Faites l'humour, pas la guerre : Ridemoghe su

Re: Faites l'humour, pas la guerre : Ridemoghe su

Messaggioda Berto » sab feb 07, 2015 8:34 am

Immagine
Immagine
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37839
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Faites l'humour, pas la guerre : Ridemoghe su

Messaggioda Sixara » lun feb 16, 2015 10:11 pm

El terzho jhadista lì partendo da drìta, ke l xlonga kela scarpa lì da sfigà indoe ke tuti i gà i so bèi desert-boots..
e sì ke i è cusì atenti a l estetika, a far la so màta figurìna te le foto, te i video : arancione-nero, nero-arancione.. L orrore ga-lo on colore?
No vojo pì vedarle ste robe, gnanca par xbalio, a te sì drio preparare la zhena e te te volti n àtimo e te vien investia da l orrore nero-arancione. Xelo vero o finzhion? Kei 21 arancioni ca camina n fila longo la riva de l mare, ogniun col so boia nero, e dopo inzenocià, la man so la spàla.. còsa xelo? On film de l orore: co la so coreografia, la reja, senografia e tuto. Manca solo la colona sonora ( o forse ghe sarà anca cuela inframezo a i proclami de l jhadista anglofono de turno).
Facebook e Youtube, cueo ne gà rovinà a naltri. A se ghemo incorti - co n ritardo colpevole - ke no jera pì i tenpi de coalke muezìn envaxà ke l predicava desora l minareto o imam isterico drento la moskea. Ma còsa? I vièn reclutà par internet, i li manda fare i provini n Siria e a te te i càti so Y-tube, protagonisti del filmeto horror.
Parfìn Mc Luhan nol sarìa rivà pensare tanto.
Mi po' la televixion no la vardo scuaxi mai, no so consumista, so spirituale, libertaria, anti-americana, scuaxi ke no la magno pì la carne de maiale...còsa ke i vòe da mi ke i me fa vedare ste robe...
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1764
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: Faites l'humour, pas la guerre : Ridemoghe su

Messaggioda Berto » mar feb 17, 2015 7:40 pm

Sixara ha scritto:El terzho jhadista lì partendo da drìta, ke l xlonga kela scarpa lì da sfigà indoe ke tuti i gà i so bèi desert-boots..
e sì ke i è cusì atenti a l estetika, a far la so màta figurìna te le foto, te i video : arancione-nero, nero-arancione.. L orrore ga-lo on colore?
No vojo pì vedarle ste robe, gnanca par xbalio, a te sì drio preparare la zhena e te te volti n àtimo e te vien investia da l orrore nero-arancione. Xelo vero o finzhion? Kei 21 arancioni ca camina n fila longo la riva de l mare, ogniun col so boia nero, e dopo inzenocià, la man so la spàla.. còsa xelo? On film de l orore: co la so coreografia, la reja, senografia e tuto. Manca solo la colona sonora ( o forse ghe sarà anca cuela inframezo a i proclami de l jhadista anglofono de turno).
Facebook e Youtube, cueo ne gà rovinà a naltri. A se ghemo incorti - co n ritardo colpevole - ke no jera pì i tenpi de coalke muezìn envaxà ke l predicava desora l minareto o imam isterico drento la moskea. Ma còsa? I vièn reclutà par internet, i li manda fare i provini n Siria e a te te i càti so Y-tube, protagonisti del filmeto horror.
Parfìn Mc Luhan nol sarìa rivà pensare tanto.
Mi po' la televixion no la vardo scuaxi mai, no so consumista, so spirituale, libertaria, anti-americana, scuaxi ke no la magno pì la carne de maiale...còsa ke i vòe da mi ke i me fa vedare ste robe...


Me par ca te si so la bona strada de la conversion, fate xlamega e ke la sia fenia. ;)

Anca mi a so spertual, lebertario ... ma no so antimeregan, so veneto ouropeo e no so talian e gnanca creistian, no so filoxlamego, considero l'ixlam na relijon del demogno, no so comunista, no so PD, no so leghista, no voto pì nesun e vojo l'endependensa del Veneto, magno mas-cio e vuria ke li xlameghi li sparise da l'Ouropa parké li sento come on mal o pericolo gràve pì de l'ebola ... el comounista parasida e filoxlamego Vendola el me fa skifo, spero ke coeli de l'Isis li se lo vegna tor e li se lo porte a Mosul par farghe el tratamento de la Sharia.

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... as-cio.jpg

http://www.ilgiornale.it/video/mondo/li ... ok+Interna
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37839
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Faites l'humour, pas la guerre : Ridemoghe su

Messaggioda Sixara » mer feb 18, 2015 9:05 am

A ne la ghea mìa co ti co dixea còsa ke i vòe da mi... ( sibèn ca t insisti col postare imajni ke ogni olta ca verzo le me fà vegner voja de saràre).
A dixea cusì pa tegnermeli bòni ke i è drìo rivàre e co i rìva a ti i te fà seco subito ma mi nò ca so tute kele bèle robe ca go dito... ke le sarìa robe dal so p.d.vista, tipo el me anti-americanixmo a la fine el se ferma a l nò bevare coca-cola o nò magnare tei macdonalds; però a gò xbalià ca dovea metare reazionaria al posto de 'libertaria' e integralista al posto de 'spirituale'... :D
e consumista a ghevo dito, ke no' so' consumista ma anca par lì, mi credo ke no ghe ne frega gnente a sti cuà ke i è de na ràzha nòva de teroristi : i li dòpara tuti i strumenti de la modernità ocidentale col depì de na violenzha primordiale tuta soa.
Gnente paura Alberto : ne mi ne ti a semo ebrei. E l è cueo ke i zherca. Ncora dopo 2mila àni ke i ghe dà la cacia ai ebrei.
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1764
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: Faites l'humour, pas la guerre : Ridemoghe su

Messaggioda Berto » gio feb 19, 2015 10:07 pm

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37839
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Faites l'humour, pas la guerre : Ridemoghe su

Messaggioda Berto » dom feb 22, 2015 11:03 am

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37839
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Faites l'humour, pas la guerre : Ridemoghe su

Messaggioda Berto » lun feb 23, 2015 9:12 am

Scusi lei è dell'Isis? L'incredibile test per scoprire gli jihadisti
22 febbraio 2015
http://www.liberoquotidiano.it/news/ita ... Isis-.html

Scusi, lei è dell’Isis? No? E lei è un terrorista? No? Nemmeno lei? Allora avanti, potete entrare. Ascoltate: c’è qualcuno qui, su questo barcone, che ha sgozzato un ostaggio americano? Un volontario inglese? Un cristiano copto? No? Davvero? Siete sicuri? Non avete mai decapitato nessuno? Lapidato donne? Crocefisso preti? Bruciato almeno un pilota giordano dentro la gabbia? No? Niente? Bene, allora siete a posto, accomodatevi in Italia e disperdetevi liberamente per le nostre contrade. Mi scusi, lei laggiù in fondo, che sta facendo? Nasconde per caso un missile Scud sotto la giacca? Un kalashnikov? Qualche chilo di tritolo? No, davvero? Lo giura? Giurin giurello sono santo sono bello? Giur giuretta non ho nemmeno una bombetta? Non è che sta tenendo le dita incrociate? Parola di giovane marmotta islamica? Allora prego, faccia come se fosse a casa sua. L’Italia le dà il benvenuto.

E poi dicono che non sappiamo difenderci. I soliti gufi. I soliti sfasciacarrozze. I soliti criticoni. In realtà il nostro Paese, grazie all’intensa attività di intelligence, ha messo a punto un sistema di difesa impenetrabile: il questionario all’immigrato. Funziona così: quando arriva un clandestino gli si chiede se è militante dell’Isis. Se lui dice di no, possiamo stare tranquilli. Dormiamo fra due guanciali. Ma siccome gli efficientissimi sistemi di sicurezza non si accontentano, hanno escogitato anche una seconda prova, davvero definitiva. Consiste nel mostrare al clandestino la bandiera nera dell’esercito islamico. Se quello dice: l’ho appena fatta sventolare sulla capoccia di un decapitato, ecco, allora i sistemi di sicurezza intervengono immediatamente per fermare il pericoloso terrorista. Se invece lui dice: non so cosa sia. Oppure: la conosco, ma non mi piace, abbiamo la prova certa che non si tratta di un terrorista.

Voi pensate che io stia scherzando? Macché. Lo ha rivelato, papale papale, Flavio Di Giacomo, portavoce dell’Organizzazione internazionale per la migrazione al Messaggero, che non a caso ha titolato il servizio: «Lampedusa, la grande paura: ai profughi il test sul Califfato». E il test consiste in questo (cito testualmente): «A ogni disperato che varca il cancello del centro d’accoglienza mostrano una bandiera dell’Isis per sapere se la riconosce». E il risultato qual è? «Negano, negano sempre…», come racconta lo stesso portavoce dell’Organizzazione. Pensa un po’ che strano, eh? Nemmeno uno che dica: ma sì, ce l’ho nella mia cameretta. Oppure: come no?, mi divertivo un sacco a sventolarla mentre stupravamo le ragazze cattoliche. Oppure: il Califfo mi ha appena detto di andarla a piantare in piazza del Vaticano. Niente. Tutti che negano di amare quella bandiera. Dunque, è evidente, l’intelligence ha la prova certa: non possono essere tagliagole.

Il sistema è indubbiamente efficiente: in questo modo, infatti, pare che si riescano a eliminare i terroristi in un batter d’occhio. Tu sei terrorista? No. Tu? Neppure. E tu? Meno che mai. Ottimo: nessuno si dichiara terrorista, dunque lo vedete che i terroristi non ci sono? L’idea è così geniale che, secondo alcune indiscrezioni, il ministero dell’Interno starebbe pensando di adottarlo sistematicamente, e non solo per fermare l’Isis. Già un primo esempio si è avuto a Roma con gli hooligans olandesi: scusi, lei vuole sfasciare piazza di Spagna? No. E lei? No. Ecco fatto: gli hooligans non esistono. Lo stesso si potrebbe fare con stupratori (scusi, lei vuole per caso violentare una ragazza?), con i ladri (scusi, lei ha intenzione di rubare?) o con gli assassini (scusi, lei sta per uccidere qualcuno?). Quando si trova una procedura così efficiente perché non estenderla all’intero scibile del crimine? Abbiamo buona ragione di credere che tutta la difesa del nostro Paese sarà interamente affidata all’autodichiarazione responsabile. E se tutti negano, meglio ancora, vuol dire che non ci saranno più delinquenti, non ci saranno criminali e, soprattutto, non ci saranno più terroristi. Il problema è risolto: diventeremo il Paese più sicuro del mondo. Ci aspetta solo la pace. Peccato che sarà eterna.

Mario Giordano
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37839
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Faites l'humour, pas la guerre : Ridemoghe su

Messaggioda Berto » lun mar 16, 2015 6:11 pm

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37839
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Faites l'humour, pas la guerre : Ridemoghe su

Messaggioda Berto » ven nov 20, 2015 9:01 pm

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37839
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Faites l'humour, pas la guerre : Ridemoghe su

Messaggioda Berto » mar dic 01, 2015 8:33 pm

Lo scrittore musulmano: «Dateci il tempo e riformeremo l'islam»
27/11/2015 Younis Tawfik ha fondato a Torino nel 1999 un centro culturale per favorire l'integrazione della comunità musulmana. Per lui i problemi da risolvere, riguardano la selezione del clero e l'interpretazione del Corano, ferma al 1300.
eugenio.arcidiacono

http://www.famigliacristiana.it/articol ... islam.aspx

«Non nego che nel mio quartiere possano esserci delle persone potenzialmente pericolose. Ma sono pochissime e comunque da tempo non vengono più reclutate nelle moschee, perché sono molto controllate. Dovunque i terroristi preferiscono usare i social network». Lo scrittore iracheno Younis Tawfik nel 1999, nel cuore di Porta Palazzo, quartiere di Torino dove vive da anni una numerosa comunità musulmana, ha creato il centro culturale Dar al Hikma con l’obiettivo di promuoverne l’integrazione.

Quali sono i problemi più urgenti da affrontare nel mondo islamico?

«Il primo è la selezione del clero. Noi non abbiamo un'autorità paragonabile al Papa. Chiunque quindi, basta che abbia carisma, può autoproclamarsi imam e fare il lavaggio del cervello a giovani che hanno una scarsissima conoscenza dell'islam».

E il secondo?
«Date tempo anche a noi di riformare l’islam. Voi cristiani fate Concili e Sinodi per aggiornare la dottrina. Ora il Consiglio degli Ulema, i massimi sapienti dell’islam, è impegnato a dare una nuova interpretazione del Corano, ferma a quella del 1300. I terroristi vorrebbero riportarci ancora più indietro, anche se poi usano tutte le moderne tecnologie per i loro scopi. In proposito tra noi musulmani circola una barzelletta. Un terrorista sale su un taxi e chiede all’autista di togliere le foto che ha sul cruscotto perché ai tempi del Profeta non esistevano. Poi gli chiede di spegnere la musica. Finché il tassista sbotta: “Ai tempi del Profeta il taxi non c’era. Quindi scendi e trovati un cammello”».
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37839
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

PrecedenteProssimo

Torna a Spiritualità e religione

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron