La Repiovega Veneta a domegno venesian no ła jera federal

La Repiovega Veneta a domegno venesian no ła jera federal

Messaggioda Berto » dom mag 17, 2015 9:31 am

La Repiovega Veneta a domegno venesian no ła jera federal, no ła gheva gnente de federal
viewtopic.php?f=167&t=1602

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... nesian.jpg


A ghè tra i veneti ke łi sogna l'endependensa veneta e/o ke łi vol far rescoverxar ła storia veneta, sconta o falbà da łi tałiani, ki ke conta ke ła Repiovega Veneta a domegno venesian ła jera na repiovega federal, ma no xe vero parké ła soranedà połedega ła jera lomè de Venesia e de ła so arestograsia venesiana.

Na repiovega federal ła se gà lomè coando ke ła soranetà łè de tuti o federal e no coando ke lè lomè de coalkedon e tuti staltri łi xe suditi.

El fato ke łe comounedà sudite, de ła Repiovega Veneta o del domegno venesian, łe ghese o łe podese jestirse e 'ministrarse çerte robe no vol dir ke łe fuse połedegamente sorane e prasiò federà a Venesia.
Venesia ła gheva l'oltema paroła so tuto.

No a se ga da far confouxion tra na çerta aotonomia 'ministrativa controłà, col federałeixmo połedego.

La Xvisara lè na Repiovega Federal, ła Xermagna e łi USA łe xe mexe federal ma no ła vecia e morta Repiovega Serenisima Venesiana.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31926
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

La Repiovega Veneta a domegno venesian no ła jera federal

Messaggioda Berto » dom mag 17, 2015 9:40 am

Anca mi al scuminsio de ła me çerca par cognosar ła storia de ła tera, de łe xenti venete e de ła Repiovega Veneta Serenisima a me so fato ciapàr da çerti livri ke, lora, łi me pareva boni ma ke déso, dapò ani de studi, łi me par xjonfi de edeołoja e falbà dal mito de Venesia, dei venetici e de Roma.

Ono de sti livri lè Justisia veneta de Rubini, endoe k'a se cata robe bone e vere ma tante robe falbe.

Immagine

Kive, so sta rengaura o deiscousion, a ghevo reportà toki del livro de Rubini, convinto kel fuse bon
http://it.wikipedia.org/wiki/Discussion ... di_Venezia
a ghè tanti toxati ke łi łexe sti livri e credendołi na speçe de Bibia o de Vanxeło łi se fa ciapàr el cor e ła mente.

La Storia dei veneti contà da Edoardo Rubini e Ouropa Veneta
viewtopic.php?f=148&t=626

Dixen ke łi tałiani łi fa anca de pexo co łi so falbi miti: roman, regnasemental, resorxemental, rexistensial, repiovegan ... .
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31926
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

La Repiovega Veneta a domegno venesian no ła jera federal

Messaggioda Berto » dom mag 17, 2015 12:11 pm

El sogno mito dei Serenisimi - Venesia e i so limiti
viewtopic.php?f=134&t=1571
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31926
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

La Repiovega Veneta a domegno venesian no ła jera federal

Messaggioda Berto » dom mag 17, 2015 2:16 pm

Come ke łi entrocoła ła storia sti kì:

... Per secoli la Serenissima Repubblica Veneta (la più longeva Repubblica al mondo, per più di 1.100 anni ???) costituì un modello di Stato parlamentare e federale (???) unico al mondo, a cui si ispirarono fra gli altri anche i padri fondatori degli Stati Uniti d’America. I popoli ad essa annessi lo fecero di loro spontanea volontà, ed il termine di “Dominante” che spettava alla capitale è senz’altro fuorviante, se preso nell’accezione moderna, poiché in realtà tra i popoli (diversissimi tra loro) governati e Venezia, ci fu soprattutto un vincolo di affetto filiale, nel loro sentimento, e paterno, nel sentimento di chi li governava. ...

La Repiovega Veneta no ła jera parlamentare ma arestogratega, on parlamento lè fato da ełeti e de raprexentanti e no da na casta de arestograteghi e dapò no ła jera federal parké łe comounedà venete no łe jera raprexentà drento l'arestograsia venesiana e no łe godeva de gnaona soranedà ma lomè de na çerta otonomia ministradiva pì o manco come entel stado tałian ke no lè par gnente federal e gnanca democratego anca sel ga on parlamento de raprexentanti ełeti dal popoło parké li xe na casta, łe comounedà del stado tałian no łe xe comounedà federà entel stado tałian ma łe xe sudite del stado tałian, cusì a jera ente ła Repiovega Veneta a segnoria venesiana.


Andiamo verso una terza Venezia?

http://www.ilgustoitaliano.it/vacanze/b ... nezia.html

Il Veneto è una delle due regioni d`Italia i cui abitanti sono riconosciuti ufficialmente come popolo dal Parlamento Italiano. Ma questo limite geografico e amministrativo è restrittivo rispetto alla realtà d’una identità veneta che affonda le sue radici in epoche antichissime, anteriori alle conquiste romane, dalla civiltà dei Veneti Antichi (o Venetkens), che durò più di 1.000 anni. Un popolo già allora con una propria lingua - il venetico - e famosi come fra i più grandi allevatori di cavalli del tempo e grandi commercianti di ambra.
Non a caso il popolo veneto è uno dei pochi della penisola italiana a vantare un continuum dagli albori della storia, se non della preistoria. Si ha notizia dei primi Veneti insediati nel nord est della penisola, ma in un areale molto più vasto dell’attuale, fin da IX secolo a.C. stando ai rinvenimenti archeologici, dalle situle - vasi funerari in bronzo - ai reperti venetici trovati anche in Slovenia, Istria, nell’attuale Austria - Corinzia, fino ad Adria.
Le teorie sulle loro origini sono contrastanti, ma si inizia ad accettare l’idea (vedi Pallottino, Devoto e altri studiosi) che essi provenissero dal mar Baltico, o comunque dal centro Europa, e che siano giunti nella penisola commerciando l’ambra di quelle zone.
Attorno al II secolo a.C. iniziò la cosiddetta fase della “romanizzazione”: i veneti non furono mai conquistati dai romani ma ne divennero alleati, accettando di diventare parte integrante del mondo romano. Sotto l’imperatore Augusto le terre venete divennero la “Decima Regio - Venetia et Histria”, (la prima Venetia) parte integrante dell’Impero Romano, che riconosceva quindi a questa zona un unico connotato culturale.
La caduta dell’impero romano mise il seme della nascita di Venezia, che portò avanti l’eredità dei padri antichi, nella legge (vedi il “diritto veneto”, che era peculiare e diverso dal “diritto romano”, essendo diverse le fonti e le origini) e nelle tradizioni, dando vita nel contempo ad una nuova civiltà veneta, ammirata e rispettata in tutto il mondo. Fu così che i Veneti profughi dall’entroterra fondarono la capitale in laguna. Venezia, la “città dei Veneti”, per un breve periodo iniziale subì l’inf luenza bizantina, anche se con tutta l’autonomia che le derivava dai suoi nascenti commerci e dalla sua nascente f lotta, destinata un giorno a dominare l’intero Mediterraneo.

Per secoli la Serenissima Repubblica Veneta (la più longeva Repubblica al mondo, per più di 1.100 anni ???) costituì un modello di Stato parlamentare e federale (???) unico al mondo, a cui si ispirarono fra gli altri anche i padri fondatori degli Stati Uniti d’America. I popoli ad essa annessi lo fecero di loro spontanea volontà, ed il termine di “Dominante” che spettava alla capitale è senz’altro fuorviante, se preso nell’accezione moderna, poiché in realtà tra i popoli (diversissimi tra loro) governati e Venezia, ci fu soprattutto un vincolo di affetto filiale, nel loro sentimento, e paterno, nel sentimento di chi li governava. Qualcosa che si interruppe il 27 agosto 1797 quando il “Capitan de le Guardie” Giuseppe Viscovich seppellì sotto l’altar maggiore del Duomo la bandiera veneta, pronunciando un discorso di grande amor patrio.

La perdita dell’indipendenza segnò per i Veneti l’inizio di una discesa terribile, fatta di stenti, fame e miseria, condizione che si trascinò fino agli anni ‘50, costringendo metà della popolazione ad emigrare in tutto il mondo. Con il 1970, si formò la Regione del Veneto come forma di autogoverno, ridotta però a dimensioni minime, privata del Friuli, della Venezia Giulia, e delle genti venete del trentino che sarebbe stato logico accorpare in una macroregione per motivi storici, di cultura uniforme e di lingua (tranne che per il Friuli).
Grazie alla loro proverbiale dedizione al lavoro e al senso di sacrificio che da sempre li caratterizza, i Veneti hanno così potuto rimettere in piedi da quel momento la propria economia, tanto da creare un vero e proprio modello industriale e di sviluppo: nasceva così il “fenomeno Nordest”, da molti chiamato anche “la locomotiva d’Italia”.
Ma la prima fonte economica per il Veneto, prima regione italiana per f lussi turistici è senza dubbio il turismo. Fra gli altri primati, i veneti sono primi o ai primissimi posti per solidarietà, per donazione organi e sangue, per riciclo delle immondizie, per accoglienza verso gli stranieri, e con un’agricoltura che in parte ha perduto l’abbondanza del passato, ma può sempre contare sulla fertilità della pianura veneta. Dunque, riguardando a tutto il magnifico percorso storico e di civiltà, a buon titolo si può ben dire che forse si sta andando verso una terza Venezia…
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31926
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

La Repiovega Veneta a domegno venesian no ła jera federal

Messaggioda Berto » dom mag 17, 2015 7:06 pm

L'ultima fase della serenissima - La politica: LA FINE DELLA REPUBBLICA ARISTOCRATICA
1998
Immagine
Immagine

http://www.treccani.it/enciclopedia/l-u ... Venezia%29


capitolo iii

La fine della Repubblica aristocratica (mai stà federal)
...

Come riconosceva un giovane patrizio veneziano in una dissertazione accademica, che aveva finto che fosse uscita dalla penna dei riformatori dello Studio di Padova, a ben vedere Venezia governava le province della Terraferma, sia pure utilizzando il guanto di velluto ῾repubblicano', come se fossero "poco meno che tante provincie suddite in uno Stato monarchico", vale a dire secondo un modulo ῾dispotico' - quello stesso che si era affermato, non soltanto a detta di Nani, in seno al governo e al patriziato della Dominante - che concedeva un'autonomia assai ridotta alle periferie e che in ogni caso non faceva leva sullo "spirito" - veneto o ῾nazionale' che fosse - vale a dire su legami politici sottesi da un'ideologia comune, ma riconosceva i suoi puntelli esclusivamente nelle "leggi" e nell'"interesse" (26), in un potere normativo e in comuni obbiettivi economici che i sudditi non erano in grado di contribuire a definire.

Il ventre molle del sistema di potere veneziano era la nobiltà della Terraferma, la quale, come avrebbe denunciato a posteriori l'ex patrizio ALESSANDRO BALBI, "proscritta dai nazionali comizi, confinata a delle urbane mansioni, subalterna alle presidenze patrizie, dal di cui confronto sempre più campeggiava la sua degradazione, senza speranza di occupar una carica se non comprandola, costretta a mendicar presso una corte straniera la opportunità di far brillare dei talenti militari o civili, oppressa da gravezze scritte e non scritte, divorata dal desiderio di migliorare la sua sorte, calpestata da un ministero ignorante, da una ingorda finanza e sempre da un nuovo tirannetto, languiva nell'obbrobrio e nel disprezzo" (27). Una subalternità e una marginalità politiche che erano per di più aggravate in molte province dal manifesto predominio economico del patriziato veneziano, che non solo possedeva la maggior parte delle campagne, soprattutto quelle più fertili, della pianura padana, ma era anche proprietario, a Padova e in altri centri minori, di molti stabili urbani. Non era difficile prevedere che, nel caso in cui "la dolce influenza del Veneto governo" fosse stata neutralizzata dagli sviluppi della guerra, le tentazioni municipalistiche dei patriziati della Terraferma sarebbero ritornate alla ribalta.
...
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31926
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

La Repiovega Veneta a domegno venesian no ła jera federal

Messaggioda Berto » ven mag 22, 2015 12:31 pm

I Serenisimi li conta:

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 11/Mah.jpg


Me despiaxe tanto ma naltri veneti no jerimo lebari, ma jerimo suditi dei venesiani!

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... Veneto.png
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31926
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

La Repiovega Veneta a domegno venesian no ła jera federal

Messaggioda Berto » ven giu 05, 2015 8:02 am

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... nesian.jpg

Entel Senado o Major Consejo de ła Repiovega Veneta a domegno venesian no ghe jera i raprexentanti dei domini veneti, łe xenti de Viçensa, Verona, Trevixo, Pava, Ruigo, Belun, Udine evc. no łe gheva łi so patrisi drento al Senado de ła Repiovega, prasiò no se pol dir ke i domini veneti łi jera sorani come Venesia, ma łi jera suditi de Venesia. El fato ke sti teritori łi ghese de łi so statudi e na çerta aotomia 'ministradiva no łi fa de lori de łe entità sorane e federà a Venesia. Anca i servi de ła gleba, łi sciavi e łi prexogneri drento łe prexon łi ga on serto grado de łebertà ma no se pol çerto dir ke łi xe omani łebari e sorani. Le comounedà sojete a Venesia no łe jera serve, sciave o prexognere ma no łe jera gnanca lebere, sorane e federà. La połedega ła jera fata a Venesia lomè da ła casta arestogratega venesiana. E no se pol contar ła foła ke ła Repiovega Veneta ła jera on Stado Federal.


La Repiovega Veneta a domegno venesian no ła jera federal, no ła gheva gnente de federal
viewtopic.php?f=167&t=1602

Ƚe colpe, ƚe responsabeƚetà e ‘l tradimento dei venesiani
viewtopic.php?f=167&t=1277

Ła Serenisima no ƚa pol tornar parké lè na espariensa pasà
viewtopic.php?f=168&t=885

A so contento parké anca Xoventù Endependentista łi ła pensa cofà mi:
https://www.facebook.com/pages/Xovent%C ... fref=photo
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31926
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

La Repiovega Veneta a domegno venesian no ła jera federal

Messaggioda Berto » dom lug 05, 2015 9:39 am

???
Di Alessandro Zerbinato (del 24/12/2013)

Te saluto, alma dea, dea generosa,
O gloria nostra, o veneta regina;
In procelloso turbine funesto
Tu regnasti secura: mille membra
Intrepida prostrasti in pugna acerba.
Per te miser non fui, per te non gemo,
Vivo in pace per te: Regna o beata,
Regna in prospera sorte, in pompa augusta,
In perpetuo splendore, in aurea sede!
Tu severa, tu placida, tu pia,
Tu benigna, me salva, ama, conserva.


Mattia Butturini Salò 1752-1817


http://www.dirittodivoto.org/dblog/arti ... ticolo=356

Nello stridore generale di questi ultimi tempi di una Repubblica ormai vicina al collasso ed il cui centralismo ha definitivamente trasformato in una dittatura fiscale propongo questo elogio a Venezia del Butturini e lo faccio anche un po’ sadicamente per aggiungere stridore allo stridore ma, in ultima istanza, una volta che le urla dovute al continuo cozzare con giustizia e verità si siano annullate vicendevolmente, lo faccio per restituire Venezia alla sua laica santità e bellezza.

Il primo cozzo lo si coglie di primo acchito leggendo queste righe di un giovane di fine settecento che loda Venezia, la Serenissima Repubblica che gli permise di emergere socialmente pur provenendo da una famiglia povera, se si raffrontano con le immagini da cartolina cui siamo abituati quando pensiamo alla città di Venezia ed alla filmografia che la riguarda quasi sempre costruite per rappresentare una bellezza malinconica o la decadenza del vizio.

In questo elogio Venezia è sì regale e forte ma soprattutto placida, pia, benigna, prospera, insomma, gli aggettivi che la descrivono e che trovano collegamento con l’accenno autobiografico per il quale Butturini confessa di non essere più misero e gemente e che la ritraggono fedelmente per quel che fu e cioè rispettosa degli individui che vennero a trovarsi a vivere e a far parte di quella particolare entità statuale che concepì il Diritto come elemento distintivo della propria sovranità. (cfr Edoardo Rubini - Quaderni Veneti) ???

Butturini si laureò in giurisprudenza a Padova, ebbe successo letterario a Venezia come poeta ed ottenne il conferimento della carica di nunzio, o ambasciatore, della Patria di Riviera presso la Repubblica Serenissima, e sembra venisse accusato, da chi doveva rappresentare, di eccessiva prodigalità, rivelando già qui i tratti un po’ più leggeri che forse mescolavano un arrivismo di necessità, dovuto agli umili natali, a colpi d’ala poetici e ad un’onestà di fondo nell’esercizio della professione di avvocato.

Notiamo che nella descrizione biografica del Butturini siamo incappati nella sua investitura ad ambasciatore della Patria di Riviera che altro non era che la Comunità della Riviera bresciana del lago di Garda, una confederazione di 34 Comuni poi inseritasi in ulteriore confederazione all’interno della Serenissima e che la Serenissima insignì del titolo di Magnifica e di Figlia primogenita della Serenissima.

Questo infatti era la Serenissima, una grande confederazione di Patrie diverse, di città che venivano definite Nazioni ed il cui collante non era un forte potere centrale che si imponesse attraverso il diritto positivo ma attraverso il rispetto delle consuetudini e con il riferimento continuo al diritto naturale in un quasi perfetto equilibrio di forme di governo diverse che la Serenissima, caso unico nella storia, riuniva in sé e che si tradussero in una sovranità democratica e liberale in ultima istanza.

Sappiamo come andò la storia e di come su Venezia a causa di Napoleone si impose la Municipalità anche se nel caso veneto sarebbe più corretto dire che venne imposta con la forza delle armi francesi ove i giacobini del posto furono sempre minoranze che appoggiarono l’invasore ed a tratti respinte come dimostrano i fatti delle Pasque Veronesi ma diverte proseguire la storia del nostro poeta/avvocato e del suo più ricco amico e mecenate Vincenzo Dandolo che, ricchissimo ed intelligente, il padre era un ebreo convertito, non faceva parte però del patriziato e fu acerrimo nemico dell’oligarchia veneziana contribuendo alla sua caduta.

Il Dandolo fu tra i protagonisti della Municipalità formata da quegli “uomini nuovi” che sostituirono la classe dirigente veneziana e si segnalò per la faconda irruenza, l'estremismo verbale e l'aspro rancore verso la da lui definita "tirannide" della cessata aristocrazia mentre di riflesso l’amico Butturini occupò ruoli minori all’interno del nuovo apparato.

Ciò che ora qui stride, senza voler partigianamente togliere meriti a quell’ uomo di grande ingegno che fu Dandolo ed a quell’altro, seppur in tono minore che fu Butturini, è senz’altro il fatto che l’uno e l’altro dovettero scappare da Venezia a causa del trattato di Campoformio nel quale Napoleone cedeva all’Austria i territori della Serenissima.

Potremmo ben dire, per concludere in breve, e ritornando al componimento iniziale che non fu Venezia a togliere qualcosa a Butturini ma che gli fu tolta Venezia e gli fu tolta dal francese che egli appoggiò, quella Venezia di cui correttamente cantava “Per te miser non fui, per te non gemo”.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31926
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

La Repiovega Veneta a domegno venesian no ła jera federal

Messaggioda Berto » ven lug 17, 2015 8:40 am

La Repubblica Veneta? Federale, autonomista e mai tirannica

di Lorenzo Fogliata

Inviata al Gazzettino in risposta alla lettera del Dott. Daniele Trabucco dal titolo “Serenissima federalista? In realtà fu uno stato accentratore e tirannico, una vera e propria ‘Repubblica dei privilegi'”, pubblicata il 29/11/2005

Illustre Direttore,
non posso più tacere di fronte ai ripetuti asserti del “collaboratore presso la cattedra” dr Daniele Trabucco, che destano, ad un tempo, imbarazzo ed una vena di tristezza.
Imbarazzo. E’ improbo affrontare una tale miscela di luoghi comuni, tanto confusi quanto infondati. Come spiegare, a chi si definisce “giurista”, che, per comprendere quanto incredibilmente ampia fosse l’autonomia che la Repubblica Veneta accordava nel suo Stato, è sufficiente considerare che ad ogni luogo essa lasciava non solo integri gli statuti cittadini (dunque, l’amministrazione) ma persino la scelta dell’ordinamento giuridico civile: mentre a Venezia si applicava il diritto veneto, in quasi tutte le città di terraferma vigeva il diritto romano? Nello stolto odierno statalismo ciò sarebbe impensabile e scandaloso.
Come ricordare che ogni comunità conservava gelosamente i propri fondamenti civili, anche giuridici, e le proprie tradizioni, che non venivano tollerati, bensì incoraggiati e tutelati ? Infinite sono le fonti normative in proposito. Negarle, contrapponendovi nulla più che proclami ideologici, è davvero sconcertante.
Ma ste aotonomie locali no le fa de la Repiovega Veneta na federasion, parké la soranetà poledega no la jera de tuti ma lomè dei venesiani e de Venesia.
Come spiegare che il grado di liberalità di un regime dev’essere valutato con lo spirito del tempo, non certo con i parametri di duecento anni dopo? In allora, San Marco era uno degli stati più liberi e liberali d’Europa. Gli ebrei soffrivano limitazioni – come ovunque all’epoca – ma, a differenza che altrove, lo strumento contrattuale che la loro Comunità “stipulava” periodicamente con la Repubblica contemplava per essi innumerevoli libertà. Quella Comunità non solo prosperò per secoli, ma per secoli cercò ed ottenne rifugio proprio a Venezia. Nella seconda metà del Settecento, gran parte della marina mercantile veneta era in mani ebraiche e gli ebrei erano muniti di patente per viaggiare con il veneto paviglione. Colui che difenderà appassionatamente la memoria della Repubblica dalle calunnie francofile sarà lo storico ebreo Samuele Romanin. Colui che imporrà ai moti del 1848 un’impronta legata all’indipendenza veneta, nel ricordo della Serenissima,anziché all’unità d’Italia, sarà Daniele Manin, figlio di genitori ebrei.
Come chiedere al “collaboratore” di spiegare quella sua stravagante congettura sull’aumento della pressione fiscale a suo dire perpetrato dalla Serenissima? Lo sfido ad esibire una sola fonte seria in tal senso. La Repubblica aveva un sistema di imposte dirette tra i più miti – se non il più mite – d’Europa.
Come rivelargli dunque, senza trauma, che fu, al contrario, proprio il “vento della rivoluzione francese” – da lui in tal guisa apologicizzato – che portò ad un incremento della pressione fiscale, nel solo periodo compreso tra la perdita dell’indipendenza veneta ed il 1812, nella devastante misura, insopportabile ed inimmaginabile, di oltre il 780 per cento; al dimezzamento, dal 1797 al 1805, del numero dei bastimenti muniti di patente (da 600 a meno di 300); al collasso dell’Arsenale e del porto; ad un’emorragia della popolazione passata dai 140 mila abitanti del 1797 ai 100 mila scarsi rilevati nel 1820; ad un proliferare di mendicanti che improvvisamente divennero schiere di decine di migliaia; alla coscrizione obbligatoria che spopolò le campagne e, nella demenziale campagna di Russia di Napoleone, condusse alla morte 27 mila giovani veneti; all’endemica condizione bellica costituita di ben sei campagne militari, che squassarono il Veneto dal maggio del 1796 al febbraio del 1814 ? Insomma, come disse il prof. Gullino, nel corso di un noto evento culturale, quale fu il “processo a Napoleone”, “dappertutto palazzi cadenti, dappertutto rovine, dappertutto miserie, indolenza, schiere di disoccupati mendicanti”. Ecco il “vento della rivoluzione francese”.
Che dire di più? Forse ricordare che valligiani e contadini si sono fatti tagliare a pezzi dai francesi pur di non rinnegare San Marco? Dicono qualcosa al “collaboratore” le Pasque veronesi, la più imponente e sanguinosa insorgenza popolare antibonapartista e filomarciana dell’epoca? Gli suggeriscono qualcosa le stragi di povera gente che i francesi ed i giacobini italiani perpetrarono nelle valli Sabbia, Trompia, Seriana e Brembana, dove non si voleva abbandonare il simbolo del Leone alato? E l’ignobile sacco di Salò? E le rivolte di massa nelle campagne venete del 1809? E le città dalmate che imposero ai nuovi dominatori austriaci la conferma dei podestà veneti alla guida delle loro comunità? E l’orazione di Perasto (Ti con Nu, Nu con Ti)?
Come convincerlo del fatto che Sarpi non fu uno storico (la scomunica di Paolo V per lui era cronaca, non storia, come testimoniò il pugnale che gli trapassò ripetutamente il volto sul ponte di Santa Fosca: stilo romanae ecclesiae, dirà ai suoi soccorritori) ma un giurista; anzi, il giurista, posto che ebbe l’incarico ufficiale di consultore in jure della Repubblica?
E dopo l’imbarazzo, la vena di tristezza. Con la messe di contributi che gli studiosi ci hanno donato, ritenevo che davvero le vergognose menzogne del Darù, già smascherate dal Romanin a metà dell’Ottocento, fossero relegate nel mondo della spazzatura storiografica, solo asservita ad un tentativo di dannazione della memoria storica di un intero popolo, quello veneto.
Ed invece, debbo purtroppo constatare che qua e là esse ricompaiono, non solo in qualche sprovveduto lancio privo di paracadute, ma, purtroppo, anche in pubblicazioni siglate persino da titolari di cattedra, che danno alle stampe spericolati opuscoli privi di citazione di fonti ma pervasi di livore ideologico. Vi è in ciò, tuttavia, un dato che induce ottimismo. Mi rendo conto che posizioni di tal fatta si attagliano perfettamente a chi elogia quell’operazione di violenza e volgarità politica che fu l’unificazione italiana, crassamente volgare laddove, per il tramite di un movimento massone – il risorgimento – pretese di azzerare le civiltà che l’avevano preceduta. Tanto fervore però, come taluno ha osservato, non si spreca contro un cadavere, ma si scaglia contro qualcosa che si percepisce vivo e che spaventa.
In pieno governo della Municipalità provvisoria (fantoccio francese la cui illuminata visione liberale del mondo comminava la pena di morte al solo nominar San Marco) comparve sui muri, tra le innumerevoli, un’immagine del leone marciano che così ammoniva: tu mi credi estinto, eppur son vivo !
Lorenzo Fogliata

Me despiaxe tanto ma o la jera par gnente federal.
Naltra gran bała sta ki de Fojata: me despiaxe ma ła Repiovega Veneta no a jera federal, ła jera arestogratega a domegnansa venesiana, ła soranedà połedega ła jera de ł'arestograsia venesiana e no de tuti i veneti ke łi jera suditi. Federałixmo vol dir ke ła soranedà połedega łè spartia, de tuti ma cusì no jera e no se pol far pasar n'aotomia 'ministradiva co ła soranedà połedega.
Basta wardar el stado tałian e łe so articołasion 'ministradive sol teritoro, no se pol dir ke ła Rejon del Veneto ła gapie soranedà połedega, cusì a jera anca co Venesia comandava. I veneti de tera łi jera suditi dei venesiani e no łi gheva gnaona soranedà połedega, venesiani no stè contar bàłe ke łe ve va de traverso e ve sofeghè.


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... nesian.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31926
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: La Repiovega Veneta a domegno venesian no ła jera federa

Messaggioda Berto » dom set 06, 2015 10:36 am

Ła Repiovega Veneto Venesiana lè termenà ente 1797 el 12 de majo:
viewforum.php?f=160

Ƚe colpe, ƚe responsabeƚetà e ‘l tradimento dei venesiani
viewtopic.php?f=167&t=1277

El Parlamento Arestogratego Venesian
viewtopic.php?f=138&t=1405

El Comoun Venesian e ła Concio
viewtopic.php?f=137&t=1835

I Duki o Doxi de ła tera veneta:
viewtopic.php?f=179&t=1318
I Duki o Doxi e łe grandi fameje venet-xermagne:
viewforum.php?f=179

Mexoevo - ognefegansa połedega de l'ara veneta:
viewforum.php?f=184

El stado veneto a domegnansa venesiana
viewtopic.php?f=184&t=1416

Periodo o ani o secołi veneto-venesiani - 400 ani (Stato-Repiovega Veneta de Tera e de Mar):
viewforum.php?f=138

Cosa tor da l'espariensa pasà de ła tera veneta:
viewtopic.php?f=183&t=1408

Veneti ke łi sogna na nova Repiovega Arestogratega
viewforum.php?f=167

No, mi so' veneto vixentin, no' son venesian e gnanca markesco
viewtopic.php?f=167&t=1786

El sogno mito dei Serenisimi - Venesia e i so limiti
viewtopic.php?f=134&t=1571

Veneti ke łi sogna na nova Repiovega Arestogratega
viewtopic.php?f=167&t=885

Ła Serenisima no ƚa pol tornar parké lè na espariensa pasà
viewtopic.php?f=168&t=885

El mito de Venesia lè n'entrigo par l'endependensa veneta
viewtopic.php?f=183&t=1816

On novo Veneto
viewforum.php?f=183

I veneti ke nega e falba ła storia veneta
viewtopic.php?f=148&t=1831
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31926
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Prossimo

Torna a Mexoevo - ani veneto-venesiani en lagouna - 1.000 e pì ani - de cu 650 come comoun e repiovega (Bixansio e Repiovega Serenisima)

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron