Coel parlamento veneto de tuti i veneti mai nato

Coel parlamento veneto de tuti i veneti mai nato

Messaggioda Berto » ven apr 28, 2017 1:31 pm

Coel Parlamento Veneto de tuti i veneti, mai nato e ke i venesiani ke łi gheva el poder no łi ga mai promòso
viewtopic.php?f=183&t=2597


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... i-nato.jpg


Solo dopo aver perso tutto, Venezia il 22, 27, 30 maggio del 1797, propose alle municipalità delle città venete (Verona, Treviso, Padova, Vicenza, Rovigo e Belluno) di costituire una unità veneta statuale federata a pari sovranità ma queste città dissero NO! Perfino Burano disse NO!
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30339
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Coel parlamento veneto de tuti i veneti mai nato

Messaggioda Berto » ven apr 28, 2017 1:33 pm

Al jorno de ancó, en Veneto, a ghè veneti gnoranti o fanfaroni e buxiari ke łi conta ła foła o ła bàła ke sto kì el jera el Parlamento Veneto, coando ke anvençe el jera lomè kel Parlamento arestogratego venesian


Immagine
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30339
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Coel parlamento veneto de tuti i veneti mai nato

Messaggioda Berto » ven apr 28, 2017 2:12 pm

I veneti venesianisti ke łi nega e falba ła storia veneta
viewtopic.php?f=148&t=1831

I veneti ke nega e falba ła storia veneta no łi xe lomè i veneti tałiani ma anca i veneti venesiani:

i veneti tałiani
łi nega ła storia del Veneto mexoeval xerman, de ła Serenisima e del Veneto venesian:

i veneti venesiani
łi nega i 900 e pàsa ani de storia del Veneto mexoeval xerman,
e łi fa pasar i migranti xermani e el domegno xerman cofà calcosa de orendo e enfernal ke dapò lè stà canvià entel paradixo del domegno venesian;
en pì łi fa pasar ła storia dei veneti de łe lagoune e coeła de Venesia come se ła fuse ła storia de tuti i veneti;
da xontarghe l'exaltasion de l'ordenamento istitusional venesian come se l fuse stà el mejo del mondo e coeło pì democratego: scondendo e dexmentegando ke ła Repiovega Veneta a domegno arestogratego venesian no ła jera democratega, no ła jera federal e no ła jera de tuti i veneti ma solkè dei venesiani ke łi tegneva naltri veneti de tera cofà suditi. E ke stà peca lè ła caouxa del desfamento de ła Repiovega Veneta a opara de Napoleon.



Ensemense e peke venetiste e venesianiste
viewtopic.php?f=183&t=2389

I veneti del Veneto xełi on popoło e na megnoransa nasional?
viewtopic.php?f=183&t=1731

Ƚe colpe, ƚe responsabeƚetà e ‘l tradimento dei venesiani
viewtopic.php?f=167&t=1277

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... nesian.jpg


Ła Repiovega Veneto Venesiana lè termenà entel 1797 par responsabeletà e colpa de l'arestograsia venesiana e no de altri
viewtopic.php?f=160&t=807

Napoleon lè stà ƚa cartina de tornasol kel ga meso en ƚuxe ƚa deboƚesa e l'enconsestensa/pokesa poƚedega de ƚa Repiovega Veneto-venesiana de ke ƚi ani.
I venesiani de anco ƚi xe purpio taƚiani patoki, no ƚi vol recognosar ƚe so responsabeƚetà e ƚi scarga ƚa colpa so ƚi altri.
Ke Dio e san Marco ƚi ne scanpe da i venesiani ke no i ga pì el senso de ƚe so colpe e de ƚe so mexerie e ke ƚi se crede sora dei altri cofà l'ojo.
Basta far el confronto co i secoli de ƚa goera de Cambrai endoe ke ghe jera altra tenpra de omani.
Pitosto ke verxarse a ƚa nobeltà e a l'arestograsia veneta de tera ƚi ga prefaresto caƚarse ƚe braghe e consegnar ƚa Tera Veneta al criminal corso; sti venesiani ƚi xe stà traditori del Veneto, dei Veneti e de ƚa Repiovega Veneta.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30339
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Coel parlamento veneto de tuti i veneti mai nato

Messaggioda Berto » ven apr 28, 2017 2:13 pm

El Parlamento Angrexe

https://it.wikipedia.org/wiki/Parlament ... egno_Unito

Il Parlamento del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord è il supremo corpo legislativo nel Regno Unito e nelle Dipendenze britanniche d'oltremare, dotato di sovranità parlamentare.

Composizione

È un parlamento bicamerale, composto di una camera alta, la House of Lords, e una camera bassa, la House of Commons. La Camera dei Lord comprende due tipi diversi di componenti: i Lords Spiritual (i principali vescovi della Chiesa d'Inghilterra) e i Lords Temporal (i Pari del Regno); è completamente non elettiva. La Camera dei Comuni è invece eletta democraticamente e rappresenta il cuore del sistema parlamentare britannico. La House of Lords e la House of Commons si riuniscono in locali separati del Palazzo di Westminster (noto come "Houses of Parliament"), a Londra (più precisamente, nel borough di Westminster). Per convenzione costituzionale, tutti i ministri (compreso il Primo Ministro), sono membri dei Comuni o dei Lords.

Il Parlamento cominciò a svilupparsi dall'antico consiglio che assisteva il Sovrano. In teoria, il potere non risiede nel Parlamento, ma nel "Queen-in-Parliament" (oppure "King-in-Parliament").

È spesso stato detto che la Queen-in-parliament è un'autorità del tutto sovrana, anche se una tale posizione è discutibile. Nell'era moderna, il potere vero è tenuto dalla democraticamente eletta Camera dei Comuni; il Sovrano agisce soltanto come figura rappresentativa e i poteri della Camera dei Lord sono fortemente limitati.


La "madre" di tutti i Parlamenti

Il Parlamento Inglese è spesso soprannominato "Padre di tutti i Parlamenti", in quanto i corpi legislativi di molte nazioni – in particolare, quelli degli Stati membri del Commonwealth – sono costruiti sul suo modello. In ogni caso, questa è una citazione errata di una frase di John Bright, che il 18 gennaio 1865 dichiarò che "L'Inghilterra è la madre di tutti i Parlamenti", argomentando a favore dell'espansione del diritto di voto in un Paese che era stato un pioniere nel governo di tipo parlamentare.


Storia

Nel periodo medievale vi furono tre regni nelle isole britanniche; Inghilterra, Scozia e Irlanda che svilupparono quattro diversi parlamenti che in realtà caddero pochi anni più tardi. L'Act of Union del 1707 unì Inghilterra e Scozia nel Parlamento Britannico, e l'Atto d'unione del 1800 incluse l'Irlanda nel Regno Unito.


Parlamento inglese

Il parlamento inglese trae le sue origini da quello anglosassone, il Witenagemot.

Nel 1066 Guglielmo di Normandia portò un sistema feudale dove si avvalse del consiglio di signori feudali e baroni oltre che da ecclesiastici prima di ratificare leggi.
Nel 1215 i baroni fecero sottoscrivere da Giovanni Senzaterra la Magna Carta, la quale stabilì che il re non aveva il diritto di esigere tasse (eccetto quelle feudali), senza la concessione del consiglio regale, che lentamente si trasformò in un Parlamento.


Nel 1265, Simone di Montfort sesto conte di Leicester convocò il primo Parlamento. Il diritto di voto nelle elezioni parlamentari per i paesi costituenti fu uniforme ed esteso a tutti coloro che possedevano terra per una rendita di 40 scellini. Nei comuni il diritto di voto variava a seconda del paese; ogni singolo municipio adottava un'organizzazione differente. Ciò preparò il terreno per il cosiddetto "Model Parliament" del 1295 adottato da Edoardo I. A partire dal regno di Edoardo III, il Parlamento fu diviso in due camere separate: una che include la nobiltà e l'alto clero, e la seconda che include i cavalieri e i cittadini; nessuna legge poteva essere fatta né alcuna tassa imposta senza il consenso delle due camere così come senza quello del sovrano.

Con le Laws in Wales Acts (1535-1542) il Galles fu annesso all'Inghilterra rappresentanti gallesi entrarono a far parte del parlamento.

Quando nel 1603 Elisabetta I fu seguita al trono dal re scozzese Giacomo VI, che prese il nome di Giacomo I d'Inghilterra, entrambi i paesi passarono sotto il suo diretto comando ma mantennero il loro personale parlamento. Il successore di Giacomo I, Carlo I, litigò con il parlamento e dopo che ebbe provocato le Guerre dei tre regni la frattura tra il re e il parlamento sfociò nella guerra civile inglese. Carlo fu giustiziato nel 1649 e Oliver Cromwell prese il comando, eliminando la camera dei Lord, mentre la camera dei comuni rimase sotto il controllo di Cromwell. Dopo la morte di Cromwell la Restaurazione inglese del 1660 ripristinò la monarchia e la camera dei Lord.

Nella paura di una successione che portasse alla restaurazione del cattolicesimo, la Gloriosa Rivoluzione del 1688 depose Giacomo II in favore del regno unitario di Maria II e Guglielmo III, i quali erano favorevoli al Bill of Rights e introdussero una costituzione monarchica, nella quale risultasse chiara la superiorità della Corona. Per la terza volta un parlamento non convocato dal Re fu necessario per determinare la successione.



La Magna Charta Libertatum

https://it.wikipedia.org/wiki/Magna_Carta

La Magna Charta Libertatum (dal latino medievale, "Grande Carta delle libertà"), comunemente chiamata Magna Carta, è una carta accettata il 15 giugno 1215 dal re Giovanni d'Inghilterra a Runnymede, nei pressi di Windsor. Redatta dall'Arcivescovo di Canterbury per raggiungere la pace tra l'impopolare re e un gruppo di baroni ribelli, garantì la tutela dei diritti della chiesa, la protezione ai baroni dalla detenzione illegale, la garanzia di una rapida giustizia e la limitazione sui pagamenti feudali alla corona.

Fu chiamata magna per non confonderla con un provvedimento minore, una carta emanata proprio in quegli anni per sancire una serie di limiti al potere del sovrano inglese. Pur presentandosi, quindi, come un atto di concessione unilaterale da parte del re, costituiva, in realtà, un contratto di riconoscimento di diritti reciproci. Dopo la morte di Giovanni, il governo reggenza del suo giovane figlio Enrico III fece emanare nuovamente il documento nel 1216, spogliato di alcuni dei suoi contenuti più radicali, in un tentativo fallito di costruirsi un sostegno politico; l'anno seguente, alla fine della prima guerra dei baroni, fece parte del trattato di pace concordato a Lambeth. A corto di fondi, Enrico fece ripubblicare ancora una volta la Carta nel 1225, in cambio di una concessione di nuove tasse; suo figlio, Edoardo I, lo fece nel 1297, questa volta confermandola come parte della legge statutaria dell'Inghilterra.

Benché la Magna Carta sia stata più volte modificata, nel corso dei secoli, da leggi ordinarie emanate dal parlamento, conserva tuttora lo status di Carta fondamentale della monarchia britannica.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30339
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Coel parlamento veneto de tuti i veneti mai nato

Messaggioda Berto » ven apr 28, 2017 2:20 pm

El Parlamento Furlan

https://it.wikipedia.org/wiki/Parlamento_del_Friuli

Il Parlamento del Friuli (Parlament de Patrie dal Friûl) è stato un organo consultivo, legislativo, giudiziario e di governo dello Stato medievale Friulano e, successivamente, della Repubblica di Venezia. Ha operato tra il 1231 ed il 1805.

Storia

Era un istituto di tipo romano-germanico, le sue origini risalgono agli incontri fra i nobili ed il patriarca che si cominciarono a tenere già dal XII secolo. La data di inizio ufficiale dell'attività del Parlamento si fa risalire al 1231, data della prima delibera; inizialmente tale istituzione era unicamente consultiva e rappresentata unicamente dalla nobiltà e dal clero e in seguito dalla comunità. Nel XIV secolo divenne un'assemblea legislativa a tutti gli effetti e pure tribunale supremo; il parlamento continuò a riunirsi (anche se privato di quasi tutti i suoi poteri) anche dopo l'invasione veneta, avvenuta nel 1420, tra il 1516 e il 1586 fu istituita la Contadinanza, organismo rappresentativo eletto dai contadini per difendere i propri interessi specialmente dopo gli avvenimenti del giovedì Grasso 27 febbraio 1511. La Contadinanza costituiva un quarto corpo mentre nel Parlamento erano rappresentati gli altri tre: nobili, clero, comunità. Poteva proporre le leggi al Parlamento e porre il veto a quelle altre proposte dagli altri. Il Parlamento si riunì per l'ultima volta nel 1805, fu infatti ufficialmente sciolto da Napoleone Bonaparte. Questo ne fa uno dei parlamenti più antichi e longevi di tutta Europa.

Il Parlamento era solito riunirsi a Udine e Cividale del Friuli oppure a Campoformido (luogo in cui veniva fatta la rassegna dell'esercito dello stato patriarcale), si tennero diverse riunioni anche ad Aquileia, San Daniele del Friuli, Gemona, Sacile ed altri svariati luoghi del Friuli. Dopo l'occupazione veneta le riunioni si tennero solo nel castello di Udine.

I compiti del Parlamento erano vari: la difesa del Patriarcato (ogni rappresentante era tenuto a corrispondere un preciso numero di uomini ed armi in caso di necessità), la tassazione, la politica estera, l'emanazione di leggi (raccolte dal patriarca Marquardo di Randeck nelle Constitutiones Patriae Foriiulii), l'amministrazione della giustizia e la pubblica amministrazione erano i più importanti.

L'organo esecutivo del parlamento era il Consiglio.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30339
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Coel parlamento veneto de tuti i veneti mai nato

Messaggioda Berto » ven apr 28, 2017 3:05 pm

Dieta germanica

https://it.wikipedia.org/wiki/Dieta_(storia)
La dieta (Tag), nell'antico diritto dei germani, era la riunione del popolo, originariamente atta soprattutto all'elezione del sovrano. Nel Sacro Romano Impero era un'assemblea che riuniva il sovrano (re o imperatore) e i maggiori principi dell'impero, con compiti di carattere prevalentemente legislativo, anche se nella struttura costituzionale del Medioevo non esisteva una separazione tra poteri, e infatti le diete agivano anche come organi giurisdizionali ed esecutivi.

L'origine del termine è latina: proviene dal tardo latino dieta, come «giorno stabilito per l'assemblea», a sua volta proveniente quindi dal latino dies, cioè "giorno". Il termine latino è desunto dall'originale germanico tag, "giorno".

Si distingue tra

"dieta reale" o "di corte" (ted. Hoftag) di carattere maggiormente informale, e destinata ad affrontare questioni contingenti.
"dieta imperiale" (ted. Reichstag), con norme procedurali maggiormente definite e per questioni che riguardavano l'impero nel suo complesso.
"dieta regionale", (ted. Landtag) limitata ad una sola signoria o regione.

Il termine Dieta imperiale (Reichstag) si riferisce in origine all'assemblea degli ordini del Sacro Romano Impero. Queste assemblee cominciarono ad essere convocate, accanto alle più informali diete reali, nel XII secolo, e divennero parte integrante della costituzione dell'impero nel 1495, con un trattato tra l'imperatore e i rappresentanti degli stati.

La dieta imperiale venne convocata, a intervalli irregolari, in una città vescovile o imperiale, e offriva agli stati un contrappeso all'autorità centrale degli imperatori. Venuto meno il potere imperiale, la figura dell'imperatore venne declassata ad una sorta di presidente della Dieta (Primus inter Pares), come organo esecutivo delle decisioni deliberate al Reichstag, divenuto l'organo supremo legiferante dell'impero.



Immagine
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30339
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Coel parlamento veneto de tuti i veneti mai nato

Messaggioda Berto » ven apr 28, 2017 3:22 pm

Asenblea federal xvisara - Assemblea federale svizzera

L'Assemblea federale costituisce il Parlamento svizzero, formato da due camere: il Consiglio nazionale (200 seggi) e il Consiglio degli Stati (46 seggi). Le sedute si svolgono a Palazzo federale, a Berna, almeno in 4 sessioni annuali di 3 settimane l'una.

https://it.wikipedia.org/wiki/Assemblea ... _(Svizzera)

Nel Consiglio nazionale i seggi sono distribuiti proporzionalmente alla popolazione dei vari cantoni; per il Consiglio degli Stati, ogni cantone ha a disposizione due seggi mentre per i semicantoni uno solo (Basilea Città, Basilea Campagna, Appenzello Interno, Appenzello Esterno, Obvaldo e Nidvaldo). Ciò fa sì che le decisioni dell'Assemblea federale siano prese secondo la volontà sia dei cantoni che del popolo.
Il presidente del Consiglio nazionale ha il titolo di presidente anche dell'intera assemblea, così da essere il primo cittadino svizzero.
Ogni decisione del parlamento svizzero deve essere approvata da entrambe le camere (bicameralismo perfetto).


https://it.wikipedia.org/wiki/Svizzera
La Svizzera vide la sua nascita ufficiale con l'alleanza di tre cantoni che nel 1291 rinnovarono il patto eterno confederale, il che spinge a pensare che la nascita della Svizzera risalga a tempi ancora più remoti. Ad ogni modo, la Svizzera è uno dei più antichi Stati del mondo.

Patto confederale
https://it.wikipedia.org/wiki/Patto_eterno_confederale
Il Patto confederale o lettera di alleanza (in tedesco Bundesbrief) documenta l'alleanza eterna o lega dei tre cantoni forestali (in tedesco Ewiger Bund der Drei Waldstätten), ovvero l'unione dei tre cantoni dell'odierna Svizzera Centrale che si formò ai primi di agosto dell'anno 1291. Viene chiamato anche Patto del Grütli, dal nome del luogo dove venne stipulato.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30339
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Coel parlamento veneto de tuti i veneti mai nato

Messaggioda Berto » ven apr 28, 2017 3:23 pm

Me despiaxe dirlo ma i veneti no łi ga mai vesto on so Parlamento de tuti i veneti come ke ga vesto ła Furlania, ła Gran Bretagna, ła Xermagna e ła Xvisara

I veneti no łi ga mai vesto gnente de tuto coesto.


Ła Repiovega Veneto Venesiana lè termenà ente 1797 el 12 de majo, purpio parké no a xe stà fato on Parlamento Veneto de tuti i veneti
viewtopic.php?f=160&t=807


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... enezia.png

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... aferma.png
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30339
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Coel parlamento veneto de tuti i veneti mai nato

Messaggioda Berto » ven apr 28, 2017 4:06 pm

Anca al jorno de ancó i veneti non łi xe boni de far on fronte comun par ver pì forsa, purpio come co comandava Venesia, sta kì lè ła mexeria dei veneti.
Se semo ente ste condision a lè purpio colpa dei veneti e de nesun altro.



La Repubblica Veneta a dominio veneziano non è stata capace di creare una unità sovrana di tutti i veneti, diversamente dalla Gran Bretagna e dalla Svizzera che si sono splendidamente conservate fino ai nostri giorni, mentre la Serenissima è miseramente scomparsa, non avendo saputo trasformarsi da aristocratico dominio veneziano a signoria repubblicana di tutti i veneti che avrebbe dato al Veneto e ai veneti la forza politica, il diritto e la considerazione del mondo intero al rispetto e al riconoscimento.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30339
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Coel parlamento veneto de tuti i veneti mai nato

Messaggioda Berto » lun mag 01, 2017 8:56 am

Anca Trentin el ga senpre enamente Venesia come se el Veneto el fuse lomè ke Venesia e come se Venesia no la ghèse grandi colpe e grandi responsabełetà par ła mexera fine de ła Repiovega Veneta a domegno venesian, ke Venesia non ła ga vesto l'entełijensa poledego-storego-cultural e ł sentimento veneto de farla dentar domegno de tuti i veneti. Co l'exaltasion acretega de ła Serenisima e co l'idolatra mito de San Marco el Veneto nol gavarà mai pì gnaona endependensa.

???

15 SOGGETTI INDIPENDENTISTI IN CERCA DI UNA CLASSE DIRIGENTE
di ENZO TRENTIN

http://www.lindipendenzanuova.com/15-so ... -dirigente

Sabato 29 aprile, a San Bonifacio (VR), s’è tenuta l’assemblea pubblica di presentazione d’un nuovo soggetto politico denominato Confederazione Veneta Intergruppi, che raccoglie 15 soggetti cultural-politico-sindacali che aspirano all’indipendenza del Veneto.

Diciamo subito che il “progetto autodeterminativo” è per il momento privo di una dirigenza politicamente adeguata. Alcuni sociologi affermano che ci vorranno 10-15 anni per vedere emergere la nuova classe dirigente. Che sarà una minoranza, certo, composta però da soggetti sociali completamente diversi da quelli cui siamo abituati. Sia chiaro: questi soggetti esistono già, si stanno muovendo. Sono sotterranei e silenziosi. Stanno cercando un riconoscimento sociale che finora non hanno avuto. Presto o tardi, ci si accorgerà di loro.

Intanto da quanto emerge dal convegno di Intergruppi, sembrano affiorare interessanti indicazioni di percorso:

È stata presentata una bozza di progetto istituzionale che ripropone più o meno quanto pubblicato dal nostro giornale l’8 gennaio 2017. [vedi qui: http://www.lindipendenzanuova.com/indip ... i-partenza ]. Tale bozza non è stata approfondita preferendo soffermarsi su un’ampia presentazione delle leggi internazionali (in parte fatte proprie dalle leggi italiane) che prefigurano e consentono l’autodeterminazione del popolo veneto. Ad ogni buon conto si tratta di un Commonwealth (termine inglese composto da common e wealth che vuole dire letteralmente “bene comune”; l’equivalente del latino res publica = “cosa pubblica”), entrato nel linguaggio politico inglese con la repubblica di Oliver Cromwell (1649-1653) per indicare la comunità dei cittadini.

Sta per prendere l’abbrivio un referendum telematico che si svolgerà in due fasi a partire dalla data simbolica del 12 maggio 2017 (il 12 maggio 1797 cadde la Repubblica di Venezia). Nella prima fase ai votanti verrà chiesto di certificarsi per ovviare ad ogni contestazione. In seconda battuta ci sarà il voto vero è proprio che si potrà esprimere nell’arco di più giorni.

Su questi due argomenti dettaglieremo nei prossimi giorni. Per il momento ci sia consentito di ritornare al problema sopra accennato: individuare e selezionare una classe dirigente.

Nei giorni scorsi abbiamo visto come uno dei componenti di Intergruppi: il “Gruppo Chiavegato”, abbia stilato un accordo politico con la formazione “Siamo Veneto” del Consigliere regionale Antonio Guadagnini. Ebbene, a seguito di questo agreement alcuni indipendentisti che avevano assicurato la loro presenza ai lavori non hanno partecipato. Costoro ritengono che tale intesa sia umanamente comprensibile, ma non accettabile.

Lucio Chiavegato ha subito alcune settimane di capziosa carcerazione. Ovvio che desideri “monetizzare” le “sue prigioni“ con un’elezione alla Regione Veneto, senza peraltro sottostare alla legale ma illegittima raccolta di decine di migliaia di firme per la presentazione della sua lista elettorale che sarà assicurata da “Siamo Veneto”. Tuttavia Lucio Chiavegato, da noi espressamente interpellato, non ha da proporre alcuna delibera di riforma istituzionale che potrebbe partire da quell’Ente. Egli auspica l’elezione di un’improbabile maggioranza indipendentista, mentre per il resto rimanda al futuro.

E questo ci rimanda alla questione del titolo: dov’è la classe dirigente veneta?

I politici – dall’italietta risorgimentale ai giorni nostri – hanno sempre fatto affidamento sul denaro come un’arma per comprare voti, perché si rendono conto che abituare i cittadini alle dispense del governo è il modo più semplice per allevare la docilità di massa, e allungare il loro potere. I politici stanno dividendo i cittadini del “Belpaese” in due classi: quelli che lavorano per vivere e quelli che votano per vivere. Lo conferma l’astensionismo al voto arrivato a circa il 50% degli aventi diritto. Lo Stato onnipotente ha così ucciso la civiltà, la felicità e la democrazia.

Ebbene, come ha messo in rilievo Enrico Besta [Il diritto e le leggi civili di Venezia fino al dogado di Enrico Dandolo, in «Ateneo veneto», XX (1897), pp. 291-301], nel parlare dei primordi del diritto veneto, per secoli Venezia non ha avuto leggi scritte, e regolava la sua vita civile, nonché i rapporti tra i privati, basandosi solo sulle consuetudini. Il mutamento è avvenuto con la seconda metà del secolo XII. Si emanerà, dopo di allora, una legislazione scritta, sempre più varia ed abbondante. Saranno norme di diritto pubblico, concernenti i nuovi organi costituzionali, o norme procedurali; altre riguarderanno il diritto privato, come quelle sulle successioni e sulle doti; e altre avranno per oggetto il diritto marittimo. Né si trascurerà il diritto penale: usciva, nel 1181, la promissio maleficiorum del doge Orio Malipiero; la seguirà, nel 1232, la prornissio de maleficio del doge Jacopo Tiepolo, destinata a rimanere, in tal settore, il cardine del diritto veneto. La grande svolta la si avrà nel 1242: quando lo stesso doge Jacopo Tiepolo incaricherà quattro uomini, «disertissimos nobiles et discretos», di prendere in mano tutta la legislazione, di vagliarla, di integrarla, di riordinarla, e di redigere infine un corpo statutario, gli Statuta del Comune Veneciarum. Un lavoro effettuato rapidamente: alla sua abdicazione dalla carica dogale, nel 1249, Jacopo Tiepolo aveva la soddisfazione di lasciare l’opera ormai compiuta, cinque libri di statuti, e, in appendice, gli statuti della «curia di petizion», che riguardavano la procedura.

Nel primo prologo premesso agli Statuti, Jacopo Tiepolo, oltre a ringraziare le quattro persone da lui incaricare per il lavoro compiuto, ammoniva i giudici ad applicare gli Statuti con «exacta diligentia» e indicava loro la gerarchia delle fonti del diritto cui attenersi nel caso in cui essi si trovassero davanti a situazioni non previste («cum plura sint negotia quam statuta», spiegava il legislatore). In carenza degli Statuti, dunque, bisognava anzitutto ricorrere all’analogia o a una consuetudine approvata («de similibus est ad similia procedendum, vel secundum consuetudinem approbatam»); per finire, se anche l’analogia fosse impossibile e la consuetudine adatta non esistesse, «disponant nostri Judices» stabiliva il prologo «sicut iustum et aequum eorum providentiae apparebit, habentes Deum ante oculos mentis suae, sic ut in die districti examinis coram tremendo Judice dignam possint reddere rationem». Il diritto romano, o imperiale, era pertanto formalmente escluso dalla gerarchia delle fonti. Non sarà una sistemazione definitiva. Nei primi decenni del secolo XIV, si provvederà ad apportarvi delle correzioni.

Per capire la portata di questa architettura istituzionale è utile contestualizzare, ed è allora necessario rilevare che la Magna Carta venne concepita, nel 1215, come un tentativo non riuscito di raggiungere la pace tra i monarchici e le fazioni ribelli. A quel tempo l’Inghilterra era governata da re Giovanni (senza terra), il terzo dei re degli angioini. E Giovanni e i suoi predecessori governavano con il principio della vis et voluntas (o “forza e volontà”), in cui i regnanti godevano di potere esecutivo e potevano talvolta prendere decisioni arbitrarie, spesso giustificando tali azioni sulla base che un re era al di sopra della legge.

A quell’epoca in Svizzera i tre cantoni originari stilarono il patto del Grütli del 1291, stringendo un nuovo giuramento e ampliando i contenuti della loro alleanza-unione. Il nuovo patto di Brennen (1315) non è più un accordo giurato da notabili: è un insieme di grandi norme che saranno lette e giurate – e lo saranno per secoli – in ogni Landsgemeinde, dai confederati (Eidgenossen) dicono già i documenti, uomini uniti per giuramento.

Ora, ritornando a Venezia, la vera aspirazione delle famiglie venete non è mai stata quella di arricchirsi, ma di salire nella scala socio-intellettuale, e non vi era città europea in cui questa aspirazione poteva essere appagata come a Venezia. In questa città cosmopolita la passione per l’arte arrivava a toccare, in tutti gli strati della popolazione, vere e proprie vette di fanatismo. Ed è naturale che, in una società dove la politica ha un ruolo minimale, la gente cerchi di coltivare la propria vita interiore attraverso l’arte e la cultura. All’opposto, nelle società statalizzate e dominate dai partiti politici, le persone sono sovrastate da incomprensibili questioni sociali alle quali mai in condizioni normali si sarebbero interessate.

I politici, gli ideologi, gli organizzatori, i burocrati prendono il posto dei letterati, degli scrittori, dei musicisti o dei pittori, e tutta la vita culturale decade. La politica avvelena i rapporti tra persone che, altrimenti, vivrebbero in pace dedicandosi alla cose importanti della vita: i rapporti famigliari, le amicizie, gli interessi personali. Nella repubblica di Venezia, sino al 1797, i partiti politici erano osteggiati, il senso di massa e di gregge non aveva raggiunto nella vita pubblica la ripugnante potenza che ha oggi; la libertà dell’agire privato era considerata, cosa oggi appena concepibile, legittima e sottintesa.
E la riprova è che a sollevarsi contro l’invasione napoleonica fu il popolo minuto.

Per questo c’è chi non si fa convincere quell’Intelligencija prezzolata d’oggidì, volutamente priva di memoria storica e dedita solo alla Dizinformacja. Ed è anche per questo che l’indipendentismo necessita di un’autentica classe dirigente, a meno che non si introducano le elezioni per ballottaggio [vedasi qui: https://www.youtube.com/watch?v=KS9EMvb ... e=youtu.be ] come nell’antica Repubblica di San Marco, controbilanciato dall’esercizio facile e tempestivo di autentici strumenti di democrazia diretta come in Svizzera. Ma questo lavoro legislativo è ancora tutto da redigere. Chi sarà chiamato a tale importante compito? Al convegno di San Bonifacio non è stato detto!

I veneti, quando c'era la Repubblica Veneta a dominio veneto-veneziano, non hanno saputo/voluto creare-costruirsi una classe dirigente politica di tutti i veneti (e quindi formare un popolo, uno stato e una nazione veneta a partecipazione e sovranità di tutti i veneti), come pensi che possano farlo oggi che i veneti non sono più sudditi di altri veneti ma sono sudditi e servi e schiavi di gente non veneta a cui la libertà e l'indipendnza del Veneto e dei veneti è una eventualità da impedire a tutti i costi?


Na bona clàse dirixente ła cognose o ła çerca da cognosar tuta ła storia de ła so xente, ła ga enamente e 'ntel cor tuta ła so xente, ła ga amor e atension par tuta ła so tera e tuta ła so xente e no lomè ke par na parte;
na bona clàse dirixente no ła xe rogante e prexountuoxa, ła ga cosiensa de coel ke xe capità, de łe colpe, de łe peke, de łe magagne, de łe responsabełetà de ognoun e de tuti; no ła ga sprèso par gnaona parte de ła so tera e de ła so xente; ła dà el bon somexo e ła xe al servisio de ła so xente e soratuto no ła xe na casta.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30339
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Prossimo

Torna a On novo Veneto, i miti e i dogmi venetisti-venesianisti

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite