Łi sasini de l'ebreo Cristo, i romani

Re: Łi sasini de l'ebreo Cristo, i romani

Messaggioda Berto » gio mar 30, 2017 7:24 pm

Questi battisti americani accusano gli ebrei di essere gli assassini di Cristo quando in realtà sono stati i romani
https://www.facebook.com/IsraelNewsOnli ... 2761369909

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... stiani.jpg


L'antisemitismo mondiale si fonda su questa falsa accusa, costruita dai cristiani romani, sulla quale poi sono state ricamate tutte le idiozie e le falsità contro gli ebrei e Israele


Razzismo e rasisti contro gli ebrei e Israele
viewtopic.php?f=25&t=1413

Demenzialità su e contro gli ebrei
viewtopic.php?f=197&t=2178
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34552
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Łi sasini de l'ebreo Cristo, i romani

Messaggioda Berto » ven mar 31, 2017 1:31 pm

Nella dichiarazione Nostra aetate (nel nostro tempo) il Concilio Vaticano II esclude la responsabilità collettiva di Israele nella morte di Gesù: cioè non sono colpevoli della morte di Gesù tutti gli ebrei di allora e nessun ebreo di oggi.

Però, quelli del Concilio, si sono dimenticati di specificare che "quegli alcuni ebrei di allora" non sono stati direttamente responsabili della morte di Cristo, poiché la sentenza di condanna è stata emessa da un tribunale romano e da un giudice romano ed eseguita dai soldati romani che sono i veri e diretti responsabili della morte di Cristo.
Inoltre dal punto di vista ebraico, gli ebrei di allora che erano contrari alla predicazione di Cristo avevano le loro buone ragioni a considerarlo un eretico, un bestemmiatore e a chiederne la condanna.
Il tribunale romano aveva la facoltà di assolvere Cristo dalle accuse di blasfemia mossegli dagli ebrei ortodossi come infatti è avvenuto, però i romani hanno ritenuto di dover condannare Cristo per lesa maestà dell'imperatore romano, mettendogli sulla croce la scritta INRI (Gesù di Nazareth, il re dei giudei) che spiegava il perché della condanna.


Nostra aetate
https://it.wikipedia.org/wiki/Nostra_aetate

La dichiarazione Nostra aetate (letteralmente, Nel nostro tempo) è uno dei documenti del Concilio Vaticano II. Pubblicata il 28 ottobre 1965, tratta del senso religioso e dei rapporti tra la Chiesa cattolica e le religioni non-cristiane. La sua prima bozza, denominata Decretum de Judaeis (letteralmente, Decreto sugli Ebrei) fu completata nel novembre 1961.

La dichiarazione è un documento piuttosto breve, composto di cinque punti:

un'introduzione;
il riconoscimento del senso religioso nella vita di ciascun uomo;
la stima riservata alle genti dell'islam;
il vincolo che lega il Cristianesimo all'ebraismo;
il principio della fratellanza universale e dell'amore.
...
in terzo luogo (n. 4, g), il documento esclude la responsabilità collettiva di Israele nella morte di Gesù: cioè non sono colpevoli della morte di Gesù tutti gli ebrei di allora e nessun ebreo di oggi.


INRI
https://it.wikipedia.org/wiki/Titulus_crucis
Immagine
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34552
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Łi sasini de l'ebreo Cristo, i romani

Messaggioda Berto » lun ott 29, 2018 8:35 am

Come la raccontano questi di Famiglia Cristiana


Chi fu responsabile della morte di Gesù? Ebrei o romani?
Giuseppe Pulcinelli

http://www.famigliacristiana.it/articol ... omani.aspx

In base alle fonti che abbiamo (soprattutto i Vangeli), sono diversi i responsabili: egli viene giudicato colpevole di bestemmia dal Sinedrio (Mc 14,61-64), reato per il quale la Legge giudaica prevedeva la pena di morte (Lv 24,16).
Quel tribunale però non aveva il potere legale di applicare tale sentenza, riservata al governatore romano. Pilato, però, non avrebbe mai ritenuto valido il motivo religioso per una condanna capitale.
Per cui i capi del popolo e l’aristocrazia del Tempio modificano l’accusa in senso politico: Gesù si sarebbe proclamato re dei giudei, minacciando così il potere romano (cfr. poi il titolo affisso sulla croce INRI).

Pilato, nonostante non trovi sufficiente l’accusa, per accontentare la folla sobillata dai sommi sacerdoti, ordina la morte per crocifissione.

Al di là di queste corresponsabilità da parte delle autorità del tempo, la fede cristiana afferma che Cristo è morto per i peccati di tutta l’umanità (cfr. 1Cor 15,3s), dando la vita liberamente e per amore, per ottenere a tutti la salvezza (cf. Gv 15,13).
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34552
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Precedente

Torna a Cristianismo o cristianesimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron