Arsa, Arsia, Arsiè, Arsiero, Vallarsa, ...

Re: Arsa, Arsia, Arsiè, Arsiero, Vallarsa, ...

Messaggioda Berto » lun ott 29, 2018 8:18 am

Cfr. co:


Assia

https://it.wikipedia.org/wiki/Assia

???

Il nome dell'Assia, Hessen in tedesco, deriva da quello del primo popolo teutonico che si insediò nell'area, i Catti, attraverso mutazioni del termine dovute alla seconda rotazione consonantica dell'alto-tedesco. Infatti sono chiamati Chatten (pronuncia all'incirca [hatten]) nel tedesco moderno, termine reintrodotto attraverso il nome latino Chatti; l'endonimo con il quale i Catti nominavano sé stessi è Xatten (pronuncia all'incirca [hatten]). Oltre ad aver perso la C aspirata o X iniziale, il nome mutò il suono tt in ss attraverso la seconda rotazione consonantica (Chatten → Hatten → Hessen).


Essen
https://it.wikipedia.org/wiki/Essen
???
Nelle nazioni germanofone il nome della città causa spesso confusione per ciò che riguarda la sua origine, poiché corrisponde all'infinito del verbo tedesco essen, che significa "mangiare", e al sostantivo tedesco Essen, che significa "cibo". Gli esperti discutono ancora sull'interpretazione del toponimo e hanno formulato alcune interpretazioni degne di nota.

La forma più antica del nome della città è Astnide, che si cambiò in Essen passando attraverso forme come Astnidum, Assinde, Essendia ed Esnede. Il nome Astnide poteva riferirsi a una regione in cui si trovavano molti frassini o a una regione nell'est dell'Impero dei Franchi. Si è anche pensato a una derivazione dall'antico termine tedesco per indicare il focolare, Esse, data la storia industriale della città, ma il legame è assai improbabile poiché le forme antiche del nome hanno origine in tempi precedenti l'industrializzazione.



Catti
https://it.wikipedia.org/wiki/Catti

I Catti (Chatti in latino o Cháttoi) erano un'antica popolazione germanica stanziata nell'Assia centro-settentrionale e nel sud della Bassa Sassonia. Secondo Tacito[1] a loro sarebbe appartenuta la tribù dei Batavi, finché questi, in seguito di dispute interne, furono cacciati via, andando a stanziarsi alla foce del Reno. Confinavano a nord con gli Usipeti e i Tencteri.

Resistettero con successo all'incorporazione nell'Impero romano unendosi con la coalizione delle tribù guidate dal cherusco Arminio, che nel 9 d.C. distrusse le legioni di Varo nella battaglia di Teutoburgo. Nel 15 d.C. Germanico devastò i loro territori come rappresaglia.
Tra l'83 e l'85 d.C. i romani, per volere dell'imperatore Domiziano, condussero una nuova campagna contro questa popolazione; per questa campagna fu impegnata la Legio I Minervia, che con ogni probabilità era stata creata ad hoc a questo fine. Alla fine però, Roma rispose all'atteggiamento bellicoso e belligerante dei Catti costruendo il limes lungo il confine meridionale delle loro terre nell'Assia centrale agli inizi del I secolo (alcuni resti di queste fortificazioni sono state trovate su una collina vicino al villaggio di Metze (in latino Mattium) nel cuore del territorio catto, a sud di Kassel.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30339
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Precedente

Torna a Astego Nostro - Par on Parco de l'Astego

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti