25 ani de Lega e de Liga cosa ne gałi portà?

25 ani de Lega e de Liga cosa ne gałi portà?

Messaggioda Berto » lun nov 02, 2015 10:27 pm

25 ani de Lega e de Liga cosa ne gałi portà?
viewtopic.php?f=139&t=1945
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: 25 ani de Lega e de Liga cosa ne gałi portà?

Messaggioda Berto » lun nov 02, 2015 10:29 pm

En 25 ani de Lega sa ghemo vesto o vudo naltri veneti?

Ghemo vesto l’endependensa ? NO
Ghemo vudo l’aotonomia ? NO
Ghemo vesto magari lomè ke na scianta de aotonomia? NO

Ghemo forse pì democrasia? NO
Ghemo magari na sciantina de pì demograsia direta? NO
Ghemo en xeneral pì soranetà par i çitadini? NO

Ghemo manco magnarie a Roma e ente ła Tałia? NO
Ghemo de łi połedeghi pì onesti e responsabiłi? NO
Ghemo on stato kel gà pì creansa par tuti i çitadini? NO
Ghemo on stado tałian ke recognose e respeta el povoło veneto? NO

Ghemo na justisia statal pì justa co manco tramaci e robarie de judeçi e avogadi? NO
Ghemo na asistensa sanedarà mejo? NO
Ghemo on sistema de pension mejo? NO
Ghemo na economia mejo? NO
Ghemo pì laoro? NO

Ghemo pì lebartà? NO
Ghemo manco peoci (parasidi) e ladri? NO
Ghemo manco spreki, malversasion e corousion? NO
Ghemo banke, borsa e finansa ke no łe ne deroba? NO
Ghemo manco banditi en volta ke roba e copa? NO
Ghemo n’aministrasion piovega ke ła funsiona mejo e pì responsabiłe? NO

Ghemo łe scołe pioveghe ke entel Veneto le ne ensegna ła storia e ła łengoa veneta? NO
Ghemo łe aministrasion pioveghe ke entel Veneto le parla anca veneto? NO
Ghemo i cartełi stradałi anca en łengoa veneta? NO
Ghemo łe cexe catołeghe ke le fa łe so funsion anca en łengoa veneta? NO

Ghemo pì speransa par el diman de i nostri fiołi e nevodi? NO
Ghemo na coałetà de vida pì arente de coeła de i paexi ouropei nordeghi? NO
Ghemo n’anbiente pì neto, pì curà? NO
Ghemo comounedà omane endove ła xente ła se varda e ła se trata co pì fradernetà? NO
Ghemo de łe strade ke le pol traversar sensa risciar de esar copà? NO

Li połedeghi leghisti veneti xełi stasti on bon somexo de galantomeni e brai a servir ła so tera e ła so xente veneta o xełi stà na banda de ladroni come tuti staltri?


Ma en 25 ani, cosa ne gavariseła portà de ben e de bon sta Lega-Liga?
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: 25 ani de Lega e de Liga cosa ne gałi portà?

Messaggioda Berto » lun nov 02, 2015 10:30 pm

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: 25 ani de Lega e de Liga cosa ne gałi portà?

Messaggioda Berto » lun nov 02, 2015 10:39 pm

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... e-Xaia.jpg


Corousion tałiana entel Veneto - CVenesia Nova e Abano
viewtopic.php?f=22&t=881
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: 25 ani de Lega e de Liga cosa ne gałi portà?

Messaggioda Berto » lun nov 02, 2015 10:39 pm

Casta veneta e omani casta, fanfaroni, połedeganti
viewtopic.php?f=22&t=32

Xaia el leghista (ke par mi lè on fanfaron e casta)
viewtopic.php?f=126&t=1647

Çitadeła Festa dei Veneti e Festa de ła Lega
viewtopic.php?f=126&t=1856

Davide Guiotto, ła łengoa veneta e łe glorie de Venesia
viewtopic.php?f=126&t=1588

I veneti venesianisti ke łi nega e falba ła storia veneta
viewtopic.php?f=148&t=1831
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: 25 ani de Lega e de Liga cosa ne gałi portà?

Messaggioda Berto » gio mar 03, 2016 6:26 am

Lega, chiude la scuola Bosina di Varese fondata dalla moglie di Bossi
Alessandro Giuliani Venerdì, 12 Settembre 2014

http://www.tecnicadellascuola.it/archiv ... bossi.html

Con l’avvio del nuovo anno, la scuola ha ufficialmente sospeso le lezioni per l’elevata situazione debitoria. Entro fine mese la nomina di un liquidatore.

Per più di qualcuno era uno dei simboli della prima Lega, quella contrassegnata da Umberto Bossi. Tanto è vero che con l’eclissi de sanatur si è andato man mano “scolorendo”. Stiamo parlando della scuola Bosina di Varese, nata nel 1998 da un progetto educativo in area leghista promosso da Manuela Marrone, moglie proprio di Umberto Bossi: che con l’avvio del nuovo anno scolastico 2014/15, la scuola ha ufficialmente sospeso le lezioni. E di fatto ha chiuso in attesa della nomina di un liquidatore, entro fine mese.

Per i gestori dell’istituto non statale la situazione, spiega l’Ansa, era diventata praticamente insostenibile “dopo aver preso atto dell'elevata situazione debitoria”. Così, “il nuovo anno scolastico non partirà nemmeno per le classi quarta-quinta elementare e terza media, per le quali la scorsa settimana si era deciso che avrebbero lavorato alcune insegnanti a titolo volontario: dopo questa decisione, infatti, la gran parte dei genitori dei bambini rimasti iscritti ha deciso di cambiare scuola per avere certezze. Ora il cda della Bosina, di cui fa parte anche la signora Bossi, metterà in liquidazione la società per ripianare i debiti e cercare eventuali finanziamenti per un nuovo progetto educativo per i prossimi anni scolastici”.



Matteo Salvini, lo smemorato della Bosina
Mariano Leone - dic 10, 2015

http://www.ilquotidianoitaliano.com/com ... 89197.html

Salvini, lo smemorato padano. Non vale solo per Matteo il leghista, ma fare politica oggi significa prodursi in dichiarazioni di fuoco nei dibattiti televisivi. Ma solo questo. I nostri rappresentanti politici appaiono come nati ieri, complice di questo atteggiamento c’è una classe giornalistica completamente asservita.

Dopo il fallimento o salvataggio, come preferite, tanto è la stessa cosa, delle quattro banche, e l’evento drammatico del suicidio di quel poveretto cliente di queste banche, il nostro Matteo Salvini si è esibito in una vibrante accusa contro la Banca d’Italia e contro i responsabili di mancato controllo in una trasmissione: L’Aria che Tira su La7.

Per la verità me lo sono perso, me lo hanno solo raccontato ma soprattutto ormai sono in grado di prevedere le argomentazioni di tutto il circo dei politici che gira intorno alle trasmissioni televisive. Sono sempre gli stessi e dicono le stesse cose.

Non esiste un minimo filtro di informazione decente, perché non esiste una categoria giornalistica decente. Queste rubriche televisive sono diventate l’ufficio stampa dei politici grazie anche ai giornalisti che hanno come ambizione professionale quella di essere assunti negli uffici stampa della classe politica o degli enti di governo periferici.

Torniamo al nostro Matteo Salvini. Nessuno gli ha ricordato il dissesto della banca leghista, la Banca popolare Credieuronord. Sì! Quella che finanziava la scuola leghista di Bosina fondata dalla moglie di Bossi e presieduta dall’ex senatore leghista Dario Galli (800 mila euro di finanziamento, se ricordo bene).

Capisco che il tempo annulla la memoria e le responsabilità ma chi gli porge il microfono dovrebbe almeno essere informato. Se il tempo ha cancellato tutto, almeno fare uno sforzo per ricordare gli accadimenti di un anno fa. Alla vibrante appassionata protesta del nostro europarlamentare leghista bisognava almeno replicare che, non un secolo fa, ma il 15 Aprile del 2014 lui stesso non si è opposto alla direttiva europea che oggi ha causato l’azzeramento delle azioni ed obbligazioni delle 4 banche. Quella direttiva a favore delle norme europee avrebbe colpito creditori. Anzi più realisticamente i piccoli creditori. La differenza tra ricchi e poveri esiste anche nei risparmiatori. I più ricchi si salvano ed i piccoli pagano il conto. Salvini c’era o almeno era pagato per stare in quel parlamento. Anche lui si è adeguato come nel caso della Banca Leghista al saggio principio di Ettore Petrolini rilevatosi fine economista: “I soldi bisogna prenderli ai poveri, ce ne hanno pochi ma sono tanti”. Se poi questi poveri ti votano tanto meglio. Oggi è implacabile. Ieri si astenne. Il segretario della Lega, Matteo Salvini, chiama in causa la Banca d’Italia e accusa “chi avrebbe dovuto controllare” nella vicenda del dissesto delle 4 banche salvate da un decreto del governo. “Non si capisce cosa faccia la Banca d’Italia – ha detto Salvini durante una puntata di L’Aria che tira su La7 -. E’ la banca d’Italia, e quelli che ci lavorano super pagati, che dovrebbe vigilare, capire che in Monte dei Paschi, in Banca dell’Etruria forse qualcosa che non va. Dovrebbero pagare anche economicamente e personalmente – ha aggiunto Salvini – se io fossi controllore di una scuola e ne avessi la responsabilità, se crollasse il soffitto della scuola in testa ai bambini, cosa faccio, faccio pagare i bambini che non hanno vigilato? Sono io che vado in galera. Quindi Visco – ha concluso Salvini – dovrebbe rispondere di tasca sua”.



Scandalo Lega - La scuola mangiasoldi. I conti in rosso della Bosina di Varese l’istituto privato di Manuela Marrone (in Bossi)
di Vittorio Malagutti da il Fatto quotidiano

http://www.infonodo.org/node/32063

Manuela Marrone, la moglie del capo, di Umberto Bossi, se l'è inventata nel 1998. A lei, alla first sciura della Lega, proprio non andava giù la riforma delle elementari. Troppe insegnanti per classe, diceva. Maestra unica. Quello che ci vuole è la maestra unica, predicava la signora Bossi, pure lei maestra, ma baby pensionata a 39 anni. E allora ecco la scuola Bosina, per “un’educazione nel segno della tradizione”, recita lo spot. Sede a Varese, naturalmente, la vera capitale della Padania. È cresciuto a tutta velocità l’istituto lumbard. Nasce come scuola dell’infanzia, il vecchio asilo. A seguire arrivano le elementari, poi più di recente le medie. E, infine, dal 2010 c’è posto perfino per un liceo linguistico, perché il dialetto è bello, ma l’inglese serve.

UN SUCCESSONE: gli iscritti sono più di 300, si è vantato a suo tempo Dario Specchiarelli, il presidente della cooperativa che gestisce la scuola. Solo che adesso si scopre che il fiore all’o c ch i e llo dell’educazione leghista è stato generosamente innaffiato con i soldi pubblici. Fossero solo quelli delle cosiddette “leggi mancia”, i fondi stanziati ogni anno dal Parlamento per accontentare le più disparate richieste di deputati e senatori. Di questo già si sapeva e molto se n’è scritto in passato. Peggio, ancora peggio. Un fiume di denaro, quello dei finanziamenti pubblici ai partiti, è stato dirottato negli anni dalle casse della Lega a quelle dell’istituto fondato dalla signora Bossi. Ne parlano al telefono l’ex tesoriere lumbard Francesco Belsito e la segretaria amministrativa Nadia Dagrada. Nei loro incauti colloqui intercettati dagli investigatori i due dirigenti leghisti hanno alzato il velo sulla contabilità nera del partito. Ce n’è per tutti. Anche per la scuola Bosina. La coppia dà i numeri: un milione e mezzo di mutuo arrivano da Pontidafin, la finanziaria della Lega, che si sommano a un altro obolo da 300 mila euro. Ancora non basta, perché secondo quanto ricostruito dai carabinieri, i coniugi Bossi avevano chiesto a Belsito di mettere da parte un altro milione da destinare all’istituto varesino. Certo adesso servono le prove. Servono riscontri di fatto agli sfoghi telefonici dei due capataz leghisti che tirano in ballo la creatura di Manuela Marrone. Parole in libertà? Deliri di una coppia sull’orlo di una crisi di nervi? Può darsi. Di certo i conti della scuola Bosina, quelli ufficiali, quelli disponibili al pubblico, sembrano fatti apposta per alimentare sospetti. Prendiamo il bilancio del 2010, l’ultimo depositato dalla cooperativa di cui risultano amministratori oltre al presidente Specchiarelli, anche la signora Bossi e Dario Galli, il presidente della Provincia di Varese di fedelissimo di Bobo Maroni nonché consigliere del gruppo pubblico Finmeccanica. Alla voce “ricavi delle vendite e prestazioni”, che poi sarebbero le rette pagate dagli studenti, c’è scritto “z e ro ”. Proprio così, niente di niente. Eppure l’anno prima la stessa voce ammontava a oltre 400 mila euro. In compenso, spuntano oltre 500 mila euro iscritti a bilancio come non meglio precisati “ricavi altri”, circa 100 mila in meno di quelli registrati nel 2009. Come dire che, stando a queste cifre, nel 2010 la scuola Bosina sarebbe riuscita a incassare solo 500 mila euro contro il milione e passa dell’anno precedente. Solo che nel frattempo le spese sono addirittura aumentate: 1,3 milioni nel 2010 contro 1,1 milioni nel 2009. E tra i costi vanno segnalati quelli per imprecisati “ser vizi”, che nel 2010 sono addirittura esplosi (c’è scritto in bilancio) a 748 mila euro dai 300 mila del 2009.

SE I NUMERI sono questi, la Bosina se la passa veramente male. E infatti l’istituto tanto caro all’ex maestra Manuela Marrone ha chiuso il 2010 con una perdita di otre 800 mila euro, quasi il doppio delle entrate. Per tenere in piedi la baracca serve denaro fresco. Ed ecco che, sempre nel 2010, compare un debito di quasi 1,5 milioni. Nel documento non si spiega da dove siano arrivati questi soldi. È stata Pontidafin, la finanziaria della Lega, a correre in soccorso della scuola? Mistero. Il bilancio della coop leghista non è davvero un monumento alla trasparenza. Una dozzina di paginette in tutto, senza lo straccio di una nota che spieghi le singole voci. L’unico fatto certo è che la scuola Bosina si è mangiata un sacco di soldi. Soldi anche nostri, dicono gli atti d’indagine. Soldi gestiti dalla signora Marrone in Bossi. Quella che voleva “l’educazione nel segno della tradizione”.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: 25 ani de Lega e de Liga cosa ne gałi portà?

Messaggioda Berto » gio mar 03, 2016 6:30 am

Casta padana (de łi połedeganti tałego padani)
viewtopic.php?f=22&t=31


Sanità e mazzette nella Lega di Maroni
In manette 21 persone. C’è il consigliere regionale Rizzi vicino al governatore.
INTERCETTAZIONI "Tu fatti un preventivo. Il romano non vincerà"
17/02/2016
CORRUZIONE E POLITICA

http://www.iltempo.it/cronache/2016/02/ ... -1.1509936

Bufera giudiziaria in Lombardia. In manette 21 persone, tra le quali il braccio destro del governatore Roberto Maroni, l’ex senatore e consigliere regionale leghista Fabio Rizzi, "padre" della riforma sanitaria lombarda, e Mario Longo, del suo staff. Nei confronti di tutti sono ipotizzati, a vario titolo e secondo le posizioni, i reati di associazione per delinquere, corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio e per un atto dell’ufficio, turbata libertà degli incanti e riciclaggio.

L’indagine è del Nucleo investigativo dei carabinieri di Milano che, col coordinamento della Procura della Repubblica, ha smantellato una presunta associazione che avrebbe avuto lo scopo di far incassare appalti nella sanità all'imprenditrice Maria Paola Canegrati, cui è riconducibile la società Odontoquality. Stando all’accusa, gli indagati avrebbero avuto dei ruoli ben definiti. La Canegrati, per esempio, sarebbe stata il «capo e promotore dell’organizzazione, nella sua qualità di amministratrice di diritto e di fatto di un complesso sistema societario attivo nel campo dell’odontoiatria e ortodonzia», avrebbe procurato «attraverso turbative d’asta, la corruzione degli associati Longo e Rizzi e la corruzione dei funzionari pubblici preposti alla gestione dei servizi di odontoiatria affidati in service ai privati dalle singole aziende ospedaliere e alla fornitura del materiale odontoiatrico e ortodontico per i medesimi servizi». Rizzi e Longo, anche loro presunti «promotori dell’organizzazione» avrebbero utilizzato la loro posizione istituzionale per favorire l’imprenditrice. In particolare, Rizzi - quale primo consigliere regionale della Lombardia e presidente della commissione Sanità - e Longo «inducevano i funzionari pubblici preposti alla gestione dei servizi di odontoiatria e alle forniture odontoiatriche delle aziende ospedaliere della Regione, nonché gli amministratori delle strutture private e convenzionate con la Regione, a favorire nell’indizione delle gare d’appalto o nella scelta del contraente privato le società riconducibili alla Canegrati». Sulla vicenda è intervenuto lo stesso governatore Maroni: «Non vogliamo coprire nessuno, non abbiamo nessuno da difendere. Se qualcuno ha sbagliato, pagherà, chiunque sia. Sono molto incazzato, subito una commissione ispettiva». Contro chi chiede le dimissioni di Maroni, interviene l’ex ministro Maurizio Lupi: «Meno che mai l’indagine su un componente della maggioranza del Consiglio regionale può comportare le dimissioni del presidente. Maroni ha tutto il nostro sostegno nel portare avanti l’esperienza d’eccellenza del Governo che un centrodestra unito ha assicurato da più legislature alla Regione Lombardia».
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: 25 ani de Lega e de Liga cosa ne gałi portà?

Messaggioda Berto » mar mar 29, 2016 10:27 pm

Le case popolari agli italiani Padova dice stop agli stranieri
Nadia Muratore - Dom, 27/03/2016

http://www.ilgiornale.it/news/politica/ ... 39785.html

Otto punti in più a chi risiede a Padova da almeno vent'anni. È bastata questa semplice clausola nell'assegnazione delle case popolari per ottenere, come dice lo stesso sindaco leghista Massimo Bitonci: «Più controlli sugli stranieri che vivono in città, evitando anche la loro concentrazione in determinati quartieri.

Inoltre, attraverso questo punteggio che privilegia i padovani, riusciamo ad aiutare in maniera concreta i concittadini che fanno fatica ad arrivare a fine mese. Basta stranieri - sottolinea Bitonci - adesso bisogna aiutare gli italiani». Una piccola rivoluzione, quella del primo cittadino del Carroccio, che proprio in questi giorni ha già dato i suoi frutti, assegnando la maggioranza degli alloggi a famiglie padovane. Fatto, questo, che non si verificava da almeno quattro anni, anzi, da allora i beneficiari italiani sono raddoppiati, ribaltando così quanto accadeva nelle precedenti amministrazioni. «Abbiamo finalmente raggiunto lo scopo prefissato in campagna elettorale con lo slogan Prima i padovani sottolinea Bitonci -. Proprio in questi giorni stiamo consegnando le prime abitazioni a concittadini che da un decennio avevano fatto domanda, ma erano sempre stati scavalcati dagli ultimi arrivati, per la maggior parte stranieri. Si può tranquillamente dire che, con l'introduzione del criterio della padovanità, abbiamo ristabilito quella giustizia sociale che non era più garantita da troppo tempo precisa il sindaco , riservando maggiore attenzione ai nostri disoccupati, alle nostre famiglie in difficoltà e ai nostri anziani con la pensione minima». Il parametro dell'anzianità di residenza prevede l'attribuzione di otto punti in più a chi abita in città da almeno 20 anni, quattro per i residenti da almeno 15 e due punti in più a chi risiede nel capoluogo da almeno dieci anni. Gli effetti del «bonus Bitonci», parlano attraverso i numeri: in risposta al bando Erp (Edilizia residenziale pubblica) dell'anno scorso, sono arrivate 1.578 domande. Di queste, 188 sono state escluse per irregolarità. Delle mille 390 accolte, soltanto 280 sono state esaudite, dando un'abitazione a chi ne aveva fatto richiesta. Fin qui niente di particolare, ma la sorpresa arriva nell'accertare che il 63,9% - ossia 179 persone - è cittadino italiano, mentre il restante 36,1% - 101 richiedente - è straniero. Insomma, un trend diametralmente opposto rispetto a quello, ad esempio, del 2012, quando il sindaco era il piddino Flavio Zanonato. Allora, furono mille 959 le domande presentare, di cui 242 vennero escluse. Tra le mille 717 accolte, appena 241 vennero esaudite e tra loro, il 39,4% - ossia 95 richiedenti - era italiano, mentre il 60,6% - cioè 146 persone - era di nazionalità straniera. Non condivide il parametro della «padovanità» il consigliere del Pd Massimo Bettin, che afferma: «C'è poco da festeggiare. Tramite il criterio dell'anzianità di residenza, non si è fatto altro che dividere i padovani, compresi gli oltre 33 mila stranieri che vivono qui regolarmente, in cittadini di serie A e cittadini di serie B». Ma il sindaco Bitonci ha già pronta la replica: «Non è affatto vero, anche gli stranieri che da tempo risiedono a Padova, possono usufruire del bonus, quindi non c'è alcuna discriminazione ma solo il ribaltamento delle priorità». La rivoluzione sulle case popolari, a Padova, era scatta già nel 2014, quando furono recuperati otto alloggi popolari assegnati a dodici cittadini stranieri che ne avrebbero beneficiato «senza averne diritto - precisa Bitonci -, per omesso controllo delle precedenti amministrazioni».
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: 25 ani de Lega e de Liga cosa ne gałi portà?

Messaggioda Berto » dom apr 24, 2016 1:06 pm

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... ntisti.jpg


Marco (etimoloja) - on santo cristian de łi veneti de mar ma anca de coełi de tera
viewtopic.php?f=44&t=86


El 25 del avril a vago en montagna, vago sora el me Monte Soman, el monte sagro dei veneti, altro ke en piàsa San Marco a festajar sto santo venesian e łe so spoje fetiçiste e eidołatre. Valtri venesiani e venesianisti tegnive el vostro San Marco ke mi a me tegno el me Monte Soman; semo pì en coste a D-o sol Monte Soman ke en Piàsa o drento ła baxełega de San Marco.


Suman (Monte Suman) - el monte sagro dei veneti – monte coxmego
viewtopic.php?f=24&t=125


https://www.facebook.com/alberto.pento/ ... 6326136541


Mi a so veneto vixentin e no so venesian, dapò a so aidoło. San Marco lè el santo parón dei venesiani e de ła Repiovega Veneta a domegno venesian ke no ła ghè pì e łè anca el segno dei venesianisti ke łi vuria el torno de ła Serenisima, ke par mi no ga gnaon senso. San Marco lè el seinboło del mito de Venesia col so enpero e par mi el mito de Venesia co łi so domegni łè n'entrigo par ła łebertà dei veneti e del Veneto. Lè n'evaxamento dei çarvełi ca enpedise de raxonar e dadrio a ghè on mucio de połedeganti, coulturanti, fanfaroni, antidemograteghi e fiłoromani.

Cara Silvia ti va pur a Venesia, mi a ghe so ndà par tanti ani, ma deso a vago sol me Monte Soman. Mi a vago endoe ca me sento mejo e pì a caxa mia.


Mi, da sora el Monte Suman a vardarò tuta ła nostra tera veneta fina al mar, ła vardarò co l'amor ke ga sti ebrei ixraełiani par el so Ixrael e gavarò i oci e l cor encrià e sfrantà da ła tristesa:

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... o-tera.jpg


25 marso e 25 apriłe feste venesiane
viewtopic.php?f=122&t=1553
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: 25 ani de Lega e de Liga cosa ne gałi portà?

Messaggioda Berto » dom mag 01, 2016 12:27 pm

???

La risposta dell’avv. Fogliata ad Alfano
25 aprile2014
Renzo Fogliata

http://www.raixevenete.com/la-risposta- ... -ad-alfano

Fermenti indipendentisti. «Esiste una questione veneta che sarà messa al centro dell’azione di governo, nel rapporto con le regioni», ha commentato il ministro degli Interni, «in termini di proteste sociali, di inchieste anche penali e di forte disagio di un territorio che non può sentire lo Stato ostile: lavoreremo perché i veneti non lo percepiscano più così.
Sono un popolo straordinariamente operoso, che ha contribuito tantissimo alla grandezza della nazione e non può essere corrisposto con disattenzione dello Stato».

I giornalisti incalzano: più concretamente? «Pensiamo che il Veneto possa essere la base sperimentale di una forma di federalismo accentuato e spinto, perché c’è l’ esigenza di una maggiore corrispondenza tra le tasse versate a Roma e i servizi generati dallo Stato qui: questione sacrosanta sulla quale non chiuderemo gli occhi. La riforma in corso del titolo V della Costituzione può essere il luogo dove affrontare la questione veneta».
Per indicazioni più di merito, la palla passa al governo: «Rispetto ai moti indipendentisti e agli eccessi, la risposta non è chiudere gli occhi, ma accentuare l’autonomia e migliorare i servizi statali».

Nel suo incontro, il presidente della Regione Luca Zaia ha «sollecitato il ministro a non prendere sottogamba questo serio grido d’allarme, il tema dell’autonomia e della voglia di indipendenza dei veneti non si risolve con un’aspirina.
Non si possono dipingere i veneti autonomisti come quattro sprovveduti che girano con la bandiera di San Marco: il sentimento indipendentista e autonomista è diffusissimo e interessa tutte le classi sociali e nasce dall’assenza totale di risposte da parte di Roma. Il Veneto ha sempre ambito a un’autonomia mai ottenuta.
Se Roma continuerà a dormire è inevitabile che il Veneto si organizzerà».

Cari amici, mi permetto di principiare dal brano di cui sopra, tratto da uno dei tanti nostri quotidiani. Come tutti sanno, ieri l’altro il Ministro dell’Interno si è espresso, per l’appunto, come sopra. Mi permetto di osservare che, sul piano giuridico e, soprattutto, in termini di riconoscimento internazionale della vicenda, le affermazioni di Angelino Alfano, Ministro dell’Interno del Governo della Repubblica Italiana, siano un fatto di sconvolgente novità che non può essere da noi trascurato.
Per la prima volta, dalla distruzione della nostra Repubblica nel 1797, un membro del Governo di uno degli stati che si sono succeduti nell’occupazione della nostra terra ha ufficialmente riconosciuto l’esistenza della “Questione Veneta”.
Questo fatto, recante la data del 28 aprile 2014, a mio modesto parere costituisce una delle basi di partenza per poter sostenere in qualunque sede, anche e soprattutto internazionale, che vi sia già un riconoscimento ufficiale da parte del Governo italiano dell’esistenza di un popolo, dell’esistenza di uno stato di risalente sfruttamento di questo popolo da parte dell’Italia e di conseguenti sistematiche oppressione ed ingiustizia, dell’esistenza di un conflitto, o comunque di un contenzioso, che questo popolo ha avviato con l’Italia, così forte da far dire al Ministro che il disagio è tale da far sentire ai veneti ostile lo Stato italiano.
Ho la sensazione che ai più sia sfuggita l’enorme rilevanza di quanto accaduto a Venezia dopo la riunione del Ministro con i Prefetti del Veneto. Da oggi, ogni contenzioso ed ogni istanza in sede internazionale dovrà menzionare tra i presupposti anche questo fondamentale accadimento che, con orgoglio, rivendico quale risultato del nostro infaticabile lavoro a favore dell’unica Patria.

Da oggi, nessun giurista mercenario e nessun pennivendolo di regime potranno ripetere i logori ritornelli che pongono la questione veneta come l’invenzione di uno sparuto gruppo di ignoranti scalmanati. Da oggi, l’ignoranza ed il fanatismo albergano ufficialmente in coloro che negano le premesse della nostra esistenza e del nostro diritto all’autodeterminazione. È una riflessione che lascio a Voi e che Vi prego di diffondere, nella certezza che il genio della nostra gente – che alberga anche in Voi – ne farà fecondo uso.
Vi abbraccio Evviva sempre San Marco nostro!



Alberto Pento

Mi no ghe speraria tanto. No xe ła prima volta ke on ministro tałian el dixe çerte robe: sovegneve de coando ke ministro de l'enterno el jera el leghista padan Maroni e semo ndà senpre en pexo. Sovegneve de Bragadin a Famagosta kel se ga enxenoamente fidà del turco, arendensose e morendo come ke lè morto. Se ghè stà eroixmo ente ła morte de Bragadin lè stà parké el ga prefaresto ła so lebartà de restar creistian e morir martire, pitosto ke vivar da sciavo e farse musulman. Onor a Bragadin come martire de ła lebartà. Mi go enparà na roba a no fidarme mai de on nemigo kel ga el corteło pal manego; fidarse de on nemigo a se pol, lomè co se ga el manego del corteło ente łe purpie man; se nò se ga da conbatar fin a l'oltemo fià. Sovegneve anca de ła rexa a Napołeon. Co ła paura e co łe ciacołe no se concoista ła łebartà. El Veneto e i Veneti no łi ga gnancora demostrà al mondo de ver ła cosiensa e ła forsa par torse ła so lebartà e endependensa.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Prossimo

Torna a Vargogne venete

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron