Medoacos, Meduna, Medola/e, ... Metamauco, Metauro...

Medoacos, Meduna, Medola/e, ... Metamauco, Metauro...

Messaggioda Berto » dom feb 02, 2014 3:24 pm

Medoacos, Meduna, Medola/e, ... Metamauco, Metauro... -meola, , -mego, -maza, -macia, -mede, -mide, -maize, -mato, ...
viewtopic.php?f=151&t=498

https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... 00Mjg/edit

Immagine
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30215
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Medoacos, Meduna, Medola/e, ... Metamauco, Metauro...

Messaggioda Berto » lun feb 17, 2014 9:56 pm

Brenta, Brent, Brentino, Brentonico, Brendola, Brondolo, Medoacos, Meduna
viewtopic.php?f=45&t=106

https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... N1VW8/edit
Immagine


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... ocimi1.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... os-723.jpg


Cfr. Mediaci (Meduaci?)

https://it.wikipedia.org/wiki/Brenta

Le popolazioni dei territori attraversati dal fiume lo hanno sempre nominato al femminile, la Brenta. Questo nome indica, nel dialetto trentino e soprattutto in Valsugana, per estensione, le riserve di acqua che i paesi tenevano in caso di incendi (e, in senso figurato, un'ingente quantità di liquido). La storia e i ricordi ancestrali delle terribili alluvioni subite dalle popolazioni del Veneto centrale hanno coniato il termine “Brentana” per alluvione.

???
In epoca romana il fiume era individuato come “Medoacus” (secondo una interpretazione "in mezzo a due laghi" ovvero tra i laghi di origine e la zona lacustre delle foci, la laguna), o più probabilmente in riferimento ai due bacini più settentrionali della laguna di Venezia, quando esso seguiva come letto il corso dell'attuale Canal Grande ed ai suoi due lati vi erano i due suddetti bacini non ancora uniti in una laguna intera.

Gli studiosi concordano che prima del 589 il fiume transitasse anche per Padova (Patavium, Patavas, ovvero "abitanti di palude") più o meno in corrispondenza dell'attuale linea ferroviaria, e qui vi confluisse il sistema di canali padovano, ma non tutta la bibliografia concorda che esistesse, nelle attuali valli del Canale di Brenta e di Valsugana, una colonia di Galli chiamati Mediaci. ???

Di certo durante il Medioevo comparve il termine "Brintesis", forse dal latino "rumoreggiare", a ricordo delle diverse inondazioni (???) oppure, e sembra essere prevalente, dal ceppo germanico "Brint" (fontana) o "Brunnen" (scorrere dell'acqua). Questa interpretazione sembra consolidata dall'uso in tante altre parti del Veneto del diminutivo "Brentella" per indicare un piccolo corso d'acqua.

Secondo Giovanni Alessio il nome è da intendersi come uno dei numerosi esempi di applicazione della metafora "testa di cervo", come risulta dalle glosse di Esichio e Stefano di Bisanzio "brenton: elaphos; brunda : Messapioi, he kephale' tou elaphou" in greco bizantino. ???

Fino alla piena del 589 il Brenta sfociava assieme al Piave in quella che oggi è la bocca di porto del Lido: il primo percorreva il letto dell'attuale Canal Grande, mentre il Piave giungeva dall'attuale canale lagunare di San Felice. A seguito della rotta, il Brenta sfociò nell'attuale bocca di Malamocco ed il Piave prese il corso attuale del Sile; essi lasciarono le terre attorno ai loro vecchi corsi alla mercé delle maree, che li impaludarono, formando l'attuale Laguna di Venezia.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30215
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Medoacos, Meduna, Medola/e, ... Metamauco, Metauro...

Messaggioda Berto » gio mag 15, 2014 2:39 pm

Cfr. co:

Medolago
http://it.wikipedia.org/wiki/Medolago

Medolago (Medolàgh in dialetto bergamasco) è un comune italiano di 2.388 abitanti della provincia di Bergamo.
Situato nell'Isola bergamasca dista circa 16 chilometri a ovest dal capoluogo orobico.

Mediolanum
http://it.wikipedia.org/wiki/Mediolanum_(oppidum)

http://it.wikipedia.org/wiki/Fondazione_di_Milano
Milano deriva il suo nome da Mediolanum, parola in cui tradizionalmente i linguisti riconoscono un composto significante "in mezzo alla pianura" (o "pianura del mezzo"), medio-lanum (da planum: nelle lingue celtiche la p- cade all'inizio di parola). Esistono circa sessanta toponimi con questo nome, o ad esso riconducibile, sparsi nel mondo celtico continentale, la maggior parte dei quali nei territori un tempo inclusi nell'area europea chiamata Gallia.
Per quanto manchino riscontri archeologici, secondo il linguista Christian Guyonvarc', il significato reale del termine Mediolanum è "santuario centrale". La traduzione "pianura del centro" sarebbe errata perché alcuni dei toponimi identici a questo riguardano località poste su alture e non viene quindi tenuto conto del significato religioso ?.

Medolla
http://it.wikipedia.org/wiki/Medolla
Medolla (Mdòla in dialetto mirandolese) è un comune di 6.404 abitanti della provincia di Modena ed è situato nella bassa Pianura Padana su un terreno alluvionale bonificato.
Le prime notizie di Medolla si hanno intorno all'anno 776 quando Carlo Magno fece dono all'Abbazia di Nonantola della Pieve di Camurana e dei terreni connessi.
Il nome del paese, secondo l'ipotesi più accreditata, deriva dal latino Medulla, storpiatura di Midolla che indicava la capanna di paglia (???), prima abitazione degli abitanti della zona in quanto non ancora completamente bonificata. ???

Medole
http://it.wikipedia.org/wiki/Medole
Medole (Médule in dialetto alto mantovano) è un comune italiano di 4.032 abitanti della provincia di Mantova, al confine con la provincia di Brescia in Lombardia.

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... a-UTET.jpg


Mexola
http://it.wikipedia.org/wiki/Mesola
Mesola (Mèsula in dialetto ferrarese) è un comune italiano di 7.223 abitanti della provincia di Ferrara in Emilia-Romagna.
Il toponimo di Mesola, "media insula" (???), indica come l'origine e lo sviluppo di questo territorio siano legati all'equilibrio tra terra e acqua dell'antica Valle Padusa. Le dune fossili di Messenzatica e di Monticelli di epoca romana indicano dove arrivava il mare all'epoca. L'evoluzione successiva del Delta del Po ha originato la rimanente parte del territorio. Massenzatica è altresì citata nel diploma di Papa Benedetto VIII del 1013 col quale all'Abbazia di Pomposa viene assegnata una zona comprendente "...Masinzatica usque monticello...".

Rio delle Mexole
http://it.wikipedia.org/wiki/Rio_delle_Mesole
Il rio delle Mèsole (detto anche Fosso delle Mèsole) è un piccolo ruscello che scorre nell'alto Appennino bolognese, sul confine regionale tra la Toscana (comune di Vernio, in provincia di Prato) e l'Emilia Romagna (comune di Castiglione dei Pepoli, in provincia di Bologna).

Il Grande Mèsule - Großer Möseler
http://it.wikipedia.org/wiki/Mesule
Il Grande Mèsule (detto anche Monte Mesule - Großer Möseler in tedesco - 3.478 m s.l.m.) è una montagna delle Alpi dei Tauri occidentali (sottosezione Alpi della Zillertal). Si trova sulla linea di confine tra l'Italia (Trentino-Alto Adige) e l'Austria (Tirolo).
Il nome tradizionale della montagna è attestato nel 1770 come Mösele Hoher Ferner e si rifà al "Mösele", una palude d'alta montagna. Il nome italiano, creato da Ettore Tolomei, è un adattamento fonetico.

Moxa (Mosa), Moxela, Moson (Mosson), Mosan (Mossano), Moussan, Musolente, Musi, Muzzi, Mexia (Mesia), Mixia, Muxon, Muxestre, Muxile, ... Mors, Orsara, Valdorsa, Santorso, Mala Ursara, Mortixe, Mortizza, Mortara, Mortigliano, Morterone, ...
viewtopic.php?f=45&t=119
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... 9YZHM/edit
Immagine


Mòta, móta e mote
viewtopic.php?f=44&t=240
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30215
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Medoacos, Meduna, Medola/e, ... Metamauco, Metauro...

Messaggioda Berto » gio mag 22, 2014 9:10 pm

Meduna
https://it.wikipedia.org/wiki/Meduna
Il Meduna (Midune in friulano standard, Miduna in friulano occidentale) è un fiume del Friuli-Venezia Giulia, principale affluente del fiume Livenza, nel quale confluisce nella bassa pianura pordenonese presso Ghirano di Prata di Pordenone in località "Ponti di Tremeacque", dopo aver ricevuto le acque dei fiumi Cellina e Noncello

???
https://it.wikipedia.org/wiki/Meduna_di_Livenza
Meduna è anche il nome di un fiume che sfocia nel Livenza poco più a nord della località; è dunque probabile una relazione con il corso d'acqua. In alternativa, potrebbe derivare da *Metuna, ipotetica variante del nome personale Metonius (ke ensemensa!)

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... na-457.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30215
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Medoacos, Meduna, Medola/e, ... Metamauco, Metauro...

Messaggioda Berto » mar feb 09, 2016 11:38 am

IL MEDOACUS
di Simonetta Dondi dall'Orologio
8 febbraio 2016

http://venetostoria.com/2016/02/08/il-medoacus

Le popolazioni del Veneto centrale hanno coniato in illo tempore una parola – Brentana – che vuol dire alluvione, riferendosi al nostro Brenta che attraversa il territorio proveniente dal Trentino Alto Adige e scende fino alla Laguna.

Ma il nome romano (???) è molto più significativo: Medoacus sembrerebbe che il suo significato sia – in mezzo a due laghi – ovvero per i laghi dove nasce e la propria Laguna (???).

Ma gli studiosi sanno che transitava anche per Padova prima del VI secolo, fu nel Medioevo che appare il nome Britensis (forse dal latino rumoreggiante ???) che potrebbe essere parola di ceppo germanico Brint (fontana) o Brunnen (scorrere dell’acqua): infatti in alcune zone del Veneto Brentella indica un piccolo corso d’acqua.
Con il tempo i grandi lavori d’ingenieria idraulica fecero che i fiumi, che sboccano nella Laguna, furono desviati…come tutti sappiamo.
Sembrerebbe che fino all’Alto Medioevo il fiume, dopo Bassano si dividesse in due: uno entrava a Padova per la zona di Sant’Agostino, mentre che il ramo sinistro entrava nel centro per la zona degli Scalzi.
La funesta data del 589 ci racconta di una terribile alluvione che sconvolse gran parte del Veneto: 4 fiumi escono dai propri alvei Adige, Bacchiglione, Brenta e Cismon…quest’ultimo arriva al punto di cambiare il bacino fluviale e dal Piave entra al Brenta.
Il ramo destro del Brenta s’allontana da Padova e si stabilisce in una frazione di Saonara.
Secondo gli storici Temanza, Gloria e Baldan questi due rami li identificherebbero come il Medoacus Minor e Major.
Nel Medioevo era importantissimo il controllo dei percorsi fluviali, per questo motivo il Brenta fu il principale oggetto delle battaglie tra Padova e Venezia.

Padova aveva alzato delle potenti arginature del fiume a Vicus Aggeris (Vigodarzere) così grandi da far sorprendere al proprio Dante che passò per la zona quand’era in viaggio come ambasciatore dei da Polenta (Signori di Ravenna).

Scrive infatti:
“E quale i padovan lungo la Brenta/ per difender lor ville e lor castelli/ anzi che Chiarentana il caldo senta/ […] a tale immagin eran fatti quelli/ tutto ché né sì alti né sì grossi/ qual che si fosse lo maestro felli” (Inferno, canto XV).

La Serenissima controllava il Delta del fiume e non accettava i cambi fatti per provocare grossi problemi alla Laguna.
Nel 1139 i vicentini, in guerra con Padova, scavano il Canale Bisato per privare l’acqua di difesa della città, tutto torna alla normalità con la Pace di Fontaniva.
Il Canale Piovego si scava nel 1209 come risposta della Repubblica di Padova ed era per garantirsi l’acqua di difesa, qui si congiunge le acque del Brenta con la zona di Stra: ottenedo così la possibilità di ridurre i percorsi fluviali con Venezia.
Nel XII secolo esisteva ancora il vecchio alveo del Medoacus Major che si chiamava Brentasecca (Dolo): i padovani cercarono di riattivarlo per ridurre la distanza tra la Laguna e Padova e per evitare le gabelle poste alle foci da Venezia.
I padovani provocarono una orribile inondazione, in pieno conflitto, nelle zone già bonificate del Delta; fu così terribile che i frati dell’Abbazia Sant’Ilario dovettero abbandonarla e costruire un nuovo castello vicino a Mira.
Alla Brenta Vecchia presso Fusina si desviarono le acque per evitare l’entrata diretta alla Laguna nel 1339 e fu chiamata Tajada (curiosissimo che questa parola è scritta esattamente uguale in spagnolo ed ha lo stesso significato).
La Brenta Nova o Brentone, fu realizzata tra il 1488 e 1507 ma gli esiti furono discutibili visto che ha messo in pericolo l’equilibrio idrografico.
Le Prese sono realizzate nel 1605 cercando di migliorare i fallimenti nel governare le acque: le decisioni prese fino a qui, da parte di Venezia, non furono le migliori….

Il Senato delibera che nel 1604 l’istituzione di Sette Prese nel Canale Taglio Nuovissimo come prevenzione alle tante alluvioni che si stavano provocando nella Terraferma a causa del cambio del Delta fatto alcuni secoli prima.
Le Prese del Brenta erano consorzi pubblici e obbligatori che dovevano coordinare le attività del fiume in un unico sistema idraulico: le Prese sono state il primo esempio dei moderni Consorzi di Bonifica.



Anca l'Astego pare kel gapie canvià percorso entel 589 d.C.:

Astego, Asteghelo, Lastego, Lastebàse/Alte, Laste, Lastaroli
viewtopic.php?f=45&t=340

Montecio Precalçin e i muràsi so l'Astego
viewtopic.php?f=45&t=1920
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30215
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Medoacos, Meduna, Medola/e, ... Metamauco, Metauro...

Messaggioda Berto » mar feb 09, 2016 11:39 am

Cfr. co:

Pałude Meotica

http://it.wikipedia.org/wiki/Meozia

La Meozia, nota anticamente come "Palude Meotide", era una regione paludosa e di mare basso da identificare coll'attuale Mar d'Azov, braccio marino del Ponto Eusino (Mar Nero) chiuso dalla penisola di Crimea, al confine tra Ucraina e Russia.
Abitata fin dall'antichità dalle popolazioni sarmatiche e scitiche. A partire dal 250 fu occupata dalle popolazioni gotiche degli Eruli, che da qui per tutto il resto del III secolo compirono scorrerie, saccheggi e devastazioni lungo le rive delle province romane del Ponto Eusino.

http://it.wikipedia.org/wiki/Mar_d%27Azov
Il mar d'Azov (russo: Азо́вское мо́ре - Azovskoye more; ucraino: Азо́вське мо́ре - Azovs'ke more) è una sezione settentrionale del Mar Nero, collegata al corpo d'acqua principale dallo Stretto di Kerč. È limitato a nord dall'Ucraina, ad est dalla Russia e ad ovest dalla penisola di Crimea. Ad ovest si trova anche l'Arabat, un cordone sabbioso lungo circa 110 km, che separa il mar d'Azov dalla laguna altamente salina di Sivaš. Nell'antica Grecia era conosciuto come Lago Meotiano, Mare Meotiano o "Palude Meotide" (anche in Tacito), dal nome degli antichi abitatori di queste rive, i "Meoti".

Sciti e Sarmati: iraneghi o turco altaeghi ?
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... FNYmc/edit
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... pvbTQ/edit
Orexeni turco altaeghe de le coulture nomadego-pastorałi
viewtopic.php?f=195&t=943
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... tjWE0/edit

Yurta (ger in mongolo e yam in samoiedo e yaranga en ciukci)
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... lfaU0/edit


Cavaj, Shamani e el Dio del Sielo
viewtopic.php?f=108&t=352
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... YySTA/edit
viewforum.php?f=108

Łi hippobotai de Strabon e ‘l povolo Botai
viewtopic.php?f=108&t=1476
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... RrY2M/edit
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30215
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Medoacos, Meduna, Medola/e, ... Metamauco, Metauro...

Messaggioda Berto » mar feb 09, 2016 10:21 pm

Metamauco e Metauro

???

Metauro
http://it.wikipedia.org/wiki/Metauro

Il Metauro è il principale fiume della regione Marche per lunghezza con 121 km totali di corso (includendo il ramo sorgentizio del Meta, diversamente il fiume avrebbe un corso di 110 km), portata media d'acque (circa 21 m³/s) ed estensione di bacino (1.325 km²).
Il suo nome (in latino Metaurus o Mataurus in Ancient Greek Métauros, Μέταυρος)) deriva dalla semplice fusione per concatenamento dei nomi dei due rami sorgentizi principali che lo originano: i torrenti Meta (che scende dal noto valico appenninico di Bocca Trabaria, 1.044 m s.l.m.) e Auro (che scende invece dal Monte Maggiore, 1.384 m s.l.m.).

Metamauco-Malamoco
http://it.wikipedia.org/wiki/Metamauco

Malamocco è una piccola località del comune di Venezia, situata nella parte meridionale dell'isola del Lido, alla cui municipalità appartiene, ed erede dell'antica Metamaucum. È circondata da uno stretto canale, che la separa dal resto del Lido, ma con cui costituisce di fatto un tutt'uno, residuo dell'antico porto che qui si trovava.
Il toponimo è citato per la prima volta nel Pactum Lotharii dell'840 come Madamaucum; nel secolo successivo sono invece attestate le forme Metamaucus e Mathemauco .
Una prima ipotesi sulla sua origine fu formulata da Vittorio Bellemo, che lo fece derivare dal greco μετὰ Μεδόα. Più verosimili sono le conclusioni di Dante Olivieri che lo avvicina a Maior Meduacus (l'attuale Brenta che sfociava presso la località) da cui Mamedòc-, Mademòc- e, infine, Malamocco.

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... lamoco.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... -vecia.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... -vecia.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... _Names.jpg


Mauco
Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... /Mauco.jpg




Metamauco e Małamoco
viewtopic.php?f=45&t=2219

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... lamoco.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30215
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Medoacos, Meduna, Medola/e, ... Metamauco, Metauro...

Messaggioda Berto » mer feb 10, 2016 8:47 am

.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30215
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm


Torna a Çità venete – gnanca ona fondà o nomà dai romani

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron