Il caso De Franceschi Luciano - Un martirio inutile

Re: El caxo de Françeski Luciano - El martirio de on veneto

Messaggioda Berto » ven apr 25, 2014 9:38 pm

Ancò venare 25 april Festa de San Marco e Santo Paron dei veneti a so sta n'oreta a pregar vanti de la prexon de Pava endoe ke xe sarà su Luciano Françeski:

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... a-pava.jpg

Prima a jero stà on par de orete a pregar envanti de la prexon de Viçensa endoe xe sarà sù Jijo Faça :
http://ritabernardini.it/carcere-vicenz ... hiarazioni

Immagine
Ma no go fato somexe e xe rivà le goardie par pararme via ...


Podopo so nà a Venesia en Piàsa San Marco
(dagnora màsa poki dovarisimo esar stài almanco diexe 'olte tanti).


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... /wsm22.jpg

A Venesia a go encontrà Fausto Faça e Moreno Menini e ghe go parlà de Luciano Françeski e łi ga storsà el naxo, parlopì Moreno kel ga arie arestograteghe ... par mi łe robe łe xe difarenti e ciàre: mi stago co ła me xente veneta vitima del sistema tałian e no ghe dago contro a coełi ke anvençe de coparse łi se rebeła come ke łi pol e soratuto no condàno sensa saver ben come ke xe ndà łe robe ente i fati.
Mi a credo de pì a łe me xente veneta ke a coel ke dixe el stado talian e ła so majistradura.


Mai tradir ła purpia xente ke ła xe vitima del sistema tałian e de łe so bande mafioxe, stadałi e caste, economeghe, bancare, ... , mai!
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34743
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El caxo de Françeski Luciano - El martirio de on veneto

Messaggioda Berto » sab apr 26, 2014 8:52 am

Mi a ciàpo le distanse da sta asoçasion e dal so presidente Roncolato

http://www.bepinsegato.org

10 MAR/13 COMUNICATO STAMPA 1/2013
Con riferimento alla manifestazione “fiacoeada par l’amor e contro l’odio” che si terrà a Borgoricco il 15/03/2013, l’Associazione culturale “Bepin Segato”
dichiara la propria totale estraneità a questo evento che, peraltro, utilizza indebitamente il nome dei Serenissimi per tentare di coinvolgere onesti
patrioti.

Come in precedenza il compianto Giuseppe Segato aveva preso le distanze in maniera decisa da ogni forma di giustificazione alla violenza verso le persone, cosi noi oggi ribadiamo la nostra netta contrarietà a simili manifestazioni.

Il presidente dell'Associazione culturale "Bepin Segato" dott. Giorgio Roncolato

A ghe sovegno a sti “veneti benpensanti e bronse coerte” ke łi Serenisimi, entel 1997, łi se ga prexentà a ła rebaltà de ła storia co on fuxil da goera e on tanko (armi finte o xbolse coanto ke se vol ma senpre na parvensa de armi co ła so carga de viołensa senbołega e potensial) prasiò no xe coerente sto vostro atejarve a “santi-noviolenti ke łi porxe anca staltra maseła”; e Bepin Segato el jera l’anbasador.
Mai tradir ła purpia xente ke anvençe de restar s-ciava e de coparse ła se rebeła come ca ła pol!


La manefestasion de Borgorico da cu Roncolato el ga ciapà le distanse (mi a ghe jero):
Immagine

Caro Moreno xmonta dal scragno e dopara de pì ła łengoa veneta anveçe kel talian e ‘latin, n'altri co ghi vesto cogno a ve ghemo da na man e no ve ghemo tradesti e renegà (anca mi e no sta darte tante arie e wardarme storto Moreno, parké a te cavo anca el me saludo)!

Xe da mexerabiłi, da viłi e da kapò tradir ła purpia xente maltratà, opresa, tribołà e martirixà.

No ste far come ca i ga fato sti kì:
Li fanfaroni: Bosi, Fojato, Comencini, ... tuti contro li Serenisimi (fora ke Fabio Padoan, Panela e tuti naltri)
https://www.youtube.com/watch?v=QSyGmmNMf2s
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34743
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El caxo de Françeski Luciano - El martirio de on veneto

Messaggioda Berto » mar apr 29, 2014 8:53 pm

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34743
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El caxo de Françeski Luciano - El martirio de on veneto

Messaggioda Berto » ven mag 02, 2014 6:59 am

Giustizia sprint: tre anni all’uomo che si barricò nell’Agenzia delle entrate

http://www.lindipendenza.com/giustizia- ... le-entrate

Immagine

Si e’ gia’ conclusa la vicenda giudiziaria di Luigi Martinelli, l’imprenditore bergamasco che solo due mesi e due giorni fa fece irruzione, armato, nella sede di Romano di Lombardia, nella Bassa Bergamasca, dell’Agenzia delle Entrate, tenendo in ostaggio per quasi 6 ore uno dei dipendenti, per poi essere convinto a desistere da un vicebrigadiere dei carabinieri. Questa mattina il giudice per le indagini preliminari di Bergamo, Giovanni Petillo, ha infatti accolto positivamente la richiesta presentata dal legale dell’imprenditore di Calcio (Bergamo), l’avvocato Giuliano Leuzzi del Codacons di Roma, di patteggiare tre anni di reclusione. Anche alla vigilia l’ accoglimento della proposta sembrava scontato, visto che lo stesso gip aveva concesso a Martinelli gli arresti domiciliari una decina di giorni fa e che il patteggiamento a tre anni era stato ritenuto congruo anche dal pm titolare dell’inchiesta, Franco Bettini.

In poco piu’ di due mesi si conclude dunque una vicenda che, il 3 maggio scorso, aveva tenuto col fiato sospeso tutta l’Italia, visto che le intenzioni di Martinelli non erano per nulla chiare. L’imprenditore di 54 anni aveva in seguito spiegato che non voleva far del male a nessuno: durante il sequestro aveva esploso un colpo di fucile verso il muro, ”sapendo bene quello che faceva e senza voler colpire nessuno”, spiega ora l’avvocato Leuzzi. L’unico aspetto che probabilmente non sara’ mai chiarito nella vicenda e’ l’ ammontare del debito che l’imprenditore pensava di avere con il fisco e che lo avrebbe spinto a quell’azione dimostrativa: Martinelli e’ infatti convinto di aver ricevuto, nei giorni precedenti l’irruzione, una cartella da oltre 40 mila euro, che poi avrebbe pero’ distrutto per la rabbia. I successivi accertamenti con Equitalia hanno invece accertato che il debito ammontava soltanto a 2 mila euro.

======================================================================================================================================

DA MARTINELLI ALL’ELOGIO DELLA RIVOLTA FISCALE

http://www.lindipendenza.com/martinelli-rivolta-fiscale

Immagine


di LEONARDO FACCO

Non poteva essere diversamente: ieri, dopo l’irruzione di Luigi Martinelli in quel di Romano, tutti i commentatori all’unisono hanno sostenuto che la situazione fiscale in Italia è da “emergenza nazionale”. Un secondo dopo, però, han preso le distanze dal ribelle di cui sopra, la cui scelta di entrare con le armi in un ufficio di Equitalia è stata considerata “scellerata”, “indifendibile”, “delinquenziale”, “inaccettabile”, “da condannare” a seconda della declinazione politica di chi pronunciava quelle parole.

Chi scrive invece, senza se e senza ma, sta dalla parte del Martinelli. Volete sapere perché? Per due motivi:

1- Quest’uomo – che per inciso non ha torto un capello a nessuno – ha compiuto un atto dimostrativo, che ha riscosso (basta girovagare su Facebook) il plauso di una moltitudine di persone. Il piccolo imprenditore bergamasco ha risvegliato le coscienze di una “maggioranza fin troppo silenziosa” di oppressi dal fisco criminale italiano che continuano a mugugnare e ad imprecare, ma che non hanno il coraggio di dire in faccia ai gabellieri che avanti di questo passo non si può andare.

2- Come dissi a Bruno Tinti durante una trasmissione su RaiTre, la storia dell’umanità è una storia di rivolte fiscali, che solitamente si manifestano in tre fasi: cominciano con la mal sopportazione del comportamento dei gabellieri, qualche critica e un po’ di evasione (che per dirla con Pierre Lemieux è una forma di rivolta pacifica); continuano con un po’ di arrabbiatura, con la parte più produttiva della popolazione che emigra e con qualcuno che si suicida; finisce con la ribellione del popolo, che comincia a prendere a legnate i tiranni ed i suoi servitori. Ebbene, Martinelli rappresenta la cerniera fra la seconda e la terza fase.

Chi ha letto il libro di Charles Adams, intitolato “For Good and Evil”, sa bene che storicamente grandi e potenti Stati o, addirittura, civiltà si sono spente per la smania tassatrice degli uomini al governo. Smania tassatrice che ha comportato sempre le stesse cose: ribellione e inevitabile fuga di persone e di capitali in luoghi più accoglienti. E’ accaduto nell’antico Egitto, nell’Antico Israele, nell’Impero romano, in quello spagnolo ed olandese, ovviamente in quello inglese, di cui la rivoluzione americana rappresenta ancora oggi la rivolta fiscale per antonomasia. Furono le imposte a sconfiggere Napoleone e i di lui scherani vennero cacciati dai contadini al grido di “A morte i gabellieri”.

In “Per chi suona la Toscana” di Giorgio Batini, “un caso davvero particolare di rivolta fu quello dei monaci benedettini della Badia Fiorentina: nel 1307. Anziché suonare i loro bronzi per le ore canoniche (la città, come ricordava Dante, traeva ‘e terza e nona’ proprio dal campanile della Badia), li suonarono a martello contro le tasse imposte dal Comune, quasi un invito per i cittadini alla rivolta fiscale. Ma il Comune reagì pesantemente”. Luigi XIV grazie alle tasse sul caffé riuscì addirittura a finanziare alcune imprese militari. I cittadini, tuttavia, protestavano contro le tasse inique e, nel 1732, proprio ispirandosi alle proteste popolari contro le tasse sulla bevanda, J. S. Bach scrisse la Cantata del caffé.

Sergio Ricossa, un liberale diventato libertario, non ha mai avuto timori nel definire “la libertà come la ribellione allo Stato predone”. Piero Ostellino, nel suo libro “lo Stato canaglia”, ha vergato parole tranchant contro il notabilato politico italico: “Il mio non è un auspicio, né tanto meno un incoraggiamento, ma, nella nostra situazione, il solo modo di sconfiggere ‘la Casta’ a me pare non rimanga che la rivolta fiscale”.

In un libro di Luigi Fressoia intitolato “Elogio dell’evasione fiscale” sulla copertina si legge: “La rivolta fiscale non è un’espressione del populismo, bensì di una coscienza di classe che va maturando. E non è nata di recente, né come cieca reazione “antipolitica” alla corruzione e all’inefficienza di una generica classe politica, bensì va più in profondo, arrivando a chiedersi dell’intera organizzazione dello Stato, degli enti pubblici. In ciò essa è autenticamente progressista”.

Aldo Canovari, editore e giudice tributario per ben 24 anni, ha scritto: “Pretendere, in un assetto di rapina legalizzata come quello italiano, che i cittadini assolvano correttamente all’obbligo tributario, e scandalizzarsi se non lo fanno, è ipocrisia o idiozia. E, poiché è stata valicata ogni ragionevole soglia di sopportazione, potrà innescarsi in tempi brevi una vera e propria rivolta”.

Gianfranco Miglio, colui che ha portato in Italia il Thoreau della “Disobbedienza civile”, ai tempi in cui era l’ideologo della Lega Nord, disse: “Noi siamo un movimento rivoluzionario pacifico, ma adopereremo dei mezzi politici distruttivi, come uno sciopero fiscale mirato che metterà lo Stato nemico con le terga a terra. Questa è la guerra politica che prepariamo. Noi siamo fondamentalmente pacifici ma… incazzati”. Purtroppo, non sapeva che Bossi l’avrebbe tradito. Il professore comasco, nel redigere il “Manuale di resistenza fiscale” nel 1996, sostenne: “Certo i detentori del potere, di ogni tempo e di ogni luogo, hanno sempre considerato gli averi dei sudditi (e poi dei cittadini) come pienamente disponibili, collocando i prelievi di ricchezza di gran lunga in prima fila tra gli atti di governo. […] I popoli liberi e meglio ordinati sono quelli che si permettono ogni tanto di ribellarsi”. Solo la L.I.F.E. ebbe il coraggio di provarci.

Quando al Sud, un paio di mesi fa, si mossero quelli dei forconi, la loro ragione sociale è stata la rivolta fiscale. In Irlanda, recentemente, il governo ha deciso di introdurre una specie di Imu (molto meno esosa della nostra). Ebbene su 1.700.000 potenziali contribuenti, 800.000 non l’hanno pagata e sono scesi per le strade a protestare.

Lungi dall’essere moralmente indifendibile, la rivolta fiscale è quindi al centro della tradizione civile e politica del liberalismo classico, e rappresenta un formidabile strumento nelle mani di quanti vogliano tornare in possesso di quella libertà che il ceto politico ha loro sottratto.

Luigi Martinelli, piaccia o meno agli statalisti ed ai parassiti che vivono dei soldi altrui, è solo l’ultimo esempio di un fenomeno che ha caratterizzato la storia della libertà. L’azione del piccolo imprenditore orobico è l’incarnazione ultima e nostrana delle parole lasciateci in eredità da John Locke qualche secolo fa: “Esula dai doveri dell’uomo sottomettersi ai governanti sino al punto da accordar loro licenza di distruggerlo, poiché i cittadini hanno il sacrosanto diritto di ‘appellarsi al cielo’ ogni qualvolta non c’è altro rimedio contro i soprusi del governo”. Infine, ma pur sempre con Locke, “Laddove la potestà tributaria è usata come strumento per depredare alcuni cittadini a favore di altri ed ha come suo unico limite quello della voracità delle corporazioni sul cui consenso il governo fonda il suo potere, lì la democrazia si riduce a farsa della democrazia e lì esploderà la rivolta”.

Martinelli, senza nemmeno sapere chi sia Locke, ha compreso che la democrazia italiana è una farsa, anzi… una tragedia!
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34743
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El caxo de Françeski Luciano - El martirio de on veneto

Messaggioda Berto » ven mag 02, 2014 2:41 pm

Na bołetina a Luciano Françeski

Ciao Luciano

a so Berto el scoacamin.

Me despiaxe de no esar vegnesto al debatemento ma spetavo ke coełi ca łi te jera pì arente łi me tegnese al corente. Me despiaxe ke te ghemo łasà soło come on can e de no verte portà gnanca el sołievo de on sorixo fraderno.
Par tante robe, naltri veneti a semo de łe ostie e de łe ostreghe e te ło se ben anca ti.
Mi a te so arente e col cor e col spirto, no te judego e tanto manco te condàno come ca ga fato tante “bronse coerte co l’anema beła e santa”, anca parké no se sa ben come ke sipia ndaste veramente łe robe.
Ghe xe veneti ke łi se ga copà e pikà par colpa de łe banke e del stado tałian e ghe xe altri veneti ke anvençe łi se ga rebełà e łi se rebeła.
Mi a digo come Papa Françesco el primo papa pecador: kì a so' mì par condanar!

De na roba a so çerto ke se deventaremo łeberi da sto enferno tałian e ti a te sarè ancora en prexon te vegnarè grasià par gràsia dei veneti, come Baraba el Pareota Judeo kel conbateva contro łi envaxori romani e el so domegno colognal.

Me da pena ke te gapi sernesto sta via del martirio!
E se penso ke łi te ga condanà a 16 ani par el feremento de n’omo e ke al moro Kabobo łi ghe ga dà 20 ani par verghene copà tre de omani a piconà e ferestoghene altri, me se storxe łe buełe e me vien su el samoro.
A so anca ke łe prexon tałiane łe xe tra łe pexo d’Ouropa, tra łe pì ençeviłi endoe a se pratega ła “tortura”; lo savemo ben naltri veneti cosa ke xe sta Tałia, sto mostro enfernal del Stado Tałian.

Semo en tanti ke no vedemo l’ora ke vegna el dì de ła łeberasion altro ke el 25 April!

Te prego de esar forte e de ver tanta pasiensa; profita de sto periodo come de na asexi monastega, no sta scorajarte.


Ke i Santi del Çeło łi te tegna de ocio
e kel to Anxoło el te custodisa dal bon ła note e 'l dì;
ke ła Madona ła te couerxa co łe ałe del so xendałe
e kel nostro Pare Çełeste el diga ben de ti el te bendiga!



Alberto Pento


Se te vol scrivarme:
Pento Alberto-Via Maglio 8-Montecchio Precalcino-36030-Vicenza.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34743
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El caxo de Françeski Luciano - El martirio de on veneto

Messaggioda Berto » mer mag 14, 2014 3:14 pm

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 11/114.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... /11/29.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... /11/33.jpg

Kisà come kel vien tratà, el nostro veneto Luciano, ente sta prexon tałiana?
Kisà se łi ło maltrata, ło tortura, łi ło minaça, łi ghe fa małagrasie, łi ło provoca, łi ghe pestà su łi so diriti omani; kisà se sti tałiani łi riva anca a tentar de coparlo.


http://it.wikipedia.org/wiki/Campo_di_p ... %C3%A1namo
Immagine
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34743
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El caxo de Françeski Luciano - El martirio de on veneto

Messaggioda Berto » lun mag 26, 2014 6:19 pm

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34743
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El caxo de Françeski Luciano - El martirio de on veneto

Messaggioda Berto » ven set 05, 2014 7:39 am

In Germania la polizia uccide chi minaccia col machete. E altrove?

Immagine

http://www.lindipendenzanuova.com/in-ge ... ol-machete

Su Kabobo è stata scritta una letteratura vasta forse più che sulla Divina Commedia. Innocentisti, colpevolisti, giustizialisti o, più semplicemente, cittadini con sete di giustizia. Il buonismo ha imperversato non per mesi, ma per anni. E’ stato scandagliato il passato di questo giovane omicida dal machete facile. Ci si è interrogati se come e perché fosse ancora in giro nonostante il carattere poco incline alla pace. Insomma, un dibattito molto italiano. L’altro giorno, altro giro, altro regalo, a Jesi. Un altro episodio con altro panico e terrore e il timore di un dramma più grande del precedente milanese.
Ma all’estero? Già, che succede ad esempio in Germania? La stampa italiana ha taciuto su un fatto di sangue che si è consumato a Colonia nell’inverno scorso, riportato dalla Bild. Scena quasi simile: uno straniero minaccia una donna, in casa. La polizia interviene, e spara. E ammazza l’immigrato con sete di sangue. “Era malato di mente”, spiegherà poi la polizia. Nessuna polemica, nessun conflitto sociale sul recupero o meno del potenziale sanguinario che minacciava la vita della sua vittima predestinata.
Nessun processo alla polizia per la rapidità con cui risolse il non facile problema. Ma la Germania è un altro mondo, lì è la giustizia che va di machete.

Al nostro veneto Françeski 16 ani par el feremento de na parsona, al moro Kabobo 20 ani pa verghene copà 3 e ferie altre.


Kabobo, condanna a 20 anni
«Ma questa non è giustizia»
Sentenza con rito abbreviato e riconoscimento della seminfermità mentale.
La protesta dei familiari delle vittime del ghanese.

Immagine

http://milano.corriere.it/notizie/crona ... 97d6.shtml
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34743
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El caxo de Françeski Luciano - El martirio de on veneto

Messaggioda Berto » mar ott 07, 2014 8:46 pm

.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34743
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El caxo de Françeski Luciano - El martirio de on veneto

Messaggioda Berto » gio ott 23, 2014 8:47 pm

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34743
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

PrecedenteProssimo

Torna a Veneti maltrattati, derubati e uccisi dallo stato italiano e dagli italiani anche veneti

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite