No tuti łi domegni venesiani łi jera tera veneta

No tuti łi domegni venesiani łi jera tera veneta

Messaggioda Berto » mer gen 27, 2016 10:46 am

No tuti łi domegni venesiani łi jera tera veneta
viewtopic.php?f=137&t=2184

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... enezia.png


Le coste istriana, dalmata, montenegrina, albanexe, Candia, Çipro, ..., łe xe stà tuti domegni o posedimenti venesiani ma no łe jera tera venete ... ancó naltri veneti no podemo revendegar gnaona de ste tere come nostre, come venete.


I territori della Repubblica Veneta nel 1797
https://veneta.link/i-territori-della-r ... a-nel-1797
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31940
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: No tuti łi domegni venesiani łi jera tera veneta

Messaggioda Berto » mer gen 27, 2016 10:47 am

I domegni venesiani entel Mediteragno no łi jera tera veneta

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... enesia.jpg


La Repiovega Veneta a domegno venesian no ła jera federal, no ła gheva gnente de federal
viewtopic.php?f=167&t=1602

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... nesian.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31940
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: No tuti łi domegni venesiani łi jera tera veneta

Messaggioda Berto » mer gen 27, 2016 10:48 am

L'Albania ła jera on domegno venesian ma no ła jera e no ła xe tera veneta


ALBANIA VENETA: GLI STATUTI DI SCUTARI, RISPETTATI DA VENEZIA.
26 gennaio 2016 di Millo Bozzolan

http://venetostoria.com/2016/01/26/alba ... da-venezia

Venezia a Scutari e in Albania: gli statuti e il loro ruolo
MAOMETTO-II-ASSEDIO-DI-SCUTARI-VENEZIA

Maometto II all’assedio di Scutari – Copia ad acquerello del bassorilievo nella facciata della Scuola degli Albanesi a Venezia

Recuperati dopo quasi sette secoli dalla originaria stesura nella Biblioteca del Museo Correr di Venezia da Lucia Nadin, che ne dava notizia nel 1997 nella Conferenza Scientifica dell’Università Luigi Gurakuqi di Scutari dedicata alla illustre figura dell’albanologo Carlo Tagliavini, gli Statuti di Scutari vedono ora la luce in una accurata edizione critica, introdotti da una serie di studi che ne mettono in rilievo i caratteri essenziali e la importante posizione nell’ambito delle vicende albanesi e adriatiche del secoli XIV e XV.
Lungo oltre un secolo gli Statuti, nati nella prima metà del Trecento, accompagnarono la vita di Scutari senza grandi modifiche. Il testo – già esistente prima del 1346-1349 – sembra essere passato attraverso i vari cambiamenti di regime senza difficoltà. Questo vale anche per il più radicale dei cambiamenti, quando Giorgio Balsa cedette la città a Venezia.

Chi abbia conoscenza delle pratiche veneziane in materia di statuti non trova affatto sorprendente che la città sia entrata nel nuovo regime con i vecchi statuti.
La comunità doveva essere amministrata adeguandosi – per quanto possibile – agli Statuti e alle consuetudini, naturalmente facendo salvo il rispetto dovuto a Dio e alla Dominante.
La disponibilità veneziana a conservare le tradizioni normative locali la ritroviamo senza difficoltà in molti altri luoghi dell’Albania veneziana (Drivasto, Antivari, Dulcigno, Alessio).

storia4Non stupirà quindi se gli Statuti scutarini siano stati rinvenuti proprio a Venezia, se si considerano gli stretti rapporti che la città di San Marco intratteneva con Scutari e con l’Albania settentrionale. Dal 1396 ai primi mesi del 1479 sul castello di Rasafa sventolò la bandiera marciana e, dopo la caduta della città, gli scutarini che per mesi avevano resistito all’assedio ottomano, si trasferirono a Venezia.

Nella città lagunare si costituirono veri e propri circoli di profughi per tenere vive le tradizioni albanesi e, per la parte di loro socialmente più qualificata, si trattò di vedere riconosciuta la propria origine aristocratica dal patriziato veneto.

Ma non bisogna dimenticare che nella città lagunare la comunità albanese si era già radicata e il segno più evidente di tale presenza era dato dalla sua confraternita, la scuola istituita fina dal 1442, posta sotto la protezione della Vergine Maria e dei santi Gallo e Maurizio, la cui sede ancora oggi porta sulla facciata l’elegante bassorilievo che ricorda l’eroica difesa di Scutari del 1474.
Per altri particolari: http://www.albanianews.it/…/2446-albania-mediovale-statuti-…
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31940
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: No tuti łi domegni venesiani łi jera tera veneta

Messaggioda Berto » mer gen 27, 2016 10:48 am

Si ki łi xe persi co i veci domegni venesiani e łi scanvia par tera e pàrea veneta.
On conto xe rancurar fora ła storia e on conto łè ciaparla come on tragoardo pal dimann dei veneti ke ła saria na ensemensa granda



Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... veneta.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31940
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: No tuti łi domegni venesiani łi jera tera veneta

Messaggioda Berto » mer gen 27, 2016 10:49 am

Periodo o ani o secołi veneto-venesiani - 400 ani (Stato-Repiovega Veneta de Tera e de Mar):
viewforum.php?f=138

El Parlamento Arestogratego Venesian
viewtopic.php?f=138&t=1405

Ła Repiovega Veneto Venesiana lè termenà ente 1797 el 12 de majo:
viewforum.php?f=160

Ƚe colpe, ƚe responsabeƚetà e ‘l tradimento dei venesiani
viewtopic.php?f=167&t=1277

El stado veneto a domegnansa venesiana
viewtopic.php?f=184&t=1416

El Comoun Venesian e ła Concio
viewtopic.php?f=137&t=1835

I Duki o Doxi de ła tera veneta:
viewtopic.php?f=179&t=1318
I Duki o Doxi e łe grandi fameje venet-xermagne:
viewforum.php?f=179

Mexoevo - ognefegansa połedega de l'ara veneta:
viewforum.php?f=184

Cosa tor da l'espariensa pasà de ła tera veneta:
viewtopic.php?f=183&t=1408

Veneti ke łi sogna na nova Repiovega Arestogratega
viewforum.php?f=167

No, mi so' veneto vixentin, no' son venesian e gnanca markesco
viewtopic.php?f=167&t=1786

El sogno mito dei Serenisimi - Venesia e i so limiti
viewtopic.php?f=134&t=1571

Veneti ke łi sogna na nova Repiovega Arestogratega
viewtopic.php?f=167&t=885

Ła Serenisima no ƚa pol tornar parké lè na espariensa pasà
viewtopic.php?f=168&t=885

El mito de Venesia lè n'entrigo par l'endependensa veneta
viewtopic.php?f=183&t=1816

On novo Veneto
viewforum.php?f=183

I veneti ke nega e falba ła storia veneta
viewtopic.php?f=148&t=1831
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31940
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: No tuti łi domegni venesiani łi jera tera veneta

Messaggioda Berto » mar apr 26, 2016 6:28 am

No se confonda l'enpero venesian o i domegni venesiani de mar con ła tera o pàrea veneta;
sto enpero venesian nol ghè pì e gnaona rivendicasion łi pol far i venesiani e i veneti so ste tere ke non łe xe pì domegni venesiani o de ła Repiovega Venesiana termenà 219 endrio.

Dapò non se fàsa pasar sto enpero par l'enpero de San Marco, ke saria na bastiema, parké San Marco nol gheva enperi o domegni; tanto manco se fàsa pasar sti teritori par domegni de Cristo Re parké Cristo nol ga regni so sta tera e saria na bastiema lomè el pensarlo.

Le tere, tute łe tere del mondo, łe xe de łi omani, dei popołi, de łe comounedà ca ghe stà o vive o abita.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31940
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: No tuti łi domegni venesiani łi jera tera veneta

Messaggioda Berto » gio nov 09, 2017 7:51 am

Il venezianismo è una idolatria politica antiveneta
viewtopic.php?f=167&t=2692
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31940
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: No tuti łi domegni venesiani łi jera tera veneta

Messaggioda Berto » sab mag 12, 2018 7:58 pm

???

Alla ricerca dello Stato perduto
VittorioSelmo1946

https://www.facebook.com/groups/2376236 ... 1671971579

La filosofia hegeliana formulava il concetto di Stato assoluto, che motivava Fascismo e Nazionalsocialismo, concetto che veniva bensi formalmente negato dalla Repubblica Italiana, peraltro senza sostituirlo con un diverso concetto. Solo la forma diveniva quella repubblicana. Per tacer d’altro, di ciò ne sia prova il fatto che il codice penale e quello civile tuttora in uso, sono ancora quelli fascisti. In altri termini in 70 anni Il Sistema dei Partiti,dal 1948, non ha saputo formulare una propria sostanziale idea dello Stato da mettere a fondamento dei massimi principi del diritto; il Sistema dei Partiti non si è preoccupato d’altro che di costruirsi privilegi ed assoluzioni da qualsiasi rendiconto e responsabilità e, sopratutto, di rafforzarsi quale centralistica oligarchia di interessi, (senza neppure obbligo di redigere i propri bilanci). Forte della propria potestà legiferante, il Sistema dei Partiti, ciascuno nella sua tensione assolutista di imposizione del proprio potere, si è letteralmente sostituito allo Stato e si è spartito tra le proprie segreterie il potere politico, che prima era del solo partito fascista, attribuendone quote decisive anche ad altri centri di potere inconoscibili e comunque incontrollabili ( finanza, informatica, ecc). Neppure Lega e 5 Stelle, vincitori delle elezioni politiche del 4.3.2018, dichiarati antagonisti dei partiti finora al governo, hanno mai formulato un proprio concetto di Stato, intendendo solo sostituirsi agli altri partiti, con una contestazione reattiva/punitiva, senza tuttavia rinnegarne la medesima natura e struttura partitica e senza neppure avere nella loro storia alcun autore o riferimento ideologico sull’interpretazione della vita. Questo risultato elettorale, considerato nel suo definitivo e complessivo significato, a noi Veneti dice che il Sistema dei Partiti ha conclusivamente fatto il suo tempo, perchè non serve a rappresentare la volontà politica degli elettori. Infatti da chiunque il voto del 4.3.2018 è stato interpretato quale condanna,senza riserve, di un intero Sistema Politico e dei suoi interessi e sfruttamento delle fatiche e delle economie del popolo.
Tale condanna rafforza le istanze identitarie dei popoli e dei valori dei Territori Veneti, che ancòra di più oggi hanno diritto di recuperare il proprio significato politico di Stato Veneto, sua sovranità, libertà e indipendenza; uscire senz’altro dal criterio centralista del potere, da restituire con tutte le loro prerogative ai Territori Veneti dall’Adda all’Istria; adottare la democrazia diretta, senza intermediazioni partitiche per la rappresentanza politica; adoperarsi per il proprio riconoscimento statuale internazionale.
@Referendum Indipendenza Veneto - “Il nostro Veneto.Il nostro Referendum”


Gino Quarelo
No grazie: Istria e Lombardia orientale non sono territori veneti, ma sono stati per qualche secolo territori non veneti di dominio veneziano.

No tuti łi domegni venesiani łi jera tera veneta
viewtopic.php?f=137&t=2184



Vittorio Selmo
23 febbraio 2019

https://www.facebook.com/VittorioSelmo1 ... 8622495929

@Stato Veneto propone la Poliarchia nella concezione e gestione dello Stato, cioè quote di potere politico garantito e assegnato ai distinti Territori Veneti confederati, a somiglianza, non già un copia incolla, della Confederazione svizzera.
Certo il Sistema delle Comunità è da perfezionare secondo la nostra mentalità (giudizi di valore).
Ma ciô che fa la dfferenza è l’eliminazione del centralismo, quale principio di Stato e di governo. In questa previsione il populismo resta escluso, mentre l’Ordinamento statuale assume una ben diversa consistenza, rispettosa anzitutto delle diversità, laddove il Sistema dei Partiti invece, cosificando l’Uomo, ne fa solo una questione economica, una somma di bisogni. Ma la vita, l’esistenza non si esaurisce nell’economia.


Gino Quarelo
Interessante, resta solo da chiarire cosa siano mai questi territori veneti indefiniti.


Veneto e Serenisima, coençedense e difarense
viewtopic.php?f=49&t=2615

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... enesia.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31940
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm


Torna a Mexoevo - ani veneto-venesiani en lagouna - 1.000 e pì ani - de cu 650 come comoun e repiovega (Bixansio e Repiovega Serenisima)

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron