USA: Trump e i repubblicani, Biden e i democratici

Re: USA: Trump e i repubblicani, Biden e i democratici

Messaggioda Berto » ven mag 13, 2022 2:04 am

.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37710
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: USA: Trump e i repubblicani, Biden e i democratici

Messaggioda Berto » ven mag 13, 2022 2:04 am

27)
Elezioni di mezza legislatura o di medio termine



MIDTERM 2022 | Elezioni primarie
L'Osservatore Repubblicano
4 maggio 2022

https://www.facebook.com/ORepubblicano/ ... 1472632853

La stagione elettorale è ufficialmente iniziata. La battaglia per il controllo della Camera e del Senato degli Stati Uniti è in palio per questo ciclo. I Democratici detengono maggioranze minime in ogni camera, ma i Repubblicani credono di essere ben posizionati per riconquistarle entrambe. A livello locale, i candidati in tutto il paese sono impegnati in concorsi elettorali che aiuteranno a modellare il futuro dell'America.
Questa notte voteranno Ohio e Indiana, risultati attesi in mattinata (ora italiana)
LA SFIDA PRINCIPALE: Le primarie del GOP per il seggio al Senato dell'Ohio sono quelle più aperte, e bisognerà aspettare fino all'ultimo momento per vedere chi sarà il vincitore.
Gli elettori repubblicani dell'Ohio decideranno il loro candidato al Senato degli Stati Uniti questo martedì, dopo una gara costosa, polemica e piena di lividi, piena di attacchi personali ed oscurata da una battaglia durata mesi per ottenere l'approvazione dell'ex presidente Donald Trump. Nonostante le pressioni aggressive di Gibbons, Timken e Mandel, Donald Trump alla fine ha scelto J.D. Vance. Questo ha immediatamente catapultato l'autore di "Hillbilly Elegy" allo status di front-runner.
Le primarie dell'Ohio saranno il primo grande test sul potere di approvazione di Donald Trump in un mese in cui diversi altri candidati sostenuti da Trump affronteranno difficili primarie.



J.D. Vance, sostenuto da Donald Trump, è il vincitore delle primarie repubblicane dell'Ohio per il Senato, segnando un'importante vittoria per l'ex presidente Trump ed il programma America First.
L'Osservatore Repubblicano
4 maggio 2022

https://www.facebook.com/ORepubblicano/ ... 8762594124

J.D. Vance è salito in cima alle primarie del GOP nelle ultime settimane, battendo i suoi concorrenti più agguerriti, il candidato al Senato dell'Ohio Never Trump Matt Dolan e il tesoriere statale dell'Ohio Josh Mandel.
La sua impennata fino alla vittoria è arrivata settimane dopo che l'ex presidente Donald Trump ha appoggiato il nazional-populista nella corsa delle primarie al Senato, ritenendo J.D. Vance "il più probabile per far fuori il debole, ma pericoloso, avversario democratico".
"È forte sull'immigrazione, duro sul crimine, capisce come usare tasse e dazi per mettere la Cina di fronte alle sue responsabilità, combatterà per rompere il monopolio delle Big Tech, ed è stato un guerriero sul tema delle elezioni presidenziali truccate e rubate", ha scritto Donald Trump nel suo endorsement.
La vittoria di J.D. Vance serve come un altro colpo al malmesso establishment del GOP e si dirige verso le elezioni di metà mandato di novembre, dove dovrà vedersela contro il rappresentante democratico Tim Ryan (D-OH), che ha vinto le primarie del suo partito martedì sera.
Più recentemente, J.D. Vance ha detto che sarebbe una "incredibile vittoria" per gli. Stati Uniti se la Corte Suprema rovesciasse "Roe v. Wade": "Il fatto che cose come questa stiano trapelando suggerisce che le élite della sinistra non si preoccupano delle norme o di qualsiasi altra cosa oltre che a vincere. Hanno dichiarato una guerra culturale a tutto campo su più fronti. I conservatori dovrebbero svegliarsi ed accorgersi di questa nuova realtà", ha avvertito.
Il suo sfidante Democratico, al contrario, sta ora chiedendo di porre fine della regola dell'ostruzionismo, mentre i membri dell'estrema sinistra cercano di codificare il precedente di "Roe Vs. Wade" in legge per proteggere l'aborto - un argomento controverso che diventerà sicuramente un punto centrale nelle elezioni di midterm.



Piazza pulita: Tutti i 22 candidati sostenuti da Donald Trump vincono le primarie in Ohio e Indiana
Tutti i 22 candidati in Ohio e Indiana appoggiati dall’ex presidente Donald J. Trump hanno fatto piazza pulita alle primarie di martedì, indicando che la forza di un appoggio di Donald Trump è potente come non lo è mai stata
5 maggio 2022

https://osservatorerepubblicano.com/202 ... e-indiana/

Se l’influenza dell’ex presidente Donald Trump sul Partito Repubblicano era davvero in gioco nella contestatissima e controversa elezione primaria del GOP per il seggio al Senato dell’Ohio, l’ex presidente ha facilmente superato la prova.

J.D. Vance, il candidato che Donald Trump ha appoggiato a meno di tre settimane dall’elezione nell’affollata e costosa prova di forza che ha attirato l’attenzione nazionale per mesi, ha vinto la nomination del GOP nella corsa per succedere al senatore repubblicano Rob Portman, che si è ritirato.

E l’ex presidente Donald Trump, che a quindici mesi dall’uscita dalla Casa Bianca rimane il politico più popolare ed influente nel GOP, non ha perso tempo a prendersi il merito.

L’ex direttore politico della Casa Bianca Brian Jack lo dice in esclusiva a Breitbart News:

Quello che abbiamo visto in Texas all’inizio di quest’anno è stato confermato ancora una volta: L’appoggio del presidente Donald Trump è l’appoggio più importante in politica. I suoi candidati hanno vinto con un rapporto di 55 a 0 nelle primarie del 2022, una continuazione della storica striscia di successo degli appoggi iniziata durante il suo periodo alla Casa Bianca.

La vittoria del candidato populista J.D. Vance nelle affollate primarie del Senato dell’Ohio è una notizia gradita anche agli altri candidati appoggiati da Donald Trump ed è un potenziale presagio delle cose che verranno nelle prossime primarie negli altri stati. A rendere la vittoria di Vance ancora più impressionante è stata la sua capacità di resistere all’affollato campo di alternative, con altri tre candidati che cercavano l’appoggio di Donald Trump, oltre ad essere presi di mira dall’establishment repubblicano e dalla classe dei donatori. J.D. Vance, autore del best-seller Hillbilly Elegy, ha ricevuto l’appoggio di Donald Trump il 15 aprile ed ha goduto di una notevole spinta nei sondaggi dopo il cenno del 45° presidente. Il Team di Trump ha detto a Breitbart News che Vance era intorno al 10%, al quinto posto, prima dell’appoggio di Trump. Ha portato a casa il 32% dei voti martedì sera.

Taylor Budowich, portavoce di Donald Trump, dice a Breitbart News:

J.D. Vance ha fatto un lavoro enorme ed ha un immenso talento politico – che lo ha messo nella posizione di guadagnare il sostegno del presidente Trump – ma è stato l’appoggio del presidente Donald J. Trump che ha preso un candidato che molti addetti ai lavori dicevano essere al quarto, quinto posto ed a una sola cifra nei sondaggi, ed in sole due settimane, lo ha spinto ad un imponente primo posto finale. Il potere dell’approvazione del presidente Trump è innegabile, il suo dominio sui potenti Repubblicani a Washington non può essere sopravvalutato, e la promessa di questo Movimento MAGA non solo definirà le Midterms, ma sarà vincente anche negli anni a venire.

Donald Trump continua quindi a giocare un ruolo da kingmaker nelle primarie repubblicane del 2022, mentre flirta ripetutamente con l’idea di un’altra corsa alla Casa Bianca nel 2024.

J.D. Vance ha sottolineato l’importanza dell’appoggio dell’ex presidente nel suo discorso per la vittoria, dicendo: “Devo assolutamente ringraziare il 45° presidente degli Stati Uniti”. Il consigliere senior della campagna di Vance, Andy Surabian, ha confermato a Fox News che il suo candidato “ha fatto un lavoro enorme ed ha un immenso talento politico, che lo ha messo nella posizione di guadagnarsi il sostegno del presidente Trump, ma è stato l’appoggio del presidente Donald J. Trump che lo ha spinto ad un imponente primo posto finale“.

Alla domanda se l’appoggio di Donald Trump è stato il motivo per cui J.D. Vance ha avuto la meglio, il consulente repubblicano di lunga data dell’Ohio, Mike Hartley, ha risposto “al 100%”. “Vance era bloccato prima dell’appoggio ed ha avuto un impennata nelle ultime due settimane”, ha sottolineato Mike Hartley, un veterano di numerose campagne presidenziali e statali che è rimasto però “neutrale” nelle primarie del 2022.

Il candidato repubblicano sostenuto da Donald Trump, Max Miller, si è assicurato la nomination repubblicana per il 7° distretto congressuale. Miller ha sfidato nelle primarie il candidato in carica Rep. Anthony Gonzalez, uno dei dieci repubblicani che hanno votato per l’impeachment di Donald Trump. Gonzalez, a sua volta, ha rifiutato le richieste del Partito Repubblicano dell’Ohio di dimettersi dal suo seggio. “Il comitato ha detto che la loro richiesta era in opposizione alla “procedura di impeachment incostituzionale e politicamente motivata contro il presidente Donald J. Trump”, aveva riferito precedentemente Breitbart News. Tuttavia si è ritirato dalla corsa nel 2021.

“Il deputato RINO Anthony Gonzalez, che ha rappresentato male il suo distretto nel Grande Stato dell’Ohio, ha deciso di lasciare dopo aver sopportato una tremenda perdita di popolarità, di cui già godeva poco, dal suo voto per l’impeachment male informato ed altrimenti molto stupido”, aveva detto Donald Trump all’epoca.

La candidata repubblicana Madison Gesiotto Gilbert ha vinto la nomination repubblicana per il 13° distretto dell’Ohio, battendo altri sei candidati in lizza per la nomina. Si confronterà con la candidata democratica Emilia Sykes a novembre. Il seggio è attualmente tenuto dal deputato democratico uscente Tim Ryan, che si è assicurato la nomination democratica al Senato martedì ed affronterà J.D. Vance nelle elezioni di novembre.

Gli altri 13 candidati sostenuti da Donald Trump che hanno portato a casa la vittoria alle primarie in Ohio martedì sera includono:

Segretario di Stato Frank Larose – candidato repubblicano a Segretario di Stato
Procuratore generale David Yost – candidato repubblicano per la carica di procuratore generale
Tesoriere Robert Sprague – candidato repubblicano per la carica di Tesoriere
Revisore dei conti Keith Faber – candidato repubblicano per il revisore dei conti
Rep. Steve Chabot – candidato repubblicano per il 1° distretto congressuale
Rep. Ben Wesntrup – candidato repubblicano per il 2° distretto congressuale
Rep. Jim Jordan – candidato repubblicano per il 4 ° distretto congressuale
Rep. Bob Latta – candidato repubblicano per il 5° Distretto Congressuale
Rep. Bill Johnson – candidato repubblicano per il 6° Distretto Congressuale
Rep. Warren Davidson – candidato repubblicano per l’8° distretto congressuale
Rep. Mike Turner – candidato repubblicano per il 10 ° distretto congressuale
Rep. Troy Balderson – candidato repubblicano per il 12° distretto congressuale
Rep. Mike Carey – candidato repubblicano per il 15° distretto congressuale

Tutti i candidati sostenuti da Donald Trump hanno spazzato il terreno anche in Indiana, assicurandosi le candidature in sei distretti. I candidati, Reps. Jackie Walorski, Jim Banks, Jim Baird, Victoria Spartz, Greg Pence e Larry Bucshon, sono tutti uscenti in carica alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti e in cerca di riconferma.

La grandiosa notte per i candidati sostenuti da Donald Trump segue le vittorie travolgenti in Texas del 1 marzo, che ha visto i candidati che hanno ottenuto il cenno di Trump vincere tutte e 32 le loro competizioni elettorali.

Donald Trump, rimane anche un gigante nella raccolta fondi, mentre continua a rielaborare la sconfitta alle elezioni presidenziali del 2020. Ha fatto decine e decine di approvazioni in questo ciclo elettorale ed ha attraversato il paese negli ultimi due mesi, tenendo numerosi comizi per alcuni dei principali candidati che sta sostenendo.

J.D. Vance è stato il primo test di Donald Trump nel mese di maggio, ma è tutt’altro che l’ultimo. Le primarie di martedì in Ohio e nel vicino stato del Midwest dell’Indiana hanno dato il via ad un programma frenetico di primarie previste per questo mese, con un totale di 13 stati che terranno le loro elezioni primarie. E i candidati sostenuti da Trump dovranno affrontare prove ancora più dure.

Martedì prossimo, nell’infiammabile scazzottata a tre del Nebraska per la nomination a governatore del GOP, Donald Trump appoggia Charles Herbster, un imprenditore agricolo multimilionario, nella corsa per succedere al governatore repubblicano Pete Ricketts. La corsa controversa include anche il multimilionario allevatore di maiali Jim Pillen, che è sostenuto dall’uscente Ricketts, ed il senatore statale Brett Lindstrom. Herbster, che nelle ultime settimane ha affrontato le accuse di aver aggredito sessualmente otto donne, è da tempo uno dei principali donatori ed alleati di Donald Trump. L’ex presidente ha appoggiato Herbster lo scorso autunno ed ha tenuto un comizio con il candidato in Nebraska domenica scorsa.

Il West Virginia tiene le sue primarie nello stesso giorno del Nebraska, ed il prestigio di Donald Trump è anche qui in gioco, in una battaglia tutta interna al Partito tra i rappresentanti del GOP. David McKinley e Alex Mooney. Lo stato ha perso un seggio al Congresso dopo l’ultimo censimento, che avviene una volta ogni dieci anni, ed entrambi i Repubblicani in carica sono stati rilocati nello stesso distretto. Trump appoggia Mooney in una gara che si è parzialmente trasformata in un test del peso dell’ex presidente.

Una settimana dopo, martedì 17 maggio, Donald Trump affronterà altre tre prove molto dure.

L’ex presidente ha recentemente appoggiato Mehmet Oz nelle primarie del GOP per il seggio al Senato della Pennsylvania, piene di candidati, costose e di alto profilo, in una mossa che ha diviso il mondo politico di Trump e milioni di sostenitori in tutto il paese. L’appoggio di Trump al medico delle celebrità noto come “Dr. Oz” ha fatto poco per mitigare i sospetti di molti nel Partito Repubblicano sulle credenziali conservatrici del candidato. I sondaggi suggeriscono che Oz è bloccato in una battaglia feroce con David McCormick, un ex dirigente di hedge fund, laureato a West Point, veterano della guerra del Golfo e funzionario del Dipartimento del Tesoro nell’amministrazione dell’ex presidente George W. Bush. Altri tre importanti candidati del GOP sono sulla scheda elettorale delle primarie.

In Idaho, Donald Trump sta sostenendo la vice governatrice uscente di estrema destra Janice McGeachin, che è una dei sette sfidanti alle primarie che corrono contro il governatore repubblicano in carica Brad Little, che i sondaggi suggeriscono essere il chiaro front-runner.

Donald Trump ha la sua migliore possibilità di vittoria il 17 maggio in North Carolina, dove l’estate scorsa ha appoggiato il rappresentante Ted Budd nella corsa al seggio del Senato dello Stato. Per mesi, Budd non è stato in grado di sfruttare l’appoggio dell’ex presidente per aumentare i suoi numeri nei sondaggi o le donazioni della sua raccolta fondi. Ma nelle ultime settimane, Budd è salito alla condizione come front-runner nella resa dei conti di un’elezione primaria sempre più controversa, che include anche l’ex governatore Pat McCrory e l’ex rappresentante Mark Walker.

Ma una settimana dopo, l’ex presidente potrebbe subire un’importante battuta d’arresto nel suo record di vittorie lungo quasi un anno e mezzo nel tentativo di spodestare il governatore repubblicano Brian Kemp della Georgia.

Quattro anni fa, con il sostegno di Trump, Brian Kemp aveva sconfitto per un pelo la democratica Stacey Abrams per vincere la poltrona di governatore. Ma Kemp si è guadagnato l’ira di Trump a partire dalla fine del 2020, dopo che il governatore ha certificato la stretta vittoria di Joe Biden nelle elezioni presidenziali in Georgia, dopo molteplici riconteggi del voto. Donald Trump, che aveva sollecitato senza successo il governatore ed altri alti funzionari Repubblicani dello stato per ribaltare i risultati, è ora tornato in Georgia due volte per fare campagna contro Kemp.

Donald Trump per mesi ha sollecitato l’ex senatore repubblicano David Perdue a sfidare il governatore, ed alla fine dell’anno scorso ha appoggiato proprio Perdue il giorno dopo che l’ex senatore ha lanciato la sua candidatura. David Perdue ha dichiarato la sua candidatura pochi giorni dopo che Stacey Abrams, una paladina dei diritti di voto ed una stella nascente del Partito Democratico, ha lanciato la sua seconda candidatura a governatore della Georgia.

Ma a prescindere dall’appoggio di Donald Trump, a tre settimane dalle primarie in Georgia, Brian Kemp sembra godere di un ampio vantaggio su David Perdue in due metriche chiave della campagna: i sondaggi d’opinione e la raccolta di fondi.



I candidati sostenuti da Donald Trump vincono con un rapporto di 58 a 1 alle primarie dopo le elezioni in Nebraska e West Virginia.
(Breitbart News)
L'Osservatore Repubblicano
11 maggio 2022

https://www.facebook.com/ORepubblicano/ ... 9832058017

WEST VIRGINIA | Il rappresentante Alexander Mooney, sostenuto da Donald Trump, ha ottenuto la nomination repubblicana per il 2° distretto congressuale della Virginia Occidentale. Il "RINO" McKinley aveva votato e contribuito all'approvazione della legge sulle infrastrutture dei Democratici, mentre Mooney aveva votato contro. Aveva inoltre votato a favore della caccia alle streghe anti-Trump della Commissione sul 6 gennaio. Mooney affronterà lo sfidante democratico Barry Wendell alle elezioni generali di novembre.
La rappresentante Carol Miller, che rappresenterà il nuovo 1° distretto congressuale della West Virginia, ha ricevuto anch'essa l'appoggio di Trump ed ha ottenuto la nomination repubblicana. La Miller si scontrerà con l'incontrastata candidata alle primarie democratiche Lacy Watson alle elezioni generali di novembre.
NEBRASKA | Il candidato Adrian Smith, sostenuto da Donald Trump, ha vinto le primarie repubblicane per il 3° distretto congressuale del Nebraska. In carica dal 2007, ha battuto nettamente lo sfidante Mike Calhoun.
Il primo ostacolo per Donald Trump si è verificato invece nella corsa alla carica di governatore del Nebraska, quando Charles Herbster, un ricco uomo d'affari del settore agricolo, ha perso la nomination del Partito Repubblicano a governatore. Herbster, che era presente al lancio della campagna presidenziale di Trump nel 2015, ha perso contro Jim Pillen, anch'egli ricco imprenditore agricolo.
La campagna di Herbster aveva subito un duro colpo ad aprile, dopo che sono emerse le accuse di aver toccato in modo inappropriato diverse donne. La campagna di Herbster ha negato le accuse, definendole "un processo politico costruito su affermazioni false al 100% e prive di fondamento".
Con i risultati di martedì, i candidati vincenti sostenuti da Trump salgono 58 a 1: tutti e i 22 candidati che avevano ricevuto l'appoggio del 45° presidente in Ohio e in Indiana hanno vinto le loro primarie il 3 maggio, mentre tutti i 33 candidati sostenuti da Trump in Texas hanno vinto le loro primarie o sono andati al ballottaggio. Tra le competizioni del 3 maggio, il vincitore più importante è stato J.D. Vance dell'Ohio, che si è guadagnato la nomination repubblicana per il Senato degli Stati Uniti grazie all'appoggio di Trump.
Le prossime primarie si svolgeranno martedì 17 maggio in Pennsylvania, Idaho, Kentucky, North Carolina e Oregon.



Donald Trump dice di aver "trasformato il volto del Partito Repubblicano": ora il GOP "è il partito dei lavoratori".
L'Osservatore Repubblicano
11 maggio 2022

https://www.facebook.com/ORepubblicano/ ... 0342110966

"I risultati delle primarie sono solo l'ultima prova che abbiamo trasformato il volto del Partito Repubblicano", ha detto Donald Trump. "Grazie al cielo". Trump ha continuato accusando le precedenti incarnazioni del Partito Repubblicano di aver dimenticato la gente della classe media e quella lavoratrice degli Stati Uniti.
"Ora siamo il Partito dei lavoratori, ma siamo davvero il Partito di tutti. Siamo il Partito", ha continuato. "Sapete una cosa? Siamo il Partito del buon senso. Penso che più di ogni altra cosa, crediamo nel mettere l'America al primo posto e continueremo a combattere per rendere l'America di nuovo grande".
Donald Trump ha vinto facilmente lo straw poll per la nomination presidenziale del GOP nel 2024 alla Conservative Political Action Conference. Trump, che ha ripetutamente flirtato con l'idea di un'altra corsa presidenziale nel 2024 per cercare di tornare alla Casa Bianca, ha preso il 59% dei voti espressi nel sondaggio anonimo condotto online, secondo i risultati annunciati dal CPAC all'inizio di quest'anno.
L'ex presidente Donald Trump ha parlato venerdì in Pennsylvania a sostegno del candidato senatore che ha appoggiato, il Dr. Mehmet Oz.



Alex Mooney, sostenitore di Donald Trump, ha sconfitto David McKinley nelle primarie Repubblicane in West Virginia nella battaglia per il 2° distretto congressuale.

(Breitbart News)
L'Osservatore Repubblicano
11 maggio 2022

https://www.facebook.com/ORepubblicano/ ... 0828726584

Le primarie in West Virginia hanno messo alla prova la volontà politica della base del Partito Repubblicano. Dopo il censimento del 2020, lo Stato ha perso un distretto congressuale, costringendo ad una battaglia alle primarie David McKinley dell'ex 1° distretto e Alex Mooney dell'ex 2° distretto congressuale.
Questo contesto ha offerto lo scenario ideale per una battaglia tra il più "RINO" McKinely ed il sostenitore di "America First" Mooney.
"Il deputato Alex Mooney è un guerriero conservatore in corsa nel secondo distretto congressuale della West Virginia. Il suo avversario è un RINO che ha sostenuto l'"Unfrastucture Bill" ed il Comitato sul 6 gennaio", aveva dichiarato Donald Trump in un comunicato.
McKinley si è guadagnato le ire dei conservatori per aver votato a favore della cosiddetta legge bipartisan sulle infrastrutture da 1.200 miliardi di dollari, altrimenti nota come Infrastructure Investment and Jobs Act. Il voto di McKinley a favore della legge sulle infrastrutture, che è stato fondamentale per il suo passaggio definitivo alla Camera, ha portato il Club for Growth PAC ad appoggiare Mooney alle primarie:
"Il risultato di questa conpetizione di riferimento è un chiaro segnale che i Repubblicani vogliono che i loro membri del Congresso siano dei veri conservatori e non dei RINO moderati. I cittadini della Virginia Occidentale sono consapevoli che il Congresso deve fermare l'agenda socialista radicale di Biden e Mooney è l'unico candidato che ha un passato di resistenza contro i liberal di Washington".
Il senatore Joe Manchin (D-WV), sostenitore della legge di spesa da 1.200 miliardi di dollari, aveva pubblicato uno spot per difendere McKinley esortando gli elettori a sostenerlo. Al contrario di McKinley, Alex Mooney ha definito la legge da 1.200 miliardi di dollari una "legge che nessun conservatore sosterrebbe".



I Candidati sostenuti da Donald Trump salgono 129 a 8 alle primarie dopo le grandi vittorie in South Carolina, Nevada, Nord Dakota
Breitbart News
15 giugno 2022

https://osservatorerepubblicano.com/202 ... bart-news/

I candidati sostenuti dall’ex presidente Donald J. Trump hanno avuto una notte quasi perfetta nelle primarie di martedì sera in South Carolina, Nevada e North Dakota, dove 12 candidati si sono assicurati la nomination, mentre solo uno ha perso la sua corsa. Il record di appoggi andato a buon segno di Donald Trump è ora di 129 a 8 nelle primarie repubblicane di questo ciclo elettorale di midterm.

CAROLINA DEL SUD

Il deputato Russell Fry ha sconfitto il deputato in carica Tom Rice nelle primarie per il 7° distretto congressuale della Carolina del Sud. Rice si era unito ad altri nove Repubblicani della Camera per votare a favore dell’impeachment di Trump per “incitamento all’insurrezione“, cosa che ha portato il Partito Repubblicano della Carolina del Sud a censurarlo.

Donald Trump ha attaccato Tom Rice nel suo messaggio di sostegno a Russell Fry, definendolo “il codardo che ha abbandonato i suoi elettori cedendo a Nancy Pelosi ed alla sinistra radicale, e che in realtà ha votato contro di me sulla bufala dell’impeachment 2”. Ha aggiunto che il rappresentante “deve essere cacciato dall’ufficio il prima possibile – e noi abbiamo l’uomo giusto per farlo”.

Donald Trump ha detto che Russell Fry è “uno dei principali combattenti per l’integrità delle elezioni, è a favore della vita, di Dio, delle armi e, cosa molto importante, contro l’aumento delle tasse” e lo ha incoronato come “Campione dell’America First“.

Il candidato repubblicano per il 7° distretto congressuale è apparso su Breitbart News Saturday lo scorso fine settimana e non ha usato mezzi termini parlando del suo avversario.

“Quando volete dei combattenti conservatori sul ring, persone che si battono per il programma America First, proprio qui in South Carolina, non guardate oltre la campagna di Russell Fry”, ha detto. “La gente è stufa del deputato Tom Rice, e lui è stato, come sapete, credo che il voto per l’impeachment ci abbia davvero mostrato chi era e, francamente, ha messo in luce una grande frustrazione nei suoi confronti in generale, ovvero dove è andato su alcune delle questioni che contano per il popolo americano. E vediamo questa continua sbandata verso sinistra”.

Russell Fry correrà alle elezioni generali contro il candidato democratico Daryl Scott.

L’ex rappresentante di Stato Katie Arrington, sostenuta da Donald Trump, ha invece perso la sua corsa contro la rappresentante in carica Nancy Mace nel 1° distretto congressuale. La Mace, che ha ottenuto l’appoggio dell’ex governatrice ed ambasciatrice delle Nazioni Unite Nikki Haley nella corsa, è sempre stata critica nei confronti di Donald Trump. Nel fine settimana, il 45° presidente aveva attaccato la rappresentante in carica appoggiando la Arrington. Mace affronterà la candidata democratica Annie Andrews nelle elezioni generali.

Secondo i risultati elettorali dell’AP compilati dal New York Times, i restanti sette candidati che hanno ricevuto l’appoggio di Donald Trump e si sono guadagnati le rispettive nomination martedì sono:

Il Senatore Tim Scott (R) – Candidato al Senato degli Stati Uniti
Il Governatore Henry McMaster (R) – Candidato a governatore
Il Procuratore generale Alan Wilson (R) – Candidato a procuratore generale
Il Rappresentante Joe Wilson (R) – Candidato per il 2° distretto congressuale
Il Rappresentante Jeff Duncan (R) – Candidato per il 3° distretto congressuale
Il Rappresentante William Timmons (R) – Candidato per il 4° distretto congressuale
Il Rappresentante Ralph Norman (R) – Candidato per il 5° distretto congressuale

NEVADA

L’ex procuratore generale del Nevada Adam Laxalt è diventato martedì il candidato repubblicano al Senato degli Stati Uniti dopo aver battuto il veterano dell’esercito Sam Brown. Laxalt sfiderà la senatrice Catherine Cortez Masto (D) nelle elezioni generali di questo autunno. Giovedì, il candidato repubblicano del Nevada al Senato degli Stati Uniti è apparso su Breitbart News Daily ed ha previsto una “onda rossa” a novembre.

“La realtà è che, come ogni altra crisi che stiamo affrontando in questo momento, non importa che i media mainstream la stiano ignorando o che stiano coprendo Joe Biden, perché i cittadini del Nevada la stanno vivendo – la stanno sperimentando”, ha detto a Breitbart News. “Capiscono che nel mio Stato i Democratici sono al comando di tutto, ed ovviamente, anche a livello federale, i Democratici sono al comando di tutto, ed è per questo che ci aspetta una massiccia onda rossa a novembre”.

Lo sceriffo della contea di Clark Joe Lombardo ha conquistato la nomination repubblicana per la carica di governatore, battendo un affollato campo di primarie. Lombardo sarà in lizza per scalzare il governatore in carica Steve Sisolak (D) nelle elezioni generali di quest’anno.

DAKOTA DEL NORD

Il senatore John Hoeven (R) si è assicurato la candidatura per la rielezione contro lo sfidante Riley Kuntz. Hoeven, ex governatore del Nord Dakota, si contenderà per il terzo mandato consecutivo al Senato degli Stati Uniti alle elezioni generali contro la candidata democratica Katrina Christiansen. Anche il rappresentante Kelly Armstrong (R) ha ufficialmente ottenuto martedì la sua candidatura per l’unico distretto congressuale.

Donald Trump aveva ottenuto 117 appoggi andati a segno contro 7 sconfitte alle primarie repubblicane dopo le vittorie di tutti e i suoi 17 candidati in California, Iowa, Mississippi, Montana, New Jersey e South Dakota la scorsa settimana. Il forte risultato del 7 giugno era stata preceduto da scelte perfette anche in Alabama, Texas e Arkansas nelle elezioni del 24 maggio. Tuttavia, i candidati sostenuti da Donald Trump hanno avuto un intoppo in Georgia, dove ben quattro candidati che avevano ottenuto il suo appoggio non sono riusciti a vincere le loro primarie.

La settimana precedente, 23 candidati sostenuti da Donald Trump hanno vinto le loro primarie in North Carolina, Pennsylvania, Kentucky e Idaho, mentre solo due hanno perso. Il 10 maggio, tre candidati che hanno ottenuto l’appoggio del 45° presidente hanno vinto in West Virginia e Nebraska, dopo le vittorie in Ohio ed Indiana, dove tutti e i 22 candidati sostenuti da Donald Trump hanno portato a casa le rispettive primarie. In Texas, 33 repubblicani di Donald Trump hanno vinto le loro primarie del 1° marzo o hanno costretto lo sfidante ad andare al ballottaggio, mentre nessuno ha perso.

Il ciclo delle elezioni di midterm del 2022 riprenderà la prossima settimana in Virginia.




I candidati sostenuti da Donald Trump hanno vinto in Virginia e Alabama, ma hanno perso ancora in Georgia

Breitbart News
25 giugno 2022

https://osservatorerepubblicano.com/202 ... bart-news/

I candidati sostenuti dall’ex presidente Donald J. Trump hanno vinto le primarie di martedì in Virginia e nel ballottaggio per il seggio al Senato dell’Alabama, ma si sono trovati nuovamente in difficoltà in Georgia, dove entrambi i candidati sostenuti da Trump hanno perso le loro primarie. Il record di appoggi andati a buon fine del 45° presidente è comunque di 133 a 10 dopo le elezioni di martedì.

La repubblicana Katie Britt ha ottenuto la nomination repubblicana per il seggio al Senato degli Stati Uniti dell’Alabama, battendo il repubblicano Mo Brooks. La Britt ha ottenuto la vittoria grazie all’appoggio per il ballottaggio di Donald Trump, arrivato già il 10 giugno dopo il primo turno delle primarie.

Nel suo appoggio, Donald Trump ha dichiarato

Katie [Britt] è un’incredibile combattente per il popolo dell’Alabama. Come presidente ed amministratrice delegata dell’Alabama Business Council, Katie ha lavorato duramente per far crescere l’economia dell’Alabama, creare posti di lavoro e ripristinare il grande sogno americano. Ha il sostegno e l’appoggio totale del presidente Jimmy Parnell e della Federazione degli agricoltori dell’Alabama.

Madre orgogliosa di due splendidi bambini, Katie, insieme al suo fantastico marito Welsey, stella dell’Università dell’Alabama e dei New England Patriots, è una vera campionessa della famiglia americana. Katie sostiene con forza il nostro secondo emendamento, che è sotto assedio, difende i diritti dei genitori e si batterà per i nostri militari, i nostri veterani e l’integrità delle elezioni.

“Sono grata di avere l’appoggio ed il forte sostegno del Presidente Trump“, ha detto Katie Britt in risposta, aggiungendo poi che “combatterà per difendere i valori conservatori cristiani dell’Alabama, portare avanti l’agenda America First e preservare il sogno americano per le generazioni a venire”.

Il rappresentante Ben Cline ha prevalso nella sua candidatura per il 6° Distretto al Congresso della Virginia contro il suo sfidante Merritt Hale. Anche i rappresentanti repubblicani in carica Rob Wittman e Morgan Griffith hanno ottenuto ufficialmente la ricandidatura rispettivamente per il 1° ed il 9° distretto congressuale, portando i candidati sostenuti da Donald Trump 3 a 0 in Virginia.

I candidati della Georgia con l’appoggio del 45° presidente hanno però continuato ad andare male: sia l’ex rappresentante di Stato Vernon Jones che l’avvocato Jake Evans hanno perso al ballottaggio. Vernon Jones ha perso la sua candidatura nel 10° distretto congressuale contro il dirigente d’azienda di autotrasporti Mike Collins, che affronterà la democratica Tabitha Johnson-Green nelle elezioni generali di novembre. Jake Evans è stato sconfitto nella sua corsa contro Rich McCormick nel 6° distretto congressuale. McCormick ed il democratico Bob Christian si contenderanno il seggio alle elezioni generali di novembre.

Sulla scia delle primarie del 14 giugno – che hanno visto 12 vittorie in South Carolina, Nevada e North Dakota – i candidati vincenti sostenuti da Donald Trump erano 129 a 8 nelle primarie fino a martedì 21 giugno. Nelle elezioni del 7 giugno, i candidati con il sostegno del 45° Presidente hanno ottenuto un perfetto 17 a 0 nelle primarie in California, Iowa, Mississippi, Montana, New Jersey e South Dakota, dopo i risultati contrastanti delle elezioni del 24 maggio. I candidati sostenuti da Donald Trump sono andati perfettamente anche nelle primarie in Alabama e Arkansas, così come nei ballottaggi del Texas, ma hanno avuto problemi in Georgia, dove quattro candidati hanno perso le loro primarie. La serata difficile della Georgia si è ripresentata martedì scorso, con le sconfitte di Jones ed Evans. Dopo martedì, gli endorsement di Donald Trump andati a segno nello Stato della Gerogia sono in un rapporto di 7 a 6.

Il 17 maggio, 23 candidati con il sostegno di Donald Trump hanno ottenuto la nomination in North Carolina, Pennsylvania e Idaho. La settimana precedente, Donald Trump ha fatto 3 contro 1 nelle sue scelte in West Virginia e Nebraska. Fino al 10 maggio, i candidati con l’appoggio del 45° presidente avevano ottenuto un perfetto 55 a 0, nel periodo tra le primarie del 1° marzo in Texas e le primarie del 3 maggio in Ohio e Indiana, dove tutti e i 33 Repubblicani di Trump avevano vinto le loro primarie o erano stati ammessi al ballottaggio.

Il ciclo delle primarie di midterm 2022 continuerà la prossima settimana con le primarie in Colorado, Illinois, Oklahoma e Utah.



I candidati sostenuti da Donald Trump continuano la loro ascesa dopo un perfetto 12 a 0 nelle primarie di martedì 28 giugno
Breitbart News
1 luglio 2022

https://www.facebook.com/ORepubblicano/ ... 4175093249
https://osservatorerepubblicano.com/202 ... bart-news/

I candidati appoggiati dall’ex Presidente Donald Trump sono andati alla grande martedì sera, 28 giugno, in Colorado, Illinois, Oklahoma e Utah, ottenendo vittorie schiaccianti in tutti gli Stati. La notte perfetta per i Repubblicani sostenuti da Trump porta il record di endorsement del 45° Presidente 144 a 10

In Colorado, la deputata Lauren Boebert, sostenuta da Donald Trump, si è assicurata la rielezione nel 3° distretto congressuale, battendo il suo sfidante alle primarie, Don Coram. La deputata ha ottenuto il 64,2% del voto degli elettori delle primarie, secondo i risultati elettorali raccolti dall’Associated Press (AP) e pubblicati dal New York Times.

Lauren Boebert si era assicurata l’appoggio di Donald Trump a dicembre.

“La deputata Lauren Boebert ha fatto un lavoro fantastico nel suo primo mandato in rappresentanza del 3° distretto del Colorado. È una leader impavida, un difensore dell’agenda America First ed una combattente contro i perdenti RINO e i Democratici radicali”, ha dichiarato Donald Trump in un comunicato.

Tutti e quattro i candidati che hanno ottenuto il sostegno di Trump in Illinois hanno portato a casa la loro nomination, con il senatore Darren Bailey che si è assicurato la nomination del GOP per la carica di governatore nel Prarie State. Il rappresentante Mike Bost ha ottenuto la sua riconferma nel 12° distretto congressuale, mentre la rappresentante Mary Miller ha battuto il collega Rodney Davis nella corsa per il 15° distretto congressuale. Nella corsa per il 16° distretto congressuale, il rappresentante Darin LaHood, che attualmente rappresenta il 18° distretto congressuale, ha ottenuto una vittoria schiacciante sui suoi avversari.

Una storia simile è avvenuta per i candidati sostenuti da Donald Trump in Oklahoma, dove il governatore Kevin Stitt ha vinto la nomination per la rielezione a governatore con quasi il 70% dei voti. Stitt si appresta a disputare le elezioni generali contro la candidata democratica Joy Hofmeister. Nella corsa per il 1° distretto congressuale, il rappresentante Kevin Hern ha prevalso con la sua candidatura, così come i deputati Frank Lucas nel 3° distretto congressuale e Tom Cole nel 4° distretto congressuale.

La vittoria è arrivata anche nello Utah, dove il senatore Mike Lee si scontrerà contro il candidato indipendente Evan McMullin, che ha vinto la sua candidatura per le elezioni generali. Il rappresentante Chris Stewart (R-UT) ha vinto la corsa per la nomination repubblicana nel 2° distretto congressuale ed il rappresentante Burgess Owens ha vinto nel 4° distretto congressuale.

La scorsa settimana, i Repubblicani di Donald Trump sono stati perfetti sia in Virginia che in Alabama, ma si sono trovati in difficoltà in Georgia, dove due candidati non hanno avuto successo nelle loro primarie che erano andate al turno di ballottaggio. La settimana precedente, i candidati con l’appoggio del 45° Presidente avevano ottenuto un 12 a 1 in South Carolina, Nevada e North Dakota, facendo seguito ad un’altra notte elettorale perfetta in cui tutti e i 17 Repubblicani di Trump hanno ottenuto le candidature in California, Iowa, Mississippi, Montana, New Jersey e South Dakota il 7 giugno. Donald Trump è stato ancora una volta perfetto nelle primarie del 24 maggio in Alabama e in Arkansas e nei ballottaggi del Texas. Il 2 maggio, i candidati sostenuti da Trump si sono assicurati le candidature in Ohio e Indiana, tra cui J.D. Vance, che ha ottenuto la vittoria proprio grazie al suo endorsement.

Si prospetta ora una pausa nel ciclo delle elezioni di midterm, con le primarie che riprenderanno nel Maryland a metà luglio.


I candidati al Senato sostenuti da Donald Trump sono usciti tutti vincitori dalle primarie del 2022
Breitbart News
11 luglio 2022

https://osservatorerepubblicano.com/202 ... bart-news/

Il bilancio complessivo degli endorsement del 45° presidente è di 146 vittorie contro 10 sconfitte. Ma come ha notato Breitbart News, i candidati sostenuti da Donald Trump al Senato risultano tutti imbattuti nelle primarie che si sono tenute finora in 22 Stati

Tutti e i 13 candidati al Senato degli Stati Uniti appoggiati dall’ex presidente Donald Trump hanno prevalso nelle primarie repubblicane.

Ecco i 13 candidati al Senato degli Stati Uniti che sono stati sostenuti da Donald Trump e che hanno ottenuto la nomination alle elezioni generali di novembre:

1 – J.D. Vance – candidato per il seggio al Senato degli Stati Uniti d’America dell’Ohio
2 – Mike Crapo – senatore da riconfermare per il seggio al Senato degli Stati Uniti dell’Idaho
3 – Rand Paul – senatore da riconfermare per il seggio al Senato degli Stati Uniti del Kentucky
4 – Ted Budd – candidato per il seggio al Senato degli Stati Uniti della Carolina del Nord
5 – Dr. Mehmet Oz – candidato per il seggio al Senato degli Stati Uniti della Pennsylvania
6 – John Boozman – senatore da riconfermare per il seggio al Senato degli Stati Uniti dell’Arkansas
7 – Herschel Walker – candidato per il seggio al Senato degli Stati Uniti della Georgia
8 – Chuck Grassley – senatore da riconfermare per il seggio al Senato degli Stati Uniti dell’Iowa
9 – Adam Laxalt – candidato per il seggio al Senato degli Stati Uniti del Nevada
10 – John Hoeven – senatore da riconfermare per il seggio al Senato degli Stati Uniti del Nord Dakota
11 – Tim Scott – senatore da riconfermare per il seggio al Senato degli Stati Uniti della Carolina del Sud
12 – Katie Britt – candidata per il seggio al Senato degli Stati Uniti dell’Alabama
13 – Mike Lee – senatore da riconfermare per il seggio al Senato degli Stati Uniti dello Utah

La serie di successi dei candidati al Senato sostenuti da Donald Trump è iniziata con J.D. Vance in Ohio, che ha ottenuto la nomination alle primarie il 3 maggio. J.D. Vance, l’autore di “Hillbillly Elegy“, ha ricevuto un endorsement dell’ultimo minuto da parte di Donald Trump nella sua corsa e si è imposto come vittorioso in un campo affollato di candidati alle primarie, conquistando il 32,3% dei voti. Il Team di Trump ha dichiarato a Breitbart News che il candidato dell’Ohio era al quinto posto, con i sondaggi che lo davano a circa il 10%, quando il 15 aprile si è assicurato l’appoggio del 45° Presidente.

Lo slancio dei candidati al Senato degli Stati Uniti è proseguito nelle primarie del 17 maggio, quando quattro candidati sono passati alle elezioni generali. Il senatore Mike Crapo dell’Idaho ha battuto quattro sfidanti alle primarie repubblicane e si è assicurato la ricandidatura per un quinto mandato. In Kentucky, il senatore Rand Paul ha battuto i suoi cinque avversari, ottenendo l’86,3% dei voti, mentre il rappresentante Ted Budd è diventato il candidato repubblicano in Carolina del Nord, sconfiggendo l’ex governatore Pat McCrory e l’ex rappresentante Mark Walker tra gli altri candidati. Infine, il Dr. Mehemet Oz ha battuto l’uomo d’affari David McCormick nelle primarie repubblicane per il Senato degli Stati Uniti in Pennsylvania. L’elezione primaria della Pennsylvania è stata molto combattuta ed ha richiesto si tenesse un riconteggio, ma alla fine McCormick ha concesso la vittoria al Dr. Oz il 3 giugno, quando gran parte del riconteggio era stato completato.

Altri due candidati al Senato sostenuti da Donald Trump hanno prevalso anche alle primarie del 24 maggio. L’ex giocatore di football e vincitore dell’Heisman Trophy Herschel Walker ha ottenuto la vittoria nelle primarie repubblicane della Georgia per il seggio al Senato degli Stati Uniti, mentre il senatore John Boozman del’Arkansas ha tenuto a bada gli sfidanti Jake Bequette, ex giocatore di football dei New England Patriots, e il commentatore conservatore Jan Morgan mettendo in salvo la ricandidatura per la riconferma al Senato.

Dopo una pausa nelle primarie per il Senato, il senatore Chuck Grassley dell’Iowa è passato alle elezioni generali del 7 giugno. L’anziano senatore detiene il seggio dal 1981 ed è in lizza per il suo ottavo mandato consecutivo alle elezioni generali di novembre.

Altri tre candidati al Senato degli Stati Uniti sostenuti da Donald Trump hanno prevalso nelle elezioni del 14 giugno. L’ex procuratore generale del Nevada Adam Laxalt si è assicurato la nomination repubblicana per il seggio al Senato del Nevada, mentre il senatore John Hoeven del North Dakota ha sconfitto con facilità lo sfidante alle primarie Riley Kuntz. Anche il senatore Tim Scott della Carolina del Sud è uscito vincitore alle primarie repubblicane per il Senato degli Stati Uniti.

Infine, la candidata sostenuta da Donald Trump, Katie Britt, ex capo del Business Council of Alabama, ha ottenuto una vittoria schiacciante sul senatore in carica Mo Brooks nel ballottaggio per il seggio al Senato degli Stati Uniti in Alabama il 21 giugno. La Britt ha ottenuto il 63% dei voti, battendo l’uscente Mo Brooks di oltre 100.000 voti. Il 28 giugno, il senatore Mike Lee dello Utah ha vinto la candidatura per la rielezione alle elezioni generali di novembre.

Il bilancio complessivo degli endorsement del 45° presidente è di 146 vittorie contro 10 sconfitte. Ma come ha notato Breitbart News, i candidati sostenuti da Donald Trump al Senato degli Stati Uniti risultano imbattuti
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37710
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: USA: Trump e i repubblicani, Biden e i democratici

Messaggioda Berto » ven mag 13, 2022 2:05 am

Liz Cheney è in un mare di guai in Wyoming, ora lo ammette pure la CNN
Breitbart News
La deputata Liz Cheney potrebbe non sopravvivere alle primarie repubblicane del 16 agosto, ha riferito la CNN
15 luglio 2022

https://osservatorerepubblicano.com/202 ... bart-news/


Sebbene Liz Cheney sia “diventata l’eroina inaspettata dei Democratici” e dei media mainstream, ha detto Harry Enten della CNN, i lettori della CNN “non dovrebbero confondere la copertura adorante della stampa e la bona fides bipartisan con la popolarità nel luogo in cui la popolarità conta di più per la Cheney: Il Wyoming“.

Citando i sondaggi che mostrano Liz Cheney come il membro del Congresso meno popolare del 2021, l’esperto delle elezioni della CNN ha riconosciuto che solo il 17% dei Repubblicani a livello nazionale ha approvato l’alleanza di Liz Cheney con il Comitato che indaga sul 6 gennaio promosso dalla Speaker della Camera Nancy Pelosi. Il 61% ha disapprovato la sua partecipazione. Più specificamente, l’articolo ha anche notato come l’avversaria di Liz Cheney, Harriet Hageman, sostenuta da Donald Trump, è in vantaggio “con un margine significativo” di 28-30 punti in Wyoming.

“Ora, dovremmo trattare questi dati con cautela, poiché le persone che li hanno rilasciati hanno probabilmente le loro motivazioni, come il tifo per la sconfitta di Liz Cheney. Tuttavia, il fatto che la deputata sia in svantaggio ha molto senso se si considerano i dati dei sondaggi non ufficiali in Wyoming”, si legge nell’articolo della CNN.

Harry Enten ha anche citato la strategia della campagna elettorale di Liz Cheney di “chiedere ai Democratici di votare per lei“, anche se pochi pensano che la strategia avrà successo, nonostante la deputata si sia opposta a Donald Trump ed alle sue politiche quasi in ogni occasione:

“… Il Wyoming, tuttavia, non ha molti elettori Democratici. Liz Cheney ha cercato di convincere i pochi Democratici presenti a votare nelle primarie repubblicane. Queste statistiche dimostrano che probabilmente questi sforzi non serviranno a molto. Il problema per Liz Cheney è che nel Partito Repubblicano non c’è molto spazio per coloro che hanno votato per l’impeachment di Donald Trump. Un sondaggio del Pew Research Center del 2021 ha rilevato che il 64% dei Repubblicani ha dichiarato che il Partito non dovrebbe accettare coloro che lo hanno fatto. Inoltre, le recenti elezioni primarie suggeriscono che le sue azioni nei confronti di Trump potrebbero esserle fatali.”

[…]
“In sintesi, le statistiche sono scoraggianti per Liz Cheney in vista delle primarie di agosto“
[…]
“Non c’è da stupirsi che i mercati delle scommesse le diano meno del 10% di possibilità di ottenere un altro mandato. Questo non significa che Liz Cheney non possa vincere, ma sarebbe piuttosto sorprendente”.

L’analisi negativa della CNN sulle possibilità di rielezione di Liz Cheney in realtà non sorprende. Liz Cheney è in acque agitate dopo essersi opposta alle politiche dell’America First, aver votato per l’impeachment di Donald Trump ed essersi alleata con il Comitato che ha cercato di indagare sull’incidente del 6 gennaio senza concentrarsi su presunti informatori dell’FBI tra la folla che si era recata davanti al Campidoglio.

La condotta di Liz Cheney ha suscitato la condanna del Partito Repubblicano del Wyoming e del leader della minoranza della Camera Kevin McCarthy. Dopo che a novembre il Partito Repubblicano del Wyoming ha votato per non riconoscerla più come repubblicana, a febbraio anche Kevin McCarthy ha annunciato il suo appoggio a Harriet Hageman per sconfiggere Liz Cheney, una mossa più unica che rara per un leader di minoranza nei confronti di un deputato in carica.





I candidati sostenuti da Donald Trump fanno nuovamente incetta alle primarie

Gli elettori repubblicani di Arizona, Michigan e Kansas hanno scelto i candidati appoggiati dall'ex presidente.
L'Osservatore Repubblicano
6 agosto 2022

https://www.facebook.com/ORepubblicano/ ... Rr4Hj44R3l

In cinque Stati, gli elettori repubblicani si sono schierato dietro ai sostenitori dell'ex presidente Donald Trump nelle elezioni primarie di martedì scorso. Ecco alcuni punti salienti:
Arizona
Blake Masters, sostenuto da Trump, ha vinto la nomination del GOP per il Senato. È un venture capitalist e co-autore del best seller "Zero to One: Notes on Startups, or How to Build the Future".
Mark Finchem, sostenuto da Trump, ha battuto altri tre candidati del GOP per la carica di Segretario di Stato. Ha partecipato alla manifestazione del 6 gennaio e si è battuto per l'integrità del processo elettorale dopo le elezioni del 2020.
Kari Lake, sostenuta da Trump, ha vinto la corsa alla candidatura alla carica di governatore dell'Arizona. È stata giornalista di cronaca locale.
Michigan
John Gibbs, sostenuto da Trump, ha battuto il deputato Peter Meijer, che aveva votato per l'impeachment di Trump. Anche gli elettori Democratici hanno sostenuto la campagna di Gibbs, ma solo perché lo ritengono un avversario più facile da battere alle elezioni generali.
Tudor Dixon, una commentatrice conservatrice sostenuta da Trump, si è assicurata la candidatura a governatore per il GOP.
Kansas
Il procuratore generale del Kansas Derek Schmidt, sostenuto da Trump, ha vinto la candidatura repubblicana a governatore.
Una proposta di emendamento costituzionale statale che avrebbe posto fine alla protezione legale dell'aborto nello Stato è stata tuttavia bocciata con il 18% di voti di scarto.
Il quadro generale: Il nuovo partito repubblicano sta nascendo. Coloro che sono allineati con Donald Trump hanno facilmente battuto gli uscenti che non lo erano.
(UpwardNews)



VITTORIA: Donald Trump vince facilmente il sondaggio del CPAC di Dallas
·(Breitbart News)
L'Osservatore Repubblicano
8 agosto 2022

https://www.facebook.com/ORepubblicano/ ... iLFYkY8tMl

Dopo tutto quello che l'Establishment gli ha lanciato contro, Donald Trump domina ancora nello straw poll del CPAC 2022, aggiudicandosi oltre due terzi dei voti.
Il sondaggio svoltosi sabato tra i partecipanti alla Conservative Political Action Conference (CPAC) in Texas su chi dovrebbe essere scelto come candidato repubblicano per il 2024 è stato facilmente vinto dal presidente Donald Trump con una maggioranza schiacciante.
Jim McLaughlin, un sondaggista di Trump che ha condotto il sondaggio, ha annunciato i risultati poche ore prima che l'ex presidente salisse sul palco.
"Sì, il presidente Trump ha aumentato il consenso rispetto a come sta lavorando ad un astronomico 99% nel sondaggio del CPAC e ha spazzato via un ipotetico campo di avversari nel 2024 con il 69% dei voti, rispetto al 59% del CPAC di febbraio", ha detto McLaughlin tramite i social media. Il governatore della Florida Ron DeSantis non era presente al CPAC, ma viene ampiamente considerato come un potenziale candidato alle elezioni presidenziali del 2024. Secondo il Dallas Morning News, alla conferenza sono stati visti venditori di articoli con il nome del governatore.
DeSantis ha ottenuto il 24% del totale rispetto al 69% di Trump nel sondaggio, ma il 65% dei partecipanti ha dichiarato che avrebbe votato per DeSantis qualora l'ex presidente non fosse stato proposto come scelta. Il senatore Ted Cruz ha ricevuto il 2% dei voti, mentre il governatore del Texas Greg Abbott non ha superato lo zero.
Il sondaggio non è un sondaggio scientifico, con un bacino limitato ai partecipanti del CPAC, e non è rappresentativo del più ampio elettorato del GOP.




Rick Scott sulle possibilità del Partito Repubblicano nelle elezioni di metà mandato: "Credo che vinceremo, ma sarà difficile al Senato"
Breitbart News)
L'Osservatore Repubblicano
8 agosto 2022

https://www.facebook.com/ORepubblicano/ ... d2y8a9FCSl

Il presidente del Comitato Nazionale Repubblicano del Senato, Rick Scott (R-Florida), ha dichiarato domenica a "Face the Nation" della CBS di ritenere che i Repubblicani vinceranno alle elezioni di midterm a novembre, ma ha ammesso che sarà "difficile" riconquistare il Senato.
Di seguito la trascrizione parziale:
MARGARET BRENNAN: I Repubblicani speravano di vincere a novembre grazie all'alta inflazione, che è ai massimi storici, e al basso indice di gradimento del Presidente Biden. Ma il Presidente e i Democratici hanno appena avuto un'ottima serie di risultati. I prezzi della benzina sono scesi. È stata approvata una legge di spesa massiccia. Sono molte le grandi vittorie per i Democratici. Il Presidente ha autorizzato l'attacco che ha eliminato il leader di Al-Qaeda. Non sarà più difficile per i Repubblicani ottenere il vantaggio che state cercando di ottenere?
RICK SCOTT: Beh, suona bene, No? Ma è un discorso che fa la Casa Bianca. Ma pensiamo a questo: il 72% degli americani crede che stiamo andando nella direzione sbagliata. I numeri di Biden sono in picchiata. E se si guarda a tutti i Democratici - tutti i Democratici in corsa - fondamentalmente sono un surrogato di Joe Biden e Chuck Schumer. Cioè, devono difendersi dall'inflazione, dai prezzi ancora alti della benzina, dal ritiro dall'Afghanistan, dai confini aperti, dalla teoria critica della razza, dal taglio dei finanziamenti della polizia, questo è ciò da cui devono difendersi perché è ciò per cui Biden è noto, ed è ciò per cui i Democratici sono noti. Guardate che è un anno di elezioni. Sarà un anno difficile. Abbiamo 21 Repubblicani e solo 14 Democratici in gara. I Democratici ci stanno superando, ma noi abbiamo buoni candidati. E credo che Joe Biden sarà la nostra chiave.
MARGARET BRENNAN: Ha detto che sarà un anno difficile. Voglio farle ascoltare ciò che il leader repubblicano Mitch McConnell ha detto alla Fox la scorsa settimana.
"SEN. MITCH MCCONNELL: Penso che sarà molto combattuta, abbiamo il 50 e 50 di possibilità e ora abbiamo il 50 e 50 della nazione. E penso che quando il fumo della corsa al Senato si diraderà, probabilmente avremo ancora un Senato molto, molto combattuto, con noi in leggero vantaggio o i Democratici in leggero vantaggio."
Se le cose vanno così male, perché i Repubblicani non hanno un chiaro vantaggio?
RICK SCOTT: Beh, prima di tutto, abbiamo ottimi candidati. Voglio dire, i Democratici stanno raccogliendo tanti soldi. Quindi dobbiamo essere in grado di diffondere il nostro messaggio, dobbiamo raccogliere i nostri finanziamenti. Dobbiamo lavorare... lavorare sodo... abbiamo affrontato molte primarie, ma credo che vinceremo, ma sarà difficile. Dobbiamo raccogliere i soldi, dobbiamo lavorare duramente per i candidati. Tutti devono aiutare i nostri candidati, ma sono ottimista.
MARGARET BRENNAN: Quindi è d'accordo sul fatto che sarà molto combattuta e che i Repubblicani hanno al massimo un leggero vantaggio.
RICK SCOTT: Sono molto ottimista. Sono molto ottimista, ma sono realista sul fatto che bisogna raccogliere più fondi. I Democratici ne stanno raccogliendo tanti. Joe Biden è la nostra chiave. E comunque, questa legge contro l'inflazione non aiuterà i Democratici. Aiuterà i Repubblicani. Aumentare le tasse per 700 miliardi di dollari, tagliare Medicare per 280 miliardi di dollari, aumentare le tasse sulla benzina, avere 87.000 agenti del fisco in più. Sapete quanto la gente sia felice di avere più agenti del fisco in giro? Voglio dire, tutto questo non sarà popolare.




Il demente, questo si fascistoide demo sinistrato e politicamente corretto, bugiardo ed eversore della democrazia USA e della sovranità dei suoi cittadini e degli stati federati


Biden attacca Trump: "La sua è un'ideologia semi-fascista"

Il presidente degli Stati Uniti impegnato in una raccolta fondi in vista delle elezioni di midterm accusa i repubblicani Maga di "distruggere l'America" e promette la messa al bando delle armi
Massimo Basile
26 agosto 2022

https://www.agi.it/estero/news/2022-08- ... -17857405/

AGI - I repubblicani che seguono Donald Trump rappresentano un "semi-fascismo". Joe Biden, impegnato in una raccolta fondi in vista delle elezioni di midterm in programma a novembre, attacca duramente il suo predecessore alla Casa Bianca. Durante un discorso a Bethesda, Maryland, con cui ha aperto una raccolta fondi per il Partito democratico, per la prima volta il presidente ha legato il movimento trumpiano al fascismo.

"I Repubblicani di Maga (acronimo per il movimento Make America Great Again, ndr) - attacca Biden - non solo minacciano i nostri diritti personali e la sicurezza economica, ma rappresentano una minaccia per la nostra democrazia. Loro non credono nella democrazia".

Biden avverte: "Ecco perché quelli di voi che amano questo Paese, democratici, indipendenti, repubblicani, devono essere più forti, più determinati e più impegnati a salvare l'America dai repubblicani Maga che stanno distruggendo l'America".

Per l'inquilino della Casa Bianca "non è solo Trump è l'intera filosofia che sta alla base. Io vi dico questo, è come il semi-fascismo". Biden si dice convinto che "questo non è il Partito repubblicano dei vostri padri, è una cosa differente".

Nel corso del suo intervento Biden ha promesso che, in caso di vittoria democratica alla Camera e al Senato, si impegnerà a mettere al bando le armi d'assalto. Il presidente degli Stati Uniti, però, non ha spiegato in che termini intenderebbe procedere.

L'evento, secondo quanto ha comunicato la commissione di partito, ha avuto un centinaio di partecipanti che hanno donato, complessivamente, un milione di dollari.



Biden: "Trump rappresenta un semi-fascismo, attenzione ai diritti civili"
26 agosto 2022

https://www.rainews.it/articoli/2022/08 ... 21b9d.html

I repubblicani che seguono Donald Trump rappresentano un "semi-fascismo"". Joe Biden, impegnato in una raccolta fondi in vista delle elezioni di midterm in programma a novembre, attacca duramente il suo predecessore alla Casa Bianca. Per la prima volta il presidente ha collegato il movimento trumpiano al fascismo: "I repubblicani di Maga (Make America Great Again) non solo minacciano i nostri diritti personali e la sicurezza economica, ma rappresentano una minaccia per la nostra democrazia". Per l'inquilino della Casa Bianca: "non è solo Trump è l'intera filosofia che sta alla base. Io vi dico questo, è come il semi-fascismo".

Per quanto riguarda i diritti e sottolineando le ultime determinazioni della Corte Suprema relative alla cancellazione della storica sentenza sul diritto all'interruzione di gravidanza, che ha acceso e accendono le proteste in Usa, Biden ha avvertito: "Non si tratta solo della sentenza Roe sul diritto d'aborto ma anche delle nozze gay...". "Vedremo ovunque uno sforzo a livello nazionale per spazzare via il diritto di scelta delle donne", ha messo in guardia, invitando gli elettori ad andare a votare. Biden ha ammonito che i repubblicani tenteranno anche di revocare anche l'Obamacare se vinceranno.


Alberto Pento
Ma a quali diritti civili si riferisce questo orrido Presidente?
Forse ai diritti umani, civili e politici degli americani violati dalla sua politica e dai suoi sostenitori BLM, antifa, suprematisti neri, razzisti antibianchi; clandestini spacciatori e assassini, parassiti e sfruttatori vari;
suprematisti LGBT e demenziali genderisti; abortisti di bambini già formati; nazi maomettani antisemiti e antisraeliani palestinesi e iraniani; parassiti e predatori del debito pubblico; delinquenti e criminali liberi di delinquere; eversori della democrazia USA, burocrati corrotti, imbrogliatori elettorali, ...
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37710
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

USA: Trump e i repubblicani, Biden e i democratici

Messaggioda Berto » sab giu 11, 2022 7:57 am

Byron York: Considerazioni sul discorso di Joe Biden
Byron York’s Daily Memo – Il discorso di Joe Biden sulla ‘carneficina americana’
5 ottobre 2022

https://osservatorerepubblicano.com/202 ... joe-biden/

Perché Joe Biden ha tenuto quel discorso davanti all’Independence Hall di Philadelphia? Era un discorso per le elezioni di metà mandato del 2022? Era un discorso per la campagna presidenziale del 2024? Stava preparando il Paese al possibile arresto del suo predecessore, l’ex Presidente Donald Trump? Cosa voleva fare?

Il discorso, soprannominato da alcuni “Red Setting” per la strana illuminazione e l’iconica foto di Joe Biden che parla con i pugni alzati, sembra essere stato tutto questo.

La storia che si cela dietro al discorso è il nuovo virgulto di energia che i Democratici sentono per le prossime elezioni di midterm. Da tempo rassegnati ad una cocente sconfitta, alcuni Democratici credono ora che il Partito abbia la possibilità di mantenere il controllo sia della Camera che del Senato. Per tre motivi: il primo è che ci sono alcuni segnali che indicano che l’inflazione, pur rimanendo storicamente alta, potrebbe attenuarsi; il secondo è la convinzione di poter utilizzare con successo la decisione della Corte Suprema sull’aborto contro i Repubblicani; il terzo è il profilo crescente di Donald Trump come fattore nelle competizioni elettorali del Congresso.

Joe Biden ha toccato tutti questi temi nel suo discorso di Philadelphia. No, non ha pronunciato la parola “inflazione”. Anzi, ha sottolineato le sue azioni, tra cui l’approvazione del massiccio piano di salvataggio americano, che hanno di fatto peggiorato l’inflazione. Ma si è preso i meriti, troppi meriti, per la costruzione di strade, la riduzione del prezzo dei farmaci da prescrizione, la promozione dell’energia verde e la creazione di un’economia che, a suo dire, è “più forte di qualsiasi altra nazione avanzata del mondo”.

Questa è stata la parte del discorso di Biden dedicata alla campagna elettorale. Poi è arrivata la parte sull’aborto. E no, Joe Biden non ha pronunciato la parola “aborto”. Invece, nell’attaccare i Repubblicani, si è rifatto ad uno dei discorsi più brutti mai pronunciati nella politica americana: il discorso “L’America di Robert Bork“ tenuto dal vecchio collega democratico di Joe Biden al Senato, Ted Kennedy, nel 1987. All’epoca, Biden e Kennedy stavano lavorando per bloccare la nomina di Robert Bork alla Corte Suprema. Il discorso che fece il senatore Ted Kennedy, pronunciato mentre Biden guardava, è diventato leggendario per il numero di false accuse che conteneva.

Eccone un estratto:

L’America di Robert Bork è una terra in cui le donne sarebbero costrette a fare gli aborti clandestinamente, i neri siederebbero ai banchi del pranzo segregati, la polizia disonesta potrebbe sfondare le porte dei cittadini in incursioni di mezzanotte, agli scolari non potrebbe essere insegnata l’evoluzione, scrittori e artisti sarebbero censurati per capriccio del governo, e le porte dei tribunali federali sarebbero chiuse sulle dita di milioni di cittadini…

Sarebbe difficile da eguagliare, ma a Filadelfia Joe Biden ci ha provato. Non è mai stato l’oratore che fu Kennedy, ed ora è vecchio e lento, ma è riuscito comunque a evocare lo spirito dell'”America di Robert Bork” quando ha detto: “Le forze MAGA sono determinate a portare questo Paese indietro – indietro verso un’America in cui non c’è il diritto di scegliere, non c’è il diritto alla privacy, non c’è il diritto alla contraccezione, non c’è il diritto di sposare chi si ama”.

Era il classico spot d’attacco dei Democratici vecchio stile. Avrebbe potuto risalire al 1992. Ma Biden ci ha appiccicato sopra l’etichetta MAGA e l’ha legata a Donald Trump, anche se le questioni erano state dibattute molto prima che Donald Trump si candidasse alla presidenza.

La vera oscurità del discorso di Biden si è manifestata nei suoi lunghi attacchi a Donald Trump e ai suoi sostenitori, che a volte ha chiamato “Repubblicani MAGA” e a volte “Repubblicani MAGA estremisti”. In tutto, l’acronimo è apparso nel discorso di Biden tredici volte.

“I Repubblicani MAGA non rispettano la Costituzione”, ha detto Joe Biden. “Non credono nello Stato di diritto. Non riconoscono la volontà del popolo. Si rifiutano di accettare i risultati di un’elezione libera. E stanno lavorando proprio ora, mentre parlo, in uno Stato dopo l’altro per dare il potere di decidere le elezioni in America a faziosi e compari, dando il potere ai negazionisti delle elezioni di minare la democrazia stessa. … Promuovono leader autoritari ed alimentano le fiamme della violenza politica che sono una minaccia per i nostri diritti personali, per il perseguimento della giustizia, per lo stato di diritto, per l’anima stessa di questo Paese”.

“I Repubblicani MAGA guardano l’America e vedono carneficine, oscurità e disperazione”, ha aggiunto Joe Biden, facendo riferimento al famoso riferimento di Donald Trump alla “carneficina americana” nel suo discorso inaugurale del 2017. Ora sembra che Biden veda altrettanta oscurità.

Qualche giorno prima, Joe Biden ha definito le convinzioni dei “Repubblicani MAGA” come “semi-fascismo“. Quella sera, Biden non ha usato la parola con la “F”, ma è chiaro che intendeva questo. Ciò che non è stato del tutto chiaro è il numero di persone che secondo lui rientrano nel profilo di “estremista MAGA“. Si tratta solo di alcuni fedelissimi di Donald Trump? Sono tutti i 74 milioni di persone che hanno votato per Trump nel 2020?

Joe Biden sembra suggerire che la risposta sia più vicina alla seconda che alla prima. “Voglio essere molto chiaro”, ha detto. “Non tutti i Repubblicani, e nemmeno la maggioranza dei Repubblicani, sono Repubblicani MAGA. Non tutti i Repubblicani abbracciano la loro ideologia estrema. Lo so perché ho avuto modo di lavorare con questi Repubblicani mainstream. Ma non c’è dubbio che il Partito Repubblicano oggi sia dominato, guidato e intimidito da Donald Trump e dai Repubblicani MAGA, e questa è una minaccia per il Paese”.

Chi sono questi Repubblicani mainstream? Beh, certamente Joe Biden includerebbe gli antagonisti di Donald Trump nel GOP Liz Cheney e Adam Kinzinger alla Camera. Includerebbe anche i Repubblicani del Senato che hanno votato per condannare Trump nel suo secondo impeachment e che hanno anche votato, molti di loro, per alcune misure bipartisan che Joe Biden ha sostenuto. Tuttavia, sembrano esserci pochi dubbi sul fatto che Biden ritenga che milioni di persone siano semi-fasciste e rappresentino una minaccia per la nazione.

Ricordiamo che Joe Biden ha definito il candidato repubblicano alla carica di governatore della Virginia, Glenn Youngkin, un estremista sulla falsariga dei rivoltosi del 6 gennaio. “L’estremismo può presentarsi in molte forme”, aveva detto Joe Biden lo scorso ottobre. “Può manifestarsi con la rabbia di una folla che vuole assaltare il Campidoglio. Può presentarsi con un sorriso ed un giubbotto di pile. In ogni caso, la Grande Bugia è sempre una Grande Bugia“. Glenn Youngkin aveva fatto del suo gilet di pile un marchio di fabbrica durante la campagna elettorale in Virginia. Quando si tratta di definire i “Repubblicani MAGA estremisti”, Joe Biden getta una rete molto ampia.

Si dice che i Democratici siano felici che il profilo di Donald Trump, sempre alto, sia salito ancora di più con l’inizio della campagna elettorale di midterm. E come è successo? È successo dopo che il Dipartimento della Giustizia di Biden ha aperto un’indagine penale sull’ex presidente ed ha eseguito un mandato di perquisizione nella casa invernale di Donald Trump all’inizio di agosto. Quindi l’amministrazione di Joe Biden, così come i Democratici che hanno creato il comitato sul 6 gennaio, stanno contribuendo a creare circostanze politiche che i Democratici vedono come favorevoli alle loro possibilità a novembre. E più Joe Biden ed il suo Partito cercano di demonizzare Trump e i suoi seguaci, più preparano il Paese alla possibilità che il Dipartimento della Giustizia accusi Donald Trump di un reato nell’ambito dell’inchiesta sui documenti.

Tornato alla Casa Bianca, Joe Biden ha cercato di rimangiarsi parte della retorica usata la sera prima. Alla domanda di Peter Doocy di Fox News se considerasse tutti i sostenitori di Trump una minaccia per il Paese, Biden ha risposto: “Non considero nessun sostenitore di Trump una minaccia per il Paese“.

Alla luce di ciò che Joe Biden ha detto a Filadelfia, questo è semplicemente impossibile da credere. Come potrebbe intendere ciò che ha detto all’Independence Hall e non considerare nessun sostenitore di Trump una minaccia per il Paese? Non è possibile. Poi Joe Biden ha specificato: “Quando la gente ha votato per Donald Trump e lo sostiene ora, non ha votato per attaccare il Campidoglio. Non stavano votando per rovesciare un’elezione. Hanno votato per la filosofia che lui ha proposto. Non sto parlando di nient’altro che, è inappropriato… l’incapacità di riconoscere e condannare la violenza quando è usata per scopi politici, l’incapacità di condannare la manipolazione [dei risultati] delle elezioni”.

Eh? Le osservazioni di Biden alla Casa Bianca hanno gettato una nube di confusione su ciò che aveva detto la sera prima. Era sincero? Aveva compreso appieno il tipo di accuse che stava facendo a Filadelfia? Era confuso? La retorica di Joe Biden era terribilmente seria e divisiva. Era difficile capire perché avesse tenuto quel discorso. Ma non è chiaro nemmeno se l’abbia capito.


Gino Quarelo
Eh sì, sleepy Joe della banda Biden Biden è un problema che speriamo venga in buona parte risolto e superato con la vittoria dei repubblicani in novembre.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37710
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: USA: Trump e i repubblicani, Biden e i democratici

Messaggioda Berto » dom ago 07, 2022 7:32 am

Donald Trump: Gli elettori devono consegnare una “vittoria storica” per i Repubblicani alle elezioni di metà mandato per fermare la crisi migratoria
Breitbart News
11 ottobre 2022

https://osservatorerepubblicano.com/202 ... bart-news/

Gli elettori devono consegnare al Partito Repubblicano una storica vittoria alle prossime elezioni di midterm per poter mettere in sicurezza il confine meridionale, ha spiegato domenica l’ex presidente Donald Trump

“Per prima cosa dobbiamo ottenere una vittoria storica per il Partito Repubblicano questo novembre”, ha detto Donald Trump alla grande folla riunita davanti a lui durante il suo Save America Rally a Mesa, in Arizona.

“Il compito numero uno per il Congresso Repubblicano è quello di fermare l’invasione, ed è quello che è. È come un’invasione militare. Per molti versi, è peggiore perché, con i militari, si può fermarla con la forza. Queste persone stanno arrivando qui in completa libertà. Ma dobbiamo fermare l’invasione al confine meridionale”, ha dichiarato Trump.

Il repubblicano Blake Masters ha attaccato il senatore Mark Kelly (Democratico dell’Arizona) e Joe Biden riguardo all’immigrazione illegale durante il dibattito di giovedì scorso nella corsa al Senato dell’Arizona, secondo Breitbart News.

Blake Masters ha detto:

Chiamatemi all’antica, ma credo che la quantità corretta di immigrazione illegale sia zero. È quello che dice la legge federale. Il problema è che Joe Biden e Mark Kelly ignorano volontariamente la legge federale. Hanno ceduto il nostro confine meridionale, lo hanno consegnato ai cartelli della droga messicani.

Due anni fa avevamo il controllo operativo ed ora è un disastro. Incentivano le persone ad infrangere la legge. Gli stranieri illegali, quando arrivano qui, dovrebbero essere catturati e deportati nel loro Paese o in qualche altro Paese che li vuole. Ma ora, Joe Biden e Mark Kelly hanno steso il tappeto di benvenuto. Questo è il più grande Paese nella storia del mondo. Se invitate tutti a venire qui, creerete una crisi.

A settembre, Joe Biden ha celebrato l’immigrazione di massa nel Paese, sostenendo che stia rendendo l’America “molto migliore”.

Come ha riportato Breitbart News, “le ondate di immigrazione di massa, di cui Biden si vanta, sono state largamente impopolari tra gli elettori americani – in particolare tra i lavoratori e gli americani della classe media, che hanno maggiori probabilità di trovarsi a competere per il lavoro, la casa ed i servizi pubblici con i nuovi arrivati”.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37710
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: USA: Trump e i repubblicani, Biden e i democratici

Messaggioda Berto » dom ago 07, 2022 7:32 am

.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37710
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: USA: Trump e i repubblicani, Biden e i democratici

Messaggioda Berto » dom ago 07, 2022 7:32 am

28)
Le stragi negli USA, che vuole le armi libere e chi il loro divieto





La strage dei neri del suprematista bianco che odia gli ebrei e i neri con il loro suprematismo BLM

A Buffalo la strage del suprematista bianco di 18 anni. Biden: "Una macchia sull'anima dell'America"
15 maggio 2022

https://www.rainews.it/articoli/2022/05 ... 7a743.html

"Un atto di terrorismo interno": così il presidente americano, Joe Biden, ha definito la strage di Buffalo, nello stato di New York, dove un diciottenne suprematista ha ucciso dieci persone.

Biden parla di "un crimine ripugnante e motivato dall'odio razziale perpetrato in nome della disgustosa ideologia del nazionalismo bianco". Un atto di terrorismo, aggiunge l'inquilino della Casa Bianca, "che è antitetico a ogni cosa che rappresenta l'America". "Dobbiamo fare tutto ciò che è in nostro potere - conclude Biden - per porre fine a questo terrore alimentato dall'odio".

“Dobbiamo lavorare insieme per affrontare l'odio che resta una macchia sull'anima dell'America - afferma il presidente usa joe biden -. Un uomo da solo con armi da guerra e un animo pieno d'odio ha ucciso a sangue freddo 10 innocenti in un supermercato".

Payton Gendron, autore della strage, nel 2021 era stato segnalato dal suo liceo come "ragazzo problematico che diceva di voler fare una sparatoria alla cerimonia di diploma o successivamente". Secondo gli investigatori si sarebbe radicalizzato durante il periodo del lockdown.

"Siamo impegnati a condurre un'indagine veloce e a cercare giustizia per le vittime innocenti", afferma il ministro della Giustizia americano, Merrick Garland. "il dipartimento di giustizia sta indagando" sulla strage di buffalo "per crimine d'odio ed estremismo violento di stampo razzista.

La speaker della Camera, Nancy Pelosi, torna a chiedere una stretta sulle armi da fuoco in America, descrivendo come un atto di "terrorismo interno" l'attacco al supermercato di Buffalo da parte di un suprematista diciottenne. Per la terza carica dello stato negli Usa è più che mai prioritaria la necessità di norme più stringenti sulle armi.




Buffalo, chi è il 18enne suprematista bianco autore della strage nel supermercato: ha imitato anche Luca...
Guido Olimpio
15 maggio 2022

https://www.corriere.it/esteri/22_maggi ... 5e8e.shtml

Il 18enne suprematista bianco si è dichiarato non colpevole in tribunale. Aveva postato un manifesto di oltre 100 pagine e diffuso in diretta streaming il video della sparatoria

Il giovane di Buffalo ha intrapreso il suo sentiero di guerra ispirandosi a chi lo ha preceduto. Almeno questo ciò ha scritto in un manifesto di oltre 100 pagine. Non sappiamo con certezza che sia il suo, ma la polizia lo sta esaminando. Gli sparatori di massa copiano altri per ragioni ideologiche o semplicemente «terroristiche», seguono dei modelli, adottano un modus operandi, studiano per esaltarsi e trovare «scuse». L’assassino (identificato come Payton Gendron), di appena 18 anni, ha imitato lo stragista della Nuova Zelanda, Breton Tarrant , autore dell’assalto contro due moschee nel marzo 2019. Una cinquantina di morti. Anche lui un estremista, convinto che la razza bianca sia in pericolo, rimpiazzata e sostituita. Per questo aveva deciso di colpire i musulmani. Si è armato, ha indossato una telecamera per filmare l’azione, è salito in auto, ha raggiunto i target ed ha aperto il fuoco. Il bilancio è di dieci vittime e tre feriti.

Alla fine lo hanno preso. L’omicida di Buffalo non solo ha copiato, ma ha scritto in modo chiaro che Tarrant ha rappresentato il suo faro ideologico. È già avvenuto in passato. Quindi ha citato altri responsabili di attacchi xenofobi e nella lista del suo presunto documento ha citato anche Luca Traini , l’uomo che sparò contro un gruppo di immigrati a Macerata. Dettagli che dovranno trovare conferme nel lavoro degli investigatori alle prese con una minaccia dilagante. A Dallas indagano su spari contro negozi gestiti da asiatici. La molla dei raid è spaccare, dividere, gettare benzina sul fuoco delle tensioni. Sono come fendenti, nella speranza di innescare risposte dure. L’idea è sempre quella di un conflitto civile. E “giustificano” l’incursione contro degli innocenti usando teorie radicali, anti-semite, dietrologie e complottismi: non serve ripetere nei dettagli i contenuti del messaggio, sarebbe un errore e un favore alla propaganda criminale. C’è sempre l’elemento preparazione, la premeditazione, anche quando il soggetto è in preda a squilibri. Gendron afferma che i suoi genitori sono d’origine nord europea e italiana, scrive che il suo obiettivo era quello di costringere gli afro-americani o gli ispanici a partire, a lasciare l’America. Un odio unito a quello contro gli ebrei.

Il killer ha sostenuto di aver fatto «come qualsiasi americano», ha accumulato munizioni, ha acquistato un fucile Bushmaster XM 15 e un equipaggiamento militare, infine – attorno al gennaio 2022 - ha iniziato a pensare alla seconda fase. Quella dell’atto violento. È evidente – e non solo in questo episodio – come gli sparatori cerchino di adottare tecniche che permettano loro di provocare tante vittime. Si vestono da «guerrieri», costituiscono il loro arsenale, muovono come predatori. Alcuni sono pronti a morire, a farsi «suicidare» dagli agenti. Altri vogliono restare in vita, l’assassino di Buffalo lo ha aveva annunciato, aggiungendo la volontà di dichiararsi colpevole. Invece, una volta catturato, ha sostenuto il contrario. Insieme all’azione la propaganda. Ecco la necessità di lasciare un testo, a disposizione di quanti condividono queste posizioni. È l’eredità, il testamento. Ecco il bisogno di filmare e rilanciare in streaming su internet ogni momento, compresi quelli più atroci con donne e uomini freddati. C’è poca differenza con i metodi dei jihadisti, ma anche con quelli di coloro che hanno compiuto eccidi senza un movente politico. Video e delirio concedono luce e fama sinistra agli autori, trasformano la belva in un personaggio. Forse, come altri assassini di massa, poteva essere fermato: nel 2021 Gendron aveva minacciato di attaccare il suo liceo, un segnale inquietante comunicato alla polizia. Non è raro che i «mutanti» lancino avvertimenti prima della «grande operazione», solo che non sono trattati con la dovuta determinazione.




La strage dei bambini compiuta dall'ispanico che si veste da donna e che da piccolo è stato bullizzato.

Salvador Ramos, chi è il Killer della strage di bambini a Uvalde | Sui social tracce di follia
Maria Teresa Bianco
25 Maggio 2022

https://www.free.it/2022/05/25/salvador ... di-follia/

Ha commesso un crimine efferato il 18enne Salvador Ramos noto alle cronache mondiali per essere l’autore della strage di bambini a Uvalde, Texas. Sui social spuntano tracce di follia del killer

La furia ha invaso ogni parte del suo corpo. Tale era da mettere in atto una strage. Lui è Salvador Ramos, un 18enne texano con il pallino per le armi da fuoco.

Salvador Ramos, chi è il killer autore della strage di bambini in Texas


Sui social, già da molto tempo, postava foto e immagini di pistole e fucili. Aveva “svelato” ad una ragazza conosciuta su Instagram i suoi macabri piani ma lei non ha dato peso a quelle parole, ritenute troppo assurde per essere vere. Eppure, il giovane killer, ha fatto fuoco su una scuola elementare uccidendo 19 bambini e due insegnanti prima di essere freddato dalla polizia.

Salvador Ramos, chi è il killer autore della strage dei bambini a Uvalde

Salvador Rolando Ramos era un ragazzo che aveva compiuto la maggiore età solo una settimana fa. Nato il 18 maggio del 2004, viene descritto dai familiari e amici come un ragazzo solitario, che da bambino veniva bullizzato a scuola per un problema di balbuzie e negli anni era diventato sempre più violento.
salvador ramos 1

Salvador Ramos, chi è il killer della strage di 19 bambini in Texas (rete)

Dal carattere introverso, taciturno e poco socievole. Abitava in una piccola cittadina al confine con il Messico, Uvalde. Le sue uniche conversazioni erano virtuali e solo con sconosciuti.

Prima di commettere la strage e uccidere 21 persone, di cui 19 bambini, Ramos ha sparato alla nonna, colpendola alla testa. L’anziana donna aveva capito le folli intenzioni di quel nipote disturbato ed era fuggita in strada per chiedere aiuto.

Non è stata risparmiata neanche lei dal raptus omicida di Salvador. Da piccolo, l’autore della strage, frequentava la scuola superiore locale. Lavorava in un ristorante “Wendy’s”.

Sul lavoro non aveva stretto legami con nessuno dei suoi colleghi. Mentre, la sua vita “virtuale” era piena di immagini e post di armi, fucili e pistole.

La ragazza californiana protagonista inconsapevole della strage

La ragazza californiana si è ritrovata protagonista della terribile tragedia che ha investito Uvalde, Texas, in queste ore. Lei non conosceva Salvador Ramos, l’autore della strage, ma molto probabilmente è stata l’ultima persona a parlare con il killer.

A dichiarare tutto sui social è stato proprio la donna. La californiana ha postato su Instagram gli screenshot della conversazione avuta qualche giorno prima della strage con Salvador Ramos.

Diversi i messaggi inviati dal 18enne, spesso con riferimento alle armi e a quei segreti che in qualche modo voleva svelare alla ragazza.

In queste ore la ragazza inconsapevolmente protagonista della strage nella scuola elementare ha oscurato la sua immagine di profilo su Instagram. Ma questo non è bastato poiché sui media americani il suo account è stato reso noto e, come accade in questi casi, all’improvviso il suo volto è diventato pubblico.

L’ultima conversazione con il killer

Appena ha sentito la notizia della strage a Uvalde, la ragazza ha capito tutto. Le foto che ritraevano quel ragazzo le hanno dato la conferma. Così ha deciso di contattare la polizia e pubblicare le conversazioni con il killer.

Lo ha fatto in una delle storie di Instagram. La prima conversazione risale al 12 maggio. Lui scrive a lei di condividere le sue foto. Immagini di armi. La donna a quel punto si insospettisce e chiede a Salvador cosa c’entrassero con lei quelle immagini e perché mai avrebbe dovuto postarle sul social.

“Volevo solo taggarti”, risponde lui ma la ragazza si rifiuta. Passano così altri 4 giorni prima dell’ultimo contatto chat. Un nuovo messaggio arriva alla ragazza martedì 24 maggio alle 5.43 del mattino.

Un messaggio criptico da parte del killer. “Io sto per…”. La ragazza, non capendo, chiede spiegazioni. “Te lo dirò alle 11”, risponde lui. Successivamente intima alla ragazza di parlargli perché deve dirle qualcosa di molto importante. Lei chiude dicendo che se sarà online risponderà. L’ultimo messaggio di Ramos segna le 9.16. “Sono fuori adesso”, ha scritto. Poi la strage.



Texas, strage nella scuola elementare come alla Sandy Hook nel 2012. Le vittime furono 26 (e la casa d'armi ritenuta responsabile)

Martedì 24 Maggio 2022

https://www.ilmessaggero.it/mondo/texas ... 10333.html

Una strage in una scuola, proprio come il 14 dicembre 2012. La sparatoria in Texas nella scuola elementare a Uvalde riaccende i riflettori su un episodio molto simile a quello di poche ore fa, il massacro alla Sandy Hook Elementary School in un borgo della città di Newtown in Connecticut (USA), nel quale Adam Lanza, di 20 anni, aprì il fuoco all'interno della scuola elementare, causando la morte di 27 persone, 20 delle quali bambini di età compresa tra i 6 e i 7 anni, suicidandosi prima dell'arrivo della polizia.

Lanza aveva prima ucciso la madre mentre si trovava a casa e poi si era recato in auto alla scuola per mettere in atto il massacro utilizzando armi che erano regolarmente in possesso della donna. In un primo momento era stato erroneamente identificato come autore del reato suo fratello Ryan. Quello alla Sandy Hook è ricordato come la terza strage più grave nella storia degli Stati Uniti, in ordine di gravità dopo solo il massacro al Virginia Polytechnic Institute e il massacro della Bath School.

Lo storico accordo con la Remington

Nel febbraio di quest'anno era stato siglato uno storico accordo tra la Remington Arms e le famiglie di nove delle 26 vittime della sparatoria nella scuola elementare Sandy Hook, che hanno pattuito un risarcimento di 73 milioni di dollari da parte della società produttrice del fucile semiautomatico in stile AR-15 usato nella strage del 2012. Era la prima volta negli Usa che una azienda di armi accettava la responsabilità di un «mass shooting», in una causa che ha inflitto un duro colpo all'industria del settore e creato un possibile precedente a favore delle vittime di altre sparatorie inaugurando una nuova strategia.

I ricorrenti infatti hanno dribblato la legge federale del 2005, che garantisce un'ampia immunità alle società produttrici di armi contro eventuali cause per le vittime o i danni provocati dai loro clienti. E hanno contestato la strategia di marketing dell'arma usata dal killer, sostenendo che il Bushmaster XM15 fu promosso consapevolmente e negligentemente come arma da guerra corteggiando i giovani a rischio, compresi quelli con problemi mentali, come l'autore della strage. Con ciò violando una legge del Connecticut.

La società aveva invocato la legge federale ma nel 2019 la corte suprema aveva ignorato il suo appello lasciando proseguire l'azione legale. La compagnia aveva offerto quindi 33 milioni, meno della metà di quello concordato ora. Ma nel frattempo Remington, una dei più vecchi produttori di armi in Usa (è stata fondata nel 1816), ha chiesto per la seconda volta la bancarotta nel 2020: gli affari sono andati male dopo la sparatoria, tra cause e restrizioni nelle vendite. I suoi asset sono stati venduti e a pagare il risarcimento sono state di fatto quattro società assicurative.



Armi da fuoco: solo in un paese è più facile comprarle che negli Stati Uniti. La classifica
Paolo Ricci Bitti
25 maggio 2022

https://www.ilmessaggero.it/mondo/armi_ ... 12448.html

Comprare un'arma da fuoco negli Stati Uniti, magari in Texas, magari se si è cittadini italiani? Se ci si accontenta di un fucile a colpo singolo, non a ripetizione, quindi (ma il kit per modificarlo non è difficile da trovare), basta andare nel sempre ben fornito reparto Armeria di un grande magazzino tipo Wallmart, ad esempio ad Elgin (Texas), presentare il passaporto, compilare un agile modulo, pagare alla cassa e ritirare il fucile. Provato nel 2018, ma non è una gran novità. Nessuna richiesta di porto d'armi, nessun particolare accertamento telematico su quel passaporto, nessuna verifica in qualche banca dati statale o federale. Ora, è vero che se un turista ha il passaporto (e anche il visto Esta, che non viene comunque chiesto) non dovrebbe avere pendenze in corso con la giustizia locale o del paese d'origine, ma insomma.

Poi - è vero di nuovo- non sarà altrettanto agevole portare eventualmente il fucile in Italia, ma questo è un altro discorso. Intanto, con quel fucile a tracolla, si reggerà almeno in parte il confronto con parecchi altri clienti che si aggirano armati fra gli scaffali: pistole automatiche, in gran parte, bene in vista nelle fondine ad estrazione rapida. Il fucile appena acquistato si può poi riporre nell'apposito supporto di cui sono attrezzati nella parete posteriore gli abitacoli di gran parte dei poderosi pick up 4x4: una rastrelliera spesso a tre posti.

La strage di Uvalde ricorda di nuovo l'impossibile battaglia contro la facilità di acquistare armi da fuoco negli Stati Uniti dove sono registrate oltre 500mila fra pistole e fucili rispetto a 300milioni di abitanti. Quell'arsenale è però posseduto solo da un terzo dei cittadini americani: centomila persone molto bene armate, in altre parole. E di tutte le età: dai 18 anni in su, come si è visto nella tragedia di Uvalde. Salvador Ramos era appunto appena diventato maggiorenne quando ha potuto comprare con grande facilità più di un'arma da fuoco. Negli Usa si continua a morire più per colpa di una pallottola che per incidenti stradali: 40mila vittime nel 2021.

E' soprattutto dal 1999, dalla strage di Columbine, che a parole dopo ogni eccidio fioccano anatemi, poi si torna ad aspettare la strage successiva. Secondo tutti gli analisti, le lacrime, pure sincere, di Biden non porteranno di nuovo a nulla di fatto: la potente National Rifle Association, poderosa finanziatrice dei candidati, fa pressione perché non cambi nulla e in realtà per molti cittadini americani non c'è nemmeno da porsi domande. Un atteggiamento che va oltre il sostegno al èpartito Repubblicano. Possedere armi è un diritto costituzionale e non ci saranno mai i numeri per cambiare la Carta. Figuriamoci, con i cadavere dei bambini di Uvalde ancora da seppellire oggi c'è chi ha proposto di armare i maestri. Insegnanti in cattedra con la pistola nella fondina: ve lo immaginate?

E di restrizioni per l'acquisto di armi negli ultimi 23 anni di fatto negli Usa non se ne sono registrate, perlomeno a livello generale: qualche Stato ha sì introdotto qualche limite, ma poca roba. Addirittura dal 2020, con il dilagare della pandemìa di Covid, le vendite di armi da fuoco sono aumentate. come se si temessero tafferugli e sommosse legati alla diffusione del coronavirus.

Di fatto

Secondo il New York Times fra i pochi paesi in cui è più facile che negli Stati Uniti comprare armi da fuoco c'è lo Yemen, in proporzione il secondo paese al mondo i cui cittadini sono più armati sempre rispetto agli Usa. A San'a' e dintorni basta andare al mercato e comprare una pistola o un fucile oppure farlo on line. Le leggi ci sarebbero anche non risultano particolari controlli.

Negli Usa attualmente in quasi tutti gli Stati basta superare un accertamento "istantaneo" effettuato dal negoziante prima di comprare l'arma. E di armerie negli Stati Uniti ve ne sono oltre 50mila: una ogni 6mila abitanti. La vendita di armi fra privati, poi, non prevede controlli o registrazioni

Fra i paesi in cui è invece particolarmente complicato comprare un'arma da fuoco ci sono invece Israele, l'Australia, il Canada e l'Austria dove è richiesta anche l'iscrizione a un poligono. Poi serve sempre un certificato medico e uno psicoattitudinale, l'eventuale occupazione con mansioni ritenute a rischio (rappresentante di gioielli ad esempio). L'aspirante compratore deve poi avere una fedina penale immacolata, comprese questioni amministrative, e inoltre vi sono limitazioni sul numero di munizioni: non più di 50 proiettili in Israele.

In testa alla classifica per le limitazioni c'è probabilmente il Giappone. Come riporta sempre il NYT, servono 13 passaggi prima di poter portare a casa una pistola: oltre a certificazioni meticolose di ogni tipo bisogna anche superare un esame pratico in un poligono.

In Messico non mancano accertamenti approfonditi, comprese il rilascio delle impronte digitali, ma poi bisogna persino andare di persona nell'unica rivendita del paese (è a Città del Messico) che può vendere pistole. Un imbuto strettissimo. Che poi in Messico ci sia un impressionante mercato nero delle armi è un'altra questione.

La Gran Bretagna è a metà classifica, ma oltre all'iscrizione a un poligono e al certificato penale, è richiesta una "intervista" che viene effettuata direttamente dalla polizia. Obbligatorio, come in quasi tutti gli altri paesi, un armadio blindato per custodire le armi.




Quindi Salvador Ramos era un 18enne con una vita complicata, un padre sconosciuto e una madre tossicodipendente. Un bambino preso in giro alle elementare perché balbuziente e alle superiori perché era povero e si vestiva in modo bizzarro. Con evidenti problemi mentali, notati anche nel fast food dove lavorava, non faceva niente per nascondersi, postava anche le dirette instagram dei litigi con la madre (polizia presente).
Riccardo Bassetti
25 maggio 2022

https://www.facebook.com/riccardo.basse ... 7511137550

A scuola, gli amici, ricordano episodi in cui Ramos si era presentato a lezione con la faccia tagliata, tagli da coltello che si era procurato lui stesso. Quando la situazione è diventata insostenibile, la madre l'ha cacciato di casa (ancora minorenne) e lui è andato a vivere dalla nonna (che pare essere la prima persona a cui Salvador ha sparato).
Insomma, c'erano tutti i segnali per accorgersi per tempo che qualcosa non andava. Eppure, lo Stato, così solerte ad intervenire per mano dei servizi sociali, sempre pronti a toglierti i figli dalle mani, non ha evidentemente notato nulla di strano.
Oggi la considerazione che Biden riesce a partorire, in questo scenario di mancanze è che... indovinate? E' colpa delle armi. La colpa di questa ennesima strage è dei fucili.


Gino Quarelo
Chissà se è figlio di immigrati clandestini. È cresciuto malamente senza amore e pieno di odio.
Alcuni si suicidano, altri uccidono e fanno strage.
L'America USA è un paese complesso, difficile, pieno di tensioni e di conflitti sociali ed etnici che generano violenza.




Strage in Texas, la mamma del killer: «Non era un mostro». Il padre: «Doveva uccidere me»
Gianluca Cordella
27 maggio 2022

https://www.ilmessaggero.it/mondo/strag ... 16765.html

Mentre lo choc per la strage lascia nell'opionione pubblica spazio alla morbosità per l'inchiesta che sta accertando le responsabilità della polizia – rea di aver aspettato troppo prima di intervenire, dando così a Salvador Ramos il tempo di copiere la carneficina – alle famiglie delle vittime della strage nella scuola elementare di Uvalde, in Texas, resta solo un dolore sempre più forte e silenzioso. Tra loro ci sono anche i genitori di Salvador: certo, è stato lui a compiere la strage, ma è sempre un figlio che per i propri genitori non ci sarà mai più.

Strage dei bambini in Texas: per i complottisti «è una messinscena, i genitori sono attori»

A rompere il silenzio è stata la mamma del ragazzo, Adriana Reyes, intervistata da Abc News. «Mio figlio a volte poteva essere aggressivo ma non era un mostro», ha raccontato la donna. «A volte – ha spiegato - avevo una sensazione di disagio e gli chiedevo “ehi, che cosa stai combinando?”. Ma tutti noi abbiamo in corpo la rabbia, alcuni ne hanno più di altri. E Salvador poteva essere aggressivo se si arrabbiava davvero». Da mamma, Adriana vorrebbe dire qualche parole di conforte alle altre madri che hanno perso i loro piccoli nell'attacco della Robb ma le lacrime glielo impediscono. «Quei ragazzi... non ho parole... Non so cosa dire...» abbozza, piangendo.

Un dolore misto al senso di colpa comprensibile, che è ancora più evidente nelle parole del papà, Salvador Ramos, come il figlio. «Era una brava persona – ha detto al Daily Beast - Non mi sarei mai aspettato che potesse fare una cosa del genere. Avrei preferito che avesse ucciso me, piuttosto che fare una cosa di quel tipo. Voglio che i genitori dei bambini sappiano che mi dispiace tanto, mi dispiace per quello che ha fatto mio figlio». Ma il finale è lo stesso, anche Salvador Senior scoppia in lacrime e non riesce ad andare avanti.

Secondo il papà, che non viveva più insieme alla madre di Salvador, il ragazzo aveva vissuto molto male il periodo di isolamento legato al Covid. Fattore che aveva anche impedito a padre e figlio di vedersi spesso, l'ultima volta circa un mese fa. «Tempo fa gli avevo anche proposto di trasferirsi qui da me ma non ha voluto perché non c'è il Wi-fi», ha raccontato aggiungendo un dettaglio: «Avevo notato che stava diventando più aggressivo. Tempo fa comprò dei guantoni da boxe e so che li aveva usati in qualche modo in un parco pubblico locale».

Poi erano arrivate le armi, comprate negli otto giorni successivi al compimento dei 18 anni ma di quelle la mamma ha detto di non aver mai saputo nulla. A conferma degli episodi di bullismo subiti dal figlio, il padre ha confermato che il ragazzo litigava spesso con la mamma che non gli comprava i vestiti che voleva e il suo abbigliamento transandato sarebbe stato proprio alla base degli episodi di violenza subiti a scuola. Epidosi che, evidentemente, lo hammo marchiato fino alla disumana reazione di martedì scorso.





Asociali e frustrati: chi sono gli stragisti d’America
Roberto Vivaldelli
26 Maggio 2022

https://it.insideover.com/politica/asoc ... 1653663438

Persone con gravi problemi psichici mai affrontati, emarginate e alienate, lupi solitari, estremisti di vario genere: la diffusione delle armi automatiche non è l’unico problema degli Stati Uniti, a giudicare dai profili degli stragisti che hanno insanguinato il Paese nell’ultimo decennio: è un problema sociale, che scuote la culla del capitalismo e le sue periferie. Profili di killer spesso solitari, con pochissimi amici e relazioni sociali estremamente difficoltose e limitate, a cominciare dalla famiglia. Nella maggior parte dei casi, adolescenti annoiati e arrabbiati con il mondo. L’ultimo è il diciottenne Salvador Ramos, autore dell’ennesima strage, alla Robb Elementary School di Uvalde in Texas, dove ha ucciso 19 bambini e due adulti. Come riportato dal Daily Mail, il diciottenne rimaneva spesso nella sua stanza in Hood Street, dove colpiva ripetutamente un sacco da boxe da solo, come ha rivelato il fidanzato di sua madre, Manuel Alvarez.

Chi è lo stragista di Uvelda

“Salvador era un solitario” ha aggiunto. “Non aveva molti amici. Di tanto in tanto veniva un “amico”‘, ha continuato, ma l’ultima volta che ne aveva visto uno era circa sei mesi fa. “Non mi sarei mai aspettato che facesse quello che ha fatto. È tranquillo e sta per conto suo la maggior parte del tempo. Ho avuto davvero solo una manciata di conversazioni con lui”, ha detto Alvarez. Dopo aver litigato con sua madre per un problema con il Wi-Fi, circa una settimana fa, il giovane stragista ha fatto le valigie si è trasferito da sua nonna, Celia Gonzalez, a poche miglia di distanza, rimasta gravemente ferita anche lei nella tragica sparatoria. La famiglia di Salvador Ramos non è certo la classica famiglia modello: suo padre, Salvador Ramos, 42 anni, e Adriana Martinez Reyes, 39 anni, hanno entrambi precedenti penali, secondo il Daily Mail. I vicini affermano che il rapporto del giovane Salvador Ramos con sua madre non era buono.

Secondo il vicino di Ramos, Ruben Flores, 41 anni, l’assassino e sua madre avrebbero avuto non di rado discussioni molto accese e la polizia sarebbe intervenuta in più occasioni. Un ex compagno di classe che vuole rimanere anonimo, come riferito la Cnn, ha detto che Ramos “sarebbe stato vittima di bullismo e preso in giro pesantemente” a scuola nonché deriso per gli abiti che indossava e per la situazione economica della sua famiglia.

Le idee radicali di Payton S. Gendron

Salvador Ramos è coetaneo di Payton S.Gendron, autore della strage in un supermarket di Buffalo del 14 maggio scorso nella quale sono morte tredici persone, di età compresa tra 20 e 86 anni, 11 delle quali nere e 2 bianche. Durante il primo lockdown per il coronavirus, nella primavera del 2020, come ricostruito da El Pais, un annoiato Gendron ha iniziato a scendere negli angoli più bui di Internet, passando da un gruppo di chat sulle armi a un altro sull’estremismo politico, fino a finire nei forum che mettevano in guardia la popolazione sull’estinzione della razza bianca. Nel giugno dell’anno successivo, quando stava terminando gli studi in una scuola superiore a Conklin, una cittadina dove il 90% della popolazione è bianca, agli studenti è stato chiesto di spiegare cosa intendevano fare dopo il diploma.

Il ragazzo, allora 17enne, ha risposto che stava pianificando un “omicidio-suicidio”, un atto di violenza diventato sin troppo comune negli Stati Uniti: uno uccide più persone possibili e poi si toglie la vita. La scuola ha chiamato la polizia, ma Gendron ha detto che era tutto uno scherzo. Due settimane dopo, si è laureato ed è uscito fuori dal radar della polizia. Gendron ha pubblicato controverso manifesto politico che, nella sostanza e nella forma, nota El Pais, risulta essere una sorta di imitazione di quello scritto dal 28enne australiano Brenton Tarrant, che nel 2019 uccise 51 musulmani in due moschee a Christchurch, in Nuova Zelanda. Episodio che a sua volta ricorda la sparatoria di massa perpetuata da Patrick Crusius nel 2019 a El Paso, in Texas, dove vennero uccisi 23 latino-americani.

Ci sono però altri dettagli interessanti, come abbiamo già sottolineato su InsideOver. L’omicida si definisce un “eco-fascista” e nel documento pubblicato online incolpa l’immigrazione, colpevole di creare danni all’ambiente. “Per troppo tempo abbiamo permesso alla sinistra di cooptare il movimento ambientalista per soddisfare i propri bisogni”, si legge nel il manifesto del presunto killer di Buffalo. “La sinistra ha controllato tutte le discussioni sulla conservazione dell’ambiente, presiedendo contemporaneamente alla continua distruzione dell’ambiente naturale stesso attraverso l’immigrazione di massa e l’urbanizzazione incontrollata, senza offrire una vera soluzione a nessuno dei due problemi”. Nello stesso manifesto, Gendron si descrive come un “autoritario di sinistra” e un “populista” (“Rientro nella categoria di una sinistra autoritaria moderata, e preferirei essere chiamato populista” spiega).

Così la sinistra strumentalizza la strage di Buffalo
Il diritto a portare un’arma diventa una causa antirazzista
È scontro sul possesso di armi dopo la strage in Texas

Solitari e annoiati: chi sono i killer d’America

Noia, disperazione, rabbia, solitudine. Sono gli elementi peculiari dei killer d’America che si ritrovano pressoché in tutti i profili. Basti pensare ad Adam Lanza: aveva appena 20 anni quando il 14 dicembre 2012 sparò a sua madre, Nancy Lanza, e poi si recò alla Sandy Hook Elementary School (Connecticut) dove massacrò 20 alunni di prima elementare e sei educatori prima di togliersi la vita. Tra i fattori che potrebbero aver causato l’ansia che ha portato alla follia omicida di Lanza c’era l’ipotesi di trasferirsi con la madre e un “litigio” con il suo – unico migliore amico. “Lanza conosceva un altro adolescente con cui giocava regolarmente al videogioco Dance Dance Revolution“, afferma il rapporto che ha fatto luce su quella strage.

“Si incontravano alcune volte al mese per giocare al videogame o per andare al cinema. Lanza e il suo amico parlavano di molteplici argomenti, inclusi computer, natura umana, moralità, pregiudizi e talvolta della sua famiglia. Lanza disse al suo amico che aveva una relazione tesa con sua madre”. E aggiunge: “Lanza ha dovuto affrontare sfide di sviluppo significative sin dalla prima infanzia, comprese difficoltà nella comunicazione e sensoriali, ritardi nella socializzazione e comportamenti ripetitivi”, afferma lo stesso rapporto. Gravi problematiche che sembrano riguardare e colpire tutti i giovani stragisti negli Stati Uniti.



Stragi di massa, perché non è solo colpa delle armi e dei Repubblicani
Stefano Magni
26 maggio 2022

https://it.insideover.com/criminalita/s ... 1653663315

Robb Elementary School, Uvalde, Texas, Salvador Ramos, un diciottenne con evidenti problemi psicologici (fra cui l’autolesionismo), si barrica in una classe. È armato con due fucili regolarmente acquistati al suo compleanno della maggiore età. A casa aveva già sparato alla nonna che aveva cercato di fermarlo. A scuola trucida 21 persone, due adulti e diciannove bambini, prima di essere a sua volta ucciso dalla polizia.

Secondo il presidente Joe Biden, la responsabilità principale è della “lobby delle armi”, di cui il governatore texano Gregg Abbott, repubblicano, è un sostenitore e membro influente. In base alla legge 1927, promulgata in Texas nel settembre 2021, tutti possono portare armi da fuoco, anche fuori casa, anche se non provvisti di licenza o senza avere una formazione per il loro uso. Per la stampa liberal americana, e per buona parte di quella italiana, è Gregg Abbott il responsabile a monte della strage commessa da Salvador Ramos. A marchiare la sua “infamia” rispunta un tweet del 2015 in cui sosteneva, con ironia da macho: “Sono imbarazzato. Il Texas è solo al secondo posto per gli acquisti di nuove armi dietro alla California”.

Se però vogliamo vedere le responsabilità della strage di Uvalde, da un’altra prospettiva, perché nessun uomo armato è intervenuto a difendere i bambini dallo stragista? Nelle lettere inviate dai lettori al Wall Street Journal, nel dibattito lanciato dal prestigioso quotidiano sul Secondo Emendamento (diritto dei cittadini di possedere e portare armi), la prima risposta può apparire sbalorditiva agli occhi di chi è abituato a pensare all’europea: “Proteggere il Secondo Emendamento perché i secondi sono importanti”, titola il lettore, “Nel 2016, le mie due sorelle più giovani sono state testimoni dell’omicidio della cantante Christina Grimmie, quando erano in fila per incontrarla dopo un concerto. L’assassino di Grimmie è entrato indisturbato con due pistole cariche, due caricatori e un grande coltello. Non è stato fermato dalla sicurezza, ma dal fratello di Christina”. Se solo ci fossero state più armi… “In molte situazioni la polizia impiega qualche minuto ad arrivare, ma atti di violenza che possono cambiare la vita per sempre, avvengono in secondi”.

Senza entrare nel merito delle origini incomprensibili delle stragi di massa, una peculiarità della storia criminale americana, in Europa siamo abituati a ragionare in termini di monopolio statale pressoché assoluto delle armi. E tendono a sfuggirci alcuni dettagli importanti. Ad esempio, che le stragi di massa avvengono quasi sempre in luoghi in cui le armi sono proibite, come nelle scuole. I killer sanno di affrontare vittime indifese, sanno di essere gli unici armati e di poter agire indisturbati.

Il Texas è uno degli Stati con le leggi più permissive sul porto d’armi. Ma, in generale, non è uno degli Stati in cui si contano più morti per omicidi commessi con armi da fuoco. È nella media degli Stati Uniti. Ai vertici della triste classifica si collocano altri Stati del Sud: Louisiana, Mississippi, Alabama, Missouri, stranamente anche lo spopolato e paradisiaco (dal punto di vista naturale) Wyoming. Più violenti del Texas sono anche New Mexico, Oklahoma, Arkansas, Tennessee, Kentucky, South Carolina e (altri due casi inspiegabili) gli Stati dell’estremo nord Montana e Alaska. Il Texas, insomma, non è un caso speciale, né disperato, a causa delle sue leggi molto permissive sulle armi.

Lo è dal punto delle stragi di massa, un fenomeno molto più raro, nelle scuole o altri luoghi pubblici. Il Texas si colloca secondo dopo la California (23 stragi dal 1982) e alla pari con la Florida, contando 12 stragi negli ultimi 40 anni. Nemmeno questo dipende, però, dal grado di controllo sulle armi. La California, infatti, ha la legislazione più severa di tutti gli Usa, eppure… Anche la Florida ha leggi molto più restrittive rispetto a quelle del Texas, ma registra lo stesso numero di stragi di massa.

Insomma, è facile puntare il dito contro il Secondo Emendamento, le lobby delle armi e i loro sostenitori, specie se repubblicani (e trumpiani, magari, come Abbott). Ma la realtà non è così lineare, non si presta a facili politicizzazioni. Basti pensare che l’ultima strage di massa, la settimana scorsa, al supermercato Tops è avvenuta a Buffalo, Stato del New York. Governatrice democratica e liberal: Kathy Hochul. Ma in quel caso la responsabilità è ricaduta interamente sullo stragista, suprematista bianco, razzista.



Confrontarsi con il male sulla scia della sparatoria alla scuola di Uvalde
Joel B. Pollak, Breitbart News
Tratto e tradotto da un articolo di Joel B. Pollak per Breitbart News
27 maggio 2022

https://osservatorerepubblicano.com/202 ... bart-news/

Martedì sono andato a prendere mio figlio alla scuola elementare pubblica ed ho avuto lo stesso pensiero che sicuramente hanno avuto milioni di genitori in tutta l’America: Sono fortunata a fare questo.

Perché in quel momento, le mamme e i papà di Uvalde, in Texas, aspettavano, e aspettavano, fuori dalla scuola dei loro figli, figli e figlie che non sarebbero mai più tornati a casa.

Non ci è voluto molto perché i Democratici chiedessero il controllo delle armi ed incolpassero i Repubblicani per la sparatoria di massa. Dopo tutto, è un anno di elezioni.

Almeno questa volta non hanno incolpato il “suprematismo bianco” o Fox News per quegli omicidi.

Come ha scritto l’editorialista del Los Angeles Times, con un notevole senso di incredulità, sia l’autore della sparatoria che la maggior parte delle vittime erano latinos: “Ho subito pensato: sarà stato il solito suprematista bianco. […] Quando invece ho scoperto che la persona che martedì ha ucciso 19 bambini di quarta elementare e due insegnanti a Uvalde, in Texas, aveva un nome… mi si è chiuso lo stomaco. […] Quando è uno dei tuoi che uccide un suo simile, cosa succede?”.

“Allora cosa?”

Allora forse si può smettere di cercare delle persone da incolpare e di trovare modi sempre nuovi per collegare crimini orribili a delle persone che non hanno nulla a che fare con l’evento, ma con le quali si hanno dei disaccordi politici.

E smetterla di attaccare i “pensieri e le preghiere“, che sono un modo reale ed utile di affrontare e mostrare empatia.

L’impulso costante a demonizzare l’altra parte ha reso la nostra politica grossolana al punto da rendere impossibile la cooperazione. I nostri leader non riescono nemmeno a tenere una conferenza stampa.

Non ci sono risposte facili. Tutti noi vogliamo sapere cosa si può fare per fermare le sparatorie nelle scuole.

Non posso parlare a nome di tutti i possessori di armi, ma anch’io mi sono chiesto se nuove leggi sul controllo delle armi potrebbero aiutare.

La risposta che ottengo sempre è che il controllo delle armi sarebbe impossibile da attuare.

Negli Stati Uniti ci sono centinaia di milioni di armi ed ogni anno se ne vendono milioni. E se il 2020 ci ha insegnato qualcosa, è che la nostra società rifiuta l’applicazione aggressiva della legge, soprattutto nelle comunità delle minoranze.

Di solito, in caso di sparatorie di massa, è difficile individuare una legge specifica che possa aver fatto la differenza. Ma forse a Uvalde non è così.

Una legge della California ha recentemente impedito ai giovani tra i 18 e i 20 anni di acquistare fucili semiautomatici, come quelli usati dall’uomo armato in Texas. Tuttavia, questa legge è stata annullata all’inizio di questo mese dal super-progressista Nono Circuito come una violazione del Secondo Emendamento.

Come ha notato lo studioso Jonathan Turley, la Costituzione è un ostacolo al controllo delle armi più grande della c.d. “lobby delle armi”.

Personalmente, se la Costituzione non fosse un ostacolo, probabilmente vieterei i videogiochi sparatutto, specialmente quelli in prima persona, prima di vietare le armi. La proliferazione di questi videogiochi è iniziata all’inizio degli anni ’90 ed ha coinciso con la comparsa delle sparatorie di massa nelle scuole.

La maggior parte dei giocatori capisce perfettamente che i videogiochi sono solamente fantasia. Ma se anche solo alcuni decidessero di sperimentare le loro fantasie di gioco nella vita reale, i risultati potrebbero essere devastanti.

Dal momento che abbiamo il Primo Emendamento, non ci potrà mai essere un divieto legale. Spetta dunque solamente ai genitori.

Alcuni a Sinistra chiedono che il Secondo Emendamento venga abrogato, o almeno modificato. Questo non accadrà. Dovrebbero essere d’accordo tre quarti degli Stati. E non lo faranno mai.

I redattori della Costituzione hanno deciso molto tempo fa che il rischio dietro all’avere una cittadinanza armata, con tutto il potenziale di crimine e di disordine, fosse più utile come garanzia finale contro la tirannia. Il risultato è una società più libera e più imprenditoriale, ma anche un po’ più pericolosa. Questo è il compromesso.

È più sensato quindi “indurire il bersaglio” proteggendo le scuole piuttosto che aspettarsi che i politici approvino un controllo sulle armi che in qualche modo sopravviva ai tribunali ed agli scoraggianti ostacoli alla sua attuazione.

Ma personaggi famosi – come l’allenatore dei Golden State Warriors Steve Kerr – e i politici Democratici ambiziosi – come il membro del consiglio scolastico di Los Angeles Nick Melvoin – hanno attaccato la “lobby delle armi” ed i Repubblicani. Hanno persino sostenuto gli sforzi per togliere la polizia nelle scuole. La sicurezza degli studenti non è la loro priorità.

Ciò che ha reso la sparatoria di Uvalde così difficile da trattare, a parte l’orrore puro, è che sembra sfidare le soluzioni politiche convenienti per tutti. “Controllo delle armi?”. L’assassino ha comprato le sue armi legalmente. “Guardie armate?”. Le prime notizie – poi smentite – parlavano di un agente nella scuola. “Leggi c.d. red-flag?”. L’assassino non aveva precedenti penali, almeno da adulto.

Poi, giovedì, abbiamo appreso che non c’era nessun addetto alla sicurezza, che l’uomo armato è entrato nell’edifico da una porta lasciata aperta e che la polizia ha aspettato per un’ora prima che una squadra della pattuglia della frontiera arrivasse ed entrasse nell’edificio facendo fuori il tiratore.

Quindi, possiamo proteggere le nostre scuole. Ma in troppi casi, abbiamo scelto di non farlo.

Il rappresentante Eric Swalwell (Democratico della California) ha addirittura dichiarato questa settimana alla MSNBC che i genitori dovrebbero dire ai loro figli di avere paura dopo Uvalde. Chiunque non lo facesse sarebbe “un bugiardo”, ha detto. Meglio traumatizzarli intanto che aspettano il controllo delle armi.

Ed è così che molti Democratici hanno reagito: sbandierando leggi fallimentari sul controllo delle armi ed incolpando i loro avversari politici dei morti (anche se si scopre che comunque quelle leggi non sarebbero servite a niente).

Ma è stato il governatore del Texas Greg Abbott (Repubblicano) ad avvicinarsi di più alla spiegazione della sparatoria di Uvalde, quando ha detto che un’ondata di malvagità è passata sulla città e che l’assassino aveva il male nel cuore.

Non è una spiegazione che molti di noi sono più abituati a sentire. Più siamo istruiti, più tendiamo a rifiutare le distinzioni tra il bene e il male, etichettandole come “semplicistiche” o “pericolose“.

“Solo un Sith parla per assoluti“, si diceva in Star Wars. Ed è generalmente vero che il mondo è complesso. Ma è anche vero che il bene e il male esistono.

Il modo migliore per combattere il male è promuovere il bene, nella nostra società come dentro di noi. Dobbiamo ricordarci l’un l’altro – e soprattutto ai nostri giovani – che c’è davvero un modo migliore per vivere, ed è la vita che i nostri testi giudaico-cristiani ci descrivono.

Possiamo fare fatica a vivere all’altezza di quel modello e possiamo desiderare di allontanarci da esso in tutti i modi possibili. Ma le sue virtù rimangono la migliore guida per una vita che sia buona. Anche se le scoprite al di fuori della religione, sarà difficile migliorarle.

Il male è ovunque. Il suo potenziale esiste in ogni momento. Ma non è come strillare che esiste il “razzismo sistemico”. Il fatto che ci sia il razzismo nella nostra società non significa che la società stessa sia razzista. L’America è stata fondata sulla libertà e sull’uguaglianza. Possiamo comunque scegliere di trattare ogni individuo in modo equo, indipendentemente dalla sua razza.

Allo stesso modo, il male non deve definirci. Possiamo scegliere il bene, anche quando ciò significa correre dei rischi.

E questo è il punto di partenza. Non riporterà indietro i bambini di Uvalde. Ma farà progredire il nostro Paese.



La California: al primo posto nel porre limiti alle armi, sempre al primo posto nelle sparatorie di massa Breitbart News
Un rapporto dell’FBI sugli “incidenti con le sparatorie” nel 2021 mostra che la California è lo Stato al primo posto per tali incidenti, 6 in totale

7 giugno 2023

https://osservatorerepubblicano.com/202 ... bart-news/


La California è al primo posto per quanto riguarda le restrizioni sulle armi, come ha osservato Everytown for Gun Safety, un’organizzazione affiliata a Mike Bloomberg.

Secondo l’FBI, nel 2021 si sono verificate 61 sparatorie con “tiratori attivi” in tutti gli Stati Uniti (un aumento di oltre il 50% rispetto all’anno precedente) e 12 di esse rispondevano alla definizione di “omicidi di massa“.

L’FBI definisce un “tiratore attivo” come uno o più individui attivamente impegnati ad uccidere o a tentare di uccidere persone in un’area popolata. La definizione implica l’uso di un’arma da fuoco da parte del tiratore. L’aspetto “attivo” della definizione implica intrinsecamente la natura continua di un incidente, e quindi la possibilità che la risposta influisca sull’esito, mentre un “omicidio di massa” viene definito come tre o più uccisioni in un singolo incidente.

La California ha guidato la classifica della nazione con 6 sparatorie di massa su 12. Sin dal 1982, la California ha registrato il maggior numero di sparatorie di massa, 20, rispetto al secondo posto della lista, la Florida, con 12.

La California però dispone di controlli universali sui precedenti, di un divieto sulle c.d. “armi d’assalto”, di un divieto sui caricatori ad alta capacità di proiettili, di un periodo di attesa di 10 giorni per l’acquisto di armi, di una una legge c.d. “Red Flag” che prevede il sequestro temporaneo delle armi da fuoco di una persona che si ritiene possa rappresentare un pericolo per gli altri o per se stessa, di requisiti per la registrazione delle armi, di un requisito di “giusta causa” per il rilascio di un permesso per il porto d’armi, di un divieto di portare un’arma in un campus universitario anche per autodifesa, di un divieto per gli insegnanti di introdurre armi da fuco nei campus per la difesa propria personale e della classe, di un requisito di controllo sui precedenti anche per l’acquisto delle munizioni e di un limite al numero di armi che un cittadino rispettoso della legge possa acquistare mensilmente, tra gli altri controlli. Inoltre, l’acquisto di munizioni è consentito solo se effettuato tramite un fornitore approvato dallo Stato.
Per confronto, in Wyoming, che dispone di un “Constitutional Carry” che consente di portare liberamente con sé le proprie armi, non c’è alcuna violenza con le armi da fuoco.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37710
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: USA: Trump e i repubblicani, Biden e i democratici

Messaggioda Berto » dom ago 07, 2022 7:32 am

I RINO della leadership del GOP al Senato si sono venduti ancora una volta e, guidati dal Sen. John Cornyn, hanno consegnato a Joe Biden e ai Democratici una storica vittoria sul controllo delle armi a meno di 140 giorni dalle elezioni di midterm. I Democratici festeggiano e si vantano di aver "aperto la strada" a misure più severe per il controllo delle armi
L'Osservatore Repubblicano
24 giugno 2022

https://www.facebook.com/ORepubblicano/ ... djxAGjkyHl

Senato ha approvato senza problemi una legge bipartisan contro la violenza delle armi da fuoco che sembrava impensabile solo un mese fa, dopo anni di ritardi procedurali attuati con successo dal GOP. I Democratici e alcuni Repubblicani "moderati" hanno infine deciso che l'inazione del Congresso era insostenibile dopo le stragi avvenute nel mese scorso a Buffalo e ad Uvalde.
Il provvedimento, del valore di 13 miliardi di dollari, prevede l'inasprimento dei controlli sui precedenti degli acquirenti di armi più giovani, l'allontanamento delle armi da fuoco da un maggior numero di autori di violenze domestiche e l'aiuto agli Stati per l'introduzione di leggi che rendano più facile per le autorità sottrarre le armi a persone giudicate pericolose. Inoltre, finanzierebbe programmi locali per la sicurezza scolastica, la salute mentale e la prevenzione della violenza. Il pacchetto, che è stato approvato nel corso di un anno elettorale, non è riuscito ad imporre restrizioni più severe alle armi che i Democratici richiedono da anni, tra cui il divieto delle armi d'assalto e dei caricatori ad alta capacità.
Il voto del Senato sull'approvazione finale del provvedimento è stato di 65 a 33, con 15 Repubblicani del Senato che si sono uniti a tutti e i 50 senatori Democratici per votare a favore della legislazione.
Tuttavia, questo voto ha evidenziato i rischi che i Repubblicani "moderati" corrono sfidando gli elettori ed i gruppi di interesse come la National Rifle Association. I senatori Lisa Murkowski, dell'Alaska, e Todd Young, dell'Indiana, sono gli unici due ad aver votato a favore dei senatori Repubblicani che andranno alla rielezione in autunno. Degli altri che hanno votato a favore, quattro si ritireranno mentre otto non dovranno affrontare gli elettori prima del 2026.
(Breitbart News)


George Soros difende i suoi procuratori mentre la criminalità dilaga negli Stati Uniti
(UpwardNews)
L'Osservatore Repubblicano
6 agosto 2022

https://www.facebook.com/ORepubblicano/ ... ZQVhTafG1l

Il miliardario di sinistra afferma che "non ci sono prove" che dimostrino che i suoi procuratori progressisti stiano causando un aumento della criminalità.
Quell'hobby di George Soros di finanziare i procuratori progressisti: Attraverso la sua rete di organizzazioni di azione politica, Soros ha donato più di 40 milioni di dollari a candidati procuratori distrettuali di sinistra.
George Soros si è difeso in un articolo del Wall Street Journal. Sostiene di essere preoccupato per la criminalità e che la sicurezza pubblica sia fondamentale. Afferma inoltre che "non ci sono prove" che dimostrino che i suoi procuratori progressisti stiano causando un aumento della criminalità. Al contrario, sostiene che siano necessari per il perseguimento della "giustizia sociale". Attribuisce la colpa dell'aumento della criminalità alla malattia mentale indotta dalle carceri e che raddoppierà i suoi sforzi.
"Negli ultimi anni, in tutto il Paese, i procuratori e gli altri funzionari delle forze dell'ordine con una mentalità riformatrice si sono coalizzati intorno ad un programma che promette di essere più efficace e giusto".
Qual è stato il risultato dei suoi sforzi? I procuratori di George Soros limitano le incarcerazioni ed i procedimenti giudiziari in nome della "giustizia sociale", il che ha scatenato un'ondata di crimini violenti nelle città più liberal del tutto evitabile. Il massacro di Waukesha è stato in parte causato da un procuratore distrettuale legato a Soros che aveva rilasciato su cauzione il criminale violento. Per questo motivo, gli americani che vivono in città piene di crimini si stanno organizzando per estromettere i politici sostenuti da Soros.
Il quadro generale: In America è in corso una battaglia sul sistema giudiziario penale. Attori ideologici come George Soros spingono per una riforma penale di stampo progressista, ma non ne sperimentano mai le conseguenze. Quelli che lo fanno sono di solito gli americani innocenti.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37710
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: USA: Trump e i repubblicani, Biden e i democratici

Messaggioda Berto » dom ago 07, 2022 7:32 am

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37710
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

USA: Trump e i repubblicani, Biden e i democratici

Messaggioda Berto » ven set 23, 2022 9:05 pm

.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37710
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Precedente

Torna a Diritti umani, discriminazioni e razzismi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron