LIFE - Liberi Imprenditori Federalisti Europei

LIFE - Liberi Imprenditori Federalisti Europei

Messaggioda Berto » gio gen 09, 2014 9:31 am

LIFE - Liberi Imprenditori Federalisti Europei
http://www.filarveneto.eu/forum/viewtop ... =146&t=344

Immagine
https://www.filarveneto.eu/wp-content/u ... o-LIFE.jpg

http://www.life.it

http://www.life.it/chi-siamo
STATUTO LIFE
SEZIONE I – NORME GENERALI
ART. 1 DENOMINAZIONE
E’ costituita l’Associazione denominata LIFE.
LIBERI IMPRENDITORI FEDERALISTI EUROPEI che non ha scopo di lucro , è assolutamente apartitica e si richiama ai principi del liberismo e del federalismo, per un’economia non assistita e fortemente orientata all’Europa.


L.I.F.E. ha chiesto ai 580 sindaci veneti di dimettersi. Una sola risposta

https://www.lindipendenza.com/l-i-f-e-h ... a-risposta

Tutti i 580 Sindaci del Veneto hanno ricevuto una pec mail con il testo di presentazione qui sotto e la lettera allegata (vedi sotto). Al Sig. Sindaco di… Egregio Signor Sindaco, in allegato troverà l’appello che LIFE Veneto, sindacato imprenditori, rivolge a Lei e a tutti i Suoi colleghi del Veneto per dare una risposta politica del territorio all’apatia perniciosa del Governo centrale. Certi anche della Sua adesione, salutiamo distintamente. Firmato: LIFE Veneto-Il Presidente Lucio Chiavegato.

Aveva annunciato che sarebbbe stato fatto ed, ora, la parola è mantenuta. “Continuare a lamentarsi e a non avere il coraggio di ribellarsi è ormai per noi fastidioso – dice Chiavegato – ed inutile per il cammino della nostra libertà da questo stato ladro e corrotto. Credo quindi sia ora di iniziare a richiamare i nostri sindaci ad una presa di responsabilità e di scendere dall’inutile scranno su cui sono seduti. Infatti manderemo presto lettera di diffida a tutti sindaci Veneti avvisandoli che li riterremo responsabili di eventuali altri suicidi dovuti alla crisi, a fallimenti aziendali e a sfratti per morosità a cittadini Veneti. A cosa serve avere un sindaco di destra, sinistra o leghista o indipendentista se questo non fa altro che applicare le direttive romane”?

L’iniziativa, partita dopo che a Casale di Scodosia (PD) il sindaco si è dimesso per non voler tartassare ulteriormente le imprese già in difficoltà e il Sindaco di Resana - Loris Mazzorato – ha detto di essere «Costretto dallo Stato a uccidere i cittadini con le tasse, io sono il boia dei miei concittadini” .

Per ora, è arrivata la risposta del sindaco di Segusina (Tv), che non pare interessato a lasciare (vedi lettera sotto). A questo punto, non resta da attendere se arriverà qualche segnale da parte degli amministratori interpellati.

...

https://www.lindipendenza.com/wp-conten ... Veneto.pdf

https://www.lindipendenza.com/wp-conten ... gusina.pdf
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 32827
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: LIFE - Liberi Imprenditori Federalisti Europei

Messaggioda Berto » dom gen 12, 2014 7:22 pm

Contro l’Italia, ogni azienda dovrebbe diventare un centro di resistenza

http://www.lindipendenza.com/contro-lit ... resistenza

di DANIELE QUAGLIA

Italia, tasse, ancora tasse finché… La luce in fondo al tunnel, abbiamo salvato l’Italia… sono slogan che assomigliano pericolosamente ai più datati credere, obbedire, combattere… vincere e vinceremo! Il fatto è che, al di là dell’aspetto comico di questa campagna di propaganda di regime, ce n’è uno tragico, i cui effetti negativi si ripercuotono giorno dopo giorno sulla vita di un sempre maggior numero di cittadini che non arrivano a fine mese. Gli effetti mirabolanti della cura Monti sembrano gli stessi di una cura a base di arsenico; chi resiste ha infinitesime probabilità di sopravvivenza!

Il premier dichiara oggi che il sistema sanitario è a rischio ed è necessario individuare nuove modalità di finanziamento, mentre l’OCSE mette in guardia l’Italia rivedendo in negativo l’andamento del PIL nel biennio 2013-2014 e prevedendo per il 2014 un’altra finanziaria. In modi diversi entrambi annunciano che il sistema Italia ha bisogno di nuove tasse per sopravvivere o quantomeno per rinviare il momento fatidico del collasso; nessuno dei due si chiede, però, chi pagherà.

Le aziende che all’inizio della crisi non avevano una solida struttura economica e commerciale hanno già chiuso, quelle che invece l’avevano si trovano estremamente indebolite da un mercato che rigetta i nostri prodotti per i loro prezzi non competitivi, zavorrati da una tassazione e adempimenti burocratici che non hanno eguali al mondo.

Parte di queste aziende ancora attive sarà costretta a soccombere e chiudere i battenti, altra parte nell’estremo tentativo di sopravvivere delocalizzerà la produzione, pur fuori termine massimo, in Paesi dove costi e adempimenti sono minimi; le poche che resisteranno saranno soggette ad una tassazione che dovrebbe colmare anche i mancati introiti delle aziende defunte.

Se siamo ora ad una tassazione reale del 70%, quanto arriveranno a pagare coloro che caparbiamente avranno mantenuto in piedi la loro attività? Sembra che al peggio non ci sia mai limite a meno che il limite non lo decidiamo noi. Siamo noi imprenditori, tanto vituperati e rei di ogni nefandezza, che inconsapevolmente permettiamo a questo regime di sopravvivere e siamo solo noi a poter decidere quando porre fine a questo sistema autodistruttivo.

Ogni azienda dovrebbe diventare un centro di resistenza contro il sistema, dove organizzare e mettere in atto disobbedienza civile e fiscale, allargata a tutti i collaboratori la cui sorte dipende da quella dell’azienda perché la posta in gioco è grande: affondare con la nave Italia e con essa morire o, salvarsi sulla piccola ma inaffondabile scialuppa dell’indipendenza?
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 32827
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: LIFE - Liberi Imprenditori Federalisti Europei

Messaggioda Berto » mer gen 15, 2014 10:34 pm

La L.I.F.E. si ritrova e lancia la “fratellanza veneta”

http://www.lindipendenza.com/la-l-i-f-e ... nza-veneta


di PATRIZIA BADII*

Sabato 12 ottobre scorso, all’Hotel Venice di Grisignano (Vicenza), si e’ tenuto il convegno della L.I.F.E. intitolata “SOLIDARIETA’ VENETA”. Hanno preso parte quasi 200 persone, tra imprenditori, piccoli artigiani e molta gente comune.

Il Presidente Lucio Chiavegato ha aperto la giornata spiegando ai presenti cosa è la L.I.F.E. (Liberi Imprenditori federalisti Europei), e che cosa, da ora in avanti, avrebbe fatto questa organizzazione storica: da oggi parte una battaglia a muso duro contro tutti i soprusi e tutte le vessazioni compiute dallo stato italiano a spese del popolo veneto. Una battaglia che va condotta “facendo fratellanza”. Come si fa fratellanza? “Fratellanza la si fa, stando attenti a ciò che accade al nostro vicino, all’imprenditore che abbiamo accanto al nostro capannone, all’artigiano. Fratellanza la fa l’imprenditore con i suoi operai, perché bisogna capire che l’azienda dove lavoriamo è una famiglia e solo se si rimane uniti si vince”, ha sostenuto Chiavegato.

Hanno preso la parola anche Daniele Quaglia, presidente L.I.F.E. Treviso e Geremia Agnoletto, ma gli stessi veneti presenti in sala hanno chiesto la parola e dal palco hanno voluto raccontare le loro storie di ordinaria tragedia, della solitudine e delle loro azienda chiuse, degli imbrogli e del ladrocinio subito dalle banche e dagli enti di Stato italiani che governano il territorio. Alcuni operai hanno raccontato della loro vergogna (che vergogna non è) nel non riuscire più a mantenere la famiglia e di come con disperazione, tutte le volte aprono la cassetta della posta, temono qualche cartella da pagare, di come si sentono oramai fuori, esclusi dall’ambiente del lavoro.

Alla fine della giornata, tutti i presenti hanno voluto aderire al patto di fratellanza, lasciando i loro nominativi al fine di far parte dei gruppi d’azione che si stanno organizzando per intervenire al grido di “aiutiamoci a vicenda”. Gruppi d’azione che non si comporteranno certo come delle” dame della carità”. Anzi, saranno gruppi attivi e determinati a bloccare qualsiasi attacco da parte degli enti statali e dello Stato stesso ai danni dei veneti.

La mission, ora, è quella che di fare in modo che altri veneti aderiscano all’iniziativa, affinché vengano organizzati gruppi in ogni provincia, così da costitutire lo zoccolo duro della fratellanza,che “non permetterà più a nessuno di estirpare sangue dalle nostre vene e che più nessun imprenditore veneto e nessun operaio debba suicidarsi. La giornata s’è proprio chiusa con un appello forte: “Non suicidatevi, ma venite a combattere. Vinceremo, perché uniti si vince sempre”.

*Responsabile L.I.F.E. VERONA

LIFE e fradelansa veneta a Viçensa
https://www.facebook.com/pages/LIFE-Sol ... 73?fref=ts
LIFE e fradelansa veneta a Verona
https://www.facebook.com/pages/LIFE-Ven ... 41?fref=ts
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 32827
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: LIFE - Liberi Imprenditori Federalisti Europei

Messaggioda Berto » gio gen 30, 2014 10:10 pm

Na texi de laorea so la LIFE

Immagine
https://www.filarveneto.eu/wp-content/u ... /kw_21.jpg


La prima asion LIFE bloco de la Goardia de Finansa (a opara de Fabio Padovan)

Immagine
https://www.filarveneto.eu/wp-content/u ... /317_3.jpg


Baricade a Tore de Mosto par enpedirghe a i prirati o filibustieri de stado de entrar ente na sagra botega veneta

Immagine
https://www.filarveneto.eu/wp-content/u ... /2_2_2.jpg

https://www.tibicon.net/le-tibi-pellicole/gandhi

LIFE Padova
https://www.facebook.com/pages/LIFE-Pad ... 82?fref=ts

On scanso (o scansia) de somexe LIFE:
http://www.filarveneto.eu/life

=======================================================================================================================================

L'imprenditore Padovan e la sua "guerra all'Italia"

http://www.ilgiornale.it/news/limprendi ... talia.html

Pensi: toh, s’è conver­tito. Infat­ti sul tetto dello stabi­limento sventola il tricolore, anche se ac­canto, in posizione leggermente soprae­­levata, garrisce al vento il vessillo rosso e oro della Serenissima e svetta un capitello con sopra il Leone di San Marco. «La bandie­ra cambia a seconda della nazionalità del­l’ospite », ci tiene a chiarire Fabio Padovan, «e oggi l’ospite è lei,un italiano.Fosse arriva­to ieri, avrebbe trovato quella dell’Ecuador, perché c’era in visita una delegazione prove­niente dall’America Latina». No, non s’è convertito. Il titolare della Otlav (Officine tornerie lavorazioni articoli vari) resta in guerra con lo Stato, come da vent’anni a questa parte, e se fossi venuto qui, nella zona industriale di Santa Lucia di Piave (Treviso), solo una settimana fa, ne avrei avuto una prova ancora più plastica: parcheggiato davanti alla fabbrica c’era il tanko usato dagli otto serenissimi per espu­gnare il campanile di San Marco il 9 maggio 1997, nel bicentenario dell’invasione napo­l­eonica che affossò l’ultramillenaria Repub­blica di Venezia.

Il leggendario mezzo blin­dato è stato il regalo per i 55 anni di Padovan, festeggiati con le maestranze e gli insorti.

Immagine


Il tanko è rimasto sul piazzale della fabbrica per quattro mesi, venerato come una reli­quia da una processione di pellegrini muniti di macchina fotografica. D’altronde l’im­prenditore è stato fra i più munifici sotto­scrittori che hanno partecipato alla colletta per riscattare il mezzo blindato sequestrato dall’autorità giudiziaria e ora restituito a Fla­vio Contin, El Vècio del commando: 6.674 euro. «All’asta hanno partecipato tre corda­te, una anche della polizia di Stato, che avrebbe voluto esporlo nel proprio museo come corpo del reato».

Quando c’è di mezzo la libertà del suo Ve­neto, il proprietario della Otlav non bada a spese. Da qualche giorno è particolarmente euforico per l’inedita situazione creata dal ministro della Semplificazione normativa, che nel suo furore iconoclasta ha rottamato senza volerlo un’appendice dell’Unità d’Ita­lia. Lo si desume dalla mail inviata al direttore amministrativo, Gio­vanni Tonon, e per co­noscenza a tutti i dipen­denti. Oggetto: «Inde­pendensa ». Testo: «Tut­ti sapete come la penso.
Ora, per un errore del ministro Roberto Cal­deroli, è stato formal­mente abrogato il Re­gio decreto 3.300 del 4 novembre 1866, che sanciva la sottomissio­ne di Mantova e della Repubblica di Venezia al Regno d’Italia. An­ch­e questo doveva capi­tare nella mia vita. Il Ve­neto è indubbiamente e formalmente indipen­dente.

Adesso si dice che lo Stato italiano può far valere il diritto di usucapione nei con­fronti dei territori del Veneto. Mi sembra paz­zes­co che uno Stato usu­capisca un altro Stato, ma tant’è. Dopo averci dormito su bene, in as­soluta serenità d’ani­mo, ho deciso che vo­glio dare un piccolo se­gnale di questo evento, che per me è comun­que storico, per altri è una cazzata. Desidero che resti il ricordo del “Giorno de l’Indepen­densa veneta” dalla fa­melica lupa italica. Quindi, Tonon, nella prossima busta paga inserisca un bonus di 100 euro. Grazie». Esborso a parte, ha festeg­giato l’indipendenza conquistata per errore anche con un carosello di auto che, partito da Conegliano, ha toccato Asolo, Treviso, Spresiano, Montebelluna, Pieve di Soligo.

Padovan, cinque figli, laureato in econo­mia e commercio, fondatore e presidente della Life (Liberi imprenditori federalisti eu­ropei), già deputato leghista in odore d’ere­sia, organizzatore delle ronde antifisco e di memorabili scontri con la Guardia di finan­za che gli hanno lasciato una lunga cicatrice sull’omero, prende tutto così: di petto. Né può essere diversamente, visto che nella vi­ta s’è fatto guidare sempre e solo dal cuore. Non dalle braccia: l’arto destro, deformato, è più corto del sinistro di qualche centime­tro e tenuto su da una vite in titanio da quan­do gli aprirono la spalla durante un sit-in di protesta. Non dai pugni: le forze dell’ordine gli fracassarono la mano sinistra con una manganellata. Non dai muscoli: già min­gherlino, perse 18 dei suoi 78 chili nelle tre settimane di sciopero della fame e della sete per far cacciare Anna Mazza, vedova del ca­morrista Gennaro Moccia, che era stata in­viata in soggiorno obbligato a Codognè, «e da allora il mio metabolismo è cambiato per sempre». O forse è cambiato anche perché, raccontano, per 12 anni s’è astenuto dal ci­bo il 20 d’ogni mese, un ex voto che pare ab­bia guarito dal cancro una persona cara.

Il cuore di Padovan pulsa in ogni angolo della sua avveniristica fabbrica, a comincia­re dal casolìn , lo spaccio interno dove a tur­n­o quattro operaie sovrintendono allo scam­bio di capi d’abbigliamento usati fra i dipen­denti e alla consegna della frutta biologica di stagione portata dai contadini di Breda di Piave, «perché questa è una grande fami­glia ». Sul portone ha fat­to incidere un versetto in latino dal Libro di Giobbe , «Vita hominis militia est», e una frase in italiano, «Hai una pos­sibilità », «questa è mia, per ricordare che tutti sbagliano e hanno dirit­to­a un’occasione di per­dono ».

I carrelli elevatori, grandi tre volte rispetto ai normali muletti, sono guidati da raggi laser, gi­rano per la fabbrica da soli, avanzano, indie­treggiano, svoltano, ca­ricano, scaricano, evita­no gli ostacoli, robot in­somma, che però reca­no dipinti sul muso no­mi e soprannomi di cri­stiani, «si chiamano Ri­no, Ciano, Venanzio e Artemio, erano i carrelli­sti che sono andati in pensione, Artemio pur­troppo è già morto, e i suoi tre compagni, quando hanno visto che li avevamo ricordati così, si sono messi a piangere come bambi­ni ».

Un altro robot posi­ziona i pezzi, «un paias­so dentro ’na gabia za­la », ride Padovan, «Hic est Bagonghi» avverte un cartello,su calco del­l’ «Hic sunt leones» del­l’antica Roma e dal no­me di un celebre clown, un pagliaccio dentro una gabbia gialla che però costa 600.000 eu­ro. «L’80% dei macchinari è progettato da noi,sforniamo una media di 12 brevettil’an­no, un lustro ci ho messo ad automatizzare lo stabilimento per non soccombere sotto i colpi della concorrenza cinese». Già che c’era, l’ha dotato di aria condizionata per non far sudare gli operai e ha indicato sui muri quella che dev’essere per tutti la meta, 1,618, il “phi” simbolo della divina perfezio­ne, il rapporto costante della sequenza di Fi­bonacci che si rintraccia nelle sculture di Fi­dia, nell’ Uomo vitruviano di Leonardo da Vinci, nelle fughe di Bach, nelle piramidi, nelle proporzioni del corpo umano.
La Otlav produce ogni anno 55 milioni di cerniere per serramenti, esporta in 58 Paesi, fattura 22 milioni, ha 172 dipendenti. Fu fon­data da Angelo Padovan, che oggi dà il nome alla strada in cui ha sede. Era il padre dell’at­tuale titolare. Anche se morì nel lontano 1990, l’operaio Roberto Gandin, che lavora qui da 35 anni, tiene ancora appeso al tornio il santino che fu stampato per il trigesimo. E si torna sempre lì, al cuore.

Nel pavimento in plexiglas di un balconcino in stile venezia­no, dal quale i visitatori si affacciano per ve­dere l’interno della fabbrica («da viçin l’è meio de no, i me copia i machinari»), è impri­gionata l’eredità del defunto: una moneta da 100 lire, una da 50, una da 10 e una da 5, in tutto 165 lire, «quello che aveva in tasca quando fu colto da un ictus». Disseminati intorno agli spiccioli, i campioni delle cer­niere di varie fogge prodotte dal 1956 a oggi, 1,5 miliardi di pezzi, «nel mondo oltre 700 milioni di porte girano sui nostri cardini».
Siccome Fabio Padovan è stato chierichet­to fino all’età di 19 anni, sulla porta del bal­concino ha voluto la riproduzione del Padre Eterno dipinto nel 1505 dal veneziano Gio­vanni Bellini. Ma non è che una delle 56 serigra­fie a grandezza natura­le che ornano gli ingres­si di tutti gli uffici, copie fedeli di altrettanti di­pinti di Tintoretto, Tie­polo, Tiziano, Verone­se, Mantegna, Carpac­cio, Palma il Giovane, Cima da Conegliano e altri maestri della pittu­ra veneta. Sulla porta del suo ufficio campeg­gi­a un’altra opera di Bel­lini, il ritratto del doge Leonardo Loredan, che nel 1508 difese Venezia dalla crociata di Papa Giulio II e sconfisse la Lega di Cambrai.

Sul­l’uscita di sicurezza fi­gura Lo sposalizio del mare di Canaletto, con tanto di maniglione an­tipanico che taglia a me­tà la facciata del Palaz­zo Ducale. Soltanto su una porta, quella degli uffici amministrativi, compare una foto: ri­trae Luigia Padoin, det­ta Gina, all’età di 16 an­ni, «la nostra più vec­chia operaia, oggi ne ha 81». Ed ecco che la por­ta si apre e compare pro­prio lei in carne e ossa.
Sua madre. Sta ancora qui tutti i giorni, fino al­le 6 di sera, a occuparsi di contabilità e fornito­ri. E non appena sulle labbra del figlio affiora l’antico sogno,«independensa»,parte il rim­brotto: «Tasi! Te si italian. Vergògnete!».

Sembra un museo, più che un’azienda.
«Pensi che per stampare i dipinti sulle porte ho dovuto pagare i diritti al Louvre, alla Na­tional Gallery, al Puskin di Mosca, al Naro­dowe di Varsavia. Solo i musei di Venezia mi hanno negato l’autorizzazione, rinuncian­do a incassare le royalty».

L’incudine all’ingresso che cosa rappre­senta?

«È del 1700, proviene dall’Arsenale di Vene­zia, che varava 40 navi al mese e fu il primo esempio al mondo di lavorazione a catena, con 500 anni d’anticipo su Henry Ford e sul fordismo. Nel 1574, durante la visita di Enri­co III di Francia, una galea fu costruita da zero e messa in acqua in un solo giorno per convincere il sovrano a ordinare una flotta».


Complimenti per il pavimento di mar­mo nella hall.
«Copia perfetta di quello della Marciana, la più bella biblioteca del mondo. La Serenissi­ma stampava i libri degli eretici d’ogni ri­sma, perché il patriarca era nominato dal do­ge e qui l’Inquisizione non ha mai attecchi­to. C’è anche un museo all’esterno che riper­corre la vita dell’universo dal Big bang fino al 1866, la vergogna italiana. Lei cammina e impara. I passi lungo le aiuole della preisto­ria equivalgono a 200 milioni di anni, quelli nella storia a 100 anni».

Che farà il 17marzo per il 150˚dell’Unità d’Italia?

(Telefona al direttore amministrativo: «To­non, cossa sucede el 17 de marso? Ah, go ca­pìo... Vedarèmo») . «Mi prenderò un giorno di festa. Ma contro ’sta specie de unità».

Lei non si sente italiano?

«No. Mi sentivo, cavoli. Ho fatto il carabinie­re a Cuneo e a Pordenone. La vista del trico­lore mi dava i palpiti. La patria per me era un ide­ale. A Trieste, dove ho frequentato l’universi­tà, andavo con la ban­diera sotto le finestre del sindaco a protestare contro il Trattato di Osi­mo che svendeva l’ulti­ma parte dell’Istria alla Jugoslavia. “Manlio Ce­covini / servo dei titini”, gridavo».

Ma da carabiniere ha giurato fedeltà all’Ita­lia.

«All’onestà. Quel giura­mento s’è infranto quando ho visto scorre­re in televisione le im­magini del generale Car­lo Alberto Dalla Chiesa e della moglie Emanue­la Setti Carraro trucida­ti dalla mafia a Paler­mo. Ritengo lo Stato re­sponsabile della loro morte. Ho un ricordo ni­tido del generale Dalla Chiesa che ci parla a Udine, noi schierati in caserma alle 4 del matti­no, lui che ci sprona, ci infonde fiducia, pro­nuncia un discorso ter­so come una giornata di primavera, uno di quei discorsi che ti schiudo­no l’orizzonte. Quella sera, vedendo il telegior­nale, il mio orizzonte s’è chiuso per sempre».

Che Italia vorrebbe?

«Federalista. Da veneto voglio decidere il futuro mio e dei miei figli senza dover chiedere a Roma».

Che cos’aveva in mente, quando nel 1994 fondò la Life?
«Proprio questo. Avevo creato il kit del mis­sionario, andavo in giro a catechizzare i miei colleghi, 2.000 iscritti in breve tempo, una sede perfino a Conversano, provincia di Ba­ri. In caso d’ispezione da parte di un qualsia­si organo dello Stato, ci avvisavamo l’un l’al­tro e 15 di noi accorrevamo in veste di assi­stenti fiscali del certificato».

Che significa?

«Testimoni muti.Non c’è niente che inquie­ti i­burocrati più dell’essere sotto osservazio­ne. Qualche errore lo commettono sempre. Così eravamo noi a fare il verbale a loro. Chiedevamo nome, cognome, grado e li de­nunciavamo alla stessa autorità da cui di­pendevano. Siamo arrivati al punto che le Fiamme gialle si astenevano dalle verifiche per paura».

Pazzesco.

«Poi un giorno ci schierammo in difesa di un piccolo laboratorio artigianale a Torre di Mo­sto, nel Veneziano, un padre che produceva sapone con i figli. Arrivarono i finanzieri con i mitra e il colonnello ordinò: “Spazzatemi via questa marmaglia!”. Mi toccò denuncia­re il ministro delle Finanze, Vincenzo Visco. Cominciò la persecuzione, 19 processi, accu­se da ergastolo: associazione sovversiva con finalità di terrorismo, istigazione a disobbe­dire le leggi, associazione a delinquere, apo­logia direato.Ma non m’interessavanulla di quello che lo Stato italiano faceva contro di me. Per me non esisteva più, era morto. Per mia madre no, poveretta, per lei esisteva an­cora: perquisizioni in casa alle 6 del mattino, con i carabinieri in cerca di armi. Ed esisteva ancora anche per mio fratello Massimo, che non c’entrava nulla, ma fu tirato in ballo in­giustamente. Be’, ci crede? Sono stato inter­rogato dai magistrati una sola volta. E ho avu­to un’unica condanna, per diffamazione a mezzo stampa. Ma allora che cosa dovrei di­re io dei servizi usciti sul Gazzettino ? A com­mento di una mia presa di posizione, il gior­nalista scrisse: “Sentiamo adesso l’opinione di industriali veri”. Veri, capisce? Io ero la scimmia. I miei colleghi politicamente cor­retti avrebbero voluto rieducarmi».

Fu accusato di tramare contro lo Stato mediante la creazione della «Polisia na­thionale veneta».

«Un’altra invenzione dei giornali. Non c’en­travo niente. Semmai sono stati i poteri dello Stato a tramare contro di me. Volevano persi­no incolparmi del suicidio di un militante le­ghista di Bocca di Strada. La moglie, una bi­della, fu portata in un ufficio della Guardia di finanza. Le fecero pressioni psicologiche af­finché firmasse una dichiarazione in cui af­fermava d’aver sentito il marito accusarmi d’averlo minacciato,in quanto si sarebbe ac­corto che io avevo rubato i soldi dalla cassa della Lega ed ero andato in Jugoslavia a com­prare le armi necessarie per la rivoluzione. S’immagina che fineavreifatto rinchiuso al­l’Ucciardone di Palermo? Ma quella piccola donna, sola, impaurita, resistette eroica­mente e si rifiutò di mandarmi in galera».

E tutto questo lei come l’ha saputo?

«Anche nella burocrazia italica vi sono per­sone d’integrità adamantina, intelligenti, che tengono in piedi la baracca,schifate dal­l’andazzo generale. Impiegati dell’Agenzia delle entrate, funzionari dell’Inps, finanzie­ri. Solo che non sanno a chi riversare le loro angustie. Hanno deciso di fidarsi di un tizio che prende botte da tutti. E così sono venuto in possesso dei dossier confezionati su di me dai servizi segreti. Li ho affidati a un con­tadino, che li ha sepolti nella cantina dove tiene appesi i salami. A futura memoria».

Suggestivo. Ma un po’ vago.
«Un giorno mi telefona un maresciallo delle Fiamme gialle: “Sono originario di Frosino­ne, mio padre mi ha educato all’onestà. Do­vrei parlarle”. Si chiama Oscar D’Agostino. Ha avuto il coraggio di ribellarsi. Abbiamo dovuto nominarlo presidente onorario del­la Life ed eleggerlo consigliere comunale a Santa Lucia di Piave per non farlo trasferire da Treviso a Massa Carrara, per sottrarlo al­le grinfie dei suoi superiori, fra cui quel co­lonnello Mauro Petrassi, comandante del nucleo di polizia tributaria del Veneto, arre­stato, condannato e degradato per corruzio­ne, che a Lugano aveva un conto bancario da 4 milioni di euro. In un rapporto dei servi­zi segreti si legge che fra me e D’Agostino erano “sorti addirittura legami di amicizia personale”. Pensi, hanno inventato anche il reato di amicizia! E infatti oggi il maresciallo D’Agostino mi chiama fratello. Perché in guerra si diventa fratelli, sa?».

Il padre di un vostro iscritto, Lino Beden­do, 68 anni, commerciante di Rovigo, morì dopo un’atroce agonia:aveva bevu­to acido solforico mentre le Fiamme gial­le gli stavano sequestrando la contabili­tà degli ultimi tre anni. Ha senso suicidar­si per le tasse?

«Un umile riparatore di biciclette, un uomo libero. Andarono con i mitra a ribaltargli i cassetti della camera, cercavano i registri fra le mutande e le canottiere. Ho sempre detto e scritto che quando le leggi sono incom­prensibili, inapplicabili e irrispettabili, sei costretto a difenderti, perché nel marasma fioriscono la concussione e la corruzione. Bedendo disse al figlio: “Paga l’Ici e manda via i briganti”. Il tenente della Finanza lo schernì: “Lei mi sembra agitato”, e ordinò ai suoi uomini: “Accompagnatelo a prendere un po’ d’aria”.L’artigiano replicò: “Mi porta­te fuori da casa mia? Guardi che se lei gratta la calcina di questi muri, vedrà sgorgare il mio sangue”. Poi scrisse su un foglio: “Sono libero”. Consegnò il biglietto all’ufficiale e, sotto i suoi occhi, bevve il bicchiere di vele­no. I parenti mi telefonarono disperati, par­tii subito per Rovigo. Dall’auto telefonai a Re­nato Farina, che lavorava al Giornale . Unuo­mo sta morendo di fisco, gli dissi. E ci tro­vammo a recitargli insieme un’Ave Maria».

Terribile.

«Ho assorbito il dolore del mondo. Le ho sempre prese. Date, mai. Sa quanti samurai veneti ho visto morire? Una ventina nel solo 2010. Famiglie pulite, persone buone, perbe­ne, che tiravano la vita con i denti, che non avevano lo yacht ormeggiato a Portofino. Chiedevano solo di poter lavorare in un Pae­se dove ci siano regole certe da rispettare. Era gente che voleva vivere al riparo della legge e non arrivare a sera col terrore d’aver­la violata senza nemmeno saperlo».

E invece?

«Appena apri una partita Iva sei già fuorileg­ge. Io vorrei che mi fosse concesso per un giorno di controllare se all’Agenzia delle en­trate tengono i registri in ordine, se rispetta­no tutte le virgole come prescritto dalle loro regole. E poi uno Stato non può sottrarre il 70% del reddito d’impresa. Ma lei lo sa che hanno inventato persino le tasse sulle perdi­te? Con l’Irap, introdotta da Visco, paghi il 200%, anche il 300%, perché sei tassato sul monte salari e sugli interessi passivi. Quindi se assumi personale o se fai investimenti ri­correndo a prestiti in banca, sei penalizzato. La Otlav versa 4-5 milioni l’anno di tasse. Nel 2009, a causa della crisi economica, per la prima volta ha avuto una perdita di 45.000 euro, sulla quale ho dovuto pagare al fisco 250.000 euro».

Giorgio Panto, prima di morire precipi­tando nella laguna di Venezia col suo eli­cottero, lasciò polemicamente la presi­denza della Life sostenendo che molti di voi non volevano semplicemente pagar­le, le tasse.

«Abbiamo sempre fatto obiezione fiscale, ma alla luce del sole. Di­cevo agli iscritti: è inuti­le che lavoriate in nero, perché così avallate il si­stema, fate esattamen­te quello che lo Stato si aspetta che facciate. Noi invece dobbiamo batterci affinché la tas­sazione sia portata a un livello accettabile. E poi chi evade sia sbattuto in galera».

E quale sarebbe un li­vello accettabile?

«Il 35%. È una media eu­ropea, e fra le più alte».

Gian Antonio Stella ha scritto sul Corrie­re della Sera : «Fabio Padovan, il fondato­re della Life, ammet­te: “Certo che il Nor­dest va forte anche perché evade. E allo­ra?”».

«Ma evadere rispetto a quale legge? Europea?
Francese? Tedesca? Au­striaca? Se io pagassi il 50% di tasse, anziché il 70%, in Austria sarei con­siderato un benefatto­re. Apra una partita Iva e cominci a confrontarsi con costi e ricavi, poi ne riparliamo. Lo saprà Stella che Romano Pro­di riuscì nell’impresa d’inventarsi una legge con effetto retroattivo che rende indetraibili i costi per l’acquisto dei terreni su cui ti costrui­sci la fabbrica? Per cui io mi sono trovato a pagare una montagna di tasse per questo nuovo stabilimento che avrei potuto benissi­mo aprire in Romania. Comunque l’anno scorso ho avuto una verifica fiscale e alla fine i funzionari delle imposte ci hanno definito un’azienda modello. Si sono complimentati per come teniamo la contabilità e mi hanno persino lasciato una dedica sul registro degli ospiti».

Nei due anni in cui è stato deputato della Lega non poteva metterci una pezza?

«Appena arrivato a Roma, stavo negli uffici della Lega fino alle 2 di notte a preparare emendamenti. Ci credevo. Pensavo di poter cambiare qualcosa. Finché un giorno non è andata in discussione a Montecitorio la leg­ge per il finanziamento della Regione Sicilia­na. Eravamo 90 in aula. Passò con 150 voti a favore e 30 contrari. Il doppio dei presenti. I deputati degli altri partiti s’erano messi d’ac­cordo: venivano in aula una settimana cia­scuno, a rotazione, e votavano chi per due, chi per tre, chi per quattro. Io, fesso, scattai le foto dell’emiciclo semivuoto. Il presidente della Camera, che allora era un certo Giorgio Napolitano, mi richiamò all’ordine strepi­tando: “Onorevole collega! Onorevole colle­ga lassù con la macchina fotografica!”. Feci scivolare la fotocamera nella borsetta della mia vicina di banco, Irene Pi­vetti, mentre i commes­si si fiondavano come falchi verso il seggio per sequestrarmela. Ecco, lì ho capito che non è una democrazia. È solo la recita della democra­zia. Dissi a Roberto Ma­roni: “Mi dimetto”. Al­l’ultima riunione di par­tito, Umberto Bossi mi prese le mani fra le sue: “Sparerai contro di me. Tu non puoi fare politi­ca, perché sei un ideali­sta”. Però anni dopo, quando ho avviato con 300 volontari della Life l’autoriduzione fiscale e ci siamo messi per qualche tempo a versa­re le imposte secondo la media europea, pur con­sapevoli che poi lo Stato ci avrebbe tartassati ap­plicando il 5% di interes­si e le sanzioni, il Sena­tùr venne qui in Otlav a chiedermi: “Facciamo queste cose insieme”».

Oggi per chi vota?

«Ho votato un paio di volte per Silvio Berlu­sconi quando era sotto attacco dei magistrati».

Allora mi sa che le toccherà votarlo per tutta la vita.
«Quando c’era, votavo per il Psdi. Una volta ho votato per l’Ulivo, ma solo perché volevo che gli italiani provasse­ro i comunisti, e infatti li hanno provati e si sono pentiti subito. L’ultima volta sono tor­nato alla Lega Nord».

Lei vagheggia un referendum per decide­re se il Veneto debba diventare uno Stato sovrano federato all’Italia. Un’utopia, non crede?

«Nel 2000, candidato alle regionali, persi la mia sfida proprio su questo punto, perché il mio avversario Giancarlo Galan proclama­va nei comizi: “Abbiamo già stanziato 4 mi­liardi di lire per indire il referendum sull’au­tonomia”.
L’ha mai visto lei? Luca Zaia, il nuovo governatore, non poteva metterlo al primo punto nel suo programma elettorale? La volontà popolare no’ conta un casso,que­sta xe la verità».

Ma, scusi, ammettiamo che fosse stato in­d­etto il referendum e che gli indipenden­tisti avessero vinto. Un minuto dopo lei che faceva?

«Facevo scorta di panini e soppressa, anda­vo in Consiglio regionale, sprangavo le por­te, mettevo i materassi per terra e annuncia­vo: popolo veneto, da questo momento il nu­mero di conto corrente su cui versare le tasse è questo. Dopodiché negoziavo con Roma su quanto darle. Ma lo decidevo io se doveva essere l’1% o il 5%. Non è Roma che mi fa i trasfe­rimenti dei soldi miei. A quel punto venivano i carabinieri, buttavano giù le porte e ci portava­no in carcere. Ma intan­to c’era un popolo che aveva votato. Non esi­ste altra strada per usci­re da questo pantano.
Bisogna che chi è eletto rischi la prigione, anzi vada in prigione».

S’è dimenticato che Roma garantisce si­curezza, sanità, istru­zione, trasporti, pre­videnza sociale?

«Bene, d’ora in poi non garantisce più nulla. Pa­ghiamo tutto noi. Pos­s­iamo provare ad ammi­nistrarci da soli? Se già mando avanti una fami­glia e un’azienda, maga­ri riesco a farcela. Nel frattempo non è ammis­sibile che in ospedale mi fissino una visita spe­cialistica d­opo otto me­si e che i miei figli a scuo­la debbano portarsi la carta igienica da casa, come succede adesso».

Mi par di capire che il federalismo ormai alle viste non la entu­siasmi.

«Per me non è niente. Magari mi sbagliassi! Non credo al federali­smo calato dall’alto. Ro­ma non ci darà mai nien­te.
Dobbiamo prendercelo. Col prodotto in­terno lordo raggiunto dal Veneto, il giorno dopo l’indipendenza le buste paga aumente­rebbero del 30% e le pensioni anche di più. Qui non abbiamo il petrolio: solo le braccia e le teste. Ognuno dei miei operai sul posto di lavoro è un piccolo imprenditore, fa innova­zione continuamente, risolve, migliora, deci­de di saldare un ferro a T anziché a L, modifi­cando il processo produttivo. Questo è l’uni­co federalismo in cui credo».

Perché il Tar del Veneto ha respinto il suo ricorso per ottenere il porto d’armi?

«Perché sono “socialmente pericoloso”. Io, un ex carabiniere. Dopo l’assalto al campa­nile di San Marco vennero a ritirarmi la Smi­th & Wesson.Walter Veltroni,all’epoca mini­stro, mi aveva indicato come il maestro degli otto serenissimi. Il giorno dopo la sentenza del Tar avevo in azienda i banditi».

Fosse stato in possesso della sua calibro 38, l’avrebbe usata?

«Da deputato mi sono battuto per far depena­­lizzare, limitatamente alla casa propria, il rea­to di eccesso colposo di legittima difesa. Io ho il dovere, non il diritto, di difendere la mia abitazione da chi vi entra senza essere invita­to. Un uomo che si rispetti protegge la mo­glie, la prole, la mamma ottantenne. Una vol­ta che i delinquenti mi hanno legato, a che mi serve una pistola? La devo usare prima».

Sa dirmi di che cosa è fatto il miracolo veneto?

«Di tanto, tanto, tanto lavoro. Mio padre era operaio alla Zoppas, stava 12 ore al giorno in fabbrica, e poi di sera si metteva al suo tornio, che s’era comprato nel 1956 facendosi presta­re 400.000 lire dal suocero. Alle 4 di mattina partiva in Vespa, andava a consegnare il ma­teriale finito e poi tornava in stabilimento. L’ha fatto per dieci anni, sabati, domeniche, Natali, Pasque e Ferragosti compresi».

Ma chi glielo faceva fare?

«La sua famiglia era la più povera del paese: padre, madre, sei fratelli e due sole stanze. In terza elementare la maestra gli chiese: “Pa­dovan, perché ieri non sei venuto a scuola?”. Lui rispose: “Perché a casa non avevamo nul­la da mangiare”. Allora l’insegnante disse agli altri alunni: “Avete sentito, bambini? Do­mani portate tutti qualcosa ad Angelo”. Lui arrossì e giurò a se stesso: “Mai più!”. E a 8 anni andò a fare il guardiano delle vacche».

Come si batte la concorrenza cinese?

«Non servono dazi e barriere doganali. Sa­rebbe sufficiente far entrare in Europa solo i prodotti che rispettano le nostre norme sani­tarie. Ho fatto analizzare alcune cerniere dei miei competitori di Shanghai: contenevano cromo esavalente, una sostanza canceroge­na. Nel 2009 ho voluto andare in Cina a ren­dermi conto di persona. Paghe ferme da 10 anni. Sindacati di regime. Soldati armati a proteggere le cittadelle dei ricchi.Con l’euro a 1,50 sul dollaro avevano guadagnato in ot­to mesi il 22% di competitività. Non avevano la più pallida idea di che cosa fossero l’igie­ne, la tossicità degli elementi, le norme di sicurezza. Come la batti un’economia simi­le?».

Sia sincero: lei crede nella Padania?

«Non so dove sia, non so dove cominci. Sento di­re che dovrebbe include­re l’Umbria e le Marche. Ma poi: qual è la lingua della Padania? Si parla­no 19 lingue in Italia, ol­tre all’italiano. L’ufficia­le dei Nocs che arrestò i serenissimi, un meridio­nale, sentiva gli otto che urlavano: “No’ sparè!”, non sparate. “Coman­dante, sono greci”, avvi­sò via radio. Poi intimò loro: “Mani in alto!”. E i Contin: “Ghémo i cai ’nte ’e man”, abbiamo i calli nelle mani.L’ufficia­le allora si corresse: “No, comandante,sono tede­schi”. Come si fa a dire che l’Italia è unita?».

Sarebbe andato sul campanile di San Marco con gli otto?
«Bella domanda. Loro hanno messo in gioco tutto: la libertà, la repu­tazione, il posto di lavo­ro, gli affetti, la vita stes­sa. Sono eroi. Non so se avrei avuto lo stesso co­raggio».

Pensa che si arriverà alla secessione?

«No. Avevamo nel san­gue uno spirito indomi­to, quello che ci vide op­porci alla Lega di Cam­brai, cioè allo Stato pon­­tificio, al Sacro romano impero, ai regni di Francia, di Spagna, d’Inghilterra, di Scozia e d’Ungheria, ai ducati di Milano, di Firenze, di Ferrara e di Urbino, al marchesato di Man­tova, ai Cantoni svizzeri e all’impero ottoma­no. Il mondo intero coalizzato contro la Re­pubblica di Venezia. Ottomila contadini ve­neti, tutti volontari, caduti in sola battaglia. Poi siamo diventati serenissimi. Talmente serenissimi da addormentarci».
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 32827
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: LIFE - Liberi Imprenditori Federalisti Europei

Messaggioda Berto » dom feb 09, 2014 8:31 pm

Caro Lucio

Immagine
da łi oltimi academenti me par ke ghe sipia de łe robe ke no va e par creansa verso ła LIFE de cu te si presidente, come soço LIFE a te pregaria de dar łe dimision.
Envito anca el diretivo de ła LIFE federal de radunarse par valutar tuto l’andàso e se el caxo de cavarte l’encargo de presidente.

Me despiaxe tanto ma me par ke te sipi meso contro el spirto LIFE; no so cosa ca ghe sipia soto però le robe no le va pì ben.

Se te ghesi fato on partido połedego o se te ło faxesi, mi sta çerto ke no te votaria mai.

Alberto Pento

SS (se sovien - se mensiona o ricorda)

Lucio te ghè roto col 9 deçenbre e te t'in'è fato ono par conto tuo, sensa dimandarne come ke la pensavimo naltri soci LIFE;
te ghè dito brute robe contro li amighi: Patrisia Badii de Soledaretà Veneta, de i Cobas del Late, de Mariano Fero, ... te ghè personalexà la diresion del coordenamento 9deçenbre, te ghè violà el spirto democratego e asembleare de la LIFE e anca del coordinamento 9D, nesun te gheva nomà ditator par jestir i caxi de goera ... te si 'ndà a Roma vegnendo manco a l'enpegno ke te ghevi asunto de ndarghe lomè se se podea portaghe almanco 1 milion de parsone;
te ghè abouxà de la nostra fede e te te ghe conportà come on fanfaron coalsiasi ...


Immagine


http://www.c9dpopoliliberi.it

???
Il C9D POPOLI LIBERI: Chiavegato Lucio, Zanon Giovanni, Perin Kriss, Marconi Claudio, Guglielmo Andrea si sono riuniti ed hanno definito i punti e le linee strategiche e inoltre, hanno rinnovato la fiducia ai responsabili di presidio che si sono attivati fisicamente nel mantenimento degli stessi.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 32827
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: LIFE - Liberi Imprenditori Federalisti Europei

Messaggioda Berto » mar feb 11, 2014 6:51 am

Sta roba no ła xe pì LIFE, prasiò Lucio te envito a dar łe dimision da presidente de ła LIFE e come soço LIFE dimando na radounansa de tuti i soçi LIFE par pexar ste robe:

A ła LIFE spedia ieri:

A son Alberto Pento
e so preocoupà da come ke xe drio 'ndar le robe de ła LIFE co sta storia del 9 deçenbare.
Me par ke Lucio Chiavegato (ke go senpre considerà on bon fradeło) el gapie màsa personałixà łe robe e ke sipia vegnesta manco ła demograsia asenblear ke ga ognora caraterixà el far LIFE ente tuti sti ani.
Me xe capità de 'ndar rento i presidi veneti del 9 deçenbare, anca ente coełi organixà da ła LIFE come coeło de Viçensa e de esar agredio małamente pa ver ła bandera de l'Ouropa, ła mema bandera ke ghè entel sinbolo LIFE e entel nome memo de ła LIFE: Liberi Imprenditori Federalisti Europei; màsa confouxion, dixorganixasion, sparade mediateghe e fanfaronade (come coełe del pool de avogadori e de tributarsisti par on sioparo e na dexobediensa fiscal en grando de tuto el popolo).
Me par ke Lucio a cu, no ghe ghemo mai conferio el mandà de "ditator" par jestir "caxi de goera" el vaga vanti par conto suo e nol responda pì a LIFE e me par kel se sipia servesto de ła LIFE par mostrarse en volta e sol scragno mediatego par fini difarenti (? se me xbajàse a saria contento).
Ente tuto sto afar ghe xe calcosa ke no va, ke no coadra, scordà, scoerente!
So sta al presidio de Soave e go parlà co Rigodanso el xlevador de vake e altri, ła Patrisia Badii de Soledaretà Veneta no la ghe jera e łi go catà tuti amerejà, 'batù, par el far de Lucio ke łi ga maltratà sensa creansa e al fin tradesti, conprexo Mariano Fero el siçilian, cavandose dal C9D par farsene ono par conto suo co altra stranba xente.
Jira voxe ke Lucio e novi conpagni łi sipia drio prepararse par łe elesion rejonal del 2015 e ke łi dopara el C9D come angagno propagandestego.
Me dimando anca come ke l'Autogoverno del Popolo Veneto kel me par el gapie sede en LIFE el posa açetar tuto sto xbanderamento de tricolori.
A go on tristo sentir e manefesto ste me preocupasion al diretivo e ai soçi LIFE e dimando ke vegna endeta na adunansa del diretivo e de tuti i soçi par valutar par ben łe robe. Se anca se fuse "en guera" el far de Lucio me par kel sipia coeło de on xeneral sonà ke ne faria perdar ła goera e morir tuti. Se me xbajàse a saria contento ma xe mejo ver coalke dubio en vanti ke catarse dapò xo dal buron. Mi no poso ndarghe drio a calcosa o a coalkeoun par fede e sensa na ciàra cosiensa e me despiaxaria ke la LIFE ła se magnase fora el credeto ke ła se ga gagnà co tanti ani de fronte e de sagrefar.

Alberto Pento


Sta roba no ła xe pì LIFE

Immagine
https://www.filarveneto.eu/wp-content/u ... rid-tm.jpg

Immagine

Sta roba no ła xe pì LIFE
Immagine

Immagine


No xe cusì ke se mobiłita el popolo e no se conbina gnente co ła prèsa.

Se gheva da portar miłioni de omani cosienti a Roma e gavì portà na xbrancà de sigałoni e de pori credouloni.
No xe ke łi urtoni co ła połisia de coatro "poreti" łi porte coalke vantajo;
miłioni de omani cosienti, forti e "en paxe" ma duri e determenà ke camina łi saria come n'onda stranba de l'oçeano ke ła travolxaria tuto.
No ghè serietà, sta xente ła xe màsa fanfarona e ła fa łe robe a ła carlona!

Par ke łi fasa finta e tuto par farse propaganda a bon marcà; łi scontri seri, endoe ke se ciàpa e se dà pake, endoe ke se ris'cia e se xuga ła prexon e ła vida lè tuto nantro mondo endoe no ghè posto pa i fanfaroni ma par omani veri e cosienti ke i conbate par ła vida e ła morte!

Lucio a te si drio sputanarte, fa on pàso endrio!
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 32827
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: LIFE - Liberi Imprenditori Federalisti Europei

Messaggioda Berto » mer feb 12, 2014 8:18 am

Se ga da saver ke:

Entel vecio C9D co Ferro Mariano, Patrisia Badii (de Solidaretà Veneta) e tuti staltri, Lucio Ciavegato el feva łe robe come Presidente LIFE e sto C9D el jera fato da tute ste asoçasion:

http://www.filarveneto.eu/forum/viewtop ... =116&t=388

Immagine
https://www.filarveneto.eu/wp-content/u ... cembre.jpg

Immagine
https://www.filarveneto.eu/wp-content/u ... 2/2432.jpg


ente st'altro C9D Lucio Chiavegato nol ghè Pì come Presidente e raprexente de ła LIFE ma come parsona, come çitadin par conto suo:

Immagine
Immagine
https://www.filarveneto.eu/wp-content/u ... 4332_n.jpg

Ła LIFE no ła ghe entra pì e mi no a recognoso pì Lucio Chiavegato come Presidente LIFE!

Sto oror kive no lè pì bona roba LIFE e veneta ma łomè tałiana:
http://www.c9dpopoliliberi.it
Immagine

Sto kive no lè el nostro leon ma on falbo leon come coeło de Bosi.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 32827
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: LIFE - Liberi Imprenditori Federalisti Europei

Messaggioda Berto » mer feb 12, 2014 4:39 pm

Sta roba no ła xe LIFE

https://www.facebook.com/pages/Life-ven ... 7400722092

In data odierna il C9D Popoli Liberi ha terminato la manifestazione a Roma, con relativa protesta presso il Parlamento, in quanto non ci è più permesso di manifestare pacificamente per poter portare le istanze del popolo a conoscenza della casta.
Ieri, martedì 11, ci siamo recati nei pressi del Parlamento per continuare la protesta iniziata il giorno prima.
Abbiamo avuto una sorpresa.
Non solo, la Polizia, ci ha comunicato che non potevamo manifestare ma ci hanno caricato su dei pulmann, ci hanno accompagnato alla metropolitana, e da lì, ci hanno portato al Village Roma intimandoci di rimanere all’interno della struttura.
Può sembrare banale ma non lo è affatto: se si agitano tanto, se si “ scomodano” ad impedire la manifestazione del C9D Popoli liberi, non dandoci la possibilità di portare a conoscenza del popolo le nostre tesi e orientamenti che da esse si propagano, segno è che sono preoccupati, che sentono con l’istinto politico, oltre che con il ragionamento, che da questa parte si può elaborare e portare costruttivamente avanti una vera e propria strategia di battaglia politica anti usuraia e per il popolo.
Visto che questo regime si sta “ economicizzando” diciamo pure che si tratta di una operazione alla Pavlov, quello dei “ riflessi condizionati”, tanto per intenderci.
La verità è che qualche “ occulto “ regista sta facendo agire le forze dell’ordine in maniera tale da incanalare e uccidere sul nascere qualsiasi tipo di dissenso.
Ha giocato in pieno il riflesso condizionato, e i giornali, i settimanali, i media, più o meno radical-libertari, che si pavoneggiano ad ogni occasione con i “ retroterra culturali”, non dovrebbero fare molta fatica per comprendere che quel “riflesso viene da lontano, sa di politica scientifica elaborata a tavolino, comporta, sostanzialmente, non dare voce al fronte degli antagonisti e di non permettere loro di svolgere qualsiasi ruolo oppositorio contro il governo dei tecnocrati e dei banchieri.
Tutte cose che si trovano a volontà in questo Paese sgangherato, dove la gente, in giro, ha i nervi a pezzi e dove, ai vertici, tutto è corruzione e viltà.
La battaglia del C9D Popoli Liberi continua con una maggiorazione determinazione, come se ce fosse bisogno, e la prossima iniziativa concreta, sulla quale già stiamo lavorando, è la Disobbedienza Fiscale.
In giro c’è aria di Gulag.

Se a ghe fuse stà on miłion de omani, no i łi portava mia via col pulmann, ma sento o doxento i łi porta endoe ke i vol anca so na scoasara. Łasa star i gułag e pensa a łe prexon e ai canpi fasisti e a łi stermegni fati da łi romani.

E sti kive łi saria łi leoni veneti, engabià a Roma!
Mi se fuse valtri a ndaria a scondarme en Afrega e no tornaria pì en Veneto da ła vargogna.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 32827
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: LIFE - Liberi Imprenditori Federalisti Europei

Messaggioda Berto » ven feb 14, 2014 11:01 am

Anca sto fanfaron de Tremonti lè stà soço vanti de devegner ministro!

El pareoteixo (patriotixmo) de i parasidi


E adesso Tremonti riscopre il patriottismo italico
http://www.lindipendenza.com/e-adesso-t ... mo-italico


di OSCAR STRANO

Quando s’apprende che Giulio Tremonti è in procinto di pubblicare un nuovo libro, chissà come, il clima politico è dei più incandescenti. Quando uscì “Uscita di sicurezza” Monti era impegnato a spulciare i conti dello Stato, regalando, di tanto in tanto, qualche miliardo al Monte dei Paschi. Prima ancora, con la pubblicazione de “Il fantasma della povertà”, nel lontano 1995, il saggio dell’ex Ministro delle Finanze piombava come un sasso sui fragili vetri di un’ Italia che ancora testava i primi tecnicismi. Ora, invece, che il congresso Pd – iniziato con la non-vittoria di Bersani alle politiche dello scorso anno e ancora adesso aperto nel duello Letta-Renzi – sta logorando il Paese, sempre più diviso tra euroscettici ed eurofanatici, il cofondatore di Forza Italia (ora leader di 3L) attacca duramente l’Europa e l’euro con un nuovo volume, la cui anteprima è stata pubblicata due giorni fa nelle pagine de “Il Foglio”.

“Populisti. Manifesto per una nuova destra storica antieuropea”. Che si chiami così o no, non è ancora dato sapersi. Tuttavia è certo che questo nuovo libro sarà destinato a suscitare scandalo. Perché? Presto detto.

Dei limiti e delle potenzialità dell’euro se ne parla da molto. Ma che un ex Ministro delle Finanze, di uno dei Paesi più ricchi d’Europa e del mondo, descriva così la moneta unica è, quantomeno, bizzarro: “moneta che oggi toglie più di quello che dà”, che “all’estero vale molto, anzi fin troppo, ma che in Italia vale poco”, che “tanti sentono oggi un po’ come un killer venuto da fuori, un po’ come un mezzo per estinguerci come paese sovrano”. Niente mezze parole, dunque. Sarà una strategia pre-elettorale? In molti lo pensano. E non è la prima volta. Nel 2009, addirittura, c’era chi, come Giovanni La Torre (a cui dobbiamo una biografia critica di Tremonti, “ “Il Grande Bluff”) sosteneva, non solo l’ambiguità delle tesi del ex Ministro, ma anche la loro “pericolosità”. Come quando parlava di mercatismo come <<cuore ideologico della globalizzazione>>.

Oggi, l’antimercatismo militante di Tremonti, lascia ben pochi dubbi sull’eventuale «exit strategy» da seguire per svincolarsi da un “Trattato di Maastricht che ha fatto in modo che un’uscita non fosse possibile”. E si parla chiaramente di “(…) una partita che non si gioca tanto sul campo del diritto, quanto e soprattutto sul campo della forza”. Forza. Cosa mai vorrà dire? Che occorre armarsi contro la Commissione Europea? Che per “liberarci dall’euro” è necessario prendere i forconi? Una rivolta patriottica?

Ed è proprio di patriottismo che è intriso questo brano inedito pubblicato dal quotidiano dell’Elefantino: il paragone tra quanto affermato nell’Ottocento dal cancelliere austriaco Metternich (“l’Italia è solo un’espressione geografica”) e le risatine maliziose di miss Merkel e mister Sarkozy nell’ottobre 2011, esaltano ogni posizione nazionale antitedesca, antifrancese. Perché è solo in via nazionale, secondo Tremonti, che si può uscire da questa crisi, che non è solo finanziaria o economica, ma anche culturale, politica e sistemica. Occorre eliminare l’eccessiva esposizione del debito pubblico verso l’estero, altrimenti il rischio, già concreto, è di sottomissione alle potenze estere, “coloniali”. Un’esposizione che ha determinato la sudditanza dell’Italia verso paesi che si vantano internazionalmente di aver “salvato” il nostro Paese, come la Germania. “Ma, all’opposto, con altri è stata l’Italia a salvare le troppo esposte banche tedesche e francesi”.

Un manifesto, questo, che mette in guardia gli elettori italiani dalle menzogne del centrosinistra che, a dir di Tremonti, è stato santificato da una “luce d’innocenza”, mentre il centrodestra è colpevole in quanto centrodestra. Quindi sempre. Il centrosinistra che ha creato un apparato enorme, divenuto un Contro-Stato mangia soldi, nato da un federalismo fasullo, da privatizzazioni infami e da riforme costituzionali assolutamente dannose. Un centrosinistra, le cui sedute a Palazzo Chigi sono state, sembra, dimenticate. Eppure, afferma Tremonti, non risulta che D’Alema, Prodi e Amato fossero di centrodestra.

Un manifesto, comunque, che chiama a raccolta tutti gli italiani: se vogliamo uscire dall’impasse, dobbiamo metterci del nostro. Investire in Italia, creare ricchezza in Patria. Contro l’illusione che l’export rechi vantaggi alla nostra economia. Perché, solo esportando, i capitali e la ricchezza reale finiscono all’estero.

Se non vogliamo un “futuro fatto di Troika” dobbiamo risvegliare il nostro patriottismo, proprio come nella seconda metà dell’Ottocento, in periodo di guerre di indipendenza. In cui “Italia” non era, appunto, solo un’espressione geografica, ma un inno di libertà, un sogno di amore. Perché l’Italia, allora, era padrona delle sue decisioni, dei suoi affari, della sua politica. Ma soprattutto, gli italiani erano padroni di credere che esistesse veramente una Patria. Oggi questa Patria per uscire dalla crisi deve “cavalcare una tigre”.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 32827
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: LIFE - Liberi Imprenditori Federalisti Europei

Messaggioda Berto » mer feb 19, 2014 3:10 am

Stasera en LIFE Veneto a Sprexian a ghe xe stà l’adunansa del diretivo LIFE verto a tuti łi soçi ke vol parteçepar.

A Lucio Chiavegato presidente LIFE e leader del C9D ghe xe stà dimandà de contarne ła storia de C9D e de spiegarne tuti i pasaj encaxenà e łe barufe; ghe xe sta fato oservar da pì parti e da mi e da Fabio Padoan ke no se pol conbatar el stato tałian doparando el so sinboło tricołor al ke Lucio el ga dito ke el ghe gheva xa pensà e ke anca dal logo del C9D jera sarà sparesto el tricołor.
Tuti ghemo tegnesto par bone łe spiegasion date da Lucio e el diretivo el ghe ga renova ła fiduça.
Co so tornà caxa go warda el sito web del C9D e go catà kel gheva ancora el tricołor.
No vojo pensar mal e łàso pasar na scianta de tenpo, però se el tricołor nol dovese sparir dal logo del C9D vol dir ke Lucio Chiavegato Presidente LIFE a l’adounansa del diretivo e de altri soçi el ga contà na bàła.
A sto punto mi dimando a Fabio Padovan cosa ke se ga da far e cosa ke go da far mi, se el riciama lù Lucio o se go da dimetarme mi da ła LIFE.
Me despiaxe ma no xe par polemega mi no poso star en conpagnia de ki ke conta bàłe.


Lucio el ne ga dito ke dal sinbolo del C9D jera spario el tricolor però a vedo kel ghè ancora:???
http://www.c9dpopoliliberi.it

Immagine

Immagine

======================================================================================================================================

Łucio Chiavegato el ga dito ke come C9D se porta vanti ła bataja par el torno a ła SORANETÀ NASIONAL POPOŁAR MONEDARA TAŁIANA prasiò no ga senso conbatar el stado tałian e scoasàr el tricołor coando ke se opera contro l’Ouropa par tornar en tuto e par tuto a ła soranetà statual tałiana; el contradir el saria s.ciocante.
Tornar a ła lira vol dir star pexo de deso, se anca co na łira xvałoutà se favorise l’esportasion, da ke l’altra parte se danexa l’enportasion: petrołio, metano, materie prime, tenołoja enformatega łi costaria de pì e costaria de pì anca produr par l’esportasion e par el consumo rento el stado tałian e se ençentevaria l’enportasion de roba de bàso costo e de bàsa coałetà. El saria on dexastro.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 32827
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Prossimo

Torna a LIFE - Liberi Imprenditori Federalisti Europei

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron