Io sto con Trump e gli USA - contro l'antiamericanismo

Re: Io sto con Trump e gli USA - contro l'antiamericanismo

Messaggioda Berto » lun giu 27, 2022 6:46 am

“Sono andato a vivere negli USA ma oggi me ne pento”.
Arianna
10 maggio 2022

https://italianiemigrati.com/sono-andat ... -ne-pento/

Oggi abbiamo ricevuto la testimonianza di Marcello, un italiano residente negli Usa dal 2010. Gli abbiamo fatto qualche domanda per capire il motivo del suo trasferimento, come si vive negli USA e se rifarebbe la stessa scelta di tanti anni fa.

Perché ti sei trasferito? Raccontaci il tuo inizio

Mi sono sposato con un’ americana nel 2010 e dopo varie vicissitudini con l’ immigrazione USA siamo andati a vivere in USA. Abbiamo due figli ed un terzo in arrivo, ma le cose vanno molto male.

Come sono stati i primi mesi all’estero?

Lo shock culturale è immenso:… pistole, grettezza sociale, menefreghismo assoluto nel farti danni, sono una cultura dell’ inutilità. Il sistema è organizzato unicamente in maniera atroce, hai un credit score che unitamente alle tue tasse determina qualunque tua scelta di vita, non esistono mezze misure su nulla, tutto è rigido e ogni persona nella catena sociale si sente in dovere di farti pesare il suo posto nella stessa. Si va in galera per nulla….basta che non paghi una multa ( non è il mio caso ) e tutto è uno stress totale.

Qual’è il costo della vita?

Il costo della vita è atroce, per fare una vita normalissima non bastano 4/5 mila dollari al mese, se non pagassi le spese ( non il mio caso) mi sfratterebbero in 30 giorni e mi metterebbero le tue cose in mezzo alla strada, tanto per fare un esempio.
La gente in generale non si preoccupa di avere un’attitudine costruttiva o amichevole, tenete conto del fatto che esiste un razzismo conclamato da entrambe le parti che fa paura. Non si fanno amicizie se non superficiali e ad esempio, se vivi nel verde fuori città, è tutto di una noia assordante.

Quali sono le principali differenze con l’Italia?

Le persone in primis, egoiste e spocchiose; chi ha soldi è un Dio e chi non ne ha è una nullità. Gli USA sono un paese capitalista al massimo e non vi è valore superiore ai soldi, neanche la famiglia. Pensate che ad esempio, se avete una causa legale per lavoro o per danni vi conviene lasciar stare se l’ importo non è di almeno 200 mila dollari, un avvocato ( con la speranza che non sia scorretto e ladro come nella maggior parte dei casi) costa 600 Euro ora.

Non esiste sanità pubblica! Devi pagare fior di assicurazione per poi coprire fino a 10000 di tasca tua, l’assicurazione subentra dopo i diecimila. Se divorziate vi distruggono con alimenti che superano il 50% del vostro stipendio e hanno leggi sul divorzio certo svelte ma distruttive.

L’Italia avrà dei difetti ma la gente ha cuore!

Un affitto minimo è di 1900$ mese spesso con landlords o proprietari che vogliono solo i tuoi soldi e non riparano mai nulla. Per quanto riguarda il cibo, con meno di 500$ a settimana morite di fame.
La Green card è una trappola e se ve la danno e non vi iscrivete all’Aire dovete pagare la doppia tassazione e anche qui le tasse sono un suicidio! Se non pagate pignorano tutto e vi lasciano in mezzo alla strada in tempi rapidi, è un sistema atroce di vita che ti stritola.

Cosa ti manca dell’Italia?

L’Italia in primis, smettete di criticarla è un grande paese e maledetto me quando ho deciso di venire a vivere in USA. Le mogli qui entrano nel sistema e voi diventate solo un bancomat…..la cultura e il cibo poi, non ne parliamo!

A quale categoria di italiani consiglieresti la tua destinazione?

A nessuno, venite in USA in ferie ma state larghi da questo inferno dove tutti possiedono armi, ci sono crimini impensabili per la nostra cultura con sparatorie nelle scuole. Mandi i figli a lezione e magari tornano a casa spianati…certo NY, le grandi città e la natura sono belle, ottimo per le ferie…ma state lontani da matrimoni con Cittadine USA o se dovete farlo, che vengano a vivere in Italia!

Qui sono rimasti ai tempi dei cow boys.


Alberto Pento
Dubito che si tratti di una intervista vera. Pare del tutto artefatta perché contiene un mucchio di menzogne, di stereotipi, di calunnie, di imprecisioni.


Italiani nel mondo
Alberto Pento
L'intervista è vera, non pubblichiamo falsità ma testimonianze reali di persone che vivono nei vari paesi.

Alberto Pento
Certo l'Intervista può essere vera, ma certe cose che dice l'intervistato possono essere false, imprecise, diffamatorie e calunniose.

Per esempio la demenzialità detta sulla sanità USA.
Sanità americana tra le migliori del mondo
viewtopic.php?f=102&t=2929



Un amico genovese che scrive da Houston TX
Salvador Cocco
27 giugno 2022

https://www.facebook.com/roberto.gresle ... NFT1UBpN1l

Sono ventiquattro anni che, grazie a Dio, non vivo più in Italia. Un Paese che comunque ho sempre ammirato e odiato dal profondo per mille motivi diversi. Seguo quindi da fuori quello che succede in Italia tramite i vari media, giornali e notizie online. Tutte le sante volte che leggo qualcosa sugli Stati Uniti sembra di leggere propaganda sovietica. Non sto scherzando. Non ho MAI letto un articolo scritto da qualsiasi giornalista italiano che raccontasse veramente come sono gli Stati Uniti. Mai. In ventiquattro anni. Mai. Perché? Questa è la mia spiegazione: in Europa e nel resto del mondo raccontare veramente come si vive negli Stati Uniti, come funzionano (o non funzionano) certe cose e perchè, farebbe crollare dalle fondamenta i capisaldi socialisti che regnano incontrastati nel resto del mondo da 200 anni. Per queste idee, i valori di libertà su cui si fondano gli Stati Uniti avrebbero effetti devastanti. Si sgretolerebbero in un nano secondo. Quindi vanno contrastati in tutto e per tutto. Come? Manipolando qualsiasi informazione, anche la più stupida, che arriva dagli Stati Uniti. Degli Stati Uniti non si dice che hanno finanziato, da soli, l’80% della spesa globale per ricerca e sviluppo in campo medico degli ultimi 50 anni. Si dice che “se non hai la carta di credito muori per strada.” Dimenticandosi ovviamente che il servizio sanitario nazionale “aggratis” negli Stati Uniti c’è - Medicaid - e funziona meglio della sanità in qualsiasi paese europeo. Ovviamente è riservato ai cittadini che ne hanno realmente bisogno. Ed è lo stesso identico servizio che hanno la maggioranza degli americani quando vanno in pensione (Medicare). 120 milioni di americani. Incredibile. Non ve lo ha mai raccontato nessuno? E come questa TUTTE LE ALTRE. La Corte Costituzionale decide che in base alla Costituzione l’aborto non è di competenza federale e quindi di responsabilità di ciascun stato? Vi dicono che hanno abrogato la legge sul libero aborto. Niente di più falso. Ogni volta che scrivono qualcosa sugli Stati Uniti è SEMPRE scritto in modo da far pensare al lettore che il sistema non funziona. Perché se mai vi rendeste conto che funziona meglio di qualsiasi sistema al mondo, col cavolo che paghereste il 45% di tasse sul reddito, il 22% di IVA, tasse e balzelli, imposte di ogni genere su qualsiasi cosa, e paghereste il sistema sanitario “gratis” circa sette volte quello che costa a un americano. Gli Stati Uniti vanno odiati, perché se non li odiate magari aprite gli occhi e vi rendete conto del mare di merda infinito in cui vi fanno vivere che vi fanno credere sia Nutella. Questa è la sacrosanta verità."
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37659
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Io sto con Trump e gli USA - contro l'antiamericanismo

Messaggioda Berto » lun giu 27, 2022 6:47 am

L'AMERICA
di Giorgio Gaber antiamericano
Il pezzo è del 1976
https://www.youtube.com/watch?v=fblWxEfclyQ
Il povero Gaber è anche lui vittima di un falso, presuntuoso e arrogante concetto di cultura.



Ma che problemi hanno gli antiamericani? Dico sul serio.
Lisa Piccolo
5 ottobre 2022

https://www.facebook.com/alqantarah/pos ... cwaynsC7Cl

All'America dobbiamo moltissime cose a cominciare dalla cacciata dei corsari dal mediterraneo nella guerra conosciuta col nome di Guerra Barbaresca, 1802. Prima della vittoria degli americani contro i sultanati di Marocco, Tunisi, Algeri e Tripoli, il mediterraneo era infestato di corsari che attaccavano e razziavano i nostri mercantili e terrorizzavano le coste italiane con rapimenti di uomini e donne che diventavano schiavi nei loro paesi. Fino a quel momento, le navi mercantili inglesi e americane erano state protette dalla Royal Navy, nonostante pagassero un tributo ai sultani in un accordo di non belligeranza mai rispettato completamente. Con la dichiarazione d'indipendenza degli USA, gli americani si ritrovarono indifesi. All'inizio pagarono anche loro i tributi, come i sottomessi europei, poi, quando Thomas Jefferson divenne presidente, il congresso non accettò più di pagare e cominciò la guerra in alleanza con il Regno di Sicilia che fornì agli americani manodopera, artigiani, rifornimenti, cannoniere, mortai e i porti di Messina, Siracusa e Palermo da utilizzare come basi navali per il lancio di operazioni contro Tripoli. In quell'occasione nacque la famosissima flotta conosciuta come Navy Seal e la loro spada d'oro ha un significato simbolico: è la spada d'oro dell'islam sottratta al sultano quando fu sconfitto.
Pure Papa Pio VII commentò "Gli Stati Uniti, sebbene nella loro infanzia, hanno fatto di più per umiliare i barbari anticristiani sulla costa africana di quanto avevano fatto tutti quei grandi e orgogliosi stati europei..."
E poi, l'intervento nella prima guerra mondiale dove misero a disposizione 1 milione e 750 mila soldati, per arrivare fino alla seconda, quando ci liberarono da quei sociopatici di nazisti. E con tutto che noi italiani fummo complici dei sociopatici, ricevemmo il Piano Marshall che ci garantì il boom economico degli anni '50.
Come se non bastasse ci tutelarono dall'URSS e l'ideologia nefasta del comunismo.
E, nonostante le stronzate che girano, tentarono di tutelarci pure dal terrorismo islamico, ma noi da veri coglioni tafazziani protestammo al punto da farli ritirare.
Non dico certo che siano perfetti, anche loro hanno commesso molti errori nella loro storia, ma è proprio che non capisco questo sentimento d'odio nei loro confronti... non sarà forse invidia?
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37659
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Io sto con Trump e gli USA - contro l'antiamericanismo

Messaggioda Berto » gio ott 06, 2022 1:43 am

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37659
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Precedente

Torna a Razzismo e discriminazione - diritti umani

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti