Ła łejenda de l'anxoło nero e antre fołe sol scoacamin

Ła łejenda de l'anxoło nero e antre fołe sol scoacamin

Messaggioda Berto » mar mar 11, 2014 2:44 pm

Ła łejenda de l'anxoło nero e antre fołe sol scoacamin
viewtopic.php?f=192&t=657

ŁEJENDA SO ŁA NASEDA DE ŁI SCOACAMIN

Se conta ke durante el Caxin o Caos de ła Creathion el Pare Cełeste el gàpie fato prima el Çeło e dapò łi Dei e tra de łuri anca coeło del fogo.
El Sior del Çeło però el ło gà fato orbo parké nol se montase masa ła testa.
Cusì el Fogo el jrava cofà on mato par l’ogneverso entiero, drio łi s-ciantixi de łi so capriçi, enradegà nero de esar orbo.
Podopo el Creator el gà fato ła Tera e de sora el ghe gà meso l'erba moreła, łi arbari, łe bestie ke camina, ke xoła, ke noa, coełe cee ke no se vede e da oltimo l’omo, ma-scio e femena.
A sto pounto de ła so Creathion el Nostro Pare Çełeste nol podea pì łasar kel fogo el faxese el mato, jrando par tuti łi cantoni e bruxando a dreta e a manca tuto coeł ke ghe capitava rente, cofà l’omo col debio al scuminsio de ła coultura dei canpi, cusì el se gà jrà verso łi anxołi kel gheva tacà e el ghi nà sernesto on poki dandoghe ła misión de ‘ndar so ła tera a tendare e a endresarghe ła skena a kel mato del fogo.
Sti anxołi rivasti so ła tera łi gà tanto laorà par ensegnarghe ła creansa a kel discolo del fogo, so cosa far de bon e so come movarse ben sensa far dani e małani.
Al termene del so laoro łi Anxołi, vanti de tornar en Çeło, łi gà sielto/çernesto on poki de omini capaçi, parké łi sitàse a far el so łaoro de tendare sto mato patoco del fogo par tuto el tenpo ke vegnarà fina al termene del mondo e łi łi gà ciamà scoacamin.
Łi scoacamin par sta so mision łi xe diti anca anxołi mori e łi gà el privilejo de esar senpre en contato direto col Çel e col Pare Çełeste.

Immagine

http://www.scoacamin.eu
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37836
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Ła łejenda de l'anxoło nero

Messaggioda Sixara » mar mar 11, 2014 7:56 pm

Berto ha scritto:Caos de ła Creathion


Ma lo doparito el - th - ? Dito crea- th -ion? :D
A mi me piaxaria : el dh de dhenoci e l th - de grathie! Veramente Sparapan el lo dixe anca : denoci ma el th propio no lo ghemo.
Bèla la fòla de l anxolo moro. Co la cato ghe meto cuea de Blake de l Chimney-sweeper.
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1764
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: Ła łejenda de l'anxoło nero e antre fole sol scoacamin

Messaggioda Berto » mar mar 11, 2014 9:32 pm

Na storieła sora el spasacamin, ke ła me xe stasta dita da na siora de Erbè entel veronexe, ke co ła xera cea so mama ła ghe ła contava speso.


El spasacamin el vien da i monti
da i monti a ła çità
e pa’ łe vie el va sigando:
“donee, ghio el camin da far spasar ?”

A vien fora na siorineła
asè ma asè beła e ła ghe dixe:
spasacamìn,
a go el camin da far spasar!

De pàca el toxatel el se tol ła raspeta,
ła raspeta e ‘l martelin e ‘l va su pa ‘l camin.
e col ven xo tuto nero,
tuto nero dal camin, eła ła ghe fa:
“spasacamin cosa lè ke ghe vien ?”

E łu tocandose el cor:
“Mi no voi pan e soldi,
mi voria domè on baxin,
pa contentar sto corexin!

Ma eła ensustà ła ghe siga:
“marça via, bruto sporco,
sporco onto d’on negron,
‘tu voresti farmi sposa’ (te vurisi farme spoxa)
co ‘n saco de carbon!

“Ma no, lu el ghe fa
no łè ke mi sia sporco,
lè ‘l mestier ke me convien
ti te farè ła sartorèła
e mi farò el spasacamin!”
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37836
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Ła łejenda de l'anxoło nero e antre fołe sol scoacamin

Messaggioda Sixara » mer mar 12, 2014 11:08 am

The "unpleasantness of great poetry": El Spàsacamin de W.Blake

Immagine

The Chimney Sweeper from Songs of Innocence

When my mother died I was very young,
And my father sold me while yet my tongue
Could scarcely cry " 'weep! 'weep! 'weep! 'weep!' "
So your chimneys I sweep & in soot I sleep.

There's little Tom Dacre, who cried when his head
That curled like a lamb's back, was shaved: so I said,
"Hush, Tom! never mind it, for when your head's bare
You know that the soot cannot spoil your white hair."

And so he was quiet, & that very night,
As Tom was a-sleeping he had such a sight!
That thousands of sweepers, Dick, Joe, Ned & Jack,
Were all of them locked up in coffins of black.

And by came an Angel who had a bright key,
And he opened the coffins & set them all free;
Then down a green plain, leaping, laughing, they run,
And wash in a river and shine in the Sun.

Then naked & white, all their bags left behind,
They rise upon clouds and sport in the wind.
And the Angel told Tom, if he'd be a good boy,
He'd have God for his father & never want joy.

And so Tom awoke; and we rose in the dark,
And got with our bags & our brushes to work.
Though the morning was cold, Tom was happy & warm;
So if all do their duty, they need not fear harm.

.............................................


The Chimney Sweeper from Songs of Experience

A little black thing among the snow,
Crying " 'weep! 'weep!" in notes of woe!
"Where are thy father and mother? say?"—
"They are both gone up to the church to pray.

"Because I was happy upon the heath,
And smiled among the winter's snow,
They clothed me in the clothes of death,
And taught me to sing the notes of woe.

"And because I am happy and dance and sing,
They think they have done me no injury,
And are gone to praise God and his Priest and King,
Who make up a heaven of our misery."

http://www.slate.com/articles/arts/poem/2010/09/a_perfect_discomfit.html

Na traduzion ( leterale) :

When my mother died I was very young,
Quando mia madre morì ero molto giovane,

And my father sold me while yet my tongue
E mio padre mi vendette mentre ancora la mia lingua

Could scarcely cry “'weep! 'weep! 'weep! 'weep!” ‘weep = sweep
Poteva appena gridare “spazza! spazza! spazza!”

So your chimneys I sweep, and in soot I sleep.
Così i vostri camini io spazzo, e nella fuliggine dormo.

There's little Tom Dacre, who cried when his head, there’ s = there is
C’è un piccolo Tom Dacre, che piangeva quando la sua testa, testa (capelli)

That curled like a lamb's back, was shaved: so I said, ***
Che si arricciava come la schiena di un agnello, fu rasa: così io dissi,

"Hush, Tom! never mind it, for when your head's bare, for = beca use
“(S ta i) zitto, Tom! Non farci caso, perché quando la tua testa è nuda,

You know that the soot cannot spoil your white hair."
Tu sai che la fuliggine non può sciupare i tuoi capelli bianchi.” bianchi (chiari)

And so he was quiet, and that very night,
E così fu tranquillo (si zittì), e quella stessa notte,

As Tom was a-sleeping, he had such a sight, -
Mentre Tom stava dormendo, ebbe una tale scena (sp etta co lo ), - ebbe (vide)

That thousands of sweepers, Dick, Joe, Ned, and Jack,
Che migliaia di spazzacamini, Dick, Joe, Ned, and Jack,

Were all of them locked up in coffins of black.
Erano tutti loro rinchiusi in bare di nero (fu lig g in e).

segue >>>

The Chimney Sweeper

And by came an Angel who had a bright key,
E si avvicinò un Angelo che aveva una lucente chiave,

And he opened the coffins and set them all free; to set free = liberare
Ed aprì le bare e li liberò tutti;

Then down a green plain leaping, laughing, they run, run = ran
Poi giù (p er) una verde pianura saltando, ridendo, loro corsero,

And wash’ in a river, and shine’ in the sun. wash’ = washed
E si lavarono in un fiume, e brillavano nel sole. shine’ = shined


Then naked and white, all their bags left behind,
Poi nudi e bianchi, tutti le loro sacche lasciarono dietro,

They rise upon clouds and sport in the wind;
Salgono sulle nuvole e si esibiscono (fa n n o sfo g g io ) nel vento;

And the Angel told Tom, if he'd be a good boy,
E l’Angelo disse a Tom, (ch e) se egli fosse un buon bambino,

He'd have God for his father, and never want joy.
Egli avrebbe Dio per padre, e mai sarebbe privo di gioia.


And so Tom awoke; and we rose in the dark,
E così Tom si svegliò; e ci alzammo nel buio,

And got with our bags and our brushes to work.
Ed andammo con le nostre sacche e le nostre spazzole al lavoro.

Though the morning was cold, Tom was happy and warm; ***
Sebbene la mattinata fosse fredda,

Tom era felice e caldo;

So if all do their duty they need not fear harm.
Così se tutti fanno il loro dovere non debbono aver paura del male.

Note

*** In alcuni testi invece di “curled – shaved” viene “curl’d – shav’d”

*** In alcuni testi invece di “Though” viene “Tho’”

Immagine

Na tradusion n LV : (...) :D
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1764
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: Ła łejenda de l'anxoło nero e antre fołe sol scoacamin

Messaggioda Berto » mer mar 12, 2014 11:21 am

Na traduzion ( leterale) ente la lengoa taliana, saria da farghene ona en lengoa veneta:


Quando mia madre morì ero molto giovane,
E mio padre mi vendette mentre ancora la mia lingua
Poteva appena gridare “spazza! spazza! spazza!”
Così i vostri camini io spazzo, e nella fuliggine dormo.
C’è un piccolo Tom Dacre, che piangeva quando la sua testa, testa (capelli)
Che si arricciava come la schiena di un agnello, fu rasa: così io dissi,
“(S ta i) zitto, Tom! Non farci caso, perché quando la tua testa è nuda,
Tu sai che la fuliggine non può sciupare i tuoi capelli bianchi.” bianchi (chiari)
E così fu tranquillo (si zittì), e quella stessa notte,
Mentre Tom stava dormendo, ebbe una tale scena (sp etta co lo ), - ebbe (vide)
Che migliaia di spazzacamini, Dick, Joe, Ned, and Jack,
Erano tutti loro rinchiusi in bare di nero (fu lig g in e).

E si avvicinò un Angelo che aveva una lucente chiave,
Ed aprì le bare e li liberò tutti;
Poi giù (p er) una verde pianura saltando, ridendo, loro corsero,
E si lavarono in un fiume, e brillavano nel sole. shine’ = shined
Poi nudi e bianchi, tutti le loro sacche lasciarono dietro,
Salgono sulle nuvole e si esibiscono (fa n n o sfo g g io ) nel vento;
E l’Angelo disse a Tom, (ch e) se egli fosse un buon bambino,
Egli avrebbe Dio per padre, e mai sarebbe privo di gioia.
E così Tom si svegliò; e ci alzammo nel buio,
Ed andammo con le nostre sacche e le nostre spazzole al lavoro.
Sebbene la mattinata fosse fredda,

Tom era felice e caldo;
Così se tutti fanno il loro dovere non debbono aver paura del male.


Na tradusion n LV : (...) :D
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37836
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Ła łejenda de l'anxoło nero e antre fołe sol scoacamin

Messaggioda Sixara » mer mar 12, 2014 1:04 pm

Berto ha scritto:Quando mia madre morì ero molto giovane,
E mio padre mi vendette mentre ancora la mia lingua
Poteva appena gridare “spazza! spazza! spazza!”
Così i vostri camini io spazzo, e nella fuliggine dormo.
C’è un piccolo Tom Dacre, che piangeva quando la sua testa, testa (capelli)
Che si arricciava come la schiena di un agnello, fu rasa: così io dissi,
“(S ta i) zitto, Tom! Non farci caso, perché quando la tua testa è nuda,
Tu sai che la fuliggine non può sciupare i tuoi capelli bianchi.” bianchi (chiari)
E così fu tranquillo (si zittì), e quella stessa notte,
Mentre Tom stava dormendo, ebbe una tale scena (sp etta co lo ), - ebbe (vide)
Che migliaia di spazzacamini, Dick, Joe, Ned, and Jack,
Erano tutti loro rinchiusi in bare di nero (fu lig g in e).

E si avvicinò un Angelo che aveva una lucente chiave,
Ed aprì le bare e li liberò tutti;
Poi giù (p er) una verde pianura saltando, ridendo, loro corsero,
E si lavarono in un fiume, e brillavano nel sole. shine’ = shined
Poi nudi e bianchi, tutti le loro sacche lasciarono dietro,
Salgono sulle nuvole e si esibiscono (fa n n o sfo g g io ) nel vento;
E l’Angelo disse a Tom, (ch e) se egli fosse un buon bambino,
Egli avrebbe Dio per padre, e mai sarebbe privo di gioia.
E così Tom si svegliò; e ci alzammo nel buio,
Ed andammo con le nostre sacche e le nostre spazzole al lavoro.
Sebbene la mattinata fosse fredda,

Tom era felice e caldo;
Così se tutti fanno il loro dovere non debbono aver paura del male.


Ste parole cuà mi le me colpìse: mia-màma, calùxene, 'agnello', 'spettacolo' ( ke no xe spetacolo: 'visione' sarìa mejo), Anxolo, 'lucente chiave', saltando, corendo e ridendo, 'nudi e bianchi', bòn-putìn, tel scuro, 'dovere', 'paura del male'.

Kel 'si esibiscono' se riferise al fato ke i xe tuti bèi néti, come nòvi ma no me convinze kel 'fanno sfoggio' par sport; bixogna ca controla.
Tel vento.. còsa se pòe fare tel vento? :D

Tel vento a se xuga : sport U old use fun or amusement; sport v literary to play together happily : dolphins sporting amidst the waves
cofà delfini n mexo ale onde del mar. :D
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1764
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: Ła łejenda de l'anxoło nero e antre fołe sol scoacamin

Messaggioda Sixara » mer mar 12, 2014 8:14 pm

El Spàsacamìn de W.Blake ( tradusion leterale n LV)

When my mother died I was very young,
Co xe morta mia mama a jèro ncora putìn,

And my father sold me while yet my tongue
E me pare el me ga vendù ke gnancora

Could scarcely cry “'weep! 'weep! 'weep! 'weep!” ‘weep = sweep
Jèro bon de criar scoa, scoa, scoa-camìn

So your chimneys I sweep, and in soot I sleep.
E cusì a ve scoo i camìn e te la calùxene a dormo.

There's little Tom Dacre, who cried when his head, there’ s = there is
El picolo Tom el pianzea co, i so cavéi

That curled like a lamb's back, was shaved: so I said, ***
Ke i ghe se inritsolava cofà el pelo de on agnelìn, i ghe i gà toxà: E mi a go dito

"Hush, Tom! never mind it, for when your head's bare, for = beca use
Sh, Tom ! Nò badarghe ke co la testa nuda,

You know that the soot cannot spoil your white hair."
Te lo sè ke la calùxene no' la pòe entenzarte i to cavéi ciari

And so he was quiet, and that very night,
E cusì el s'à kietà, e propio kela note là

As Tom was a-sleeping, he had such a sight, -

Finke 'l dormiva, Tom el ga vu na vixion, ma na vixion

That thousands of sweepers, Dick, Joe, Ned, and Jack,
De miliàri de scoacamìn, Dick, Joe, Ned e Jack,

Were all of them locked up in coffins of black.
I li gheva serà tuti drento te le bare negre de calùxene.

Immagine
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1764
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: Ła łejenda de l'anxoło nero e antre fołe sol scoacamin

Messaggioda Sixara » mer mar 12, 2014 8:35 pm

And by came an Angel who had a bright key,
E xe rivà n'Anxolo co na ciàve de òro,

And he opened the coffins and set them all free; to set free = liberare
E 'l ga verto le bare e l li ga molà tuti;

Then down a green plain leaping, laughing, they run, run = ran
E po' xo ke i corea, saltando e ridendo pal prà verde,

And wash’ in a river, and shine’ in the sun. wash’ = washed
E i se ga lavà tel fiume ke i xluxeva tel sole


Then naked and white, all their bags left behind,
E podopo, nudi e néti, i se ga lasà le sporte dadrio

They rise upon clouds and sport in the wind;
A ranpegarse so le nuvole e xugare tel vento;

And the Angel told Tom, if he'd be a good boy,
E l'Anxolo l'à dito a Tom ke se l faxea el bravo-putìn,

He'd have God for his father, and never want joy.
L'avarìa vu Dio par Padre e mai el sarìa restà da lu-solo.


And so Tom awoke; and we rose in the dark,
E cusì Tom el se ga svelià, e semo partìi col scuro

And got with our bags and our brushes to work.
E semo ndà co le nostre spazhole e le sporte a laorar.

Though the morning was cold, Tom was happy and warm; ***
Sibèn ke la matina la fùse freda, Tom el jèra caldo e contento:

So if all do their duty they need not fear harm.
Se tuti fa el so dovere no se ga paura de gnente.

Immagine
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1764
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: Ła łejenda de l'anxoło nero e antre fołe sol scoacamin

Messaggioda Berto » mer mar 12, 2014 9:35 pm

Ke maraveja de łengoa Sixara ła par coeła de łi anxołi!

L'avarìa vu Dio par Padre ( mejo Pare) e mai el sarìa restà da lu-solo.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37836
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Ła łejenda de l'anxoło nero e antre fołe sol scoacamin

Messaggioda Sixara » gio mar 13, 2014 8:43 am

Berto ha scritto:L'avarìa vu Dio par Padre ( mejo Pare) e mai el sarìa restà da lu-solo.


Si, ma el ghè on motivo del parké a metaria Padre: de na distanza fixica, de on abandono de sto pòro-putìn ke l primo el xe cueo de mia mama, el secondo cueo de me pàre e l terzo ( ke l pararia on tornar ma no xe e te lo capìsi mejo te la Song of Experience) cueo del Padre. Anzi vàra a lo scrivaria : PADRE pa sotolineare la distanza. On Padre ke no gh intaresa del destìn de l putìn.
El putìn el se fida de cueo ca dixe l Anxolo ma no sarà cusì. El restarà senpre pì da lu-solo.
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1764
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Prossimo

Torna a Scoacamin, spazzacamino, chimney sweep, ramoneur, Schornsteinfeger

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron