On viajo n lagouna

On viajo n lagouna

Messaggioda Sixara » mer dic 10, 2014 1:15 pm

On viajo n lagouna
viewtopic.php?f=177&t=1259
Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... el-mar.jpg


Ma ghè difarenzha fra lagouna e lagoustria ? :?
Dognimodo meto cuà calke foto de la laguna-sud , cuela ke da Cioxa la và fin Venèzhia pa intendarse..

Immagine

Caromàn

Immagine

Pelestrìna

Immagine

Caxoni n laguna

Immagine

El faro ( là n ponta ca no me ricordo come ke la se ciama... indoe ca te ciàpi el tragheto pa pasàre a l lido ...)

Immagine

naltro faro ... ma sto cuà l è roba nostra, tel delta : el faro de l Bacùco :D

Immagine
Ultima modifica di Sixara il mer dic 10, 2014 1:28 pm, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1759
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: On viajo n lagouna

Messaggioda Berto » mer dic 10, 2014 1:28 pm

Sixara ha scritto:Ma ghè difarenzha fra lagouna e lagoustria ? :?
Dognimodo meto cuà calke foto de la laguna-sud , cuela ke da Cioxa la và fin Venèzhia pa intendarse..


Dixem ke ƚa lagouna lè on lago de acoa salsa de mar e ƚa lagoustria on lago de acoa dolçe de fiume, torente, brenta, progno, resorxiva/sorda/sortima o piovana.
So na lagoustria a ghè ƚe piante e i pesi de acoa dolçe e ƚa so acoa ƚa pol bevarar ƚi omani e ƚe bestie, so na ƚagouna a ghè ƚe piante e i pesi de acoa saƚà e ƚe bestie e ƚi omani no ƚi pol bevar ƚa so acoa salsa e prasiò ƚi ga da ndar torse l’acoa dolçe dai fiumi e da ƚe sorxive ente ƚa tera lagoustre.
Par ƚi omani de na ‘olta ƚa lagouna no ƚa jera on bon posto par vivarghe na ƚagoustria anvençe sì e tuti ƚi stansiamenti ke a ghè ente ƚa ƚagouna venet-furlana ƚi xe tuti scuminsià coando ke ƚa tera costiera vanti de esar lagouna ƚa jera lagoustria e drioman ke se alsava l’acoa del mar l’omo el se spostava so ƚe mote-ixle pì alte e ‘l ndava a torse l’acoa dolçe co ƚe barke, bateƚe, gondoƚe endoe ke ancora a ghera ƚa lagoustria.

Vanti ke ƚi fese ƚi acoadoti/acoedoti ƚe xenti de ƚa ƚagouna ƚe dovea ndar torse l’acoa da bevar so ƚe boti, ƚe masteƚe co ƚe barke e pì tardi co ƚi ga scuminsià a portarse ƚe prie e a saƚixar cortexeƚe, canpi e canpeti ƚi ga podesto anca rancurar l’acoa piovana.

Ƚa raixa de lagouna e lagoustria lè ƚa mema:
Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... lacuna.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30707
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: On viajo n lagouna

Messaggioda Sixara » mer dic 10, 2014 1:37 pm

La laguna la se mòve, la lagustria la stà ferma. :idea:
Pelestrìna, par ex. ghe rivava coalke fiume, nò? La pestrìna forse. I è màsa vizhini i 2 nomi pa no verghe gnente ke fare.
E pensare ke ( no me ricordo indoe) a ghevo lèto ke Pellestrina el rìva da pelle-strina, pèle-strinà - incandia - da el sole.
I abitanti de Pelestrina i ga la pèle strinà-bruxà da el sole. :D e da lì el so nome.
L è vera però ca no ghè gnan n àlbore ( o poki) so kel ixola lì.

Sì, l è on paexajo - ncora dèso - indoe ke tuto s inmìsia, tèra e acoa. na olta i ghe caminava sol Luxenzho fra Cioxa e Marina ( o almanco i ghea siè ore pa ndare-vegnere da n ixola a kelaltra); ncora dèso i fà inpresion cuei ke và caparòsoli, ghe basta on paro de stivài alti pa ndar n zherca.
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1759
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: On viajo n lagouna

Messaggioda Berto » mer dic 10, 2014 1:57 pm

Gran parte dei canaƚi de ƚa lagouna ƚi xe ƚi alvei/solki/corsi de i fiumi, fimexeƚi, de ƚe fose/fosone e dei gavini, gavone, ghebi/ghevi de acoa dolçe ke ƚe pasava par ndar al ma col ‘l jera pì bàso.

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... ouna-1.jpg


Lagouna veneta (pristoria e storia)
viewtopic.php?f=177&t=1249

Coeƚ ke xe ancò ƚa lagouna veneta, domiƚa ani endrio ƚa jera tera co paƚùe de acoa dolçe, boski, prà, canpi, viƚaj de ƚe xenti venete co ƚi so troxi, dapò el mar el se ga alsà de do metri e xe sparesti soto l’acoa e el paltan (o mota o melma) i boski, i prà, i canpi, i paexi, ƚe strade, ƚe palù dolçi, i porti ... e ente ƚi secoƚi se ga forma coeƚa ke xe ancò ƚa nostra lagouna veneta dal deltà del Po a Gravo-Trieste.

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... eatego.jpg

Vanti ke ƚi fese ƚi acoadoti/acoedoti ƚe xenti de ƚa ƚagouna ƚe dovea ndar torse l’acoa da bevar co ƚe boti, ƚe masteƚe so ƚe barke e pì tardi co ƚi ga scuminsià a portarse ƚe prie e a saƚixar cortexeƚe, canpi e canpeti ƚi ga podesto anca rancurar l’acoa piovana.

Acoaroƚi venesiani
Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... oaroli.jpg

Posi o mejo çisterne de Venesia
Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... esia-1.jpg
Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... enesia.jpg


http://www.veneziadoc.net/venezialog/la ... o-adeguati

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... ica-04.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30707
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: On viajo n lagouna

Messaggioda Berto » mer dic 10, 2014 2:15 pm

Pensa ke a Gravo a te pol caminar par 2/3 km en mexo al mar verso el xlargo ke a te toki senpre el fondo.

Gravo, Grado, Grau/Grao (etimołoja e storia)
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... ZPak0/edit

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 150024.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 140010.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 260021.jpg


A Gravo ƚe do çexe sepeƚie soto al mar, co lè cresesto o co ‘l se ga alsà de liveƚo, dapò el I secoƚo de ƚi ani cristiani, ƚe xe dedegà a S. Gotardo e a S. Agata ke ƚi xe do santi de ƚi xermani:

Santi cristiani dei migranti xermani ente l’ara veneta:
viewtopic.php?f=24&t=997

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... -Gravo.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30707
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: On viajo n lagouna

Messaggioda Sixara » gio dic 11, 2014 7:25 pm

Altre foto ( verso Venèzhia)

Immagine

Immagine

Luxenzho : canale di navigazione

Immagine

ke i è segnalà da le brìcole - i pài - ca segna tuta la laguna... ma cuanti xeli? Miliàri :D

Miliàri de pài n lagouna.. cofà

Immagine
brìcole da ormeggio

Immagine
brìcole-dehors

Immagine
brìcole-cexiòla

So na brìcola uno el pòe anca inbrìcarse e morirghe tornando endrìo a tuta maneta da la nòte de l Redentor

Immagine

se vedelo, el mazheto de fiori ligà so la bricola? come da naltri - de tèra - ke ogni tanto se vede on ricordo, na memoria de on incidente capità a bordo strada; anca da mònito el dovarìa funzhionare : tante vite perse, par tèra e par mare.

Ma i ghe stà drìo
Immagine
a le so brìcole : i ghe fa anca manoutension

ma tanto serve a gnente ke - tenpo diexàni - e i è bele ke ndà : lì indoe ca ghe bate l onda, lì el palo el deventa senpre pì picinìn finké el se scavezha metà ...

elora bixogna piantarghine de nòvi, de pali

Immagine

Immagine

na lòta ke no la xe mai finia da kel dì ke i se ga méso n testa ke n laguna a se pòe anca vivarghe : ... in quella zona franca fra terra e mare, acque dolci e salse, avvolte tutt'intorno da umide caligini, dove l'uomo si è costruito un nido come gli uccelli acquatici, su un terreno malsicuro e in costante spostamento ..., el scrivea J.Von Schlosser tel 1897.

E solo pochi hanno abbastanza tempo e voglia, e l'animo incline a fantasticherie antiquate, per abbandonarsi all'incanto del paesaggio desolato della laguna.


So na brìcola a se pòe fermarse, anca, sugarse le àe

Immagine

par dopo, riprendere il viaggio.
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1759
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: On viajo n lagouna : J. von Schlosser

Messaggioda Sixara » mer dic 24, 2014 10:37 am

Anca J.von Schlosser, storico de l arte , el ga fato el so Viajo n Lagouna :

Citazioni da
J.Von Schlosser, Venezia e Ferrara 1897, Ed. Corbo & Fiore, Mestre-Venezia, 1979 ( prima trad. in italiano).

Chi scende dalle Alpi Giulie durante un viaggio sul finire dell'estate ... è giunto in quella 'zona franca' fra terra e mare, acque dolci e salse , avvolta tutt'intorno da umide caligini, dove l'uomo si è costruito un nido come gli uccelli acquatici su un terreno malsicuro e in costante spostamento
... e solo pochi hanno abbastanza tempo e voglia e l'animo incline a fantasticherie antiquate, per abbandonarsi all'incanto del paesaggio desolato della laguna e, certo, anche alle sue nebbie portatrici di febbri...
Dalle gore e dagli stagni della laguna morta si esce senza quasi avvedersene nella zona della laguna viva e fluente solcata da innumerevoli vie d'acqua naturali e artificiali ...; dal mare aperto la protegge una serie di scanni, molto estesi in lunghezza, ...attraverso cinque bocche le acque dell'Adriatico penetrano al tempo dell'alta marea nell'interno e si propagano , rivitalizzando l'ambiente , per i canali fittamente ramificati, già una volta paragonati, con una immagine assai felice al sistema arterioso del corpo umano.

Le rive del vertice estremo dell'Adriatico erano per gli antichi una terra meravigliosa. Là, alle sorgenti dell'enigmatico Timavo che irrompendo da tre fenditure nella roccia, precipita dopo una corsa imponente ... nel mare, attraversando boschi in cui, ancora in epoca storica pascolavano mandrie di tori selvatici, gli uri,
sbarcarono un tempo gli Argonauti ... Alle rive del Po fu circoscritta la gentile leggenda di Fetonte, le cui sorelle, tramutate in scuri e alti pioppi, piansero lacrime d'ambra dai riflessi d'oro.

Perché i predecessori ... erano già un popolo civilizzato che esercitava il commercio, l'agricoltura e la navigazione, del tutto dissimile dai suoi turbolenti vicini, i galli attaccabrighe, poco attratti dalle imprese guerresche, erano purtuttavia capaci di maneggiare la spada ... con grande coraggio.

L'aspetto ... di quelle coste era ... 2000 anni fa assai diverso ... Vaste selve – di cui le pinete di Ravenna, Brondolo dietro Chioggia ... e quelle di Belvedere vicino a Grado non sono che ben miseri resti ... si alternavano a pascoli ubertosi, dove si lasciavano galoppare le mandrie dei famosi cavalli veneti ...

Come Venezia nei tempi più remoti, Ravenna era, analogamente agli altri centri di questa regione, un villaggio su palafitte a pianta urbana: le case, per la maggior parte in legno, si reggevano su un basamento di robusti tronchi di larice profondamente confitti nel fondo melmoso ... Le palafitte ... erano familiari alla pianura padana fin dalle epoche più lontane. Resti di abitati di questo genere – oltre che sul lago di Garda e nel minuscolo lago Fimon nei pressi di Vicenza, sono stati ritrovati in gran numero, negli antichi insediamenti... dell'Emilia; qui si tratta delle cosiddette terramare ...
....le campagne intorno al Po erano allora una terra di boschi, dal suolo paludoso e cedevole a causa delle frequenti innondazioni.

Mentre all'epoca veneto-romana la vita si svolgeva di preferenza sul margine costiero della laguna , quest'ultima con tutte le sue isole, entrò nella storia con l'avvento delle invasioni barbariche... allorché questi luoghi iniziarono ad animarsi di nuovi fermenti. Gli abitanti della città sul margine estremo del litorale si rifugiarono... tra le paludi, sulle più sicure isole lagunari... Una nuova vita rigogliosa sorse dunque proprio qui, dove la terra e il mare si compenetrano su un terreno estremamente singolare, per chi è inesperto del posto denso di insidie – come ebbero a sperimentare gli spartani di Cleomene prima e i franchi di Pipino poi, davanti a Rivoalto.
Gran parte dei nuovi immigrati vi si stabilì in modo permanente mischiandosi alle popolazioni indigene ... si disseminarono così nel grembo fecondo della laguna i germi da cui un giorno doveva sbocciare il meraviglioso fiore di Venezia.

Cassiodoro, uno degli ultimi romani, ministro di re Teodorico, ci ha lasciato una bella descrizione ... intorno alle più remote forme di vita di questa regione : ... le casupole costruite su un'area innalzata artificialmente per mezzo di argini e graticciate si rannicchiavano qui come nidi di uccelli acquatici lungo i canali periodicamente gonfiati dalle maree; le agili barche erano poste al riparo.... I veneti di questi insediamenti lagunari impararono ben presto a manovrare le vele con grande perizia sia sull'alto mare che delineava il loro immutabile orizzonte, sia nell'acqua placida dell'interno tra i lidi mantenuti artificialmente; qui i navigli sembravano scivolare su di un fondo erboso fra i campi... L'alzaia trainava cigolando per i canali le chiatte pesanti, cariche del dolce vino istriano di Aquileia destinato al re dei goti a Ravenna. La coltura locale più redditizia erano le saline, il sale la maggiore ricchezza. Imperava ancora l'austerità di costumi degli antichi veneti e una casa era uguale all'altra. In mezzo al caos e alla corruzione della sua epoca, Cassiodoro intravvide un riflesso dell'età dell'oro, in questa comunità democratica di laboriosi marinai e pescatori insensibili alle intemperie, governati da tribuni liberamente eletti, quasi indipendente entro i confini della laguna difficilmente accessibile.

Così era dunque la gente di quelle isole che, insieme ai profughi delle città romane della costa era destinata a far parte dei progenitori di Venezia.
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1759
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: On viajo n lagouna : A similitudine di un corpo humano

Messaggioda Sixara » mer dic 24, 2014 11:00 am

A similitudine di un corpo humano
C.Sabbadino, Opinioni a modo di salvar la laguna in Cessi,1930, p.138

J. von Schlosser co l parla de la 'felice immagine' de figurarse la laguna fa on corpo umano el se riferise a cueo ca dixe el Sabadìn so la laguna:

Questa laguna veramente (...) a similitudine di un corpo humano con testa, bratie e gambe, con il core de dentro, il fegato et il polmone, con la carne, ossa, nervi e vene, è provista del suo viver salutifero. Il capo è il locho dove sono situati li liti; e quella parte verso il mare le bratia, che le dà il vivere; et il cibo sono li porti; le gambe, che 'l tiene saldo in piedi, sono li canali, laghi e recettaculo de acque salse, situati fuori del corpo di mezzo di essa laguna, ne li canedi e verso la terraferma.
Il core è la città di Venetia. Il fegato a mano drita la città di Chiozza. Il polmone sono le contrate di Torcello, Mazorbo e Burano. Le vene sono li canali dentro del corpo di mezzo della laguna. La carne, ossa e nervi, sono li fondi di essa laguna di diverse sorte.
A voler che questo corpo si conservi vivo, bello, sano e gagliardo, fa bisogno conservarlo tutto intiero, con tutti li suoi membri sì interiori come esteriori ....
Il cibo veramente suo debbe esser l'acqua del mare salso, il quale lei ogni sei hore lo riceve, e lo ributa in altre sei come padito, che è le crescentie e le decrescentie del mare, che per li porti van fuori et entrano in quella.
E se ben qualche volta, nel recever del cibo, entra in questo corpo qualche vivanda noiosa, quella poi si patesse mediante la fatica, che è il continuo moto di l'acqua , como sarebbe se ...entrasse in questa laguna materia di quella del mare, che li nocesse; le continue zozane poi in tanto numero lo fa vomitare fuori nel mare.
E perché un corpo che vive ha il fiato che spirando e respirando lo mostra e mantiene in vita gagliardo, così questa laguna ha il continuo motto dell'aere, causato dal flusso e riflusso dell'acqua salsa che, entrando et uscindo fuori per li canali di quella, lo tiene in continuo motto e lo fa buono, e quanto fosse di maggior motto, tanto seria megliore.
... Così si lo aere di questa laguna passa per lochi non infettadi, como lontano da li canedi puzolenti, è aere sano e buono; e se le gambe li sono taliate, sta immobile e si opila, così se li canali, che sono per li canedi, mancassero, il resto staria con poco moto e si opileria.
Dico a dunque che a voler ridur questa laguna in questa buona conditione, el bisogna operar secondo l'ordine infrascritto.

in : Chioggia, Quaderni n.6, 2011, Cristofaro Sabbadino Il sistema laguna a metà Cinquecento,p.230

l àere e le acue. Sìe hore la crese e siè hore la cala : la laguna l è on organixmo vivo ca respira.
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1759
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: On viajo n lagouna

Messaggioda Sixara » lun dic 29, 2014 10:07 am

Berto ha scritto:Vanti ke ƚi fese ƚi acoadoti/acoedoti ƚe xenti de ƚa ƚagouna ƚe dovea ndar torse l’acoa da bevar co ƚe boti, ƚe masteƚe so ƚe barke e pì tardi co ƚi ga scuminsià a portarse ƚe prie e a saƚixar cortexeƚe, canpi e canpeti ƚi ga podesto anca rancurar l’acoa piovana.


Sèto còsa: ke i ghea catà de le vene de acoa dolzhe sota le dune a San Nicolò al Lido ca se riforniva tute le galèe e anca scavando el Canàl Rejo i ghea catà acoa-bòna...
le vien dite sorgenti freatiche, nò propio pozhi costruìi da l òmo co kel sistema lì de rancurare l acoa de la piòva. Ste cuà le jera propio de le falde de acoa ca se jera mucià - dixe W.Dorigo - fra el 400 e l 700 d.C. dopo na staxon longa de piòve.
I ghi nà senpre catà de acoa-bòna sota i monti, le dune, de sabia. Mi credo ke a ghe se formava de le spece de cisterne nadurali.
E si-nò i è le acoe de i vèci fiumi ke le se gà sconte sota la sabia o i limi... :?
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1759
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: On viajo n lagouna

Messaggioda Berto » lun dic 29, 2014 5:39 pm

Anca sto Schlosser el mena la stesa menestra, el te serve col mestolo el medemo/memo/mem/medexemo menestron dei romani, dei barbari e dei refuxà.
J.Von Schlosser, Venezia e Ferrara 1897, Ed. Corbo & Fiore, Mestre-Venezia, 1979 ( prima trad. in italiano).
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30707
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Prossimo

Torna a Lagoune e lagoustrie venete (pristoria e storia)

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron