La canapa o mariuana come cura e farmaco

La canapa o mariuana come cura e farmaco

Messaggioda Berto » gio lug 23, 2020 6:07 am

A 80 anni ritorna a vivere grazie alla cannabis: "Mio marito Luciano non parlava più"
Cristina Giuli
22 luglio 2020

https://news.fidelityhouse.eu/cronaca/a ... =0083_dlee

Luciano Mereghetti, un uomo di 80 anni affetto da una seria patologia neurodegenerativa è tornato a parlare grazie all’uso di cannabis. A testimoniarlo la moglie Armanda Belletti che racconta degli incredibili miglioramenti fatti dal marito: “Com’è cambiata eh Luciano? Prima non vivevamo, ora sono 3 anni che, grazie alla cannabis, siamo tornati a vivere, forse un po’ acciaccati, ma viviamo”.

Una testimonianza che rende fiduciosi e dà una speranza a tutte quelle persone che combattono le loro guerre contro mali oscuri e per i quali la medicina ancora non ha trovato una risposta decisa e pienamente risolutiva. Un cambiamento che ha donato di nuovo al signor Luciano quella voglia di vivere che era andata perduta negli anni a seguito della devastante patologia.

I miglioramenti del signor Luciano grazie all’assunzione di cannabis

L’80enne non riusciva più a parlare e veniva imboccato dalla moglie, fermo su una sedia a rotelle necessitava di cure continue, tanto che si era resa necessaria la presenza di una badante. Poi arriva la svolta, quando in tv la moglie vede un ingegnere siciliano che aveva somministrato dell’olio a base di cannabis alla madre colpita dal morbo di Alzheimer e aveva visto la situazione notevolmente migliorare.

La signora Armanda non ha aspettato un attimo di più e, con il figlio, ha acquistato un olio a base di CBD. Il racconto commosso della donna ci fa sapere che dopo nemmeno 10 minuti Luciano ha iniziato a parlare: “Credo di aver avuto la stessa reazione di Geppetto quando ha sentito parlare il pezzo di legno. Non riuscivo a crederci, pensavo di sentire le voci o di stare per impazzire. Ancora un po’ e svengo”.

Dopo un quadro clinico disperato e dopo che nessuno sapeva darle risposte certe e di speranza, la signora Armanda ha preso la decisione di seguire la sua testa e il suo cuore. Cercando su internet trova il dottor Carlo Privitera di Medicomm, specializzato sulle cure attraverso la cannabis. Anche lui, però, non diede alla donna grandi speranze dicendole che il marito era all’ultimo stadio della malattia. La moglie non si fece abbattere e insistette, ottenendo così la ricetta: “Nel giro di uno o due mesi, siamo andati a piedi in piazza, lui camminava da solo con le mani in tasca. Tranquillo. Non era solo che camminava, ma andava a prendere il giornale da solo, lo leggeva ed era tornato autosufficiente.

Da quel periodo sono passati 3 anni e il signor Luciano, tra qualche ricaduta, conduce una vita normale grazie alla fiducia che la moglie ha riposto nella cannabis. Ora l’80enne non ha più bisogno della badante e ha così alleggerito anche il carico del sistema sanitario: “Noi spendiamo circa 500 euro al mese e non mi vergogno di dire che ci dobbiamo fare aiutare da nostri figli. Ma c’è tanta gente che potrebbe stare meglio grazie alla cannabis e tornare a vivere”.

Poi rivolge un appello al Ministro Roberto Speranza, chiedendogli di mettersi una mano sul cuore e di pensare a tutte quelle persone che potrebbero stare meglio: “Abbiamo una bellissima Costituzione, usatela, non dovete far altro che metterla in pratica”.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37836
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: La canapa o mariuana come cura e farmaco

Messaggioda Berto » sab dic 05, 2020 6:34 pm

La decisione dell’Onu sulla cannabis è una svolta. Ora sta alla classe politica agire
Eliana Cocca
3 dicembre 2020

https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/1 ... e/6025779/

Le nazioni unite hanno finalmente riconosciuto le proprietà medicinali della cannabis. Ieri gli Stati Membri nella Commissione droghe dell’Onu hanno accolto le raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ed eliminato la cannabis dall’elenco dei narcotici dannosi per la salute. I governi avranno ancora campo libero sulla propria legislazione interna, ma si tratta comunque di una svolta notevole per il dibattito con l’opinione pubblica e la classe politica.

Anche il campo della ricerca scientifica attendeva da tempo questa decisione, dal momento che la cannabis a uso terapeutico può essere utilizzata da pazienti con molteplici patologie, dall’epilessia al morbo di Parkinson, passando per sclerosi multipla, dolori cronici, glaucoma e un’infinita lista di altri disturbi e malattie gravi.

“Piccolo” dettaglio del quadro italiano: un medico firma la prescrizione su ricetta bianca, indicando la varietà di cannabis più efficace per il paziente…ma, sorpresa, il farmaco non è disponibile. Le attese presso le farmacie galeniche, cioè quelle dotate di laboratorio per la produzione del farmaco, arrivano fino a sei mesi e rendono di fatto la cura intermittente.

Infatti, come riporta la campagna Meglio Legale, il fabbisogno richiesto dai pazienti italiani è di più di dieci volte superiore rispetto alla produzione di cannabis distribuita alle farmacie dallo Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze, l’unico a produrla (salvo che si scelga di importarlo, al momento parte dei rifornimenti arriva dall’Olanda).

A seguito di questo gap di produzione, molti pazienti devono ricorrere all’autoproduzione. Tradotto: i malati sono costretti a coltivarsi in casa la cura. È proprio quello che ha fatto Walter De Benedetto, le cui istanze sono state accolte proprio da Meglio Legale. Da trentacinque anni affetto da artrite reumatoide De Benedetto, preso atto che la Asl di Arezzo non poteva garantirgli il dosaggio utile a farlo star meglio, ha scelto di piantare in giardino la cannabis necessaria alla sua terapia. Problema risolto? Macché, ora è indagato per coltivazione di sostanza stupefacente in concorso.

Nel nostro paese si continua a commettere un errore grossolano su tanti temi che riguardano la salute: vogliamo raggruppare tutte le casistiche sotto un’unica etichetta e così, per esempio, testamento biologico, suicidio assistito, sospensione delle cure, diventano tutte “eutanasia”. E allo stesso modo la cannabis viene gettata indistintamente nel calderone delle droghe e tacciata di essere egualmente pericolosa, mortale.

Per questo ci pare un controsenso che per qualcuno possa essere invece vitale, per rendere sopportabile il dolore o per stimolare l’appetito lì dove si è spento. Spesso non si conoscono né le storie né le diagnosi mediche e perciò quando il dibattito politico si accende, tutto si riduce a un fantomatico pericolo di cui avere paura.

Si chiama slippery slope, la china scivolosa. Si prende un punto di partenza, in questo caso la cannabis legale, e ci si chiede quali sarebbero gli scenari futuri, facendo una serie di supposizioni non verificabili. L’ottica conservatrice ci insegna che per rendere quell’idea di partenza totalmente insensata, basta immaginare le conseguenze più nefaste che ne deriverebbero.

Tornando a noi, di sicuro la catastrofe suprema avverrebbe se ad assumere cannabis non fossero più solo i pazienti. Per capirci: se fosse legale, quanta altra gente vorrebbe farne uso a scopo ricreativo? Lasciamo parlare i dati.

Nei paesi in cui la cannabis è legale il consumo da parte degli adolescenti non aumenta, anzi, spesso diminuisce in media del 20%. Perché? Perché crolla il tabù intorno alle droghe. Perdono l’aura demoniaca, e acquistano carattere scientifico e sociale. Se ne parla, si conosce la composizione, gli effetti, i rischi del consumo eccessivo, ma soprattutto c’è maggior consapevolezza delle differenze tra le varie sostanze.

In Italia più di 5 milioni di persone fanno uso di cannabis, ad oggi commettendo un illecito, riempiendo le tasche del narcotraffico e delle mafie. Semplicemente abbiamo scelto di chiudere un occhio su questo fatto, perché la soluzione è davanti a noi e la decisione dell’Onu lo dimostra chiaramente. Senza volerne fare una questione di numeri, dunque, come è possibile non sentirsi eticamente responsabili nell’agevolare la criminalità organizzata? Non solo.

Come si fa a ignorare che i destinatari di una tale svolta sarebbero milioni di pazienti in tutta Italia? Se sapendo questo continuiamo a non volerne parlare, allora stiamo semplicemente sacrificando il diritto alla salute di molti in favore di una morale cieca e datata.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37836
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Precedente

Torna a Curiosità

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron