El mito de Dante Alighieri e del volgar talian

Re: El mito de Dante Alighieri e del volgar talian

Messaggioda Berto » sab dic 28, 2013 11:08 pm

Pensa Sixara ke almanco da on coarto a on terso de łe raixe venete łe xe xermane (de łi secołi mexoevałi), come ca so mexo xerman anca mi e cofà jera mexo xerman anca Dante Alighieri.

Veneto:etimoloja, xenetega e storia
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... =drive_web
Immagine
viewforum.php?f=41

Cognomi dei veneti
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... dLX00/edit
Immagine
Immagine
viewforum.php?f=41

Medhoevo/Mexoevo
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... NHNWM/edit
Immagine
viewforum.php?f=136

Xermani, Germani
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... RIY0E/edit
Immagine
viewtopic.php?f=134&t=524
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El mito de Dante Alighieri e del volgar talian

Messaggioda Berto » dom dic 29, 2013 8:33 am

Berto ha scritto:http://www.accademiadellacrusca.it/it/lingua-italiana/consulenza-linguistica/domande-risposte/lingua-nazionale-ragioni-fiorentino

Lingua nazionale: le ragioni del fiorentino
...
È pacifico che ogni dialetto avrebbe potuto, in linea generale e teorica, assurgere in Italia alla funzione e alla dignità di lingua nazionale, ossia essere adottato come lingua ufficiale da tutti i parlanti quale che fosse la loro parlata originaria. ...


Eco kì el strucon de la jerarkia lengoestega, par li enteletuali lengoisti taliani: li altri dialeti li xe manco degni de coelo ke lè devegnesto lengoa franca del stado onidaro o "nasional".
Eco, mi sento, penso e raxono come li xvisari tiçinexi: el talian lè lomè na lengoa franca e no la ga pì degnetà de tute staltre lengoe; par mi la lengoa veneta lè pì degna de coela taliana.

Par mi la degnetà la xe ligà al sagro e par mi el stado talian nol ga gnaona sagraletà, el sagro lè de l'omo e entel nostro caxo de l'omanetà veneta e la lengoa veneta come lengoa dei veneti lè la lengoa pì sagra ke posa esarghe.
Se consideremo tuto el mal ke ne xe rivà col stado talian no ghe restaria gnanca na fregola de sagraletà, ansi andarisimo soto direti drento l'enferno.

Sti pofasori li ga poco da paciolar, le so argomanse le se sfregola, sfalda e sfanta come la spusa de na merda de vaca ke la se ga secà!
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El mito de Dante Alighieri e del volgar talian

Messaggioda Sixara » dom dic 29, 2013 11:05 am

Berto ha scritto:Pensa Sixara ke almanco da on coarto a on terso de łe raixe venete łe xe xermane (de łi secołi mexoevałi), come ca so mexo xerman anca mi e cofà jera mexo xerman anca Dante Alighieri.


Si, e ke altri tri cuarti? Te dixi mèxo-xermàn, mi tuta intiera; pensa ke memàma, poaréta, la dixea : uh, lè tedesca ke la fiòla.. :mrgreen:
no' sò bèn còsa ke la intendese, ma de sicuro robe tedeske ke no' vojo pì verghe ca fare.
A vojo coltivare el me lato mediteraneo, adriatico, levantino.. :D
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1764
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: El mito de Dante Alighieri e del volgar talian

Messaggioda Berto » mer mar 05, 2014 11:11 pm

Mi anvençe a vojo coltivar łe me raixe venete e ouropee:

Pristoria e raixe ouropee e axiateghe de łe xenti venete - miłara e miłara de ani (miłegni e secołi ougagni e veneto-veneteghi)

viewforum.php?f=134

Carte Coulture
viewtopic.php?f=49&t=532

Carte de storia veneta - da ła pristoria a ła Repiovega Serenisima Veneta
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... xvb2c/edit
Immagine
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El mito de Dante Alighieri e del volgar talian

Messaggioda Berto » mer mar 12, 2014 9:20 pm

Stì ki li xe de li pori ensemenii:

Pronuncia «italiana» e onomastica «d’Italia»

http://forum.accademiadellacrusca.it/fo ... shtml.html

…E potrei fermarmi qui. Ché ai miei venticinque lettori non sarà certo sfuggito dove voglio andare a parare. Ma bando all’ermetismo, e procediamo con ordine. Riporto qui le parole di Luciano Canepàri (‘DiPI’, §0.4, pagg. 18-20), ché meglio di cosí non si può dire: «A parte l’adeguamento ai tempi, pena il ridicolo e l’inutilizzo di quanto «predicato», occorre […] accogliere ciò che fa parte dell’uso normale di tre categorie di persone (scartando le pronunce limitate a usi occasionali, o individuali, e a zone ristrette).

E cioè:
1. Gl’italiani in genere di *cultura* medio-superiore, per quanto riguarda l’accentazione delle parole comuni e dòtte o specialistiche, compresi i nomi classici. Otre a:
2) Gl’italiani centrali di *genuinità* (= assenza d’influssi estranei e di vezzi personali) medio-superiore, per la scelta dei fonemi da usare nelle varie parole. Oltre a:
3. Gli attori, doppiatori, presentatori e annunciatori di *professionalità* medio-superiore, per la distribuzione dei fonemi e per le realizzazioni fonetiche e intonative.

Si tratta, nel secondo caso, delle regioni standardizzanti del Centro d’Italia, in cui il latino s’è trasformato -nei secoli, per uso orale, non scritto- direttamente nelle parlate che mantengono spontaneamente le caratteristiche generali riconosciute come genuine, ovviamente senza le caratteristiche fonetico-tonetiche dialettali, come la «gorgia» […], l’attenuazione […], l’intensificazione […], la sonorizzazione […], lo strascicamento […]…». Ke ensemensa!

E infatti, se si possono considerare criteri per l’ammissibilità/consigliabilità d’una pronuncia (ma anche -mutatis mutandis- d’un costrutto morfo-sintattico, d’un vocabolo, etc.) la sua diffusione (si sa: «error communis facit ius») e la sua organicità (che è generalmente connessa -ma non sempre- all’etimologia) al sistema linguistico in esame, «arcicriterio» è -ovviamente- l’individuazione del sistema linguistico stesso, e cioè: qual è la lingua di cui si tratta e, in subordine, quali sono i parlanti tipo di questa lingua?
Punto.
Sí, «punto», ché, se dovessimo attenerci unicamente a un criterio di diffusione nel territorio nazionale, allora dovrebbe sicuramente ritenersi ammissibile, e.g., la pronuncia lombarda /'bene/ di «bene» (in italiano, /'bEne/) ché -al di là dell’opinione di qualche bischero- i lombardi sono certamente italiani, e di lombardi ce ne sono parecchi milioni.
E invece di tale pronuncia non c’è traccia nemmeno in un dizionario di pronuncia moderno e «liberale» come il DiPI, ché tale pronuncia non ha riscontro nell’Italia centrale.
E cosí, in italiano, «Genova» è «Gènova», «Aci Trezza» è «Aci Trézza», «Trezzo» è «Trézzo» (sorry, Vittorio), «Bembo» è «Bèmbo» (anche se il DiPI «ammette» «Bémbo») […si tranquillizzi, Vittorio: «Mascherpa» è «Maschèrpa» anche in italiano].

Addirittura, benché per «Como» /'kOmo/ l’ancora normativo DOP onestamente segnalasse l’esistenza della pronuncia _locale /'komo/, il DiPI la bolla come «trascurata»… «Et ça n’est pas du tout affreux, mon cher Vittorio!», ché stiamo parlando della «lingua italiana», e non dell’italiano regionale/dialetto ligure, lombardo, etc.
E cosí come sarebbe assurdo, in [dialetto] genovese, pronunciare «Zena» /'zena/ secondo le leggi fonetiche toscane (/*'dzEna/), cosí dirò «Cómo» in comasco, ma «Còmo» in italiano.

E non avrebbe senso offendersi per i comaschi, perché è come se un londinese s’offendesse quando noi diciamo «Londra» /'londra/ per «London» /'lVnd(@)n/.
Ché di «traduzioni», in fondo, (originariamente fiorentine/toscane) di nomi propri italiani si tratta.

Il fatto che, contrariamente a quanto (generalmente) avviene per antroponimi e toponimi stranieri, si scrivano spesso nello stesso modo non deve trarre in inganno: di due «lingue» diverse pur sempre si tratta.

Un bell’esempio è fornito dal cognome napoletano «Esposito»: sarebbe bello, caro Pizzilli, se fosse solo la (prima) «s» a «postalveolarsi»!… Ma è anche la «e» a pronunciarsi intermedia fra [e] e [E] italiani, la «o» tonica a dittongarsi in [o:U], quella atona a trovarsi fra [o] e [O] (e, in pronuncia rapida, a ridursi a [@]); la seconda «s» è qui sorda mentre in italiano/toscano è sonora, e infine «p» e «t» si sonorizzano… Ke demensa!

È per questo che nessun linguista/dizionario segue/potrebbe seguire la sua -pur romantica- «ragione del proprio», e tutti ormai raccomandano pronunce (ragionevolmente) «italianizzate» (per le quali si veda ancora il DiPI) per i forestierismi, e pronunce toscane/centrali in generale. ???

A livello individuale -e ammesso d’esserne veramente capaci!-, possiamo ovviamente sempre decidere d’usare la «cortesia» di «rompere l’armonia» della lingua in cui stiamo parlando per pronunciare un cognome o un toponimo alla maniera «nativa», ma non possiamo aspettarci che questa «nostra» (aristocratica) scelta si trasformi in atteggiamento generalizzato (ki càso se ne frega!).

Interessante, a tal proposito, la recente adozione, nei paesi anglofoni, del mandarino «Beijing» («Pechino») per il tradizionale «Peking» (quest’ultimo piú aderente al cantonese, «bak1ging1»), come se il passaggio di trascrizione da «Wade-Giles» a «pinyin» nella Cina popolare dovesse automaticamente comportare anche una differente «traduzione» in inglese. E ovviamente il risultato (non tonale) /,bei'(d)ZiN/ è ben lungi dall’originale (tonale) «bei3jing1» (per una spiegazione delle trascrizioni utilizzate per mandarino e cantonese si veda ad esempio: http://www.loc.gov/catdir/pinyin/romcover.html e http://www.hku.hk/linguist/lshk/Jyutping/scheme.html).

P.S. Che mi risulti, /'kauzjo/ è l’unica pronuncia possibile di «Causio» in italiano/toscano -quel giornalista avrebbe fatto bene a documentarsi prima di dir bischerate.

Autore : Infarinato - Email : p.matteucci@soton.ac.uk
Inviato il : 06/10/2003 alle 12.14.37

Ma ke càso me ne ciava mi del toscan!
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El mito de Dante Alighieri e del volgar talian

Messaggioda Berto » sab apr 19, 2014 2:54 pm

Sti pori toxati, ke tristesa!

http://www.olimpiadi-italiano.it

Manco mal ke no ghe xe on veneto tra i primi!

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... _logo1.gif
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El mito de Dante Alighieri e del volgar talian

Messaggioda Berto » lun mag 12, 2014 9:41 pm

Veneti endependentisti ke łi prefarise ła łengoa tałiana e łi tradise coeła veneta

viewtopic.php?f=161&t=824
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El mito de Dante Alighieri e del volgar talian

Messaggioda Berto » gio lug 03, 2014 6:08 am

La Divina Commedia in Venessian

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... cellin.jpg

http://www.raixevenete.com/la-divina-co ... -venessian

La Divina Comedia di Dante, magistralmente tradotta in Veneto aulico nel 1875 da Giuseppe Cappelli, va in scena martedì 01 luglio 2014 a San Bonifacio (VR), ore 21:00, presso l’Associazione “In Corte”, in località Villabella n. 4 (distante 1 minuto dal casello autostradale di Soave/San Bonifacio).
Il Corso di Lingua Veneta organizzato dall’Academia de ła Bona Creansa e tenuto dal dott. Alessandro Mocellin volge al termine infatti martedì 01 luglio 2014 con una serata aperta al pubblico: dopo l’iniziale momento della consegna degli attestati di partecipazione ai 19 corsisti, l’evento coronerà la conclusione del corso con una lectura Dantis di una selezione di Canti dell’Inferno tratti dalla Divina Comedia magistralmente tradotta in Veneto aulico nel 1875 da Giuseppe Cappelli e in quest’imperdibile occasione interpretata dal dott. Alessandro Mocellin, che ha già più volte portato quest’iniziativa a livello regionale veneto, sempre con grande soddisfazione da parte degli astanti.
Sarà inoltre ostensa al pubblico una delle rarissime copie originali dell’opera del 1875.
A tutti i presenti sarà fatto dono di un piccolo ricordo della serata.
https://www.facebook.com/events/1507475 ... /?source=1
Alessandro Mocellin
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El mito de Dante Alighieri e del volgar talian

Messaggioda Berto » mar gen 20, 2015 5:54 pm

"No allo studio di Dante nelle scuole. È islamofobo"

Un'associazione vuole abolire la Divina Commedia nelle scuole: "Nel XXVIII canto dell'Inferno si diffama Maometto"

http://www.ilgiornale.it/news/cultura/n ... ok+Interna

Nino Materi - Lun, 19/01/2015 - 18:46

A due settimane da quel maledetto mercoledì 7 gennaio, nelle scuole italiane l'attentato contro Charlie Hebdo rimane una ferita aperta.

Di cui discutere. Magari scontrandosi. Com'è accaduto in un'aula di un istituto tecnico di Faenza, dove una volantino di solidarietà per le vittime di Parigi è stato stracciato da uno studente di fede islamica. Quella che si «combatte» tra i banchi non è una guerra di religione - Bibbia contro Corano -, ma i sintomi di un disagio crescente si notano eccome. I giovani musulmani che frequentano le medie e le superiori nel nostro paese sono aumentati negli ultimi 5 anni di circa il 20%. Anche la nostra sta diventando (e non da oggi) una scuola sempre più multietnica e questo sarebbe positivo in uno Stato che vedesse nella Pubblica Istruzione un'OPA su sui investire in termini di crescita culturale ed educazione civica; ma questo, purtroppo, non è il caso dell'Italia, dove la scuola è da sempre considerata l'ultima ruota del carro.

Sarà per questo che la nostra scuola nel bene (poco) e nel male (tanto) rimane lo specchio fedele di un Paese sempre più afflitto dalla «sindrome del gambero», tra continui passi indietro perfino sul fronte di quelle che dovrebbero essere le nostre più radicate tradizioni in termini di civiltà cattolica. E invece in Parlamento è tutto un fiorire di proposte di segno opposto: come ad esempio il progetto di sostituire l'ora di religione con una nuova materia, Storia delle religione, nel tentativo demagogico di garantire la «par condicio» con le altre fedi. È di pochi giorni fa la notizia di una lettera scritta da vari storici delle religioni per chiedere un tavolo di confronto alla ministra dell'Istruzione, Stefania Giannini «al fine di valutare la possibilità di introdurre la materia da loro insegnata all'interno dell'ordinamento scolastico italiano».

Un'apertura che, fatte salve le buone intenzioni di quanti la auspicano, rischia di generare mostri. Come dimostra l'associazione Gherush92 che chiede di censurare lo studio dei Dante in quanto «discriminatorio e offensivo». Il capolavoro di Dante conterrebbe - a giudizio di Gherush92, cui aderiscono molti docenti - «accenti islamofobici»: «Nel canto 28° dell'Inferno - si legge in articolo del Corriere.it ripreso dal sito studentesco Scuolazoo -, Dante descrive le orrende pene che soffrono i seminatori di discordie, cioè coloro che in vita hanno operato lacerazioni politiche, religiose e familiari. Maometto è rappresentato come uno scismatico e l'Islam come una eresia. Al Profeta è riservata una pena atroce: il suo corpo è spaccato dal mento al deretano in modo che le budella gli pendono dalle gambe, immagine che insulta la cultura islamica. Alì, successore di Maometto, invece, ha la testa spaccata dal mento ai capelli. Nella descrizione di Maometto vengono impiegati termini volgari e immagini raccapriccianti tanto che nella traduzione in arabo della Commedia del filologo Hassan Osman sono stati omessi i versi considerati un'offesa».

Intanto è notizia di ieri che nella Scuola Svizzera di Bergamo l'ora di religione cattolica è stata cancellata: al suo posto si studierà «etica». Una novità che ha sorpreso genitori e Diocesi: «Questa decisione è un clamoroso errore». La Scuola Svizzera è l'unica scuola plurilingue di tutta la Bergamasca (comprende classi medie, elementari, e dell'infanzia) dove una metà degli iscritti è italiani e l'altra metà è straniera. In nome di Dio. Allah permettendo.

Mejo l'etega a l'endotrinamento edeolojego

=============================================================================================================================

https://www.facebook.com/elena.cavallini.16?fref=nf

Dante Alighieri, l'era on toscan e no on talian e l'era de orexene xermana (Alighieri lè on cognome xerman), el jera par l'enpero xerman (sagro-roman-enpero) e no ghe piaxeva el Papa roman e gnanca Roma ... el ga scrito la so opara pì granda en "lengoa volgar" parké no ghe piaxeva el latin anca sel lo cognoseva e el lo dopara come ke jera normal par tuti li xletrani de li so ani. L'opara so "la lengoa volgar" el "De vulgari eloquentia" el la ga scrita en latin.
Aldegheri, Aldighieri, Alighieri
viewtopic.php?f=41&t=1190
El mito de Dante Alighieri e del volgar talian
viewtopic.php?f=176&t=213

Alina a te capiso ma mi no rajono come ti da taliana, mi so veneto e ouropeo e no talian, de li taliani no m'entaresa gnente, li pol "crepare anca tuti" visto l'amor e la creansa ke li ga par naltri veneti. Se li xlameghi li xgosàse tuti mi no faria na piega, no diria ne ai ne bai gnanca se li desfase Roma e el Vatican, se fa par dir ... estremixando e par far capir coanto ke mi (i altri no so) a go a cor sti onti taliani ke li copa la notra xente par ciavarne i skei e par dargheli a li xlameghi ke stermena i cristiani en volta pal mondo.



Scuxame tanto Alina ma a mi del paremogno artestego talian no men ciava on càso! A mi me entaresa del paremogno veneto e ouropeo.


Vanti de xnetar fora la Divina Comedia, cogna prima cavarghe tuti li orori ke a ghè entel Coran, contro ki ke no xe xlamego, ke non vol pì esar xlamego e ke xe apostata ... dapò se podarà reparlaghene. El Coran lè mile olte pexo del Mein Kampf e l’ixlameixmo lè on movimento relijoxo mile olte pexo del nasixmo, lè pien de orori:

Moamed del Coran e Cristo dei Vanxełi
viewtopic.php?f=24&t=1329
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El mito de Dante Alighieri e del volgar talian

Messaggioda Berto » mar gen 20, 2015 7:11 pm

Se Francesco legittima l'islam

Le dichiarazioni rese dal pontefice in Turchia raffigurano una Chiesa cattolica irrimediabilmente persa nel relativismo religioso

http://www.ilgiornale.it/news/politica/ ... 71664.html


Magdi Cristiano Allam - Dom, 30/11/2014 - 10:06

Le dichiarazioni rese da Papa Francesco in Turchia raffigurano una Chiesa cattolica irrimediabilmente persa nel relativismo religioso che la porta a concepire che l'amore per il prossimo, il comandamento nuovo portatoci da Gesù, debba obbligatoriamente tradursi nella legittimazione della religione del prossimo, a prescindere dalla valutazione razionale e critica dei suoi contenuti, incorrendo nell'errore di accomunare e sovrapporre persone e religioni, peccatori e peccato.

Quando il Papa ha giustamente detto «la violenza che cerca una giustificazione religiosa merita la più forte condanna, perché l'Onnipotente è Dio della vita e della pace», dimentica però che il Dio Padre che concepisce gli uomini come figli, che per amore degli uomini si è incarnato in Gesù, il quale ha scelto la croce per redimere l'umanità, non ha nulla a che fare con Allah che considera gli uomini come servi a lui sottomessi, legittimando l'uccisione degli ebrei, dei cristiani, degli apostati, degli infedeli, degli adulteri e degli omosessuali («Instillerò il mio terrore nel cuore degli infedeli; colpiteli sul collo e recidete loro la punta delle dita... I miscredenti avranno il castigo del Fuoco! ... Non siete certo voi che li avete uccisi: è Allah che li ha uccisi» (Sura 8:12-17).
Quando il Papa all'interno della Moschea Blu si è messo a pregare in direzione della Mecca congiuntamente con il Gran Mufti, la massima autorità religiosa islamica turca che gli ha descritto la bontà di alcuni versetti coranici, una preghiera che il Papa ha definito una «adorazione silenziosa», affermando due volte «dobbiamo adorare Dio», ha legittimato la moschea come luogo di culto dove si condividerebbe lo stesso Dio e ha legittimato l'islam come religione di pari valenza del cristianesimo.

Perché il Papa non si fida dei propri vescovi che patiscono sulla loro pelle le atrocità dell'islam, come l'arcivescovo di Mosul, Emil Nona, che in un'intervista all' Avvenire del 12 agosto ha detto «l'islam è una religione diversa da tutte le altre religioni», chiarendo che l'ideologia dei terroristi islamici «è la religione islamica stessa: nel Corano ci sono versetti che dicono di uccidere i cristiani, tutti gli altri infedeli», e sostenendo senza mezzi termini che i terroristi islamici «rappresentano la vera visione dell'islam»?

Quando il Papa intervenendo al «Dipartimento islamico per gli Affari religiosi» ha detto «noi, musulmani e cristiani, siamo depositari di inestimabili tesori spirituali, tra i quali riconosciamo elementi di comunanza, pur vissuti secondo le proprie tradizioni: l'adorazione di Dio misericordioso, il riferimento al patriarca Abramo, la preghiera, l'elemosina, il digiuno...», ha reiterato la tesi del tutto ideologica e infondata delle tre grandi religioni monoteiste, rivelate, abramitiche e del Libro, che di fatto legittima l'islam come religione di pari valore dell'ebraismo e del cristianesimo e, di conseguenza, finisce per delegittimare il cristianesimo dato che l'islam si concepisce come l'unica vera religione, il sigillo della profezia e il compimento della rivelazione.

Così come quando il Papa ha aggiunto che «riconoscere e sviluppare questa comunanza spirituale – attraverso il dialogo interreligioso – ci aiuta anche a promuovere e difendere nella società i valori morali, la pace e la libertà», ha riproposto sia una concezione errata del dialogo, perché concepisce un dialogo tra le religioni mentre il dialogo avviene solo tra le persone e va pertanto contestualizzato nel tempo e nello spazio, sia una visione suicida del dialogo dal momento che il nostro interlocutore, i militanti islamici dediti all'islamizzazione dell'insieme dell'umanità, non riconosce né i valori fondanti della nostra comune umanità né il traguardo della pacifica convivenza tra persone di fedi diverse dall'islam.

Anche quando il Papa ha detto «è fondamentale che i cittadini musulmani, ebrei e cristiani - tanto nelle disposizioni di legge, quanto nella loro effettiva attuazione -, godano dei medesimi diritti e rispettino i medesimi doveri», ci trova assolutamente d'accordo.

A condizione che l'assoluta parità di diritti e doveri concerne le persone, ma non le religioni.
Perché se questa assoluta parità dovesse tradursi nella legittimazione aprioristica e acritica dell'islam, di Allah, del Corano, di Maometto, della sharia, delle moschee, delle scuole coraniche e dei tribunali sharaitici, significherebbe che la Chiesa ha legittimato il proprio carnefice che, sia che vesta il doppiopetto di Erdogan sia che si celi dietro il cappuccio del boia, non vede l'ora di sottometterci all'islam.

magdicristianoallam.it
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

PrecedenteProssimo

Torna a Falsità, manipolazioni e imprecisioni

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite