La schiavitù è un crimine contro l'umanità, sempre

La schiavitù è un crimine contro l'umanità, sempre

Messaggioda Berto » lun mag 01, 2017 10:33 am

La schiavitù è un crimine contro l'umanità, sempre
viewtopic.php?f=149&t=2599

La schiavitù è un crimine contro l'umanità, sempre.
La solidarietà e l'accoglienza imposta e obbligatoria è una delle peggiori e più odiose forme di schiavitù e di oppressione.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34778
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: La schiavitù è un crimine contro l'umanità, sempre

Messaggioda Berto » lun mag 01, 2017 10:43 am

Accoglienza o ospitalità imposta o forzata è una forma di riduzione in schiavitù, un odioso crimine contro l'umanità
viewtopic.php?f=196&t=2420
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34778
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: La schiavitù è un crimine contro l'umanità, sempre

Messaggioda Berto » lun mag 01, 2017 8:53 pm

Favoreggiatori criminali dell'invasione dei clandestini che danneggiano il paese e che violano i nostri diritti umani; sono tutti parassiti che vivono alla grande con vergognosi privilegi, sulle nostre spalle e con la violenza dell'imposizione fiscale tra cui l'8 per mille; dicono di farlo per salvare delle vite umane obbligati dalle convenzioni internazionali sull'asilo politico, sui diritti umani, sul soccorso in mare e per solidarietà e fraternità umana e cristiana. Nessuno di questi si è portato qualche clandestino o profugo a casa sua per ospitarlo e mantenerlo a sue spese. Tutti costoro fanno irresponsabilmente e demenzialmente gli splendidi e i prodighi, sottraendo, sperperando, malversando le nostre risorse, i nostri beni, privandoci finanche del necessario, indebitandoci oltre misura, mettendo a rischio la nostra sicurezza, la nostra cultura, la nostra libertà, la nostra vita.


Non esiste il dovere assoluto ad accogliere e il diritto assoluto ad essere accolti.

I diritti umani universali a migrare e a non migrare dal proprio paese natale esistono al pari del diritto universale alla non accoglienza che però è prioritario rispetto al diritto di essere accolto.

Il diritto internazionale ad essere accolti per i rifugianti asilanti sussiste assieme al diritto alla non accoglienza, qualora non esistessero le condizioni necessarie, basilari per l'accoglienza stessa e la valutazione di tali condizioni fanno capo unicamente al paese a cui è chiesta la disponibilià ad accogliere:

condizioni demografiche, economiche, politiche, culturali che lo consentano.

Qualora non vi sia lo spazio demografico sufficente,
qualora non vi siano le risorse economiche bastanti,
qualora l'accoglienza comportasse gravi problemi politici e sociali a danno dei cittadini del paese a cui è chiesta l'accoglienza,
qualora non vi siano le compatibilità culturali, sociali e religiose tra i richiedenti ospitalità e rifugio con gli abitanti del paese a cui si rivolge la richiesta.



Migrare e non migrare, accogliere e non accogliere, diritti e doveri
viewtopic.php?f=194&t=2498

Manipolazione criminale dei valori e dei diritti umani universali, quando il male appare come bene
viewtopic.php?f=25&t=2484

Diritti Umani Universali dei Nativi o Indigeni Europei
viewtopic.php?f=25&t=2186

Diritti Umani Universali che non esistono
viewtopic.php?f=25&t=2584

Le bugie dei radicali, del Papa e di altri sui migranti regolari, sugli immigrati clandestini e sui rifugianti
viewtopic.php?f=194&t=2460

La demenza irresponsabile di Bergoglio, dei suoi vescovi e dei falsi buoni che fanno del male e che non rispettano i nostri diritti umani
viewtopic.php?f=132&t=2591



Migranti, procuratore Siracusa: Non ci sono legami tra ong e trafficanti. La Cei: fuoco vergognoso su chi salva vite umane
Martedì 2 Maggio 2017

http://www.ilmessaggero.it/primopiano/c ... 14259.html

«A noi come ufficio non risulta nulla per quanto riguarda presunti collegamenti obliqui o inquinanti tra ong o parti di esse con i trafficanti di migranti. Nessun elemento investigativo»: lo ha detto il procuratore di Siracusa, Francesco Paolo Giordano, in Commissione Difesa del Senato. Il magistrato ha aggiunto che ci sono ong più collaborative con l'autorità giudiziaria e altre meno, ma ciò «non l'abbiamo mai interpretato come un ostacolo alle indagini, ma come un atteggiamento ideologico, una sorta di coerenza, loro sono a favore del migrante non a favore della polizia».

«Non abbiamo indagini sulle ong - ha ribadito Giordano rispondendo poi alle domande dei senatori - e comunque sarebbe di competenza della Procura distrettuale». Il procuratore di Siracusa ha poi reso noto che è aumentata, negli ultimi tre anni, la percentuale di migranti salvati da navi delle ong e sbarcati nel porto di Augusta. «Nel 2015 i
salvataggi delle ong nel siracusano sono stati il 12,6% del complesso dei salvataggi, nel 2016 è aumentato al 14,3%, nel 2017, cioè nei primi mesi di quest'anno, c'è già un picco al 28,1%».

«Dalla nostra esperienza non ci sono evidenze di spegnimento dei transponder (dispositivi che trasmettono la posizione della nave, ndr) da parte delle ong» per non essere intercettate, ha detto ancora il procuratore di Siracusa. «Ma non so - ha aggiunto - se non viene fatto o noi non l'abbiamo visto perché non rientra nelle nostre competenze di reato».

«È giusto che la Procura e la Magistratura siano vigili e assumano conoscenze sulla situazione attuale nel Mediterraneo, perché i migranti non siano doppiamente vittime. Però il fuoco politico indistintamente sulle nove ong che operano nel Mediterraneo per salvare le vite umane - di fronte alle morti che sono passate a oltre 5 mila nel 2016 rispetto alle 3 mila del 2015 - con risorse di fondazioni bancarie e di privati, della società civile, è stato un atto ipocrita e vergognoso». Così mons. Giancarlo Perego, direttore di Migrantes, fondazione Cei.

Sulle Ong «c'è stata una campagna strumentale e di manipolazione, siamo indignati. Non abbiamo nulla da nascondere ma assistiamo al rimbalzo costante di accuse e illazioni non supportate da alcuna prova indiziale». Lo afferma, in una conferenza stampa organizzata da Sinistra Italiana a Montecitorio, Stefano Argenziano, responsabile del programma migrazioni di Msf. «Non si fanno giochi politici sulla pelle delle persone, è osceno, disumano», attacca il Direttore di Amnesty International in Italia.

«Che si indaghi, se ci sono prove sia fatta chiarezza», aggiunge Argenziano sottolineando come «tutto
ciò che facciamo in mare è del tutto trasparente e continueremo a fare ciò che facciamo da tre anni, ovvero salvare vite in mare in stretto coordinamento con la Guardia Costiera italiana. Non abbiamo nulla da temere, stiamo con la schiena dritta. E c'è una forte preoccupazione nel momento in cui si criminalizza l'aiuto umanitario». E Argenziano insiste: «non siamo nuovi a queste tipologie di attacchi, che ci arrivano spesso quando operiamo in contesti di guerra o di crisi ma siamo stupefatti che tali illazioni vengano da un contesto di Stato di diritto».


Alberto Pento
Questi delle ONG non sono salvatori di vite umane ma casta irresponsabile e assassina che uccide gli italiani depredando le loro risorse e i loro beni al punto che molti cittadini della penisola non riescono nemmeno ad avere un lavoro, una casa, una famiglia, dei figli, un futuro e tanti sono costretti a emigrare o a suicidarsi dalla disperazione. La CEI è un'entità mostruosa di eunuchi parassiti che viola i diritti umani delle genti italiche ed europee e che vive alle nostre spalle con l'estorsione dell'8xmille (obbligatorio) e si debbono vergognare.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34778
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: La schiavitù è un crimine contro l'umanità, sempre

Messaggioda Berto » lun mag 01, 2017 8:54 pm

I peggiori di tutti, i veri immondi inter-nazi-razzisti
sono i ladri dei diritti della propria gente, coloro che derubano e fanno del male ai propri compaesani, ai propri concittadini.

Questi sono come il fratello che uccide il fratello, il genitore che ammazza il figlio, il figlio che assassina il padre e la madre, sono le esperienze umane più dolorose e vergognose.

Costoro sono proprio i più malvagi,
sono veri criminali manipolatori dei diritti e dei doveri umani universali che negano i legittimi diritti alla propria gente, quella pù debole, bisognosa, povera, malata, vecchia, disabile, giovane, per concedere inesistenti diritti o privilegi ad altri a cui nulla spetterebbe se non quanto può offrire la volontaria e libera solidarietà, generosità, carità umana e cristiana quando essa è possibile.
Arrivano persino alla castrazione e alla sterilizzazione socio-economico-politica e religiosa della propria gente che deprivata dei suoi legittimi diritti, delle sue risorse fondamentali, dei sui beni, dell'economia, del lavoro, della casa, della famiglia non è nemmeno più in in grado di fare responsabilmente dei figli, ... questi sono veri crimini contro l'umanità la nostra umanità.
Costoro sono la catastrofe più infame che si possa avere la disgrazia di subire, sono umanità demente, arrogante, presuntuosa, tremendamente ignorante, violenta, ladra che ti fa del male col sorriso atroce di chi magari si è convinto di fare del bene e di avere il dovere di depredarti e di derubarti in nome dei diritti inesistenti dei presunti ultimi della terra, naturalmente trattenendosi una consistente quota per la loro opera di intermediazione.


Manipolazione criminale dei valori e dei diritti umani universali, quando il male appare come bene
viewtopic.php?f=25&t=2484


Migranti, mons. Perego (Cei): l’Italia puo’ trovare un futuro nel ‘meticciato’
martedì, 2, maggio, 2017

http://www.imolaoggi.it/2017/05/02/migr ... meticciato

“un Paese che sta morendo, nel 2016 150.000 morti in più rispetto alle nascite, può trovare un suo futuro in percorsi di ‘meticciato’, come più volte ha detto il card. Scola”

La situazione drammatica e instabile della Libia l’ha creata l’Europa e le incaute scelte europee non possono essere pagate solo da coloro che oggi sono costretti a mettersi in mare e arrivano da noi, cioè i migranti. A dirlo è il Direttore generale della Fondazione Migrantes, mons. Gian Carlo Perego, partecipando alla trasmissione “CoffeeBreak” su La 7.

“Sempre e in ogni occasione è giusto che la Procura e la Magistratura sia vigile e assuma conoscenze sulla situazione attuale nel Mediterraneo, perché i migranti non siano doppiamente vittime“, ha detto Mons. Perego: però, il fuoco politico “indistintamente sulle nove ONG che operano nel Mediterraneo per salvare le vite umane – difronte alle morti che sono passate a oltre 5 mila nel 2016 rispetto alle 3 mila del 2015 – con risorse di fondazioni bancarie e di privati, della società civile è stato un atto, lo ripeto, ipocrita e vergognoso”.

“Sono troppi coloro che stiamo accogliendo? 175.000 persone se accolte in maniera diffusa negli ottomila comuni italiani, valorizzando percorsi personali di accompagnamento e di integrazione, utilizzando le risorse disponibili per un servizio nuovo e per figure, educatori, mediatori etc., che possono essere utili per creare e favorire dialogo e inserimento sociale sul territorio credo sia un atto intelligente e di responsabilità. Tanto più in un Paese che sta morendo, nel 2016 150.000 morti in più rispetto alle nascite, e che può trovare un suo futuro in percorsi di ‘meticciato’, come più volte ha detto il card. Scola, come è sempre avvenuto nella storia italiana, questa volta in maniera pacifica. È chiaro – ha concluso Perego – che anche nell’accoglienza diffusa dei migranti l’Europa deve finalmente svegliarsi dal sonno e promuoverla in tutti i e 27 paesi europei”. (askanews)


Alberto Pento
Perego mi dispiace dirlo ma lei mi pare un demente irresponsabile. Lei è un eunuco che non ha alcun diritto di parlare a nome dei padri veri è lei che è morto dentro. Il paese sta morendo perché è pieno di parassiti, di ladri, di irresponsabili, di farabutti, di fannulloni, di privilegiati che succhiano il sangue agli italiani e impediscono loro di fare figli. Se non ci foste voi la vita rifiorirebbe senza dover deportare, trapiantare, fare criminale etnogenetica come quella da lei auspicata, si vergogni.


Le bugie dei radicali, del Papa e di altri sui migranti regolari, sugli immigrati clandestini e sui rifugianti
viewtopic.php?f=194&t=2460
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34778
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: La schiavitù è un crimine contro l'umanità, sempre

Messaggioda Berto » lun mag 01, 2017 8:55 pm

Paesi del mondo, molto più umani e civili dell'Ialia che difendono il loro territorio e i diritti dei loro cittadini dall'invasione dei clandestini e di tutti coloro che non hanno alcun titolo e requisito per entrarvi.
Svizzera, Australia, Israele, Malta, Giappone, Singapore, ...


Svizzera, pugno duro contro l'immigrazione clandestina (là si può ancora dire)
L'intento è quello di persuadere gli extracomunitari a non giungere in territorio elvetico. Pertanto la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) ha deciso di finanziare una serie tv ad hoc che verrà trasmessa in Nigeria
Ismaele Rognoni
25 Febbraio 2017

http://www.ilpopulista.it/news/25-Febbr ... -dire.html
Dall’Egitto in barcone fino in Italia per salvare il fratellino: la storia “straordinaria” del 13enne Ahmed

La Segreteria di Stato della Migrazione (SEM) svizzera finanzierà totalmente, con un importo complessivo di 450.000 franchi, una serie televisiva che sarà trasmessa in Nigeria per persuadere gli africani a non intraprendere il viaggio mediante il mare per approdare clandestinamente in Europa.

La serie tv, sviluppata in 13 puntate, si incentrerà sul protagonista principale, il giovane nigeriano Joshua, a cui è stato negata la richiesta di asilo politico e che ora vive illegalmente in territorio elvetico.
Il portavoce della SEM, Lukas Rieder, ha dichiarato: "Vogliamo evidenziare come la traversata in mare sia pericolosa e come siano assai ridotte le possibilità di ottenere l'asilo. L'intento è anche quello di spiegare che la vita da clandestini in Svizzera non è per niente facile".


E l'Australia chiude le frontiere: clandestini nelle isole del Pacifico
L'Alta Corte di Canberra dà ragione al governo, confinare gli immigrati non vìola la Costituzione
Riccardo Pelliccetti - Gio, 04/02/2016

http://www.ilgiornale.it/news/politica/ ... 20263.html

Quando si parla d'immigrazione e di Australia si aprono sempre spazi alle polemiche. E anche l'ultima decisione, presa dall'Alta Corte di Canberra, rinfocolerà le critiche alla politica del governo australiano sui migranti.

I giudici, infatti, hanno stabilito che confinare a tempo indefinito i richiedenti asilo in Paesi stranieri, come le isole di Nauru e Manu, in Papua Nuova Guinea, e sulla Christmas Island, è legale e non vìola la costituzione.

La sentenza, emessa ieri dall'Alta corte in seduta plenaria, spiana la strada al governo conservatore che vuole rispedire a Nauru 267 migranti che hanno chiesto asilo, i quali erano in Australia per delle cure mediche impraticabili nell'isola. Il governo dell'ex premier Tony Abbott, infatti, ha stabilito che chiunque tenti di raggiungere il Paese via mare per chiedere asilo venga trasferito su una delle isole, Stati autonomi con cui sono in vigore degli accordi, e non possa vivere in Australia. Una politica duramente criticata dalle Nazioni Unite e da molte organizzazioni dei diritti umani.

La sentenza, che crea un precedente secondo il diritto anglosassone, è la risposta alla causa avviata dal Centro Legale per i diritti umani, che rappresenta una donna del Bangladesh sbarcata in Australia e poi confinata sull'isola di Nauru che ha denunciato un'assistenza sanitaria inadeguata e condizioni di vita pessime. I suoi avvocati hanno sostenuto che il governo non era autorizzato dalla legge a limitare la libertà dei richiedenti asilo e a sottoscrivere contratti con Paesi stranieri che acconsentono alla loro detenzione. La Corte ha però respinto queste motivazioni.

«Studieremo i dettagli prima di prendere una decisione sui passi legali da intraprendere per conto di queste persone molto vulnerabili», ha detto il legale della donna Daniel Webb, il quale ha rilevato che la sentenza non obbliga comunque il governo a rispedire il gruppo di migranti a Nauru. «È fondamentalmente immorale condannare queste persone a una vita da limbo su una piccolissima isola», ha aggiunto Webb. Ondata di critiche al governo anche da moltissime organizzazioni internazionali dei diritti umani, ma il governo conservatore tira dritto, forte dei risultati ottenuti nell'arginare gli sbarchi di profughi. Molti ricorderanno le polemiche sollevate quando nel 2013 l'Australia introdusse leggi durissime sull'immigrazione, seguita da una campagna mediatica in cui imperava un videomessaggio, in televisione e su internet, del generale Angus Campbell, comandante delle operazioni sulla sovranità dei confini. «No way! You will not make Australia home». Il messaggio era chiaro: chiunque arrivi nel Paese senza visto, non sarà accettato. «La legge si applica a tutti: famiglie, bambini, minori non accompagnati, non ci sono eccezioni».

Di fatto l'Australia ha adottato un vero e proprio piano militare per risolvere l'emergenza immigrazione. Le navi della Marina militare intercettavano i barconi dei profughi sul limite delle acque territoriali, prestavano soccorso fornendo acqua e cibo e poi li allontanavano dalle acque australiane. I risultati di quest'operazione denominata Sovereign Borders (Confini sovrani) parlano da soli: fino al 2013 sbarcavano illegalmente almeno 20mila immigrati all'anno, nel 2014 solo 147.


Netanyahu: "non permetterò che Israele sia sommerso dai profughi", muro al confine con la Giordania

http://www.rainews.it/dl/rainews/artico ... ddfdb.html

L'opposizione aveva chiesto al governo di accogliere i siriani in fuga. Netanyahu: "Non ci lasceremo sommergere da rifugiati siriani e africani" Tweet Ungheria, via libera al muro anti-immigrati Boldrini: i muri non risolvono i problemi Gli altri muri dopo Berlino 06 settembre 2015 Mentre l'Europa si sta interrogando su come fronteggiare l'emergenza immigrazione, in Medio Oriente il premier israeliano Benjamin Netanyahu avverte: non consentirò che Israele sia "sommerso" da rifugiati siriani e africani. E annuncia la costruzione di una recinzione al confine con la Giordania per eviatare l'arrivo di "un'ondata di immigrati clandestini e attività terroristiche". "Israele non è indifferente alla tragedia umana dei profughi siriani e africani", ha spiegato Netanyahu, "ma Israele è uno Stato piccolo, molto piccolo, che non ha una profondità demografica e geografica ed ecco perchè dobbiamo controllare le frontiere". L'annuncio del premier arriva durante la riunione settimanale del gabinetto di governo, proprio dopo l'appello del capo dell'opposizione, Isaac Herzog che ha chiesto al governo di accogliere i siriani in fuga dalla guerra civile. La costruzione della recinzione sarebbe già iniziata: 30 chilometri dalla città costiera di Eilat, nel Mar Rosso, fino alla storica Timna. Quando era stata approvata a giugno, Netanyahu aveva spiegato che la recinzione al confine con la Giordania era il prosieguo dei 240 km di barriera costruita al confine con l'Egitto, un chiusura che ha quasi azzerato il numero di migranti africani che entrano illegalmente in Israele (in precedenza, attraverso il Sinai egiziano, ne erano entrati piu' di 50mila, in prevalenza eritrei e sudanesi). Israele ha anche una recinzione sulle alture del Golan, lungo la frontiera siriana; e quella che corre in Cisgiordania, che ha cominciato a costruire durante la seconda Intifada, tra il 2000 e il 2005.


Malta non vuole immigrati. Ma ora gestisce l'immigrazione Ue
Il governo maltese guiderà il semestre europeo con un programma incentrato sulla questione "migranti". Peccato che il piccolo Stato abbia scaricato ogni incombenza sull'Italia. I barconi guarda caso approdano sempre altrove
Marco Dozio
24 Dicembre 2016
http://www.ilpopulista.it/news/24-Dicem ... ne-ue.html


La Malta che non vuole gli immigrati, che non recupera barconi nemmeno quando transitano nelle acque di competenza, che pratica una politica opposta rispetto all’accoglienza indiscriminata targata Pd, la Malta dove stranamente non sbarca quasi nessuno nonostante si trovi sulla rotta degli scafisti, ora gestirà il dossier immigrazione dell’Unione europea.

Dal 1 gennaio al 30 giugno La Valletta assumerà la guida del semestre europeo e ha dichiarato che al primo punto dell’agenda c’è appunto il tema immigrazione. Con la solita lista dei buoni propositi sempre annunciati e mai attuati, come la revisione del regolamento di Dublino che obbliga il Paese di approdo a farsi carico dei “richiedenti asilo” oppure la pantomima sulla redistribuzione dei “migranti” tra tutti gli Stati Ue. Questione quest’ultima, spacciata dalla sinistra come risolutiva, che continua a rivelarsi un fallimento totale: i dati aggiornati al 19 dicembre parlano di 9.356 su 106mila richiedenti asilo arrivati soprattutto in Italia e in misura minore in Grecia. “Lotta all'immigrazione irregolare, con l'attuazione delle politiche di contrasto al traffico di esseri umani e quella dei ritorni e rimpatri”, annuncia con risolutezza il governo maltese.

Lo stesso che in questi anni ha scaricato ogni incombenza sull’Italia. “C'è stata una matura decisione dell'Italia di occuparsi di tutti gli sbarchi”, spiegava nel settembre dello scorso anno il ministro degli Interni dell’isola, Carmelo Abela, parlando alla stampa locale di un “accordo informale” con il nostro governo circa il recupero dei barconi di immigrati. Eppure Malta è al centro del Mediterraneo, sulla rotta tra Libia e Italia. Potrebbe essere l’approdo naturale di ogni clandestino che cerca di raggiungere via mare il territorio europeo. Il più vicino dopo Lampedusa e Pantelleria. Ma nessuno ci vuole andare. Perché da lì non si scappa. Gli immigrati vengono rinchiusi in centri di identificazione simili a carceri. Senza la possibilità di uscire, bighellonare, mendicare, delinquere.

Alcuni retroscena parlano di un patto segreto tra Italia e Malta. Il governo Renzi si sarebbe impegnato a portarsi a casa tutti i migranti che transitano da quelle parti, anche in zone di competenza maltesi. La contropartita sarebbe il via libera alle trivellazioni petrolifere nelle acque di Malta. Petrolio in cambio di immigrati.




TvSvizzera: per il settimanale svizzero tedesco Die Weltwoche, il Ticino è l’ultimo baluardo contro l’arrogante Italia
1 Mag 2017

http://www.lindipendenzanuova.com/tvsvi ... nte-italia

Der Tessiner Staatsrat Norman Gobbi spricht anlaesslich der Feierlichkeiten zur Eroeffnung des Kulturzentrums von Lugano, LAC, am Samstag, 12. September 2015. Im Herzen des neuen Kulturpalasts LAC (Lugano Arte e Cultura) am Ufer des Luganer Sees befindet sich ein Konzert- und Theatersaal mit 1000 Plaetzen. Dort sollen schon Klassikkonzerte und Opern aufgefuehrt werden. (KEYSTONE/Ti-Press/Pablo Gianinazzi)

Mentre Berna va in pellegrinaggio a Bruxelles, il cantone Ticino resiste con provocazioni centellinate. Suscitando irritazione in Italia. Il punto di vista del settimanale svizzero tedesco Die WeltwocheLink esterno, legato agli ambienti della destra conservatrice.

Agli italiani piacciono le scene teatrali. Quando con l’approvazione del Dipartimento delle finanze a Berna, a inizio aprile il Ticino ha messo in atto un piano annunciato già un anno fa, chiudendo tre valichi di poca importanza, nella lontana Roma l’emozione è salita alle stelle: il ministro degli esteri italiano Angelino Alfano ha convocato immediatamente nel suo ufficio l’ambasciatore svizzero Giancarlo Kessler, per spiegargli che con questa chiusura delle frontiere la Svizzera violava l’accordo di libera circolazione delle personeLink esterno. Dei deputati italiani si sono infervoriti sui canali televisivi e online contro gli svizzeri disubbidienti.

Il responsabile del Dipartimento della sicurezza ticinese Norman Gobbi (Lega) ha accolto il fragore proveniente da Roma come sempre: con calma e quasi divertito. “La Svizzera ha informato l’Italia in anticipo e in maniera chiara”, ha dichiarato Gobbi. L’Italia ha quindi reagito con esagerazione.

“Forse cercano semplicemente di distogliere gli sguardi dai problemi nel loro paese”, sospetta il ticinese. Anche a Berna per una volta si dà ragione al consigliere di Stato della Lega. Una mozioneLink esterno della deputata della Lega Roberta Pantani, che ha dato l’impulso a questo progetto pilota, è stata accolta dal parlamento e dal governo federale.

Il Ticino tiene testa all’Italia

In Ticino, si subodora che il teatrino sulla chiusura dei confini sarebbe anche un pretesto per esercitare pressioni sulla Svizzera. Soprattutto da quando il politico della Lega Gobbi (foto Keystone) siede nel governo cantonale, il piccolo cantone a sud delle Alpi tiene regolarmente testa al grande vicino italiano. Il consigliere di Stato ticinese è oggi quasi l’antitesi del governo federale. Qui la presidente della Confederazione Doris Leuthard, che fa causa comune coi tecnocrati dell’Unione Europea. Là Gobbi, che tratta bruscamente davanti a tutti un membro dell’UE come l’Italia. E si continua nello stesso stile: il 10 aprile il parlamento cantonale ticinese ha dato un ulteriore giro di vite. Per l’assegnazione di commesse pubbliche, le aziende locali devono avere la priorità. L’ambasciatore Kessler dovrà probabilmente recarsi ancora alcune volte presso il ministero degli esteri italiano.

La chiusura delle frontiere e la priorità alle aziende ticinesi sono gli ultimi di una serie di provvedimenti con i quali il cantone resiste contro il comportamento a volte arrogante dell’Italia e contro il flusso di frontalieri, aziende e rifugiati proveniente da sud. “Il Ticino è il cantone in cui si percepisce maggiormente l’impatto della libera circolazione delle persone”, spiega Gobbi. Molti ticinesi temono di perdere il lavoro a causa della concorrenza dei vicini lombardi. Negli ultimi anni i numerosi richiedenti l’asilo hanno dato sempre più fastidio nel cantone.

L’Italia è campione del mondo quando si tratta di rimproverare gli altri per il non rispetto dei trattati internazionali. Agli italiani non importa però un accidente di applicare correttamente il trattato di Schengen/Dublino. Al culmine della crisi dell’asilo nel 2015 l’Italia non registrava temporaneamente più alcuna domanda d’asilo. Per la Svizzera, rinviare queste persone nel primo paese d’arrivo era un vero e proprio percorso ad ostacoli. Solo dopo un intervento del ministro delle finanze Ueli Maurer a Roma, la collaborazione in materia d’asilo è iniziata a funzionare meglio.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34778
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm


Torna a Migranti, rifugianti o asilanti, clandestini, invaxori

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron