Moamed del Coran e Cristo dei Vanxełi

Moamed del Coran e Cristo dei Vanxełi

Messaggioda Berto » gio gen 15, 2015 6:54 am

Moamed del Coran e Cristo dei Vanxełi: do omani, do parołe, do livri a confronto.
viewtopic.php?f=24&t=1329
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30209
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Moamed del Coran e Cristo dei Vanxełi

Messaggioda Berto » gio gen 15, 2015 6:55 am

Moamed en vida
=
paroła parlopì enposta co ła viołensa e col teron de ła spada, de ła goera, de ła morte, costrenxendo łi omani a sotometarse.

Creisto en vida
=
paroła oferta en paxe, co fradernetà e amor, łasando łi omani łebari de sernirla.



Dapò ła morte dei fondatori :

(Cristo copà en croxe par ła so paroła a 33 ani e Moamed morto de morte nadural pare a 62 ani)

Par secołi ła paroła de Cristo ła se ga sparsa traverso coeła de łi apostołi senpre sensa viołensa e par amor;
ła paroła de Moamed anvençe ła se ga sparsa pal mondo parké enposta co ła spada e ła viołensa.

El crestianeixemo co lè de vegnesto relixon del stado enperial romane el ga scuminsià a esar enposto anca co ła viołensa contravegnendo a łi ordeni e al somexo de Creisto; ma da “secołi” el Crestianeixemo lè tornà a łe orexeni e no lè pì enposto co la violensa.

L'exlameixmo anvençe el ga scuminsià co ła violensa e el se mantien co ła viołensa, tuto come dal somexo de Moamed.

El crestianeixemo el stà su anca sensa costrision viołenta l ixlam sensa viołensa el se scoaja o desfa.
Se pol dir ke el crestianeixemo lè ła rełixon de ła paroła e de ła łebartà e ke l ixlam lè ła rełixon de ła spada e de ła costrision.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30209
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Moamed del Coran e Cristo dei Vanxełi

Messaggioda Berto » gio gen 15, 2015 7:41 am

Łe goere de Cristo e łe goere de Moamed


L’ognoła goera de Cristo lè sta col ga tolto ła scuria par dopararla co łi profanadori del tenpio:
Immagine


Moamed

L’ISLAM, UNA MICIDIALE MACCHINA DI OPPRESSIONE di GUGLIELMO PIOMBINI
http://www.miglioverde.eu/lislam-una-mi ... ppressione

L’analisi delle tre principali fonti dottrinali ci dà questa risposta statistica: circa il 67% del Corano scritto alla Mecca, il 51% del Corano scritto a Medina, il 75% della sira e il 20% degli hadith riguardano questioni politiche come la guerra santa o il trattamento dei non musulmani.
Maometto predicò la sua religione per 13 anni, e convinse solo 150 seguaci.
Poi passò alla politica e alla guerra, e in una decina d’anni, impegnandosi in atti di razzia e in battaglie mediamente ogni sette giorni nell’arco di nove anni, divenne il signore assoluto dell’Arabia.

Xe vera ke Moamed, ai primi ani de la so fefe, lè sta persegoità, ente la so tera, par raxia e bastiema ma lù dapò el se ga enposto co la violensa.

Persecusion dei cristiani, dei pagani, de łi ebrei, dei musulmani, de łi atei e de łi apostati, de łi raxianti on ereteghi.
viewtopic.php?f=24&t=1331

Ixlam (e creistianfobia co persecousion e stermegno dei creistiani)
viewtopic.php?f=181&t=1356

Crimini contro l’omanedà e el Coran
viewtopic.php?f=24&t=1326

Jihad o goera "santa" xlamega on cremene contro l'omanedà
viewtopic.php?f=141&t=1381

La goera co l'Ixlam
viewtopic.php?f=143&t=1384
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30209
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Moamed del Coran e Cristo dei Vanxełi

Messaggioda Berto » gio gen 15, 2015 7:53 am

Naltra granda difarensa tra łe do rełixon łè ła łengoa de ła paroła:

el crestianeixemo nato co ła parola de Creisto ente ła so łengoa aramaega el se ga po’ sparso co tute łe łengoe del mondo anca se a ghè stà par el periodo de l’enpero roman e dapò del "catołeiçexemo enperial roman" ła costrision de ła parola creistiana drento ła lengoa enperial del latin;
Creisto e łi apostołi no łi ga mai fato de ła łengoa de Creisto ła łengoa del creistianeixemo.

l’ixlam anvençe el xe nato co l’arabo de Moamed e el se ga sparso co sta łengoa ke ła vien enposta come ła łengoa sacra de Moamed, del Coran e de Allah.

Beh l’ixlam enponendo na łengoa so tute el manca grandamente verso Dio o Allah parké el contravien al comando divin de ła variansa enfenida (so mistero e so gloria); Dio o Allah el ga creà łi omani tuti difarenti e co on mucio de łengoe, voler enporgane ona lè na raxia o bastiema, lè on voler limitar l’ognipotensa de Dio o Allah e sofegar ła so creasion (so mistero e so gloria) e ła degnetà sagra de tuti łi omani e de tute łe łengoe.


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... neta_2.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30209
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Moamed del Coran e Cristo dei Vanxełi

Messaggioda Berto » gio gen 15, 2015 8:07 am

A scoltar łe parołe del fondator e a judegar łi so ati e coełi de łi so omani se pol ben dir ke ła rełixon xlamega ła vioła i valori e i diriti omani ogniversałi a ła vida, a ła degnetà omana, a ła łebartà, …

El crestianeixemo anvençe lè conforme a łi valori e a i diriti omani ogniversałi, anca se a ghè omani ca łi se dixe creistian ma ke coi fati o łe opare łi contradixe i preçeti creistiani.

Se pol ben dir ke l’ixlam lè ła rełixon del teror e ‘l crestianeixemo ła rełixon de l’amor.

Basta considerar come ke entel Coran e entel Vanxeło a vien tratà ki ke no xe credente, łi cusita diti pagani e coełi ke rinega ła fede:
par łi creistiani łi pagani e łi apostati łi va respetà come omani e fradełi anca se no łi crede pì o łi crede ente n’altra edeołoja rełijoxa;
par łi xlameghi anvençe a xe el contraro: łi va maltratà, persegoità e se l caxo copà.


Contro i diriti omani e rełijoxi

L’Islam non perde il vizio, condannata a morte una cristiana

http://www.lindipendenza.com/lislam-non ... -cristiana

di GIANNI GIANGI

Meriam Yehya Ibrahim, la 27enne cristiana incinta di otto mesi condannata a morte per impiccagione da un tribunale sudanese con l’accusa di apostasia, avrà un nuovo processo e la nuova sentenza non prevederà la pena di morte. Lo ha annunciato l’ong ‘Sudan change now’ secondo quanto riferito dall’organizzazione Italians for Darfur. Il giudice aveva inflitto a Mariam anche la pena di 100 frustate per adulterio. A difesa della donna nei giorni scorsi erano scese in campo numerose ambasciate dei Paesi occidentali e organizzazioni in difesa dei diritti civili che ne avevano chiesto l’immediato rilascio.

Amnesty International ha ricordato che Mariam Yehya Ibrahim è stata cresciuta come cristiana ortodossa, religione della madre, in quanto il padre, musulmano, era assente fin dalla sua nascita. Successivamente la donna si era sposata con uno straniero cristiano, ma il tribunale di Khartoum l’ha condannata anche per adulterio perché il suo matrimonio con un uomo cristiano non è considerato valido dalla ‘Sharia’ e viene per l’appunto considerato un adulterio. Inoltre secondo la Sharia se il padre è musulmano, la figlia è automaticamente musulmana.
Nel corso dell’udienza al tribunale di Khartoum il giudice ha chiesto alla donna di rinunciare alla fede per evitare la pena di morte: “Ti abbiamo dato tre giorni di tempo per rinunciare, ma tu continui a non voler tornare all’Islam e dunque ti condanno a morte per impiccagione”, ha detto il giudice Abbas Mohammed Al-Khalifa rivolgendosi alla donna.

Amnesty International (Ai) ha definito “ripugnante” la sentenza con cui oggi un tribunale sudanese ha condannato a morte per “apostasia” e alla fustigazione per “adulterio” una donna cristiana all’ottavo mese di gravidanza. ”Il fatto che una donna sia condannata a morte a causa della religione che ha scelto di professare e alle frustate per aver sposato un uomo di una presunta religione diversa è agghiacciante e orrendo”, ha dichiarato Manar Idriss, ricercatore sul Sudan di Amnesty International. “L’adulterio e l’apostasia – ha proseguito – non dovrebbero essere considerati reati. Siamo in presenza di una flagrante violazione del diritto internazionale dei diritti umani”. Amnesty International che considera Meriam Yehya Ibrahim una “prigioniera di coscienza, condannata solo a causa della sua fede e identità religiosa”, ne ha chiesto il suo rilascio “immediato e incondizionato”.

http://it.wikipedia.org/wiki/Apostasia
L'apostasìa (dal greco ἀπό apò «[lontano] da» e στάσις stàsis da ἵστημι ìstemi «stare, collocarsi») è l'abbandono formale e volontario dalla propria religione (in tale contesto si parlerà più propriamente di apostata della religione). All'apostasia può seguire sia l'adesione a un'altra religione (conversione) sia una scelta areligiosa (ateismo).

http://it.wikipedia.org/wiki/Ridda
Ridda (in arabo: ردة) è un termine lingua araba che significa "apostasia dall'Islam".
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30209
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Moamed del Coran e Cristo dei Vanxełi

Messaggioda Berto » gio gen 15, 2015 9:03 am

Co se conta ła storia de łe rełixon e se parla de łe rełixon, cogna dirle ste robe.

N’ensegnante a scoła nol pol far de manco de farle nodar e pexo ancora scondarle o çercar de far pì bona e pì beła ona e pì bruta e cativa staltra.

I fati e łe parołe no łi va canvià, falbà o sconti.

Coel ke xe stà xe stà e coel ke xe xe!


L’articolo 18 della dichiarazione universale dei diritti dell’uomo recita: «Ogni individuo ha il diritto alla libertà di pensiero, coscienza e di religione; tale diritto include la libertà di cambiare religione o credo, e la libertà di manifestare, isolatamente o in comune, sia in pubblico che in privato, la propria religione o il proprio credo nell’insegnamento, nelle pratiche, nel culto e nell’osservanza dei riti.»
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30209
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Moamed del Coran e Cristo dei Vanxełi

Messaggioda Berto » gio gen 15, 2015 9:29 am

Se pol ben dir ke al mondo a ghè de łe rełixon çeviłi e de łe rełixon ke no łe xe çeviłi.

Łe rełixon çeviłi łe xe coełe ke łe respeta ki ke no xe credente o ke no crede pì e ke łe se conforma ai vałori e ai diriti omani ogniversałi come ła łebartà rełijoxa; crestianeixemo, endoixmo, budixmo, xorooastrixmo, altre rełixon pagane, … ;

łe rełixon ençeviłi łe xe coełe ke maltrata e persegoita ki ke no xe credente e ke no crede pì e ke xe contro ła łebartà rełijoxa e contro i vałori e i diriti omani ogniversałi.

Ła rełixon xlamega ła xe na rełixon ençevil e no ła pol esar mesa sol memo pian de łe rełixon çeviłi: ła va tendù e se ocor par difexa dei diriti e dei vałori omani ogniversałi ła va mesa al bando, anseme al Coran e a łe moskee endoe se predega, ençita, estega contro łi diriti omani e i vałori ogniversałi.

No se pol recognosar degnetà de rełixon çeviłe a na edeołoja rełijoxa ke predega e pratega ła viołensa, ła costrision, ła negasion dei diriti omani, de łe łebartà rełijoxe e çeviłi e dei vałori ogniversałi.




Ecco cosa si predica in moschea: "Allah contali e sterminali tutti"

I leader "dialoganti" condannano il terrorismo, ma nei luoghi di culto in Italia si incita alla violenza contro i "miscredenti"

http://www.ilgiornale.it/news/politica/ ... 82268.html

Qual è il confine tra islam moderato e islam violento? La linea di demarcazione spesso non è facilmente riconoscibile per un occidentale.

Non si tratta di distinguere solo tra terroristi e non, ma di considerare anche chi, seppure non protagonista di azioni criminose, predica la distruzione dell'Occidente o chi invece si batte per l'integrazione.

«È difficile distinguere - ammette l'imam di Torino Abdellah Mechnoune, presidente dell'Organizzazione islamica del mondo arabo ed europeo -. Guardiamo alle comunità francesi, per esempio. Molti sono scesi in piazza a Parigi per manifestare solidarietà dopo l'attentato, ma alcuni condannano il terrorismo solo a parole e non con il cuore. Sono, come dite voi italiani, ipocriti». Mechnoune invece non ha dubbi: «La vita è sacra, e nel Corano è scritto chiaramente».

Anche l'imam di Milano, il teologo Yahya Pallavicini, è sulla stessa lunghezza d'onda. «Se vogliamo definirlo con una battuta: l'islam è moderato, se non è moderato non è vero islam». Pallavicini ci tiene ad abbattere i luoghi comuni. «È inaccettabile che gli italiani siano definiti mafiosi. E allo stesso modo non si può generalizzare sui musulmani, anche se c'è chi fa un uso distorto della religione. I mafiosi sono criminali e lo sono pure questi sedicenti musulmani, anche se dicono di agire nel nome del Profeta». L'imam di Milano, che è anche vicepresidente della Comunità religiosa islamica d'Italia, fa un parallelo. «Hamas, per esempio, non è islam, ma un movimento che legittima l'uso della violenza per rivendicare un territorio. Confondere questi movimenti con l'islam e come confondere la mafia con gli italiani». Secondo gli esponenti del mondo islamico moderato va anche difeso il diritto alla libertà di espressione, come quello di Charlie Hebdo di pubblicare le vignette satiriche. «Criticare è un diritto, poi, quello che conta è la legge dello stato, che va rispettata», afferma Mechnoune. «Gli unici limiti alla libertà d'espressione sono la sensibilità e la legge - gli fa eco Pallavicini -. Secondo me, alcune vignette sono da criticare. La cosa bella della civiltà occidentale è che siamo liberi di esprimerci ma anche di criticare. Però il diritto di critica non significa uccidere un giornalista. Questa liberta è una conquista della nostra società e io, come musulmano e come europeo, sento che bisogna difenderla».

Ma non tutti i religiosi islamici la pensano così. Solo pochi mesi fa numerosi imam si sono distinti nel predicare odio proprio in Italia. A cominciare da Abdelbar Al-Rawdhi, imam di San Donà di Piave (cittadina in provincia di Venezia), che è stato espulso lo scorso agosto dal ministro dell'Interno perché considerato un pericolo per la sicurezza nazionale. «Oh Allah, porta su di loro ciò che ci renderà felici. Oh Allah, contali uno a uno e uccidili fino all'ultimo. Non risparmiare uno solo di loro», erano le parole del sermone del venerdì, nel quale incitava a sterminare gli ebrei. E che dire dell'imam bosniaco Bilal Bosnic, il quale lanciava appelli in rete ai giovani musulmani per unirsi all'Isis. Bosnic è un religioso che ha predicato in tutta Europa e ha tenuto i suoi confortanti sermoni anche a Cremona, Bergamo e Pordenone. «Tornerò in Italia per parlare di guerra santa e cercare finanziamenti. Conquisteremo il Vaticano - proclamava a fine agosto -. Il giornalista americano Foley era una spia. Uccidere in alcuni casi è giustificato». Per fortuna, il 4 settembre è stato arrestato. Non dimentichiamo poi l'imam di Cinisello Balsamo, nel Milanese. Usama El Santawy è un telepredicatore che inneggiava ai combattenti italiani nelle file della jihad. «Sono da onorare anche se, dicendo queste parole, sembra di giustificare il terrorismo - diceva quest'estate -. I musulmani vengono umiliati, quindi non ci si deve stupire se 50 italiani vanno a combattere nelle file dell'Isis».

Moderati e integralisti, due mondi diversi, quasi opposti uno all'altro. Eppure entrambi traggono ispirazione dal Corano. Chi ne è il vero interprete?
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30209
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Moamed del Coran e Cristo dei Vanxełi

Messaggioda Berto » gio gen 15, 2015 11:18 am

Li xlameghi łi copa ‘ncora łe done co łe prie coando ke Cristo l'ebreo, domiła ani endrio, el ga fermà ła man dei boia dixendoghe: “ki ke xe sensa pecà el bute ła prima pria” e tuti łi ga xbasà ła cràpa e łi xe nda via, mołando xo łe prie.
El Coran el łàsa ke se cope co łe prie el Vanxeło no!


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... dasion.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... emagne.jpg


Magdi Allam: «L'Islam è violento»
26/06/2013 «Il dialogo tra persone è possibile, quello tra religioni no», afferma l'europarlamentare, «quella islamica, a differenza di ebraismo e cristianesimo, predica l'odio nei confronti di ebrei e cristiani. Guai a legittimarla e consentire in Europa la costruzione di moschee»
http://www.famigliacristiana.it/articol ... lento.aspx

Onorevole Magdi Cristiano Allam, perché è difficile la convivenza tra cristiani e musulmani?

«Anzitutto, bisogna distinguere sempre tra le persone e le religioni. Con le persone si può e si deve sempre dialogare e cercare una civile e pacifica convivenza perché tutti gli uomini, a prescindere dal loro credo religioso, sono uguali sul piano dei diritti inalienabili alla vita, alla dignità e alla libertà. Sulle religioni invece dobbiamo avere il coraggio di dire che non sono tutte uguali».

L’Islam in cosa si differenzia dalle altre?

«Nella preghiera che i musulmani recitano cinque volte al giorno diretti verso la Mecca, facendo riferimento al Corano, dicono questo: “Credo che non c’è altro Dio al di fuori di Allah. Che Maometto è il suo inviato. Concedici la retta via, non la via di coloro nei cui confronti sei adirato né la via di coloro che hanno negato”. Tutti i teologi islamici concordano sul fatto che “coloro nei cui confronti sei adirato e che hanno negato la verità” sono proprio gli ebrei e i cristiani. Cinque volte al giorno, dunque, i musulmani nella loro preghiera condannano ebrei e cristiani. Se noi ignoriamo tutto questo non riusciamo a capire come sia potuto accadere che dopo sette secoli in cui tutto il Mediterraneo era cristiano a partire dal settimo secolo la sponda orientale e meridionale da cristiana sta diventando gradualmente islamica. Oggi stiamo assistendo alla spoliazione finale di quelle terre dalla residua presenza cristiana dopo l’eliminazione della presenza ebraica».

L’espansionismo aggressivo, quindi, ha un fondamento religioso?

«Nel Corano si dice chiaramente che l’insieme dell’umanità deve essere sottomessa all’Islam anche con la violenza e si fa diretto ed esplicito riferimento agli ebrei, ai cristiani, agli apostati, agli infedeli considerati tutti nemici dell’Islam da sottomettere con la violenza ed eliminandoli, se necessario, anche con l’uccisione. Questo è chiaramente scritto, non è opinabile. Cristianamente noi dobbiamo amare il prossimo a prescindere dalla sua fede, etnia o cultura. Ma al tempo stesso però dobbiamo essere consapevoli che nel momento in cui l’Islam si vuole applicare letteralmente e integralmente, nella sua integrità e integralità, l’Islam è fisiologicamente violento. Possiamo far finta che la realtà non sia questa, poi però dobbiamo fare i conti con la realtà, con quello che, ad esempio, è successo in Iraq, in Egitto e che sta accadendo ora in Siria. Una situazione che personalmente mi sta facendo inorridire».

Perché?

«Perché l’Occidente cristiano, o presunto tale, oggi sta dando manforte ad Al-Qaeda, ai Fratelli musulmani e ai gruppi salafiti nel nome di un’opposizione ad un regime dittatoriale laico all’insegna della cosiddetta primavera araba con il risultato che la presenza cristiana in Siria si va assottigliando sempre di più. L’Arcivescovo libanese monsignor Issam John Darwish, che sta accogliendo alla frontiera con il Libano migliaia di profughi cristiani in fuga dalla Siria, ha detto chiaramente di non aiutare i terroristi islamici in Siria perché nel momento in cui dovesse finire la presenza cristiana in Medio Oriente, il giorno successivo toccherà ai cristiani in Europa. I martiri cristiani sono anche la conseguenza della nostra ignoranza e, peggio ancora, della nostra collusione con il radicalismo islamico».

Non c’è quindi la possibilità di una vita normale per i cristiani nei paesi a musulmani?

«C’è stata in passato. Io sono nato nel ’52 al Cairo, in Egitto, e c’era una realtà molto più laica e rispettosa tra persone di religioni diverse anche se era pur sempre una società prevalentemente musulmana. Quello di Nasser era un regime laico socialista, le donne non erano costrette a portare il velo, i Fratelli musulmani erano fuorilegge, i loro dirigenti incarcerati o costretti ad emigrare altrove. Non veniva applicata l’ideologia islamica che è avversa ai cristiani e agli ebrei. Questa è la verità. Dopo la sconfitta degli eserciti arabi nella guerra del 5 giugno 1967, il declino del panarabismo e l’avvento del panislamismo noi assistiamo alla crescita dell’intolleranza islamica nei confronti di cristiani ed ebrei. Aggiungo che il problema si pone anche all’interno dell’Europa stessa. Oggi, ad esempio, come ha denunciato un mese fa il responsabile antiterrorismo dell’Unione europea, in Siria ci sono circa 800 cittadini europei che combattono con un gruppo, il “Fronte della vittoria”, legato ad Al-Qaeda. In Italia abbiamo avuto qualche giorno l’esempio di un giovane genovese di 24 anni, Giuliano Ibrahim Delnevo, che combatteva proprio con questo gruppo ed è stato ucciso. Si parla di una cinquantina di italiani o residenti in Italia che combattono laggiù con Al-Qaeda. Questo significa che il radicalismo islamico è diventata una realtà autoctona europea. Facciamo attenzione quindi a certi errori come quello di immaginare che per il rispetto, doveroso, nei confronti dei musulmani come persone si debba legittimare l’Islam come religione e concedere la costruzione di moschee che si stanno diffondendo a macchia d’olio anche in Europa con il risultato che all’interno di questi luoghi si predica un’ideologia intrisa di odio, di morte e di violenza nei confronti di ebrei e cristiani. Se c’è un Delnevo che a 20 anni va in Siria a combattere e farsi uccidere perché convinto che attraverso il martirio islamico accederà al paradiso islamico vuol dire che è già tardi, vuol dire che abbiamo già consentito il radicamento di un estremismo che rappresenta una minaccia per la nostra civiltà cristiana qui in Europa».

Un Islam moderato quindi non esiste?

«Esistono i musulmani moderati, io lo sono stato per 56 anni. Ci sono tanti musulmani per bene con i quali noi possiamo e dobbiamo dialogare ma lo dobbiamo fare nella consapevolezza che la verità è solo nel Cristianesimo e in Gesù Cristo che non può essere relativizzato. Laicamente, il dialogo è possibile a due condizioni: richiedendo a tutti, musulmani e non, la condivisione di quei valori che giustamente si definiscono “non negoziabili” in quanto sostanziano l’essenza della nostra comune umanità, mi riferisco alla sacralità della vita, alla dignità della persona e alla libertà di scelta, ed esigendo il rispetto delle regole che sono a fondamento della civile convivenza».
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30209
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Moamed del Coran e Cristo dei Vanxełi

Messaggioda Berto » gio gen 15, 2015 12:28 pm

???
Cogna parlarghene e ciàro anca e no far finta de gnente!


http://www.e-venesie.eu/topic145.html

Re: Charlie Hebdo

PostPosted by Paolo Pero » Wed Jan 14, 2015 10:38 am

sixara ha scritto::Sì, bixognaria ke i lo dixese ciàro e tondo - i organi de informazhion, a vojo dire - ke pardedrio de ste robe cuà a gh è i SKEI de i emiri, ke i è drio a conprarsela tuta l Europa e indoe ke no i ghe riva co i skei i ghe riva co le bonbe.


Eh ma i schei dei emiri i serve, cuindi no i pol ciaparsela co łori.

sixara ha scritto:La circolare de la Donazzan :
http://www.donazzan.it/visto-da-destra/ ... o-a-scuola
Madame de Lapalisse :
"Se non si può dire che non tutti gli islamici sono terroristi, é evidente che tutti i terroristi sono islamici ..."
La scrive come ke la parla :mrgreen:
però - te digo - bixognaria sì parlarghene de ste robe cuà, e scòla saria el posto pì adato ma , còsa vòto, a li sento mi i me coleghi... mejo taxerghe su.


Ovio che cogna parlarghine. Però un conto xe parlaghine, 'n altro xe dirghe a łe scołe de ciamar tuti i pari e łe mari dei toxati musulmani par farghe condanar el terorismo... come se'l aver cheła fede là el fasa de łori dei posibiłi sostenidori del ISIS o del Al-Qaeda.
Che po dirteła tuta sti teroristi cuà no i me par gnanca tanto integrałisti musulmani... cioè, sto ISIS el xe pien de xovani che fa mùxica rap, ma ła mùxica osidentałe no ła jera considerà mùxica del diavoło? Va ben che i ga da confondarse in mexo ai osidentałi, ma a mi i me par masa osidentałi par esar musulmani radicałi. Sarà che no xe pì i tenpi de Khomeini.
ps: senpre a propoxito de scoła, gheto sentìo ła stòria del tema a Thiene? Cueło del "spiegaghe al to amigo leghista che i foresti..."
Paolo Pero Posts: 430 Joined: Fri Aug 16, 2013 11:56 am



PostPosted by sixara » Wed Jan 14, 2015 12:16 pm

Paolo Pero ha scritto::Però un conto xe parlaghine, 'n altro xe dirghe a łe scołe de ciamar tuti i pari e łe mari dei toxati musulmani par farghe condanar el terorismo... come se'l aver cheła fede là el fasa de łori dei posibiłi sostenidori del ISIS o del Al-Qaeda.


La siora Donazzan, asieme co tuti kei altri ke i parla solo parké i ga la boca, no la ga mai meso piè te na scola evidentemente : come fèto farghe fare l abiura publica de la to relijon a fiòli e fameje? Praticamente , a vojo dire, nò a parole... cioè, come se fà ? Te i ciami tuti a scòla n asenblea plenaria? o basta mandar tipo na 'justificazhion' sol libreto ? o anca on formulario pre-stanpà da conpilare :?
Se se incorze de verghe i ixlamici a scòla solo dèso? E ki xe ke ga da parlarghe dèso - a ki ghe toca, a vojo dire? L insegnante de storia? de relijon.. o còsa? E a ke titolo te te meti a parlare de costion cusì conplicà, cusì private come cuee interculturali?
Mi intercultura a la go senpre fàta n clase, nò dìta a parole... blah-blah-blah a farghe le ramanzine ai fiòli, ke i ghe n à le bàle piene del discorare ca se fà a scòla.
Dognimodo, te dixevo, nisùna paura ke, almanco scòla mia, poki o nisùn a la ga ciapà solserio la circolare, parké no i se sente preparà a discutere de ste robe cuà, e i gà raxon, no te risolvi on bel gnente co na oreta de discusion, fata su e su, inbastia de luoghi-comuni veci come el kuko e nòve paure.

Paolo Pero ha scritto:: senpre a propoxito de scoła, gheto sentìo ła stòria del tema a Thiene? Cueło del "spiegaghe al to amigo leghista che i foresti..."


Anca lì, bixognaria vedare ke titolo ke l ghea sto sàjo ( imajno el fùse on 'saggio breve' nò on jenerico 'tema'), sol tipo 'pro-contro' e cioè : " argomenta i pro e i contro del fenomeno immigrazione", na roba cusì; la me pare màsa grosolana come proposta cuea lì del spiegaghe al to amigo leghista che i foresti....
No sò, a semo deventà tuti pì sospetoxi e da dopo charliehebdo anca de pì, insegnanti contro le fameje, fameje contro insegnanti, fioli fra de lori e contro i profesori... no sò. On bruto clima, se mai l è stà bèlo.
Dopo, te dirò ke mi problemi no ghe n ò ke mi insegno inglexe e no m intarèsa da indoe ca te vièn e de ke relijon ca te sì : a te ghè da inparare inglexe, punto.
A go senpre vù alievi de tute le razhe e relijon e no go mai vù problemi co lori, ghe digo sù a tuti e bèla ke fàta. :)

PostPosted by sixara » Wed Jan 14, 2015 12:33 pm

Paolo Pero ha scritto::Che po dirteła tuta sti teroristi cuà no i me par gnanca tanto integrałisti musulmani... cioè, sto ISIS el xe pien de xovani che fa mùxica rap, ma ła mùxica osidentałe no ła jera considerà mùxica del diavoło? Va ben che i ga da confondarse in mexo ai osidentałi, ma a mi i me par masa osidentałi par esar musulmani radicałi. Sarà che no xe pì i tenpi de Khomeini.


Sì, a te ghè raxon, a lo go notà anca mi. Sti cuà, a pare de capire, tanto ghe faxea de fare el cantante rap o còsa - la comésa te on negozhio o altro, come - a on zherto punto de la so vita de sfigà - de convertirse e ndare inparare a sparare...
còsa ghe xe capità a sti cuà o a tuti kei altri - i foreign fighters, come ke i li ciàma ke i se ciapa sù e i và conbatare pa de le cauxe ke no xe le soe, de zente nata e cresù n ocidente ... :?
L è la terzha ( o cuarta) jenerazhion n Francia de zoveni insoferenti de la vita ke i fà, là te le periferie de cualke cità europea.
Pa Italia la sarìa la prima de zente nata cuà, ke i parla perfetamente l italian ( mejo de l arabo de le olte), ke i ga fato le scole cuà e via discorendo ... a on zherto punto - là - fulminài so la via de la mèca... :?
no lo sò gnanca cuà ,còsa e come, ma bisognaria pensarghe anca so le raxon de ste robe cuà, nò solo ke discorare...



Sto profasor de Thiene lè n’ensemenio o ensemenia, lè gnorante e sensa criterio e sensa creansa:

a) nol ghe ga mai dimandà a li so studenti cosa ke łi ghin pensa de ła vera democrasia ke lè lomè coeła direta come en Xvisara e de ła difarensa ca ghè co coela falba e castual tałiana;
b) nol ghe ga mai fato far on tema so ła łebartà e el dirito a l’aotodeterminasion o so l’endependensa dei veneti;
c) nol ghe domanda mia se łi omani de on paexe o de na tera łi ga o manco el dirito de deçidar ki, come, coando e coanti migrà łi pol o far entrar, no conta gnente el dirito de łi omani de na tera, conta lomè el dirito dei foresti e de i migranti … sto profasor lè purpio n’ensemenio nol sa gnanca coxa ke sipia el dirito, ła lebartà e i valori omani ogniversali; el dirito de li endexeni el vien vanti de ogni altro.

Lè purpio on profasor kel fa dani, de scarsa omanedà anca se mi no so leghista e considero i leghisti de łi tałiani tałego-padani fanfaroni e nemighi de ła lebartà dei veneti.


Ma coxa ghe ensegnałi a ła nostra xente, ai nostri xovani, ai nostri fiołi, sti “ensegnanti ensemenii, mexi kapò”: a sotostar a ogni angaria e sopruxo, a subir senpre tuto, a no esar paroni de ła purpia caxa e de ła purpia tera, a esar senpre sojeti ai altri e a no poder esprimare la purpia volontà, a no ver diriti de soransa połedega, a no esar łibari, a no contar gnente, a esar sensa degnetà omana ?
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30209
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Moamed del Coran e Cristo dei Vanxełi

Messaggioda Berto » gio gen 15, 2015 4:21 pm

Charlie Hebdo, Hollande: “L’Islam è compatibile con la democrazia” (??? me dimando mi)

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/01 ... ma/1340769

Il presidente francese ribadisce che "gli atti contro i musulmani, così come l’antisemitismo, devono essere puniti con severità". Intanto, Libération esce con una prima pagina provocatoria, tappezzata di frasi blasfeme. E Hamas reagisce pubblicando in prima pagina sul suo giornale un disegno contro le caricature su Maometto
di F. Q. | 15 gennaio 2015

???
L’Islam è compatibile con la democrazia”. Lo ha detto Francois Hollande durante un discorso all’Istituto del mondo arabo a Parigi per ribadire come non vi sia connessione tra religione e gli attentati che hanno colpito la capitale francese nelle ultime settimane. Un gesto di avvicinamento nei confronti della comunità musulmana che, dopo l’attacco a Charlie Hebdo e al negozio kosher, ha conosciuto un’ondata di islamofobia che ha fatto registrare, nei giorni seguenti, almeno 50 episodi contro edifici o membri della comunità musulmana. Intanto, il quotidiano Libération esce in edicola con una prima pagina tappezzata di espressioni blasfeme e dal titolo “Libertà di espressione. Attenzione fragile”. E il quotidiano di Hamas, Felesteen, reagisce con una vignetta in prima pagina contro le caricature del Profeta.

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... en-360.jpg

???
Hollande: “Distinguere tra estremismo e religione. Solidarietà a mondo arabo”. “Abbiamo un dovere di solidarietà nei confronti del mondo arabo“, ha detto il presidente francese che ha voluto focalizzare l’attenzione dell’opinione pubblica sulle ritorsioni nei confronti dei cittadini di fede islamica, dopo gli attentati a Charlie Hebdo e al negozio kosher. La Francia, ha continuato, si impegna a “difendere tutti i suoi cittadini”, indipendentemente dalla loro fede: “Gli atti contro i musulmani, così come l’antisemitismo, devono essere non solo denunciati, ma puniti con severità“.

Hollande ha sottolineato come il fanatismo religioso e il fondamentalismo si nutrano di situazioni di tensione e odio come quelle che nascono dopo attentati come quelli di Parigi. Una provocazione alla quale la comunità non deve cedere, altrimenti verrà sconfitta dagli estremismi: “Il fondamentalismo islamico si nutre di tutte le contraddizioni, delle povertà, dei conflitti non risolti da troppo tempo, e sono i musulmani ad esserne le prime vittime”, ha continuato, ribadendo che si devono “evitare confusioni” tra estremisti violenti e fedeli musulmani.

Il compito della società civile e delle istituzioni, dice Hollande, è quello di agire “con fermezza di fronte a chi aggredisce luoghi di culto, siano essi moschee, sinagoghe o chiese. Dobbiamo combattere gli atti contro i musulmani, così come quelli antisemiti, che vanno puniti con severità. La Francia vuole essere un punto di riferimento e un esempio, nulla va tollerato”. Gli estremismi, secondo il presidente, si combattono solo favorendo “la nascita di una società civile esigente”, promuovendo la risoluzione dei conflitti e fare in modo che si possa creare, “tra le due rive del Mediterraneo, un’unione che non sia solo di cuore e di ragione, ma una vera unione economica e culturale”.

E contro el stermegno e la persecusion xlamega dei cristiani en volta pal mondo ixlamego, cosa dixelo Holland? Gnente!

Libération, pubblicata copertina “blasfema”. Nel giorno in cui in Francia tiene banco il tema della libertà d’espressione, dopo gli attentati a Charlie Hebdo e l’arresto del contestato comico Dieudonné M’bala M’bala, il quotidiano Libération, che da subito si è schierato dalla parte del settimanale satirico ospitando giornalisti e vignettisti nella propria redazione, esce con una prima pagina tappezzata di frasi blasfeme. Nessuna distinzione religiosa, a finire nel “bersaglio” del giornale sono finiti sia il cristianesimo che l’Islam, fino all’ebraismo e al buddismo. La prima pagina di Libération non risparmia nessuno. prima pagina liberation

Una scelta, quella della redazione, destinata a fomentare le polemiche già vive nel paese, dopo la decisione dei giudici di arrestare, ieri, Dieudonnè, dopo la sua pubblicazione su Facebook di un post in cui scriveva “Je suis Coulibaly“. In molti hanno interpretato il messaggio del comico come un gesto di solidarietà nei confronti della redazione di Charlie Hebdo, ma, allo stesso tempo, anche come un “ringraziamento” ad Amedy Coulibaly, autore dell’attentato dentro il negozio kosher nel quale hanno perso la vita persone di fede ebraica. “Apologia di terrorismo“, questa l’accusa che ha portato all’arresto dello show man e la sua detenzione ai domiciliari. Gli spettacoli di Dieudonné avevano già ricevuto, in passato, molte critiche e l’uomo è stato più volte accusato di antisemitismo.

L’arresto ha sollevato il dibattito, con una parte dell’opinione pubblica che sostiene come in Francia vengano utilizzati due pesi e due misure. Una garanzia di libertà che, secondo molti, non può essere toccata quando ci si riferisce alla religione musulmana, come nel caso di Charlie Hebdo, ma che sarebbe inaccettabile quando ad essere presi di mira sono, invece, altre religioni, come quella ebraica. Libération decide quindi di applicare una provocazione a 360 gradi: nessuna religione è stata risparmiata.

La vignetta di Hamas contro Charlie Hebdo – I palestinesi di Hamas hanno condannato l’ultimo numero della rivista satirica francese Charlie Hebdo, uscita con una nuova caricatura del profeta Maometto in copertina. Sul quotidiano ufficiale del gruppo, Felesteen, si legge che la libertà di espressione non permette di insultare il profeta ed è stata pubblicata una vignetta che rappresenta una mano che fa un segno di stop a un’altra mano, che impugna un pennello a forma di diavolo. Sotto la prima mano appare la scritta “Tutto tranne il Profeta“, mentre sotto quella con il pennello si legge “Libertà di espressione“. Anche il dirigente di Hamas Izzat Risheq ha dichiarato che la pubblicazione delle nuove vignette di Charlie Hebdo “getta benzina sul fuoco”.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30209
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Prossimo

Torna a Ixlam

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron