El primo doxe ?: Paoluccio Anafesto e ƚa vioƚensa ƚagounare

El primo doxe ?: Paoluccio Anafesto e ƚa vioƚensa ƚagounare

Messaggioda Berto » gio mar 13, 2014 9:51 pm

Doxe = Doge, Duca, Dux
viewtopic.php?f=137&t=661

Immagine

http://it.wikipedia.org/wiki/Doge_(Venezia)

Il Doge (veneziano: Doxe, /dɔze/) era la suprema magistratura della Repubblica di Venezia, istituita sin dal 697 e durata fino alla caduta della Repubblica, il 12 maggio 1797. Al doge ci si rivolgeva anche con i titoli di Monsignor el Doxe, Serenissimo Principe o Sua Serenità o con l'originale latino Dux, cioè duca ("comandante" o "generale").
Dipanatasi su un periodo storico di mille e cento anni e per un numero di centoventi successori (escludendo le sovrapposizioni di coreggenza nelle epoche più antiche), l'istituto ducale veneziano subì una profonda evoluzione che, dall'accezione militare primitiva, evolse prima rapidamente in forma monarchica e poi, solo in epoca successiva, in magistratura repubblicana.
L'istituzione ducale, a Venezia, ha origini bizantine risalenti alla nomina del primo dux Paolo Lucio Anafesto, nel 697, quale governatore militare della Venezia bizantina per conto dell'Esarca di Ravenna.
Contesa nel periodo 726-737 tra Veneziani e Bizantini e brevemente interrotta a seguito del trasferimento del potere ai Magistri Militum, l'elettività ducale fu, a partire dal 742, definitivamente sottratta al controllo imperiale, sancendo così l'inizio della monarchia ducale, che durò, con alterne vicende, sino all'XI secolo.

In tale periodo l'istituto ducale si modellò sulla forma della monarchia bizantina, divenendo a tratti ereditario e duplicandosi, con l'uso da parte del doge regnante di associarsi al trono il successore designato nella forma di un coreggente o co-Dux.

Nei primi tre secoli della Venezia marittima (e non di Venezia borgo e poi città che per secoli si chiamò Rivoalto) vi furono ventotto dogi,
di cui quattordici deposti, con accecamento, taglio della barba e dei capelli per sfregio o per forzata tonsura (al modo bizantino),
oppure uccisi in rivolte;
quattro preferirono abdicare,
uno cadde in battaglia
e solo nove morirono di morte naturale.

El primo Doxe pare kel gapie on nome grego bixantin:
...
f) L’esistenza del primo Doge, Paolicio/Paoluccio Anafesto. Più di uno “studioso” lo ha identificato con l’esarca bizantino di Ravenna. Benché nome e cognome sembrano d’origine Greca (sarebbe Pavliskos Anàfestos) questo magnifico personaggio, sia Veneto o Elleno, era sempre un sincero paladino del nostro popolo; lui, con straordinaria energia e lungimiranza, ha costruito i fondamenti del futuro splendore di Venezia. ...
De Germano Battilana: http://www.serenissimogoverno.eu/index. ... &Itemid=36


Immagine

http://venipedia.it/personalit%C3%A0/do ... -paoluccio

Paoluccio Anafesto o Paulo di Oderzo fu il 1° doge della Serenissima.

Con lui nacque il Dogado: tutte le isole della laguna da Grado a Cavarzere manifestarono una «volontà unificatrice» e, pur mantenendo ciascuna il proprio governo tribunizio, decisero di farsi guidare da un capo unico, il duca, più tardi chiamato venezianamente doge, e da qui l’espressione Dogado.

Secondo la storiografia più recente, Paoluccio (Paulicius) potrebbe derivare da un’errata trascrizione di Paulus Patricius, titolo attribuito all’esarca; egli sarebbe quindi lo stesso esarca di Ravenna Paolo.

In ogni caso, nelle mani del doge, non sottoposto ad alcun controllo istituzionale, si concentrarono le principali funzioni della pubblica amministrazione, mentre alla sua persona si legarono tutti gli abitanti del Dogado mediante giuramento di fedeltà.

La capitale del Dogado fu fissata ad Eraclea, che mantenne stretti rapporti con Costantinopoli, mentre la vicina Jesolo intrattenne contatti continui con i longobardi. Questo per dire che nel Dogado c’erano divisioni a non finire: oltre alle solite, naturali rivalità fra isola e isola, oltre ai fastidi provocati dai pirati con nocumento alla navigazione e quindi al commercio del sale (fonte vitale di scambio), c’era anche una rivalità politica che vedeva le più importanti famiglie schierate o con i longobardi o con i bizantini.

Paoluccio fu ucciso durante un rivolta capeggiata da fieri avversari.


Banditi de ƚa Repiovega Veneta
https://drive.google.com/file/d/0B_VoBn ... x0MlU/edit
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31940
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El primo doxe: Paoluccio Anafesto

Messaggioda Berto » gio mar 13, 2014 9:52 pm

El Dogado o Ducato lè n’istitudo monarkeko e no repiovegan.

http://it.wikipedia.org/wiki/Ducato_(feudo)

Un ducato è un territorio, un feudo, o un dominio governato da un duca o da una duchessa.
Storicamente, i ducati del Sacro Romano Impero, compresi quelli dell'Italia settentrionale, divennero gradualmente sovrani, mentre quelli dell'Europa Occidentale (Spagna, Francia, Gran Bretagna) così come quelli dell'Italia meridionale (Stato Pontificio, Regno di Napoli, Regno di Sicilia) rimasero vassalli diretti del regno.
Tradizionalmente, un Granducato, come ad esempio la Toscana, il Lussemburgo, la Finlandia e la Lituania, era generalmente indipendente e godeva della piena sovranità territoriale.

Quando i Longobardi conquistarono l'Italia, la divisero amministrativamente in ducati. L'Italia settentrionale era divisa in vari ducati (Ducato del Friuli, Ducato di Ceneda, Ducato di Treviso, Ducato di Vicenza, Ducato di Verona, Ducato di Trento, Ducato di Parma, Ducato di Persiceto, Ducato di Reggio, Ducato di Piacenza, Ducato di Brescia, Ducato di Bergamo, Ducato di San Giulio, Ducato di Pavia, Ducato di Torino, Ducato di Asti, Ducato di Tuscia, Ducato di Milano e Ducato di Ivrea), che furono soppressi con la conquista franca nel 774 ovvero trasformati in contee, secondo l'uso carolingio.
Nell'Italia centromeridionale i Longobardi avevano, invece, istituito solo due ducati di grandi dimensioni: il Ducato di Spoleto ed il Ducato di Benevento. Il secondo fu conquistato dai Normanni nel 1053, il primo fu inglobato nello Stato della Chiesa nel 1198.

Nel frattempo, a partire dalla fine del VI secolo, le città marinare che appartenevano all'Impero Bizantino furono organizzate in ducati semi-autonomi. Si trattava del Ducato di Amalfi, del Ducato di Sorrento, del Ducato di Napoli, del Ducato di Gaeta e soprattutto del Ducato di Venezia. I primi quattro di questi ducati furono conquistati dai Normanni nell'XI secolo, mentre Venezia si trasformò in Repubblica. Ducato bizantino era anche il Ducato romano, che fu il primo nucleo dello Stato Pontificio (Donazione di Sutri, 728).

Nel 1059 lo stato normanno degli Altavilla ricevette dal Papa il titolo di Ducato di Puglia e di Calabria. Quando, poi, nel 1130 lo stato venne elevato, sempre dal Papa, a Regno di Sicilia, il titolo di duca di Puglia e Calabria fu spesso conferito all'erede al trono.

A partire dal 1395, le maggiori Signorie dell'Italia centrosettentrionale cominciarono ad ottennere il titolo ducale dall'Imperatore o dal Papa, ed in seguito lo ottennero sempre più territori, ormai di fatto sovrani. Complessivamente i ducati eretti dopo il 1395 furono i seguenti: Ducato di Milano, Ducato di Mantova, Ducato di Sabbioneta, Ducato del Monferrato, Ducato di Parma, Ducato di Guastalla, Ducato di Ferrara poi Ducato di Modena, Ducato di Mirandola, Ducato di Firenze poi Granducato di Toscana, Ducato di Lucca, Ducato di Massa, Ducato di Urbino, Ducato di Camerino, Ducato di Castiglione del Lago, Ducato di Castro, Ducato di Sora, Ducato di Salci. Inoltre il Ducato di Savoia aveva la sovranità sul Piemonte.
Infine, possono essere equiparate a ducati anche la Repubblica di Venezia e la Repubblica di Genova, in quanto il loro capo di stato portava il titolo di doge.
Nello Stato Pontificio e nei regni di Napoli e Sicilia rispettivamente il Papa ed il re concedevano il titolo di duca come titolo di nobiltà, inferiore a quello di principe. Questi ducati erano dei feudi che, tuttavia, non ebbero alcuna autonomia politica.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31940
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El primo doxe: Paoluccio Anafesto

Messaggioda Berto » dom ago 10, 2014 11:59 am

Anafesto (Pavliskos Anàfestos) - cognome grego
viewtopic.php?f=41&t=1052
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31940
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El primo doxe ?: Paoluccio Anafesto e ƚa vioƚensa ƚagoun

Messaggioda Berto » dom nov 16, 2014 11:00 am

Duki e doxi/dogi (ducati e dogado) - dux e duce
viewtopic.php?f=49&t=1201


Doxe, duca, dux, duce
viewtopic.php?f=41&t=1052
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31940
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El primo doxe ?: Paoluccio Anafesto e ƚa vioƚensa ƚagoun

Messaggioda Berto » mar mag 10, 2016 9:05 pm

Rialto ke entel XII° secoło łi ła/ło ga ciamà Venesia
viewtopic.php?f=151&t=2215
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31940
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm


Torna a Mexoevo - ani veneto-venesiani en lagouna - 1.000 e pì ani - de cu 650 come comoun e repiovega (Bixansio e Repiovega Serenisima)

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron