Ła storia dei veneti contà fa Franco Roketa

Ła storia dei veneti contà fa Franco Roketa

Messaggioda Berto » mar feb 25, 2014 9:40 pm

Ła storia dei veneti contà fa Franco Roketa
viewtopic.php?f=148&t=615

Sto ki lè ono dei testi pì veci e ke ga fato scoła.
Tra i tanti ke łi xe vegnesti fora ente tuti sti ani sto kive lè tra i manco pexo, tra coełi ke łi ga pì sponti par na conta diversa de ła nostra storia co manco dipendense edeołojeghe da Roma anca se cargo de altri difeti edeolojeghi.
Lè o łivro kel ga łe so magagne ma ente'l'anseme no lè mal al confronto de tanti altri ke łi xe vegnesti dapò.

Ona de ste magagne lè ła prexentasion fata da kel fanfaron bào de Bosi, kel diavoło el vegna torseło.

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... Bossi2.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... /02/kw.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... /02/13.jpg

Nando vanti postarò coalke paxena de coełe ke mi a tegno par pì bone e manco bone, conpagnà da łe me oservasion.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30707
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Ła storia dei veneti contà fa Franco Roketa

Messaggioda Berto » mer feb 26, 2014 7:50 am

Ste kì łe xe paxene endoe Roketa el conta ła pristoria, a ła manera de ła tradision de łe vitime de ła “categoria endouropea” col so mito, ła so edeołoja e łe so toreghe falberie.
Anca so l’etimoloja de l’etnego Veneti el se ga fato ciapar da ła ensemente tradision endouropea; come par el vedar venati, dapartuto en volta par l’Ouropa, par via de nomi ke łi se someja.


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 02/131.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... /02/14.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... /02/15.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... /02/16.jpg


El mito endouropeo (l’etno-soço rasixmo e ła ‘gnoransa, al fondo del mito)
viewforum.php?f=113

Veneto:etimoloja, xenetega e storia
viewtopic.php?f=195&t=24
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... QxZzQ/edit

No tuti sti nomi łi xe varianse de l’etnego Veneto/Veneti
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... lFTmM/edit

Uenet, ueni, uenetoi, uenetos win, wonne, von
etimoloja da voxi veneto bretoni-galo-çelte e xermane

Xenti de l'ara veneta
viewforum.php?f=195
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... 9SREU/edit
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30707
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Ła storia dei veneti contà fa Franco Roketa

Messaggioda Berto » mer feb 26, 2014 9:13 am

Paxene so ła łengoa veneta, par on mucio de robe el conta pì de diexe ani vanti de mi, coel ke dapò a go pensà e scuminsià a contar anca mi:

Paxene so ła łengoa veneta de Franco Roketa
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... lfYUE/edit

Ente sto vecio livro, 22 ani, Roketa el xmisia sù ła łengoa veneta co ła łengoa venetega, fando na s.cianta confouxion, łengoe ke łe xe asè difarenti e sta confouxion ła se ga anca col trata de łi łighi de parentado co el latin; no xe ła łengoa venetega ke ła ghe someja al latin ma coeła veneta, parké ła łengoa venetega ła ghe someja de pì a łe łengoe xermane. Entel I miłegno v.C. ente ła tera veneta a ghe jera on mucio de varianse łengoesteghe tra cu ła lengoa veneta ente łe so varianse de lora e anca ła łengoa venetega testemognà da łe eiscrision.

Xe purpio sta somejansa del venetego (e no del veneto) co łe łengoe xermane ke ła ne conta del łigo etno-lengoestego-coultural co łe xenti de l’ara çentro-ouropea e ke ła spiega anca ła traxmision nadural de ła grafia tałego-venetega (etrusca-latin-grego-feniça) a coeła xermana de łe rune. Anca ła dispoxision de łe fase/strike de scritura venetega so çerti sasi/cioki e so çerte stełe ła ghe someja a coeła de łe stełe o prioti co łe eiscrision rouneghe.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30707
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Ła storia dei veneti contà fa Franco Roketa

Messaggioda Berto » mer feb 26, 2014 9:13 am

Paxene so el Mexoevo e łe migrasion xermane;

Ente ste paxene so i Gothi, me par ke Roketa nol gapie gnaon prejudiçio contri i xermani:

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 2/1491.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 2/1501.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 2/1511.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... Totila.jpg

http://studistoricimaerne.provincia.ven ... igiana.pdf
http://it.wikipedia.org/wiki/Totila
Salito al trono dopo la morte di suo zio Ildibaldo e l'assassinio di suo cugino Erarico, morì nella Battaglia di Tagina.
Dopo le pesanti sconfitte subite contro il generale Belisario e dopo la conseguente cattura di Vitige nel 540, gli Ostrogoti riuscirono faticosamente a tenere in vita uno stato a nord del fiume Po. Totila era il comandante della truppe gote sul Tarvisio, e fu probabilmente nominato re intorno alla metà del 541.

http://cronologia.leonardo.it/storia/anno540a.htm
LA GUERRA GOTICO-BIZANTINA - TOTILA - NARSETE
...
Finalmente i Goti avevano un re capace di rialzare le loro sorti. Il suo soprannome, che vuol dire immortale, attesta quanto fosse il valore di lui e in che conto lo tenesse il suo popolo. Egli non solo si mostrò soldato coraggioso ed abilissimo condottiero, ma anche ottimo uomo politico con ottime intuizioni. Egli si rese subito conto delle condizioni dell'Italia, crudelmente taglieggiata dai Bizantini, e volle trarne profitto.
I Bizantini erano venuti in Italia per liberarla dai barbari e si erano invece dati ad eccessi, a spoliazioni, a tributi esosi, favorendo i latifondisti e premendo la mano sulle classi meno abbienti. Totila - che in questo caso si dimostrò di essere meno "barbaro" dei bizantini- capì che per reggersi in Italia era necessario avere il favore della popolazione e seguì una politica opposta a quella che avevano tenuta i Bizantini, gravando di tributi i grossi proprietari, confiscandone spesso i beni, favorendo i contadini e i coloni ed accettando nel suo esercito gli schiavi. Era la vecchia politica di Teodorico che, per opera di Totila, tornava in vigore e che la cavalleresca generosità del re e il malgoverno bizantino rendeva più gradita. ...
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30707
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Ła storia dei veneti contà fa Franco Roketa

Messaggioda Berto » ven feb 28, 2014 10:54 am

So sta paxena F.Roketa el parla mal dei xermani Longobardi e Franki, coando ke prima el ghea parà ben de i Gothi, no se capise łe raxon de sto difarente judisio, considerando ke łe goere goto-bixantine łe xe staste tante e forse pexo de coełe Longobarde e Franke:

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... ki-215.jpg

http://it.wikipedia.org/wiki/Guerra_gotica_(535-553)

Nel 476 Odoacre, il generale delle truppe mercenarie barbariche dell'esercito romano d'Occidente in Italia, depose l'ultimo imperatore romano d'Occidente, Romolo Augusto, assumendo il governo dell'Italia nominalmente sotto l'autorità dell'Imperatore d'Oriente Zenone ma di fatto governando autonomamente; durante il suo regno Odoacre difese con successo l'Italia dai Visigoti e dai Vandali, recuperando la Sicilia. Contrasti con Zenone convinsero tuttavia quest'ultimo a spingere il re degli Ostrogoti Teodorico, che stava devastando le province balcaniche dell'Impero, a invadere l'Italia e porre fine al regime di Odoacre. Nel 489 Teodorico invase l'Italia con circa 100.000-125.000 goti di cui 25.000 guerrieri e, dopo una guerra di cinque anni, conquistò interamente la penisola rovesciando Odoacre. Il regno ostrogoto in Italia fu caratterizzato da molti risultati positivi, come il ristabilimento di parte dell'antica prosperità dell'Italia e la conquista di vari territori dell'ex Impero romano d'Occidente, come la Provenza, il Norico e la Pannonia. Il sistema statale tardo-romano non venne abolito: le cariche civili (come i governatori civili delle province, i vicari delle diocesi e il prefetto del pretorio) continuarono ad essere esercitate da cittadini romani, sebbene la loro autonomia fosse limitata da un funzionario goto detto "conte". Teodorico, nonostante fosse di fede ariana, come del resto il suo popolo, si dimostrò tollerante nei confronti dei suoi sudditi romani e cattolici.

La lunga guerra provocò vaste distruzioni alla penisola, spopolando le città ed impoverendo le popolazioni (???), ulteriormente flagellate da un'epidemia di peste e da una carestia; l'occupazione dell'Italia da parte dei bizantini si rivelò effimera visto che già dal 568 le forze dei Longobardi iniziarono a calare nella penisola, occupandone vasti tratti anche grazie alla debolezza dei difensori.

http://it.wikipedia.org/wiki/Guerre_lon ... -bizantine

La conquista di alcune regioni italiane risultò essere effimera per i Bizantini, mentre il dominio di altre si protrasse per alcuni secoli. Stando a ciò che scrive Paolo Diacono, l'imperatore Giustino, intorno al 568, ricevette le proteste degli abitanti di Roma, che sostenevano che era meglio sottostare alla dominazione gota piuttosto che a quella greca e minacciavano, in caso di mancata rimozione di Narsete, di consegnare Roma e l'Italia ai Barbari.
« Liberaci dalla sua mano, oppure, senza fallo, consegneremo la città di Roma e noi stessi ai Barbari »
Quando Narsete lo seppe, disse:
« Se male mi sono comportato con i Romani, male possa io ricevere. »
L'Imperatore si adirò con Narsete e lo destituì, sostituendolo con Longino che ricevette la carica di Prefetto del pretorio d'Italia. Narsete, ricevuta tale notizia, e adiratosi con l'Imperatore, decise di ritirarsi a Napoli da dove scrisse ai Longobardi, invitandoli a invadere l'Italia. Alboino accettò l'invito; dopo essersi alleato con i Sassoni, Alboino e tutto il suo popolo abbandonarono la Pannonia per andare a stabilirsi in Italia.
La storia del tradimento di Narsete narrata da Paolo Diacono tuttavia è priva di fondamento storico. Gli storici moderni ritengono più probabile che i Longobardi abbiano invaso l'Italia piuttosto perché pressati dall'espansionismo degli Avari. Secondo alcune congetture non verificabili i Longobardi potrebbero stati invitati in Italia dal governo bizantino con l'intenzione di utilizzarli come foederati per contenere eventuali attacchi franchi. Secondo la tradizione riportata da Paolo Diacono, il giorno di Pasqua del 568 Alboino entrò in Italia. Sono state avanzate varie ipotesi sui motivi per cui Bisanzio non ebbe la forza di reagire all'invasione:
la scarsità delle truppe italo-bizantine
la mancanza di un generale talentuoso dopo la rimozione di Narsete
il probabile tradimento dei Goti presenti nelle guarnigioni che, secondo alcune ipotesi, avrebbero aperto le porte ai Longobardi
l'alienazione delle genti locali per la politica religiosa di Bisanzio
la possibilità che potrebbero essere stati i Bizantini stessi a invitare i Longobardi nel Nord Italia per utilizzarli come foederati
una pestilenza seguita da una carestia aveva indebolito l'esercito italo-bizantino
la prudenza dell'esercito bizantino che in genere, invece di affrontare subito gli invasori con il rischio di farsi distruggere l'esercito, attendeva che si ritirassero con il loro bottino e solo in caso di necessità interveniva.

http://it.wikipedia.org/wiki/Regno_longobardo
http://it.wikipedia.org/wiki/Portale:Longobardi

(Paolo Diacono, Historia Langobardorum, III, 16)

(LA)
« Erat hoc mirabile in regno Langobardorum: nulla erat violentia, nullae struebantur insidiae; nemo aliquem iniuste angariabat, nemo spoliabat; non erant furta, non latrocinia; unusquisque quo libebat securus sine timore »
(IT)
« C'era questo di meraviglioso nel regno dei Longobardi: non c'erano violenze, non si tramavano insidie; nessuno opprimeva gli altri ingiustamente, nessuno depredava; non c'erano furti, non c'erano rapine; oguno andava dove voleva, sicuro e senza alcun timore »
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30707
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Ła storia dei veneti contà fa Franco Roketa

Messaggioda Berto » ven feb 28, 2014 5:13 pm

Coante ensemense fiołe de ła ‘gnoransa, de prejudiçi e de ła rogansa edeolojega ke ła vien da łe falberie meteghe, kel scrive F. Roketa so ste paxene e ke te łe cati en boca a tanti veneti tarà dal mito venesian anti xerman, come ke tanti tałiani łi se tarà dal mito roman:

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 02/241.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 02/242.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 02/243.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 02/244.jpg

I comouni de tera łi xe nati come afrancamento dal domegno enperial del sacro roman enpero e anca el comoun de Venesia lè nasesto da l’afrancamento dal domegno enperial del sacro enpero roman bixantin, devegnendo lebaro comoun e dapò Repiovega; no par gnente ogni çita de tera e de mar ła ga el so palàso del consejo çitadin e tuti łi xe de enpronta arkitetonega xermana (stil gotego) e tuti sti palàsi łi ga ła gran sała del consejo o del’arengo çitadin e łe voxi sała e arengo łe xe voxi xermane, no łe xe latine e gnanca greghe.

Carte de storia veneta - da ła pristoria a ła Repiovega Serenisima Veneta
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... xvb2c/edit
Immagine

viewtopic.php?f=49&t=532

Comun, Arengo, Mexoevo, Istitusion
viewtopic.php?f=136&t=273

Arengo - Arena 1 (rena, jara, giara, sabia) e Arena 2 (hara, arengo ?)
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... FtUGs/edit
viewtopic.php?f=44&t=74
Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... esiana.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... rentin.jpg

Baxelega (basilica), pałàso de ła raxon o de l’arengo e sała
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... xibkE/edit
viewtopic.php?f=44&t=74
viewtopic.php?f=44&t=76

Istitusion Venete
http://www.filarveneto.eu/iv

Istitusion Venete - Storia
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... 1jV2s/edit
Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... ounali.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... arengo.jpg


Veronexe, istitudi de li ani xermani pricomounali: arimania, maxnada, famuli, vicinia, ...
https://picasaweb.google.com/pilpotis/V ... uliVicinia
Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 11/222.jpg

On miłegno de storia veneto-xermana nol se scançeła, caro Roketa!

Medhoevo/Mexoevo
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... NHNWM/edit
viewforum.php?f=136

Xermani, Germani
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... RIY0E/edit
viewtopic.php?f=195&t=524

Çexete e canpisanto longobardi, xerman-venete e venete
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... JNMm8/edit

Caxali, masarie e borghi xerman-veneti e veneti
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... 94M1E/edit

Corti xerman-venete, venete e mantoane
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... 9JS28/edit

Casteli xerman-veneti e veneti
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... xZX3c/edit

Kinomastega o toponomastega
akamenda o acoanomi o edronomastega xermagna ente l’ara veneta

https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... RKQnc/edit
viewforum.php?f=45

Cognomi xermani de l’ara veneta e talega
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... kyN2s/edit
Etneghi jermani, etimoloja de Xane Semeran
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... FSSzA/edit

Cognomi dei veneti
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... dLX00/edit
viewforum.php?f=41

Çinbri storia e lengoa
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... J4cTg/edit
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30707
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Ła storia dei veneti contà fa Franco Roketa

Messaggioda Berto » ven feb 28, 2014 10:55 pm

Venesia ła ga fato i so afari e el so egoixmo ła ga portà a perdar ła so enostra lebarta co xe rivà Napołeon.
Altro ke sostegner ke ła ga fato ben a no verxarse a ła nobiltà de tera, e po’ no ghe jera łomè ła nobeltà teriera o feudal ma ghe jera anca ła borghexia çitadina de łe marcadure, de łe profesion e dei mestieri e el clero. Venesia co ła so arestograsia no ła ga mai vołesto verxarse e spartir co i altri el poder połedego cusì Napoleon el ghe ga tajà ła testa come ke ła revołousion françoxa, de cu el xera fioło dexenere, ła gheva fato al re de França e a ła so nobeltà feudal e ki ke ga rimeso de pì xe stà el popolo.

Anca a Venesia ghe jera i ladri e i farabuti, i profitatori e i prepotenti ke łi maltratava el povoło e i contadini

Se i nobiłi de tera łi cavava łe so rikese dal laoro dei contadini soi canpi, ła borghexia çitadina ła cavava łe so rikese da ła marcadura, da el laoro artexanal e de łe prime endoustrie, da łe profesion ke łe ndava formandose ente łi secołi mexoevałi e da łe rendete del clero.

Venesia ła ga fato on mucio de goere par el monopołio dei trafeghi e el domegno del mar, co łe goere ła ga enposto ła so soramasia: se pense a ła goera del sal co Comacio entel 854 e 946 [ http://www.treccani.it/enciclopedia/com ... a-Italiana) ], a ła goera co Trieste [ http://it.wikipedia.org/wiki/Guerra_di_Trieste ] co Zara e co tante altre çita venete, adreateghe e mediteragne.

No se pol dir ke i venesiani łi jera de i stinki de santi e ke łi veneti de tera łi jera dei diavołi.
Mołemogheła co ste ensemense ke poco łe ga de storego e ke łe sconde domè łe magagne e łe colpe de ki ke łe ga dal bon.
Se łe çità de tera łe ga deçidesto de darse a Venesia xe sta parké i so consej çitadini łi ło ga vołesto e drento a sti consej ghe jera i nobiłi feodatari e i borghexi; no xe stà el popoło o i contadini a deçidarlo ma l’arestograsia feudal e borghexe e cleregal, de łe çita e de łe canpagne e de łe łebare comounedà o rejense de łe montagne.



Ła fin de ła Repiovega Arestogratega Veneta
viewtopic.php?f=138&t=521

Dedision de łe çità venete e padane a ła domenante Venesia
viewtopic.php?f=138&t=537

El venesian Andrea Boldù (ladron bandito de prima clàse)
andrea boldù camerlengo1698
Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... ng1698.jpg

Andrea Da Mosto: I bravi de Venesia
(altro ke łe vesasion de łi nobełi de tera de secołar orexene jermanega o d'altra, cofà Don Rodrigo!)
http://sbmp.provincia.venezia.it/mir/mu ... aMosto.pdf
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30707
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Ła storia dei veneti contà fa Franco Roketa

Messaggioda Berto » sab mar 01, 2014 9:08 am

Gian Maria Varanini
La Terraferma veneta del Quattrocento e le tendenze recenti della storiografia


http://rm.univr.it/biblioteca/scaffale/ ... veneta.pdf

3.2. Le dedizioni.
Una seconda conseguenza (e nello stesso tempo un sintomo) dello sguardo “plurale” che la storiografia degli ultimi decenni ha indirizzato alla Terraferma quattrocentesca è l’attenzione al tema delle cosiddette dedizioni e delle connesse pattuizioni stipulate con Venezia nel momento del riconoscimento della sovranità: attenzione che – a conferma della cruciale importanza del tema – neppure in questi ultimissimi anni è venuta meno, e che vanta ormai trattazioni specifiche per quasi tutte le realtà territoriali assoggettatesi a Venezia.
Del rilievo di queste cerimonie politiche, che in passato (predominando un’altra e più robusta concezione dello stato territoriale) avevano attirato scarsa attenzione da parte dalla storiografia (sia pure con qualche eccezione), Ventura aveva dato nella sua monografia, e successivamente ribadito, una valutazione fortemente limitativa. Ma successivamente, mano a mano che ha progredito l’analisi concreta dell’esercizio del potere nei diversi contesti territoriali, l’analisi si è diversificata e raffinata. Da un lato, si sono considerate con maggiore attenzione le circostanze precise e le modalità dell’assoggettamento delle diverse realtà istituzionali: e dunque il grado di costrizione o di libertà nel quale le diverse comunità hanno scelto di «se dedere» al leone di san Marco, le realistiche alternative delle quali disponevano; le procedure formali e il “rituale” seguito dai consigli maggiori e/o dalle conciones cittadine nel momento della decisione; e i conseguenti margini di contrattazione dei quali si disponeva nella presentazione dei capitula indirizzati al doge o al Senato veneto.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30707
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Ła storia dei veneti contà fa Franco Roketa

Messaggioda Berto » dom mar 02, 2014 1:38 pm

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30707
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Ła storia dei veneti contà fa Franco Roketa

Messaggioda Berto » sab apr 05, 2014 7:53 am

???


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... oria_2.jpg

???
Onore a Roketa e a tuti i Pareoti Veneti!
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30707
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Prossimo

Torna a Ła storia dei veneti, del Veneto o de łe Venesie contà da: ...

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti

cron