Ƚe diexe comande o toƚe ebraego-cristiane de ƚa ƚeje

Ƚe diexe comande o toƚe ebraego-cristiane de ƚa ƚeje

Messaggioda Berto » dom nov 30, 2014 7:17 am

Ƚe diexe comande o toƚe ebraego-cristiane de ƚa ƚeje
viewtopic.php?f=24&t=1236


VENETO SERENISSIMO GOVERNO
Ufficio di presidenza

Veneta Serenissima Repubblica
I nostri principi etici
I nostri diritti storici

Nel disaminare il diritto internazionale nella sua evoluzione, e per chiarire quale sia la posizione del Veneto Serenissimo Governo in merito a questo intricato argomento, dobbiamo inevitabilmente stabilire quale sia la nostra base etica, e fare memoria della nostra storia di Popolo e di esseri umani.
La base etica del Veneto Serenissimo Governo sul diritto internazionale è indubbiamente la stessa che pretendiamo dal nostro ordinamento giuridico interno di nazione che aspira all'indipendenza.

Il Veneto Serenissimo Governo ritiene che sia necessario fondare il proprio progetto e la propria azione su quei grandi valori legati ai fondamenti ebraico-cristiani, espressi anche nelle “tavole della Legge” le dieci parole che Moshé ricevette sul Sinai.

Il Veneto Serenissimo Governo conferma che soltanto su quella base è possibile garantire un futuro per le genti venete, ma pure per ogni popolo che aspiri ad essere veramente libero.

Riteniamo che il rapporto con il trascendente sia di natura personale, però il rapporto con il prossimo, sia esso singolo o nazione, debba essere regolato da vincoli etici condivisi e da un rapporto di reciprocità. Per questo di seguito esplichiamo in modo didascalico la parte del decalogo a cui necessariamente dobbiamo riferirci come prerequisito per ogni rapporto sia interpersonale che internazionale:

- onora il padre e la madre,
- non uccidere,
-non commettere atti impuri,
-non rubare,
- non dire falsa testimonianza,
- non desiderare la donna d’altri,
- non desiderare la roba d’altri.

Il diritto internazionale senza questa necessaria premessa, che deve trasformarsi necessariamente in pratica quotidiana, sembra essere una di quelle "cose" o meglio uno di quei argomenti che una volta che ci si addentra e che si cerca di capirne il significato od il fine, ci si accorge che in realtà è un insieme di bei propositi, di affermazioni, di dichiarazioni, di concetti ecc... fatti e messi insieme per accreditare un potere morale a chi ha già il potere materiale. Quindi cosa dobbiamo fare per evitare questo crimine? Dobbiamo agire in modo proattivo per trovare un "modus vivendi" per far si che il rapporto tra gli Stati, come lo è tra gli esseri umani, sia basato su regole condivise, sul libero arbitrio e sulla responsabilità individuale del proprio agire.

Dal secondo conflitto mondiale (Dichiarazione di Mosca dell’ottobre 1943) emerse la necessità di istituire dei tribunali internazionali per giudicare i criminali di guerra ovvero coloro che si erano macchiati di crimini contro l'umanità con la complicità degli ordinamenti giuridici ordinari o speciali degli Stati per i quali combattevano o per i quali erano “burocrati”.

E questo a seguito del processo di Lipsia, processo chiesto ai tedeschi all'indomani del primo conflitto mondiale in cui fu richiesto ai tedeschi stessi di processare il Kaiser e altri leader considerati responsabili delle politiche di aggressione che avevano dato inizio al conflitto; il processo di Lipsia, condotto in assenza del Kaiser o di altri capi di governo tedeschi, terminò per la maggior parte con l’assoluzione degli imputati e venne generalmente considerato, anche in Germania, una farsa.
Un tribunale internazionale nelle intenzioni doveva essere un luogo dove non vigeva la regola della vendetta ma del diritto, un diritto condiviso, un diritto che responsabilizzasse ogni essere umano delle proprie azioni, e che si basasse sul libero arbitrio di ogni individuo, il quale diventasse responsabile delle proprie scelte ed azioni e ne rispondesse singolarmente e collettivamente. Da ciò emergono i Principi del diritto internazionale riconosciuti nello Statuto e nella sentenza del Tribunale di Norimberga (1950):

Principio I
Chiunque commetta un atto che costituisce crimine secondo il diritto internazionale ne è responsabile ed è passibile di condanna.

Principio II
La circostanza che una norma interna non preveda una sanzione penale per un atto che costituisce un crimine secondo il diritto internazionale non esime la persona che abbia commesso tale atto dalla responsabilità secondo il diritto internazionale.

Principio III
Il fatto che la persona che ha commesso un atto costituente crimine secondo il diritto internazionale abbia agito in qualità di Capo di Stato o di funzionario con responsabilità di governo non la solleva dalla responsabilità secondo il diritto internazionale.

Principio IV
Il fatto che una persona abbia agito obbedendo ad un ordine del suo governo o di un suo superiore non esclude la responsabilità della persona secondo il diritto internazionale, purché la sua scelta morale fosse di fatto possibile.

Principio V
Ciascuna persona accusata di un crimine secondo il diritto internazionale ha il diritto ad un processo equo in fatto e in diritto.

Principio VI
I seguenti crimini sono perseguibili come crimini secondo il diritto internazionale:

a) Crimini contro la pace:
i) Pianificazione, preparazione, scatenamento o conduzione di una guerra di aggressione o di una guerra in violazione di trattati, accordi o garanzie internazionali;
ii) Partecipazione ad un piano concertato o ad un complotto diretto a commettere uno degli atti menzionati al punto precedente.

b) Crimini di guerra:

Violazioni delle leggi e degli usi di guerra, i quali comprendono, senza limitarsi ad essi: omicidio volontario, maltrattamento o deportazione per essere costretti a lavoro schiavistico o per ogni altro fine di popolazione civile dei o nei territori occupati; omicidio volontario o maltrattamento di prigionieri di guerra, di persone in mare, uccisione di ostaggi, saccheggio di proprietà pubbliche o private, distruzione deliberata di centri urbani, città e villaggi, o devastazioni non giustificate da necessità militari.

c) Crimini contro l'umanità:

L'omicidio volontario, lo sterminio, la riduzione in schiavitù, la deportazione e altri atti inumani posti in essere contro una popolazione civile, o le persecuzioni per ragioni politiche, razziali o religiose, quando tali atti sono perpetrati o tali persecuzioni sono condotte in esecuzione di o in connessione con un crimine contro la pace o di un crimine di guerra.

Principio VII

La complicità nella commissione di un crimine contro la pace, di un crimine di guerra o di un crimine contro l'umanità come indicati nel Principio VI, costituisce un crimine secondo il diritto internazionale.

Questi principi si sono scontrati con gli eventi post bellici, e con il fatto che l'equilibrio mondiale non fosse demandato agli organismi internazionali (come arbitri), ma il diritto rimaneva semplicemente puro argomento accademico, ed utilizzato in modo arbitrario esclusivamente per punire i nemici di turno, o meglio per trovare il capro espiatorio del consesso internazionale (come succede nel conflitto arabo israeliano, in cui si nota un utilizzo a senso unico del diritto internazionale contro Israele).

In realtà dal secondo dopoguerra fino alla caduta del muro di Berlino la pace fu mantenuta non tanto dal diritto internazionale, ma dall'equilibrio della guerra fredda basato sul deterrente atomico.

Ora dobbiamo prendere atto che a livello globale stanno avvenendo dei cambiamenti politici, economici che sono epocali, la strada sembrerebbe essere molto in salita ma per questo non deve essere impossibile.

Noi come Veneto Serenissimo Governo, erede e continuatore della storia, cultura e tradizioni della Veneta Serenissima Repubblica, abbiamo l’obbligo morale e storico di intervenire per tentare di evitare questa catastrofe imminente causata dalla deturpazione del diritto internazionale e dalla costante lotta per l'egemonismo attuata da vari attori internazionali, che se non fermata travolgerà tutto e tutti e proponiamo che le relazioni tra Popoli siano basate su:

· Rispetto dei diritti umani fondamentali;
· Rispetto della sovranità e dell'integrità territoriale di tutti i Popoli;
· Riconoscimento dell'uguaglianza tra le razze e tra tutte le nazioni grandi e piccole;
· Non intervento e non interferenza negli affari interni di un altro Paese;
· Rispetto del diritto di ogni Popolo di difendersi, sia individualmente che collettivamente;

· a) astensione dall'uso di patti di difesa collettivi che siano di beneficio agli interessi di una delle grandi potenze b) astensione dall'esercitare pressione su un altro Paese;
· Non esercitare atti o minacce di aggressione contro l'integrità territoriale o l'indipendenza politica di un Popolo;
· Soluzione di tutte le dispute internazionali con mezzi pacifici come negoziato, conciliazione, arbitrato o accordi giudiziari,
· Promozione di mutui interessi e cooperazione;
· Rispetto della giustizia e degli obblighi internazionali.

Quindi il diritto all’autodeterminazione dei Popoli deve essere reale e non solo scritto sulla carta dei trattati.

Le lotte per l’egemonia sono alla base dell’oscurantismo mentre il futuro risiede nelle capacità dei Popoli di autogestirsi e di vivere in rapporti di pace e collaborazione pacifica, chi rigetta tali principi sarà responsabile e complice dei conflitti sia su scala locale che mondiale.

Noi come Veneto Serenissimo Governo ci impegniamo fin d’ora a sostenere con tutte le nostre forze quei popoli che lottano per una vera libertà contro il terrorismo ed il terrore in ogni forma venga esso attuato.

Noi sosteniamo che il mondo non deve essere governato dalle minacce militari, ma basato sulla legge internazionale e sul rispetto della libertà dei Popoli.

Tra l'altro non dobbiamo dimenticare che il fondamentalismo islamico influenzando e governando vari Stati con un peso notevole nell'ONU, attraverso pressioni di tipo economico (combustibili fossili) e militare (finanziamento del terrorismo e arsenali batteriologici e chimici, con ricerca dell'arma nucleare), utilizza i principi democratici dell'occidente (su cui si basano le organizzazioni sovranazionali) per assoggettare e sottomettere la nostra civiltà.

Se non si riforma il diritto internazionale e gli organi in cui esso viene amministrato il rischio è una riedizione del patto di Monaco del 1938 in salsa nazi islamista con un conseguente conflitto mondiale. Dobbiamo renderci conto che come non ha avuto nessun senso andare a patto con il nazismo, ora non ha nessun senso andare a patti con i neo nazisti e con i fondamentalisti islamici. Se il mondo occidentale dovesse cadere ancora nella trappola del pacifismo militante, oggi come nel 1938, allora dovrà rimproverare solo sé stesso della propria inettitudine ed incapacità di analizzare gli eventi e la storia, e di affidarsi a leaders politici inadatti e pusillanimi.

Dobbiamo avere la forza morale di coinvolgere il più ampio numero di attori internazionali per rifondare il diritto internazionale, non basandolo su contrapposti egemonismi, ma basandolo su principi di reciprocità, libertà ed autodeterminazione. Rigettando ogni politica terroristica in qualunque modo essa si presenti: dal nuovo nazionalsocialismo di destra o sinistra al fondamentalismo religioso.

Abbiamo accennato a un discorso di tipo penale nei confronti di crimini contro l'umanità per collegarlo e farlo coincidere con il pensiero teorico del diritto di tutti i popoli all'autodeterminazione.

Noi come Veneto Serenissimo Governo, abbiamo da sempre rivendicato l'indipendenza della nostra patria veneta perché consapevoli di avere un diritto naturale all'autodeterminazione come lo hanno tutti i popoli del mondo senza alcuna distinzione di sorta.

Questo il diritto internazionale lo prevede e tutti (almeno gli addetti ai lavori) ne sono consapevoli, ma essendo esso gestito dai vari organi come detto, e che abbiamo visto avere un orizzonte limitato o esclusivista, si sono loro stessi delegittimati, cercando di creare i presupposti per sbarrare la strada alle istanze patriottiche ed alle varie legittime rivendicazioni che contrastano con i loro interessi.

Per esempio dicono: se hai da mangiare hai i diritti, se hai da bere hai i diritti, se hai da vestire, certi servizi, le case e così via hai i diritti, se sei rappresentato nella "forma" di governo che esiste nel tuo territorio e cioè nella forma di governo di chi ti ha occupato hai i diritti, ciliegina sulla torta, se sei una minoranza hai i diritti... Ma questi signori si accorgono che sono i primi con le loro sentenze (risoluzioni ONU ad esempio) e le loro regole a ledere il diritto internazionale che dice chiaramente che tutti i popoli, piccoli o grandi che siano, hanno diritto all'autogoverno e ad avere una patria indipendente perciò a far parte dell'organizzazione delle nazioni del mondo ed aver la possibilità di far valere la propria ragione come tutti? O questi "alti magistrati" vogliono creare un mondo di mendicanti costretti a chiedere l'elemosina? Da chi hanno avuto l'incarico di decidere il destino dei popoli controllando in che maniera debbano cibarsi,vestirsi, operare, governarsi sognare ecc... ecc..? Se i popoli hanno tutti gli stessi diritti, perché questi signori accettano il termine "minoranze"? Forse questi signori lavorano per le maggioranze?

Si può benissimo dire che tuttora il diritto internazionale è quanto mai in crisi, stretto tra le varie forme di pressione legate alla geopolitica globale.

Un altro importante ragionamento si può fare in chiave generale prendendo spunto dalle rivendicazioni fatte dal Veneto Serenissimo Governo agli organi internazionali: dopo aver chiesto a tali rappresentanti di riconoscere il diritto all'autodeterminazione e di rivendicare il territorio dell'attuale regione italiana del Veneto come patria Veneta dove esercitare i nostri diritti come popolo sovrano e indipendente la risposta è stata: non si può infrangere la sovranità e l'integrità territoriale dell'Italia.

Se partiamo dal concetto che le radici del diritto internazionale affondano in epoche remote (antiche civiltà, Grecia, Roma ecc...), si può benissimo verificare la legittimità territoriale,e non solo, del popolo veneto, quantomeno nell'odierno territorio della regione italiana del Veneto ed altrettanto legittimamente si può affermare che lo stato italiano è stato costruito molto più recentemente della patria veneta, (Veneta Serenissima Repubblica), occupando chiaramente il territorio di un'altra entità giuridica per cui la domanda ai vari giuristi odierni è: in questo caso, preso atto che è stata chiaramente l'italia ad occupare ed a violare l'integrità territoriale e sovrana di un altro stato contro le norme del diritto internazionale, perché gli organi preposti ignorano le legittime rivendicazioni dei veneti? E perché non ammoniscono lo stato italiano per la sua occupazione illegale?

Sotto l'aspetto puramente teorico, il Veneto Serenissimo Governo ha sempre lottato per il rifacimento del referendum truffa del 1866, questo per delegittimare un atto giuridico, che è anche l'ultimo in ordine di tempo, creato ad arte per giustificare l'occupazione della Veneta Patria da parte delle forze colonialiste del Regno di Sardegna poi diventato stato italiano.

Siamo convinti che il diritto debba essere privilegio dei popoli e solo loro possono decretare le scelte riguardanti loro stessi (esercizio dell'autodeterminazione).

Se vogliamo l'uguaglianza bisogna intraprendere questa via altrimenti tutte le dichiarazioni per quanto possano essere mirabili, si bloccano sulla carta rischiando di monopolizzare la volontà dei popoli nelle mani di magistrati al soldo di interessi più o meno condivisi.

A questo punto i popoli che aspirano alla libertà devono anche essere realistici e capire che se non si crea un'assemblea indipendente che possa dare voce a tutte le legittime rivendicazioni di autodeterminazione la lotta rimane difficile e rischia di essere sterile ed inefficiente.

Questo momento storico è molto delicato ma è in rapida evoluzione basti guardare cosa accade nell'Europa dell'est e nel Medio Oriente: non bisogna lasciarsi sfuggire l'occasione per creare finalmente una società dove i popoli e le loro patrie possano esprimersi nella piena libertà attraverso le loro tradizioni e la loro cultura, minacciate continuamente da interessi alieni e dal terrorismo nazi islamista.


Longarone 29 novembre 2014
Veneto Serenissimo Governo
casella postale 24 - 36022 Cassola (VI)
VENETO
pepiva@libero.it- kancelliere@katamail.it
Tel. +39 328 7051773 - +39 349 1847544 - +39 340 6613027
http://www.serenissimogoverno.eu
http://www.radionazionaleveneta.org


Pecà, parké ƚe diexe comande no ƚe xe na envension de ƚi ebrei e on caratare purpio de l’edeoƚoje judaego-cristiane ma ƚe xe on valor ogniversal e ƚe xe nate tra ƚi omani asè vanti de ƚi ebrei, de Moxè e de Cristo.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30039
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Ƚe diexe comande o toƚe ebrego-cristiane de ƚa ƚeje

Messaggioda Berto » dom nov 30, 2014 7:20 am

Ƚe diexe comande ƚe xe on vaƚor oman ogneversal e no ƚe xe na purpietà e na envension judaego-cristiana:


Preghiere de l'omo e comande divine

viewtopic.php?f=24&t=483
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30039
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Ƚe diexe comande o toƚe ebrego-cristiane de ƚa ƚeje

Messaggioda Berto » dom nov 30, 2014 7:22 am

Le comande de Maat

http://it.cathopedia.org/wiki/Maat

Immagine

Maat (oppure Ma'at, Māt o Mayet) è la dea egizia personificazione della giustizia e della verità (cfr. l'ebraico אמת, ‘emet):
Viene raffigurata in piedi o seduta, con una piuma di struzzo sul capo e in mano l'ankh, la croce della vita. Ha un ruolo centrale nel giudizio delle anime, cioè nel processo che l'anima del defunto subisce per dimostrare la propria condotta virtuosa in vita e per poter accedere alla vita eterna.


Łe 42 bone confesion ke se garà da far dapò morti par meritarse el paradixo

1. Ani el ga dito: [..] No go fato del mal
2. No go depredà co violensa;
3. No go robà;
4. No go copà;
5. No go robà łe oferte;
6. No go xmegnoio łe oferte a ła cexa;
7. No go robà (łe purpietà de) dio;
8. No go contà bàle o buxie;
9. No go robà da magnar;
10. No go caouxà patimenti;
11. No go fato bruti sesti scostoumà;
12. No go fato criar;
13. No go vendesto co l’enbrojio;
14. No go traxgredio łe comande;
15. No go axio co colpa;
16. No go pestà su ła tera arà;
17. No go scoltà de scondon;
18. No go verto łi łavari par parlar mal;
19. No me so enrabià par robe enjuste;
20. No me so conpagnà co ła mojera de naltr’omo;
21. ....;
22. No me so sporcà menàndome ła coa o ła cicia/No me so sporcà fandome sesti scostoumà co łe man;
23. Non ho causato terrore;
24. Non ho trasgredito;
25. Non mi sono arrabbiato;
26. Non ho chiuso le mie orecchie alle parole di giustizia e verità;
27. Non ho causato dolore;
28. Non ho agito con insolenza;
29. Non ho sollevato litigi;
30. Non ho giudicato con rabbia;
31. Non ho origliato;
32. Non ho moltiplicato le parole;
33. Non ho fatto male o malattia;
34. Non ho mai maledetto il re;
35. Non ho inquinato l'acqua;
36. Non ho parlato con sdegno;
37. Non ho maledetto dio;
38. Non ho rubato;
39. Non ho rubato le offerte degli dèi;
40. Non ho rubato le offerte dei morti;
41. Non ho rubato il cibo del bambino, né ho peccato contro il dio della mia città;
42. Non ho macellato con malvagità il gregge di dio.

I 42 precetti della confessione negativa

1. Ani disse: [..] Non ho compiuto iniquità;
2. Non ho depredato con violenza;
3. Non ho rubato;
4. Non ho ucciso, non ho fatto delmale;
5. Non ho rubato le offerte;
6. Non ho diminuito le oblazioni;
7. Non ho rubato (le proprietà del) dio;
8. Non ho detto bugie;
9. Non ho rubato cibo;
10. Non ho causato dolore;
11. Non ho commesso fornicazione;
12. Non ho fatto piangere;
13. Non ho venduto con inganno;
14. Non ho compiuto trasgressioni;
15. Non ho agito con colpa;
16. Non ho devastato la terra arata;
17. Non ho origliato;
18. Non ho mosso le labbra(sparlando);
19. Non mi sono adirato, se non per una giusta causa;
20. Non mi sono unito alla moglie di un (altro) uomo;
21. Non mi sono unito alla moglie di un (altro) uomo;
22. Non mi sono contaminato (con lamasturbazione);
23. Non ho causato terrore;
24. Non ho trasgredito;
25. Non mi sono arrabbiato;
26. Non ho chiuso le mie orecchie alle parole di giustizia e verità;
27. Non ho causato dolore;
28. Non ho agito con insolenza;
29. Non ho sollevato litigi;
30. Non ho giudicato con rabbia;
31. Non ho origliato;
32. Non ho moltiplicato le parole;
33. Non ho fatto male o malattia;
34. Non ho mai maledetto il re;
35. Non ho inquinato l'acqua;
36. Non ho parlato con sdegno;
37. Non ho maledetto dio;
38. Non ho rubato;
39. Non ho rubato le offerte degli dèi;
40. Non ho rubato le offerte dei morti;
41. Non ho rubato il cibo del bambino, né ho peccato contro il dio della mia città;
Non ho macellato con malvagità ilgregge di dio.

http://it.cathopedia.org/w/index.php?ti ... rn_to=Maat
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30039
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Ƚe diexe comande o toƚe ebrego-cristiane de ƚa ƚeje

Messaggioda Berto » dom nov 30, 2014 8:09 am

L’Ouropa no ƚa ga lomè raixe judaego-cristiane e grego-romane, a ghe mancaria ke ƚa fuse cusì poareta!

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... _3_2_4.jpg

Ourope
viewforum.php?f=92
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30039
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Ƚe diexe comande o toƚe ebrego-cristiane de ƚa ƚeje

Messaggioda Berto » gio dic 31, 2015 7:55 pm

Le sete łej de Noè


https://it.wikipedia.org/wiki/No%C3%A8# ... o_la_Torah

Stipulata da Dio con Noè un'alleanza eterna, in ebraico B'rith 'Olam (ברית עולם), l'"alleanza noachica" si compone dei 7 precetti così enunciati (Talmud, Sanhedrin 56b):

-non abbandonare la fede in Dio e quindi non commettere idolatria;
-non uccidere né suicidarsi: "Chi sparge il sangue dell'uomo, dall'uomo il suo sangue sarà sparso, perché ad immagine di Dio Egli ha fatto l'uomo" (Gen 9,6: fondamento della "legge del taglione", nell'esegesi ebraica con ciò intendendo il risarcimento pecuniario);
-non rubare e/o non rapire;
-non compiere le relazioni sessuali illecite non ammesse dalla Torah;
-non bestemmiare;
-divieto di mangiare parti del corpo di animali ancora vivi;
-istituire tribunali giusti (distinguendo quindi tra testimonianza vera, falsa testimonianza nonché Lashon hara, ovvero "maldicenza" in italiano, esaminando i casi).

Per i non ebrei ai 7 precetti possono aggiungersene altri ancora sempre iscritti nella Torah, ciò dipende dalla loro volontà; invero se ne contano circa 66: importanti quindi anche i precetti di onorare i genitori e quelli che vietano di ferire moralmente il prossimo, farlo soffrire anche "interiormente", secondo malizia crudele volontaria, e di ingannarlo.

Gli esseri vegetali sono concessi come cibo all'uomo: "Ecco, io vi do ogni erba che produce seme e che è su tutta la terra e ogni albero in cui è il frutto, che produce seme: saranno il vostro cibo. A tutte le bestie selvatiche, a tutti gli uccelli del cielo e a tutti gli esseri che strisciano sulla terra e nei quali è alito di vita, io do in cibo ogni erba verde" (Gn 1,29-30). Come si legge chiaramente dal testo non è ampliata la concessione già fatta ad Adamo, a cui già erano stati concessi solamente i vegetali, sino al momento in cui Noè compie dei sacrifici a Dio dopo il Diluvio universale prima del quale si attese la Teshuvah degli individui.
Iddio si è impegnato a non mandare mai più diluvi per distruggere tutti gli individui nel corso dell'esistenza del mondo mantenendo semina e raccolto, luce e buio, il ciclo delle stagioni, del caldo e del freddo, della notte e del giorno.
Quest'alleanza è stipulata con tutta l'umanità ed offre dunque all'antico Israele le norme per considerare chi è giusto o empio tra gli individui non-ebrei delle altre 70 Nazioni.
La figura di Noè, uomo giusto tra i suoi contemporanei malvagi, è considerata in Isaia 54,9 come esempio di rettitudine grazie a cui venne concesso un nuovo mondo per un'Umanità rinnovata.


Ƚe diexe comande o toƚe ebrego-cristiane de ƚa ƚeje
viewtopic.php?f=24&t=1236

Preghiere de l’omo e comande divine
viewtopic.php?f=24&t=483
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30039
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Ƚe diexe comande o toƚe ebrego-cristiane de ƚa ƚeje

Messaggioda Berto » sab mag 19, 2018 2:55 am

I X comandamenti o le Tavole della Legge di Mosè
viewtopic.php?f=199&t=2736
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30039
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Ƚe diexe comande o toƚe ebraego-cristiane de ƚa ƚeje

Messaggioda Berto » gio giu 06, 2019 9:57 am

I dieci comandamenti della Chiesa diversi da quelli della Bibbia: ecco come sono cambiati e perché

https://www.ildolomiti.it/blog/riccardo ... IF3b3yok_U

Se vi chiedessi “Quali erano i 10 Comandamenti che osservava Gesù?”, certamente mi rispondereste “Quelli che si trovano indicati nel Catechismo della Chiesa Cattolica”, sicuri di non sbagliare. Quegli stessi 10 Comandamenti che da piccoli ci facevano imparare a memoria negli Oratori (tratti dal Catechismo della Chiesa Cattolica che risale, nelle sue prime edizioni, intorno al XVI secolo). Ebbene, non è così. Gesù infatti non osservava i 10 Comandamenti secondo l’articolazione che troviamo nel “Catechismo della Chiesa Cattolica”, bensì quelli risalenti al 1.200 a.C. circa inseriti nella Sacra Bibbia (la Torah), che Dio aveva dato a Mosè sul Monte Sinai, che lui stesso, da Rabbi, insegnava.

Questo vorrebbe dire - ci si chiederà - che i 10 Comandamenti che si trovano elencati nel “Catechismo della Chiesa Cattolica” non corrispondono con quelli inseriti nella “Sacra Bibbia”? Esattamente, e certamente nei punti che andiamo adesso ad analizzare.

E per chi fosse scettico od addirittura scandalizzato dalle mie parole, lo inviterei ad andare al più presto in una qualsiasi libreria, chiedere i due testi e verificare di persona.

E vediamo allora i "dieci" Comandamenti secondo il “Catechismo Cattolico”:

1)Non avrai altro Dio fuori di me.
2)Non nominare il nome di Dio invano.
3)Ricordati di santificare le feste.
4)Onora il padre e la madre.
5)Non uccidere.
6)Non commettere atti impuri.
7)Non rubare.
8)Non dire falsa testimonianza.
9)Non desiderare la donna d'altri.
10)Non desiderare la roba d'altri.

E vediamo adesso i “10 Comandamenti” Secondo la Sacra Bibbia, (Esodo 20:2-17):

1)Io sono il Signore, il tuo Dio, che ti ho fatto uscire dal paese d'Egitto, dalla casa di schiavitù.

Non avere altri dèi oltre a me.

2)Non farti scultura, né immagine alcuna delle cose che sono lassù nel cielo o quaggiù sulla terra o nelle acque sotto la terra.

Non ti prostrare davanti a loro e non li servire, perché io, il Signore, il tuo Dio, sono un Dio geloso; punisco l'iniquità dei padri sui figli fino alla terza e alla quarta generazione di quelli che mi odiano, e uso bontà fino alla millesima generazione, verso quelli che mi amano e osservano i miei comandamenti.

3) Non pronunciare il nome del Signore, Dio tuo, invano; perché il Signore non riterrà innocente chi pronuncia il suo nome invano.

4) Ricordati del giorno del riposo per santificarlo. Lavora sei giorni e fa' tutto il tuo lavoro, ma il settimo – il sabato - è giorno di riposo consacrato al Signore Dio tuo.

5) Onora tuo padre e tua madre, affinché i tuoi giorni siano prolungati sulla terra che il Signore, il tuo Dio, ti dà.

6) Non uccidere.

7) Non commettere adulterio/atti impuri.

8) Non rubare.

9) Non attestare il falso contro il tuo prossimo.

10) Non desiderare la casa del tuo prossimo; non desiderare la moglie del tuo prossimo, né il suo servo, né la sua serva, né il suo bue, né il suo asino, né cosa alcuna del tuo prossimo".

Ecco che:

- il Secondo Comandamento è stato del tutto cancellato e del Decimo Comandamento ne sono stati ricavati due, per coprire il vuoto del secondo, che - come si e’ detto - è stato annullato.

- il Quarto Comandamento (diventato il Terzo Comandamento nel Catechismo Cattolico), da “Ricordati di santificare il Sabato” (lo Shabbat ebraico) è diventato “Ricordati di santificare le Feste”. E di conseguenza il Sabato, giorno sacro ed intoccabile per gli ebrei (quindi anche per Gesù) e per Dio, nella Sacra Bibbia, viene spostato alla Domenica.

Ma qual’è il motivo di questa incredibile modifica? Il motivo è legato alla “debraicizzazione” dei “10 Comandamenti”. Già, il divieto assoluto di fare ed adorare immagini e di rispettare il Sabato ebraico (lo Shabbat) cozzava infatti irreparabilmente con la nuova religione, denominata “Cristianesimo, fondata circa venti anni dopo la morte di Gesù (50 circa d.C.) a Corinto da Paolo di Tarso (S. Paolo). Nuova religione che era rivolta, come ben noto, ai pagani (e non a caso S. Paolo è chiamato “L’Apostolo delle Genti”, cioè dei gentili, cioè dei pagani). Ma per i pagani era impensabile non poter adorare degli idoli.

Come sarebbe stato quindi accettato da loro il Cristianesimo senza le immagini? E che senso avrebbe avuto per i pagani rispettare la sacra usanza ebraica del Sabato (e con esso le relative regole alimentari), tenuto conto che con la stessa non avevano assolutamente niente in comune? Ben più pregnante di significati religiosi era invece per i pagani la Domenica, cioè il giorno nel quale era risorto il Salvatore, secondo quanto riferito dai Vangeli, che San Paolo andava divulgando. Ma quanto sopra è avvenuto nonostante Gesù avesse chiaramente detto che, chiunque non avesse rispettato anche una sola virgola della Sacra Bibbia, sarebbe stato l’ultimo nel Regno dei Cieli.

È infatti scritto: “Chiunque trasgredirà uno solo di questi precetti (quelli della Torà), anche minimi, e insegnerà agli uomini a fare altrettanto, sarà considerato minimo nel regno dei cieli”. Ancora una volta non ci è possibile calarci nel più intimo significato della vicenda evangelica, senza interpretarla in senso esclusivamente ebraico.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30039
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm


Torna a Cristianixmo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron