Foibe - par colpa dei falsi nazionalismi totalitari

Re: Foibe - par colpa dei nasionałeixmi edeołojeghi

Messaggioda Berto » lun feb 16, 2015 9:57 pm

Cuestion istriana

http://www.e-venesie.eu/topic148.html

Paolo Pero » Sat Feb 14, 2015 7:28 pm

Partimo da ła version che va de moda deso (dal sito del Coriere de ła Sera):

Il 10 febbraio è il giorno del ricordo di una pagina tra le più cupe della storia contemporanea, avvolta a lungo nel silenzio e nel buio, come le tante vittime, inghiottite nelle cavità carsiche, le cosiddette foibe, per volere del maresciallo Tito e dei suoi partigiani, in nome di una pulizia etnica che doveva annientare la presenza italiana in Istria e Dalmazia. Fra il 1943 e il 1947 oltre 10 mila persone furono gettate vive o morte in queste gole, un genocidio che non teneva conto di età, sesso e religione, riconosciuto ufficialmente nel 2004, con la legge numero 94 che istituì la «Giornata del Ricordo», in memoria dei martiri delle foibe e dell’esodo giuliano dalmata.

Ndemo co ordine... Prima ròba da notar, ła data sielta. Parché el 10 de febraro? El 10 de febraro xe 'l aniversario del Tratato de Parixe (1947), che sarìa cueło ligà a ła firma de ła pase dopo ła seconda guera. Donca na data che in teoria sarìa da ricordar come na festa, invese no, da noaltri xe el dì del ricordo de na tragedia.
Parché cuindi i ga sielto propio el 10 de febraro? Parché co'l tratato de Parixe, Fiume Xara e scuaxi tuta l'Istria i ghe va a ła Jugoslavia... Xe donca ciaro patoco che xe sta sielta cheła data là par motivi ideołoxisi ligai al "irridentismo".
(serti i fa polemica anca parché i ła ga mesa a pochi dì dal xorno de ła memoria, come se i vołese in calche modo metar so'l steso pian łe do ròbe... secondo mi però ła xe na połemica che no ga senso)

Seconda ròba da notar: se parla de vołer de Tito e dei so partexani. Se no me ricordo małe sta version ła se baxa so na dichiarasion che gheva fato un personajo visin a Tito inte i ani dopo ła guera. El gheva dito che Tito ło gheva mandà in Istria parché cognava parar via i itałiani, che i gavarìa podesto crear rogne pa'l novo stato Jugoslavo. Pecà che sto sior cuà in chel periodo no'l jera in Istria...

Tersa ròba: el xenosidio. De xenosidio gheva parlà anca Napolitano inte un so discorso del 2007. Anałixando i nùmari però ła vedo dura parlar de xenosidio... Anca parché infrà i morti ghe xe stai anca racuanti slavi. Come infrà i partexani titini ghe jera racuanti istriani venetofoni...

Cuarto: el periodo, '43 - '47. Vien mesi tuti insieme epixodi difarenti (el parché ło vedaremo pì soto, co parlaremo de l'exodo). E foibe istriane łe xe del '43 (durante ła guera). Cuełe triestine/gorisiane łe xe dal '45 in vanti (ultimo toco de ła guera e dopo guera).

Cuinto: i nùmari. 10 miła i xe tanti (ma serti i parla parfin de 15 miła). Se trata de na stima un fià taroca par dar l'idea del xenosidio... In verità se parla de calche sentenaro de morti so łe foibe istriane (500/700). Par cuełe triestine/gorisiane i nùmari i xe difarenti, ma se se desmentega senpre de cueło che xe suceso in chel periodo in altre xone de l'Eoropa. Par exenpio inte'l dopoguera in Emiłia-Romagna pare che i gapia copà pì de 2 miła persone (el dopio rispeto łe stime serie che vien fate so łe foibe triestine [1]...)
Se pol donca dire che i nùmari veri i xe in linea co cueło che xe suceso altrove.

Sesto: "oltre 10 mila persone furono gettate vive o morte in queste gole". Cuesta ła xe na bała beła grosa. Ła majoransa de łe vitime ła xe morta inte i canpi de consentramento o durante el trasferimento in sti canpi. Ma dire che un nùmaro cusì grando de persone łe xe stae copae in sta maniera serve a otegner un serto efeto ("che cativi i slavi, i xe de łe bestie")
Noda
[1] A propoxito de łe foibe triestine, pararia che a Baxoviça, ła foiba che xe monumento nasional e sinboło de sta traxedia, cuełi che xe drento i sia in gran parte soldai todeschi...


Vegnemo al exodo. Secondo ła version "uficial" a seguito dei eventi descriti sora e al pasajo de l'Istria da Itałia a Jugoslavia trexendosincuantamiła (350.000) istro-itałiani e dalmato-itałiani i ga lasà ła so tera.

1) Dixevo sora che parlar de łe foibe come se le fuse un evento ùgnoło serve a un scopo. Łe foibe istriane łe xe inte'l '43. Ma 'l exodo el xe sucesivo. Donca se se vol sostegner che i xe ndai via parché i gheva paura de èsar "infoibai" cogna tratar łe foibe come un evento ùgnoło ciapando drento anca cuełe triestine/gorisiane...

2) Chel nùmaro là no'l sta ne in cieło e gnanca in tera. Parché el xe scuaxi conpagno del nùmaro dei abitanti in Istria in chel periodo (e intendo tuti, slavi conprexi) e 'l xe pì grando del nùmaro dei itało-istriani... Ma parché ałora se parla de 350 mila? Parché se da do idee in sto modo: i xe ndai via tuti (nisun xe restà là... e no xe vero, ma a chi che ga sparà chel nùmaro no ghe ndava a genio cuełi che gheva sielto de star là), e tuti là i jera "itałiani" (che no xe vero, ła xe senpre sta na minoransa).... Idee che ghe fa comodo ai iridentisti.

3) I motivi del exodo i xe difarenti. Del resto el va vanti fin ai ani '50. Tanti i ga fato anca na sielta de vita ligà a l'economia.

4) I dalmati. Eco, in Dalmasia el nùmaro de "itałiani" xà da inisio '900 (prima che rivase i austriasi i nùmari i jera difarenti) el jera asé baso, se parla del 3% de ła popołasion (in Istria invese se parla de un 30/40%, che resta costante inte'l tenpo). Scuaxi tuti a Xara e in calche ìxoła. E da Xara i va via xà durante ła guera par scanpar da łe bonbe (che secondo i sołiti xe sta Tito a dirghe ai aleati de bonbardarla, cusì el se ga levà de torno i "itałiani"... ma no xe vero), donca tirar drento anca i dalmati co se parla del exodo del dopo guera no xe so mare bona...

5) I altri exodi. Cognarìa ricordar anca i movimenti de popołasion che xe vegnesti prima... Difati soto el goerno itałian un mucio de slavi e de todeschi i scanpa da l'Istria e da Trieste... e al so posto vien mandai un mucio de itałiani.

6) I slavi contai come itałiani... Co se anałixa i nùmari del exodo cognaria far tri muci: i "istro-itałiani" (o mèjo istro-veneti) che abitava là da un bel toco, i itałiani che xe rivai là dopo el 1918, i sloveni e croati che ga sielto de ndar via da ła Jugoslavia. Invese i vien contai tuti insieme, parché cusì i fa nùmaro. Mi però ghe tegno a far sta distinsion, parché me despiaxe pa' i istro-veneti e anca pa' i slavi che xe ndai via da caxa sua, ma pa' i itałiani inportai no me despiaxe gnanca na s•cianta.

Bon, par deso go scrito che basta. So ste ròbe ghe tornarò pì vanti, spiegando mèjo e portando anca de łe fonti. Deso xe ora de parlar de cueło che xe suceso prima, cioè de cueło che vien desmentegà... overo xe ora de parlar del Narodni dom, de Lubiana, de Podhum, de Arbe, de Mario Roatta... in poche paròłe de cueło che ga fato ła "brava xente" e che no se ricorda mai, parché łe bestie łe xe chealtre, cuełe che parla difarente [*].

[*] A propoxito... ghe xe na foto che circoła e ła vien doparà da chi che vol ricordar el 10 de febraro (ani fa i ła ga mostrà anca a Porta a Porta). Se trata de un ploton de execusion che ghe spara a un fià de xente... Pecà che cuełi che spara i xe 'l exercito itałian, e cuełi che more i xe i partexani titini...



sixara Mon Feb 16, 2015 4:18 pm

paolo pero ha scritto:Cuinto: i nùmari. 10 miła i xe tanti (ma serti i parla parfin de 15 miła). Se trata de na stima un fià taroca par dar l'idea del xenosidio... In verità se parla de calche sentenaro de morti so łe foibe istriane (500/700). Par cuełe triestine/gorisiane i nùmari i xe difarenti, ma se se desmentega senpre de cueło che xe suceso in chel periodo in altre xone de l'Eoropa. Par exenpio inte'l dopoguera in Emiłia-Romagna pare che i gapia copà pì de 2 miła persone (el dopio rispeto łe stime serie che vien fate so łe foibe triestine [1]...)



Mi a go sentìo de 5mila, però anca 500/700 nò ke i sia poki, eh? Certo no se pòe parlar de jenocidio ( ke mi credo ke l termine l indica na coalke baxe etnica-relijoxa pal sterminio) però gnanca paragonarlo co le 2mila e pàsa persone de l Emilia-Romagna, ke te kel caxo - mi credo - ca ghe sia stà solo ke motivazhion politike.
no sò, a ghevo sì na mèza idea ke le robe le fùse pì conplicà de come ke i ne la conta ma nò cusì ingarbujà.
E d altra parte, parké mai le dovarìa èsare senplici ste robe cuà: al bianco/nero o mejo roso/nero no go mai credesto.
Ke tuto el 'ben' el sia da na parte e tuto el 'male' da kelaltra.
A vegno da on paexìn ke l è stà tocà da na trajedia simile : de i falsi partijani i se jera inbuxà te na banda de cuei veri, ke i li gà scoerti e torturà e copà. Cuatro i jèra e 40 se dovea coparghene secondo la regola de 1 a 10. A la fine i è stà 43, fuxilà a grupi de 5 sol muro de la caxeta del barbiere. I è ndà torsene on poki tel carcere de Rovigo ma la pì parte i jera zente del posto, mucià su n municipio dopo la mésa.
Calkedùn i lo gà molà ( me nòno infra cuesti) altri i li gà tegnù. Fra i tanti do ragazheti de cuìndaxe-sedexàni, neodi del capo partijano. Ke naturalmente el stava ben sconto da coalke parte.
Brute storie. No ghè onori, no ghè medaje o riconosimento so ste robe cuà. Solo trajedia.


paolo pero Feb 17, 2015

sixara":Mi a go sentìo de 5mila, però anca 500/700 nò ke i sia poki, eh?[/quote]

Xe che tante volte i conta anca cueli che xe morti so i canpi 'ndove che i radunava par colpa del tifo o de calche altro małano. D'ogni modo xe ciaro patoco che 500/700 no i xe pochi. Anca uno sarìa masa (parlo de xente sensa colpe oviamente). Però xe ròbe che in guera capita.

[quote="sixara ha scritto:
Certo no se pòe parlar de jenocidio ( ke mi credo ke l termine l indica na coalke baxe etnica-relijoxa pal sterminio) però gnanca paragonarlo co le 2mila e pàsa persone de l Emilia-Romagna, ke te kel caxo - mi credo - ca ghe sia stà solo ke motivazhion politike.


Mi no credo che inte łe vendete che ghe xe stae inte'l dopoguera se tratase soło che de motivasion połitiche. Tanti magari ghi ne ga aprofità par far i so comodi (tipo far fora el visin parché i gheva un radego o calche debito co łù... opure, savemo che tanti i xe deventai partexani pena che i ga visto che i jera drio perdare: vuto che nisun ghi ne gapia aprofità par far fora calche testimone de na so presedente atività?).
E anca là a oriente ghe sarà stà situasion de sta sorte. Del resto ghe xe storisi che parla de jaquerie, parché in tanti caxi i ga fato fora i paroni...

http://it.wikipedia.org/wiki/Jacquerie

A so contento parké sti do toxati łi ghe ła mete tuta par raxonar, s-ciarir e parlar pułito.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Foibe - par colpa dei nasionałeixmi edeołojeghi

Messaggioda Berto » ven feb 20, 2015 3:05 pm

???

Istria e Dalmazia, l’Italia dimentica gli italiani
di Ferruccio Sansa | 10 febbraio 2014

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/02 ... ani/875711

C’è voluta una legge anche per ricordare. Così nel 2004 è stata istituita la giornata del ricordo delle Vittime delle Foibe e dell’esodo giuliano-dalmata.
Eppure, come dice la parola, ricordare è un atto legato al sentimento più che a un obbligo. Significa riportare al cuore, dove gli antichi situavano memoria e istinto.

Chissà se questa legge ci aiuterà a sanare una ferita ancora aperta: l’eccidio degli italiani nelle foibe e l’esodo di quasi trecentomila persone dall’Istria e dalla Dalmazia. Perché ricordare è difficile quando si è carnefici (come è per l’Olocausto), ma è impegnativo anche se sei dalla parte delle vittime. Forse perché una memoria sincera pretende impegno e responsabilità. Richiede lucidità per capire cosa è successo e quale è stato il proprio ruolo. E vuole compassione per chi ha sofferto. A lungo istriani e dalmati sono stati dimenticati. Respinti (spesso crudelmente ignorati) da quella sinistra italiana che preferiva sposare la causa di Tito (tacendone i crimini). Spinti nelle braccia di una destra che pur essendo responsabile (con Mussolini) della loro tragedia ha poi tentato di conquistarne il consenso. Insomma, istriani e dalmati sono stati traditi dallo Stato italiano che avevano cercato perdendo la propria terra e talvolta la vita.
Pubblicità

Speriamo che quest’anno il ricordo non si risolva in distratte commemorazioni, in polemiche politiche. Che non ci induca a rivendicazioni, ma a un’onesta ricostruzione storica che sottolinei l’orrendo genocidio e la pulizia etnica compiuti dai titini, ma non trascuri i crimini fascisti nei confronti degli slavi.

Ma se si riducesse a questo la giornata di oggi rischierebbe di soffiare sui risentimenti: anch’essi stanno nel cuore, si intrecciano alla memoria. Proviamo, per una volta, a ricordare. Le vittime delle Foibe. Ma anche tutti gli italiani, quelli che persero la loro terra e chi rimase in Istria. E speriamo che il ricordo ci aiuti ad affrontare il futuro. L’Italia che – giustamente – ha avuto cura nel proteggere le minoranze altrui che vivono nel proprio territorio, ricordi finalmente le proprie minoranze all’estero.

Abbiamo lasciato un grande patrimonio in quella terra: di cultura, civiltà, bellezza. Di vita. Chi scrive proviene da una famiglia che nei giorni dell’Esodo arrivò in Italia letteralmente su un barcone. Ed è impossibile descrivere il giorno in cui si è ritrovato in un paese, Dignano (in croato Vodnjan), davanti a una tomba con il proprio nome.
Davanti a un portone che i suoi nonni varcavano ogni mattina. L’ha aperto, e d’un tratto ha scoperto che dal profondo gli risalivano le parole di un dialetto che nemmeno sapeva di aver conservato. Ma soprattutto ha sentito – proprio con il cuore – che la sua vita veniva di lì. Nel senso più profondo, la carne. Il sangue.

E all’improvviso ha ricordato.

Sì sì, ma veneti e no taliani, gràsie!
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Foibe - par colpa dei falbi nasionałeixmi edeołojeghi

Messaggioda Berto » mer feb 10, 2016 9:06 pm

FOIBE! IL GIORNO DELLA MEMORIA

Marco Pirina
http://www.xoventu.org/2011/foibe-la-tr ... tro-veneta

IL DRAMMA IN ISTRIA
La politica di snazionalizzazione attuata in territorio giuliano dal movimento e dal regime fascista.
Cominciò con l'ascesa al potere.
Quando il Duce disse…
"QUESTI SLAVI BARBARI E INFERIORI PARLERANNO SOLTANTO ITALIANO"
di FERRUCCIO GATTUSO

http://cronologia.leonardo.it/mondo38h.htm


INNOCENTI E COLPEVOLI
NELL'INFERNO A CIELO APERTO
http://cronologia.leonardo.it/mondo38v.htm

Il fascismo al potere: la politica del regime nel territorio giuliano

Per il nuovo regime fascista che si instaura nell'ottobre 1922, la politica del cosiddetto "fascismo di confine" diventa una bandiera da sventolare in nome del nazionalismo e dell'italianità. Una politica aggressiva nel Nord-Est, e nei Balcani era naturalmente nell'ordine delle cose, e nella natura della dittatura che, nei mesi a seguire, si sarebbe progressivamente instaurata. La politica di deslavizzazione partiva dall'assioma che le comunità slovene di confine non avessero mai condiviso un sentimento di unità nazionale, essendo state appartenenti all'ormai dissolto Impero austro-ungarico.

Tra le prime misure locali del governo Mussolini ci sono gli effetti della Riforma Gentile del 1923: nelle scuole pubbliche di stato l'unica lingua ammessa è l'italiano. Questo provvedimento mira ad una deslavizzazione linguistica a lungo termine (e difatti il regime si rivelerà alquanto efficiente con interventi sulla toponomastica della regione). Un altro provvedimento attuato dal governo Mussolini è la creazione dell'Ispettorato speciale del Carso, un'istituzione che avrebbe controllato militarmente le campagne slovene. Poste sotto la guida di Emilio Grazioli, le squadre fasciste attuano operazioni di intimidazione, che si fanno via via sempre più crude con il consolidarsi del regime.

Dopo il 1925, la politica di snazionalizzazione corre a passo spedito: viene proibito l'uso di lingue diverse dall'italiano nei tribunali, e negli uffici amministrativi. Successivamente, in tutti i negozi e in tutti i luoghi pubblici. Si proibisce che in suddetti luoghi si canti o si discuta in lingua slava. Come detto, i nomi delle località vengono tutti italianizzati, le insegne dei negozi in lingua croata e slovena vengono rimosse. Ulteriore provvedimento, quello che colpisce la stessa identità della persona: il regio decreto del 7 aprile 1927 sentenzia l'italianizzazione dei cognomi. Per fare solo un esempio, il comunissimo cognome Vidalich diventa di conseguenza Vidali.
...
Evidentemente, nella scuola l'operato della politica fascista di deslavizzazione si rivela inesorabile: i giovani sono la classe dirigente del futuro, e la proibizione delle lingue "allogene" in qualsiasi situazione scolastica, come detto, è la cosa più scontata. Non solo: ogni scuola slava viene chiusa (l'ultima a chiudere è la scuola privata slovena del quartiere San Giacomo a Trieste, nel 1930). Legato al tema dell'istruzione è quello dell'interpretazione e lettura degli avvenimenti storici: tutto passa sotto l'occhio revisionista e "normalizzatore" del nazionalismo italiano.

A guidare questa politica è il provveditore di Trieste, il siciliano Giuseppe Reina, autore del bollettino intitolato "Scuola di confine", che porta alla chiusura di ogni istituto non italiano e alla rimozione di qualsiasi insegnante "allogeno".

Un altro fronte sul quale il "fascismo di confine" combatté la sua battaglia di deslavizzazione fu quello del clero e dei rapporti con la Chiesa cattolica: dopo l'insegnate, il prete parrocchiano così come la dirigenza ecclesiastica della regione giuliana andavano "normalizzati". Nel clero la società rurale (e quindi a maggioranza slava) si identificava per tradizione: e proprio i preti vengono visti come la minaccia primaria, nella loro difesa dei valori culturali delle genti slovene e croate. Ovviamente, i primi ad essere colpiti sono i sacerdoti sloveni e croati: gli squadristi non perdonano, e si rendono protagonisti di aggressioni fisiche e, intimidazioni nei casi più innocui, e di attacchi a canoniche. A queste azioni formalmente irregolari degli anni prima del 1922, si sostituisce la politica sistematica del regime fascista.
...

En Istria a ghe jera on maestro fasista, tubercoloxo ke coando on butin xlavo el dixeva na paola ente la so lenga, par ponision sto maistro tajan tubercoloxo, el ghe verxeva la boca e el ghe spuava rento.

Co xe finia la goera sto maistro li lo gà enfoibà!


"QUESTI SLAVI BARBARI E INFERIORI PARLERANNO SOLTANTO ITALIANO"

Giuseppe Reina

Personaggi Illustri nelle Terre del Gattopardo
http://www.terredelgattopardo.it/Person ... file&id=39

E’ nato a Palermo il 2 dicembre 1884, figlio di Francesco Reina medico condotto in Chiusa Sclafani. Studiò a Bivona (Agrigento) e a Palermo, ove conseguì la laurea in Gurisprudenza (1908). Partecipò alla Grande Guerra, col grado di capitano, combattendo sull'Isonzo e sul Carso.Tre volte ferito, fu per tre volte decorato di medaglia d'argento al valor militare e con la Croce al milite di guerra. Fu Provveditore agli Studi prima a Trieste e poi in Sicilia. Membro, dal 1929, del Consiglio superiore dell'educazione nazionale, partecipò alla riforma pedagogica di Giovanni Gentile e si adoperò pure per l'assolvimento dell'obbligo scolastico a 14 anni. Fu anche consigliere nazionale della Dante Aligheri e presidente onorario all'Università Popolare di Trieste. Contestualmente alla sua opera di educatore svolse intensa attività letteraria, godendo dell'amicizia di Luigi Pirandello. Scrisse 40 novelle, edite su vari giornali («II piccolo» di Trieste; «Il tempo»; «II Resto del carlino»; «La Tribuna»); un diario di guerra Noi che tingemmo il mondo di sanguigno; racconti per l'infanzia (Compare Sonetto e Compagni); due commedie in dialetto siciliano (Don Angilu Sciabulazza e Schetti vecchi), rappresentate con successo dalla Compagnia Marcellini. Giuseppe Reina morì a Palermo il 17 febbraio 1945, lasciando un'eredità di affetti che dura tutt'oggi. La comunità di Chiusa Sclafani gli ha intestato la locale Scuola Media Statale.


... A guidare questa politica è il provveditore di Trieste, il siciliano Giuseppe Reina, autore del bollettino intitolato "Scuola di confine", che porta alla chiusura di ogni istituto non italiano e alla rimozione di qualsiasi insegnante "allogeno". ...
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Foibe - par colpa dei falbi nasionałeixmi edeołojeghi

Messaggioda Berto » mer feb 10, 2016 9:09 pm

Occhetto: "Fino all'89 non sapevo cosa fossero le foibe". È vittima della sua stessa disinformazione?
Riccardo Pelliccetti - Lun, 13/01/2014

http://www.ilgiornale.it/news/interni/o ... 82241.html


Che le foibe siano state un tabù per decenni, lo sanno tutti. Non una riga sui libri scolastici, nessun volume storico diffuso nel grande circuito editoriale, zero commemorazioni ufficiali.

Quei massacri di migliaia di italiani a fine guerra sui confini orientali sono stati nascosti e negati talmente a lungo da apparire quasi una leggenda. Forse per questo Achille Occhetto, ex segretario del Pci, che con il suo partito ha contribuito a far credere che non esistessero, afferma candidamente in un’intervista: “Io stesso ho appreso del dramma delle foibe solo dopo la svolta della Bolognina. Prima non ne ero mai venuto a conoscenza”. D’altronde è stato l’ultimo leader dei comunisti italiani, maestri nella propaganda e nel distorcere la verità. E perciò può essere rimasto vittima della sua stessa disinformazione se ha scoperto un pezzo di storia solo nel 1989. Oppure continua a mentire come hanno fatto i suoi compagni per quasi mezzo secolo, raccontando che gli esuli dell’Istria, Fiume e Dalmazia non erano semplici italiani in fuga dalle stragi comuniste ma fascisti che scappavano per i loro misfatti. Un messaggio che aveva già fatto presa nel 1947. C’è un episodio indimenticabile. Il 16 febbraio, un piroscafo parte da Pola con migliaia di connazionali che, dopo essere sbarcati ad Ancona, sono stipati come bestie su un treno merci diretto a La Spezia. Quel treno, il 18 febbraio, arriva alla stazione di Bologna, dove è prevista una sosta per distribuire pasti caldi agli esuli. Ma ad attendere i disperati c’è una folla con bandiere rosse (toh, i compagni di Occhetto?) che prende a sassate il convoglio, mentre dai microfoni è diramato l’avviso “se i profughi si fermano, lo sciopero bloccherà la stazione”. Il treno è costretto a ripartire. Questo il clima.

La propaganda comunista e la mistificazione della realtà, come sappiamo, hanno influenzato non poco la cultura italiana del secondo Novecento. Ma è stato impossibile seppellire la memoria: troppi profughi, troppi testimoni e quella destra che alimenta i ricordi. E poi c’è Trieste, che Occhetto conosce bene, città decorata con la medaglia d’oro al valore militare dal capo dello Stato, nella cui motivazione c’è scritto “…subiva con fierezza il martirio delle stragi e delle foibe, non rinunciando a manifestare attivamente il suo attaccamento alla Patria…”. Tutti sapevano delle foibe, anche se era scomodo e sconveniente parlarne. Per questo motivo facciamo fatica a credere che il prode Achille l’abbia saputo così tardi. Fosse stato per il Pci, probabilmente non se ne sarebbe mai parlato, ma per fortuna è stato sconfitto dalla storia. E al grande libro dei fatti è stata aggiunta quella pagina strappata.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Foibe - par colpa dei falbi nasionałeixmi edeołojeghi

Messaggioda Berto » mer feb 10, 2016 9:40 pm

Anche Vendola e Pisapia erano tra i 15 parlamentari che hanno votato contro il Giorno del Ricordo
Di Riccardo Ghezzi, il 11 febbraio 2012

http://www.qelsi.it/2012/anche-vendola- ... el-ricordo

Il giorno del Ricordo è stato istituito per legge, la numero 92 del 30 marzo 2004. Approvata da una larga e trasversale maggioranza: 502 favorevoli, 4 astenuti e solo 15 contrari su 521 presenti. Da quel giorno il 10 febbraio è la data riconosciuta per onorare i martiri delle foibe e l’esodo giuliano-dalmata, nonostante vi siano ancora tentativi di negazionismo o revisionismo. Scontata la provenienza politica dei 15 che nel 2004 hanno votato contro l’istituzione del Giorno del Ricordo: tutti di Rifondazione Comunista e Comunisti Italiani, partiti spariti dal parlamento in seguito alle successive elezioni del 2008.

Tra costoro, però, qualcuno ha fatto carriera. Due soprattutto: Nichi Vendola, divenuto presidente della Regione Puglia nel 2005 (e confermato nel 2010), attualmente leader di Sel, e Giuliano Pisapia, sindaco di Milano dallo scorso anno. E c’era anche Giovanni Russo Spena, papà di quella Maurizia Russo Spena salita alla ribalta delle cronache per aver polemizzato con l’ex ministro Brunetta durante un convegno disturbato da una fantomatica “Rete dei precari” (come se i figli di papà potessero definirsi tali!)

Inutile stupirsi se il buon Giuliano Pisapia toglie la parola agli esuli, umiliandoli durante la cerimonia ,o se Nichi Vendola dice di voler abbracciare i “fratelli” Musulmani e Rom ma alle vittime italiane finite nelle foibe proprio non pensa.
L’esito della votazione della proposta di legge per “l’istituzione del giorno del ricordo in memoria delle vittime delle foibe dell’esodo giuliano-dalmata, delle vicende del confine orientale e della concessione di un riconoscimento ai congiunti degli infoibati (pdl 1874)” si può trovare sul sito della Camera. I 15 contrari sono stati, per ordine alfabetico:
Armando Cossutta, ex leader dei Comunisti italiani che attualmente si gode un lauto vitalizio, e che non ha mai apprezzato il dibattito interno alla sinistra sulle foibe, parlando addirittura di “revisionismo pericoloso”;
Maura Cossutta, figlia del soggetto di cui sopra, approdata in parlamento per evidenti meriti di… parentela;
Titti De Simone, famosa (?) solo per aver fondato l’Arcilesbica a Bologna nel 1994, probabilmente i diritti degli omosessuali per lei valgono più di quelli degli esuli;
Elettra Deiana, feroce femminista attualmente facente parte della presidenza nazionale di Sinistra Ecologia e Libertà;
Oliviero Diliberto, l’uomo che voleva portare la statua di Lenin a Roma e che in diretta tv ha dichiarato di essere fiero di odiare Berlusconi;
Alfonso Gianni, ex editorialista di Liberazione, anch’egli ora approdato in Sel, il partito di Vendola;

Francesco Giordano, detto Franco, ex segretario di Rifondazione, vendoliano doc, fondatore del “Movimento per la sinistra” poi confluito in Sel;
Ramon Mantovani, l’uomo che ha trasportato dalla Russia in Italia il terrorista curdo Ocalan. Accusato dal governo colombiano persino di avere contatti con le Farc;
Graziella Mascia, in prima fila nell’accusare la polizia in seguito ai fatti del G8 di Genova;
Giuliano Pisapia, il sindaco di Milano che toglie la parola agli esuli;
Marco Rizzo, l’ex pugile ed ex europarlamentare che recentemente ha esaltato il dittatore nordcoreano Kim Jong-il, scomparso a dicembre 2011;
Giuseppe Cosimo Sgobio, detto Pino, ex capogruppo alla Camera del Pdci;
Giovanni Russo Spena, ex Democrazia Proletaria, amico di Mario Capanna, nel 2004 ha anche dichiarato pubblicamente la sua solidarietà a Cesare Battisti;
Tiziana Valpiana, colei che nel 1998 ha cambiato idea all’ultimo momento, votando contro il governo Prodi, poi caduto per un solo voto;
Nichi Vendola, il due volte presidente della Regione Puglia che vuole abbracciare i fratelli Musulmani e Rom.

Quattro invece gli astenuti: Mauro Bulgarelli, attualmente in Sel, anch’egli solidale con Cesare Battisti; Pier Paolo Cento, ex Verdi, espulso dal partito dopo aver fondato l’Associazione Ambientalisti; Sergio Sabattini, ex Ds fuoriuscito al momento della nascita del Pd; Alba Sasso, attualmente assessore all’istruzione nella regione Puglia, presieduta da Vendola.

Quale Paese merita di essere rappresentato in Parlamento da soggetti che non vogliono ricordare una pulizia etnica subita da connazionali? E quale Paese merita di avere un sindaco e un presidente di Regione che hanno votato contro l’istituzione del giorno del Ricordo?
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Foibe - par colpa dei falbi nasionałeixmi edeołojeghi

Messaggioda Berto » gio feb 11, 2016 6:47 pm

I “PROFUGHI” di Gigio Zanon

https://www.facebook.com/elena.zanon/po ... 8559870884

Abitavo in campo della Lana, e l’unico pezzo di terreno su cui si poteva giocare con una palla fatta di stracci era il campazzo dei tolentini, (dove adesso c’ è l’università di architettura)ma che fino a poco tempo prima era stata un caserma dei militari tedeschi.
Era il1946, una mattina.
Arrivano degli uomini con un fazzoletto rosso al collo, mitra in mano (di mitra in quegli anni ne avevamo visti a centinaia..e oramai li sapevamo anche distinguere. Comunque erano degli STEN, di queli col caricatore laterale…) e ci cacciano via tutti e si mettono a una certa distanza l’uno dall’altroverso i giardinetti vPapadopoli, e giù giù verso piazzale Roma. Di là non potevamo veder altro.
Dopo poco tempo iniziano ad arrivare prima dei ragazzi, poi donne e quindi uomini. Tutti avevano sacchi o lenzuola pieni di stracci, di abiti, pentole, ecc. Davanti di loro altri due uomini col fazzoletto rosso al collo, e ancora di quegli uomini parte per parte di questa colonna di gente. I loro visi erano tristi, molte donne piangevano.
Ed entrano tutti nell’edificio che poco prima era stata una caserma.
Tutti dentro!
E noi lì a guardare.
Entrata l’ultima persona, il portone viene chiuso e tre uomini si mettono fuori di guardia.
Entrano delle persona ben vestite. Fascie tricolori a tracolla, e anche dei militari alleati: li conoscevamo dalle divise.
Ci facciamo coraggio e chiediamo a quegli uomini dal fazzoletto rosso cosa era successo, e uno di loro –un giovane che avremmo rivisto anche in seguito - che disse che erano profughi Dalmati, che erano arrivati quella mattina e che i “compagni” – gli uomini dal fazzoletto rosso – li avevano scortati dalla Marittima fino a lì e che erano “titini” e che lì sarebbero rimasti per diverso tempo. Che dovevamo stare attenti a loro perché erano pericolosi e tutte robe del genere.
Da quel girno il campazzo ci era stato interdetto, chiuso, si poteva solo passare dai Tolentini a S. Rocco.
Però noi avevamo il vantaggio di conoscere la zona e sapevamo che potevamo parlare con quelli che lui aveva chiamato titini quando volevamo: per via acquea!
Difatti dietro quella che era stata una caserma, e prima ancora il convento dei frati Teatini della vicina chiesa, correva il rio delle Muneghette.
Altro nostro paradisodi giochi con le barche.
Dal ponte di campo della lana si arrivava fino a campo S. Rocco.
Prendiamo … “in prestito” la barca i Polo, il pescivendolo che stanziava in corte Canal, e arriviamo fin sotto le finestre della caserma.
E da lì inizia il nostro dialogo con quelli che tenevano nascosto e chiamati titini. I ragazzi venivano via con noi con la barca a giocare. Agli uomini facevamo passare traghetto affinchè uscissero per fare i fatti loro.
E si instaurò un rapporto di amicizia fra di noi.
Gli uomini col fazzoletto rosso, che si facevano chiamare “compagni” e che poi abbiamo saputo essere comunisti, facevano la guardia sempre in campazzo!
A mezzo giorni e alle sette di sera arrivava la barca degli alleati con dei pentoloni pieni di brodaglia e altri generi alimentari.
A settembre – calmatesi le acque – riaprono le scuole e ai Cavanis ci ritroviamo alcuni di quei ragazzi.
Ricordo ancora il nome di alcuni di loro: Stilinovich, Sesanich,Buda, Zuancich, ecc.
E così conoscemmo dalla loro viva voce le loro vicissitudini. Come mai, ad esempio, così pochi uomini adulti: o morto o infoibati.
Chiediamo cosa significa, e il classe uno di questi ragazzi ci dà ogni possibile e diretta informazione!
Cose inenarrabili!
Andavamo sempre per via acquea tutti i pomeriggi a “casa” loro… casa!!!
Delle coperte e delle tende stese attraverso dei grandi stanzoni a dvidere la famiglie!
E dalle loro bocche apprendemmo tutti il resto dell’orrore vissuto da quella povera gente: DA QUEI NOSTRI FRATELLI VENETI OLTRAMARINI!!!
Gente che dopo l’arrivo de comunisti di Tito si credeva al sicuro, ma che si erano trovati peggio di prima. Che poi – siccome erano voluti scappare da QUEI comunisti – si erano fidati dei “nostri” comunisti, ma che invece erano stati accusati di vigliaccheria e di tradimento della causa comunista!
Rimasero lì per alcuni anni e un po’ allavoltapresero altre strade,andarono in altri città.
Ma mai più a casa loro!
Dove erano nati,cresciuti,dove stavano i loro Defunti, le loro case i loro ricordi!
In seguito ritrovai Marino Stilinovich.
Era secondo ufficiale di coperta a bordo della nave Esperia, dove io invece facevo il cameriere di sala.
Poi più visto nessuno.
Chissà che fine avranno fatto!
Di una cosa sono certo: che i compagni comunisti debbano aver fatto una brutta fine! Quella che meritavano!
E se non tutti l’hanno fatta, quando andrò anch’io “di là dell’acqua” e trovero … chi di dovere mi drovrà dare qualche spiegazione …
Gigio zanon
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Foibe - par colpa dei falbi nasionałeixmi edeołojeghi

Messaggioda Berto » gio feb 11, 2016 7:49 pm

Un altro episodio odioso, un ennesimo insulto alla memoria delle vittime delle foibe, è avvenuto stavolta nella città di Trento.
ISABELLA MECARELLI

https://www.facebook.com/MagdiCristiano ... 1064395482

Lascia sgomenti tanto odio, misto ad ignoranza, da parte degli autori dell’atto ignominioso. E’ stata asportata la lapide posta a ricordo delle violenze efferate, perpetrate a ridosso dell’ultima guerra dai partigiani comunisti slavi e italiani nei confronti di uomini donne anziani bambini della Venezia-Giulia e dell’Istria.

Oltre al danno, la beffa: il monumento si trovava proprio davanti al Palazzo di Giustizia, in zona che si presume debba essere tenuta sotto stretta vigilanza. Visto che sarà occorso del tempo per il suo asporto, data la mole, questo dimostrerebbe come le autorità preposte, locali e statali, non si curino troppo di imporre alle forze dell’ordine l’adozione di adeguate misure di sicurezza.

Trento, si sa, è il capoluogo di una bellissima provincia, ordinata, dove i servizi ancora funzionano e bene, ma negli ultimi anni sta succedendo un cambiamento, dovuto alla, diciamo, superficialità del controllo. Le piazze centrali di questa città, che conta poco più di 110.000 abitanti, sono frequentate da tempo da bande di spacciatori. Circolare nel centro storico, soprattutto in certe ore, è diventato poco raccomandabile per l’aumento di episodi criminosi.
Individui che hanno ricevuto il foglio di via dal territorio continuano a circolare impunemente infischiandosene della prescrizione. Insomma, si potrebbe dire che Trento, un tempo isola felice, si stia per collocare, o forse lo ha già fatto, nella media degli altri comuni italiani quanto all’aumento del tasso di criminalità.

Riguardo al recente insulto alle vittime delle foibe, è probabile si debba attribuire a un altro fenomeno locale: l’attività dei membri di centri sociali che godono di relativa impunità da parte delle autorità. Si sono verificati negli ultimi tempi episodi di occupazione abusiva di edifici, durata in certi casi addirittura anni. L’ultimo sgombero è stato effettuato solo dietro pressione dei cittadini, indignati da tanto permissivismo. Non è pura illazione l’attribuzione dell’atto criminoso a questi individui perché la riprovazione per la memoria delle foibe è stata da loro espressa chiaramente in più occasioni, anche in comunicati e articoli nei loro siti Internet.
E il motivo di tanto astio nei confronti della giornata dedicata a quelle vittime si può leggerlo, ad esempio, sul sito ‘Trento antifascista’, da cui traggo uno stralcio: “...nel maggio 1945, furono fucilate 500 persone, di cui venne per lo più accertata dal Tribunale Militare la passata appartenenza a forze militari o collaborazioniste del nazifascismo. Solo alcune decine vennero realmente “infoibate” e per queste morti vi furono nei mesi successivi processi e condanne, da cui risultò che si era trattato in genere di vendette personali nei confronti di spie o soggetti ritenuti tali.”
Affermazioni come questa denotano quanto ancora la propaganda di certa sinistra si basi su pregiudizi, affronti il fenomeno senza preoccuparsi di studiarlo a fondo, scientificamente, partendo invece dal presupposto, per essa inconfutabile, che l’operato di Tito sia stato solo pura rappresaglia contro i collaboratori dei nazi-fascisti, atto che verrebbe così ad essere giustificato.

La storia delle foibe purtroppo, si presta ancora a manipolazione politica. E questo perché la verità scotta: insabbiare le notizie, non indagando sulla verità circa quei crimini efferati che hanno colpito una gran massa di innocenti, è stata a lungo anche colpa imperdonabile dello Stato italiano (le cause del suo atteggiamento meriterebbero spiegazione approfondita).
Forse è proprio questo che ha impedito finora di far piena luce sugli avvenimenti e le loro cause, anche a distanza di anni dal riconoscimento dell’attendibilità delle testimonianze di chi ha vissuto quella tragica parentesi. E’ questo forse che favorisce la recrudescenza di una polemica crudele, che colpisce nel vivo i discendenti delle vittime di quello che, adottando il termine efficace, coniato da Enzo Bettiza nel suo formidabile libro-testimonianza “Esilio”, mi piace definire “culturicidio”.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Foibe - par colpa dei falbi nasionałeixmi edeołojeghi

Messaggioda Berto » ven feb 26, 2016 11:58 pm

Fidenato e foibe

http://www.miglioverde.eu/allorigine-de ... a-1a-parte

ALL’ORIGINE DELLE FOIBE: IRREDENTISMO ITALIANO E PULIZIA ETNICA (1ª PARTE)
di GIORGIO FIDENATO Ultimamente mi sono rilassato con letture scorrevoli, che non implicano grandi ragionamenti, ma solo seguire la narrazione. Ancora venti anni fa, avevo letto qualcosa sulla vicenda che aveva interessato la minoranza slovena fra le due guerre nel bellissimo libro di Klaus Gatterer, intitolato “In lotta contro Roma”, che consiglio vivamente di leggere. Ora, approfittando dei consigli di un mio amico, ho approfondito la vicenda delle minoranze slave a cavallo del confine italico che riguardava un arco temporale più ampio, cercando di capire meglio il gravissimo fenomeno delle cosiddette Foibe. Sinceramente non mi ha mai convinto la tesi foibe=pulizia etnica italiana. Mi ha sempre puzzato la dose di nazionalismo e retorica che trasuda in tutti coloro che vogliono mettere in evidenza quel fenomeno. Infatti non ho mai sentito parlare di quello che fecero gli italiani alle minoranze slave dopo la vittoria della prima guerra mondiale. Da sincero e appassionato libertario indipendentista-secessionista ritengo che, sulla scorta della storia che ho cercato di mettere insieme, il fenomeno Foibe…


http://www.miglioverde.eu/allorigine-de ... i-2a-parte

ALL’ORIGINE DELLE FOIBE: UNA PRATICA TANTO CARA AI FASCISTI (2ª PARTE)
di GIORGIO FIDENATO Con l’avvento del fascismo, accanto alle chiusure per legge avvenivano veri e propri pogrom antislavi, con distruzione di tipografie, circoli, case private, negozi; chi parlava sloveno o croato in pubblico rischiava bastonate, sputi (alcuni zelanti maestri erano usi sputare in bocca agli alunni che non parlavano in italiano), olio di ricino e addirittura olio da motore, come quello che venne somministrato al dirigente di coro Lojze Bratuž (italianizzato in Luigi Bertossi), che morì un mese dopo. L’incendio del Narodni Dom, l’enorme casa del popolo, centro culturale e simbolo dell’identità nazionale e culturale degli sloveni, dei croati e dei cechi nel centro di Trieste, avvenuto il 13 luglio 1920, fu il primo atto ascrivibile pienamente allo squadrismo fascista, nonostante la vulgata nazionalista lo dipinga quale una “reazione legittima” all’uccisione di due militari italiani a Spalato… i quali però non solo si trovavano in una città che non faceva parte del Regno d’Italia né, come nel caso di Fiume, la sua cessione era mai…


http://www.miglioverde.eu/allorigine-de ... a-3a-parte

ALL’ORIGINE DELLE FOIBE: LA MENZOGNA STATALE DIVENTA REALTÀ (3ª PARTE)
di GIORGIO FIDENATO Uno dei principali motivi che spinse all’esodo fu dunque di natura politica, in quanto la Jugoslavia stava realizzando riforme di stampo socialista nella società e nell’economia: aveva imposto pesanti restrizioni nel commercio privato, imposto la distribuzione delle derrate alimentari attraverso cooperative, pesantemente tassato le rendite finanziarie, attuato una riforma agraria in base alla quale venne proclamata l’abolizione della mezzadria, del colonato e del lavoro agricolo su appalto, assegnato le terre ai contadini che dimostrassero di lavorarle da almeno quindici anni, e infine stabilito il sequestro dei latifondi assegnati nel primo dopoguerra dall’Italia ai coloni provenienti dalla penisola in sostituzione dei proprietari “non italiani” e la loro redistribuzione a famiglie di contadini provenienti da tutta la Jugoslavia, nonché l’uso collettivo delle macchine agricole, tassando pesantemente le terre incolte ed i terreni oltre determinate superfici. In un contesto del genere è chiaro che tutta una serie di categorie sociali (proprietari immobiliari, commercianti, imprenditori, industriali, locatori, addetti alla distribuzione, ecc.) videro la partenza come l’unica…
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Foibe - par colpa dei falbi nasionałeixmi edeołojeghi

Messaggioda Berto » ven feb 26, 2016 11:59 pm

Foibe, la strage dimenticata: migliaia le vittime in Venezia Giulia, Istria e Dalmazia
10 febbraio 2015
da Tgcom24

http://finanzaemercati.org/2015/02/10/f ... e-dalmazia

Furono migliaia gli italiani della Venezia Giulia, dell’Istria e della Dalmazia che, tra il maggio e il giugno 1945, vennero uccisi dai partigiani di Tito, gettati nelle tipiche fenditure carsiche, le foibe, o deportati nei campi sloveni e croati, dove morirono di stenti e malattie. Le vittime furono collaborazionisti e repubblichini, membri del Cnl, partigiani, comunisti, e soprattutto cittadini comuni travolti dal clima di violenza.

L’accusa a loro rivolta era quella di opporsi all’annessione delle terre contese alla “nuova” Jugoslavia. Se nella Venezia Giulia le ferite rimasero aperte alimentando la memoria di quei tragici fatti, nel resto del Paese sugli eccidi di Tito è gravato per oltre mezzo secolo un quasi totale silenzio. Dopo la cessione dell’Istria, di Fiume e di Zara alla Jugoslavia, fu il turno dei sopravvissuti che, per il solo fatto di essere italiani, furono costretti all’esodo forzato dalle loro case.

I territori contesi – La contesa dei territori di Nord-Est inizia con la fine della Prima Guerra mondiale, quando la frontiera tra l’Italia e la Jugoslavia viene stabilita sulla “linea Wilson”: agli slavi viene assegnata solo una parte minore dell’Istria, mentre i centri più importanti passano sotto il tricolore. 500mila slavi diventano improvvisamente “italiani” senza volerlo, e vedono (non senza ragione) gli italiani come “occupanti”, che impongono la loro cultura opprimendo le popolazioni slave. Una “dominazione” che gli jugoslavi non dimenticheranno facilmente.

Nel maggio-giugno 1945, quando i tedeschi vengono sconfitti, nei territori giuliani arrivano i reparti jugoslavi, accolti dagli italiani come liberatori alla stregua di americani e inglesi. Ma le intenzioni delle forze del maresciallo Tito sono ben diverse da quelle degli Alleati: riconquistare i territori che, alla fine della Grande Guerra, erano stati negati alla Jugoslavia. E così, a partire dal 1° maggio 1945, i Volontari italiani della Libertà vengono disarmati, e man mano che i partigiani sloveni avanzano in Venezia-Giulia disarmano e internano gli avversari, mandandone poi a morte a migliaia nelle foibe. Avversari che non sono solo i (pochi) repubblichini rimasti nella zona: sono anche, e soprattutto, civili inermi, donne, vecchi, bambini: tutti coloro che, secondo un’ordinanza del governo di Tito, si oppongano al passaggio dell’Istria alla Jugoslavia o rifiutino di dichiararsi slavi. E, esattamente come durante il Ventennio, può bastare una denuncia anonima, magari di un vicino di casa invidioso che voglia acquisire rapidamente un alloggio, oppure di qualcuno che da anni covi una sua vendetta personale, per condannare a morte una persona. Ma tra le vittime si contano anche centinaia di persone uccise solo perché vengono identificate come simbolo del fascismo (come carabinieri, finanzieri, podestà), o della borghesia (come maestre e levatrici).

Gli infoibamenti erano iniziati nel ’43, dal 9 settembre al 13 ottobre, quando, dopo l’armistizio, i partigiani titini si erano impadroniti di gran parte dell’Istria iniziando con la loro sistematica opera di pulizia etnica. E proseguirono dal 1945 al ’47, ben oltre la fine della guerra, spingendo all’esodo migliaia di italiani d’Istria e sterminando coloro che si rifiutavano di andarsene.

Le foibe – La parola foiba deriva dal latino fovea, fossa: si tratta di profonde voragini rocciose che le popolazioni slovene e croate del carso triestino utilizzavano come discariche, gettandovi rifiuti quali carcasse di animali, scarti di lavorazione, oggetti rotti. Ecco allora che le foibe non vengono scelte a caso come luogo per lo sterminio degli italiani: gettare gli italiani nelle voragini significa mostrare loro tutto il disprezzo possibile, trattandoli come rifiuti.

Migliaia e migliaia di persone morirono in quelle fosse (in Istria sono state trovate più di 1.700 foibe), alcune gettate nel baratro dopo una veloce esecuzione, altre dopo essere state torturate con metodi da far invidia ai nazisti più feroci, altre ancora addirittura vive, lasciate a morire duecento metri sottoterra circondate di cadaveri. Un conto preciso delle vittime è impossibile: secondo alcune fonti gli italiani sterminati furono dai 4 ai 6mila, per altre addirittura 10 o 20mila. Alcuni finirono fucilati, altri morirono nei campi di concentramento. Per la maggior parte, però, si aprirono le porte dell’inferno: le foibe.

I soldati di Tito – Facevano irruzione di notte nelle case dei civili, caricando decine di persone alla volta sui camion. Le vittime predestinate, quindi, venivano legate una all’altra con corde, fil di ferro, filo spinato: qualsiasi mezzo che impedisse loro di fuggire. A questo punto, disposti sull’orlo del precipizio, i primi venivano fucilati, trascinando con sé nel baratro anche tutti gli altri, ancora vivi. Alcuni avevano la fortuna di morire subito nella caduta, altri resistevano per ore e ore, feriti, agonizzando circondati da cadaveri in putrefazione.

Ma l’orrore poteva essere ancora peggiore, perché prima della morte potevano esserci le torture e le sevizie: nelle fosse carsiche sono state trovate donne stuprate o con il ventre reciso per estrarre il feto che portavano in grembo, uomini evirati che, prima di essere gettati nelle foibe, venivano costretti a mangiare i propri genitali, cadaveri decapitati, con la testa dei quali i titini improvvisavano partite a pallone…

Basovizza, icona della tragedia – L’emblema dello sterminio è sicuramente la foiba di Basovizza, alle porte di Trieste. Si tratta, in questo caso, non di una cavità naturale ma del pozzo di una miniera di carbone che, scavata nella roccia agli inizi del ‘900, venne successivamente abbandonata. Profonda inizialmente 256 metri, si scavò poi fino alla quota di -700 metri. Ma nel 1939 alcune prospezioni geologiche rivelarono che, a causa del cedimento della cava, il fondo si era nuovamente alzato fino a -226 metri. E dentro quella fenditura profondissima trovarono la morte non meno di 2.500 persone nei soli 45 giorni dal 1° maggio al 15 giugno 1945; alla fine dell’anno il livello del fondo si era alzato a 198 metri: 500 metri cubi di cadaveri, successivamente ricoperti di munizioni e di detriti.

L’esodo degli istriani – La firma del Trattato di Parigi sancì anche l’inizio dell’esodo di migliaia di italiani dopo l’occupazione militare jugoslava di Fiume, di Zara e di gran parte dell’Istria: dalle 250 alle 350mila persone (la cifra, anche in questo caso, varia molto a seconda delle fonti) preferirono la fuga alla dominazione dei titini, i quali, peraltro, avevano instaurato un vero e proprio regime di terrore per spingere gli italiani ad andarsene. E quelli che non ne volevano sapere di abbandonare tutto venivano trucidati: una pulizia etnica non dissimile da quella che, cinquant’anni più tardi, porterà alla guerra del Kosovo.

La maggior parte degli esuli, arrivati in Italia, furono distribuiti in oltre 50 campi profughi, e mentre circa 60mila persone si fermarono nella zona di Trieste, moltissimi, aderendo al programma dell’International Refugee Organisation (Iro), si rifugiarono all’estero, soprattutto negli Stati Uniti e in Canada. La fuga degli italiani terminò il 20 marzo 1947, quando l’ultimo traghetto, il piroscafo “Toscana”, partì da Pola diretto verso l’Italia.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Foibe - par colpa dei falbi nasionałeixmi edeołojeghi

Messaggioda Berto » ven mar 18, 2016 8:16 pm

Fòso, Fosò, Fosona, Fosalta, Fosoƚi, Fossombrone
viewtopic.php?f=45&t=2232

Poso, posa, pocia, posangara, Posolengo, Posagno, Pozzuoli...
viewtopic.php?f=45&t=2234
Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... Zulino.jpg

Boxeła, Boxaro, Boxio, Boxia, Boxentin, Boxina, Boxnia
viewtopic.php?f=45&t=2241
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

PrecedenteProssimo

Torna a Il mito della resistenza partigiana

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite