Il caso De Franceschi Luciano - Un martirio inutile

Re: El caxo de Françeski Luciano - El martirio de on veneto

Messaggioda Berto » ven mag 06, 2016 5:05 pm

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34762
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El caxo de Françeski Luciano - El martirio de on veneto

Messaggioda Berto » ven giu 03, 2016 7:15 am

Sparò al direttore della banca, Franceschi torna a casa
Doveva rimanere in carcere fino al 2029 per tentato omicidio. L'ex direttore Bcc Gambarotto: "Sono nelle mani del padreterno" di Giusy Andreoli
31 maggio 2016

http://mattinopadova.gelocal.it/padova/ ... 1.13575236

BORGORICCO. Doveva rimanere in carcere fino al 2029 per il tentato omicidio premeditato del direttore generale della BCC di Campodarsego Pier Luigi Gambarotto, sabato scorso il commerciante di formaggi Luciano Franceschi ha ottenuto il beneficio degli arresti domiciliari nella casa di famiglia, in via Roma.

Senza parole Gambarotto: "Adesso sono nelle mani del padreterno" dichiara l'ormai ex direttore generale "spero che abbiano valutato bene, non vorrei che mi suonasse il campanello di casa. Io ricordo sempre che mi ha sparato per le sue idee facinorose".

Va ricordato che Franceschi, che si colloca fra gli indipendentisti veneti, fu Ministro e Membro dell'Autogoverno del popolo veneto, movimento estraneo alla vicenda. I motivi dell'attenuazione del regime carcerario sono da ricercarsi nel fatto che Franceschi, 56 anni appena compiuti, non gode di buona salute.

La notizia dell'aggravamento delle già precarie condizioni fisiche del commerciante sono confermate dal fratello Enzo: "Ha avuto un ictus che ha indebolito le sue facoltà fisiche" afferma Enzo Franceschi "da allora non ha più ripreso pienamente le funzioni ". Ne consegue che, secondo quanto stabilito dal Tribunale di Sorveglianza, le condizioni fisiche di Franceschi non sono più compatibili col regime carcerario. Luciano Franceschi ha bisogno di continua assistenza e non è escluso che possa contare sull'aiuto di qualcuno. Ma gli è vietato uscire di casa e ricevere visite, non può comunicare con alcuno al di fuori dei famigliari più stretti. Sconterà dunque al domicilio la pena che gli è stata inflitta dal giudice Nicoletta De Nardus il 12 febbraio 2013 dopo sette ore di camere di Consiglio.

Fu infatti condannato a 16 anni e 15 giorni di reclusione contro i 12 anni richiesti dal Pubblico Ministero Marco Peraro per aver sparato a Gambarotto riducendolo in fin di vita. Franceschi deve anche risarcire Gambarotto e la BCC con 75 mila euro complessivi. Il ferimento di Gambarotto risale all'11 febbraio 2013. Franceschi si presentò in via Caltana parcheggiando la sua utilitaria sul piazzale della filiale. Nascondeva nel giaccone due caricatori e una pistola 7,65 con la quale sparò al direttore generale "da vicino, colpendolo al torace e sfiorando di 2 centimetri il cuore, condotta idonea a provocare la morte". In Tribunale dichiarò di essere andato in banca per chiedere giustizia per l'amico imprenditore Giancarlo Perin, morto suicida pochi giorni prima a causa di problemi economici.


Venetista rifiuta le cure dello Stato e finisce ai domiciliari: «Sta male»
Sparò al direttore della banca dopo che gli era stato rifiutato il prestito
01 giugno 2016

http://corrieredelveneto.corriere.it/ve ... 1399.shtml

PADOVA Luciano Franceschi, il «generale» come tutti, detenuti e agenti di polizia penitenziaria, lo chiamavano nei corridoi del carcere di Padova, torna a casa. Sconterà nell’abitazione della madre, a Borgoricco, Alta Padovana, ciò che gli resta della pena di 16 anni inflitta per i due colpi di pistola sparati l’11 febbraio 2013 al direttore della Bcc di Campodarsego, Luigi Gambarotto. Una sentenza che la difesa di Franceschi, venetista talmente convinto da non aver mai accettato alcuna difesa da avvocati dello Stato, non ha mai impugnato e che quindi era diventata definitiva nel marzo 2015, dopo che il tribunale di Padova l’aveva condannato per tentato omicidio e porto abusivo d’armi.

Ma Franceschi, sedicente generale della guardia veneta (il giorno della sentenza si è presentato in aula in alta uniforme) quella condanna l’aveva sempre respinta, considerandosi innocente dopo che il «Serenissimo tribunale» l’aveva assolto. Respinto al mittente anche ogni provvedimento che venisse dallo Stato, medicine comprese. Così Luciano Franceschi si era ammalato più volte nei tre anni di carcere. Due infarti e diverse complicazioni, oltre al rifiuto di assumere medicinali, l’avevano ridotto in fin di vita. L’ultimo colpo alla resistenza di quello che il mondo venetista considera un eroe, l’ha inferto un ictus che nei mesi scorsi lo ha indebolito ancora di più. Così il tribunale di Sorveglianza, sabato, ha deciso per la scarcerazione per motivi di salute. Situazione non più compatibile con il carcere, dice il giudice. Una decisione che ha fatto fare un salto sulla sedia alla vittima: «Ora sono nelle mani di Dio – ha dichiarato Gambarotto -. Chi mi dice che adesso non mi suoni al campanello di casa: mi aveva sparato solo per le sue idee facinorose ».

Quella mattina a Campodarsego nevicava e Luciano Franceschi aveva chiesto un incontro al direttore della filiale Bcc. Ufficialmente voleva un prestito, ma aveva già predisposto tutto. La sera prima, il 10 febbraio 2013, il venetista e venditore di formaggi di Borgoricco aveva scritto, «…è ora! Armatevi (e non solo di buona volontà e sacrificio) e seguitemi! Siate spietati! Forse moriremo forse diventeremo uomini liberi. Comunque vada, almeno non rimpiangeremo ogni giorno ogni notte questo giorno fino al letto di morte di non averci provato. Viva San Marc». La mattina dopo si era presentato in banca con la pistola nel borsello, un caricatore, proiettili, due taniche di benzina in auto. Nessuno si era accorto di nulla e nell’ufficio del direttore era scoppiato l’inferno. Prima la proposta di una prestito da 399mila euro con un tasso Euribor dell’1%, modalità di rientro fino al 2023 e possibilità di sconfinamento al doppio della cifra richiesta in prestito, con un tasso del 2%; poi al rifiuto, recita la sentenza «senza indugiare e senza chiedere ulteriori delucidazioni impugnava la pistola e sparava un colpo al torace di Gambarotto».
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34762
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El caxo de Françeski Luciano - On martirio inutile

Messaggioda Berto » sab giu 05, 2021 6:51 am

Morto Luciano Franceschi il generale venetista che issò la bandiera sul campanile
Luca Marin
2 giugno 2021

https://www.ilgazzettino.it/nordest/pad ... 96540.html

BORGORICCO - Dopo una lunga malattia ieri, all’età di 62 anni, è morto Luciano Franceschi, il “generale” venetista che a metà degli anni ‘90 salì sul campanile di Borgoricco per issare il simbolo del leone di San Marco con la scritta Autonomia (era vicino al gruppo dei Serenissimi che diedero l’assalto a San Marco). Ma nel 2013 Franceschi sparò ad un direttore di banca perché gli aveva negato un prestito. Per quest’ultimo episodio fu...


https://www.ilgazzettino.it/nordest/pad ... 96540.html



Morto Luciano Franceschi, venetista che sparò a un direttore di banca
Antonino Padovese
3 giugno 2021

https://corrieredelveneto.corriere.it/p ... 0ed8.shtml


Nel 2013 a Campodarsego (Padova) sparò a un direttore di banca perché non gli era stato concesso un prestito. Così il grande pubblico cominciò a conoscere Luciano Franceschi, che, fino a quel momento, era noto solo negli ambienti legati ai venetisti. Il commerciante padovano è morto lunedì 31 maggio a 62 anni, era da tempo malato. I funerali saranno celebrati giovedì 3 giugno nella chiesa di Borgoricco, paese in cui viveva.

La vicenda giudiziaria

Per l’episodio del 2013, il giudice lo aveva condannato a 16 anni e 15 giorni, lui non si era appellato perché «non riconosceva lo Stato italiano». Quattro anni fa il tribunale di sorveglianza lo aveva fatto uscire dal carcere, stava scontando il resto della pena lo stava scontando nell’abitazione della madre. Era stato perdonato anche da Pier Luigi Gambarotto, nel 2013 direttore di filiale della Bcc, raggiunto da tre colpi di pistola. Uno si fermò a due centimetri dal cuore. È andato in pensione cinque anni fa. «Tutto è nato da un fido. Aveva un foglietto, voleva che diventasse un contratto», aveva ricordato anni fa. Ai funerali di Franceschi, che saranno celebrati come prevedono le normative anti Covid. Il fratello Enzo ha chiesto che non vengano esposte bandiere in chiesa, il vessillo della serenissima sarà posato sulla bara fuori dall’edificio religioso. Sulla sua lapide ci sarà scritto: «Sono vissuto sereno e sono morto Serenissimo». Riposerà accanto alla tomba della moglie, morta dieci anni fa, nello stesso cimitero dove è sepolto Giuseppe «Bepin» Segato, ideologo e ambasciatore dei Serenissimi che nel 1997 assaltarono il campanile di San Marco.





Addio al “patriota” Franceschi sul feretro la bandiera col Leon



I nomi storici dell’indipendentismo veneto ieri ai funerali dell’imprenditore Al parroco don Giovanni e alla famiglia la vicinanza espressa dal vescovo Claudio
GIUSY ANDREOLI
04 Giugno 2021

https://mattinopadova.gelocal.it/padova ... 1.40353099

Ha vissuto la passione indipendentista fino all’ultimo il “patriota” Luciano Franceschi e ieri gliene hanno reso merito i nomi storici della galassia venetista che hanno salutato il feretro diretto al cimitero con il triplice grido “Per San Marco!”, dopo aver posato sulla bara la bandiera col Leon.

Vicinanza alla preghiera dei familiari ha espresso anche il vescovo Claudio con una telefonata al parroco, don Giovanni Bortignon. Un intervento autorevole, quello di monsignor Cipolla, che si spiega con il fatto che nelle ultime settimane Franceschi aveva fatto una riflessione sulla sua vita e sulle azioni compiute per attirare l’attenzione sulla causa che stava portando avanti, ovviamente con modalità errate, perché nel 2013 ridusse in fin di vita, sparandogli, il direttore della BCC di Campodarsego. Commovente il ricordo del figli Arturo: ha fatto conoscere Franceschi nel suo ruolo di padre che, per non far mancare nulla alla famiglia, faceva tre lavori. In tanti si sono stretti ieri ai figli, alla madre e al fratello Enzo nel dare l’ultimo saluto al “serenissimo” Franceschi, morto a 62 anni per malattia in regime di arresti domiciliari per tentato omicidio.

A rendergli omaggio sono arrivati a Borgoricco nomistorici dell’indipendentismo veneto fra cui Mario Busato, Geremia Agnoletti, Stefano Franzago, Toni Sanson, Massimo Dell’Antonia, Gianvittorio Costa, Roberto Porcu, Daniele Quaglia, Umberto Vecchiato, Paolo Gardin. Albert Gardin ha distribuito un volantino con il commiato “dogale” in cui viene ricordato il sostegno di Franceschi al compaesano Giuseppe “Bepin” Segato e “il suo concorso alla riorganizzazione politica delle istituzioni venete che ha portato alla ricomposizione del Maggior Consiglio e all’elezione del 121 esimo Doge.

«Due settimane fa Luciano mi ha fatto chiamare e mi ha detto: “la bestia che ho dentro mi sta consumando, voglio andare incontro a Dio in pace”» ha rivelato nell’omelia don Giovanni «Abbiamo presentato a Dio tutta la sua vita, le gioie, le sofferenze, i peccati, l'amore per la famiglia e la moglie Emilia, la grande laboriosità e il suo forte senso di giustizia. “Ne ho fatte tante”, ha aggiunto, “ma adesso ho davanti il giudizio di Dio e questa è la cosa più importante della vita”. Io penso che, dopo quell’incontro, sia ripreso nel suo cuore la speranza di presentarsi davanti a Dio trovando in lui giustizia e misericordia».

In precedenza con il parroco aveva della sua passione per l’indipendenza del Veneto alla cui causa ha sacrificato tutto. Una passione confermata da Arturo: «Papà era innamorato del mito della Serenissima e del suo buon governo ma non ha mai avuto una vita facile. Era un uomo buono e generoso, ma testardo e combattivo».
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34762
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Precedente

Torna a Veneti maltrattati, derubati e uccisi dallo stato italiano e dagli italiani anche veneti

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite