Anesion del 1866 - el plebesito trufa o farsa o iłuxion ?

Anesion del Veneto a el stado talian - plebesito trufa

Messaggioda Berto » gio ott 20, 2016 8:33 pm

Altre ensemense ke conta i venesianisti par sostegner ke i veneti li jera contro la Talia e i taliani: "i veneti o mejo i marinari venesiani, a Lisa, li garia conbatù contro la marina taliana: omani de fero so navi de legno contro omani de legno so navi de fero". La veretà lè ke i veneti li jera suditi aostriaghi e ke come aostriaghi li ga conbatesto contro el Regno talian dei Savoia e no come veneti; né pì né manco ke come ente la prima goera mondial i veneti da suditi de la Talia lì ga conbatesto contro l'Aostria da taliani e no da veneti e li se ga fato copar par gnente a dexine de miliara. Anca co comandava Napoleon i veneti li ga conbatesto per lù, pensemo a kei pori xovani, me par pì de 20 mila, ke li xe morti ente la canpagna de Rusia del bantito corso. A vardar la storia par ke i veneti li sipia boni de morir lomè ke par el paron ke li comanda e li maltrata ma coaxi mai par la so lebertà e degnetà. Anca anco li xe senpre en çerca de paroni (padroni e patroni) magari mascarà da leader o da casta fanfarona o arestogratega o da santi ... no li xe boni de conçepirse come omani lebari e sorani de la so vita. Li cata coalkedon kel ghe la conta "pulito" e luri li ghe va drio come can o simioti domestegà.

https://it.wikipedia.org/wiki/Battaglia_di_Lissa
La battaglia di Lissa fu uno scontro navale nell'ambito della terza guerra d'indipendenza italiana e si svolse il 20 luglio 1866 sul mar Adriatico nelle vicinanze dell'isola omonima (in croato: Vis), tra la Kriegsmarine, la Marina da Guerra dell'Impero austriaco e la Regia Marina del Regno d'Italia. Fu la prima grande battaglia navale tra navi a vapore corazzate e l'ultima nella quale furono eseguite deliberate manovre di speronamento.
La battaglia rientrò nella guerra austro-prussiana, in quanto l'Italia all'epoca era alleata della Prussia a sua volta in guerra contro l'Impero austriaco. L'obiettivo principale italiano era quello di conquistare il Veneto sottraendolo all'Austria e scalzare l'egemonia navale austriaca nell'Adriatico.

El fato ke i veneti de ła marina aostriaga no łi sipia ensorti contro łi aostriaghi anvençe de conbatar łi tałiani vol dir do robe: o ke ai veneti no ghe entersava on càso entrar a far parte del regno tałian, o ke i veneti da boni suditi łi serve senpre el paron łegal del momento e ke forse, par lori, on paron val naltro.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Anesion del Veneto a el stado talian - plebesito trufa

Messaggioda Berto » gio ott 20, 2016 8:34 pm

El profasor Laven

No so se coel kel reporta el jornałesta łè coel ke ga dito dal bon sto profasor Laven, ma stando al jornal me par ke sto łuminar el ghe tegne bordon a ła Lega "tałiana e aotonomista" e de fato dal tuto contrara a l'endependensa dei veneti (łi se garà mesi d'acordo o ...).
Stando a sto profasor, ła "clàse derexente veneta, al tenpo del plebesito, ła garia fato coatro conti e ła garia deçedesto de votar par l'anesion al Regno tałian dei Savoia, come mal megnoło, anca se łi garia prefaresto l'aotonomia al çentrałixmo.
Dapò me par ke sto profasor el fasa confouxion: i Veneti co łi ga votà al plebesito no łi jera aostriaghi ma soto el domegno provixoro dei françoxi; daspò me par ke el parałeło tra el caxo dei teroni e coeło veneto el sipia tirà a spropoxeto; dapò me par kel se dexmenteghe tuta coeła parte de veneti ke ła gheva fato sua l'edeołojoa onidaresta e resorxemental: dai veneti ke łi xe ndà co Garibaldi ai venesiani ke entel 1848 łi xventołàva el tricołor col leon durante ła Repiovega de San Marco de Manin.
Lexendo tra ste so parołe pararia ke i veneti purpio no łi savese cosa farghene de l'endependensa e ke gnanca pì łi pensava de tornar endrio ai tenpi de ła Serenisima, o ke łi fuse dei cagasoto xmerdarołi viłiaki.

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... -Laven.jpg

No basta esar profasori par dir robe sensà, bone e juste!
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Anesion del Veneto a el stado talian - el plebesito trufa

Messaggioda Berto » ven ott 21, 2016 7:38 am

Ki xe ke xe stà a organixar el plebesito?

Xe stà el Regno de ła Tałia o Stado Tałian ke de fato el jera devegnesto paron del Veneto e dei Veneti tanto vanti del Plebesito; Napoleon III a cu l'Aostria ła ne gheva çedesto col Tratà de Praga el ne gheva pasà ai Savoia dapò el Trtà de Viena ( https://it.wikipedia.org/wiki/Trattato_di_Vienna_(1866 ):

https://it.wikipedia.org/wiki/Trattato_di_Praga_(1866)
Il trattato di Praga è un trattato di pace siglato tra il Regno di Prussia e l'Impero austriaco a Praga il 23 agosto 1866, ponendo fine alla guerra austro-prussiana.
Il trattato fu indulgente verso l'impero austriaco, perché Otto von Bismarck aveva convinto Guglielmo I che mantenendo il posto dell'Austria in Europa sarebbe stato meglio per il futuro della Prussia: Bismarck pensava infatti che, senza l'Austria, la Prussia si sarebbe indebolita in un'Europa relativamente ostile. In un primo momento, Guglielmo I avrebbe voluto arrivare fino a Vienna ed annettere l'Austria, ma Bismarck lo fermò, anche minacciando di dimettersi e, più drasticamente, di gettarsi fuori dalla finestra al quarto piano del castello di Nikolsburg. In effetti, fu proprio questa cordialità relativa con l'Austria a provocare i clamori in Europa nel 1914 che portarono alla Grande Guerra.
L'Austria perse solo le residue terre del Regno Lombardo-Veneto, ovvero le province venete (incluso l'odierno Friuli occidentale) e quella di Mantova, che vennero cedute all'imperatore Napoleone III di Francia, il quale a su volta le cedette a sua volta al Regno d'Italia. L'Austria si rifiutò di cedere direttamente queste regioni all'Italia, poiché gli austriaci avevano sconfitto gli italiani durante la guerra.
...


El ga scrito Don Florian Pelegrini
http://www.lindipendenza.com/le-fonti-n ... a-del-1866
...
Napoleone III procedette all’organizzazione di un plebiscito, in onorevole ottemperanza del trattato di pace (https://it.wikipedia.org/wiki/Trattato_di_Vienna_(1866 ), tuttavia fu soggetto a forti pressioni da parte di casa Savoia, affinché cedesse anzitempo le fortezze e il controllo militare della regione in anticipo sull’esito del plebiscito ed anche alla stessa organizzazione del plebiscito.
Il generale Leboeuf, cui fu affidato provvisoriamente il territorio del Veneto attuale, più Mantova e il Friuli (Pordenone-Udine), cercò di rispettare l’impegno.
Le pressioni di casa Savoia furono tali che alla fine Napoleone III ordinò al generale Leboeuf di ritirarsi e di consegnare le fortezze e di lasciar occupare il Veneto alle truppe di casa Savoia. Così il plebiscito fu organizzato da casa Savoia, che lo organizzò in modo da non dover contrattare nulla con i Veneti, che secondo alcuni persero così l’ultimo sprazzo di autonomia e libertà.
...

Dimandemose se a organixar el Plebesito a fuse stà i françoxi e no łi tałiani, coało sariseło stà el coexito del plebesito e come gavarisełi votà i veneti (ke al momento del voto łi sarià stà suditi dei françoxi) ? E parké i veneti no łi se ga rebełà?
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Anesion del Veneto a el stado talian - el plebesito trufa

Messaggioda Berto » ven ott 21, 2016 10:14 pm

???

Quel silenzio tombale delle istituzioni sull’annessione del Veneto all’Italia
A Cittadella (Padova), sventolerà il Leone di San Marco a mezz’asta, in segno di lutto
di Ernesto Galli della Loggia
Milano, 20 ottobre 2016 - 18:54

http://www.corriere.it/opinioni/16_otto ... pt0-653532

Da sabato, a quel che riferiscono le cronache, sul municipio Cittadella, un comune poco lontano da Padova, la bandiera veneta con il leone di san Marco sventolerà a mezz’asta con il segno del lutto, a ricordo di quello che le locali autorità considerano una sciagura tra le maggiori: cioè l’unione del Veneto (nonché di Mantova e di buona parte del Friuli per la verità) all’Italia all’indomani della III guerra d’indipendenza, di cui in questi giorni ricorre per l’appunto il 150esimo anniversario. Ma non sono affatto soli il sindaco e la giunta di Cittadella. In tutto il Veneto, infatti, questo anniversario è accolto da un silenzio tombale che vuole essere di denuncia e di mestizia: nessuna commemorazione ufficiale, nessuna iniziativa pubblica, nessuna manifestazione di alcun tipo. Assenti anche le istituzioni culturali, a cominciare da quella Università di Padova che pure tante pagine ha scritto nella storia del patriottismo italiano. Attilio ed Emilio Bandiera, Daniele Manin e le altre centinaia di poveri veneti illusi che sopportarono il carcere, l’esilio e si giocarono la pelle per l’unità e la libertà d’Italia se ne facciano una ragione, insomma: di loro e di quelle vecchie storie i loro successori non ne vogliono sapere più niente.

Che tutto ciò corrisponda al reale sentimento della gente che abita tra il Mincio e l’Isonzo, è tutto da dimostrare, e c’è da dubitarne assai. Di sicuro corrisponde a qualcos’altro, invece. Alla sgangherata demagogia doppiogiochista della Lega (che fa la «veneta» in Veneto ma vorrebbe essere «nazionale» a sud del Po), e dall’altro al conformismo politico e alla fragilità ideale di tutti gli altri attori della scena politica locale, i quali da tempo si arrendono senza fiatare al ricatto leghista. Dal Pd, che — in questo caso con la lodevole eccezione del sindaco di Treviso — sembra ancora troppo spesso ammaliato dalle fole del «federalismo» anti-italiano , ai partiti della Destra, rovinosamente inerti e paralizzati come sempre di fronte ai berci di Salvini e ai favorucci di Zaia. Ma anche a Roma, per la verità, lo Stato nazionale non sembra stare a cuore più di tanto, se è vero, come è vero, che le distratte autorità centrali della Repubblica (a cominciare dal Ministero dell’istruzione o dalla Presidenza del Consiglio ) si sono ben guardate dal rompere il silenzio tombale di Venezia e dintorni. Eppure sarebbe bastato poco, sarebbe bastato un segnale: chessò riunire il Consiglio dei ministri, per una volta, nella città della laguna. Alla fin fine qualche italiano è rimasto che vuole continuare a sentirsi innanzi tutto tale.


Alberto Pento el comenta

Mi a credo ke i veneti ente l'800, li gapie sperà ente la Talia e ke entel Plebesito del 1866 li gapie votà SI parké li credeva o li sperava de ndar a star mejo ke co l'Aaostria e co la França. La troufa vera lè el mito resorxemental fondà so la Talia romana, sol mito de Roma, so na conta storega tuta xbajà, so l'ensoulsa edea ke l'onedà poledega de l'area talega la ne garia portà del bene ... anvençe la ga portà i veneti ente la mexeria pì nera; sì parké el stado talian ai veneti el ga portà pì dexgràsie de Napoleon e de l'Aostria. Se Venesia la fuse stà pì "veneta e onorà" la ghe garia dà la soranedà a tuti i veneti anvençe de doverghela dar dapò a Napoleon con gran vargogna par tuti i secoli ke vegnarà.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Anesion del Veneto a el stado talian - plebesito trufa

Messaggioda Berto » ven ott 21, 2016 11:01 pm

IL VENETO IN CAMBIO DI UN MILIARDO DI LIRE: VITTORIO EMANUELE BLEFFA CON VIENNA
giovedì 20 ottobre 2016
Fonte: Lorenzo Del Boca;

https://dalvenetoalmondoblog.blogspot.i ... do-di.html

tuti in piazza San Maro el 22 otobre !!

La terza guerra d’indipendenza, 1866, preceduta da trattative tra Italia e Austria: prima Vittorio Emanuele II vuole acquistare le terre orientali pagando un miliardo di lire – che non ha – e poi offrendo il figlio Umberto per sposare un’arciduchessa che porti in dote Venezia.

Francesco Giuseppe, quando si rende conto della possibilità di un’alleanza anti – austriaca tra i Savoia e la Prussia, offre al Governo italiano la cessione del Veneto a Napoleone III, che a sua volta l’avrebbe poi “girato” a Vittorio Emanuele: ma questo rifiuta e sceglie la guerra

Il Veneto finirà nelle mani dei Savoia, nonostante la doppia sconfitta, solo grazie alla vittoria ottenuta dagli alleati prussiani a Sadowa: e il meccanismo sarà esattamente quello previsto in origine, cioè la cessione alla Francia e il successivo trasferimento al Governo del regno d’Italia

L’Italia era “fatta” per dichiarazione unilaterale del Governo sabaudo. In realtà, precisare che lo era “quasi” non sarebbe, stato inopportuno.

I patrioti credevano che gli sforzi compiuti fino a quel momento non fossero sufficienti: occorreva impegnarsi ancora un po’ per prendersi anche Venezia (con l’hinterland veneto e istriano) e Roma (con il Lazio che faceva ancora parte dello Stato pontificio).

Vittorio Emanuele II con le strategie diplomatiche che credeva di padroneggiare, tentò dapprima di “comprarsi” la fetta orientale che gli mancava, offrendo un miliardo di lire di allora. Si trattava di una cifra spropositata che – con le debite proporzioni – nemmeno il cancelliere della Germania Federale, Helmut Koll, alla fine degli Anni 80 del XX secolo, spese per acquisire la Germania (sedicente) Democratica che era stata governata fino ad allora dai comunisti dell’Unione Sovietica.

TRATTATIVA SENZA ESITO

Il re dei Savoia, il miliardo, non l’aveva. Non era nelle condizioni di spendere nemmeno la metà della metà. Per quale ragione incominciò a intavolare una trattativa destinata a concludersi con un nulla di fatto resta un mistero. Le conversazioni fra le parti avevano le sembianze del dipanarsi di una partita di poker “al buio” dove quello che conta non sono le carte a disposizione (che non si conoscono) ma la faccia tosta dei giocatori impegnati in una sfida senza paracadute.

Infatti, nemmeno i plenipotenziari austriaci erano nelle condizioni di alienare una porzione di territorio importante per il gettito economico che l’industria assicurava e per la raffinata cultura che gli intellettuali garantivano. Come avrebbero giustificato il baratto all’opinione pubblica?

Il tavolo si chiuse con i contendenti che ritirarono le proprie “fiches”; rinunciando a terminare una partita che non poteva essere conclusa.

Forse – almanaccò Vittorio Emanuele II – si poteva tentare di percorrere un’altra strada che avrebbe portato allo stesso risultato, addirittura risparmiando, senza prevedere l’impegno di ingenti capitali. Agli Asburgo offrì il figlio Umberto che avrebbe potuto maritarsi con un’arciduchessa della Casa Imperiale di Vienna… una qualunque… scegliessero loro… purché, nel contratto nuziale, fosse inserita la clausola che la sposa avrebbe portato in dote la “serenissima” Venezia. Anche questa trattativa – costruita sulle gambe sghembe di un progetto più avventato che improvvido – naufragò, lasciando traccia soltanto nella corrispondenza dei dignitari austriaci e nei loro diari.

SCANDALOSA SUPERFICIALITÀ

I commenti si dipanarono fra l’ironico e lo scandalizzato. I funzionari d’ambasciata si meravigliavano che questioni di straordinaria rilevanza, per il futuro assetto di una porzione d’Europa, potessero essere affrontate con tanta baldanzosa improvvisazione. Vittorio Emanuele II poneva più riguardo quando si trattava di partire per una battuta di caccia. Occorreva scegliere i cavalli migliori, i cani, il luogo, gli accompagnatori, le armi… Per le decisioni politiche, con conseguenze che non era nelle condizioni di immaginare, si comportava con smisurata superficialità.

Come un pizzicagnolo alle prese con una partita di merce da vendere o da comperare. Buttava lì una proposta e, alla risposta, contestava che “no”, a quelle condizioni ci perdeva, dunque, piuttosto che rimetterci, era meglio lasciare perdere. Poi ritornava sui suoi passi e tentava una mediazione che gli risultasse comunque favorevole, dava di gomito ai suoi interlocutori, li incoraggiava ad accettare, come capita alle bancarelle del mercato. «Vero che capite che, per voi, è un affare?! Non so neanche perché continuo in questa trattativa… se io avessi un po’ di sale in zucca lascerei perdere… voi non vi rendete conto del danno che vi fate, non accettando… e io, purtroppo, so quanto mi costerà… .».

Sembrava la commedia buffa di un’opera “da tre soldi”. Dopo mesi di tira e molla, con il linguaggio e gli atteggiamenti ammiccanti di chi propone transazioni poco plausibili, si convenne che non esistevano soluzioni praticabili e anche questa proposta venne lasciata cadere. Definitivamente.

Sembrò più possibile il passaggio di Venezia, dagli Asburgo ai Savoia, quando, alla vigilia del 1866, si scaldarono i toni delle relazioni diplomatiche fra Austria e Prussia che si affrontavano a muso duro rivendicando, ognuna per se, la leadership dei popoli tedeschi.

DaVeja.it
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Anesion del Veneto a el stado talian - plebesito trufa

Messaggioda Berto » dom ott 23, 2016 11:57 am

Elezione del nuovo Doge a Palazzo Ducale
Venexit: gruppetto di indipendentisti si intrufola al Ducale ed elegge il nuovo Doge

È successo sabato. Nel pomeriggio in riva degli Schiavoni presidio contro l'annessione al Regno d'Italia. In Palazzo Ducale è intervenuta la Digos, che ha identificato i presenti
23 ottobre 2016

http://www.veneziatoday.it/cronaca/elez ... ucale.html

"Sono convinto che abbiamo compiuto un autentico miracolo politico". Albert Gardin, esponente indipendentista della prima ora, è stato eletto Doge. Proprio così: secondo chi sogna una Venezia di nuovo Capitale di una Repubblica autonoma, sabato è stato un giorno cruciale. Per altri, invece, è stato solo un giorno in cui ricordare l'annessione di quella che fu la Serenissima al Regno d'Italia. Per altri ancora, invece, sarà un giorno da ricordare soprattutto per l'intervento della Digos all'interno del Palazzo Ducale.

È lì, nella sala del Maggior Consiglio, come tradizione vuole, che meno di una decina di indipendentisti nel pomeriggio di sabato si è intrufolata, pagando regolarmente il biglietto. L'intento era chiaro: eleggere il nuovo doge di Venezia, riprendendo il filo di un discorso concluso il 12 maggio 1797 con Ludovico Manin. Gli indipendentisti, "grandi elettori", come riportano i quotidiani locali, hanno pagato regolarmente il biglietto, poi hanno iniziato la cerimonia di voto. Nel frattempo, com'era inevitabile, è intervenuta la Digos, che ha identificato tutti i presenti. Gli operatori erano già sul posto, visto che in riva degli Schiavoni dalle 15 in poi di sabato si è trovato un gruppo di poco più di un centinaio di indipendentisti, gonfalone di San Marco in mano, per protestare nei confronti dell'annessione di Venezia al Regno d'Itaia.

Una tappa storica vissuta come un lutto per quanti sono poi entrati in Palazzo Ducale: "Ringraziamo la Digos di Venezia, intervenuta impropriamante a disturbare pesantemente la proclamazione e investitura del Doge - dichiara Albert Gardin su Facebook - Hanno dimostrato scarsa professionalità o una professionalità non da paese civile. Non c'erano ragioni per tentare di impedire una cerimonia civile. Perché hanno preteso di identificarci? Per quale ragione? Quale contravvenzione avremmo commesso? Il loro intervento è comunque servito a registrare, verbalizzare i fatti. La polizia italiana ci è testimone che l'elezione del 121° Doge è avvenuta".


Albertus Gardin el Doxe del novo skeo veneto venesian:

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... Gardin.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... -latin.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Anesion del Veneto a el stado talian - plebesito trufa

Messaggioda Berto » dom ott 23, 2016 2:09 pm

“Quel plebiscito-truffa che c’ha resi italiani”. Parla Beggiato
di Veneto Intraprendente
http://www.lintraprendente.it/2016/10/q ... Q.facebook

Sono molti anni che Ettore Beggiato si occupa di storia veneta, con una passione ammirabile e con una serietà che nessuno gli contesta, e che cerca di alzare il velo su fatti che si vorrebbero negare o celare. La ripubblicazione del suo volume sul plebiscito-truffa del 1866 ha suscitato molte polemiche anche sui quotidiani nazionali, solitamente orientati a ignorare questi temi, e tutto questo sta contribuendo a fare luce sul modo in cui il Veneto fu “italianizzato” dopo la guerra austro-prussiana. L’abbiamo intervistato per saperne di più su come è arrivato a occuparsi del referendum del 1866 e sulle ragioni che lo portano a indagare il passato anche al fine di contribuire a costruire un futuro diverso per il Veneto: con più libertà e meno menzogne.

Beggiato, Quando, e perché, hai cominciato a interessarti del plebiscito del 1866?

«Ho incominciato ad interessarmi del plebiscito nei primi anni Ottanta, quando lavoravo nel settore informatico, partendo da una considerazione di carattere “statistico”: era impossibile che i dati riportati nelle lapidi di Palazzo Ducale a Venezia, di Bassano del Grappa, di Treviso o di Padova potessero essere “reali”. È matematicamente certo che in una massa di quasi 650.000 votanti ci potesse essere il 99,99 % di voti favorevoli: nessun regime era mai arrivato a tanto. E così ho incominciato ad approfondire la materia, pubblicando già nell’estate del 1983 il mio primo articolo, uscito nel prestigioso periodico Etnie (“Scienza, geopolitica e cultura dei popoli”, stava scritto nel sottotitolo) che si stampava a Milano. Da allora mi sono appassionato sempre di più. Continuando nelle ricerche, pubblicando articoli qua e là (ricordo con piacere la pubblicazione su Storia Illustrata e persino sul libro Dio Po del “mitico” Gian Antonio Stella), ricevendo segnalazioni da amici, setacciando i mercatini dell’antiquariato e internet e facendo relativi acquisti di materiale (manifesti, giornali, schede ecc.), nel lontano 1999 mi decisi di pubblicare la prima edizione, grazie all’amico Albert Gardin e alla sua “Editoria Universitaria”. Fu proprio Albert che mi mise in contatto con il professor Sabino Acquaviva, che fu ben felice di farmi la prefazione: una presentazione fin troppo lusinghiera del mio modesto lavoro che fu, e continua ad essere, la vera fortuna del libro. Non a caso, Il Gazzettino il 2 dicembre del 1999 pubblicò l’intera prefazione con notevole risalto: uno squarcio notevole nella cortina fumogena che aveva sempre caratterizzato le vicende del plebiscito-truffa».

Un’obiezione assai comune alle tue tesi sembra riecheggiare il duo Da Ponte – Mozart: Così fan tutte. Nessuno o quasi nega che il plebiscito sia stato una truffa, ma ci si limita a rilevare che in fondo ogni unità nazionale è stata frutto di violenze, imbrogli, prevaricazioni. Cosa rispondi a questi critici?

«Mi sembrano argomentazioni risibili, patetiche. C’è una chiara volontà di tenere il nostro popolo, e gli altri popoli che hanno subito un simile trattamento, all’oscuro di quella che è stata una pagina fondamentale, e tristissima, della nostra storia. Un disegno chiarissimo fin da subito: si dovevano far sparire tutte le prove della truffa, delle intimidazioni, dei brogli che hanno caratterizzato il plebiscito. E non lo dice Ettore Beggiato: lo testimonia e lo denuncia, ancora nel 1903, uno storico, Luigi Sutto di Rovigo, che era stato incaricato dal costituendo Museo del Risorgimento “Carlo Alberto” di ricostruire dati ed episodi del plebiscito. L’insuccesso del suo impegno durato qualche anno fu quasi totale: lui stesso denuncia come fosse difficilissimo trovare “qualcosa” sul plebiscito. Eravamo nel 1903: appena 37 anni dopo il voto. E va denunciata questa scandalosa “omertà” che continua a caratterizzare studi, ricerche, convegni sul plebiscito. “Vietato parlar male di Garibaldi” si diceva una volta. Nel Veneto del terzo millennio continua ad essere vietato, almeno in certi ambienti, farsi domande sul plebiscito del 1866…».

È noto come il mondo accademico e l’establishment culturale, per ragioni ideologiche evidenti, siano per lo più assai restii ad affrontare la questione del voto dell’ottobre del 1866. Quali sono, a tuo giudizio, le voci “fuori dal coro” più interessanti che hai incontrato leggendo – su questo specifico tema – gli storici del passato e del presente?

«Domanda scivolosa: spero di non fare mancanze clamorose. Parto da Federico Bozzini, autore de L’arciprete e il cavaliere (recentemente ristampato), e poi i 3 volumi di Mario Costa Cardol, il recentissimo volume di Lorenzo Del Boca Venezia tradita e gli altri dello stesso autore, i lavori di Gigi Del Fiore, Martucci e il suo L’invenzione dell’Italia unita, i volumi e gli articoli del caro Gilberto Oneto, L’altro risorgimento di Angela Pellicciari … per il resto, rimando alla mia bibliografia su 1866: la grande truffa».

Come hai ricordato, il tuo bel libro sul plebiscito (1866: la grande truffa. Il plebiscito di annessione del Veneto, già edito nel 1999 e ora ripubblicato da Editrice Veneta) è accompagnato da alcune pagine molto coraggiose di Acquaviva. Cosa puoi dire al riguardo?

«Ha detto bene “pagine molto coraggiose”: ancor più coraggiose se pensiamo che furono scritte nel 1999, diciassette anni fa. Pagine oraggiose, lucidissime, profetiche direi. Sabino Acquaviva aveva questa straordinaria capacità di rendere semplici concetti elevati: una capacità dei Grandi. Qualcuno mi aveva suggerito di pubblicare un nuovo libro, con un nuovo titolo, visto la quantità di nuovi documenti e testimonianze che caratterizzano questa terza edizione, ma ho preferito tenere l’impianto originale proprio per dare il giusto risalto alla grandissima prefazione di Sabino Acquaviva: una forma di sentito omaggio a una straordinaria figura della cultura veneta scomparsa il 30 dicembre dello scorso anno».

I va in AmericaIl voto del 21 e del 22 ottobre servì a legittimare lo stato di fatto: l’annessione del Veneto da parte della monarchia savoiarda. Quali furono, a tuo giudizio, le conseguenze sociali ed economiche di tutto questo nei decenni finali del diciannovesimo secolo?

«Nel mio libro cito l’autorevole Ruggiero Bonghi, già ministro del Regno, che ricorda come la nostra Terra, il Veneto, fosse l’unica con il bilancio in attivo, di ben 25 milioni, al momento dell’annessione. Con l’arrivo dei “liberatori” italiani il Veneto si trovò in poco tempo in una situazione di fame, miseria e disperazione come mai nella propria storia. Il Regno d’Italia, uscito battuto e bastonato dalla guerra, dovette iniziare un’opera di risanamento dei conti che sfociò in un impressionante aumento delle tasse, con l’istituzione di una vera e propria tassa sulla fame, la famigerata “tassa del macinato”. Oltre a questo, per ingraziarsi i massoni latifondisti, il governo italiano aboliì una serie di leggi e consuetudini che funzionavano come “ammortizzatore sociali”: come ad esempio il “vagantivo” (diritto di pesca e di raccolta di quanto si trovava nelle valli del Polesine). Alla nostra gente non restò che emigrare. La grande “emigrazione veneta” nasce subito dopo l’arrivo dei liberatori italiani. Proprio così, arrivano gli italiani e i veneti se ne vanno. E la poesia del grande Berto Barbarani descrive in maniera tragica e commovente la situazione delle nostre campagne e la disperazione di tanti veneti…».

Nelle scorse settimane il tuo libro è stato al centro di aspre polemiche e “Veneto Intraprendente”, in questa sua prima uscita, presenta proprio un dossier con i vari interventi. Perché c’è tanta acredine verso di te e verso il tuo libro? Come ti spieghi reazioni così scomposte da parte di studiosi che dovrebbero apprezzare il confronto intellettuale e da parte di giornalisti che tendono a rappresentarsi come open-minded e tolleranti?

«E questi sono i “santoni” della democrazia, del pluralismo, della tolleranza: democratici, pluralisti e tolleranti con chi la pensa come loro! Questi sono i risultati quando ci si guarda attorno, o meglio, si legge con i “filtri” dell’ideologia. Emblematico che, di fronte al plebiscito, non ci sia alcuna differenza fra uno storico “di sinistra” e una “di destra”. Il nazionalismo e la retorica nazional-tricolore sono impressionanti, anche se devo dire che sono soprattutto gli storici e gli ambienti di sinistra ad avere atteggiamenti da ultras. Naturalmente si guardano bene da contestare i mei dati, i manifesti che riproduco o le lapidi che fotografo. Li capisco: come potrebbero fare? E sotto sotto c’è anche un atteggiamento classista. Come si permette un “bocia de botega” come Ettore Beggiato a trattare un argomento, una questione che è sempre stata un’esclusiva di certi ambienti? Come si permette Ettore Beggiato di sollevare una questione che era sepolta da chili di polvere in qualche archivio o in qualche sede universitaria?».

Il volume che hai scritto tratta del passato per fare riflettere sul presente, e certamente vuole invitare i veneti ad alzare la testa e a decidere liberamente del loro futuro: quale che sia poi l’esito. Bisogna essere felici del fatto che gli scozzesi abbiano potuto votare e il risultato finale, per certi aspetti, è la cosa meno importante: se sono nel Regno Unito è perché hanno voluto così. Riuscirà il Veneto a fare lo stesso e a uscire da questa condizione di minorità?

«Dipenderà dei Veneti e nonostante tutto continuo ad essere fiducioso, ottimista. Il tutto deve partire, però, da un processo di riappropriazione della nostra identità, della nostra storia, della nostra cultura, queste sono le fondamenta del Veneto del futuro. Mi trovavo ad Edimburgo nei giorni del referendum per l‘indipendenza della Scozia: mi sono preso qualche giorno di ferie proprio per vivere quel momento storico e per cercare di capire da drento (come diciamo noi veneti) le dinamiche della nazione scozzese. E mi piace ricordare che il voto dei giovani è stato un voto a maggioranza indipendentista. In Scozia è solo questione di tempo: credo e spero che lo stesso sia anche in Veneto…».

Un’ultima domanda. Sappiamo che la tua passione di storico e innamorato del Veneto è più viva che mai. A cosa stai lavorando ora?

«Sto lavorando a diverse cosette… La più interessante è imperniata su un prete veneto finito in galera con l’arrivo dei liberatori italiani».
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Anesion del Veneto a el stado talian - plebesito trufa

Messaggioda Berto » lun ott 24, 2016 9:15 pm

???

La libertà di votare sul nostro futuro
di Alessio Morosin*

http://www.lintraprendente.it/2016/10/l ... tro-futuro

Sono trascorsi 150 anni esatti dal 22 ottobre 1866, quando Giacomo Morosin, mio bisnonno, venne “debitamente consultato” quale cittadino appartenente al Popolo Veneto per esprimere un SI o un NO sull’annessione del popolo e del territorio veneto al regime sabaudo. Perché ci fu il plebiscito del 1866? Perché i sottoscrittori del Trattato di pace di Vienna tra Austria ed Italia del 3 ottobre 1866 stabilirono che l’annessione del Veneto all’Italia poteva avvenire solo “sotto riserva del consenso” del Popolo Veneto debitamente consultato. Questo dato storico/politico/giuridico di partenza aveva ieri (ed ha ancor oggi) un decisivo valore per comprendere correttamente l’atto decisionale compiuto allora dal Popolo Veneto.

Quello che veniva dato per pacifico ed autoevidente nel 1866 pare che oggi, nel 2016, non abbia alcun valore. Ma non è così. È chiaro a chiunque che l’imposizione all’Italia di subordinare l’annessione del popolo e del territorio veneto al previo accertamento del fatto se vi era il consenso della popolazione interessata significava (e significa) riconfermare lo storico e originario titolo di sovranità in capo al Popolo Veneto: un titolo non negoziabile, non rinunciabile e non disponibile perché collocato nella fonte superiore del diritto naturale.

Tale profilo storico/politico innerva e sostiene anche il profilo giuridico atteso che con questa “riserva del consenso” il Popolo Veneto si vedeva riconfermata, e spontaneamente riconosciuta erga omnes, la sua soggettività internazionale – giustificata tra l’altro dalla sua millenaria forza e organizzazione statuale, indipendente e sovrana – realizzata con la Repubblica Veneta, la Serenissima. Questa soggettività e identità non si perde e non è rinunciabile! E si può e si deve far valere anche oggi! Se la storia, la diplomazia internazionale dei trattati, il diritto naturale di un popolo e la odierna volontà politica di esercitare democraticamente, e pacificamente, il diritto di autodeterminazione non contano nulla, allora la nostra non è più libertà!

Diciamocelo chiaro e senza retorica. La libertà viene prima della pseudodemocrazia moderna. Non possiamo essere indifferenti al fatto che in Italia, come in genere nel mondo occidentale, stiamo andando verso organizzazioni statuali illiberali, accentratrici e neodispotiche, pronte ad atti di interventismo e di regolamentazione di ogni momento della nostra vita per burocratizzare ogni spazio (privato e pubblico) di libertà dei cittadini.

Hic sunt leones! Qui sta il punto vitale di tutta la nostra riflessione. Se mio bisnonno Giacomo Morosin è stato “debitamente consultato” ed ha potuto esprimersi per dare il suo voto (non per rinunciare alla sua soggettività di cittadino del popolo Veneto!) ad aggregare/annettere (in quel momento!) il Veneto all’Italia, perché oggi, io, nell’era dei diritti fondamentali conclamati e difesi dalla Carte dell’Onu, dai Trattati internazionali, dalle fonti costituzionali, dal diritto internazionale (tanto pattizio quanto consuetudinario) dovrei avere meno diritti del mio avo e non mi potrei esprimere né essere consultato esercitando la mia libera manifestazione del pensiero (l’articolo 21 della Costituzione è ancora vigente?) sul medesimo quesito referendario (a domanda invertita)?

Ditemelo! Senza perifrasi! Senza raggirare il punto cardine del tema. La libertà del Popolo Veneto non può essere limitata dai falsi profeti della pseudo democrazia di chi governa a Roma o di chi, con inettitudine, insipienza politica, accidia e ignavia, siede al governo del Veneto a Venezia. La libertà di un popolo non tollera padroni, né retorica, né raggiri, né burocrazie, né furberie e si autolegittima della sua storia e dei suoi valori. Oggi – e per il momento, come Popolo Veneto residente nel territorio di quella che viene individuata come “Regione Veneto” – noi vogliamo liberamente poter rispondere a un quesito, analogo e contrario a quello del 22 ottobre 1866: “Vuoi tu, cittadino veneto, continuare ad aderire all’Ordinamento dello Stato italiano? SI o NO?”.

Se la maggioranza dei cittadini veneti andasse a votare e la maggioranza dei votanti dovesse rispondere NO, è evidente che si dovrebbe dare avvio ad una fase costituente veneta creando entro il termine di 6 mesi una Assemblea Costituente di 50 membri: 1 ogni circa centomila cittadini, da eleggere con metodo proporzionale, per l’immediata scrittura e approvazione entro i 6 mesi successivi della Carta fondamentale della rinascente Repubblica Veneta.

Se l’Italia dovesse continuare a negare, oggi, il diritto di voto libero sul progetto di autodeterminazione per l’indipendenza del Veneto vuol dire che questo Stato ormai prevaricatore ha scelto spudoratamente di porsi sulla via della illegittimità politica, storica e giuridica.Vuol dire che in Italia la democrazia come la legalità non sono più legittime ed ormai, arrancano nella quotidiana finzione con la conseguenza che, come diceva Pericle ad Alcibiade, se “la legalità sleale è divenuta sopraffazione” i cittadini hanno il diritto di attuare in modo pacifico il diritto naturale di resistenza.

Perfino il giurista Carl Schmitt insegnava che la Costituzione non deriva da una scelta legale ma da una scelta politica del popolo sovrano. Nel caso noi ci riferiamo, ovviamente, al popolo sovrano del Veneto. Il Popolo Veneto, titolare di sovranità storica ed attuale, se vuole, può quindi agire legittimamente per esprimere liberamente una sua scelta politica in esercizio del suo naturale, non negoziabile, indisponibile, irrinunciabile diritto di autodeterminazione.

La libertà viene prima delle finzioni democratiche regimentate dalla attuale legalità sleale del diritto positivo italiano. La libertà è il valore fondante del patto sociale della ricostituenda Repubblica Veneta e si giustifica politicamente anche con l’adozione di norme di democrazia procedurale svincolate dagli schemi asfittici del morente diritto positivo italiano. La disconnessione democratica del Veneto dall’Italia illiberale e prevaricatrice è fondamentalmente un atto di autodifesa legittima e di libertà e non può essere ostacolata da leggi italiane illegittime e prevaricatrici del diritto naturale.

Sta al Popolo Veneto volerla e attuarla.

* Presidente onorario di Independenza veneta



Ke ridicolo k'a lè Moroxin, el so partido el ga ciapà 56 miła voti par l'endependensa del Veneto so 2,2 miłioni de votanti e so 4 miłioni de eletori, e l garià el corajo de pretendar k'a se fese on referendo par l'endependensa. Capiso sa ghe fuse stà 1 miłion de voti par l'endependensa ... ma 56 miła ... no łi conta gnente.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Anesion del Veneto a el stado talian - el plebesito trufa

Messaggioda Berto » lun ott 24, 2016 10:00 pm

Se i Veneti no łi fuse ndà a votar o łi ghese votà a stragran majoransa NO, łora forse l'argomansa de Moroxin ła garia senso ma i Veneti łi xe ndà a votar e a stragran majoransa łi ga votà SI, prasiò do łe xe łe spiegasion: o łi ga votà SI par iłuxion o łi ga vota SI par viłiacada, mi a prefariso pensar ke łi gapie votà si par iłuxion ke par viłacada, anca se sovegnendome del 1797, co i venesiani łi ghe gà consegnà el Veneto a Napołeon a me vien da pensar al pexo. Me piaxe far el confronto co łi ebrei e Ixrael (ke no łi se ga mai perso longo miłiara de ani de envaxion, deportasion, persecusion, exodi) e me casca i bràsi da ła trestesa pensando a ła nostra mexeria e poca degnetà de veneti.


Na 'olta a se catava anca ki ke contava ke l'abdegasion del Major Consejo en favor de la Moneçepałetà Provixora no ła ghese vałor joredego parké el Major Consejo venesian nol jera en nomaro legal (łi jera sta caxa o łi se gheva sconti o łi jera scanpà fora de Venesia e del Veneto).
Sta storia del Plebesito lè na ensemensa granda e dimandar de refar sto referendo del 1866 lè come dimandar de refar ła votasion de l'arestograsia venesiana del 1797.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Anesion del Veneto a el stado talian - el plebesito trufa

Messaggioda Berto » sab dic 17, 2016 7:31 am

???

"Le schede truccate del referendum del '46, mio padre vide tutto"
Luca Fazzo - Lun, 12/12/2016

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/ ... 41751.html

Pacchi su pacchi di schede: «Così grossi, raccontava mio padre, che ci si potevano infilare le braccia». Tutte schede già votate, e tutte con la croce sullo stesso segno: a sinistra, sull'Italia turrita che simboleggiava la Repubblica, contro la monarchia rappresentata dallo scudo dei Savoia.

Il giovane brigadiere Tommaso Beltotto vide quelle schede, negli scantinati del ministero degli Interni. Era la notte del 4 giugno del 1946, e i risultati del referendum non erano stati ancora annunciati, ma la voce nei palazzi romani già girava: vittoria alla Repubblica, Umberto II si preparava all'esilio di Cascais. Di ombre su quel risultato si è sempre parlato.

Ma ora, a settant'anni di distanza, arriva il ricordo di un testimone oculare dei brogli. Tommaso Beltotto allora aveva venticinque anni, e già alle spalle una vita intensa. Controfirmò la relazione del duca Giovanni Riario Sforza, comandante in capo dei corazzieri reali, con la descrizione minuziosa di quei sacchi nelle cantine del Viminale. E proseguì la sua vita da carabiniere.

Sono passati settant'anni, Beltotto è morto nel 2001. Di quei sacchi non ha più parlato, se non in famiglia. Oggi è suo figlio Gianpiero a raccontare in presa diretta al Giornale l'immagine quasi fotografica del referendum truccato, così come riferita da suo padre. A cosa dovessero servire quei sacchi di schede truccate, Beltotto non lo sapeva, e non lo sappiamo noi oggi: erano già state conteggiate come vere, o dovevano servire in caso di bisogno per ribaltare un risultato sgradito? Di sicuro, erano la prova concreta di un referendum fasullo.

Suo padre si era scandalizzato? «Era un uomo concreto, realista. Semplicemente, quando in televisione o sui giornali qualcuno ipotizzava brogli nel referendum del 1946, sorrideva: c'è poco da ipotizzare, i brogli li ho visti con i miei occhi».

Il brigadiere Tommaso Beltotto non era lì per caso, la notte del 4 giugno. Nel settembre del 1943, quando comandava la stazione dell'Arma a Monterotondo, aveva avuto l'ordine di arrendersi ai tedeschi e consegnare le armi: se ne era ben guardato, e si era unito alla Resistenza con i suoi fucili e i suoi carabinieri.

Durante la guerra civile aveva fatto da collegamento tra le truppe partigiane di montagna e i reparti che operavano a Roma: e fu testimone dei tentativi vani del Cln di bloccare l'attentato di via Rasella. «Insomma - dice suo figlio - aveva una fama di persona equilibrata e devota. Sono convinto che il maggiore Riario Sforza quei sacchi di schede truccate li avesse già visti prima, e che avesse bisogno di un testimone affidabile». Qualcuno, cioè, che non andasse a raccontare al bar l'incredibile scoperta: e che però fosse pronto, nel momento del bisogno, ad attestarne la verità.

Così quando il duca Riario Sforza (che pochi giorni dopo verrà ritratto in foto rimaste storiche, mentre saluta per l'ultima volta Umberto che lascia il Quirinale) dovette scegliere qualcuno che controfirmasse il suo rapporto, la scelta cadde quasi inevitabilmente su Beltotto, che non era un suo subalterno, ma che aveva avuto modo di conoscere in quei frangenti delicati e complessi. Erano due uomini perbene e rigorosi, il duca e il brigadiere. Il primo devoto di casa Savoia. Il secondo carabiniere fin nel midollo, «ma al referendum - dice il figlio - aveva votato Repubblica». Mettono per iscritto ciò che hanno visto, e sanno di avere fatto il loro dovere.


Dell'esistenza del rapporto si è saputo nel settembre scorso, nell'aula del processo a Palermo per la presunta trattativa Stato-mafia, ormai evoluto in una bizzarra ricognizione giudiziaria dell'intera storia della Nazione. Un generale in congedo dei carabinieri, Niccolò Gebbia, ha raccontato che la relazione di Riario Sforza venne trasmessa al generale Romano Dalla Chiesa. L'originale, o una copia, arrivò nelle mani del figlio del generale, Carlo Alberto: che proprio per questo sarebbe stato corteggiato dal capo della P2, Licio Gelli, cui quel rapporto avrebbe fatto gran gioco; ma evidentemente non lo ottenne.

E i fogli erano forse nella cassaforte della prefettura di Palermo che venne svuotata nel 1982 poco dopo che Carlo Alberto Dalla Chiesa era stato ucciso.
Che fine abbia fatto il rapporto, insomma, non si sa: e potrebbe essere uno dei tanti misteri delle nebbie impenetrabili che avvolgono quegli anni. D'altronde Riario Sforza è morto da tempo, e sono morti anche i suoi due figli: e la nuora, Elisa, racconta che «in casa di questa vicenda non ho mai sentito parlare». Ma per fortuna nelle cantine del Viminale il duca non era da solo. C'era con lui il brigadiere Beltotto.

Era nato nel 1918 a Trinitapoli, in provincia di Foggia: e l'unica vera marachella della sua vita era stata alzarsi l'età, per arruolarsi nell'Arma prima ancora di essere maggiorenne. La sua biografia negli anni convulsi dopo l'armistizio è simile a quella di tanti italiani disabituati a decidere dal ventennio fascista, e che pure al momento di fare una scelta non si tirarono indietro. Ma Beltotto ad orientarlo aveva una stella polare: l'Arma. Perché gli alamari da carabiniere li aveva sulla pelle.

E scelse la sua strada liberamente solo perché era stato il Re a scioglierlo dal giuramento che aveva prestato. D'altronde proprio Monterotondo, dove Beltotto era comandante, era stato teatro di uno dei primi e più cruenti scontri tra reparti italiani e truppe tedesche, paracadutate dalla Luftwaffe sulla cittadina per conquistare Palazzo Barberini, sede provvisoria dello Stato Maggiore.

Fece la sua parte, con semplicità e concretezza, e non immaginava che di lì a poco si sarebbe trovato, in quella cantina del Viminale, a fare da testimone a un crocevia della storia. Della sorte del suo rapporto probabilmente non si preoccupò più, perché il suo dovere lo aveva fatto e concluso firmandolo.

Di come una copia, o l'originale, potesse essere arrivata nelle mani di Dalla Chiesa forse non seppe niente, e comunque a casa non ne parlò. «Ma io sono convinto - dice il figlio Gianpiero - che un esemplare fosse comunque approdato a re Umberto, e che se si cercasse attentamente nelle carte di Cascais qualcosa forse salterebbe fuori». Una sola volta Beltotto ne parlò con un politico: avvenne a Ortisei, dove negli anni Sessanta, ormai maresciallo, indagava sugli attentati degli indipendentisti. Un politico passava spesso le vacanze in zona, e Beltotto confidò a lui la storia dei sacchi di schede. Ma il politico si chiamava Giulio Andreotti e, ovviamente, non lo disse a nessuno.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 33083
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

PrecedenteProssimo

Torna a Ła Repiovega Veneto Venesiana lè termenà ente 1797 el 12 de majo.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite