I cesi de Venesia, na vargogna granda par naltri veneti!

I cesi de Venesia, na vargogna granda par naltri veneti!

Messaggioda Berto » dom set 14, 2014 9:31 am

Saria daromai l’ora ke Venesia e i venesiani łi se fese xente çivil e łi scuminsiàse a metar su, on fia dapartuto, dei boni cèsi par tuta ła bona xente ke vien a vixitarla da tuto el mondo e ke no ła sipia costrenxesta a pisàr e a cagàr en volta par łe całi o sol bordo de łi rii risciando de finirghe drento o sconti ente coalke andron o portego co le braghe calà.
Me aogouro ke Venesia ła se faça çevil a l’ouropea pì ke a ła tałiana e ła ghe sparagne a łi turisti çerti dixaj e çerte dexgràsie.



Se podaria far dei bei cesi a forma de gondoła sparsi longo tuti łi rii, saria rivà lora!

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... e-caga.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... ssent2.jpg

A a coełi ke fa i macaki se ghe taja el bigoło.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31381
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: I cesi de Venesia

Messaggioda Berto » dom set 14, 2014 9:32 am

Ceso, latrina, gabineto, ritiro, caxoto, toilete, bagno

viewtopic.php?f=44&t=582
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31381
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: I cesi de Venesia, na vargogna granda par naltri veneti!

Messaggioda Berto » lun set 15, 2014 6:55 am

Ghe voria pì bidoni par łe scoàse, en volta pa ła çità co on xvodamento pì xwelto.


A Venezia montagne di rifiuti «E non date la colpa ai turisti»
A Rialto un tappeto di bicchieri e bottiglie stile San Marco a Capodanno
http://nuovavenezia.gelocal.it/regione/ ... -1.1331294

Sacchetti lanciati dalle finestre, cestini riempiti di rifiuti domestici, campi ridotti in discarica e accuse contro Veritas. Una domenica mattina in centro storico all'insegna dell'inciviltà, quella di ieri. Su tutto, dopo aver visto quello che ora racconteremo, una considerazione: non provate a dare la colpa ai turisti per le immondizie sparse nei campi, nei campielli e nelle calli...
In un periodo con pochi foresti, le condizioni in cui si trova Venezia sono opera esclusiva dei residenti e di ristoratori che a rispettare le regole non ci pensano proprio.

Ritardo. Ieri Veritas ha ritardato di due ore lo svuotamento dei cestini e lo spazzamento dei masegni, apposta per mostrare cosa affrontano i suoi operatori la domenica mattina, giorno in cui non è prevista la raccolta porta a porta, ma nel quale viene garantito il recupero ad alberghi, bar e ristoranti che pagano dai 20 ai 45 euro per un servizio apposito. Ma sono solo 44 i locali che aderiscono sui 700 schedati nei sestieri dove la differenziata è già partita.

Cestini. Il personale di Veritas esegue lo spazzamento e la sostituzione dei sacchi nei cestini che dovrebbero essere usati per le carte, e che invece vengono trattati alla stregua di veri e propri cassonetti.

Il sopralluogo. Si parte alle 8.45 da piazzale Roma, e già ai Tre Ponti spuntano i primi sacchi con rifiuti prodotti da bar e ristoranti. La scena prosegue in campo Santa Margherita, dove gabbiani e colombi pasteggiano a crostacei dopo aver rotto i sacchi col becco. Non mancano cartoni, piante morte e qualche ingombrante. E poi ci si lamenta per i topi... Al seguito della «comitiva» ci sono anche i vigili del Nucleo ambientale.

Facciatosta. In campo San Barnaba si assiste a una doppia scena da barzelletta: un anziano e una signora, come se nulla fosse, davanti agli stessi vigili aggiungono il loro sacchetto a un cumulo di fronte la chiesa. Ripresi replicano: «Ma ce ne sono già tanti di rifiuti, che problema c'è?». Vai tu a spiegare che il regolamento comunale non prevede l'abbandono della spazzatura in quel modo... In calle Bezzi spuntano poi sacchi pieni di inerti da restauri edili, ma il meglio deve ancora venire.

Dalle finestre. La comitiva si ferma per qualche istante nei pressi di Ca' Dolfin. Un tonfo sordo sorprende tutti da calle Renier: qualcuno ha lanciato un sacco di immondizia dalla finestra del terzo piano. Un altro sacchetto sporge dal davanzale, dovrebbe aggiungersi al primo, ma, visto che ci sono i vigili, il «lanciatore» desiste. Gli agenti si attaccano al campanello, ma nessuno risponde. Così i vigili prendono nota, fotografano e nei prossimi giorni torneranno: «Garantito».

Campo di battaglia. Il giro prosegue per San Tomà e San Polo, la musica non cambia. A Rialto campo San Giacometto è una discarica. Centinaia di bicchieri in plastica, bottiglie rotte e rifiuti - perfino nella fontana - sono un segno di degrado che Venezia non si può permettere. Sembra di vedere piazza San Marco nelle nefaste immagini del dopo-capodanno. «E' così tutte le mattine», assicurano quelli di Veritas. Poco distante c'è il pontile del mercato di Rialto. Accanto c'è di tutto. Una tanica con scritte in cinese piena di olio esausto, mobili e immondizia di ogni genere. Si replica a Santa Fosca, dove non mancano neppure cuscini, amianto e inerti.

Proteste. Ultima tappa il mercato di Cannaregio. «Vergognatevi - dicono alcuni veneziani ai responsabili di Veritas dopo essere stati redarguiti per aver gettato sul montarone un sacchetto pieno -. Noi i rifiuti in casa non li teniamo. La nostra è civiltà».


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... esiane.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... ifiuti.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31381
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: I cesi de Venesia, na vargogna granda par naltri veneti!

Messaggioda Berto » mer set 17, 2014 7:51 am

I servizi igienici pubblici a Venezia

http://www.venicebanana.com/servizi_igi ... nezia.html

I servizi igienici pubblici a Venezia sono gestiti da Veritas S.p.A. (Venezia Servizi Territoriali Ambientali) tranne quelli della Stazione Ferroviaria di S. Lucia.
I servizi igienici sono aperti tutto l'anno e sono così distribuiti:
-11 strutture si trovano nel centro storico di Venezia,
- 6 nelle isole dell'estuario,
- 3 in terraferma.
La tariffa di ingresso è di 1,00 €. Per le persone con disabilità l'utilizzo dei servizi igienici è gratuito nelle strutture presidiate.

Le persone con disabilità e gli ultrasessantenni residenti nel territorio del Comune di Venezia possono utilizzare gratuitamente i servizi igienici acquistando la tessera magnetica denominata WC Card, al costo di 3,10 €.

Per ottenere la WC Card bisogna recarsi (con un documento di identità valido) presso il Centro VESTA, a Santa Croce 489 nei pressi di piazzale Roma dietro il parkeggio S.Andrea.Gli uffici sono aperti dal lunedì al venerdì - 8.30 - 12.30. Tel. 041 / 729 1111.

http://venicewiki.org/wiki/Mappa_dei_Bagni_Pubblici


Immagine
http://www.ilcerchiovenezia.it/?q=conte ... ooperativa
Immagine

http://www.tripadvisor.it/ShowTopic-g18 ... eneto.html
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31381
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: I cesi de Venesia, na vargogna granda par naltri veneti!

Messaggioda Sixara » mer set 17, 2014 8:48 am

Berto ha scritto:Le persone con disabilità e gli ultrasessantenni residenti nel territorio del Comune di Venezia possono utilizzare gratuitamente i servizi igienici acquistando la tessera magnetica denominata WC Card, al costo di 3,10 €.

E cuei ke gà manco de sesantàni 'sa fài? I paga on euro ogni volta?

Na olta a Venèsia el problema i lo risolvea cusì

Immagine

propio lì tel canton, indoe ca te vegnarìa cusì comodo de metarte zo a fare le to robe... :lol:
on bel sènto de pièra ( ke magari uno el pensa : ma vàra ke bravi i venesiàni ke cusì me sento e me ponso...).

A Venèsia i pòe vergognarse : no te pòi jestire el pasajo de 25-30 MILIONI de turisti l àno co 11 cèsi publici. Ghìo prexente 25 milioni de persone ke ràsa de montagna de scoàse ke i è n grado de prodùre?
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1762
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm


Torna a Anbiente

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite