El mito de Venesia lè n'entrigo par l'endependensa veneta

El mito de Venesia lè n'entrigo par l'endependensa veneta

Messaggioda Berto » mar set 01, 2015 7:58 am

El mito de Venesia lè n'entrigo par l'endependensa veneta
viewtopic.php?f=183&t=1816
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34231
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

El mito de Venesia lè n'entrigo par l'endependensa veneta

Messaggioda Berto » mar set 01, 2015 8:04 am

DAI VENETISTI AI VENESIANISTI

Parlamento Veneto e CNL, tuto fondà sol mito de Venesia, come se ła storia no ła contàse gnente e come se el termene de ła Repiovega Veneta el fuse colpa e responsabełetà de altri fora ke dei veneti-venesiani e de Venesia ke ła jera ła çità domenante
viewtopic.php?f=167&t=1580


Ƚe colpe, ƚe responsabeƚetà e ‘l tradimento dei venesiani
viewtopic.php?f=167&t=1277

El stado veneto a domegnansa venesiana
viewtopic.php?f=184&t=1416

Veneti ke łi sogna na nova Repiovega Arestogratega
viewtopic.php?f=168&t=885

El sogno mito dei Serenisimi - Venesia e i so limiti
viewtopic.php?f=134&t=1571

La Repiovega Veneta a domegnansa o segnoria venesiana no ła jera na federasion, on vero stado federal ma na segnoria ołegarkega.
Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... enesia.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34231
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

El mito de Venesia lè n'entrigo par l'endependensa veneta

Messaggioda Berto » mar set 01, 2015 8:07 am

On caxo da ciapàr a somexo dei veneti orbà dal mito de Venesia


Walter Bianchini
https://www.facebook.com/walter.bianchi ... ment_reply

LA PATRIA DEL FRIULI DI OGGI, E VENEZIA
30 agosto 2015 di Millo Bozzolan
Di Milo Boz, veneto marciano.
http://venetostoria.com/2015/08/30/la-p ... -e-venezia
Vengo ora da una capatina nella pagina di un gruppo autonomista friulano e mi vien da pensare quanto balzi all’occhio, nei contenuti, la differenza tra noi indipendentisti veneti e loro. Bene o male, magari in maniera a volte un po’ troppo “nazionalista” noi ci rifacciamo a una civiltà e a una storia, quella veneta, espressa da Venezia, che ha segnato lo sviluppo dell’Europa e quindi dell’Occidente. Un grande retaggio di cultura, che ha riempito i musei del mondo di opere d’arte e anche un esempio di convivenza tra vari popoli di cultura ed etnia diversi, valido ancora oggi, a cui hanno contribuito tutti, compresi i friulani, che dovrebbero menarne vanto e rivendicare con orgoglio la loro fetta di “venezianità”.
Invece li vedo capaci solo di un campanilismo privo di storia, basato sulla specificità della lingua friulana e poco altro. Rinnegando un grande passato all’ombra del Leone, cosa vi resta in mano cari “fradei furlani”? E’ Venezia che vi permise di aver un parlamento in quel di Udine, è Venezia che impose ai feudatari di accettarvi, come di consuetudine già nella Terraferma, i rappresentanti di tutte le categorie, compresi i contadini, le classi più umili… fareste bene a ricordare anche queste cose, parte della vostra storia.
O no?


Comenti

Alberto Pento
Sti veneti envaxà e orbà dal mito de Venesia no łi ghe riva e no łi capise:
No, sto omo nol capise, nol ghe riva, nol capise ke ła storia dei veneti de tera suditi de ła Repiovega Veneta a domegno venesian ła xe durà lomè 4 secołi e ke ła storia sensa Venesia ła xe durà pì del dopio, 900 e pàsa ani, dapò el termene de l'enpero roman; e sto omo nol capise ke ła Repiovega Veneta ła xe morta purpio par colpa dei venesiani ke łi ga volesto tegner sudite o sotane tute łe xenti de łe tere venet-furlane anvençe de farle responsabiłi e parteçepi del poter połedego. Nol ghe riva a capir ke xe stà purpio par sto egoixmo venesian ke no ghè pì tanto amor par Venesia e i venesiani. Coando kel capirà che el Veneto co ła Furlania no łe xe Venesia e ke ła so storia lè anca altro da coeła de Venesia forse sarà màsa tardi.
Mi a so veneto vixentin e no veneto marcian come ke łi udinexi łi xe furlani, mai dexmentegarse de recognosar e de ver creansa par ła storia e l'edentetà de łi altri e ke no se ga da far come ke ła ga fato ła Tałia ke ła ga scançełà e falbà ła storia de tuti contando lomè coeła de łi romani e de łi "tałiani".

Claus Chiaranda
i furlani xe peso dei ebrei....i gà da pagar come noialtri e non rompar i cojoni.....

Alberto Pento
Ki ke ensoluta i furlani e li ebrei li xe omani sensa creansa, roganti e gnoranti, da perdar pì ke da catar.

Claus Chiaranda
massa fassie vivar soe fadighe de staltri.....altro che sconti su tutto...desso ciaveve italia e ste sitti

Claus Chiaranda
i fea festa co italiani e desso che ghe toca pagar i gà cambià bandiera.....petapeoci del casso

Walter Bianchini
Ciò ma lo seto come i nobili Visentini i tratava i Visentini, lo seto che i Visentini ga vudo un bel sviupo nel commercio con venesia , lo seto come che serimo trata' dai can grande dea scala, dai romano d'ezzelino,ecc, hoo lo seto , te gheto informa' hoo cosa disito?

Alberto Pento
Mi so ke a jerimo suditi de Venesia e ke ła Repiovega Veneta no ła jera de tuti i veneti ma lomè dei venesiani e ke par sto fato ła xe termenà co Napoleon. Penso ca baste e ke se ghe ne vanse. I comuni łi xe nati prima ente ła tera ferma ke ente ła laguna. E anca Viçensa ła jera on comun. Pal resto i venesiani co łe so goere de domegno łi ghi nà fato de aio anca pexo de st'altri; me vien enamente ke tra i primi doxe tanti łi fuse stà copà e a altri łi ghe cavava i oci.
Dapò so come ke vegneva tratà el popoło te meto sta bołetina so come ke ło trattava i venesiani:

Andrea Da Mosto: I bravi de Venesia
(altro ke łe vesasion de i nobełi de tera de secołar orexene jermanega o d’altra, cofà Don Rodrigo!)
http://sbmp.provincia.venezia.it/.../ve ... aMosto.pdf

Mi so veneto vixentin e non so venesian e gnanca marcian e mi sogno on Veneto cofà ła Xvisara e no cofà ła vecia Repiovega Veneta a domegno venesian ke ła storia ła ga scançełà romai da 200 ani. Studia ke xe mejo! E lasa star i miti ke no li porta da gnaona parte.

Alberto Pento
Veneti ke łi sogna na nova Repiovega Arestogratega
viewforum.php?f=167

Walter Bianchini
A però 400 anni de pace e prosperità par vicenza sotto venesia , te giri la fortaia e serimo dei schiaveti he he se te fa piasere pensea pure così oi oi.

Alberto Pento
Ma coali 400 ani de paxe? Studia ben la storia.

Alberto Pento
Goera turco-venesiana (1463-1479),
https://it.wikipedia.org/.../Guerra_turco-veneziana...

Goera de Ferara (1482-1484),
https://it.wikipedia.org/.../Guerra_di_ ... _%281482...

Goera d'Italia del 1494-1498,
https://it.wikipedia.org/wiki/Guerra_d' ... _1494-1498

Goera turco-venesiana (1499-1503),
https://it.wikipedia.org/.../Guerra_turco-veneziana... b

Goera d'Italia del 1499-1504 e
https://it.wikipedia.org/wiki/Guerra_d' ... _1499-1504

Goera de Cambrai.
https://it.wikipedia.org/wiki/Guerra_de ... di_Cambrai

Bataja de Lepanto
https://it.wikipedia.org/wiki/Battaglia_di_Lepanto

Goera de Çipro
https://it.wikipedia.org/wiki/Guerra_di_Cipro

Goera de Candia
https://it.wikipedia.org/wiki/Guerra_di_Candia

Goera de Morea
https://it.wikipedia.org/wiki/Guerra_di_Morea

Goera de Gradisca
https://it.wikipedia.org/wiki/Guerra_di_Gradisca

Guerra turco-veneziana (1463-1479)
https://it.wikipedia.org/wiki/Guerra_tu ... 63-1479%29

Guerra turco-veneziana (1499-1503)
https://it.wikipedia.org/wiki/Guerra_tu ... 99-1503%29


Alberto Pento
No ghè fortaje da voltar, a ghè lomè i fati da contar puito e sensa falbarli. La Repiovega Veneta ła jera arestogratega a domegnansa venesiana e i veneti de tera łi jera suditi de Venesia. Dapò ti a te pol contartela come ca te vol ma i fati de ła storia łi resta fati ke ti no te pol canviar de na virgoła.

Alberto Pento
Coel ke, caxo mai, se dovaria dir lè ke col domegno venesian, ke co ła vitoria de Venesia tra łe çità venete par el domegno del Veneto a xe termenà ła goera tra łe çità venete. Però sta vitoria venesiana, sta soramansia venesiana ke no ła xe ma devegnesta Repiovega de tuti i veneti restando lomè soramansia venesiana, domegno

Alberto Pento
La Repiovega Veneta a domegno venesian no ła jera federal, no ła gheva gnente de federal
viewtopic.php?f=167&t=1602
foto di Alberto Pento.

Alberto Pento
El sogno mito dei Serenisimi - Venesia e i so limiti
viewtopic.php?f=134&t=1571

Alberto Pento
Ƚe colpe, ƚe responsabeƚetà e ‘l tradimento dei venesiani
viewtopic.php?f=167&t=1277

Alberto Pento
Mi so veneto vixentin e vago fiero de la me storia veneta e vixentina e no so venesian. Viçensa la xe veneta da 3000 ani e la ga le so raixe ente l'Ouropa continental, Venesia la ga come Rivoalto e Venesia 1300 ani e poco pì e la ga tante so raixe longo el Mediteragno greghe e armene, i primi "doxe" li jera bixantini e de nomansa enperial, pi tardi a xe rivasti coeli nomà da le xenti de la laguna e li se copava e cavava i oci. Mi a so vixentin e vago fiero de tuta la me storia anca de li Exelini e de tuto el resto. L'ogneversetà no lè nasesta a Venesia ma ente la Pava mexoeval, comunal a domegnansa xermana e la se ga sviloupà co i Cararexi.

Alberto Pento
A mi me entaresa la storia de tuto el Veneto e no lomè coela de Venesia. E de la grandesa enperial de Venesia no me ciava on càso, come ke no me ciava on càso de la grandesa enperial de Roma. Mi no ghe vago drio a le grandese desfà ente la polvare e a li so miti. A mi me entaresa cognosar ben tuta la storia e coela de tuti e no go miti ke li me faça ver le travegole e ke li me dindole come ca fuse cionpo. La me Parea o Patria lè el Veneto de ancò e no la Venesia de jeri, i domegni venesiani no li xe mai stà tere venete ma lomè domegni venesiani.

Alberto Pento
No ghè fortaje da voltar, a ghè lomè i fati da contar puito e sensa falbarli. La Repiovega Veneta ła jera arestogratega a domegnansa venesiana e i veneti de tera łi jera suditi de Venesia. Dapò ti a te pol contartela come ca te vol ma i fati de ła storia łi resta fati ke ti no te pol canviar de na virgoła.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34231
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

El mito de Venesia lè n'entrigo par l'endependensa veneta

Messaggioda Berto » mar set 01, 2015 9:02 am

Anca Cristo e San Marco col so leon no łi serve a ła cauxa veneta.

Anca tirare en bàło Dio no serve a gnente o mejo lè n'entrigo e na falbaria, parké Dio nol ghe entra so ste robe de łi òmani e tirarlo drento lè na bastiema e el podaria anca enrabiarse o encasarse de bruto.
Sfrutar Dio o mejo łe edeołoje rełijoxe par łe purpie robe no lè mai on bon far, on bon segno.

Cristo e San Marco xe mejo lasarli perdar, parké no łi xe Dio par i no credenti o łi altro credenti e dapò par i cristiani:
primo,
parké el regno de Cristo no lè de sto mondo;
secondo,
parké San Marco el te porta a Roma e naltri par esar endependenti a ghemo cogno de leberarse de Roma e de tuti łi miti ke łi te łiga a Roma e ke łi te fa sotani de Roma.

Laeçetà o laiçità
viewtopic.php?f=183&t=1410

San Marco vanti de esar el Santo Paròno de Venesia el jera el Santo Paròno de la Akileja de li ani veneto-çelto-romani e po' patriarcal anca ente li secoli longobardi.
viewtopic.php?f=153&t=211

Marco l’evanxełista ebreo (etimoloja)
on santo cristian de łi veneti de mar ma anca de coełi de tera
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... ZQVUU/edit
Immagine

Anca el Leon de San Marco, cofà sinboło, nol ga gnaon vałor e forsa se manca ła cosiensa, ła responsabełetà, ła parteçipasion e ła vołontà dei veneti, de ła majoransa dei veneti.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34231
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

El mito de Venesia lè n'entrigo par l'endependensa veneta

Messaggioda Berto » mar set 01, 2015 9:41 am

Anca no contando ben ła storia,
negandoghene na bona so parte o falbandoghene altre
no se aia i veneti a ciapar cosiensa e a voler l'endependensa.


No se pol negarghe ai veneti de tera łe so raixe pristoreghe ouropeo-continentałi çelte, xermane e xlave e no se pol scondarghe i pasà 900 ani de storia mexoeval a domegnansa e enfloensa xermana e no se pol far pasar łe xenti xermane, ave de tanti veneti, come xenti barbare, dexgrasià, ençeviłi e dexumane.

No se pol negar ke ła longa storia mexoeval co łe so raixe e enfloense xermane ła gapia xenerà łe istitusion repiovegane comounałi;

no se pol far pasar ła storia de Venesia co łe so raixe bixantine (grego-armene) e medeteragne par ła storia de tuti i veneti;
no se pol far pasar łe istitusion repiovegane venesiane come se no łe ghese raixe ente łe istitusion comounal mexoeval ke łe jera anca coełe dei veneti de tera;
no se pol far pasar le istitusion repiovegane arestograteghe venesiane come le mejio istitusion ca ghe sipia stà e on modeło par coełe de on diman, parké a xe purpio łe istitusion arestograteghe venesiane ła caouxa del termene de ła Repiovega Veneta parké no łe se ga canvià ente łe łe istitusion repiovegane de tuti i veneti.

No se pol far pasar el periodo de 400 ani de storia veneto-venesiana termenà col rivo de Napoleon cofà el fuse stà on paradixo en tera.

No se pol far pasar ła nobeltà de tera dei veneti, en bona parte de orexene xermana come cała fuse stà na dexgràsia par i veneti, parké se veramente la fuse stà na dexgràsia no ła saria mia durà secołi.

No se pol scondar ła rogansa dei venesiani, łi so egoixmi e łimiti e farli pasar come i mejo òmani ca ghe fuse ente ła tera veneta.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34231
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

El mito de Venesia lè n'entrigo par l'endependensa veneta

Messaggioda Berto » mer set 02, 2015 8:29 pm

Coanta retorega, co i leoni no se va pì da gnaona parte!

« Il Veneto nel 1866 non è mai stato ceduto all'Italia (seconda parte)
La Repubblica senza San Marco »

E ora censurano il Leone!

http://guiotto-padova.blogautore.repubb ... o-il-leone

La storia si ripete, a quanto pare.

Una delle prime iniziative intraprese da Napoleone, che alla fine del 1700 arrivò nelle terre venete devastando e depredando quanto trovava lungo il suo cammino, fino a portare alla caduta della millenaria Repubblica Veneta, fu quello di distruggere i Leoni di San Marco. Leoni presenti su tutto il territorio della Serenissima, dall'Adda all'Isonzo, e poi giù, fino alle Isole greche ed anche oltre, emblema non solo del prestigio politico plurisecolare delle istituzioni venete, ma anche segno distintivo di un'identità che per secoli aveva guidato la nostra gente, garantendo un destino comune di prosperità e buon governo per tutti i veneti, e non solo. ???

Veneti che per migliaia di anni erano stati Popolo, con buona pace di chi è allergico oggi a questa definizione, Veneti conquistati da quell'Attila (così si era autoproclamato il Bonaparte poco prima di intraprendere la sua campagna di conquista delle terre venete) che ha cercato di toglierne la forte identità che li caratterizzava.
D'altronde, per annientare un popolo basta privarlo della sua memoria storica e nel giro di qualche generazione quel popolo sparirà. Ben lo sapeva Napoleone quando fece distruggere una quantità enorme di Leoni di san Marco, e ben lo sa l'Italia, che fin dai sui esordi ha volutamente tenuta nascosta e censurata la storia veneta dai libri e dai programmi scolastici.

Se da una parte Napoleone umiliava i nostri avi facendo scalpellare davanti ai loro occhi i bassorilievi raffiguranti l'emblema del Santo Patrono dei Veneti, dall'altro l'Italia ci umilia mostrandoci la Repubblica più longeva, che per secoli fu faro di civiltà, arte e cultura, come una delle varie repubblichette marinare, piccole parentesi storiche se paragonate all'Italia di oggi (dicono loro!).

Cancellare la memoria storica, svilire e sminuire un'identità ancora forte sul nostro territorio - nonostante tutto e nonostante tutti - imponendo nuove ideologie a noi "foreste". Ecco quanto si è tentato, e si sta tentando di fare anche oggi.
L'ultimo esempio ci arriva da Venezia ("città dei Veneti"): nell'atrio di Palazzo Ferro Fini, sede del nostro Consiglio Regionale, l'imponente Leone di San Marco è da giorni coperto dai pannelli raffiguranti immagini del cosiddetto "risorgimento" italiano. Un fatto emblematico, che indigna ma non sorprende. E' uno schema che ormai conosciamo a memoria, l'ennesimo tentativo di umiliare chi invece ad essere umiliato proprio non ci sta più.

La misura è colma, e la Storia, quella vera, non si può più tenere nascosta.
Non saranno certamente quattro pannelli a fermare uno spirito che sta rinascendo e che ci ha visti risorgere molte e molte volte durante la nostra Storia. Anche davanti alla crisi di oggi, che non è solamente economica ma soprattutto morale e culturale, è proprio dai valori che quel Leone di San Marco rappresenta per la nostra gente che potremo trovare la forza per riscattarci e per costruire un nuovo futuro per noi e per le generazioni a venire.
La censura non potrà fermare la forza di un Popolo, ne' riuscirà mai a cancellare quanto siamo stati.

C'è da scommettere invece che quel Leone, oggi imprigionato dai simboli di un'"italianità-a-tutti-i-costi", potrebbe presto ritrovare la forza per reagire, per riscattarsi e per tornare a segnare il destino futuro dei Veneti.
Prima di quanto credano...

Davide Guiotto

Se ghe fuse stà on bon governo la Repiovega Veneta ła ghe saria ancora!

Contała justa ła storia Guioto!

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... enesia.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34231
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

El mito de Venesia lè n'entrigo par l'endependensa veneta

Messaggioda Berto » sab set 05, 2015 9:15 am

Ła Repiovega Veneto Venesiana lè termenà ente 1797 el 12 de majo
viewforum.php?f=160

Ƚe colpe, ƚe responsabeƚetà e ‘l tradimento dei venesiani
viewtopic.php?f=167&t=1277

I Duki o Doxi e łe grandi fameje venet-xermagne
viewforum.php?f=179

I Duki o Doxi de ła tera veneta
viewtopic.php?f=179&t=1318

Mexoevo - ognefegansa połedega de l'ara veneta
viewforum.php?f=184

Periodo o ani o secołi veneto-venesiani - 400 ani (Stato-Repiovega Veneta de Tera e de Mar)
viewforum.php?f=138

Cosa tor da l'espariensa pasà de ła tera veneta
viewtopic.php?f=183&t=1408

El stado veneto a domegnansa venesiana
viewtopic.php?f=184&t=1416

Comun, Arengo, Mexoevo, Istitusion
viewtopic.php?f=172&t=273

Mexoevo - ani o secołi veneto-xermani (suxo 900 ani) e naseda o sorxensa dei comouni
viewforum.php?f=136

Veneti ke łi sogna na nova Repiovega Arestogratega
viewforum.php?f=167

La Repiovega Veneta a domegno venesian no ła jera federal, no ła gheva gnente de federal
viewtopic.php?f=167&t=1602

No, mi so' veneto vixentin, no' son venesian e gnanca markesco
viewtopic.php?f=167&t=1786

El sogno mito dei Serenisimi - Venesia e i so limiti
viewtopic.php?f=134&t=1571

Veneti ke łi sogna na nova Repiovega Arestogratega
viewtopic.php?f=167&t=885

Ła Serenisima no ƚa pol tornar parké lè na espariensa pasà
viewtopic.php?f=168&t=885

Ła storia dei veneti, del Veneto o de łe Venesie contà da ...
viewforum.php?f=148
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34231
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

El mito de Venesia lè n'entrigo par l'endependensa veneta

Messaggioda Berto » dom ott 04, 2015 7:50 am

???

SO PAR SAN MARCO MA… la rinuncia all’eredità marciana.
3 ottobre 2015 di Millo Bozzolan

http://venetostoria.com/2015/10/03/so-p ... a-marciana

So par San Marco, ma…
Molti, anzi, moltissimi sono i “distinguo” oggi, nel proclamarsi “patrioti” marciani (e già l’uso del termine patriota è spia di poca conoscenza della storia, dato che in quel modo si autodefinivano i giacobini filo francesi, in contrapposizione ai “marcolini” o “marcheschi”che difendevano il gonfalone), poiché si è veneti ma si teme come la peste di passare per retrogradi che vogliono la carrozza al posto dell’auto.

Degli “hamisch” fuori della realtà, insomma, tanto in due secoli han ben lavorato i nostri occupanti, da distruggere ogni residuo spirito veneto. Eppure il Veneto della Serenissima lo abbiamo lasciato da poco, è lo stesso Veneto che ha costruito con tanta fatica ed impegno il miracolo del Nord est, studiato, fin che ha retto, in tutto il mondo. Anche se 40 anni orsono si parlava poco o niente di indipendenza, l’identità era forte e condivisa nei valori.

Oggi si parla tanto di indipendenza, ma i valori un tempo comuni, sembrano sbriciolati, confusi in mille sfumature. La società di un tempo si reggeva su basi cristiane condivise, anche magari da chi votava a sinistra, perché il Veneto era quello delle parrocchie e della solidarietà tra poveri. Ancora ci si radunava a maggio, davanti ai capitelli a recitar rosari.
Un Veneto dell’epoca, se vedeva il gonfalone, sapeva che l’immagine si rifaceva a San Marco, uno degli Evangelisti, con tutto quel che segue: non era un logo simile a quello di una squadra di calcio, da stampare su bicchieri ed asciugamani e basta.

Ma con l’arrivo della modernità, si è come infranta una diga, e eccoci qui a distinguerci in “libertarian”, o in progressisti difensori dei “diritti” di chiunque, purché siano minoranza. Va bene tutto, dall’immigrato, al gay alla lesbica, ché sennò sei un “osurantista” e per favore, piantiamola con ‘sta storia della repubblica cattolica e cristiana…infatti trovi subito il venetista che ti spiega come tu non abbia capito nulla della vera natura della Serenissima, in guerra coi papi e col clero, laica e progressista, aperta a tutto il mondo in maniera paritaria, specie nal campo delle religioni…
tiziano il doge grimani

In realtà, basterebbe leggere un po’ di storia e si scoprirebbe tutto il contrario. Repubblica cristianissima in cui Paolo Sarpi stesso, difendendo l’autonomia dello stato da ingerenze romane, precisa che compito del Principe è di curare anche l’educazione religiosa dei sudditi, non solo il benessere e la giustizia. I rapporti con le altre religioni erano ben definiti, tanto che si vietava il matrimonio tra due persone di confessione diversa.

Rispetto ed ospitalità, ma ognuno nel suo orticello, e daltronde anche chi era ortodosso o protestante, la pensava alla stessa maniera, per non parlare dell’islamico. Il Vangelo era il cemento dell’identità forte dei Veneti, il gonfalone ne era il simbolo, come a Lepanto e in tante altre battaglie. Se si rinucia a questo, si rinuncia alla propria identità, non ci si collega più ai nostri Padri; piazza San Marco, il Rialto, Palazzo ducale, le ville venete, non sarebbero più le nostre, o meglio lo sarebbero come possono appartenere al turista giapponese o americano che paga il biglietto per visitare i tanti capolavori frutto di una civiltà che ha fatto la storia dell’Europa e dell’Occidente.

Dichiararsi per la restaurazione di una Repubblica veneta e cristiana, può essere la cosa più innovativa e travolgente che sia oggi concepibile: anche se non sei credente, tu come Veneto contemporaneo, discendente da quella grande civiltà, puoi condividerne e apprezzarne i valori, basati sulla pietà, la carità e la giustizia evangelica.

A questo sogno dobbiamo credere, se vogliamo ripartire riprendendo a crescere su antiche robuste radici, altrimenti siamo immersi nel nulla totale, nel bric a brac delle ideologie moderne, che cambiano di aspetto come il mutare delle stagioni. Una società, per resistere ai secoli, deve basarsi su valori eterni.

Coanta edeołoja e coante ensemense ke se cata so sto scrito.
Mi no, mi no so marcian. Par esar cristiani, boni cristiani no serve esar marciani e gnanca par esar boni veneti serve esar marciani. Cristo el jera Cristo e nol jera marcian e mi so veneto vixentin e no so veneto venesian.
Mi a so on paretota veneto e no venesian.


No xe San Marco, Cristo o Dio ke łi te da l'endependensa, ma xe ła vołontà dei veneti, de ła pì parte de łe xenti venete, vołontà ke se ła manca no ghe santi né madone e l'endependensa te te ła sogni.


https://www.facebook.com/zanon3/posts/1 ... ment_reply

Ro Ghi
La Serenissima Repubblica è caduta anche grazie al fatto che i giacobini che permeavano i salotti buoni, hanno ben saputo paventare alla nobiltà veneziana, 100 per non dire 1.000 volte più ricca di quella d'oltralpe, la possibilità di fare la stessa fine di quella appena subita dalla nobiltà francese, inginocchiata a farsi il toupet integrale... La nostra nobiltà, singolarmente, viveva comunque il suoi privilegi con distacco, consapevole del differente stato di benessere rispetto al suo popolo, probabilmente senza percezione del diverso tenore di vita del suo popolo rispetto alle gravi vessazioni subite popoli dei vari regni... Di certo i giacobini questo non lo hanno mai sottolineato... Ne era consapevole il nostro popolo che si era ribellato "Pasque veronesi" e le varie ribellioni nel vicentino nel trevigiano... Sedate dai francesi con i plotoni d'esecuzione o a cannonate come a Rialto... Ci hanno parificato allo stato sociale di tutte le dittature monarchiche e non, cambia il colore nero o rosso, oppure cambiano i simboli croce uncinata, fascio littorio o falce e martello, alla fine, come nei fatti ai tempi d'oggi, nulla cambia. A quanto pare, passo dopo passo, lentamente ma inesorabilmente, i giacobini, proprio quelli di napoleonica genesi, oggi con la messa a punto delle strategie del 'debito pubblico' enunciate nel lontano 1.700 da John Adams, sono riusciti a fare allo stivale e all'Europa dell'Euro, esattamente quello che l'infame nano corso ha fatto al tempo alla nostra gloriosa Serenissima Repubblica Veneta con i cannoni. Indicano la luna ma non permettono di guardare oltre il dito...

Alberto Pento
La Repiovega Veneta arestogratega a domegno venesian lè termenà parké no ła ga savesto devegner ła Repiovega Arestogratega e po' Demogratega de tuti i veneti, par colpa de l'egoixmo dei venesiani e prasiò xe stà justo ke ła sipia sta scançełà da ła storia.

Alberto Pento
Mi no, mi no so marcian. Par esar cristiani, boni cristiani no serve esar marciani e gnanca par esar boni veneti serve esar marciani. Cristo el jera Cristo e nol jera marcian e mi so veneto vixentin e no so veneto venesian.
Mi a so on paretota veneto e no venesian.

Alberto Pento
Tuti i rejimi arestogratoghi d'Ouropa ke no łi ga savesto adegoarse ai tenpi novi e spartir el poder co łe altre clasi e pò co tuto el popoło łi xe stà spasà via da ła storia e dal so vento novo, anca l'arestograsia xermana e aostriaga e podopo anca coełe de ła penixla tałega ... e ła seconda dapò coela fransoxa lè stà l'arestograsia venesiana. A ghera poketo de ła pietà, de ła caretà creistiane e de la justisia vanxełega ente l'egoixmo venesian ke nol ga parmeso ke ła Repiovega Serenesima da domegno venesian ła devegnèse na Repiovega Federal de tuti i veneti.
San Marco lè el sinboło de l'egoixmo venesian altro ke de l'amor creistian e fraderno par tuti i veneti.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34231
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

El mito de Venesia lè n'entrigo par l'endependensa veneta

Messaggioda Berto » lun ott 19, 2015 7:46 am

Dopo che xe rivà i savoja n`tel 1866....Venesia ga subìo on progresivo degrado... soło co on Veneto łibero e sovrano podemo ridarghe dignità ała nostra capitałe!!
Fora i tajàni dal Veneto!!

https://www.facebook.com/hashtag/jornat ... 1627525063

Alberto Pento
No no, mi me entaresa la degnetà dei omani e dei veneti e no la "degnetà de Venesia", scuxame tanto ma Venesia la se ga volesto tirar la sàpa de la storia soi pie pal so egoixmo. A mi me entaresa tuto el Veneto e no lomè Venesia. Come ca no so envaxa dei romani no so envaxà gnanca dei venesiani.

Leonardo Bruce Talma
So queo te poi aver raxòn... ma la xe senpre a nostra capitałe.... e i vałori republicani ghe li dovemo a eła e al so dogado...

Alberto Pento
No i vałori repiovegani no łi xe na envension dei venesiani, łi xe on portà de łe łibare istitusion comunałi (e de ła storia ogniversal) istitusion comounałi ke no łe xe sorxeste a Venesia. Venesia ła xe stà na mexa repiovega parké ła jera arestogratega e el Veneto el ghe jera sudito. I veneti łi pol far anca sensa Venesia come ke łi ga fato anca prima ke ła sorxese en lagouna co Bixansio e i domegni sol mar. Par mi Venesia lè lomè parte del Veneto e ła ga da far profesion de omiltà e de "mea culpa", ła sta sora łe bàse tere de ła lagouna ma no ła stà pì sora i veneti de tera e xanpì ła ghe montarà sora ła skena cofà na 'olta.

Ƚe colpe, ƚe responsabeƚetà e ‘l tradimento dei venesiani
viewtopic.php?f=167&t=1277

El mito de Venesia lè n'entrigo par l'endependensa veneta
viewtopic.php?f=183&t=1816
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34231
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

El mito de Venesia lè n'entrigo par l'endependensa veneta

Messaggioda Berto » mer mar 09, 2016 9:55 pm

???

STA EMERGENDO UNA INTELLIGENCIJA MARCIANA

veneto (1)di ENZO TRENTIN

Il dato positivo di questi ultimi tempi è rappresentato dall’emergere di una Intelligencija marciana (smettiamola con con il termine “venetista” che alcuni cominciano a giudicare insultante) che si riunisce in alcuni interessanti think tank.

Quest’ultimo termine viene coniato negli USA durante la seconda guerra mondiale quando il Dipartimento della Difesa creò delle unità speciali per l’analisi dell’andamento bellico chiamate in gergo proprio think (pensiero) tank (tanica, serbatoio, ma anche carro armato). Anche se il primo nacque in Inghilterra (Fabian Society, 1884) i think tank sono una peculiarità tutta statunitense.

I think tank marciani ai quali intendiamo riferirci sono organismi tendenzialmente indipendenti dalle forze politiche, che si occupano di analisi delle politiche pubbliche, e quindi nei settori che vanno dalla politica sociale alla strategia politica, dall’economia alla scienza e la tecnologia, dalle politiche industriali o commerciali alle consulenze militari.

Quello che ci piace citare per primo è lo Switzerland Institute in Venice [VEDI QUI] che è stato costituito nel 2015 su iniziativa di Luigi Marco Bassani, Carlo Lottieri e Daniele Velo Dalbrenta al fine di affermare le tesi più coerenti del liberalismo contemporaneo: in tema di libertà individuale e proprietà privata, da un lato, e di concorrenza istituzionale e diritto di secessione, dall’altro. Il riferimento alla Svizzera nella denominazione dell’istituto (il quale intende operare lungo l’asse Lugano-Milano-Venezia) nasce dalla volontà di vedere nel successo elvetico un’occasione di riflessione per l’intera Europa e più specificamente per l’Italia. L’obiettivo è mostrare come quella svizzera sia una sorta di “utopia realizzata”: un modello imperfetto, naturalmente, ma che può aiutare a dirigersi nella giusta direzione.

Un altro think tank è composto da cattedratici si stanno cimentando nella realizzazione di una bozza di nuovo assetto istituzionale. E abbiamo anche indiscrezioni su un think tank marciano che sta disegnando una diversa economia per un Veneto indipendente che grosso modo vada da Monfalcone a Bergamo. Una sorta di “Porta d’accesso all’Europa continentale” sveltamente valicabile da quel traffico internazionale di merci che con il raddoppio del Canale di Suez potrà trovare conveniente far arrivare prima i prodotti d’importazione-esportazione che ora sono principalmente convogliati su Rotterdam in Olanda e su Anversa in Belgio.

In questa visione la cantieristica di Monfalcone risulterebbe funzionale sia per costruzioni ex novo, sia per manutenzioni e riparazioni varie, e facilmente utilizzabile anche dal porto di Trieste che ci si augura ridiventi presto un Territorio Libero con porto franco. Nel territorio di questo nuovo soggetto internazionale verrebbe esaltato e favorito il turismo, ma non quello mordi e fuggi che sta collassando Venezia insulare. L’arte, la cultura, l’ambiente, ed il comparto enogastronomico (l’insieme dell’enologia e della gastronomia, riferito al territorio.) verrebbero tutelati, facilitati nello sviluppo ed esaltati. Il settore manifatturiero, con i suoi distretti, facilitato e promosso all’estero.

Naturalmente tutto ciò parte dalla constatazione, da molti fatta, che l’Italia e l’UE così come li conosciamo presto collasseranno. L’Euro sembra aver portato più danni che vantaggi. La costruzione di muri e di barriere di filo spinato in alcune frontiere descrive una civiltà talmente avanzata da aver compiuto un balzo indietro di secoli. La libera circolazione dovuta al Trattato Schengen comincia ad essere (temporaneamente?) sospesa in: Svezia, Norvegia, Danimarca, Austria, Germania e Francia. La Gran Bretagna con un referendum, nel 2017, deciderà se rimanere o meno nell’UE. Tutti poi sembrano dimostrare sempre più insofferenza per una burocrazia tanto pervasiva quanto depauperatrice di esercizi democratici. Infine, l’Unione Europea risulta spettatore e grande assente al “nuovo Grande Gioco” dal quale dipende l’avvenire dell’area Mediorientale e del cosiddetto Terzo mondo; non ultimi gli irrisolti problemi creati dalla “invasione” dei disperati e dalle mafie organizzatrici. Sull’Italia non vale la pena soffermarsi. I privilegi della “Casta” a spese del debito pubblico che continua a crescere malgrado la torchia fiscale è sotto gli occhi di tutti, e ciò nonostante il barile di petrolio sia sceso a circa 30 USD.

A tutto questo i politicanti rispondono con la necessità di conferire maggior sovranità all’UE, quando la soluzione sarebbe semmai l’opposto. È cioè necessario – come teorizzava Gianfranco Miglio – un nuovo federalismo che diventa qualcosa di diverso da un patto politico. Mentre il vecchio federalismo presupponeva un patto di fedeltà, un patto d’unione proteso nei secoli, per unirsi e mai più dividersi, il nuovo federalismo o neofederalismo si basa su un contratto che deve essere risolubile, limitato nel tempo e quindi radicalmente rivolto a obiettivi diversi da quello dello Stato moderno, centralizzato e unitario; figuriamoci un super Stato chiamato UE. Tsz!

Molti think tank – non solo quelli qui presi in considerazione – cominciano a lavorare per un’Europa dei popoli, e in questo senso procede il lavoro di quelli autoctoni. Per dirla con le parole di Albert Camus (nel periodico clandestino Combat, n. 55, marzo 1944): «Esiste un’unica battaglia e, se voi non siete in grado di farla vostra, sarà il nostro nemico a dimostrarvi, in qualsiasi momento, che si tratta comunque della vostra battaglia. Fatevi sotto, perché se vi sta a cuore la sorte di tutto ciò che amate e rispettate, allora, ancora una volta, non dovete avere dubbi: la battaglia in corso vi riguarda eccome.»

Scrive giustamente Giancarlo Pagliarini (L’Intraprendente – 1 Febbraio 2016): «Riuscirò prima di andare all’altro mondo a vedere, almeno qui… [al nord. Ndr.], partiti diversi che lavorano assieme per i cittadini, lasciando al resto d’Italia l’assurda prassi di partiti sempre in lotta tra di loro per gestire il potere, e pensando solo e sempre ai voti delle prossime elezioni per continuare ad avere un lavoro (professione: politico) e per continuare a gestire il potere? […] Mi faccio aiutare dal fondo “Perché amo questo paese” che Giancarlo Dilemma ha pubblicato il 31 Luglio 2010 sul Corriere del Ticino il giorno prima del “compleanno” della Confederazione Svizzera: «Amo questo paese anche perché mi ha insegnato a vivere e condividere alcuni valori fondamentali […] nella consapevolezza che si fondano certo sulla salvaguardia dei miei diritti, ma altrettanto sul rispetto di quelli degli altri e sulla ricerca di un comune terreno d’intesa. Un esercizio quotidiano faticoso, a volte difficile, che richiede soprattutto pazienza e perseveranza. E che porta spesso a dover accettare dei compromessi. Parola sgradita a chi si accontenta degli stereotipi. Non a chi è consapevole del suo significato originario, cioè “mettere insieme per uno scopo”. La ricerca di un comune terreno d’intesa. In Svizzera lo chiamano “Formula magica”, e da sei anni sono il paese più competitivo del mondo, davanti a grandi e piccoli Stati (Germania, Stati Uniti, Singapore, Qatar ecc). Si veda la classifica di competitività del World Economic Forum».

Nell’ambito della concezione partitocratica il conflitto viene visto come espressione di disaccordi che sono, alla base, irrazionali. I conflitti si producono in quanto la coscienza sociale degli attori politici è deformata: essi fraintendono la natura, le cause e le conseguenze delle questioni in discussione; abbandonano i loro interessi di lungo periodo per perseguire interessi immediati; privilegiano le istanze egoistiche di singoli e piccoli gruppi, sacrificando gli interessi generali dei gruppi sociali più ampi. Se tutte le parti comprendessero sempre i veri interessi, allora molti conflitti svanirebbero e diventerebbe più facile la ricerca di soluzioni consensuali di mutuo beneficio. La ricerca sulla vera natura dell’uomo e della società potrebbe, in tal senso, consentire una maggiore conoscenza del bene comune, generando più armonia che conflitto.

In conclusione il lavoro dei think tank succitati necessiterà presto di una compagine politica che tramuti i progetti in realtà concrete. Alcune anime belle potrebbero pensare che può essere messo a frutto anche dai partiti politici tradizionali; ma come diceva Henry Louis Mencken, conosciuto come il “Saggio di Baltimora”: «Ci sono degli uomini politici, che sarebbe bene chiamare politicanti, i quali, se avessero come elettori dei cannibali, prometterebbero loro missionari per cena.» Entrare nelle istituzioni italiane per riformarle non è servito alla Lega Nord delle origini, non all’Italia dei valori, né più recentemente ci riesce il M5s; solo per citarne alcuni. Al contrario è necessario un personale che non aspiri al potere per soddisfare aspirazioni personali, e nemmeno di coloro che separano la loro azione politica dalle questioni etico-morali. Sono necessarie persone che realizzino quella “Formula magica” che è alla base del successo svizzero, perché a quel punto il grido «W San Marco» assumerà concretezza.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34231
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Prossimo

Torna a Ła Repiovega Veneto Venesiana lè termenà ente 1797 el 12 de majo.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron