La mia terra non è la tua terra

La mia terra non è la tua terra

Messaggioda Berto » gio giu 14, 2018 4:30 am

La mia terra non è la tua terra. Chiudere i porti e presidiare ogni metro di costa.
viewtopic.php?f=194&t=2784

La terra è di tutti ma ognuno ha la sua terra e la deve difendere. Chiudere i porti e presidiare ogni metro di costa e di confine.

https://www.facebook.com/alberto.pento/ ... 2023444339

Prima del proprio diritto a emigrare, esiste il dovere di chiedere agli altri il permesso di essere accolti e il loro diritto di negarlo.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30213
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: La mia terra non è la tua terra

Messaggioda Berto » gio giu 14, 2018 4:31 am

Difendere la propria terra, il proprio paese, è come difendere la propria casa, la propria famiglia, i propri figli, la propria vita, i propri beni, la propria libertà, la propria umanità.
La legittima difesa non solo è pienamente umana ma è anche pienamente cristiana
viewtopic.php?f=141&t=2540
https://www.facebook.com/Legittima-dife ... 0546415416


Non portarti la morte in casa, non hai colpe né responsabilità
viewtopic.php?f=194&t=2624
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30213
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: La mia terra non è la tua terra

Messaggioda Berto » gio giu 14, 2018 4:32 am

I fanatici e gli esaltati, i dementi e gli irresponsabili dell'accoglienza ad ogni costo, sempre e comunque, sconsiderata e scriteriata, i falsi buoni, i cristiani e i comunisti cultori della fratellanza universale, ... , accolgano a loro spese e sotto la loro totale responsabilità civile, penale ed economica; adottino nelle loro famiglie chi vogliono accogliere o chi viene loro destinato, rispondendone in solido con i loro beni e il loro patrimonio personale e famigliare, versando una adeguata e congrua cauzione o fideiussione a garanzia.

Il Papa, la CEI, i cardinali e i vescovi come Bagnasco e Bassetti, i preti come Don Ciotti, i frati e le suore come la Bonetti, i cristiani di Sant'Egidio, i democomunisti come Sala e i comunisti come Kyenge, Gino Strada, Saviano, Bonino, Boldrini, Grasso, Oliviero Toscani, Minniti, de Magistris, Orlando, Martina, Zedda, ... i grillini o pentastellati dell'accoglienza come Fico, diano il buon esempio e adottino personalmente e non associativamente, a loro spese e responsabilità.
Il governo prepari una legge adeguata a tal fine, dimodoché democraticamente siano rispettatti i voleri e i desideri di tutti: di chi vuole accogliere e di chi non vuole accogliere; nella legge si preveda un congruo risarcimento alle eventuali vittime dei crimini, dei delitti e dei danni perpetrati, compiuti, provocati da chi viene accolto e adottato, a carico esclusivo di chi adotta che ne risponde con i suoi beni mobili e immobili, personali e famigliari.


Quelli che sentono il bisogno o il dovere assoluti di aiutare gli altri lontani, gli ultimi della terra, l'umanità più debole e malandata, possono sempre vendere tutto e andare in questi paesi a portare il loro aiuto e il loro servizio, nessuno li impedisce o li trattiene.



Migranti, Ravasi: 'Ero straniero e non mi avete accolto'
11 giugno 2018

http://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca ... efceb.html

"Ero straniero e non mi avete accolto (Mt 25,43) Aquarius". E' il tweet, con la frase dal Vangelo di Matteo cambiata in negativo, diffuso stamane dal cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, in relazione alla vicenda della nave con a bordo 629 migranti cui per ordine del ministro dell'Interno Matteo Salvini è stato vietato l'attracco nei porti italiani.


La Bonino Demente
Emma Bonino "accecata" dalla rabbia: Lega e M5s hanno un piano eversivo!
https://www.facebook.com/antonello.busa ... 5177483232

Per Emma Bonino Lega e M5s hanno un "disegno eversivo", a partire da migranti ed euro.
"Abbiamo vissuto in questi giorni e ho paura non sia finito, il più grave attacco nella storia della nostra Repubblica, alla democrazia rappresentativa, alla Costituzione, all'ordinamento liberale", ha affermato la leader di +Europa.
"Questo è un disegno eversivo che contempla inoltre lo smantellamento delle norme che garantiscono alle componenti del Parlamento libertà di espressione assoluta ed è l'affermazione di un nuovo regime dei partiti. Le forze politiche maggioritarie alle ultime elezioni hanno ventilato, al di là delle convulsioni di vocabolario, un'uscita dell'Italia dalla Ue e dall'euro, le cui conseguenze sarebbero una perdita catastrofica del valore dei risparmi delle famiglie e del loro potere d'acquisto, insieme a un aumento drammatico della povertà e dell'insicurezza tra la maggioranza della popolazione".
Bonino sul tema migranti dice: "Rimandiamoli tutti indietro è una delle cose più impraticabili".


???
Aquarius, Alessandro Sallusti contro il cardinale Ravasi: "Mettere in croce Matteo Salvini non salverà la Chiesa dalle sue omissioni"
12 Giugno 2018

http://www.liberoquotidiano.it/news/per ... 8.facebook

Non risparmia una bella bordata al cardinale Ravasi - che ieri aveva pesantemente attaccato Matteo Salvini citando il Vangelo "Ero straniero e non mi avete accolto" - Alessandro Sallusti. "Il cardinale Ravasi è una delle massime autorità morali" e "ha tutto il nostro rispetto" ma, scrive il direttore nel suo editoriale sul Giornale, i fatti "danno torto al cardinale perché l'Europa, meta degli «stranieri», grazie all'Italia le sue porte le ha aperte. E mai, neppure per un secondo, quei seicento immigrati che si trovavano a bordo della Aquarius, hanno corso il ben che minimo rischio e Salvini è stato il primo a preoccuparsi della loro incolumità inviando a bordo personale medico".

Di più, continua Sallusti, Salvini si è comportato in Europa come un "buon prete" che "tiene aperte all'accoglienza le porte della sua parrocchia ma che" se si crea "il caos" per "un eccesso di domanda", "chiama il vescovo e gli chiede di sollecitare i distratti preti delle parrocchie vicine a fare altrettanto per dividere in parti uguali costi e fatiche". Insomma, "mettere in croce il leader della Lega non salverà la sinistra dai suoi peccati e la Chiesa dalle sue omissioni".



Aquarius, presidi in tutta Italia con lo slogan “Apriamo i porti”. Medici senza frontiere: “Grazie per la solidarietà”
2018/06/12

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/0 ... ta/4423191

Sit-in da Milano a Brindisi, da Torino a Benevento per protestare contro la decisione del ministro dell'Interno Matteo Salvini di chiudere i porti italiani all'imbarcazione. "È per noi un incoraggiamento e un’importante manifestazione di vicinanza", ha dichiarato lo staff della Ong

Milano, Firenze, Napoli, Torino, migliaia di persone tutte riunite per il presidio “Apriamo i porti. Garantiamo il soccorso in mare”. E ancora manifestazioni e sit-in da Pavia a Brindisi, da La Spezia a Vicenza, da Como a Benevento, a rappresentanza di quella parte d’Italia che non condivide la decisione del ministro dell’Interno Matteo Salvini di impedire alla nave Aquarius di attraccare nei porti italiani.

“Grazie a tutti per la solidarietà!”, ha scritto Medici Senza Frontiere sul proprio sito, i cui medici si trovano sull’imbarcazione ora diretta in Spagna. “Esprimiamo i nostri più profondi ringraziamenti a tutti quelli che in queste ore difficili ci hanno espresso la loro solidarietà per le vicende legate alla preoccupante situazione della nave Aquarius e dei suoi 629 ospiti a bordo. È per noi un incoraggiamento e un’importante manifestazione di vicinanza”. Lo staff della Ong ha poi aggiunto che “negare lo sbarco a persone disperate soccorse in mare non può essere considerata una vittoria: è la risposta sbagliata alla mancanza di responsabilità e condivisione degli oneri tra gli Stati membri dell’Unione Europea. Tutti i governi e le istituzioni europei – continua il comunicato – devono entrare in azione e sostenere i Paesi che sono in prima linea a gestire gli arrivi dal mare, come l’Italia, per garantire soluzioni condivise. Ringraziamo la società civile e le associazioni per aver organizzato in pochissime ore manifestazioni e presidi in tutta Italia a cui partecipiamo con i nostri volontari, con i soci e con lo staff locale”.

Al presidio di Milano ha preso parte, tra le mille persone presenti, anche il cantautore Roberto Vecchioni. “Bisogna manifestare per forza. Ogni volta che succede una cosa che è contro i principi fondamentali dell’umanità bisogna farsi vedere”, ha dichiarato. Con lui in piazza anche il giornalista Gad Lerner e il fondatore di Emergency Gino Strada. A Firenze la manifestazione si è svolta davanti alla prefettura, mentre a Torino un migliaio di persone si è raccolta in piazza Castello con il presidente della Regione, Sergio Chiamparino. Nel corso del sit-in organizzato a Napoli, invece, si è svolta un’azione dimostrativa della Rete antirazzista, del movimento Migranti Napoli e di Potere al Popolo. Le bandiere della Lega e del Movimento 5 stelle, ora insieme al governo, sono state imbrattate con della vernice rossa a simboleggiare il sangue dei migranti che perdono la vita nel Mediterraneo.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30213
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: La mia terra non è la tua terra

Messaggioda Berto » gio giu 14, 2018 4:34 am

A difesa dei diritti umani e civili dei cittadini italiani ed europei
Contro l'invasione che viola e calpesta i diritti umani e civili e la sovranità dei cittadini italiani ed europei
viewtopic.php?f=194&t=2778

https://www.facebook.com/permalink.php? ... 7003387674


Salvini sugli immigrati: “Non c’è lavoro per gli italiani, figuriamoci per mezzo continente africano”
Il neo Ministro degli Interni da Catania rilancia le sue idee sulla regolamentazione del fenomeno immigrazione: “la Sicilia non può essere il campo profughi d’Europa”
3 giugno 2018
https://news.fidelityhouse.eu/politica/ ... ra_00043_C


“Noleggia un immigrato, poi lascialo a pane e acqua”. Questo lo spot razzista del leghista Bosco
Flavio Briatore sul reddito di cittadinanza: "Al Sud stanno già sul divano"
Lorenzo Fontana, il nuovo ministro per la famiglia e le disabilità contro aborto, unioni gay, e gender
Cerignola: ecco il video del candidato sindaco che picchia il portaborse per una cena elettorale
In tour in Sicilia, per sostenere le candidature del centrodestra alle prossime elezioni comunali del 10 giugno, Matteo Salvini, neo Ministro degli Interni, ha chiarito la sua netta posizione per contrastare il fenomeno dell’immigrazione.

Da Catania, il leader del carroccio, ha auspicato buon senso nella risoluzione di questo problema, che ormai da anni vede coinvolta l’Italia nell’accoglienza dei profughi provenienti dal continente africano. “Non c’è lavoro per gli italiani, figuriamoci per mezzo continente africano”, le parole del vicepremier che ha risposto alle accuse di razzismo ricevute nei giorni scorsi.
Salvini, infatti, annunciando un imminente viaggio in Tunisia, ha precisato che il suo obiettivo è quello di lavorare affinché i governi africani mettano un freno alle partenze verso il continente europeo. Il Ministro ha anche anticipato l’intenzione di intensificare le espulsioni, perché con l’attuale ritmo “il problema lo risolviamo in 80 anni!”.
Secondo Salvini, il costo procapite, che lo Stato italiano sopporta per ogni migrante, è il più alto d’Europa, e tale business fa gola a molte associazioni che gestiscono i centri di accoglienza. Il suo progetto è di ridurre questo costo per debellare quelle ONG, nate solo per lucrare su questo triste fenomeno.
Per il Ministro degli Interni, l’Unione Europea non sta aiutando il nostro paese, e annuncia che nel prossimo vertice di martedì, l’Italia si opporrà ad ospitare altri immigrati, oltre a quelli già presenti. Per Salvini, la Sicilia non sarà più il campo profughi d’Europa.
Il leader del carroccio è intervenuto anche sulle recenti tragedie in mare al largo della Tunisia e della Turchia, che hanno causato la morte di quasi 50 persone. “C’è un unico modo per salvare queste vite: meno gente che parta, più rimpatri”, il pensiero di Salvini. Infine ha annunciato una querela nei confronti di Roberto Saviano che aveva definito disgustose le sue parole di accuse verso le ONG e aveva accusato il Ministro di essere “un uomo che vuole fare annegare le persone”.


Migranti, scontro sui social fra Saviano e Toninelli. E Salvini interviene
2018/06/12

http://www.repubblica.it/politica/2018/ ... /?ref=fbpr

ROMA - Botta e risposta su Twitter fra lo scrittore Roberto Saviano e il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli sui migranti e sulla vicenda della nave Aquarius. Un dibattito nel quale interviene anche il responsabile del Viminale Matteo Salvini e che coinvolge, indirettamente, l'ex presidente della Camera Laura Boldrini.

Tutto cominicia da un tweet di Saviano rivolto anche a Salvini, in cui lo scrittore li accusa di comportarsi "da banditi" e rimanda a un video pubblicato su Fanpage in cui afferma di raccontare "le balle del governo sui migranti".

Di lì a poco arriva la risposta di Toninelli: "Caro Roberto Saviano, i banditi sono coloro che hanno lucrato per anni sulla disperazione dei profughi, con la complicità di certa politica. Chiedere agli altri Paesi Ue di fare la propria parte, come sta facendo l'Italia, significa prima di tutto voler aiutare questa povera gente".

Seguita da un contro-tweet di Saviano: "Aiutare significa fare un braccio di ferro prendendo in ostaggio donne e bambini? Rischiare sulla loro pelle senza sapere, ancora oggi, che fine faranno? No Toninelli, questa non è politica, ma banditismo e lei ne è orgoglioso assertore. Non so come faccia a non provare vergogna".
A questo punto nel dibattito social si inserisce Salvini, il quale replica all'autore di Gomorra e anche all'ex presidente della Camera Laura Boldrini che in una precedente intervista a Fanpage, nel commentare il caso Aquarius e la chiusura dei porti italiani, aveva affermato: "Salvini è disperato, cerca di distrarre l'opinione pubblica dai problemi reali". Il vicepremier risponde: "Difendo la sicurezza degli italiani".
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30213
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: La mia terra non è la tua terra

Messaggioda Berto » gio giu 14, 2018 4:35 am

No al colonialismo bianco dell'Africa e no al colonialismo nero dell'Europa. No all'invasione, no all'accoglienza obbligatoria e indiscriminata.

Colonizzazione e decolonizzazione dell'Africa
viewtopic.php?f=194&t=1822

All'Africa e agli africani non dobbiamo nulla, ma proprio nulla, niente di niente, tanto meno agli asiatici e ai nazisti maomettani d'Asia e d'Africa. Ci dispiace per i cristiani ma non possiamo accogliere tutti perché non vi è spazio, non vi sono risorse e non c'è lavoro, in Italia vi sono già milioni di poveri, di disoccupati e di giovani costretti a migrare; e un debito pubblico tra i più alti del mondo occidentale che soffoca lo sviluppo e alimenta i parassiti e la corruzione. Gli africani si arrangino e restino in Africa a risolvere i loro problemi.
viewtopic.php?f=194&t=2494

Africa razzista, il continente nero è tra i più razzisti della terra
viewtopic.php?f=196&t=2750

Crimini dei nazisti maomettani marocchini e africani in Europa
viewtopic.php?f=188&t=2753

Pensa prima alla tua gente e al tuo paese che ne hanno bisogno, invece che agli africani e all'Africa
viewtopic.php?f=205&t=2681

Non portarti la morte in casa, non hai colpe né responsabilità
viewtopic.php?f=194&t=2624


Aquarius, il messaggio nascosto della Libia all'Italia: se non rispettate i patti vi mandiamo tutti gli immigrati
12 Giugno 2018
http://www.liberoquotidiano.it/news/ita ... s.facebook
Dietro il caso della nave Aquarius c'è un'altra questione che riguarda la Libia che ha di fatto sospeso i controlli sulle sue coste e sta facendo ripartire i barconi degli immigrati. In sostanza la Libia sta mandando un messaggio al governo italiano perché vuole che l'Italia rispetti gli accordi che erano stati sottoscritti con l'ex premier Paolo Gentiloni e l'allora ministro dell'Interno Marco Minniti.
E il messaggio per Matteo Salvini e Luigi Di Maio è chiaro: se saranno ignorati i patti questo sarà il risultato. Una vera e propria invasione di immigrati. Una questione che è anche all'attenzione dei responsabili dei servizi segreti che hanno avuto un ruolo chiave nella trattativa con Tripoli.
"E' un segnale all'Italia", dice Gianni Barbacetto ospite a L'aria che tira su La7, "se non ci date i soldi che ci dava Minniti per i lager noi li riapriamo e ve li spediamo tutti, è il ragionamento della Libia".

Alberto Pento
È una dichiarazione di ostilità e di guerra, mobilitare la marina militare e l'aviazione.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30213
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: La mia terra non è la tua terra

Messaggioda Berto » gio giu 14, 2018 4:35 am

.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30213
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: La mia terra non è la tua terra

Messaggioda Berto » gio giu 14, 2018 4:37 am

No all'invasione mora e saracena, no al nazismo maomettano, no all'idolatria disumana, demenziale e terrificante islamica.


Crimini dei nazisti maomettani marocchini e africani in Europa
viewtopic.php?f=188&t=2753

Non portarti la morte in casa, non hai colpe né responsabilità
viewtopic.php?f=194&t=2624

All'area arabo islamica del nazismo maomettano d'Africa e d'Asia, noi europei, occidentali, atei e cristiani non dobbiamo nulla, anzi
viewtopic.php?f=188&t=2674

Africa razzista, il continente nero è tra i più razzisti della terra
viewtopic.php?f=196&t=2750

Razzismo africano:
interetnico e tribale, dei neri contro i bianchi, dei maomettani contro i cristiani, gli ebrei e gli animisti


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... lema-2.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30213
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: La mia terra non è la tua terra

Messaggioda Berto » gio giu 14, 2018 4:38 am

Il più delle volte tutti quelli che hanno più a cuore gli altri, gli stranieri, che la propria gente, sono sempre coloro che vivono predando, opprimendo e calpestando la propria gente o alle sue spalle.


Magdi Cristiano Allam
12/06/2018

https://www.facebook.com/MagdiCristiano ... 4601083453

C'è un pericolosissimo clima d'odio nei confronti di Salvini. Intervengano subito Mattarella e la Magistratura prima che esploda la violenza e si destabilizzino le istituzioni democratiche

Cari amici, si sta creando un pericolosissimo clima d'odio e di istigazione a delinquere nei confronti di Matteo Salvini, il leader della Lega diventato vice-Primo ministro e Ministro dell'Interno. Criticare un politico è assolutamente legittimo. Ben venga la critica se è oggettiva, cioè fondata sui fatti, ispirata a costruire e non a distruggere. Lo faccio personalmente avendo a cuore il bene primario degli italiani e l'interesse supremo dell'Italia. Ma aizzare l'odio e istigare alla violenza rischia di far implodere il fronte interno, attentando alla sicurezza nazionale e destabilizzando l'insieme del quadro istituzionale.
Solo negli ultimi giorni abbiamo assistito ad una manifestazione di esponenti della «Unione Sindacale di Base» o USB, in cui hanno sfilato prevalentemente degli africani, che hanno ripetuto ossessivamente «Salvini assassino» e poi hanno bruciato la bandiera della Lega. A Milano la Sinistra e gli immigrati hanno manifestato con dei cartelli con la scritta «Lega, Salvini, Assassini». Emma Bonino, leader storica dei Radicali e che alle ultime elezioni politiche ha capeggiato la lista «+ Europa», ha dichiarato che «il linguaggio di Salvini è un misto di volgarità e di squadrismo offensivo», evocando il fascismo. Eugenio Scalfari, il fondatore di «La Repubblica» ha scritto un editoriale dal titolo «Svegliamoci e salviamo il Paese dai razzismi», accusando Salvini e Di Maio di essere «razzisti e populisti». Gino Strada, il fondatore di Emergency, ha detto: «Salvini? Mai avrei pensato di vedere ancora ministri razzisti. A 70 anni voglio andar via dall'Italia». Non poteva mancare l'ex Presidente della Camera Laura Boldrini che ha definito Salvini un «disperato». L'intellettuale di punta della Sinistra, Roberto Saviano, si è spinto a dire che Salvini è un «bandito». Persino Giuliano Ferrara, il fondatore di «Il Foglio», si è scatenato qualificando Salvini «il bullo di stato» e chiamando alla mobilitazione la magistratura che lui ha lungamente denunciato quando si trattò di difendere Berlusconi di cui è stato ministro: «Avvocati e giuristi non dormite. Denunciare Salvini: le questioni politiche vengono dopo, ora bisogna fermare il bullo di stato». La cantante rediviva Rossana Casale si è aggiunta al coro: «Prendete i figli di Salvini e metteteli a bordo dell'Aquarius. Ora». Contro la decisione di Salvini di chiudere i porti italiani si sono mobilitate tutte le associazioni legate alla Sinistra, dall'Arci all'Anpi. Il mondo cattolico legato a Papa Francesco, dalla Conferenza Episcopale Italiana all'Azione Cattolica, ha “scomunicato” Salvini ricordando il detto di Gesù «Ero straniero e non mi avete accolto» (Matteo, 25,43). Infine non sono mancate le condanne dell'Onu, dell'Unione Europea, della Spagna che si è resa disponibile ad accogliere la nave Aquarius, e della Francia che ha definito la decisione di Salvini «vomitevole» e «una forma di cinismo e di irresponsabilità».

Cari amici, piaccia o meno gli italiani hanno scelto alle recenti elezioni dello scorso 4 marzo il Movimento 5 Stelle come primo partito in assoluto e la Lega come primo partito in seno alla coalizione del Centrodestra. Personalmente ho espresso le mie perplessità su questo sodalizio tra forze discordanti sul piano dei contenuti politici e su una scelta di potere che di fatto tradisce gli impegni presi con gli elettori prima del voto. Ma si tratta in ogni caso di un governo legittimo. Piaccia o meno è il governo che gode della maggioranza politica in seno al Parlamento. Piaccia o meno è un governo contemplato dalla nostra Costituzione e che pertanto va rispettato da tutti gli italiani, compresi quelli che legittimamente hanno idee politiche diverse. Si può certamente criticare ma non criminalizzare Salvini e il suo governo. Invito pertanto il Presidente della Repubblica a intervenire subito per porre fine a questa strategia di linciaggio mediatico e di discredito politico sia interno sia internazionale nei confronti di un governo che lui ha nominato. E qualora ci fossero dei reati, ebbene intervenga subito la Magistratura per salvaguardare l'onorabilità delle istituzioni dello Stato, a prescindere dalle idee che un governo può legittimamente avere.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30213
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: La mia terra non è la tua terra

Messaggioda Berto » gio giu 14, 2018 4:39 am

Da tenere sempre presente che tutto quello che viene speso per accogliere questa gente non proviene dai miracoli dei santi e del Papa e dei vescovi o dalla provvidenza divina richiamata dalle preghiere e dai riti religiosi ma solo ed esclusivamente dalle tasche dei cittadini che prelevate con l'obbligatorietà e la violenza delle imposte si trasformano in risorse pubbliche.
Tutto ciò che viene dato a questa gente che non ha alcun diritto, viene tolto/sottratto/distolto ai cittadini italiani ed europei bisognosi; tutto ma proprio tutto. A cui vanno ad aggiungersi i danni alla sicurezza e della criminalità dei clandestini, degli africani e dei maomettani.



"Da tre anni ospito migranti a casa mia a Treviso. Se non accogliamo, torniamo alla barbarie"
di Giuseppe Pietrobelli | 12 giugno 2018

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/0 ... ie/4418892

“Suonino le trombe per questo premio, speriamo che svegli gli animi. Non lo dico per me, ma per il segnale che abbiamo lanciato, qui, dall’Italia”. Il professor Antonio Silvio Calò, docente di storia e filosofia al Liceo Classico Canova di Treviso, è un uomo mite, schivo, e ha 57 anni. Tre anni fa, quando aprì la porta di casa propria a sei extracomunitari non voleva quasi che lo si sapesse in giro. Per non diventare un caso, per non sembrare colui che si metteva in mostra sulla pelle degli extracomunitari richiedenti asilo, seppur aiutandoli. Ma adesso, dopo aver ricevuto una lettera del vicepresidente del Parlamento europeo, Sylvie Guillaume, invita tutti a festeggiare, perché gli è stato conferito il riconoscimento di “Cittadino europeo dell’anno”. Un segnale significativo, con una Unione Europea che non ha sempre aiutato l’Italia a sostenere l’arrivo massiccio di stranieri sulle proprie coste. Oltre a lui, riceveranno lo stesso premio anche la Fondazione bresciana Assistenza Psicodisabili Onlus (Bap), la dottoressa Paola Scagnelli, che è primario e medico volontario in Tanzania, e don Virginio Colmegna, presidente della Fondazione ‘Casa della carità’.

Calò si è fatto carico, nella propria casa di Povegliano, a una dozzina di chilometri da Treviso, dell’accoglienza diffusa. E lo ha fatto nel modo più semplice. Ha ospitato sei stranieri. In Prefettura, nel 2015, aveva detto: “Se serve aiuto per l’accoglienza, sono disponibile a ospitare un gruppetto di migranti. Voglio dare una mano”. Aveva diverse stanze e una taverna libere. E così aveva predisposto le suppellettili per accogliere sei africani.

È evidente che alle spalle ci sia un retroterra culturale, una sensibilità sociale non comune, in una terra come la Marca trevigiana dove le parole d’ordine leghiste hanno attecchito da sempre. “L’accoglienza è un tema universale. Altrimenti torniamo alla barbarie. C’è in giro un venticello pericoloso, offensivo per le persone”. Il professor Calò non nasconde la soddisfazione. “Sono emozionato e felice, non mi vergogno. Non ho mai sfruttato i giornali, ma ora li sprono a scrivere. Diamo eco a questo premio che dice una cosa importante: l’Italia è anche questo, non solo quello che si è sentito in campagna elettorale”. In questa avventura non avrebbe potuto gettarsi se non avesse avuto l’aiuto della moglie Nicoletta e dei quattro figli che ormai sono adulti.

La consegna del premio avverrà il 9 e 10 ottobre a Bruxelles. Si tratta di un riconoscimento che ogni anno va a progetti o iniziative (al massimo sono 50) che diano un contributo “alla cooperazione europea e alla promozione di valori comuni”. In questo caso un singolo cittadino ha fatto quello che gli Stati membri faticano a fare. Calò andrà a Bruxelles con la moglie e con uno dei sei giovani che ha accolto. Tutti e sei lavorano e sono pronti a lasciare la casa dove sono stati ospitati. Quando avverrà, i loro posti in casa Calò verranno rimpiazzati.


Alberto Pento
Costui ospita a spese di chi? Li ha forse adottati?


Pensa prima alla tua gente e al tuo paese che ne hanno bisogno, invece che agli africani e all'Africa
viewtopic.php?f=205&t=2681
https://www.facebook.com/alberto.pento/ ... 3718848248

Non vi è nulla di più umano e onorevole, ideale e spirituale nel pensare prima a costoro che alla tua gente.
Pensa prima ai tuoi concittadini, alla tua gente e al tuo paese, invece di pensare agli africani e all'Africa; anche se nel corso della tua vita te li hanno fatti disprezzare e odiare in qualche modo o per qualche ragione.
Quando si arriva a disprezzare e a odiare la propria gente e il proprio paese, anteponendovi gli altri è un segno di una tragica malattia della propria umanità, della propria gente e del proprio paese.
Non vi è nulla di cristiano nel disprezzare e nell'odiare la propria gente e il proprio paese e nel preferirvi altri a loro che sono il tuo vero e primo prossimo.
Poi pensa a quanti ultimi vi sono tra la tua gente: quanti poveri e bisognosi, ammalati e oppressi, disoccupati e senza casa, soli senza affetto e senza cure, sofferenti e senza speranza.
Non vi può essere fraternità universale se prima non si ama e non si consolida la propria famiglia, la propia gente, la propria comunità e paese.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30213
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: La mia terra non è la tua terra

Messaggioda Berto » gio giu 14, 2018 4:40 am

.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30213
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Prossimo

Torna a Migranti, rifujanti o axilanti, clandestini, invaxori

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron