké ki ke se defende el sipia come Cain, caxo mai lè el contraro, lè Abele kel copa Cain: semo stufi de sto Cain kel copa Abełe e ke tuti i ło protexe, saria ora ke se protexese Abełe kel copa Cain. E par mi el pensionado lè Abełe kel copa kel can de Cain.

Me despiaxe Sixara ma ła Bibia, el Vanxeło e el Coran no i xe libri ke i porta ła voxe de Dio, i portà lomè ła voxe de łi òmani a cu xe dà łe senbianse de n'idoło.
Par mi a xe pì ke justo ke Abełe e tuti łi omani boni, i posa defendarse da Cain anca copandoło, e ensegnarghe ai putini ke no xe justo par mi lè on cremene contro l'omanedà.

Sixara, no sta confondar ła vendeta o justisa personal o el far justisia (dei tribunałi dei stati) co ła defexa personal ke ła xe tuta nantra roba juredega, soçal, połedega e fiłoxofega.
L'asoçansa "Nessuno tocchi Caino" ła ga a ke far co ła justisia personal o vendeta e ła justisia statal dei tribunali; l'asoçansa "Gnaon el toke ki ke a se defende copando" anvençe, ła ga a ke far co ła defexa personal de l'omo ke lè tuta naltra coestion.


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... istola.jpg

Dio nol ga mai dito o ordenà a l'omo de lasar ke i altri òmani łi ło maltràte, deròbe, rapìne, viołènte, sciavìxe, còpe, stermìgne sensa oporse e defenderse. L'omo el ga el dirito e el dover de defenderse, de revoltarse, de rebełàrse e se ocor de copar kì ke ghe fa del mal: dal ladro al stuprador, dal rapinador al ditator e l'omo el ga el dirito e el dover de no respetar łe łej dej stadi ke no łe xe acordà a łe łej e ai diriti omani naturałi, çiviłi e połedeghi ogniversałi. Voltar l'altra maseła e lasarse copar no lè on dità de Dio.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37710
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Mi sto co Ermes Mattiełi e co coełi ke łi se defende!

Messaggioda Berto » ven ott 23, 2015 9:50 pm

Impariamo dalla Svizzera: il Paese con i civili più armati al mondo ha meno rapine e morti ammazzati

http://www.magdicristianoallam.it/blogs ... zzati.html

Vincenzo Solano non era armato. Lui era una persona perbene. Le persone perbene non tengono armi in casa. Loro sanno che poi c’è il rischio di diventare il Far West. Questo sarebbe orribile. Vincenzo Solano sapeva che un’arma è pericolosa. Si può non avere il sangue freddo e uccidere una persona, un povero ragazzo entrato solo per rubare, magari perché è povero. Vincenzo Solano sapeva che ci sono la Giustizia e le forze dell’ordine per mantenere la giustizia e l’ordine, e che in una nazione civile sono il ministro degli interni, la magistratura e carabinieri e poliziotti che si occupano della sicurezza. Un uomo perbene non tiene un’arma in casa perché potrebbe commettere l’ingiustizia di uccidere. In realtà nel momento in cui un orco è entrato nella nostra casa, le forze dell’ordine hanno già fallito, ma non importa. Che colui che stia penetrando in casa nostra sia qualcuno che vuole solamente privarci delle nostre cose, cose che abbiamo comprato con anni di lavoro, o sia la banda di arancia meccanica, non lo si può sapere fino a quando non è troppo tardi, ma di nuovo non importa. Sono particolari. La cosa importante è che un uomo perbene non è armato. Un popolo perbene è disarmato.

Nella casa di Vincenzo Solano la notte del 30 agosto è entrato un uomo giovane e molto più forte di lui, un uomo proveniente dalla Costa D’Avorio, nazione dove non c’è nessuna guerra. La Costa d'Avorio possiede una delle economie più prospere dell'Africa. Il suo mercato dipende dal settore agricolo. Il paese è il maggior produttore ed esportatore mondiale di caffè, semi di cacao e olio di palma. L’economia della Costa D’Avorio, anzi Cote d’Ivoire, è più florida della nostra, in questo momento, lo dico perché se qualcuno è disperato, prima di suicidarsi come moltissimi imprenditori, se ha voglia di lavorare, può sempre trasferirsi in Costa d’Avorio. La florida economia della Costa d’Avorio, però, è basata sull’agricoltura, agricoltura african style, cioè bisogna zappare, è faticoso, certo uno risparmia poi di andare in palestra a fare i pesi, ma è faticoso, magari non se ne ha sempre voglia. Meglio venire in Italia a fare il rifugiato. I nostri commentatori commentano con voce sofferta su “questi disperati che si lasciano alle spalle miseria e desolazione”. Miseria e desolazione? L’Africa non è miseria e desolazione. Gli intellettuali e gli uomini politici africani ci avvertono che da noi stanno arrivando i peggiori. I migliori restano a casa a costruire la nazione. La Costa d’Avorio è un paese povero? Ma siete scemi? L’Algeria sempre più prospera, il Marocco con il turismo in ascesa?

Il ministro degli interni Alfano, ha creato la più fantastica accoglienza. Non vengono prese nemmeno le impronte digitali, magari c’è qualche evaso, magari c’è qualcuno che non è proprio uno stinco di santo, quando sono andata negli USA le impronte digitali me le hanno prese, ma poi se prendi le impronte digitali le facoltà di sociologia si indignano, e a Nostra Signora dell’Accoglienza signora Boldrini si spezza il cuoricino (non sia mai), quindi il ministro Alfano che è un uomo di mondo le impronte digitali non le prende a nessuno. Il nome lo dà solo chi desidera darlo, il ministro Alfano che è educato, non vuol tediare nessuno insistendo. Grazie alle tasse che noi non possiamo non pagare perché altrimenti vengono gli uomini della finanza che sono dei tizi armati, qualche centinaio di veri rifugiati di guerra e migliaia di gentiluomini che potremmo definire gli imbucati del rifugio, hanno raggiunto l’Italia e ci si sono messi comodi: pasti caldi sono forniti a caro prezzo da onlus legati alle coop e alla Caritas quindi l’esercito degli accoglienti si è ingrossato.

L’uomo della Costa d’Avorio è entrato nella casa dove Vincenzo e sua moglie Mercedes dormivano, lui era un uomo giovane, e molto forte, li ha trascinati fuori dalla loro stanza, ha colpito Vincenzo con un bastone spaccandogli le ossa, un colpo dopo l’altro, un osso fratturato dopo l’altro, mentre Mercedes forse piangeva, o forse, stupidamente supplicava. Non l’ha salvata. Prima di buttarla dalla finestra pare che il gentiluomo che il ministro Alfano ha fatto arrivare fino alla casa di Vincenzo e Mercedes l’abbia stuprata. La notizia non è certa perché certe notizie sono ritenute indelicate, il ministero degli Interni ha chiesto alle questure di non entrare in particolari quando i crimini sono commessi da non italiani. Quello che è certo che Mercedes, dopo che è stata scaraventata fuori dalla finestra ha impiegato ancora un terribile numero di minuti a morire, con le fratture esposte e il sangue che si spandeva. Vincenzo e Mercedes avevano una figlia che ha osato gridare il suo dolore, il suo orrore per l’indifferenza nauseante di tutti i buoni davanti alla morte atroce di suo padre e sua madre e l’Italia dei buoni ha storto il naso.

Loro sono buoni. La società civile. Noi siamo quella incivile.

Per quattro anni ho vissuto nel paese dei barbari, la nazione dove uomini armati difendono la loro terra. Sono vissuta 4 anni nel paese più armato del mondo, con il maggiore armamento in mano a civili. Oltre a un enorme numero di armi di tutti i tipi in mano ai civili, c'è, nella casa di ogni uomo adulto dai 21 ai 65 anni un fucile mitragliatore con un caricatore.
Sto parlando della Svizzera, il paese con la minore criminalità al mondo.
In Svizzera il servizio militare dura tutta la vita. Ogni due anni tutti gli uomini validi fanno 15 giorni di servizio militare, tutti gli uomini tengono in casa l’uniforme e un fucile mitragliatore. Se la Svizzera fosse invasa l’esercito potrebbe mobilitare in 24 ore. Se qualcuno facesse un colpo di stato gli sparerebbero dalle finestre. In Svizzera nessuno è stato ucciso da rapinatori e sono pochissimi anche i rapinatori uccisi, per non dire nessuno, perché in un paese armato la gente non fa il rapinatore, e dato che anche i rapinatori sono esseri umani il fatto che sopravvivano ci rasserena. Chi proprio vuole vivere di furti rapina i negozi, non le case con la gente dentro, perché si tratta di case armate. Benché armati gli svizzeri non passano il tempo a spararsi gli uni con gli altri perché contrariamente a quanto ritengono i nati servi, il popolo non è stupido, non è strutturalmente minore. Nei paesi valorosi gli uomini difendono le loro case e la loro terra dagli orchi. Sono i popoli stupidi che credono che la libertà, inclusa quella di dormire in pace nelle proprie case, si possa appaltare allo Stato, al ministro della Difesa di turno, si possa ottenere gratuitamente, senza dover combattere ogni singolo giorno. Sono i popoli stupidi che non fanno il servizio militare, perché credono che la libertà sia gratis. In un mondo di armati la giustizia è inevitabile. In un mondo di disarmati tutti sono in pugno all'arbitrio del più brutale.
Credo che prima di morire Vincenzo abbia rimpianto maledettamente di non avere avuto un’arma in casa.

di Silvana De Mari 23/10/2015 12:21:11

Bel tòco, scrito ben, el toca e lè ciàro.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37710
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Mi sto co Ermes Mattiełi e co coełi ke łi se defende!

Messaggioda Berto » ven ott 23, 2015 10:10 pm

Scondar i crimini dei "foresti" lè on cremene contro l'omanidà: lè viołansa dei diriti omani ogniversałi.

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... rimine.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37710
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Mi sto co Ermes Mattiełi e co coełi ke łi se defende!

Messaggioda Berto » sab ott 24, 2015 11:00 pm

Spara al ladro che gli ruba l’auto. Valter Onichini è stato arrestato per tentato omicidio
Il macellaio di Legnaro, 32 anni, ha sparato con un fucile a pompa contro un ladro che voleva rubargli l'auto
22 luglio 2013
http://mattinopadova.gelocal.it/cronaca ... -1.7461402

LEGNARO. E' stato arrestato con l'accusa di tentato omicidio Valter Onichini, l'uomo di 32 anni che ha sparato contro il ladro che voleva rubargli l'auto. Orietta Canova, pubblico ministero titolare dell'indagine, dopo aver interrogato il macellaio, ha interrogato l'uomo e eseguito un sopralluogo per verificare la sua ricostruzione degli eventi.
Valter Onichini ha ferito il bandito sparando dalla camera da letto della sua abitazione, che si trova al civico 65 di via Montegrappa a Legnaro. Quando si è reso conto di averlo colpito in modo grave, il trentaduenne lo ha caricato in auto per portarlo all'ospedale. Dopo qualche centinaio di metri, però, il ladro ha estratto un cacciavite ed è riuscito a fuggire. Onichini ha avvisato i carabinieri, che in pochi minuti hanno trovato il bandito ferito. Il giovane è in prognosi riservata all'ospedale di Piove di Sacco: nel corso del pomeriggio è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico.


Sto con chi è accusato di omicidio, non col pizzaiolo che chiede scusa
http://www.lindipendenza.com/pizzaiolo- ... o-omicidio

di LEONARDO FACCO

Oggi, su Facebook, girava – tra lo sdegno generale – questa notizia: “Pizza servita al tavolo, multa di 5mila euro”! Riporto, di seguito, uno stralcio dell’articolo pubblicato su “Il Secolo XIX” di Genova: ” Cinquemila euro di multa per due pezzi di pizza. Con la campagna di controlli sui pubblici esercizi sono fioccate anche multe salate per le attività commerciali scoperte a esercitare servizi non previsti dalle licenze. Il caso più eclatante ha colpito “Benvenuti al Sud”, un locale “pizza al taglio” in via IV Novembre, che si è visto elevare un verbale da cinquemila euro per aver portato due pezzi di pizza ai clienti seduti al tavolino esterno come se fosse una normale pizzeria. Una sanzione severa, ma imposta dalle normative e sulla quale gli agenti non hanno margini discrezionali”.

Ovviamente, c’è poco da commentare: una norma che vieti al titolare di portare due tranci di pizza ai clienti in attesa è da manicomio criminale. Ma nel paese di Pulcinella, in cui tutti si lamentano e si dichiarano rivoluzionari, val la pena conoscere anche il punto di vista del titolare dell’attività sanzionata: “Il titolare, Massimo Abategiovanni, pur ammettendo l’errore, ha sottolineato la mancanza di tolleranza ed ha stigmatizzato il pugno di ferro usato dai vigili pubblicando su Facebook (ecco un altro rivoluzionario da tastiera, nda) la notifica e “ringraziando” polemicamente i vigili”. L’uscita sul popolare social network ha scatenato i commenti a favore o contro l’operato degli agenti, oltre settanta in poche ore, e fra questi anche qualche privato cittadino che è passato dal semplice commento all’offesa esplicita verso la polizia municipale. Ed ora partiranno i provvedimenti di conseguenza. Il comando albisolese ha già salvato e stampato la pagina con i commenti al fine di presentare alla procura della Repubblica una querela per diffamazione contro gli autori dei singoli post offensivi”.

Di querele dei vigili urbani ne so qualcosa, per via di questo articolo che ho pubblicato su queste pagine qualche tempo fa. Quindi, mi astengo dal commentare il loro operato in quel di Albisola Superiore, non meritano riguardo. Preferisco concentrare l’attenzione sul comportamento del proprietario della pizzeria d’asporto, che per il solo fatto di sostenere che “ha commesso un errore” nel non rispettare un regolamento demenziale, illogico, stupido si merita tutto il mio biasimo e la multa che gli hanno rifilato. Troppo bassa!

Il primo agosto prossimo – insieme agli amici della L.I.F.E. – sarò a manifestare ed a portare la mia personale solidarietà al signor Valter Onichini, l’imprenditore padovano di 33 anni che si è difeso sparando, con un fucile regolarmente detenuto, contro un malvivente che si era introdotto con altri 3 uomini in casa sua, senza chiedere permesso o suonare il campanello. Onichini è accusato di tentato omicidio.

Lo ribadisco per la centesima volta: un gregge di pecore sta bene solo se tosato! Un uomo coraggioso e nel giusto, invece, va sostenuto, passando dalla tastiera ai fatti!


«Temevo volessero rapire mia figlia», Onichini racconta perché ha sparato

http://mattinopadova.gelocal.it/cronaca ... -1.7472094

Il macellaio di Legnaro così ha spiegato al pm la sua reazione. Il legale: «Abbagliato dai fari, non ha visto il ladro e ha premuto il grilletto»

«Quando Walter ha sentito mettere in moto la sua auto» racconta l’avvocato Gregio, «si è affacciato al balcone impugnando il fucile. Si è trovato i fari puntati contro, anche perché il vialetto che conduce al garage, dove si trovava l’Audi S4, è leggermente in salita, quindi non vedeva quante persone c’erano a bordo. In quel momento si è sporto all’esterno e ha esploso un colpo in aria». La dinamica sarebbe suffragata dal fatto che una bora, ovvero la parte di proiettile che contiene i pallini, è stata rinvenuta dai carabinieri in mezzo alla strada: corrisponderebbe con la gittata del colpo esploso in aria. Ma c’è stato un secondo sparo, rivolto invece proprio contro l’auto. Dopo l’esplosione chi era al volante ha accelerato in retromarcia finendo anche contro la muretta: è in quel momento che nella testa di Walter si è materializzato l’incubo del rapimento della figlioletta. «Ha concluso che non potevano rischiare tanto per rubare la macchina, doveva esserci di più e istintivamente ha pensato alla bimba. E ha sparato contro l’auto, ben sapendo» sottolinea il difensore, «che il fucile caricato a pallini non avrebbe penetrato nè il vetro nè la carrozzeria». Come in effetti è stato: di pallini nell’abitacolo ne sono stati rinvenuti due o tre. La maggior parte ha centrato Elson Ndreca, il ventitreenne albanese rimasto ferito.

La corsa all’ospedale. Perché Walter Onichini avrebbe rischiato di caricarsi in auto il ladro moribondo, come ha poi fatto, invece di chiamare un’ambulanza? «Dopo aver sparato e aver visto il fuggi fuggi dei ladri» ricostruisce l’avvocato Gregio, «Walter è corso nella stanza della bimba e quando l’ha vista nel suo letto si è tranquillizzato. È sceso in cortile e solo in quel momento si è accorto del corpo a terra». Ndreca era steso sul selciato, semicosciente, con il corpo per metà dentro la proprietà di Onichini e l’altra metà sul marciapiede. «Si è reso conto che era ferito e ha subito pensato di portarlo all’ospedale, chiamare l’ambulanza avrebbe allungato i tempi dei soccorsi» riporta il legale, «ha caricato il ragazzo in auto ed è partito. Ha scelto la strada verso Saonara e non quella più diretta verso la Piovese perché è quella che percorre dieci volte al giorno per lavoro, è stato un automatismo per Walter».

Le minacce del ladro. Onichini ha percorso circa due chilometri con il ferito caricato sul lato del passeggero. In via Ferrarin a Saonara Ndreca ha estratto un cacciavite dalla tasca e l’ha puntato tra la gola e l’orecchio del trentaduenne ordinandogli di farlo scendere: «Ha parlato in italiano», precisa l’avvocato, «ripetendo due o tre volte “fammi scendere” e così è stato».

Un uomo distrutto. Walter Onichini è tornato a casa dalla compagna Sara Scolaro e dalla loro bimba. Quasi contemporaneamente sono arrivati i carabinieri. «È distrutto», dice il difensore, «continua a chiedere come sta il ferito, ripete che non voleva fare del male a nessuno, ma che ha solo pensato alla sua famiglia. Ora spera solo di poter almeno tornare al lavoro».

24 luglio 2013
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37710
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Mi sto co Ermes Mattiełi e co coełi ke łi se defende!

Messaggioda Berto » dom ott 25, 2015 8:15 am

Legittima difesa, l'avvocato Giulia Bongiorno: "Reagire è un diritto"

23 Ottobre 2015

http://www.liberoquotidiano.it/news/ita ... c.facebook

Sui social ha lanciato una proposta per allargare la legittima difesa. Alla stampa ha ripetuto più volte: "Chi viene aggredito in casa propria ha il diritto di reagire". L'avvocato ed ex parlamentare Giulia Bongiorno ha una visione chiara sulla questione della legittima difesa: chi vede minata la propria sicurezza, può reagire.
La proposta - Dopo i fatti di Vaprio d'Adda, dove un pensionato ha ucciso il ladro albanese che si era introdotto in casa sua, la Bongiorno, che è stata anche l'avvocato di Raffaele Sollecito, è scesa in campo per far valere le sue idee. "La sicurezza non ha colore, non è di destra o di sinistra", dice.
Poi però, precisa: "La legittima difesa, in qualsiasi forma, non può e non deve diventare mai licenza di uccidere".
Come scrive Il Giorno, la soluzione proposta dall'avvocato è semplice: "Chi entra in casa d' altri per rubare o per violentare deve accettare la conseguenza che la sua violenza può corrispondere ad un atto di violenza da parte dell' aggredito".
L'attuale sistema prevede che, prima di poter aggredire i ladri, il soggetto debba valutare la situazione e, solo se assolutamente necessario, scegliere di difendersi colpendo l'aggressore. "E poi, se colpisci l' intruso con un oggetto contundente o con un'arma devi dimostrare che l' oggetto impiegato era adeguato alla minaccia e che l'aggressore, effettivamente, stava per colpire", precisa la Bongiorno che non condivide quanto previsto dal Codice Penale. "È per questo che chiedo una modifica dell' art.52, perché sia stabilito che chi viene aggredito può difendersi".
Reagire - Le vecchie regole andavano bene per la società di qualche decennio fa. Quella in cui le famiglie erano più numerose e la difesa poteva essere collettiva. Ora, sempre più anziani o giovani studenti vivono da soli ed essere aggrediti diventa più facile. Per questo l'avvocato sostiene che:"La gente compra allarmi, mette grate. Vive con la preoccupazione. Ma io sono convinta che questo allargamento della legittima difesa funzionerebbe anche da deterrente per i malintenzionati. Oggi nessuno si aspetta che il padrone di casa reagisca. Un domani potrebbero doversene preoccupare".
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37710
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Mi sto co Ermes Mattiełi e co coełi ke łi se defende!

Messaggioda Berto » dom ott 25, 2015 8:22 pm

Benzinaio Graziano Stacchio al Tempo: "Io ho ucciso, difendersi è sacrosanto"
L'Huffington Post
21/10/2015
http://www.huffingtonpost.it/2015/10/21 ... 44284.html

Graziano Stacchio sta con Ignazio Sicignano. Il benzinaio vicentino di 66 anni di Ponte di Nanto, divenuto famoso per aver sparato e ucciso a uno dei rapinatori di una gioielleria, si schiera con il pensionato che a Vaprio d'Adda ha freddato un ladro scoperto in casa sua. "Ma che deve fare uno, farsi ammazzare in casa? Difendersi è un diritto sacrosanto, io l’ho fatto" afferma il benzinaio in un'intervista al Tempo
«Il diritto all’autodifesa è inalienabile, non permettere al cittadino di difendersi, in assenza di leggi severe che ci tutelino, non è possibile. E se non capiscono che non si entra nelle case altrui nel cuore della notte, verrà il momento che lo capiranno».
Secondo Stacchio è necessario aumentare le sanzioni su chi commette questi reati e non mettere sullo stesso piano chi viola la legge e chi ne è vittima.
"Le cose sono due: o la gente si arma o la legge si fa più dura. Quando verrà data una pena esemplare le cose cambieranno". Poi potremo stare come in America con porte e finestre aperte. Il commento che ho fatto con mia moglie, appena ho saputo dell’ultimo bandito ammazzato, è che ci vorranno ancora 10-15 casi di persone innocenti (cioè i cittadini che subiscono e non i delinquenti che muoiono) e poi la storia finirà da sola"
Graziano Stacchio rifarebbe tutto, dinanzi alla minaccia, sparerebbe di nuovo.
«Continuo a ripensare a se mi fossi fatto i fatti miei, ma non potevo girarmi dall’altra parte. L’ho detto al convegno del Coisp lunedì. C’era anche Genny, la giovane cassiera che ho difeso. Lei, rimasta dentro il negozio insieme ad un bandito mentre gli altri tre prendevano a picconate la porta di sicurezza, era l’ostaggio per coprirsi la fuga».



«Io sto con Stacchio», duemila euro a Mattielli dalle magliette vendute
Donazione a favore del vicentino di Arsiero che nove anni fa sparò e ferì due ladri. Alla consegna presenti anche Stacchio e Joe Formaggio, sindaco di Albettone
22 ottobre 2015


http://corrieredelveneto.corriere.it/ve ... 0212.shtml


ARSIERO (Vicenza) Duemila euro, tre magliette e «un sostegno morale e concreto» a Ermes Mattielli. Il comitato «Io sto con Stacchio», nato a sostegno del benzinaio di Ponte di Nanto Graziano Stacchio finito sotto processo a seguito dell’uccisione di un rapinatore, ha donato duemila euro - e tre t-shirt - al vicentino Ermes Mattielli. Lui, 63 di Arsiero, nove anni fa sparò e ferì due ladri entrati di notte nel deposito di sua proprietà e per questo, poche settimane fa, è stato condannato a cinque anni di prigione e al risarcimento di 135 mila euro ai due ladri feriti. I soldi donati al vicentino derivano dal ricavato della vendita delle t-shirt «Io sto con Stacchio», su iniziativa del sindaco di Albettone, Joe Formaggio, che stamane ha consegnato l’assegno a Mattielli.

«Se lo Stato tutelasse i cittadini e le forze dell’ordine non ci sarebbe bisogno di armarsi per proteggersi», afferma Formaggio. Ad Arsiero, per l’occasione, si sono riuniti il primo cittadino di Albettone, Stacchio, Roberto Zancan (il gioielliere titolare del negozio preso di mira dei rapinatori a Nanto) e pure una troupe delle «Iene». E da lì è partito un invito diretto ai sindaci veneti per una colletta: «Se tutti i cinquecento sindaci veneti donassero cento euro del loro stipendio - dichiara Formaggio - si potrebbe raccogliere una bella somma per aiutare le persone che come Mattielli vivono queste situazioni, vittime dell’ingiustizia».


Stacchio dona a Mattielli i soldi per la difesa
23.10.2015
http://www.ilgiornaledivicenza.it/terri ... -1.3677233

Silvia Dal Ceredo
ARSIERO
“Io sto con Stacchio” scende in campo con un assegno da duemila euro per aiutare il rottamaio di Arsiero a sostenere le spese legali. Ieri mattina nella frazione di Scalini ad Arsiero era molto freddo, ma l’abbraccio tra il benzinaio Graziano Stacchio e il rigattiere Ermes Mattielli lasciava trasparire un sincero calore che la dice lunga su un certo tipo di sentimento, da un lato caratterizzato dalla solidarietà di chi ritiene che i due abbiano fatto bene a sparare ai ladri e dall’altro dal senso di frustrazione di alcuni di fronte a certe decisioni della giustizia.
Nel cortile di casa sua il 62enne Mattielli attendeva con tranquillità il preannunciato arrivo dei rappresentanti del “Comitato in difesa dei cittadini onesti vittime dell’ingiustizia”, e nella fattispecie del sindaco di Albettone Joe Formaggio, venuti a donargli un assegno da duemila euro per aiutarlo a sostenere le spese processuali. Il rottamaio però è rimasto sorpreso e contento quando ha visto scendere dalla Porsche Cayenne del gioielliere Roberto Zancan, anche il benzianio Stacchio. I due si salutati con una stretta di mano e un abbraccio. «L’altra sera in tv non mi hanno lasciato parlare tanto - gli ha detto Mattielli – ma volevo esprimerti pubblicamente tutta la mia solidarietà». «Anche io sono venuto qua per lo stesso motivo -gli ha risposto il benzinaio - perché ti capisco e ti sono vicino». Due uomini dai destini simili, ma dalle vicende giudiziarie diverse. Tutti e due, anche se in situazioni e con modalità differenti, hanno aperto il fuoco contro dei ladri. Per Mattielli ora è scattata la condanna a cinque anni e quattro mesi, oltre al pagamento di un risarcimento iniziale di 135 mila euro, per tentato omicidio. «Non li ho, quei soldi, e se anche li avessi non glieli darei. È stata una sentenza ingiusta che conferma come in Italia siano i delinquenti ad essere tutelati al massimo e non noi cittadini onesti». «La situazione - concorda Stacchio - è degenerata, c’è un’emergenza generale e le istituzioni devono fare qualcosa, decidere da che parte stare. Personalmente mi sento più vittima dello Stato che non dei malviventi».
La somma donata deriva dalla vendita di quasi 4 mila delle famose magliette “Io sto con Stacchio”. A consegnare l’assegno è stato il sindaco Formaggio: «Serve una riforma delle leggi e che lo Stato conceda alle forze dell’ordine di fare il proprio lavoro, anche dando qualche manganellata se serve, così uno ci pensa prima di delinquere. Se così non accadrà, ben venga qualche ladro morto che può fungere da deterrente». Mattielli ha ringraziato per la donazione, ricordando che «i soldi resteranno al comitato nato in suo sostegno, in maniera che non possano essere prelevati dalla giustizia per essere dati in risarcimento ai nomadi».
Ieri c’era anche Alex Cioni, del comitato “Prima Noi” che sta aiutando Mattielli. «Abbiamo avviato una raccolta fondi e lo assistiamo dal punto di vista logistico visto che è solo e non ha l’auto».
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37710
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Mi sto co Ermes Mattiełi e co coełi ke łi se defende!

Messaggioda Berto » dom ott 25, 2015 8:23 pm

Anca i leoni łi se defende e łi copa ki ke vol farghe del mal!


Leoni attaccano un gruppo di bracconieri, morto un uomo in Sudafrica
fulvio cerutti 24/10/2015

http://www.lastampa.it/2015/10/24/socie ... agina.html

Da predatori a prede. Cinque cacciatori di frodo sono stati attaccati da una coppia di leoni in Sudafrica e hanno avuto la peggio: un uomo di 24 anni è stato ucciso e sbranato, mentre gli altri quattro sono riusciti a mettersi in salvo. Nell’attacco anche due cani dei cacciatori sono morti.

Secondo quanto racconta il portavoce della polizia locale, tre dei superstiti si sono salvati arrampicandosi su un albero, mentre il quarto è riuscito a fuggire. Non è invece chiaro se i due leoni fossero l’obiettivo della battuta di caccia illegale o se abbiano reagito all’invasione del loro territorio.

Non è la prima volta che i bracconieri vengono uccisi dai leoni: nel 2010 i funzionari del Kruger Park avevano trovato i resti di un cacciatore di frodo divorato dai leoni, dopo essere stato inseguito e ferito da un gruppo di ippopotami. A raccontarlo sono stati due altri bracconieri sfuggiti all’esperienza.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37710
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Mi sto co Ermes Mattiełi e co coełi ke łi se defende!

Messaggioda Berto » lun ott 26, 2015 6:18 am

IO STO CON FRANCESCO SICIGNANO !
Onore a Francesco Sicignano che in due minuti demolisce il solito tuttologo radical chic da salotto televisivo.
https://www.facebook.com/58630494148279 ... 4561862500


Sicignano, migrante napołitan a Miłan (Ke difarensa col venetio vixentin Stakio/Stacchio)
http://www.cognomix.it/mappe-dei-cognom ... /SICIGNANO


Non si confonda la giustizia e il far giustizia con la difesa personale e la legittima difesa. Sono due ambiti, situazioni e casi completamente diversi. La giustizia può non contemplare la morte ma la legittima difesa la implica e contempla sempre come possibile e a volte necessaria.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37710
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Mi sto co Ermes Mattiełi e co coełi ke łi se defende!

Messaggioda Berto » mar ott 27, 2015 8:01 pm

Ladri in casa, sedia spaccata in testa ad anziano
Arrestato un 38enne: era ubriaco. Fuggito il complice
http://www.oggitreviso.it/ladri-casa-se ... ano-120580

PAESE – Nella notte tra domenica e lunedì, verso le 2, i carabinieri dell'aliquota radiomobile di Montebelluna hanno tratto in arresto un marocchino che poco prima aveva tentato una rapina in abitazione ai danni di una coppia di anziani.
Verso l'1,30, in zona Laghi Azzurri di Paese, in una casa isolata, l'anziano 73 enne, che dormiva in compagnia della moglie malata, era stato svegliato da violenti colpi alla porta di casa. Una volta sceso dal piano superiore per controllare, aperta la porta d'ingresso per istinto, si è ritrovato subito addosso un uomo, che era insieme ad un complice: dopo averlo afferrato al collo, lo ha colpito alla testa con una sedia in plastica trovata all'esterno dell'abitazione (in foto). Hanno quindi richiesto di consegnare il denaro che avevano in casa.

Le urla dell'anziano hanno fatto svegliare il figlio della vittima, che dormiva in un'altra stanza della casa: dopo aver avvisato i carabinieri, ha raggiunto il padre per difenderlo. All'arrivo del figlio, il rapinatore rimasto sempre in disparte è riuscito a fuggire, mentre l'altro, che stava trattenendo per il collo il padre, è stato preso e bloccato dal figlio fino all'arrivo dei militari.
Nel momento in cui sono intervenuti i carabinieri, il rapinatore, risultato essere anche ubriaco, ha dato in escandescenza ed ha inveito contro i militari con frasi ingiuriose, prendendoli a calci. Solo dopo averlo ammanettato e condotto in caserma all'interno delle camere di sicurezza, il marocchino si è calmato.

L'anziano, curato presso l'ospedale di Treviso, è stato dimesso con 7 giorni di prognosi per ferita alla testa. Il soggetto tratto in arresto, sprovvisto di documenti, è risultato poi essere Azis Samani, 38 anni, in passato per piccoli lavori aveva frequentato la coppia di anziani. Clandestino in Italia dal 2014 e gravato da vari precedenti per reati contro il patrimonio, ora è in carcere, dove dovrà rispondere dei reati di tentata rapina aggravata e lesioni personale, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37710
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Mi sto co Ermes Mattiełi e co coełi ke łi se defende!

Messaggioda Berto » mer ott 28, 2015 9:05 pm

Il legale della famiglia albanese: "Perizia psichiatrica su Sicignano"
L'avvocato Francesco Mongiu: "In un caso come questo è di fondamentale importanza acquisire le note caratteriali dell'indagato. Servirà a chiarire se la sparatoria sia stata frutto della sua forma mentis"
Andrea Riva - Mer, 28/10/2015

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/ ... book+Ghost

Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda che ha ucciso Gjergi Gjonj, un ladro albanese che si era intrufolato in casa sua, ora rischia un'ennesima umiliazione.
Il legale della famiglia Gjonj ha infatti affermato di volere la perizia psichiatrica per il 65enne: "In un caso come questo è di fondamentale importanza acquisire le note caratteriali dell'indagato. Servirà a chiarire se la sparatoria sia stata frutto della sua forma mentis". Queste le parole dell'avvocato Francesco Mongiu, riportate da Il Giorno. "La perizia, con la formula dell'incidente probatorio, fornirà elementi utili sulla personalità e sul carattere del pensionato e non metterà in dubbio la capacità di intendere e di volere dell'uomo", ha confermato il legale della vittima.
La famiglia ha chiesto la perizia psichiatrica per cercare di rispondere a una domanda fondamentale: "Era proprio necessario e indispensabile sparare?". Un'ennesima umiliazione per Sicignano.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37710
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

PrecedenteProssimo

Torna a Razzismo e discriminazione - diritti umani

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron