Non nel nome di Dio

Non nel nome di Dio

Messaggioda Berto » sab apr 01, 2017 4:20 pm

Non nel nome di Dio
viewtopic.php?f=24&t=2564
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37839
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Non nel nome di Dio

Messaggioda Berto » sab apr 01, 2017 4:21 pm

A so drio lexar "Non nel nome di Dio" del rabin o rav Jonathan Sacks de Londra

http://www.giuntina.it/Schulim_Vogelman ... o_682.html

Jonathan Sacks
https://it.wikipedia.org/wiki/Jonathan_Sacks
Jonathan Henry Sacks (Londra, 8 marzo 1948) è un rabbino britannico, considerato la massima autorità spirituale e morale ebraica ortodossa in Gran Bretagna, col titolo di Chief Rabbi of Great Britain and the Commonwealth of Nations ("Rabbino capo della Gran Bretagna e del Commonwealth delle nazioni") dalla sua nomina nel 1991 fino alla conclusione del suo mandato nel 2013. Creato Sir dalla Regina Elisabetta II nel 2005 per servizi resi alla Comunità e alle relazioni inter-religiose e nel 2009 nominato Lord Barone con un seggio a vita nella Camera dei Lord.



Immagine
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37839
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Non nel nome di Dio

Messaggioda Berto » sab apr 01, 2017 4:22 pm

Qui metterò tutto quello che per me non va su quanto scritto dal rav, per ignoranza, per presunzione, per arroganza, per manipolazione.

Capitoli

1
La malvagità altruistica

a) La religione sotto la forma del politeismo è entrata nel mondo come giustificazione del potere.
b) Fu su questo sfondo che il monoteismo abramitico emerse come una potente protesta.
In verità se guardiamo le divinità dei tre monoteismi sono tutte regali, dove Dio è definito Re e nel cristianismo si tratta proprio di un Re uomo divinizzato, il Cristo, mentre nell'islamismo si ha Allah come imperatore dei cieli e della terra a cui l'umanità intera deve sottomettersi come schiava.

c) L’uso della religione a fini politici non è rettitudine ma idolatria.
Fu Machiavelli, non Mosè o Maometto, a dire che era meglio essere temuti piuttosto che amati: il credo del terrorista o dell’attentatore suicida. Fu Nietzsche, l’uomo che per primo scrisse le parole «Dio è morto», e la cui etica era la volontà di potenza.
E Maometto che lasciò ai suoi seguaci questa consegna prima di morire cos'era?:
" ... nel marzo 632 Maometto affermò, nel suo discorso d’addio:
“Mi è stato ordinato di combattere tutti gli uomini fino a quando non diranno che non c’è altro Dio fuori di Allah”.



d) Poi tratta della persecuzione delle religioni e dei credenti nelle varie religioni, ma non attribuisce alcuna responsabilità e le tratta tutte allo stesso modo come se non esistessero delle differenze tra tutte le ideologie e le pratiche religiose e politico religiose, come se la fede politico religiosa, la storia, la tradizione e il suo fondatore di qualcuna di queste non fossero in qualche modo responsabili.
Evita in tutti i modi di attribuire all'Islam alcunchè di negativo arrivando a santificare Maometto togliedogli ogni responsabilità del suo esempio.

e) Non c’è niente di specificamente religioso nella malvagità altruistica. E la malvagità di Maometto, dove la mette e la nasconde?

f) La religione è ritornata perché è difficile vivere senza significato. Come se il vero significato della vita arrivasse dalle religioni e non dalla vita stessa e dalla sua spiritualità naturale e universale.

g) L’ebraismo, il cristianesimo e l’islam si definiscono come religioni di pace e tuttavia tutte e tre hanno dato origine alla violenza in alcuni momenti della loro storia.
Mi pare che non sia proprio così e che vi sia una certa differenza tra le tre e che ve ne sia una soltanto che è stata fondata, espansa e mantenuta con la violenza ossia l'Islam, perché negarlo?

h) Ebrei, cristiani e musulmani hanno vissuto pacificamente insieme per gran parte della loro storia.
Ma quando mai? Da Maometto in poi gli ebrei e i cristiani hanno dovuto combattere, morire, andarsene o sottomettersi come dhimmi. Perché racconti queste cose non vere, rav?
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37839
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Non nel nome di Dio

Messaggioda Berto » sab apr 01, 2017 4:22 pm

A questo rav ebraico di Londra, che difende le religioni (tutte anche quella maomettana che non è propriamente una religione), dal laicismo e dall'ateismo, ricordo che le religioni sono tutte manipolazioni della spritualità umana, e che sono tutte legate al potere politico e che l'islam come religione è nata e si è sviluppata insieme al potere politico indissolubilmente.
Poi ricordo a questo rav, rabbino che il politeismo religioso non è stato peggiore dei monoteismi abramitici e che è un non senso spiegare la nascita del monoteismo come un umanismo sorto per contrastare il disumanismo politeista con le sue monarchie e imperi teocratici.
La fonte del diritto umano non è Abramo, non è la Bibbia, non è Cristo, non è Maometto, non sono i romani o i greci ma l'umanità intera e la sua esperienza lungo i suoi milioni di anni di vita e di patimenti.

Spiritualità e religiosità non sono la stessa cosa
viewtopic.php?f=24&t=2454

Preistoria e storia del diritto, fonti varie
viewtopic.php?f=205&t=2521

Orrore, terrore, avversione e odio per il nazismo maomettano o sana e naturale islamofobia
viewtopic.php?f=188&t=2523

Idolatria e spiritualità naturale e universale
viewtopic.php?f=24&t=2036

Il Papa bugiardo e l'infernale alleanza con l'Islam
viewtopic.php?f=188&t=2378

Maometto (santo o criminale terrorista ?)
viewtopic.php?f=188&t=2030

Ebraismo e Cristianesimo : violenti come l'islam? No!
viewtopic.php?f=24&t=2459

Nazismo maomettano = Islam = dhimmitudine = apartheid = razzismo = sterminio
viewtopic.php?f=188&t=2526


Questo rabbi ebreo di Londra crede che la spiritualità umana e il buon diritto umano siano nati con la religiosità di Abramo; ma non è cosi perché la spiritualità e connessa alla vita, anzi è la vita stessa ed esiste da sempre come la vita o perlomeno esiste da quando esiste la vita. Lo spirito, o D-o, si trasfonde nella Creazione e la anima del suo spirito vitale.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37839
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm


Torna a Spiritualità e religione

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron