I Muràsi

I Muràsi

Messaggioda Sixara » dom dic 21, 2014 8:05 pm

Ke òpara granda I Muràsi:
viewtopic.php?f=177&t=1284

I lapicidi del Murazzo I simboli del mestiere
di Alessia Boscolo Nata

El muràso/ i muràsi de Soto-marina l è on posto inportante, no vole dire gnente se dèso el pasa scuaxi inoservà a le màse de turisti ca va in spiaja e se, anca i pì zoveni del posto no i sa pì cosa ke l è. Ma cuei pì veci i se lo ricorda ben come ke l jera, còsa ke l è stà par Marina. Senzha el murazho no ghe saria stà Sotomarina, gnente cordone litoraneo e gnanca Cioxa: el mare pian pianìn el se la gavaria magnà, cusì come ke el se magnava tuta la laguna, conprexa Venèsia. Ve lo ricordèo, cosa ke l dixea el Sabadin - ke la laguna la ghea do grandi nemici : i fiumi e el mare ( po' lù el ghe zontava anca i òmeni) e ke l azhion conbinà de ste fortse l avaria méso in grave pericolo l existentsa de la Dominante.
Na laguna , sa te la lasi stare, pian pianìn in domila ani la deventa calcos altro, l è el so destin de trasformarse in tèra, ma Venesia nò, no la podeva permetarlo:

"L'ingente lavoro di costruzione dei murazzi, come scrisse il Morosini : " la più superba e maestosa Opera della Repubblica di Serenissima" era fondamentale per la sopravvivenza degli esili cordoni litoranei. Un' impresa di tali dimensioni mise all'opera numerosi personaggi : inizialmente una serie di progettisti, ingegneri idraulici e savi esecutori alle acque che (...) giunsero alla scelta dei murazzi nella forma che vediamo oggi, declinati in modo diverso a seconda dei lidi in cui ci si trovava.
I protagonisti della grande infrastruttura furono sicuramente le maestranze che operarono per circa mezzo secolo nelle tre località di Chioggia, Pellestrina e Lido di Venezia, responsabili della cavatura del materiale lapideo e del loro trasporto( via mare dalle cave di pietra d'Istria tra Parenzo e Pola), del materiale ligneo per le fondazioni ( attraverso le principali aste fluviali), della messa in opera e della manutenzione.
Le pietre del murazzo che cingono la sponda orientale di Sottomarina da più di 230 anni, recano alcune curiose incisioni scolpite sulla quasi totalità dei conci, (...) molte sono visibili sul lato superiore, sia esso orizzontale nel tratto calpestabile lungo via S.Felice, sia esso verticale, lungo la strada pedonale che costeggia il centro storico.
Le incisioni consistono in lettere dell'alfabeto latino e greco, simboli geometrici e strumenti di lavoro, incisi preferibilmente nella parte centrale della pietra, a pochi mm dalla superficie.
Come si è visto in numerose costruzioni del passato (...) l 'infrastruttura è ricoperta dai marchi di costruzione dei lapicidi che vi lavorarono (...).
Per lapicida s'intende sia colui che taglia e sbozza la pietra nella cava, sia chi lavora come posatore."

Cusì la scrive l Alessia Boscolo Nata ke sol sistema de fortificazhion n lagouna la gà fato la so texi de laurea ma ke, de i segni so i blòki de pièra la se ghea incorto - ela ke la ghe stà so ona de le calete de Marina vècia - solo co la jera drìo zugare col so neodìn pardesora de l muràso : el putìn el se ga robaltà, ela l è ndà tòrlo-su e la ga visto on segno... e da lì n là la ghè ndà n zherca de tuti...

Immagine

I segni so i bloki de pièra d Istria i pòe esare ligà al nome del mastro lapicida, ke laorando a còtimo el dovea dimostrare el numaro de le pière cavà e laorà; elora sarìa de le 'marques de tailleur' come ca dixe la studioxa Adrienne Van de Winckel o anca de 'segni di identità' pal prof. R.Dionigi, esperto del significato dei segni lapidei.
A ghè da dire ke inte na cava podeva esarghe difarenti scuadre de lapicidi e sicome ke el materiale da cavàre el jera purasè ( tanto da far sù on muraso longo 25 km e largo 14 metri, alto fin 4 m.) , elora par no far confuxiòn i doparava sti sinboli.
I podaria anca esare intendesti come 'segni di utilità', cioè segni par identificare na poxitsion precixa indoe metare la pièra, ma i studioxi i lo esclude, parké se dixe ke i sinboli i se càta in maniera caxuale, come ke le vièn le vièn.
( ma mi no saria d acordo però, come se spiega elora ke tante pière, mese zo una vitsina kealtra le gà el steso sinbolo ?)

Ogni scalpellino ( come se dixe en lengoa?) el ghea el so sinbolo de riconosimento : letare de l alfabeto latino ( inte la catalogatsion a ghè A,C,D,E,H,M,P,U,V) ke le indicava, forse, le initsiali de l nome de l lapicida. Ma a gh è anca letare greche ( alfa e omega), sinboli jeometrici come triangoli, tserci e cuadrati e anca croxe latine e greche.

Immagine

Immagine

Po' a ghè anca sinboli de atretsi ke i doparava : el martèo co mànego e testa gròsi, la ulivella ( strumento in ferro a forma di C terminante con 2 occhielli) ke la serviva par solevare i bloki ( con de le corde?).

Immagine

Immagine

Tante olte se càta el steso sinbolo su le pière vitsine, come se le faxese parte de on unico lòto de pière cavà da la stesa persona. ( eco spiegà tuto).
No xe fatsile de vedarle le incixion, siben ke ogni pièra scuaxi la ghi n à una desora, dipende da l tenpo e da la luxe soradetuto e mi penso anca ke dipenda da l fato ke no te te spèti de vedarle, ma dopo ke i t à dito ke le ghe xe.. oh te le càti, te le càti altroké, te camini desora dei murasi vardando inzo e tuti i pensarà : ma varda - ga-la perso calcòsa ...? e te le vedi, ona drìo kelaltra...
Ma parké a ghi n è restà cusì tanti? parké le pière del muraso no i è stà lisà, levigà so la facia-vista antsi par la so fontsion ( ke no la jera nò estetica) ndava pì ke ben ke le restese ruvide, greze , parké cusì le ronpeva mejo la fortsa de le onde marine.

Come ke l jera fato el muraso te lo vedi al forte de San Felice : là ncora a xe restà tuti e trè i liveli, partendo dal lato del mare co i scogli digradanti verso el fondo in modo da ronpare le onde, po el va su col secondo livelo, e dopo ncora co l primo, el muraso vero e propio, cuelo pì alto cueo ke doveva servire a fermare le marejate pì violente ( ke de le olte , sibèn ghe fùse i 3 liveli le se roesava isteso par de là de l muro).

Immagine

No xe fatsile de vedare i sinboli anca par le pàtine ca ghe xe desora, però a ghè da dire ke la piéra d Istria la gà fato ben el so laoro ke le se leze ncora ben, no le s à scancelà co l eroxion:

"Il maggior numero di simboli si riscontra nell'area meridionale del murazzo, mentre nei pressi della darsena Mosella i sassi si presentano molto più erosi, poiché si trovavano maggiormente esposti alle mareggiate; i simboli ricompaiono poi nella parte nord del murazzo, detta 'Cogolera', nei pressi del Forte San Felice. Anche la sponda lagunare presenta numerose incisioni, soprattutto nei tre gradini che scendono verso il Lusenzo (...) maggiormente visibili nei mesi estivi in cui le pietre emergono dall'acqua."

Da sta parte cuà a ghè anca i do leoni scalpelà so do piére, i è leoni in moéca come ca se dixe, cioè i gà le àe piegà ( elora la jera drìo ponsarse Venèzhia te kel periodo là, no la ghe faxea la guera nisùn); uno i lo gà meso zo a roèso e l è propio inposibile vedarlo se no l te vien segnalà. Da kel lato lì a se cata anca le lapidi co l HINC PASSUS ke l segnava le distantse da l punto de scumizhio de l muraso ( al lido de Venesia), lì me pare d aver capio ke l xe el 39 mo hincpassus corispondente a .. no me ricordo parkè el Passus l è na mixura difarente).

Immagine

Immagine
(leon-drìto)

Immagine
(leon-roèso)

Immagine
(pa ndare al forte S.F.)

Il saggio di Alessia Boscolo Nata si trova in : Chioggia Rivista di studi e ricerche, n.39, ottobre 2011, pp.103-110

Per approfondimenti sulla struttura originaria del murazzo ed evoluzione del centro storico di Sottomarina vedere, A. BOSCOLO NATA, E. ANTICO, Il Forte San Felice e le fortificazioni della laguna meridionale di Venezia, Il leggio, Chioggia, 2010
Ultima modifica di Sixara il lun dic 22, 2014 6:22 pm, modificato 4 volte in totale.
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1757
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: I Muràsi

Messaggioda Sixara » dom dic 21, 2014 8:51 pm

Me maravejo ca no te sì gnancora ndà cavarlo kel cartèlo lì co su scrito Murazzo romano..
ma se no xe stà i romani e gnanca i venesiani ki xei stà farlo? O mejo sarà ndà cusì , mi penso, ke so l vècio tracià de l muro costruio prima, i romani prima e i venezhiani dopo i avarà meso-su calke pièra anca lori, nò... :?


Sixara xe stà i veneti vixentini par tuti do i caxi: so coelo del 1500 a ghè anca le carte del Consejo Comounal de Viçensa ke le parla, altro ke Venesia.
Berto
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1757
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: I Muràsi

Messaggioda Berto » dom dic 21, 2014 8:56 pm

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30216
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: I Muràsi

Messaggioda Berto » lun dic 22, 2014 8:04 am

http://it.wikipedia.org/wiki/Murazzi_%28Venezia%29

Immagine
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/c ... strina.jpg

Na 'olta a ghe jera le palade (palifate, palizade), dighe de pali, dite anca roste (co le traversagne e le longagne) renforsà da le maxiere de pria (vedar i maxieroni de Montecio P.).

Wardar anca le volpare e i volparoni:

Volpare/bolpare, volparoni, Volpago, Volpegara
viewtopic.php?f=45&t=300

https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... czeG8/edit

Immagine
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... er=1&w=800
Immagine
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... r=20&w=800
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30216
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: I Muràsi : via Muràso

Messaggioda Sixara » lun dic 22, 2014 1:38 pm

Ghe xela ncora kela stradina - kièta, foramàn, a l onbrìa - ke da via Asteghèlo, voltando prima a zhanca e dopo a drìta, la porta n via Belvedère, pasando pardavanti de le scòle elementari a l Palason?



Si la ghè.
Scarpelin, scalpelin, tajaprie, tagliapietra.
Berto
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1757
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: I Muràsi ( de Sotomarina)

Messaggioda Sixara » lun dic 22, 2014 6:32 pm

I murazzi : un disegno e un significato perduti M.Zunica

Tel 1993 M. Zunica e G.Rotondi del Dipartimento di Geografia dell'Università di Padova, i publica Il Lido di Sottomarina Processi interattivi di costruzione e consumo ke l fa parte de i Studi sull'Interfaccia terra-mare:
posto cuà calke dato sol muraso dal cap. 1.3.1, pp.13-14

"Il Lido di Sottomarina, in prossimità della bocca di Chioggia ha per secoli denunciato molti problemi di tenuta a motivo della estrema esilità tanto da indurre a continui e dispendiosi interventi. Solo con la costruzione dei murazzi si addivenne a una difesa continua, eccezionale per dimensioni e tecnica di costruzione : possenti difese a mare, vanto e gloria della Serenissima (...) attribuiti a B. Zendrini, costruiti in pietra d 'Istria, legata con pozzolana - tecnica innovativa per le opere lagunari dell'epoca - furono realizzati lungo il lido di Pellestrina e Sottomarina, tra il 1738 e il 1785 in tempi, tipi e tratte differenti in relazione alla fragilità del sito e alle situazioni economiche.
Impropriamente viene chiamato murazzo l'intero perimetro difensivo a mare che si estende lungo i lidi della laguna di Venezia. In realtà ... il murazzo era alto 4,70 m. sul livello del 'Comune Marino' C.M ; .... e spesso m 1,20 nella parte emergente, dalla base del muro sommitale si dipartivano verso il mare due ripiani inclinati per complessivi 12,50 m. che si appoggiavano ad un antipetto costituito da grandi massi. Verso la laguna il murazzo si presentava con una parete verticale su cui correva una banchina transitabile ... il tutto poggiava su terra o pietrame.
(...) con i suoi 1255 m. questo manufatto ( a cui si debbono aggiungere 570 m di argini e muri) costruito sul Lido di Sottomarina tra il 1763 e il 1770 costituiva un elemento estremamente originale.
(...) la sua finalità era precipuamente la salute di Venezia, ma sicuramente, per oltre un secolo e mezzo questo diaframma di separazione fra mare e laguna è stato associato dagli abitanti al senso di tranquillità, cosa che del resto provano ancora gli abitanti della vicina Pellestrina; un elemento comunque che ci riporta al significato di cinta muraria anche se, nello specifico, va associato alla difesa da elementi fisici.
Un'opera che ... avrebbe dovuto assumere una notevole rilevanza in termini di valore culturale, ma che di fatto ... venne in gran parte demolita. L'attuale stato di abbandono - se si fa eccezione per il tratto a ridosso della diga del porto di Chioggia ancora in discrete condizioni - ha ridotto i murazzi a una incerta traccia sbocconcellata. E' pur vero che da tempo non assolvevano più alle funzioni per i quali furono costruiti ... apparendo quindi come una appendice ingombrante e scomoda, uno spazio perso, per chi ha preferito la speculazione dell'arenile ma il degrado e l'assoluta incuria che li contraddistinguono agli occhi di quanti hanno sensibilità e cultura, rappresentano un torto a cui si dovrebbe porre riparo.
Con il significato funzionale e con quello culturale, quanto è rimasto ha smarrito anche il tratto del profilo originario così ... l'espansione urbana deborda dai murazzi (negli anni 50) e con ciò inizia l'agonia e poi la morte di questo 'monumento' : una testimonianza da rivalutare in termini di cognizione culturale soprattutto
quando la si confronti con le nuove, spesso scadenti espressioni del Lido di Sottomarina."

Zunica l è masa critico secondo mi e ve spiego el parké : te la topografia e toponomastica urbana de Sotomarina cuei ca stava sota l muraso i jera i pì desfortunà, i pì poareti de tuti, i sabionanti ke i stava in caxe senpre in onbria, umide e frede, parkè le jera propio cuee sota i 4 metri de muraso. Ghe se malava i fioli de tubercoloxi e gnanca luri no i stava granké ben a fare kel mestiere là , ke l jera el pezo de tuti, i ortolani a confronto i jera dei signori. Par cueo ke co va zo el muraso a te i vedi , in tserte fotografie de l epoca, a far festa col fiasco de vin n man, desora dei ruinasi, tuti contenti come se i i ghese molà da la prexòn.. i è le foto dei ani 50 a punto, e te te imajini ke i lo fa volentieri kel salto fòra dal muraso par cascare te i favoloxi ani 60, cuei de la nova Sotomarina, de la espansione urbanistica (selvadega), de l progreso, de l turixmo balneare ( lori ke gnanca no i ghe ndava al mare fare el bagno!) de i nòvi mistièri da inventarse.
Po' no xe vero ke no i lo dòpara pì el muraso : i ghe mete i vaxi da fiori, i tapeti a sùgare, i ghe porta i càn fare i so bixogneti, i ghe se senta desora a ciacolare, a xmoroxare, a farse 'e càne.. a Sanfelice i va ciapare el sole, a pescare, a xmoroxare e denovo farse le càne. Po' i ghe scrive desora on mucio de asurdità, cualkedun anca dee poexie ( asurde anca cuee). E cusì, te po senpre sentarte n mezo a la dexolatsiòn e vardare le barke ca torna endrio al porto e i corcai ke ghe fa ala dintorno come el velo de na spoxa, dixe el poeta. O anca i laori de l Mòxe come ke i và vanti.

Immagine

Immagine

Immagine

po' te ghe dè n ociadina anca LA LOVA

Immagine
ke via par là prima de ciamarse San Felice se ciamava LOVA : el Castèo de la Lova.

Immagine
L Augusta Zennaro drio tornar da la pesca e

Immagine
la Bruno Zennaro, ca ghe va drio.
( o xela senpre cuela? ke i è zemèle :D )
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1757
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: I Muràsi : Pitura freska

Messaggioda Sixara » lun dic 22, 2014 7:36 pm

Ndemo far festa a i muràsi :D
https://www.youtube.com/watch?v=6DCkPHXLo0U

a macarse i òsi so i sàsi - siùrai - scavesài -
ke nisùni ne vòe più..

Music by Cristiano VERARDO / Lyrics by SKARDY

Refrain: Ndemo far festa ai murassi
a macarse i ossi sui sassi
fatti come rovinassi
che nissuni ne vol più

E ndemo ai murassi, si'lurai
che nissuni ne vol più

Varda calà par tera destirà
varda staltro 'se anda copà
varda cuea che bala 'la 'se me'sa inbriaga
altro che inbriaga la ga 'na bronsa inpissada

Babilonia 'se cro'lada
l'opression 'se finalmente eliminada
Babilonia 'se cro'lada, Babilonia soterada
e chi la ga voesta, so mare sfondrada

Refrain:

E ndemo ai murassi, silurai
che nissuni ne vol più.

Fatti, sconvolti, desfi, rovinai
che nissuni ne vol più.
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1757
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: I Muràsi (de Sotomarina) : na 'metafora' da scavalcare

Messaggioda Sixara » mer dic 24, 2014 4:49 pm

I murazzi : una 'metafora' da travalicare
G.Rotondi

I murasi no i serve pì parké a partire da la fine de l 800 a se scumitsia pensare de costruire dei moli, de le dighe foranee par catarghe na soluzhion, na olta par tute, a la costion de la boca de porto de Cioxa, la pì trascurà a confronti de cuée de l Lido e Malamòco.

Si progettarono e realizzarono due moli aggettanti con direzione verso levante ... rispettivamente da Caroman e S.Felice, di 1560 m. quello a nord e 1420 quello sud, che dovevano separare un canale ampio 550 m. (...) Considerato che ... il settore risente dei venti del primo e secondo quadrante, questi ultimi paralleli alla linea di riva e con un fetch di 800 km, ne discende che il trasporto (dei sedimenti) netto lungo la riva si muove da sud verso nord. Il vettore di alimentazione proveniente da sud trova, in condizioni normali, lo sbarramento della diga, il che ha determinato un'ampia falcatura di raccordo. Di fatto si è verificata una protrazione di spiaggia lunga 500 m ; si tenga presente - per quanto attiene alla velocità di avanzamento di questa falcatura - che la costruzione dei moli foranei ebbe inizio nel 1911 e che nel 1931 il molo sud non era ancora del tutto completato.
(...) Nasce un amplissimo arenile, compare la sabbia e si scopre la vocazione balneare di questo paraggio.

Elora, tuti al mare!
G. Rotondi l è on fià manco critico de Zunica tei confronti de l abatimento del muraso:

(...) Ancora una volta i percorsi di Chioggia e Sottomarina si divaricano, a perpetuare la storica dicotomia che le accompagna. L'una, più refrattaria ai nuovi eventi, sembra subirli in modo passivo, l'altra non si ritrova più nella conformazione e nelle dimensioni che la natura, il tempo e l'uomo le avevano assegnato.
La costruzione, innescata dall'uomo e operata dalla natura (...) ben si coglie nel vistoso avanzamento della linea di riva. Un processo la cui celerità e l'intensità rendono oggettivamente difficile immaginare che, fino a non molti decenni prima, proprio lì dove insiste la traccia riferita ai murazzi era mare, un mare aperto che poteva costituire un pericolo incombente. ... Passato il pericolo, venuta meno la sua ragione d'essere, del murazzo si dimentica velocemente la secolare utilità e deve essere abbattuto, perché oltre ad apparire un vincolo fisico, avrebbe cambiato fra l'altro i termini della rendita di posizione.

Ma vàra come ke le canbia le robe: i sabionanti , cuei ca stava sota l muro, nte le caxe umide e frede e scure, cuan ke i ghe buta zo el muraso i se cata co na fortuna pa 'e man, ke kée caxe lì i è stà rivalutà parké le jera fronte strada ke la porta a l longomare e lì a ghè tuti i alloggi pa i turisti. E pensare ke cuan ke i ghe stava lori no i ghea gnan na finestra o poke ca dava so kel lato lì, ke tanto vegnea dentro solo ke de l gran fredo e piòva e caigo. Mai na spièra de sole.
Insoma còsa dovevei fare? Continuare a vivare n mixeria fixica e morale solo ke par farghe on piatsere a le persone colte e sensibili, come ca dixe Zunica, ke le se despiaxe de le conditsion de i murasi come ca te li vedi dèso?

I se ga fato ciapare on fià la man, cuelo xe vero e fra i ani 50-60 i ga fato tanti dani ke ormai no se poe pì tornar endrio, però mi penso ke, pur con tuti i distinguo del caxo, i ghe n ea dirito a spazhi nòvi de vita, lori ke i ghi n 'ea tanto patìo...

Con gli anni 50 ... le esigenze in termini di qualità della vita si accrescono. La parte vecchia viene 'bonificata', le calli sono riordinate e talora rettificate; riprende il processo di verticalizzazione, selvaggia, se pure con una razionalizzazione degli spazi interni. Si aprono nuove terrazze e finestre, questa volta soprattutto dal lato del mare.
(...) Sono momenti che fissano una presa di coscienza della nuova dimensione di marittimità prima negata o quantomeno compressa : un nuovo capitolo si va aprendo e alla stregua di altre località dell'Adriatico, Sottomarina si appresta a ricevere - e a subire - quel turismo balneare sempre più pressante.

Insoma : a Marina i s incorze de verghe el mare!

G.Rotondi, cit. pp.21-30

ke bel posto ke lè la diga : balànsoni i se ciama sti cuà
Immagine
i cala zo le so balànse co le ré e se i è fortunà i se ciapa on pasto de pése..

Immagine

i canbia de colore i maxegni, dipende da la luxe, da l ora, da l sole se l ghè o nò.. bianco-grìxi o roxa-malva .. i ciapa tute le sfumature

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

la luna so la diga: MON-DIGA :D

Immagine
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1757
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm


Torna a Lagoune e lagoustrie venete (pristoria e storia)

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron